La lampada malconcia Capitolo ventinove: L'harem del guerriero

163Report
La lampada malconcia Capitolo ventinove: L'harem del guerriero

Lampada malconcia
da miopenname3000
Capitolo ventinove: L'harem del guerriero
Diritto d'autore 2014

Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo.

Cast di personaggi

Personaggi principali

Kyle Unmei Jr .: proprietario mezzo giapponese / mezzo curdo di Aaliyah e detentore di Earthbones. Avvelenato da Burke mentre combattevano.

Aaliyah Unmei: un Jann mandato a sposare il profetizzato salvatore dei Djinn. La prima moglie di Kyle. Riunito con Kyle.

Fatima Unmei: sorella minore e moglie di Kyle, detentrice di Fireheart.

Christy Unmei nata Leonardson: la fidanzata di lunga data di Kyle diventata terza moglie.

Fumi Unmei nata Nakamura: la quarta moglie di Kyle. Una Yuki-onna simile a una succube e detentrice di Windfeather. Lei è cieca.

Britney Kingston: la migliore amica di Kyle dai tempi delle elementari. È una Rakshasa e ha giurato di difendere Kyle. È un'ermafrodita e ha rivendicato Phillipa come sua compagna. Portatore di Waterclaw.

Nemici

Sultan Rashid ibn al-Marid: il sovrano dispotico dei Djinn e leader del clan Marid. Vuole la morte di Aaliyah per contrastare la profezia.

Ecate: la dea oscura che sia la signora Franklin che Burke hanno servito. Ha mandato un famiglio a impadronirsi dell'anima di Faiza quando è morta. Ecate ha posseduto Faiza.

Faiza Unmei: la madre vedova di Kyle e Fatima. Ucciso da Burke. La sua anima è stata rubata da un familiare di Ecate. Resuscitato da Ecate come strumento della vendetta della Dea Oscura contro Kyle. Ecate ha posseduto Faiza.

Makerah: Un Unbound Marid, un Djinn che ha violato le leggi del suo popolo ed è sfuggito alla punizione attraverso un oscuro rituale. Un servitore del sultano Rashid e di suo figlio. Ordinato di dare la caccia ad Aaliyah e Zaritha e ucciderli.

Aljihm: Ifrit non legato e servitore del sultano Rashid. Ordinato di dare la caccia ad Aaliyah e Zaritha e ucciderli.

Aalizunah: una Si'lat non legata e serva del sultano Rashid. Ordinato di dare la caccia ad Aaliyah e Zaritha e ucciderli. Ucciso da Britney.

Jowdah: un Ghul non legato e servitore del sultano Rashid. Ucciso da Zaritha.

Khiana: Un Unbound Jann. Un tempo acerrimo rivale del sultano Rashid, ma ora servitore del sultano. Ordinato di dare la caccia ad Aaliyah e Zaritha e ucciderli.

Ms. Franklin: la serva defunta di Burke e leader della congrega. Conosciuto anche come Celestite.

Preside Burke: L'identità assunta da Alfonso di Tolosa, un cavaliere di novecento anni. Uno stregone al servizio di Ecate. Ucciso da Kyle.

Concubine

Chyna Unmei nata Coel: la prima concubina di Kyle. La signora Franklin ha lanciato un incantesimo su Kyle e Chyna, costringendoli a una relazione schiavo/padrone.

Shannon Unmei nata Coel: la bella mamma di Chyna e la seconda concubina di Kyle.

Alexina Unmei nata Kendrick: concubina bionda.

Carla Unmei nata Tyler: concubina rossa.

Antonietta "Toni" Unmei nata Buckley: concubina cheerleader.

Daniella “Sig. Capello” Unmei nata Capello: insegnante di inglese e concubina di Kyle.

Lois Unmei nata Smilingfox: una Domme lesbica che serve Kyle come concubina.

Ann Unmei nata Weaver: amica di Fatima e capelli biondo fragola.

Kayleah Unmei nata Peterson: la concubina bionda sbiancata di Fatima ed ex rivale.

Teleisia Unmei nata Otis: la concubina afroamericana di Aaliyah.

Phillipa Kingston nata Stoddard: ex membro della congrega della signora Franklin dove era conosciuta come Jade. Catturata da Britney, Phillipa si sottomise a Britney e divenne la sua compagna, scoprendo di essere una masochista.

Mindy Unmei nata Stoneking: un'infermiera dell'ospedale dove Fatima è malata e la nuova concubina di Kyle.

Sable Unmei nata Purcell: conosciuta anche come Tourmaline, era un membro della congrega delle streghe della signora Franklin. Mentre combatteva con Christy, è stata colpita dall'attacco di un Love Elemental e ora ama completamente Christy.

Zaritha Unmei: un Ifrit al servizio del dispotico sovrano dei Djinn e inviato per uccidere Aaliyah. Dopo aver salvato Aaliyah, ora serve Kyle come una fedele concubina.

Altri caratteri

Shiekh Umar ibn al-Jann: il padre di Aaliyah. Governa il Jann da Khoshilat Maqandeli

Ishtar: La dea della magia Christy, Sable e Phillipa ora servono.

Sarai: la figlia di Rashid. È arrabbiata con suo padre e aiuta Kyle, promettendo il sostegno di Marid al suo governo se rovescia Rashid.

Giovedì 28 gennaio – Il deserto di Jann, il regno nascosto

La testa di Britney pulsava.

Il fumo le solleticava il naso mentre le palme crepitavano mentre il fuoco di Fatima si diffondeva. Phillipa, la sua compagna, si inginocchiò accanto a lei, allungando la mano per toccarle la testa. Britney fece una smorfia e la mano di Phillipa tornò rossa.

“Sto bene,” ringhiò la Rakshasa, il suo sangue ancora pompato di adrenalina dopo il combattimento.

"Lascia che ti guarisca", sorrise Phillipa, gli occhi a mandorla pieni di preoccupazione. "Kyle ti ha colpito in testa piuttosto forte."

"Non sono l'unico ferito", ha detto Britney. "Ci sono altri feriti peggio."

«E Christy e Sable si stanno occupando di loro.» Le morbide mani di Phillipa le toccarono il viso. "Ishtar, condividi il tuo amore con questa Rakshasa e ripristina la sua salute." L'amuleto di Phillipa lampeggiò di luce di giada e Britney rabbrividì mentre il suo cuoio capelluto diviso si ricomponeva e il suo mal di testa svaniva. "Là, meglio?"

"Lo è," sorrise Britney.

Phillipa si avvicinò e le diede un bacio sulle labbra. Poi un secondo bacio.

“Non abbiamo tempo per quello,” disse Britney, prendendo a coppa il viso del suo compagno.

"Veramente?" Un sorriso apparve sul volto perfetto di Phillipa. “Kyle si è appena riunito con Aaliyah. Guardali. Non ce ne andremo per un po'".

Britney lanciò un'occhiata alla crescente folla di concubine di Kyle che si accalcavano intorno a lui e alle sue mogli. Fece un respiro profondo, l'aria densa di lussuria femminile. Stava per scoppiare un'orgia.

"Una ragione in più per me per stare in guardia", ha detto Britney. "Sono tutti schiavi della loro lussuria in questo momento."

"Kile!" gridò Filippo. "Devi esprimere un desiderio."

"Che cosa?" chiese Kyle, staccandosi dalle labbra affamate di Aaliyah.

"Chiedi ad Aaliyah di proteggerci."

Kyle annuì. "Si, come no. Buona idea, Phillipa.

"Ecco, problema risolto", sorrise Phillipa. “Il mio cuore batte per l'eccitazione. Ho bisogno di sfogare un po' di energia.

Il cazzo di Britney si è gonfiato nei suoi pantaloni della tuta. “Okay,” sospirò quando le labbra del suo compagno trovarono la sua bocca, la sua lingua si infilò dentro.

I fuochi che bruciavano improvvisamente si spensero. Almeno Fatima ha avuto il buon senso di spegnerli prima di lasciarsi trasportare.

Phillipa li spinse giù nel terreno soffice, il suo corpo caldo e agile sopra quello di Britney. Il suo cazzo si gonfiò di più mentre le mani di Phillipa scivolavano sotto la felpa, afferrandole il seno rotondo e pizzicandole i capezzoli duri. Britney gemette tra le sue labbra, avvolgendo le braccia attorno al suo compagno.

Li fece rotolare, i capelli neri di Phillipa si allargarono sul terreno. Britney interruppe il bacio, guardando il suo compagno e il suo bel sorriso. Britney si scostò una ciocca di capelli dalla guancia, poi si chinò, accarezzando il collo di Phillipa, mordicchiandole la carne.

Phillipa ansimò per il dolore. "Britney," gemette, il dolore si aggiungeva al suo piacere. Britney affondò i denti più forte, amando la sensazione della carne del suo amante nella sua bocca. Phillipa si contorceva sotto di lei, ansimando felice, le sue mani scivolavano lungo la schiena di Britney, si infilavano nei pantaloni della tuta e palpavano il sedere di Britney, le unghie che le affondavano nella carne.

Britney fece gobba i fianchi, strofinando il suo cazzo nell'inguine di Phillipa, il piacere che la pervadeva. Le sue mani sollevarono la maglietta di Phillipa, esponendo i suoi seni rotondi e olivastri ei suoi capezzoli duri e scuri. Britney li baciò, mordicchiando con forza la protuberanza dura.

"Sai quanto mi piace", tubò Phillipa mentre Britney dava un altro morso al suo capezzolo.

Britney adorava il modo in cui la sua compagna sussultava quando faceva del male a Phillipa. Il suo cazzo pulsava forte mentre afferrava il capezzolo di Phillipa, tirando con i denti e allungando la tetta. Phillipa ansimò e gemette, le sue mani spingevano giù per i pantaloni di Britney per trovare il suo cazzo duro.

"Ne ho così tanto bisogno", gemette Phillipa. "Scopami".

Britney guardò il viso arrossato del suo compagno. Aspirò il naso, riempiendosi dei succhi aspri di Phillipa. "Penso che tu abbia bisogno di provare un po' più di dolore."

Il viso di Phillipa si illuminò. "Forse."

Britney scivolò lungo il corpo del suo compagno, alzando la gonna. Le sue mutandine erano intrise della sua eccitazione. Britney li strappò via, adorando i segni rossi che il panno lasciava contro la carne di Phillipa. Poi la sua faccia seppellì nella figa di Phillipa, leccando e annusando, bevendo il sapore del suo compagno. Le labbra di Phillipa erano grasse e Britney non esitò a morderle, tirandole con i denti, amando il modo in cui faceva sussultare e gemere Phillipa.

"Questo è tutto! Feriscimi! Ehm, lo adoro!

Britney morse più forte, amando i contorcimenti che faceva il suo compagno mentre infliggeva più dolore. I fianchi di Phillipa sussultarono, spingendo la figa nella bocca affamata di Britney. Britney ha aperto la figa di Phillipa, lavorando la sua lingua in profondità mentre pizzicava forte il clitoride di Phillipa, abusando del povero nocciolo.

Phillipa era in paradiso.

Le sue urla si fecero più forti, infiammando Britney a pizzicare più forte mentre la sua lingua lavorava intorno alle profondità della figa di Phillipa, bevendo il flusso di succhi piccanti. I capelli neri di Phillipa le ondeggiavano sulla testa mentre si dimenava e gemeva, assaporando il meraviglioso dolore e il piacere che Britney le dava.

"Britney!" urlò mentre veniva. I succhi schizzarono nella bocca affamata di Britney, colando lungo il suo mento. Britney li ha bevuti tutti, godendosi la passione dell'orgasmo del suo compagno. "Oh, sì, sì, sì!"

Britney si leccò i baffi, osservando la forma ansante del suo compagno, un grande sorriso stampato in faccia. Amava far venire Phillipa quasi quanto amava ferirla. Il cazzo di Britney pulsava nei suoi pantaloni della tuta, desideroso di essere seppellito nella dolce carne di Phillipa.

"Rotola", sibilò Britney.

Phillipa sorrise, rotolandosi sullo stomaco, il suo culo frizzante e olivastro che si contraeva in attesa. "Mi stai fottendo il culo?"

"Sì."

"Senza lubrificante?"

Britney tremò. "Sì, lo sono."

“Farà così male,” ansimò Phillipa, le mani che si allungavano dietro di lei per allargare le natiche ed esporre il suo sfintere scuro. "Fallo! Feriscimi! Fammi urlare."

Britney si abbassò i pantaloni della tuta, il suo cazzo duro uscì fuori, gocciolando un po' di precum—non era abbastanza per lubrificare la strada. Strisciò sul suo compagno, leccando la guancia di Phillipa fino all'orecchio. "Hai letto, amore mio?"

"Lo sono", fece le fusa. "Fallo. Fammi bruciare di dolce agonia.

Phillipa era una tale sgualdrina. Era perfetta.

Britney ha spinto il suo cazzo nel culo caldo e vellutato di Phillipa. Era così difficile entrare nel suo buco non lubrificato, la carne di Phillipa resisteva al suo ingresso. Ha dovuto scopare il suo compagno più forte. Phillipa urlò di dolore, il suo corpo tremava sotto le spinte di Britney.

"Fanculo il mio culo!" ansimò Phillipa. “Fammi a pezzi! Fallo! Non essere gentile!

Britney piantò le mani a terra accanto alle spalle di Phillipa, tirando indietro i fianchi - il piacere era intenso, tremava attraverso il suo corpo - e spinse il suo cazzo in profondità nelle viscere di Phillipa. Ancora e ancora, l'attrito bruciava entrambi i loro corpi. La gioia riempì la Rakshasa mentre violava il culo del suo compagno ancora e ancora.

"Questo è tutto! Prendi il mio cazzo! Senti ogni centimetro doloroso di me!

"Sono!" Phillipa singhiozzava, le lacrime le colavano dagli occhi. "Così tanto dolore! Mi stai facendo a pezzi!”

Britney leccò il sale delle lacrime del suo compagno dalla sua guancia, i suoi fianchi la martellavano sempre più forte. Phillipa si contorceva e gemeva sotto di lei. Gemiti e ansiti si unirono ai suoi singhiozzi, i suoi fianchi si sollevarono per incontrare le spinte di Britney.

Il piacere costruito dentro Britney, la sua figa che perdeva un flusso di succhi, stringendosi in attesa del suo orgasmo. Il piacere scorreva fino alla punta del suo cazzo sepolto nel culo stretto di Phillipa, desideroso di esplodere nelle viscere del suo compagno.

“Britney! Sì! Così difficile! Oh, cazzo! Amami più forte! Fammi venire! Tu meraviglioso amico!

Il culo di Phillipa si strinse sul cazzo di Britney, massaggiandola. Phillipa ululò il suo orgasmo, unendosi alle altre grida femminili che echeggiavano nell'oasi. Il piacere crebbe sulla punta del cazzo di Britney. Ha pugnalato in profondità nelle viscere di Phillipa, i suoi denti mordicchiavano il collo di Phillipa.

Lo sperma è esploso da lei.

Il piacere era intenso, pulsante a tempo con le sue eruzioni di sperma. Britney strillò e sibilò mentre la beatitudine la sopraffaceva.

Poi crollò sulla schiena del suo compagno, miagolando nel suo orecchio.

«Ti amo», mormorò Phillipa, chiudendo gli occhi.

L'oscurità stava calando sull'oasi, il sole tramontava. Britney inspirò profondamente il profumo del suo compagno, amando la sensazione del suo corpo caldo sotto di lei e chiuse gli occhi. Dopo il litigio e il meraviglioso sesso, avrebbe potuto fare un pisolino.

<p style="text-align: center;">~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Aaliyah era invasa dalle sue mogli e dal marito. Intorno all'oasi, giganteschi omuncoli, evocati dalle sabbie del deserto, li proteggevano. Il desiderio di Kyle era intelligente, li liberava per amarsi senza preoccuparsi. Il suo cuore batteva di gioia mentre le forti braccia di Kyle la avvolgevano.

“Mi sei mancata così tanto,” le sussurrò all'orecchio mentre le labbra di Fatima succhiavano con entusiasmo il suo seno destro. “Non posso più perdere le persone che amo.”

Il dolore batteva nel cuore di Aaliyah. Aveva appena saputo della morte di sua suocera per mano di Burke. E poi la meravigliosa lingua di Fumi agiva tra le sue cosce, accarezzandole la figa, sostituendo il dolore con la gioia. La succube giapponese era entusiasta, la sua lingua ha trovato tutti i punti deliziosi nella sua fica che hanno portato tanta gioia ad Aaliyah.

“Sono contenta che tu sia tornata,” disse Christy, suonando quasi sorpresa di se stessa.

Aaliyah sorrise alla donna, tirandola a sé. Le labbra di Christy trovarono l'altro capezzolo di Aaliyah, succhiandolo e mordicchiandolo, aggiungendo piacere alla beatitudine che Fatima e Fumi le stavano dando. Si stese a terra, le forti labbra di Kyle trovarono le sue mentre lasciava che i suoi amanti leccassero e succhiassero la sua carne.

È stato così meraviglioso. Era tornata al suo posto. Le forti mani di Kyle vagarono sulla sua carne, unendosi ai morbidi tocchi delle sue mogli. Aaliyah gemette sulle sue labbra mentre il piacere cresceva dentro di lei. Le dita di Fumi scivolarono delicatamente nella sua figa, pompando dentro e fuori, mentre la lingua della succube turbinava attorno al suo clitoride.

Vi amo tutti così tanto, ha inviato ai suoi coniugi. Grazie per essere venuto per me!

*Niente avrebbe potuto tenerci lontani,* rispose Kyle. *Anche le concubine hanno rischiato la morte per trovarti!*

*Ti amiamo così tanto!* strillò Fatima nella sua mente. *Andrei all'inferno per salvarti.*

Le lacrime si accumularono nei suoi occhi mentre sentiva il loro amore. Le sue mani si allungarono, toccandole tutte, amando la sensazione del seno in boccio di Fatima, il viso di porcellana di Fumi, la figa bagnata di Christy e il cazzo duro di Kyle. La sua mano indugiò sulla sua asta, accarezzandolo.

Voleva sentire suo marito dentro di sé.

Fammi venire, Fumi! Preparami per l'amore di nostro marito!

*Volentieri! rispose la succube, la sua lingua succhiava più forte il bocciolo di Aaliyah.

Il piacere crebbe, rabbrividendo in lei. Infilò la lingua nella bocca di Kyle, facendo roteare la sua lingua mentre il suo corpo si irrigidiva. E poi è esplosa. Il suo corpo si contorceva sotto le bocche affamate della moglie. I suoi succhi speziati schizzarono nelle labbra di Fumi mentre la beatitudine la bruciava. Fatima e Christy le hanno succhiato più forte le tette, prolungando le ondate della sua passione.

E poi la beatitudine è morta.

“È pronta per te, Kyle,” fece le fusa Fumi.

Fatima ha affrontato Fumi, spingendo la succube a terra per leccare i succhi di Aaliyah dalla faccia di Fumi. I loro corpi premuti insieme, entrambi minuscoli, anche se quello di Fatima era più scuro. I loro fianchi si contorcevano insieme, tributando le loro fighe mentre si godevano la carne l'uno dell'altro.

“Lei è desiderosa del tuo cazzo, Kyle,” disse Christy, afferrando il cazzo di Kyle mentre montava su Aaliyah.

La Jann guardò suo marito che incombeva su di lei, il suo corpo coperto di muscoli duri come la roccia che la facevano rabbrividire di desiderio. Le sue gambe si allargarono per lui, sottomettendosi ai desideri e ai bisogni di suo marito. Christy ha guidato il suo cazzo, dimostrando che non nutriva più gelosia nei confronti dello Jann.

"Ti amo, Christy", disse Aaliyah, perdonando finalmente completamente la strega.

Il cazzo di Kyle le toccò le labbra mentre le lacrime traboccavano negli occhi nocciola di Christy. “Grazie,” sussurrò, accarezzando il cazzo di Kyle su e giù per la fica di Aaliyah.

"Mi ami?" chiese Kyle.

“Assolutamente,” dissero insieme Aaliyah e Christy, poi ridacchiarono.

Kyle si spinse dentro di lei.

Il corpo di Aaliyah si riempì di piacere. Lei inarcò la schiena, spingendo la figa nelle sue spinte. Amava la sensazione di lui nella sua carne, che si stringeva intorno a lui. Amava scherzare con le sue mogli e concubine, ma questo è ciò che il suo corpo desiderava veramente: essere tutt'uno con suo marito e signore.

"Kile!" gemette lei, le sue braccia lo circondarono, stringendolo forte nel suo abbraccio. I suoi capezzoli sfregarono contro i suoi muscoli pesanti, formicolando di piacere mentre i suoi fianchi si piegavano per incontrarlo. "Amami!"

«Sempre» gemette. "Sei il mio genio e mia moglie per sempre."

I loro fianchi si muovevano insieme, il piacere la percorreva. Baciò e mordicchiò la sua mascella forte, la barba ispida che le raschiava le labbra. Le sue gambe si avvolsero attorno ai suoi fianchi, tirandolo forte, non volendo lasciarlo andare.

L'oscurità cadde mentre facevano l'amore, le stelle spuntavano sopra di lei. Ansimò e gemette, ogni colpo del cazzo di suo marito aumentava il piacere nel suo profondo. Gemette nel suo orecchio, gemendo il suo nome mentre la sua figa lo dava piacere.

La sua spinta divenne più forte, il suo osso pubico si schiantò contro la sua clitoride. Le scintille volarono e lei lavorò i fianchi più forte, amando il piacere. Le sue unghie gli affondarono nella schiena mentre la passione cresceva dentro di lei, riempiendo il suo corpo.

"Kile!" urlò mentre il suo orgasmo esplodeva dentro di lei.

Cosi meraviglioso. Le stelle in alto nuotavano e danzavano.

La beatitudine la consumava.

Il cazzo duro di Kyle la martellò, prolungando il suo rapimento.

"Kyle, Kyle, Kyle!" gemette. "Dammi il tuo amore! Versalo dentro di me!

"Sì!" gemette. "Mia dolce Aaliyah!"

Le parole di Kyle le fecero venire un altro brivido. I suoi colpi erano duri e frenetici, il bisogno di esplodere cresceva nelle sue palle. Lei non vedeva l'ora, la sua figa si stringeva e spasimava intorno al suo cazzo, mungendolo, desiderosa di riempire il suo sperma.

"Aaliya!"

Il suo sperma esplose dentro di lei, un'ondata di passione fusa. Lei ebbe uno spasmo sotto di lui, più estasi che esplose dentro di lei. Amava questo momento, il suo corpo che beveva il seme, forse accendendo nuova vita dentro di lei.

«Ti amo» sussurrò.

Aaliyah sorrise e lo baciò e voleva abbracciarlo per sempre.

Ma anche le concubine stavano aspettando di condividere il loro amore e lei lasciò che Kyle si allontanasse e accolse il loro esuberante abbraccio. Teleisia, la concubina nera di Aaliyah, si infilò tra le sue cosce, leccando lo sperma di Kyle mentre usciva.

"Mi sei mancata, mia regina", gridò, mostrando il suo amore.

Aaliyah sorrise alla bellezza color ebano. “Anche tu mi sei mancato. Girati e facciamo sessantanove.»

Teleisia squittì, le sue cosce scure a cavalcioni della testa di Aaliyah e il Genio leccò avidamente la figa della sua concubina.

<p style="text-align: center;">~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kyle fu trascinato via da Ms. Capello e Shannon, i loro seni pesanti che ondeggiavano. “Christy ci ha dato alcuni miglioramenti che le altre ragazze non hanno ottenuto,” Shannon fece le fusa mentre le due donne si allungavano fianco a fianco, trascinando Kyle sopra di lui.

"O si?" Kyle ha chiesto alla sua concubina MILF, i suoi occhi che andavano dalle sue tette pesanti al magnifico rack della signora Capello.

"Sì", fece le fusa la signora Capello, pizzicandosi il capezzolo scuro e grasso. Il latte fuoriuscì, bianco alla luce delle stelle, colando sul suo seno abbronzato.

Il cazzo di Kyle si indurì a quella vista. “Merda,” mormorò, chinandosi e succhiandole il capezzolo. Un latte meraviglioso, caldo e cremoso gli riempì la bocca. Succhiò forte, lasciando che il dolce liquido gli si riversasse dentro, facendolo roteare, poi ingoiandolo. C'era un delizioso sapore di melone nel latte, molto più dolce di quello di una mucca e molto più delizioso.

"Penso che gli piaccia", fece le fusa Shannon, offrendo la sua grossa tetta.

Kyle si leccò le labbra macchiate di latte e si avvicinò alla grossa tetta di Shannon, succhiando il latte nelle sue labbra, amandolo tanto quanto quello della signora Capello. Il suo cazzo è stato afferrato dalla mano flessibile della signora Capello, accarezzandolo mentre banchettava con le delizie di Shannon.

E poi un pensiero tabù bruciò in lui. "China!" gridò.

"Sì maestro!" gridò la sua voce, densa di passione.

"Vieni qui!"

Chyna tirò fuori da un mucchio di carne di concubina, lasciando dietro di sé Toni, Alexina e Mindy mentre si succhiavano e si mordicchiavano a vicenda. Si avvicinò, i suoi seni pesanti ondeggianti. Era una versione più giovane di Shannon, altrettanto bella, un fiore in boccio rispetto alla piena fioritura di sua madre.

“Allatta tua figlia, Shannon”, Kyle gemette, tornando al seno della signora Capello.

Shannon rabbrividì e Chyna emise uno strillo mentre cadeva su sua madre.

"Stai allattando!" ansimò prima che le sue labbra inghiottissero il grasso capezzolo di Shannon, succhiando con tutto il suo valore. Le sue guance si santificarono, lasciando che il latte di Shannon le inondasse la bocca affamata.

“Ecco fatto, bambina,” gemette Shannon. «Oh, mi piaceva allattarti quando eri un bambino. Questo è tutto. Succhia il latte della mamma. Bevi tutto così puoi diventare una ragazza grande.

"Lo voglio, mamma!" gemette. "Voglio diventare grande e forte!"

Il cazzo di Kyle pulsava di bisogno. Si seppellì nella fica fradicia della signora Capello, chinandosi per succhiarle il seno mentre osservava l'allattamento incestuoso alla sua sinistra. La signorina Capello gemette, i suoi fianchi si sollevarono per incontrare le sue spinte mentre il suo ricco latte gli inondava la bocca.

Shannon accarezzò i capelli di sua figlia, le gambe intrecciate, strofinando le loro fighe calde l'una sulle cosce dell'altra. Le guance di Chyna si santificarono mentre allattava, aggiungendo il suono depravato del suo succhiare a quello di Kyle. I suoi occhi lampeggiarono di gioia mentre succhiava dal capezzolo di sua madre, i suoi fianchi facevano scivolare la fica bagnata su e giù per le cosce di Shannon.

"Questo è tutto! Oh si! Sei così meraviglioso. La mia bella, adorabile, appassionata figlia! Oh si! Oh, cazzo sì!

"Mammina! Ti amo tanto!"

Le palle di Kyle schiaffeggiarono la macchia della signora Capello, appesantite dal suo sperma. Il suo cazzo pulsava, la sua passione ribolliva velocemente. Tra il latte caldo che gli inondava la bocca, la fica vellutata avvolta attorno al suo cazzo e l'allattamento incestuoso accanto a lui, le palle di Kyle erano sul punto di scoppiare.

"Si si! Succhia più forte, bambina! urlò Shannon, la mano libera che si pizzicava l'altro capezzolo. Il latte schizzò in aria mentre il suo corpo sobbalzava. “Sto venendo! La tua meravigliosa bocca ha fatto venire la mamma!

Kyle rabbrividì mentre Chyna si contorceva e si agitava intorno a sua madre, la sua bocca non rilasciava la tetta mentre raggiungeva l'orgasmo. Kyle seppellì il suo cazzo nella signora Capello, succhiandole forte la tetta e bevendo un boccone del suo delizioso latte.

Poi è entrato in lei, bagnandole la fica con quanto più sperma possibile. Il piacere esplose da lui, imbastindo la fica della signora Capello con il suo grosso carico. Rabbrividì, ingoiando il suo dolce latte mentre lei raggiungeva l'orgasmo sotto di lui.

“Cazzo, è stato folle”, gemette Kyle. "Devo ringraziare Christy per questo."

“Prego,” fece le fusa, scivolando accanto a lui e succhiando la tetta della signorina Capello. Poi lo baciò e gli infilò il suo sperma pieno di latte nelle labbra. "Puoi ringraziarmi con questo cazzo duro."

La mano di Christy lo afferrò e lui sorrise. "Ti amo."

<p style="text-align: center;">~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Zaritha assisteva all'orgia delle concubine, seduta da sola.

Era viva. Aveva pensato di aver sacrificato la sua vita per Aaliyah, un ultimo atto di sfida contro Rashid per averla tradita. E ora aveva la sua possibilità di combattere contro di lui. Gli era sempre stata fedele. Aveva assicurato la sua alleanza con l'Ifrit e organizzato la caduta del padre di Aaliyah.

Adesso aveva un nuovo padrone. La sua anima non era più legata ai suoi due giuramenti. Rashid aveva abbandonato il suo servizio e ora non aveva scrupoli a servire Kyle. Il suo cuore ardeva di rabbia e fuoco.

Ha oziato con sua moglie Christy, le loro passioni esaurite, e lei si è avvicinata a lui. I suoi occhi caddero sul suo corpo mentre attraversava, la fame che brillava nei suoi occhi. Aveva appetito per tutte quelle donne che sollevavano i loro corpi insieme nell'oasi.

Si inginocchiò davanti a lui, premendo il viso contro la terra. “Mi scuso umilmente, marito mio, per aver rapito tua moglie. Sono la tua concubina a pieno titolo ora. Il mio cuore batterà solo per la tua causa.

Le sue mani le presero le guance, sollevandole il viso. La fissò negli occhi, le sue dita dure come la pietra sulle sue guance. «Mi dirai tutto sui piani, i tirapiedi e le difese di Rashid. Non tratterrai nulla.”

"Niente", sorrise. "Tu sei mio marito. Ho giurato di essere la tua concubina. Ero disobbediente, ma non più. Io sono Zaritha dell'Ifrit e mi sottometto completamente a te.

"Completamente?" chiese, il suo cazzo che cresceva duro, luccicante dei succhi di Christy.

"Puoi provare piacere nel mio corpo", rispose Zaritha, la sua figa sempre più umida. "Lascia che i miei fuochi ti riscaldino questa notte."

Si voltò, inginocchiandosi, presentandosi, lasciando che i suoi fuochi bruciassero le sete rosse che le drappeggiavano il corpo, rivelando la sua oscura bellezza agli occhi del suo padrone. Le sue mani la toccarono, stringendole il sedere, le sue guance spalancate. Rabbrividì quando il suo pollice le sfiorò il buco del culo.

Vorrebbe portarmi lì?

Lei ansimò quando il pollice di lui le premette contro lo sfintere, suscitandole un piacere ardente. Si guardò alle spalle, sorridendo al suo corpo muscoloso. Questa sarebbe stata la sua vita. Il prezzo per aver distrutto Rashid.

Il suo cazzo spinse le labbra della sua figa, scivolando su e giù per le sue labbra. Il suo pollice colpì più a fondo. Il suo corpo rabbrividì, il suo cazzo la stuzzicava. Si morse le labbra, fissandolo, desiderando che spingesse il suo cazzo nelle sue profondità fradice.

“Padrone,” ansimò lei, spingendo indietro i fianchi, la punta del suo cazzo appena entrata nel suo buco fradicio.

"Che cosa?" chiese, un sorriso sul volto. "Cosa vuoi?"

Poteva leggerlo nei suoi occhi; voleva che si sottomettesse. Per implorarlo per il suo cazzo. Gli piaceva dominare le sue donne. Ricordava il pomeriggio della scorsa settimana quando si era lasciata dominare da Kyle nel corridoio per proteggersi dai poteri di Aaliyah.

"Fuck me, Maestro," gemette. "Prendimi come hai fatto nel corridoio!"

"Perché sei la mia troia?" ringhiò, facendo scivolare il suo cazzo solo un altro centimetro. "Perché la tua fica arrapata di Ifrit ha bisogno del mio cazzo?"

“Lo fa! Fottimi! Sono la tua troia! La tua sporca puttana Ifrit! Il suo corpo rabbrividì mentre parlava, trovando gioia nel sottomettersi a lui. "Per favore, Maestro, prendi il tuo piacere in me."

Le strappò il pollice dal culo e tirò indietro il cazzo. Il panico la invase. Ha fatto qualcosa di sbagliato? Emise quasi un gemito piagnucoloso, desiderando che il suo Padrone la violentasse, immergendo il suo cazzo più e più volte—

Il suo cazzo le ha infilato nel culo.

Emise un basso gemito, la sua asta lubrificata si tuffò completamente nelle sue viscere. La stava prendendo come voleva, non come lei. Rabbrividì, il suo cazzo accendeva un inferno attraverso il suo corpo. Si tirò indietro e si spinse di nuovo dentro, ogni centimetro del suo cazzo aumentava il fuoco a un calore ancora più intenso, sciogliendola.

"Scopami, Maestro!" Zaritha sussultò. "Oh si! Fanculo il mio culo!

Aaliyah apparve davanti a lei, nuda e arrossata, con gli occhi scintillanti. "Ti stai sottomettendo completamente," fece le fusa, accarezzando la guancia di Zaritha.

"Lo sono", gemette l'Ifrit, la sua guancia che bruciava dove la sua Sultana la toccava. "È il mio Sultano."

Aaliyah sorrise, poi si sporse e baciò Zaritha, infilando la lingua nella bocca dell'Ifrit.

La spinta di Kyle divenne più forte, le sue palle schiaffeggiarono la sua macchia. Zaritha spinse indietro i fianchi, ansimando nelle labbra di Jann mentre amava il cazzo del suo Maestro che le alesava il culo. Il piacere crebbe dentro di lei, scintille le volarono dentro.

Poi sono scoppiati gli incendi.

La sua figa si contrasse e il suo culo si contorse intorno al cazzo di Kyle. Interruppe il bacio con Aaliyah, gettando indietro la testa, inarcando la schiena, e urlò le sue grida nel cielo notturno, il fuoco che danzava sulla sua pelle.

“Cazzo, è sexy”, gemette Kyle.

Aaliyah le passò accanto strisciando, premendo il suo corpo nudo contro il corpo di Kyle. "Questa troia ti piace, amore mio?"

«Così tanto» grugnì. “Lei è in fiamme. Ascolta la troia che viene!

“Lo sono, Maestro! Mi hai fatto venire così forte!

Il suo orgasmo diminuì, ma il piacere continuava a ruggire dentro di lei, il cazzo di Kyle continuava a perforarle il culo stretto. Kyle grugnì, i suoi colpi selvaggi e frenetici, pieni della sua forza. Le sue mani le afferrarono i fianchi, tirandola indietro, seppellendo il suo cazzo in profondità nelle sue viscere.

"Sborra nella troia!" gemette Aaliyah.

"Sporco Ifrit!" grugnì Kyle e poi il suo sperma la inondò. Zaritha sorrise, un altro, più piccolo orgasmo che la attraversava. Sottomettersi a Kyle non era una brutta vita. Ed era molto più piacevole che sottomettersi a Rashid.

<p style="text-align: center;">~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kyle si svegliò con Aaliyah tra le braccia, Fatima premuta contro la sua schiena. Christy era dall'altra parte di Aaliyah, le sue braccia avvolte attorno al Genio, tenendola stretta quasi quanto Kyle. Fumi era rannicchiata sulla schiena di Christy, i suoi capelli neri sparsi sulle spalle di Christy.

Era la prima volta che dormiva con tutte e quattro le sue mogli insieme sul comodo pergolato che Aaliyah aveva evocato mentre l'orgia si esauriva la scorsa notte. Le sue concubine erano rannicchiate a due oa tre sui loro pergolati, così belle nella luce grigia prima dell'alba. Intorno ai bordi dell'oasi c'erano gli homunculi di Aaliyah, giganti fatti del deserto.

Il suo cazzo era duro per il bisogno di pisciare, quindi si alzò, cercando una concubina. Si avvicinò al letto più vicino, facendo attenzione a non svegliare le sue mogli, e scosse Toni. La sua concubina cheerleader si girò, i suoi capelli ramati si rovesciarono sul materasso.

“Padrone,” mormorò, gli occhi che cadevano sul suo cazzo. "Hai bisogno di fare pipì?"

Le sorrise mentre lei si sedeva e si sottometteva a lui. Rilassò la vescica, inondandole la bocca, gemendo mentre si liberava. C'era qualcosa di così potente in una donna così sottomessa che gli avrebbe lasciato pisciare in bocca. Lei deglutì, i suoi occhi verdi brillarono su di lui.

“Dobbiamo parlare, Kyle,” disse Britney, avvicinandosi, imperturbabile che stesse pisciando nella bocca di una donna.

"Di?"

"Cosa facciamo adesso? Il nostro obiettivo era salvare Aaliyah ed è stato raggiunto. Affronteremo i Marid e faremo di te il Sultano?"

“Sì”, Kyle annuì, guardando le sue donne addormentate. “Stiamo per conquistare i Marid. Questo Rashid non smetterà mai di dare la caccia ad Aaliyah. Non ci lascerà mai tornare nel nostro mondo indisturbati. Kyle fece una smorfia. «Non che ci sia qualcosa da restituire.»

“Andrà meglio,” sussurrò Toni, sollevando le labbra dal suo cazzo. “Piano piano il vuoto che la morte di tua madre ha lasciato in te si riempirà. Concentrati sulle tue mogli, usa il loro amore per riempire il vuoto.

"E non il tuo?" chiese Kyle e il suo viso lentigginoso arrossì.

«E usa anche l'amore delle tue concubine, Maestro», sorrise.

"Allora quale sarà il nostro prossimo passo?" chiese Britney.

“Siamo a un giorno di cammino da Khoshilat Maqandeli, la corte di mio padre. Sono stato mandato a stringere un'alleanza con il Mortale che avrebbe salvato il mio popolo. Aaliyah si alzò, scostandosi i capelli scuri dal bel viso. "I Jann ti sosterranno e da lì possiamo capire il nostro prossimo passo."

Kyle sorrise. "Immagino sia ora di incontrare la tua famiglia, Aaliyah."

"Mio padre, lo sceicco Umar ibn al-Jann, sarà così felice di vederti", sorrise Aaliyah, facendo scivolare il braccio intorno a Kyle. Avvolse le mani nei capelli ramati di Toni e guidò le labbra della concubina sulla sua figa. Il cazzo di Kyle si mosse mentre inondava le labbra di Toni di piscio, la concubina si sottometteva a sua moglie con la stessa prontezza con cui lei si sottometteva a lui.

Aaliyah ha evocato la colazione e l'abbigliamento da indossare per il viaggio attraverso il deserto. Tutti si avvolsero in teli neri, turbanti intorno alla testa. Aaliyah looked like a Sultana wrapped in her gold-trimmed robes, and she conjured equally fine robes for Fatima, Christy, and Fumi, their robes trimmed in red, brown, and green.

Aaliyah pointed the direction to go, her homunculi tromping along beside them. Britney took point, then the concubines ringed around Kyle, his wives, and the two other witches. The heat grew as they marched across the sands, sweat beading Kyle's forehead. Zaritha flashed ahead, whirling across the sky as a column of fire, scouting for danger.

“It is so wonderful to be home,” Aaliyah purred, her feet stepping light across the sand, somehow not sinking in like Kyle's boots did. She almost seemed to dance as she walked. She took in a deep breath. “That wonderful scent of dry sand. No moisture to clump everything into nasty dirt.”

“You don't like the water, do you?” Kyle grinned.

“Oh, water can have it's moments,” she smiled. “But I am of the Earth, and Earth and Water can be as bitter enemies as Earth and Air.”

“What about Fire?”

“Before the Ifrit betrayed the Hidden People and threw their lot in with the Marid, my people and and Zaritha's were fast friends.”

They had to break every hour. While the concubines had been enhanced by Christy's spell, and Aaliyah and Britney seemed unfazed, the others were not so fortunate. Kyle roasted, even in the cooling robes, and Fumi seemed to wilt like a flower.

“I'm a creature of winter,” she moaned, taking a long drink from a canteen Aaliyah had conjured. “Not of this dry desert.”

“Yeah,” Kyle agreed. “I grew up in rainy Washington. I don't think I've ever felt air this dry before.” His lips seemed to parch the moment he put down the canteen, the air leaching the moisture out of him. “Do you need a longer break?”

She shook her head. “I have enough of your cum in me to last me the day.” Her grin grew sly. “But tonight, I must insist you perform your husbandly duties and fuck me hard.”

He stroked her face. “Gladly.”

The desert had no features. Only endless dunes of sand, mirages dancing at their peaks. And then, past midday, they crested a dune and witnessed a city rising out of the sand. Slender, white minarets seemed to waiver and dance in the heat above rippling, white walls.

“Khoshilat Maqandeli,” Aaliyah smiled. “As beautiful as I remember.”

The sight of the city buoyed everyone spirits. They walked faster, eager to reach shelter. In the skies above, whirling sand flew, Jann flitting about them. Aaliyah nodded up at them, her back straightening, her walk and bearing becoming regal. Kyle emulated her, placing his hand upon Earthbones hanging from a belt at his side. The concubines began to strut and even Fumi marched with a more grace then she had possessed all afternoon, no longer wilted by the pounding sun.

“Make us clean,” Christy whispered. “We need to look impressive.”

“Right,” Aaliyah nodded, and the dust vanished from all their clothing as they neared the edge of the city. It was built right upon the sand, a sharp line delineating the alabaster buildings and paved streets from the desert.

Jann flashed down from the sky, the whirling dust taking on their human forms. They looked like Aaliyah, dusky skin, black hair, their eyes dark brown or yellow. They bowed, calling out in Arabic, their words rolling across Kyle's ears.

“What are they saying?” Kyle whispered.

Aaliyah started, then blinked. “Make a wish to understand them,” she responded. “This is your home, you need to speak to them.”

Kyle did, and suddenly he heard the cries of “Savior,” and “the Sultan.” He smiled, looking out at these people. They had been waiting for him to drive back the Marid's tyranny. From a distance, the Alabaster buildings had looked pristine and majestic, but up close he could see the cracks in the facade, the disrepair slowly consuming the Jann.

They walked down the main road through the city to the palace, the domes covered in shining gold. Standing at the gates were homunculi, like the ones Aaliyah had conjured, but these gripped fearsome spears. They seemed more solid than the ones his wife had created, made of dust compressed so hard it may as well be rock now.

Aaliyah trembled as they swept in, the homunculi pushing open the wooden doors before them. It was cool in the palace, the hallway did not have walls, only columns, and looked out on small gardens of verdant plants and flowers. Beautiful women lounged in these gardens, wearing gauzy, yellow silk. Aaliyah had been dressed similarly when she had appeared out of her lamp weeks ago.

“Those aren't my father's wives and concubines,” she whispered, concern in her voice.

“It's been a thousand years. He's probably found some more,” Kyle shrugged.

“Maybe. But where is Hani'ah, Basinah, and Rahiq? What has happened since I was away?”

“I'm sure we'll find out,” Kyle nodded as another, more ornately carved door, loomed ahead. Another pair of powerful homunculi guarded this door. Their broad hands reached out, pushing it open onto the court of the Jann.

The floor was made of polished stone that reflected the vaulted ceiling above like a mirror. Columns spread out in two rows down the throne, studded with yellow stones. Richly dressed Jann, all male, stood in fine robes of golden silk, their beards white and oiled. A throne of Tourmaline set at the far end upon a dais. A younger Jann sat upon it, his body lean and muscular, his chest bare, and a golden turban wrapped about his head.

“Who comes before the court of Sihab ibn al-Jann?” a muscular, dark-skinned Jann beside the throne bellowed.

“Kyle Unmei,” Kyle announced, projecting his voice with confidence. He could not show any weakness if these Jann were going to follow him He had to be a leader. Like Dad. “And his wives and concubines.”

“Where is our father?” Aaliyah called out. “Why do you sit on his throne, Brother?”

A ripple passed through the room and Aaliyah flushed, looking down. She had grown used to being in America where women spoke their minds.

“Your tongue is as bold as ever, dear sister,” Sihab announced, rising from his throne.

“My apologies, Brother,” Aaliyah muttered. “I forgot my place.”

Sahib's turned to Kyle, eyeing him up, his youthful face growing hard. “You are a thousand years late.”

Kyle shrugged. “I'm here now.”

“He is the one,” an old, wizened Jann woman croaked. “He is the one I saw in the frankincense. And he has his consorts and companion. Six shall be one, the Marid defeated.” She cackled at Sihab. “Just like I told you and your foolish father.”

Aaliyah's face was pale, her body trembling.

“What happened to Umar ibn al-Jann?” Kyle asked.

Sihab swallowed, his eyes hardening as they fell on Aaliyah. “Our father is gone, dear sister. Dead. He sought to contend with Rashid and lost.”

“He never had a chance,” the crone continued.

Kyle frowned, wondering why this woman spoke and was respected when the Jann clearly did not allow women to voice their opinion. Was it hypocrisy? Or did this woman have that strong of a personality? Every Jann nobleman she cast her gaze on flinched and looked away.

“I told him when he set out on his folly that his daughter would one day emerge. But he lost hope as the centuries piled on.”

Aaliyah back went rigid, her eyes watering, but she kept her regal poise. Kyle wanted to hug her and grieve with her. The loss of his mother welled up inside him, but he had to be strong, to become as hard as the mountains if he was going to defeat the Marid.

“Sihab ibn al-Jann, will you swear fealty to the rightful Sultan?” Kyle asked, his voice booming. “I have married your sister and come to fulfill the agreement.”

“Do you think you can really defeat Rashid?” Fear tinged the Sheikh's voice.

“Yes.” Kyle fixed him with a hard stare. “I have the strength of the mountains at my side.” He touched the hilt of Earthbones. “We shall defeat the Marid's with or without your help.”

“Kneel to him,” the crone cackled. “Do not make your father's mistake.”

Sihab slipped from his throne and fell to his knees. “You have my pledge of support. I honor the agreement of my father. The Jann shall be at your back, Sultan.”

<p style="text-align: center;">~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Khiana stroked his white beard stained with rust as he walked through the midnight streets of Khoshilat Maqandeli. The Unbound Jann brimmed with twisted disgust as he walked through the fading glory of the city. He had not stepped foot in its alabaster majesty since his disastrous attempt to defeat Rashid.

He had gambled all and failed.

But being unbound freed him. He was no longer shackled by the chains of custom and duty that had once held him firm and strong. He could do what he wanted, go where whim took him, and indulge whichever vices he pleased.

And with the reward Rashid promised, he could indulge in vices for the next thousand years.

“Do you think your plan will work?” Aljihm asked, fire glowing through the cracks of his blackened body.

Khiana smiled at the Unbound Ifrit. “Aalizunah and Jowdah have all ready been felled by this mortal and his women. He must have seen through Aalizunah's whorish act and Jowdah was always too stupid to try anything subtle.”

“But will the Jann obey you?” Aljihm asked.

“Of course they will,” he grinned. “They are a cowed people. Rashid stamped all the fight out of them. They don't even care for the city anymore.” He spat in disgust. “Only Sihab provides them with any backbone.”

They reached the west wall of the palace and Khiana opened up the hidden door. A narrow tunnel appeared, barely wide for a man to walk down. Khiana strode down it, the Ifrit following. The rough-carved stone led to the far end of the palace, to the quarters of the Sheikh and his harem. It ended at a simple wall that parted when Khiana touched it.

The wall still recognized who Khiana had once been.

Sihab slept with his favorite concubine, Maymunah. She was pretty, her breasts small and naked. Khiana's cock stirred at the sight of her innocence. He crossed the room, climbing onto the Sihab's bed, the mattress shifting beneath his weight. Khiana kicked the sleeping Sihab's foot.

"Che cosa?" the young Jann murmured as he came awake. He looked up, horror in his eyes. “You!”

“Hello, my loving son,” Khiana grinned, then his hand shot out, punching through Sihab's chest and squeezing his heart. Sihab gasped and groaned, his body spasming. The concubine awoke, her shriek cut off by Aljihm's black hand. Maymunah's skin crisped as the Ifrit reduced her perfect flesh to ash.

What a waste.

“Please, father,” gasped Sihab. “Aaliyah's...here....with....him...the...Marid...can...be...defeated...”

“I no longer care about that.” Khiana's hand squeezed, crushing his son's heart to dust. It was time to regain his Sheikhdom. It would only cost him the life of one, sniveling, rebellious daughter.

To be continued...

Storie simili

Scuola estiva parte 8

Parte 8 - Cindy e Daryl Progress Cindy stava quasi tremando che era così entusiasta di raccontare a Daryl della sua conversazione con sua madre. Merda, ora stava prendendo la pillola! L'appuntamento dal suo dottore consisteva in una rapida occhiata e sensazione delle sue tette e della sua vagina e lei stava prendendo la pillola! Ora sarebbe stata al sicuro dalla gravidanza e Daryl avrebbe potuto girare le sue cose ovunque volesse. Sarebbe davvero felice. Daryl nel frattempo era altrettanto eccitato. Anche se provava un imbarazzo persistente da parte di sua madre che lo vedeva sborrare, specialmente sulla sua stessa faccia...

802 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

362 I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

322 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

329 I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 17

Ho deciso di scrivere il resto della mia storia, ma tieni presente che la mia storia non riguarda solo il sesso dicendo che questa parte contiene sesso e tra la persona che ha scritto quel commento dicendo che mi impersona e harvey quando si masturba il tuo schifo! Quando io e Harvey ci siamo trovati di fronte alla classe, abbiamo ascoltato per circa 20 minuti, poi Harvey ha picchiettato sulla sua scrivania per attirare la mia attenzione. l'ho guardato e lui si stava massaggiando i jeans ho allungato la testa e ho sussurrato hai bisogno di aiuto con quello? harvey ha...

221 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

1.2K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

1.2K I più visti

Likes 0

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

943 I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

992 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.