Fitness di Flash: Sherri

490Report
Fitness di Flash: Sherri

Sherri Kimbelsen rimase in silenzio e completamente nuda sull'attenti davanti alla scrivania di Flash Johnson nella palestra vuota. Il giorno prima, aveva ufficialmente completato un programma di perdita di peso di tre settimane che le ha permesso di tonificare e rassodare il suo corpo e perdere un fastidioso 25 chili. Ora con un peso di 113 snello, la bellissima bionda formosa con le gambe assassine stava aspettando istruzioni su cosa sarebbe successo dopo.

Flash: “Signorina. Kimbelsen, ora che il tuo programma è completato, dobbiamo pianificare un programma di allenamenti settimanali per mantenere il tuo corpo in perfetta forma. Naturalmente, dovremmo anche iniziare a riscuotere le quote di iscrizione alla palestra. Ne parleremo tra un minuto. Per prima cosa però, hai già un impegno?

Sherri: “Sì, lo voglio. Si chiama Elena Kane.»

Flash: "Bene, allora dammi i suoi particolari."

Sherri: “Beh, lavora anche al pool di segreteria. È davvero bassa, solo circa 4'10 ". Ha i capelli scuri; grandi tette e oh ... lei è delle Hawaii.

Flash: "Non ho sentito un fottuto peso in tutti i dati!"

Sherri: "Ha un viso molto carino ma... pesa circa 180 libbre."

Flash: “Fantastico! Quindi, è grassa come un cazzo! E un nano in questo! Te l'avevo detto che c'era un requisito!

Sherri: “Era l'unica persona che riuscivo a trovare. Ti prego, Elena è una ragazza molto carina, è solo un po' sovrappeso».

La calda bionda iniziò a sembrare malata. Non voleva turbare il signor Johnson. Non dopo tutto quello che hanno passato nelle ultime tre settimane. C'era anche una sensazione di nausea che iniziava a formarsi alla bocca dello stomaco. Il signor Johnson ha visto questo e ha provato un po' di empatia.

Flash: “Va bene signorina Kimbelsen, le darò dei punti per aver ottenuto almeno un impegno. Sono sicuro che io e i miei ragazzi possiamo rimettere in sesto questa puttanella, ma tu me ne devi ancora uno. Ora parliamo delle tue quote associative. Come sai, oggi è il ventiduesimo giorno consecutivo che vieni qui. Addebito $ 100 al giorno per i miei servizi, quindi significa che mi devi $ 2200. "

Il volto di Sherri mostrava shock. Non aveva idea che le tasse della palestra fossero così alte. Cercò nervosamente di pensare a un modo per dire al signor Johnson che non aveva i fondi per pagare una somma del genere, ma non riusciva a pensare ad altro che all'onesta verità del dio.

Sherri: "Mi dispiace signor Johnson, non ho quel tipo di denaro."

Flash: "Sì, l'avevo immaginato."

Il signor Johnson uscì da dietro la sua scrivania. Si tolse la maglietta e poi i pantaloncini e ora era nudo proprio come lo era Sherri. Lo guardò spogliarsi senza alcun movimento o emozione. I suoi dieci pollici pendevano flaccidi davanti a lui come un carnoso boa nero.

Flash: "Scendi e dammi un po' di testa!"

Sherri diligentemente si accovacciò in punta di piedi davanti a lui, si mise il pene in bocca e cominciò a succhiarlo. Dopo tre settimane di programma, succhiare un pene nero non era niente fuori dalla norma per Sherri. Lo aveva già fatto non solo con il signor Johnson, ma anche con alcuni degli altri uomini di colore che lavoravano per lui come personal trainer.

Faceva parte del modo in cui Flash Johnson gestiva la sua palestra. Ha aiutato le donne bianche, a volte le donne bianche sposate, a perdere peso rapidamente durante l'attività sessuale durante i loro allenamenti. Era una pratica specifica che non aveva ancora fallito e le donne finirono per cambiare le esperienze di vita. Certo, alcuni di loro alla fine avrebbero lasciato i loro mariti e divorziato. Alcuni sono persino rimasti sposati, ma hanno anche continuato il programma. I fatti erano che tutti avevano perso il peso che avevano desiderato perdere, e Flash e il suo equipaggio avevano tutta la figa bianca che avrebbero mai potuto sognare. Non era un loro problema che anche queste donne diventassero tutte dipendenti da cazzi neri.

All'inizio, la giovane bomba bionda aveva resistito alla parte sessuale del programma, ma come era noto per fare, il signor Johnson dall'aspetto duro l'ha abbattuta con l'intimidazione. Aveva un modo rozzo di far fare alle donne quello che voleva e in quel momento stava ancora una volta ficcando il cazzo in gola a Sherri. Le labbra e la lingua di Sherri hanno baciato, succhiato e dipinto il grosso strumento di ebano del signor Johnson con abbondanti quantità di saliva e precisione affamata. Più se lo metteva in gola, più vomitava in modo udibile. Mentre lo faceva, il signor Johnson iniziò a dettare i termini del futuro di Sherri.

Flash: “Signorina Kimbelsen, dato che ora sei in una forma impeccabile, ridurremo i tuoi allenamenti settimanali a due giorni alla settimana. Lo faremo ogni martedì e giovedì alle 16:00 in punto. Non essere mai in ritardo o ci sarà penitenza e NON ci possono essere cancellazioni, capito?

Sherri si limitò ad annuire affermando di non essere disposta a rimuovere il suo cazzo dalla sua bocca affamata. Ne aveva ben sei pollici in profondità nella gola e stava ancora soffocando cercando di ingoiare la gola per tutti i dieci pollici fino alle palle. Un'impresa che non era stata in grado di fare con nessun cazzo nero che aveva preso in bocca nelle ultime settimane.

Flash: “Ora, per quanto riguarda i soldi che devi, qualcuno della palestra sarà a casa tua ogni lunedì. Il tuo nome è stato appena contrassegnato per la raccolta. Il tuo account è ora in rosso. Capire? Quindi, qualunque cazzo nero si presenti alla tua porta il lunedì, ora devi occupartene, mi senti?

Sherri annuì di nuovo sì. Pensò agli uomini di colore che la visitavano settimanalmente nella sua residenza e a cosa avrebbero potuto dire i suoi vicini. Fu un fugace momento di preoccupazione che svanì rapidamente dalla sua mente, e fu sostituito dal pensiero della quantità sconosciuta di cazzi neri che avrebbe ricevuto durante quelle visite. Anche la sua figa stava iniziando a rispondere a quei pensieri. Percependo la sua eccitazione, il signor Johnson si tirò improvvisamente fuori dalla sua bocca e la schiaffeggiò sul lato sinistro del viso con il suo cazzo, poi lo spinse dentro il più profondamente possibile, quindi lo rimosse completamente.

Flash: “Ora alzati e sdraiati sulla mia scrivania! Finirò in quella tua dolce figa.

Sherri si alzò e si sporse sulla scrivania con il culo in aria. Pochi secondi dopo, il signor Johnson stava spingendo il suo pugnale di carne nera nella sua stretta figa rosa. Ogni volta che si spingeva in avanti; Il corpo di Sherri si spingeva più in alto sulla scrivania al punto che alla fine era in punta di piedi.

Sherri: “Fuck me! Oh si! Scopami più forte! Adoro il tuo grosso cazzo nero nella mia figa! Ohhhhh! Ohhhhh! Cazzo sì! Ohhhhhh!

Flash: “Ti piace eh? Fottuto bianco Ho! Tutte le piccole madri bianche scopano puttane come il cazzo nero nel profondo della loro merda!

Sherry: “Sì! Ehhhhh sì! Ahhhh! Ahhhh! Sto per venire! Oh Dio! È così grande! Ahhhhh!”

In quel preciso istante le gambe di Sherri si irrigidirono e afferrò i bordi della scrivania e venne forte e rumorosa. Ha ricoperto il cazzo del signor Johnson con circa mezzo litro dei suoi succhi di figa. Con quella lubrificazione extra, è stato in grado di infilare tutti i suoi dieci pollici nella sua fica. Ora la stava scopando con forza e il suono delle sue grosse palle nere che le punteggiavano le labbra della figa riecheggiava dalle pareti della palestra con forti applausi.

Sherri: “OHHH!!! OHHHH SIAAAHHHHH! OH CAZZO! OHHH!!! È PROFONDO! È COSÌ PROFONDO!!! CAZZO MEEEEEEE!!!!”

Il signor Johnson iniziò a sbuffare e sbuffare e poi con una massiccia spinta in avanti si gettò forte e in profondità nel grembo di Sherri. Era così tanto sperma; era come se avesse riempito il litro di succhi che lei aveva espulso prima. Quando finalmente ha smesso di venire, il signor Johnson l'ha pompata lentamente per altri tre minuti prima di tirarsi fuori completamente e costringerla di nuovo a inginocchiarsi per ripulirsi il cazzo.

Flash: “Ecco fatto, pulisci tutto! E quando hai finito, vai a fare 50 flessioni e addominali e poi chiamalo un giorno. Aspetto qui la Kane grassa per il fine settimana.»

Sherri si limitò ad annuire timidamente. Sapeva di essere nei guai. Non aveva ancora parlato con Elena della palestra. Ha appena mentito al signor Johnson perché non riusciva a trovare nessun altro che fosse realmente interessato, quindi ha semplicemente sbottato il nome della prima ragazza che le è venuto in mente. Era giovedì e sapeva che il suo tempo stava per scadere.

Ha fatto i suoi esercizi in modo rapido, poi si è vestita velocemente e ha lasciato la palestra. Quel pomeriggio Sherri andò a trovare la sua amica Elena nell'appartamento di Elena. I due amici hanno parlato principalmente di lavoro per un'ora buona davanti a un tè prima che Sherri finalmente si facesse coraggio e affrontasse l'argomento della palestra e del suo programma. Espertamente, Sherri ha fatto la sua presentazione.

Sherri: "Sai Elly, c'è un modo per migliorare le cose."

Elena: "Ah?"

Sherri ha poi raccontato ad Elena della palestra e di Flash Johnson. Ha spiegato gli allenamenti in dettaglio, ma ha volutamente tralasciato tutti i requisiti relativi al sesso. Sherri aveva bisogno di vendere il programma di Flash e stava facendo un ottimo lavoro. Elena era ancora un po' scettica però.

Elena: “Non lo so. Willowbrook non è una brutta zona? Voglio dire, ci sono un sacco di bande nere, vero?"

Sherri: “Beh sì, ma ti sto dicendo che questa palestra ne vale la pena. Io stesso sono sempre stato più pesante di ben 25 libbre e, qualunque cosa facessi, non riuscivo a perdere il peso rimanente che desideravo tanto. Poi sono andato alla palestra di Flash Johnson e in poche settimane avevo questo aspetto.

Si alzò e allargò le braccia in proiezione della sua figura in forma. Sherri era bellissima e sembrava fisicamente in forma come sembrerebbe una super modella. Ovunque andasse, gli uomini ci provavano sempre con lei. Elena non ha mai visto Sherri uscire con un uomo, il che era un po' strano, ma attirava sempre molta attenzione. Si trovava a un modello alto 5'8 ", 113 libbre. con misure 34-22-32, lunghi capelli biondi che le scendono a metà schiena e le gambe più lunghe messe in mostra dai tipi di tacchi alti che sembrava sempre indossare. Sherri era una bomba pura e semplice e vestiva sempre la parte, indossando gonne corte e camicette sbalorditive che mostravano la scollatura.

Elena: "Oh, non credo che potrei mai assomigliare a te."

Sherri: “Smettila! Sei una ragazza molto carina. Te lo sto dicendo, tutto quello che devi fare è solo perdere peso. Vai a vedere Flash. Ti aiuterà. Dopo alcuni mesi del suo programma non crederai nemmeno a quanto sarai fantastico. È un cambio di vita. Penso che dovresti davvero, davvero considerarlo.

Elena: “Beh, ho l'interruzione del servizio in arrivo. Suppongo che non possa far male andare a dare un'occhiata.

Nel tentativo di mantenere un'immagine fresca tra i propri clienti, l'azienda che gestiva il pool di segretarie ha concesso alle donne impiegate con loro una pausa annuale retribuita di cinque settimane. È stato un bel vantaggio che non era comune con altre aziende, ma ha fatto miracoli per le donne che lavoravano per loro.

Sherri: “Buona idea! Cinque settimane di Flash sono esattamente ciò di cui potresti aver bisogno. Ti garantisco che tornerai una donna nuova di zecca.

Elena: "Accidenti, lo spero."

Sherri: "Quindi andrai in palestra, giusto?"

Elena: "Ci sto pensando".

Sherri: "Onestamente tesoro, non credo che ci sia molto altro a cui pensare."

Si alzarono dal tavolo e Sherri baciò Elena sul lato sinistro del viso in alto sulla guancia. Poi si chinò vicino al suo orecchio sinistro e sussurrò.

Sherri: "Te lo sto dicendo, è l'unica strada da percorrere."

Il fine settimana è passato senza collegamenti con la palestra. Sherri si è innervosita per tutto il tempo sperando che Elena avesse seguito il suo consiglio e si fosse unita. Convincere Elena ad unirsi era imperativo. Voleva chiamarla e provare a fare qualcosa di più convincente, ma pensava che avrebbe fatto molto più male che bene cercando di esagerare. Lunedì era un relitto. Dormiva pochissimo. Alla fine è scesa dal letto intorno alle 11, si è fatta la doccia e si è vestita. Ha indossato un grazioso paio di pantaloncini di jeans color lavanda attillati e una camicetta abbottonata abbinata che era completamente aperta sul davanti e annodata in fondo. Sotto la camicetta indossava un piccolo reggiseno nero ben visibile e si infilò le scarpe da ginnastica di casa. Non indossava mutandine.

Sherri conosceva il signor Johnson solo da poche settimane, ma per tutto quel tempo le aveva dimostrato di essere un uomo di parola. Oggi era lunedì e presto un uomo di colore, o forse alcuni uomini di colore, avrebbero chiamato. Era nervosa per l'anticipazione e la sua figa gocciolava cronicamente per tutto il giorno. Ma cosa succede se nessuno si è presentato? Sarebbe stato un segno che Elena non si era iscritta alla palestra? Quali sarebbero le ripercussioni? Flash Johnson non aveva mai fatto nulla per farle del male fisicamente, ma c'era sempre quella minaccia persistente. Il suo abbaiare era sempre sufficiente senza alcun morso.

Si è tormentata sul divano del soggiorno tutto il giorno fino a quando il suo campanello ha finalmente suonato verso le 19:00. Saltò in piedi e si guardò allo specchio e si aggiustò rapidamente i capelli, poi andò alla finestra per guardare fuori. Sulla sua veranda c'erano sia OJ che TW, due subalterni del signor Johnson della palestra. Sherri aprì la porta per farli entrare entrambi con un grande sorriso ampio ma finto sul viso.

Sherri: "Ciao ragazzi!"

Tony: “Non importa questa merda di 'Ciao'! Sai perché siamo qui vero?"

Sherri li guardò entrare e chiuse la porta dietro di loro. Abbassò lo sguardo sul pavimento imbarazzata prima di rispondergli imbronciata.

Sherry: “Sì. Devo dei soldi.

Tony: “Beh, dannazione puttana, se lo sai allora perché cazzo sei vestita allora? Nuova regola a partire da oggi; d'ora in poi ogni lunedì sarai completamente nekkid! Quando i negri si presentano a collezionare, non vogliamo che nessuna madre fotta vestiti sulle nostre puttane! Dat significa TUTTO il lunedì! Perché vedi, non battiamo un fottuto orologio! La domenica sera quando vai a letto, se indossi anche un cappello è meglio che ti svegli a mezzanotte e ti tolga quella merda! Hai perso tutti i fottuti privilegi sull'abbigliamento del lunedì di tua madre!

Sherri: “Ma… cosa succede se devo lavorare di lunedì? Voglio dire, a volte mi programmano.

Tony: “Allora è meglio che tu vada a lavorare nekkid! O chiamare malato o qualche merda! Ora togliti subito tutti quei fottuti vestiti! Dai…. andiamo!"

Sherri si accigliò un po' ma obbedì alla sua richiesta e si tolse tutti i vestiti comprese le scarpe da ginnastica. Due minuti dopo, era lì completamente nuda di fronte ai due enormi uomini di colore mentre stavano tutti lì in soggiorno. Lei mosse nervosamente le braccia, volendo coprirsi meglio che poteva ma anche temendo di essere rimproverata per averlo fatto. Alla fine ha semplicemente abbassato le braccia goffamente lungo i fianchi.

Tony: “Cos va meglio. Ma a giudicare da quella faccina accigliata, non credo che tu capisca la gravità di questa faccenda. Quindi, lascia che ti chieda questo; hai mangiato qualcosa oggi?"

Sherri: "Cosa?"

Tony: “Puttana mi hai sentito! Hai mangiato qualcosa oggi?"

Sherri: “Beh, in realtà no. La mia mente è stata occupata in altro modo.

Tony: “Bene! Mettiti in ginocchio allora! Abbiamo una sorpresa per te! Andiamo GU!

I due neri iniziarono a togliersi tutti i vestiti mentre Sherri si inginocchiava davanti a loro. Osservò i loro grandi martelli neri oscillare tra le loro cosce a metà cavedano. Anche semi-eretti i loro peni sembravano stranamente enormi. Istintivamente, Sherri ha allungato la mano verso il cazzo di TW ma lui le ha spinto via la mano con sua sorpresa.

Tony: “Naw cagna non ancora! Ti daremo qualcosa da masticare prima! Vedi, entrambi ci gireremo e tu prenderai quella tua bella lingua bianca e leccherai entrambi i nostri fottuti culi puliti!

Un'espressione di orrore le attraversò il viso. Leccargli il culo? Disgustoso! Di tutto il sesso a cui ha partecipato durante il programma da quando è entrata in palestra, pompini e sesso etero sono tutto ciò che ha fatto. Ora le veniva detto di mettergli la lingua nel culo e non sapeva se poteva farlo. TW si voltò e infilò il suo buco del culo puzzolente proprio vicino alla sua faccia mentre OJ la fissava con un sorriso sciocco.

Tony: “Dai cagna! Alza la lingua lì dentro! Ieri sera ho mangiato delle patatine fritte e un big mac, vediamo se riesci ad assaggiarlo!

Sherri: “Ewww! Puzza!"

Tony: “Certo che lo fa! È un fottuto stronzo di madre! Adesso datti da fare adesso! Non sto giocando!

Si sporse in avanti e tirò fuori la lingua senza entusiasmo con gli occhi socchiusi e un'espressione disgustata sul viso. TW si allungò e le prese la parte posteriore della testa e spinse con forza il viso nel suo ano e la sua lingua andò dritta nel suo buco. Le teneva ferma la testa e il suo naso era schiacciato contro il suo culo peloso.

Tony: “Ah sì! Dat's It Cagna! Vai in profondità là dentro! Metti le mani sulle mie guance e aprila! Pulisci tutta quella merda!

Sherri alzò le mani e allargò le chiappe di TW. Era davvero rivoltante, ma non c'era niente che potesse fare. Il sapore era orribile ma migliorò mentre leccava e bagnava tutto con la sua saliva. Era degradante e orribile. Ha leccato il suo puzzolente nodo a palloncino per i successivi cinque minuti.

Tony: “Aight, è abbastanza! Prenditi cura di OJ ora!

Sherri scivolò sul pavimento in ginocchio e Orville si voltò per accoglierla. Ha scosso la testa disgustata per un momento, ma poi si è impegnata ed è andata a fondo e ha infilato la faccia tra le natiche di OJ. Ritornarono l'orrendo odore di merda e il sapore sgradevole che di nuovo fecero venir voglia a Sherri di vomitare. Per i successivi dieci minuti Sherri ha poi ruotato la sua leccata tra i culi dei due uomini di colore. Sembrava un'eternità ed è durato fino a quando TW è improvvisamente scomparso in bagno e quando è tornato è stato con una bottiglia di collutorio. Ha gettato la bottiglia ai piedi di Sherri.

Tony: “Aight, è abbastanza! Sciacquati la bocca!”

Prese felicemente il collutorio, ne bevve un bel sorso e se lo fece girare in bocca per qualche secondo. A questo punto aveva paura di alzarsi, quindi l'ha semplicemente inghiottito.

Orville: “Dannazione G, non ho mai avuto una puttana che mi leccasse il culo! Questa cagna è cattiva!

Tony: “Beh, se non lo era, sarebbe così adesso! Aight, alzati su quel divano! Sto cercando di darmi un po' di quella figa!

Sherri si asciugò la bocca con il braccio e andò a sdraiarsi sul divano. Quando TW le si avvicinò, lei sollevò in aria le gambe deliziosamente lunghe e si assicurò i talloni sulle sue grandi spalle larghe. Le infilò l'indice nella figa e lo mosse un po'. Era come se stesse controllando il suo olio.

Tony: “Sì! Più umido di un figlio di puttana!

TW sorrise poi spinse lentamente dentro di lei ben quattro pollici del suo cazzo. Alla terza spinta mandò completamente dentro tutti i nove pollici e li tenne lì per circa tre secondi. Poi ha tirato fuori tutto e ha sculacciato l'esterno della sua vagina con la parte inferiore del suo albero prima di riportarlo a tutta forza in questo momento fino all'elsa. La bocca di Sherri si aprì e per alcuni secondi non emise alcun suono. Poi ha iniziato a gemere.

Sherri: “Oh cazzo! Cazzo sì! Oh, piccola, è così bello!

Tony: “Dai GU! Riempile la bocca e zittisci questa puttana!

Orville si avvicinò e mise il suo cazzo dalla pelle macchiata in faccia a Sherri. Ha preso circa due pollici dei suoi dieci pollici nella sua bocca e ha iniziato a succhiare. L'hanno disossata in quel modo per i successivi dieci minuti prima di cambiare finalmente posto. Sherri è arrivata due volte in quei dieci minuti e poi ancora una volta dopo il cambio. Quando si scambiarono di nuovo, la misero a quattro zampe e le presero la bocca e la figa in quel modo. Sempre più forte hanno picchiato la bionda sexy. Il primo a spararle addosso è stato Orville. Ha dipinto il suo bel viso con il suo caldo sperma nero appiccicoso, accecandola temporaneamente. TW poi è arrivato e ha seguito l'esempio con un altro lotto, rendendo inutile cancellarlo.

Tony: "Ora ci fotteremo quel culo!"

Sherri: “Aspetta... cosa? Il mio culo?!?!?”

Tony: “Merda sì cagna! Ti impegni per molto più che solo figa! Hai ancora un buco nel pagamento e questa particolare agenzia di riscossione qui non lascia soldi sul tavolo!

Sherri: "Soldi sul tavolo?"

Orville: "Quello che il brutha sta cercando di dire è, piegati!"

Sherri non aveva mai avuto un pene nel buco del culo prima. Il solo pensiero la spaventava. Si chinò sul bracciolo del divano, posandosi provvisoriamente su alcuni cuscini impilati per sostenersi e allargò le gambe contro il lato del divano. TW ha spinto la gamba destra di Sherri sul bracciolo del divano, gli ha sputato in mano e ha iniziato a spalmargliela attorno al suo piccolo sfintere raggrinzito. Il suo ano era stretto e ogni volta che TW premeva l'indice contro il suo buco sembrava che lo stesse risucchiando come un uccello farebbe con un verme. TW ha quindi preso il suo succo di figa e lo strumento coperto di sperma e ha iniziato a lavorarci a prescindere.

Sherri: “Ohhhhhh! Oh Dio! Fanculo!" È troppo grande! Per favore. Fa male! È troppo grande! Non puoi adattarlo! Nooooo! Nooooo! Per favore fermati!"

TW ha continuato il suo assalto di cazzo mostruoso nero al piccolo ano bianco di Sherri. Il piccolo buco del culo stretto stava cercando di rimanere intatto, ma con ogni colpo della testa carnosa del cazzo di TW l'elasticità dei suoi O-ring iniziava a mostrare segni di usura fisica. Ci sono voluti ben quattro minuti e mezzo per entrare finalmente. Dieci minuti dopo, TW aveva i suoi nove pollici pieni che martellavano dentro e fuori dal suo sfintere con facilità, schiaffeggiando le sue grandi palle nere contro le labbra della figa di Sherri ad ogni spinta. Il suo comportamento è cambiato e sono sparite le paure di avere un grosso pene nero che se la fotteva nel culo.

Sherri: “Ahh-AHHHHHH!!! Oh, cazzo sì! Fottimi il culo! AHHHHHH!!!!!”

Tony: "Vedi cagna, la parola 'non posso' non esiste quando si parla di cazzo nero."

TW ha continuato a sbattere il suo cazzo nel buco del culo allargato della formosa bionda. Orville guardava con un sorriso sul volto mentre si tirava il cazzo, facendolo scattare sull'attenti. TW è andato altri cinque minuti prima di tirare finalmente fuori e spruzzare il suo seme su tutta la schiena di Sherri. Ha pompato il suo cazzo contro la parte superiore del culo di Sherri per qualche altro minuto cercando di drenare l'ultimo sperma.

Orville: “Va bene negro, fuori dai piedi! Fammi prendere un po' di dat!

Gli uomini si spostarono. Orville si è messo dietro Sherri e ha iniziato a nutrire il suo cazzo nel suo buco del culo spalancato. Il cazzo di OJ era leggermente più grande e più largo di quello di TW, il che significava che la cavità anale di Sherri stava per essere allargata un po' di più. TW è strisciato sul divano vicino alla faccia di Sherri per farle leccare il cazzo. In poco tempo i suoni della carne che schiaffeggia la carne e le urla di piacere sessuale di Sherri echeggiarono di nuovo dalle pareti mentre Orville martellava i suoi 10 pollici dentro e fuori con potenza e vigore.

Sherri: “Oh sì! SÌ! SÌ! Fottimi il culo! Fanculo! Più forte! Dammi tutto quel cazzo nero! O si! Sìaaah! Oh cazzo!

Alla fine, Orville si è irrigidito ed è venuto duro nel buco del culo ben fottuto di Sherri. La sensazione era così paradisiaca che anche Sherri venne duro e finì per fuoriuscire da tutto il bracciolo del divano. Alla fine OJ si tirò fuori e anche Sherri lo leccò pulito.

Orville: “Dannazione! Questa cagna è stata una scopata ultra! Spero di ottenere presto un altro pezzo di dat!

Tony: “Oh, faremo funzionare il treno regolarmente su questo Ho! Cagna ci vediamo la prossima settimana!

Detto ciò entrambi si vestirono e se ne andarono. Sherri è rimasta sul divano per un po'. Si è goduta ogni parte di quella scopata e non avrebbe mai pensato che prendere un pene nel suo buco del culo sarebbe stata una tale eccitazione. Alla fine si è alzata ed è andata in bagno e ha cercato di rimuovere quanto più sperma possibile dal culo. Non importa quanto ha spazzato via, ne sarebbe fuoriuscito dell'altro. Alla fine si è arresa ed è finita per andare a letto.

Il giorno dopo, Sherri ha dormito per la maggior parte del tempo. Alla fine è scesa dal letto verso le 16:00. Mentre camminava per casa sua, il suo buco del culo era molto dolorante. Sembrava che ci fosse ancora qualcosa dentro. Camminando male, sedendo male, alla fine afferrò il cellulare e andò al divano del suo soggiorno e si sdraiò su un fianco. La pozzanghera di succhi sessuali che si era fatta la sera prima era ormai prosciugata e c'era una grossa macchia sul bracciolo del divano e sul cuscino più vicino. Ha appena girato il cuscino e ha chiamato il signor Johnson.

Sherri: “Salve, signor Johnson. Mi chiedevo se la mia amica Elena si è fatta viva questo fine settimana.

Flash: “Sì, è arrivata domenica. Più grasso di un figlio di puttana però. Mi ci vorrà un po', ma io e i ragazzi ci fotteremo il grasso proprio da quella puttana! Ho sentito che l'hai preso nel culo ieri sera?"

Sherry: “Ah. Sì. Non me l'aspettavo".

Flash: “Beh, ora che sanno che puoi prenderlo, vorranno farlo di nuovo. Se fossi in te, andrei a prendermi un plug anale. Un grosso fottuto. Se indossi sempre uno di quei figli di puttana, il tuo culo si abituerà.

Sherri: "Ok, grazie, signor Johnson."

Si sono salutati e lei ha riattaccato. Sherri era preoccupata di prendere di nuovo cazzi nel culo. Si allungò indietro e sentì il suo buco dolorante e raggrinzito con le dita e sembrava ancora che fosse aperto. Non era spalancato come la sera prima, ma era ancora aperto, molto tenero e trasudava sperma. Dopo essersi preoccupata per il resto della notte, ha deciso che se l'avrebbero fottuta in quel modo in futuro, tanto valeva rendere le cose il più confortevoli possibile. Non voleva provare di nuovo quel tipo di dolore, anche se era seguito da tutto quel piacere.

Ha deciso che sarebbe andata in un negozio di porno. Il signor Johnson le aveva parlato di un posto chiamato The Fun Zone a poche città da dove abitava. Era a venti minuti di taxi. Il negozio era un piccolo buco nel muro e, date le 9:30, aveva pochi clienti. Sherri non aveva idea di cosa cercare, quindi si avvicinò al commesso di mezza età al bancone.

Sherri: “Scusi? Sto cercando qualcosa ma... Oh, cavolo, questo è imbarazzante…”

Impiegato: “Va bene tesoro, ho sentito tutto. Non devi essere imbarazzato.

Sorrise in modo inquietante e quando lo fece, lei poté vedere il suo dente anteriore mancante. Sherri poteva sentire i suoi occhi vagare per il suo corpo, cosa che la metteva molto a disagio. Era squallido e sovrappeso, bianco, barba, con lunghi capelli unti raccolti in una coda di cavallo. Assomigliava esattamente al ragazzo dei fumetti dei Simpson. Era disgustata da lui e voleva semplicemente andarsene, ma sapeva che non poteva finché non avesse ottenuto ciò per cui era venuta.

Sherri: “Ho sperimentato il sesso anale. Sto cercando qualcosa che possa rendere le cose... sai... più facili e meno dolorose."

Impiegato: "Beh, vediamo, questo qui potrebbe fare il trucco."

L'impiegato ha messo un tappo d'argento sul tavolo fatto di metallo. Sorrise di nuovo in quel modo squallido e raccapricciante con i denti spaccati.

Sherri: “Io... hmm. Non credo che sarà abbastanza grande.

Impiegato: “Non abbastanza grande? Questa cosa è standard e aprirà la cavità anale di un buon pollice e mezzo di diametro.

Sherri: "Oh, ho dimenticato di dirtelo... mi ha mandato Flash Johnson."

Impiegato: “Oh capisco! Sei una delle ragazze di Flash. Bene, bene bene... Oh, allora questo qui proprio non va bene. Avrai bisogno di un aiuto estremo!

Il comportamento dell'impiegato è cambiato e il sorriso inquietante è scomparso. Quando ha visto Sherri entrare per la prima volta nel negozio, ha identificato la bella ragazza bionda come qualcuno che era solo giovane e sposato da poco che stava cercando di provare qualcosa di nuovo con suo marito. Ora sapeva che era una delle puttane bianche di Flash che veniva scopata regolarmente da grossi cazzi neri e che doveva essere più professionale.

Impiegato: "Aspetta solo un secondo, so esattamente di cosa hai bisogno."

Armeggiò nella stanza sul retro del bancone per alcuni minuti e alla fine riemerse con una scatola di cartone che aprì e ne mise il contenuto sul bancone. Erano neri, di gomma e di tre misure diverse. Avevano ciascuno la forma di una vanga, quasi triangolare in quanto la parte superiore era il punto più sottile e sembrava la testa di un pene, e man mano che scendevi gradualmente lungo l'asta la sonda si allargava. Subito dopo la parte più larga del pozzo, c'era un calo completo in larghezza che era come il gambo di una vanga. Oltre a ciò c'era una parte circolare piatta che si sarebbe aggrappata al tuo culo dopo che l'intera sonda fosse stata completamente inserita.

Impiegato: “Questo qui è un tre in uno. È un set di allenamento per il sesso anale. Li indossi ciascuno nell'ano per due giorni buoni ciascuno, iniziando da quello più piccolo e la tua cavità anale inizierà ad abituarsi ad avere cose grandi dentro.

Sherri guardò le tre sonde anali di gomma nera davanti a lei. Il primo era lungo sei pollici e nel punto più largo aveva un diametro di due pollici. Il secondo era lungo otto pollici e nel punto più largo aveva un diametro di tre pollici. L'ultimo però era stranamente grande. Era lungo dieci pollici e largo cinque pollici di diametro nel punto più largo.

Impiegato: “Ora questa cintura elastica regolabile qui ti circonda la vita e si attacca alla parte inferiore delle sonde tenendole comodamente in posizione durante la tua giornata. Aggiungerò gratuitamente questo grosso tubetto di lubrificante, ci sarà qualcos'altro?"

Sherri si è guardata intorno nel negozio molto velocemente e poi è tornata all'impiegato e poi ha sorriso.

Sherri: "No, credo che sarà così."

Ha pagato il kit e poi se n'è andata. Durante il viaggio in taxi verso casa, iniziò a fantasticare su come sarebbe stato indossare una delle sonde anali nel culo tutto il giorno. La sua figa ha iniziato a rispondere al pensiero di avere di nuovo aperto il buco del culo e si stava bagnando abbastanza per i pensieri. C'era anche una strana sensazione di prurito nel suo retto che la metteva a disagio. Il tipo di prurito che necessitava di un sollievo immediato. Anche i sobbalzi del viaggio in taxi non l'aiutarono a dimenticare il prurito, mentre rimbalzava sul sedile posteriore.

Sherri finalmente arrivò a casa e non vedeva l'ora di entrare in casa. Andò dritta in camera da letto e armeggiò nervosamente per aprire il suo nuovo acquisto. Una volta che fu tutto aperto e sparso sul suo letto, lubrificò molto generosamente la più piccola delle tre sonde, poi la posò sul pavimento. Poi, mentre si toglieva le mutande e si tirava su la gonna intorno alla vita, si accovacciò sopra la sonda lubrificata e la fece entrare con cautela nella sua cavità anale. Il suo buco del culo dolorante si aprì verso l'esterno e il dolore sembrava che la sua pelle si stesse lacerando. Digrignando i denti, Sherri lo infilò lentamente sperando che il lubrificante le medicasse in qualche modo il buco del culo. Dopo aver inserito la punta della sonda, ha spinto lentamente il suo peso sopra la sonda e ha iniziato a fotterla cercando di farla entrare più a fondo e alla fine completamente.

Sherri: “Oh cazzo! Questa cosa è enorme!

Ogni volta che scivolava verso il basso sulla sonda, poteva sentirla allargare sempre di più il suo buco del culo. Era come se stesse cercando di prendere un cono arancione da cantiere su per il culo e la sua pressione la faceva sentire così piena. Alla fine, dopo venti minuti di stipata, sentì il sedere oltrepassare la parte più spessa e cadere a filo contro la parte piatta e rotonda in fondo. I sei pollici completi della sonda erano ora tutti dentro il suo culo e se lo legò intorno alla vita con la cintura. Quando si alzò e camminò, poteva sentire la sonda sfregare contro le pareti della sua cavità anale e si sentiva benissimo più si muoveva.

Sherri ha trascorso i successivi cinque giorni indossando le sonde anali e il suo sfintere rispondeva rimanendo dilatato e aperto ogni volta che ne veniva rimossa o sostituita. Ha iniziato a diventare più facile aggiungere e rimuovere le sonde da e verso il suo retto. Al terzo giorno, aveva deciso di non indossare più le mutandine perché con la sonda nel culo, la sua figa era costantemente bagnata. Il lunedì mattina successivo, Sherri aveva trascorso quasi 22 ore al giorno con almeno una delle sonde anali che le tappavano il buco del bardotto. She remembered what TW had told her about clothing on Mondays and she made sure to stay completely naked the entire day. Around 6pm that night, TW arrived along with OJ and this time they had Curtis Struthers with them.

Tony: “Hey bitch! How it be?”

Orville: “All ready for some more nigga dick?”

Sherri: “Uh huh.”

TW grabbed Sherri and forcibly turned her around and then pushed her back down and bent her over. He pulled her ass cheeks apart and spread them as wide as he could.

Tony: “See dat? Two black bones a mother fuckin’ week ago and the bitch still be opened.”

Orville: “Shit, I’m going in nigga!”

OJ nudged TW aside with one hand and pulled his semi-erect dick out of his sweat pants with his other. Seconds later he was feeding his blotchy ten inches into Sherri’s gaping asshole. After a full week of anal probes, Sherri’s ass was better accepting and she took OJ’s cock completely in immediately balls deep to the hilt.

Sherri: “Oh fuck! Oh Dio! Fottimi il culo! Yeah!”

OJ pounded Sherri’s stink hole with hard and powerful thrusts peppering her pussy lips with slaps from his huge black balls again. Sherri bent over further to the floor to secure her balance. It took six minutes of pounding, but OJ finally pulled out and jacked his hot sticky seed all over Sherri’s back.

TW and Curtis were already naked by this point. TW then lifted up Sherri by her waist and walked her into the bedroom and threw her onto her bed. She turned around onto her back and TW lifted her legs high in the air. He then fed his black cock into her pussy which was drenched with sexual excitement.

Tony: “Damn this bitch is tight!”

Orville: “Yeah…yeah…yeah! Fuck that white Ho! Here bitch! Clean your ass off my cock!”

OJ stuffed his ass-juice glistened cock into Sherri’s mouth and she worked her mouth over it trying her best to clean it up. Meanwhile TW pounded her pussy sending her into orgasmic ecstasy. TW then pushed her legs up further and adjusted his fucking up a little higher. From behind TW, Curtis then pushed his wide nine inches into Sherri’s ass making her scream out.

Sherri: “AAAAAHHHHHHHH! Oh my god!”

The three of them then stuffed her three fuck holes air tight for the next ten minutes or so until TW tensed up and filled her cunt with his black cum. The next three hours was more of the same. Each man took turns in each of her holes, making sure to dump a cum load deep into all three at some point. Sherri herself came hard four more times as the three black men fucked her senseless in multiple positions.

Tony: “Bitch if we didn’t knock yo ass up today, then we never will!”

Curtis: “Sheet mon, dere be a black baby in dere real soon!”

OJ pulled his cock from Sherri’s mouth and painted her face with some more black cum making sure to drench her eyes and nostrils in the process. The three men then started to get dressed, leaving the well fucked blonde on her bed wiping the cum from her eyes.

Sherri was a sweaty cum stuffed mess again and she finally sat up when she heard them all leaving. ‘What if she was pregnant?’ she thought. How could she ever tell her parents? What about her two brothers? What would they say? It was at this point that Sherri felt that she would have to start taking some kind of birth control. She wasn’t ready for a baby period let alone a black one.

The next two Mondays was more of the same. One week she was gang banged by four of them when Nick Anvayney joined in on the crew. At one point she two cocks in her ass simultaneously which was a physical feat onto itself. Between the black cocks and the anal probes, Sherri’s asshole was perpetually stretched open. It had been four weeks now since Sherri spoke to her friend Elena. Each week she signed her pay check, cashed it and then mailed the majority of it to Mr. Johnson at the gym.

The extreme changes in Sherri’s life were now shaping her future. She missed work three Mondays and Tuesdays in a row which made the boss at the secretarial pool concerned. When she was in work, she stopped talking to co-workers and kept mostly to herself and her duties, mainly because she didn’t want anyone to know that she was still wearing the anal probes in her ass to keep her anal cavity opened.

At the gym on Tuesdays and Thursdays, Mr. Johnson wasn’t there during her workouts anymore. Slick Willie Williams was in charge of her weekly workouts now and aside from the blow job that she was required to give him at the beginning of each session, sex wasn’t part of her workouts anymore. Her body was saved for paying off her gym fees so it was a blowjob, weights and exercises, then all done each time. Sherri didn’t mind blowing Slick Willie who was in his late 40’s. His cock was only a thin 7-inches, and after being exposed the last month or so to cocks that were much bigger and girthier, she was able to take it with ease and make him cum faster than the others.

At home, she was taking estrogen and progesterone daily for birth control to combat her weekly Monday fuck days and all of the black sperm that was being splooged into her. Contact with family members and friends dwindled down to a bare minimum. The only person that she knew of that was going through the same experience as her was Elena and she didn’t want to call her because she was afraid that she might interrupt the program. Then that Sunday Sherri received a rogue phone call from Mr. Johnson. She hadn’t spoken to him since the day after her first Monday fucking.

Flash: “Hey bitch. Just calling to tell y’all that your new training times on Tuesdays and Thursdays will be at 2pm every week.”

Sherri: “What about Mondays?”

Flash: “Mondays what? Yo white ass is in arears remember? That shit doesn’t stop until you paid in full! So that particular collection agency will be collectin’ indefinitely!”

Si fermò per un momento. Sherri thought about what he just said and how many Mondays she would have to endure TW and the rest of his clan. She shuddered at the thought of Monday sex, followed by Tuesday morning work, followed by Tuesday afternoon workouts. This was going to happen every single week and Sherri for the first time was thinking that her job might not be as important. Quitting would mean that she couldn’t pay the back or current gym arrears so it looked like there wasn’t a way out.

Flash: “Now, there IS a few ways to expediate all dat. Se sei interessato."

Sherri: “Expediate? I’m afraid I don’t understand.”

Flash: “Well, I know a lot of niggas. I know niggas who own clubs, niggas who have money, and I also know a ton of broke ass niggas that wouldn’t mind gettin’ a white piece if ya know what I mean. I know three ways dat you can quickly get me my money. They called; Train, Dance, or Auction.”

Mr. Johnson paused again this time for a response but Sherri didn’t answer. She was still confused but intrigued by what the alternatives to her status quo could be. She listened intently to his explanations.

Flash: “Okay I see by your silence you interested. First, I got Dance. I know this brother who runs a strip joint downtown called Juicy Jiggles. The offer is six nights a week, you shake your shit on the stage at JJ’s for a full year. Mondays and work-out days stay the same during this.”

She actually wouldn’t mind stripping. The only thing that makes this option unattractive was that she still would have to do Mondays. Lui continuò.

Flash: “Second, I’ve got Train. Five times in a month’s time, I send every nigga I know to your house in a 24-hour period and you take care of them one by one. On this option, Mondays and workout days are rescinded.”

Sherri: “No Mondays? Mi piace che! Aspettare…. how many men each time?”

Flash: “Shit girl, I just said I know a lot of niggas! Could run close to a 100. Maybe even 150.”

Sherri: “A hundred and fifty! That’s a lot! What’s the last option?”

Flash: “The last one is Auction. I sell your debt to the highest bidder and whatever nigga buys your ass, you become his problem. Usually you become his escort and you end up doin’ whatever that motherfucker wants. Mondays and workouts are rescinded here too.”

Sherri: “You mean, become his slave?”

Flash: “Depends on the nigga! Shit I’ve seen bitches become wives and shit through this option! And these mother fuckers have some real dough! Could be worse alternatives. There is the probability dat you get a hardcore nigga too.”

Sherri’s heart sank. There was pluses and minuses with each option. The stripping one, and far more attractive option, was the only one that would require her to continue workouts and Mondays. The Train was the shortest in time served, but to Sherri that was just way too many sex partners. She’d be opening herself up to STD’s and diseases. The irony of getting banged just a few weeks ago by four black cocks amazingly was lost on her thinking here though.

Now, the escort option would get her away from the gym and Mr. Johnson. But it was a crapshoot on who would end up buying her ‘contract’. The way she was just told, there would be a 50 percent chance that she could end up in a worse situation. Still though, Mondays would be over with and she could easily end up in a better situation instead.

Flash: “Well Miss. Kimbelsen, I don’t have all day. What’s it gonna be?”

Sherri: “I guess I’ll take…I think I want the Auction.”

Flash: “Really? Oh! I wasn’t expecting that choice. I mean, it’s more money in MY pocket, but alright! Come to the gym tomorrow night at 9pm. Mondays and workout days are now officially done. Wear a trench coat and heels and nothing else. And Miss Kimbelsen, if you don’t show…then everything you owe becomes doubled. You hear me?”

Sherri: “Yes. Io faccio. I’ll be there. I just want to pay off what I owe.”

Flash: “Oh you will, and then some. After tomorrow night you and I will be squared away.”

They hung up the phone. Sherri sat there for a while and thought hard about the decision that she just made. There was no going back now. The more she thought about it, being an escort to just one man was the way to go. There was a hell of a lot of risk though. Risks that the pretty white blonde didn’t think of but soon found out.

The auction night finally came. Sherri showed up at the gym ten minutes early and was met by Mr. Johnson just inside the door. Inside, the gym was darkened except for one area in front of the locker room that had an elevated platform-like stage, and what looked like about a dozen chairs in front of it. The ‘stage’ area was all lit up and there was a large black curtain pulled behind it in front of the locker room doors.

Flash: “A little early I see. Good job Miss. Kimbelsen! There’s a couple of other girls in the locker room already. In a second, I want you to go join them. First, the ground rules! When this shit gets started and you come back out here, leave that fucking coat in the back! You can leave the shoes on but that’s it! When you git up on the stage, you take whatever direction that is told to you! And don’t fucking talk at all! Not one word, you hear me?”

Sherri: “Yes.”

Flash: “Good! Now git in the back with da other bitches!”

In the locker room, there were three other women and they were all hanging around completely naked. There was a very tall pale redhead with longer legs than Sherri had wearing just a pair of white heels standing against some lockers smoking a cigarette. Her name was Amber and she looked to be in her mid-twenties. She had a piece of masking tape on her left shoulder that read ‘Amber – Santa Barbara’.

In fact, the other women had masking tape on their shoulders too. Sitting down on a bench both with their legs crossed was a short young Oriental girl with short black hair, and next to her was an older woman with long light brown hair. The Oriental girl was named Jade from Osaka, Japan, and the other woman’s tape read ‘Claudia – Phoenix’. The brown-haired woman was also smoking a cigarette. When Sherri walked in, they all looked at her with blank looks on their faces.

Claudia: “Come on in honey. Get undressed and write your name and where you’re from on some tape over there. Better hurry because I believe they’re about to start.”

Sherri quickly took her robe off and was now completely naked except for her heels just like the others. She took the sharpie and tape and wrote ‘Sherri – San Diego’ on it and then affixed it to her left shoulder.

Sherri: “So anyone like know how this all goes? I mean, what exactly is gonna happen here tonight?”

Amber: “You’re being sold blondie! Noi siamo tutti. There’s a couple of rich niggers out there that are gonna bid big money on each of us.”

Sherri: “So this is like some kind of sex trade? Like the ones I’ve seen on TV?”

Claudia: “It’s not as bad as all that honey. I’ve been through this before.”

Sherri: “Wait…before?”

Claudia: “Yes. I was ‘sold’ to a very old black man two years ago. Technically, I was loaned to him so that’s why I still owe Flash money. The old man was alone, in his 60’s, and he had heart disease. I was told to do whatever he wanted, which I did. It wasn’t a bad gig. He only wanted sex once a month and I cooked and cleaned for him daily. We didn’t leave the house often because of his afflictions. Then one day, a few weeks ago, he died suddenly of a heart attack. I was told to come back here and go through it all again. Yay for me, right?”

The older woman took another long drag of her cigarette then expelled out the smoke and it formed a big white cloud above her head. She looked to be about late thirties or even early forties, but truth be told she was only 33 years old. The cigarettes combined with the hard life that she was leading had withered her appearance a bit. She was still very pretty though.

Amber: “I just hope all these guys are from America. I really don’t want to end up overseas. I mean, it’d be alright for this little rice cake here, but…in fact…”

The tall redhead stopped mid-sentence and just shook her head and laughed as Jade looked up at her with an angry look on her face. Amber then walked by them all over to the locker room door and took a peek out into the gym.

Amber: “Oh shit! There IS a couple of foreign guys out there. One of them is wearing one of those long white Arab getups too! Sai…. sheets and all. Fanculo! Damn, I hope he don’t buy me.”

Sherri started to get nervous about this whole thing. All'estero? Could she really end up having to go with some stranger out of the country? She walked over to the bench and sat down on the other side of Jade and crossed her legs. The tiny oriental woman was very cute and extremely young. Sherri didn’t find out until later that Jade was 19 years old but she could definitely pass for much younger.

Jade was a foreign exchange student from Osaka, Japan who came to America to attend Berkeley. Just like most of Mr. Johnson’s girls, she was introduced to the gym as a pledge from another girl who had already gone through the program. Yes Mr. Johnson had a very intricate racket going, far bigger than first appearances.

Sherri: “So how much do you all owe Mr. Johnson?”

Amber: “Does it really matter? Asshole put us all in debt and now we’re all royally fucked! If my Father ever finds out how many black men…how much black dick I’ve had sex with this past month he’s gonna kill me! That’s if I ever see him again. What’s the difference, I can’t ever go home again. Might as well end up with some black asshole from another country.”

She threw her cigarette on the floor and then stepped on it with her heel. She then walked back over to the lockers and sat down on a chair by them. Sherri looked back over towards Claudia’s direction. But before she could ask anything, Clevon Lawson, another one of Flash’s workers came in. Sherri hadn’t met him yet.

Clee: “Aight ladies, let’s see what we got here! Listen up, here’s how it all go tonight! When I point at you, you’re next! You go out, walk around a little and if one of them niggas asked you to do something….do it! When it’s done, you go with who ever bought you. Your belongings will be brought to you before you leave. DO NOT come back in here! Okay…...you! You’re first. Get your little China ass out there!”

Jade: “I’m from Japan.”

Clee: “Like it really fucking matters! Get yo little ass out dere!”

Jade got up and tentatively walked towards the door, and then finally disappeared out to the stage. They could hear the hoots and hollas coming from the gym as Jade showed them all of her naked wares. Of the four women on auction that night, Jade was the shortest, youngest, and she had the smallest breasts. Claudia was the oldest and most full-figured, and of course well experienced. Amber was the tallest, and probably the prettiest. Sherri fit somewhere in the middle of the four of them in all mentioned categories.

Amber: “Geez. Would you listen to them? Girl must be dancing her little heart out.”

Claudia: “Oh there isn’t any dancing. Not unless they ask for it. You’re just supposed to stand there and turn when you are told to. It’s not bad actually.”

Twenty minutes later Claudia was called to the stage. Then shortly afterwards Amber got the call. Sherri was last called and when she finally got out to the stage, she couldn’t believe how dark it was. She could barely see the men sitting in their chairs, but she could hear them laughing and talking amongst themselves. Then Mr. Johnson spoke on a microphone.

Flash: “This one here is brand new! 24 years old, a secretary from San Diego! Really likes it in the ass! Bidding starts at $5000. Hey Miss Kimbelsen bend over and spread your ass for them.”

Sherri turned around and then bent over and pulled her ass cheeks apart. Her asshole was still dilated a little due to the butt plug probes she’d been using. She was a bit upset that Mr. Johnson stated that she liked anal when truth be told, she was trying to get away from it. So much so that she was willing to be sold to the highest bidder in hopes of never having to do it again. She was too naïve. The next thing she heard was men from the crowd yelling out and making bids.

Man #1: “$5500.”

Man #2: “I need me some dat azz! $7500!”

Man #3: “Ten thousand!”

Man #2: “You giraffe foocker! Ancora due! I bid twelve grands!”

Man #3: “Man who the fuck you callin’ a giraffe fucker? Fuck you, nigga! 15 grands!”

As the two men argued a fourth voice from the back chimed in with an unheard-of bid which silenced them and got gasps from the other men in the gym.

Man #4: “Fifty thousand dollars.”

Sherri couldn’t believe what she just heard. $50,000 was ten times the money that Mr. Johnson opened her bid on. She stood there bent over with her ass cheeks still spread, looking back between her legs trying to see the faces of the men in the chairs but to no avail. It was just too dark.

Flash: “Going once? Going twice? Sold to the African Prince.”

A tall skinny African woman who looked to be in her forties came out from the darkness and then climbed up onto the stage. She was barefoot, and wearing an African style long dark orange skirt that went all the way down to the top of her ankles. The rest of her body was completely bare of clothing, wearing only a multi-flowered lei around her neck. The woman’s large black breasts hung down low below the lei, and her nipples were pierced with large silver rings and a chain was connected to both of the rings and both of her large pink nipples pointed down towards the floor.

The black woman had a collar and leash set and she affixed the collar around Sherri’s neck then quickly walked her from the stage. She led Sherri to the back door of the gym and outside to a long dark black limousine. The woman then removed the leash from the collar around Sherri’s neck.

Black Woman: “Get inside and wait. Go on now…do as I say.”

Sherri got into the limo and noticed that someone else was sitting in there. It was Jade, the young oriental girl from the locker room. Jade also had a collar around her neck. She had tears in her eyes.

Sherri: “What’s going on? Dove stiamo andando?"

Jade: “We’ve been purchased by Prince Masango Kaluba. We’re going to Africa.”

Sherri: “Africa!!! No!!!”

Sherri turned and tried to open the car door but it was locked. She tried banging on it too but to no avail. The limo then suddenly started to move and Sherri just put her face into her hands and began to cry. Jade hugged her as the darkened limo moved swiftly through the streets. They drove for a good forty minutes before arriving at LAX. The limo continued on through the airport out towards the private plane tarmac towards a small private plane that was apparently owned by the Prince. Once the limo stopped, the partition to the front powered down and the black woman who had led Sherri to the limo on a leash was sitting there in the passenger’s seat.

Black Woman: “Here are your robes. You may put them on. We shall be waitin’ here until the Prince boards the plane, then we shall board ourselves.”

Sherri: “Excuse me, but I can’t leave the country. I have a job and an apartment; I’ve got my family…”

Black Woman: “Dat is all done for now my dear. You have to pay off your debts to the Prince now.”

Jade: “So where exactly are you taking us? Where is the Prince from?”

Black Woman: “We are goin’ to Africa and that is all that you need to know.

They sat for the next ten minutes in silence before they were allowed to board the plane.

Fine

Storie simili

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

532 I più visti

Likes 0

Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette...

543 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

529 I più visti

Likes 0

La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo. Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un...

347 I più visti

Likes 0

Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo... La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio. Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri. Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà? chiese una voce familiare. Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del...

321 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

137 I più visti

Likes 0

Domanda di un figlio curioso, seconda parte

Questa è la seconda parte di una serie che evolve sul sesso tra un ragazzo di diciotto anni e suo padre. Se non hai letto il primo; Ti consiglio di farlo. La prima storia era un mix tra prima e terza persona. Questo sarà interamente in terza persona. Quando James si svegliò per la prima volta nel letto di suo padre si chiese come fosse arrivato lì. Poi si ricordò che nemmeno nove ore prima lui e suo padre avevano fatto il miglior sesso orale che James avesse mai avuto. Dopo essersi seduto sul letto, sentì suo padre scendere le scale...

145 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.2K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.