Schiavo delle Amazzoni

2.1KReport
Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare.

Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli.

Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce.

L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male.

La polvere dei mercati è stata spazzata via. I lividi che le mie frustate avevano lasciato erano impantanati. Fui unto con oli profumati e rivestito con abiti semplici. Non potevo fare a meno di essere nervoso, però, perché gli uomini che mi facevano il bagno sussultavano a ogni rumore forte e tenevano gli occhi decisamente bassi.

Gli inizi possono ingannare.

Dopo essermi fatto il bagno, sono stato marchiato.

Gli altri schiavi mi condussero fermamente in un'altra stanza. Era di pietra nuda e odorava di sudore e dolore. Gli unici equipaggiamenti erano un camino e una serie di scorte. Non mi piaceva l'aspetto di questo, ma ce n'erano tre e solo uno di me. Sono stato costretto a inginocchiare davanti ai ceppi, poi costretto a entrarci. Lottai contro di loro, ma il bosco era inflessibile come gli schiavi.

Gli schiavi alimentavano il camino, o almeno credo che lo facessero. Era dietro di me, e così nascosto alla mia vista. Ma ho sentito il calore sulla schiena. Mi hanno tolto la vestaglia mentre se ne sono andati. Ho notato che le loro schiene - lasciate scoperte dai perizomi che erano tutti i vestiti che indossavano - portavano tutti marchi.

Sono scoppiato in un sudore freddo.

La donna che mi aveva comprato entrò nella stanza. Era feroce e sfregiata e non indossava altro che gli schiavi. Come tutte le Amazzoni, c'era una massa di tessuto cicatriziale dove era stato il suo seno sinistro. Un collare d'oro circondava ciascuno dei suoi bicipiti ed entrambe le sue orecchie erano ricoperte di borchie di ferro.

Ho deciso di sopportare il mio dolore virilmente. Sicuramente se fosse riuscita a sopravvivere alla rimozione del seno, avrei potuto resistere al marchio senza urlare.

È stato un bel pensiero.

Mi ha fatto il giro un paio di volte, rimanendo in silenzio. Non l'avevo mai sentita parlare. I suoi schiavi avevano contrattato per il mio prezzo, mentre lei guardava impassibile.

"Romperti sarà divertente."

La sua voce era profonda e grave. Mi fece venire in mente il basso rombo dei carri sulla terra battuta. Era la voce di una donna con la violenza nelle ossa.

Defiance sembrava intelligente in quel momento. Ho risposto al primo insulto semicotto che mi è venuto in mente.

"Divertente quasi quanto rompere il tuo imene sarà senza dubbio."

Non ha discusso, non ha sbraitato, ha semplicemente sorriso compiaciuto. Era molto più spaventoso dell'alternativa.

Si è girata leggermente e ho visto cosa mi ero perso prima. C'era un marchio e un bastone nella sua mano sinistra.

"Romperti sarà sicuramente divertente."

Lei camminava dietro di me. Ho sentito un tintinnio smorzato, quella che doveva essere stata lei a mettere il marchio nel fuoco. Il mio coraggio è fuggito.

“Guarda, sicuramente c'è un malinteso. Sono importante, potresti riscattarmi!"

“Mi offri dei soldi, ma a che serve rispetto al piacere? Il denaro può comprare piacere, certamente. Ma tu mi chiedi di scambiare il piacere che avrò ora con il piacere che potrei avere in futuro. Questo non sembra corretto".

"Per quello che ottieni per me potresti comprarne una dozzina come me!"

"Forse. Ma se vali così tanto, ti vorranno comunque anche se ti rompo. E se stai mentendo, almeno avrò avuto il piacere di spezzarti.

"Per favore! Non farlo!"

La mia voce era incrinata. Ero terrorizzato.

Ho sentito la sua mano sul mio culo. Lo accarezzò dolcemente.

“Forse non è necessario. Dimmi che vuoi essere il mio schiavo. Fammi credere che vuoi servirmi. Allora potrei decidere che non hai bisogno di essere marchiato.

Non ce l'avevo in me. Ero terrorizzato, ma non potevo chiedere l'elemosina. Non come quello. Non ancora.

"No? Allora immagino che tu stia solo sprecando il mio tempo. Imparerai presto che c'è una severa punizione per questo.

Non c'era alcun preavviso del colpo sul mio culo, solo l'improvviso sbocciare del dolore. Fece più male di tutte le frustate che mi erano state date durante la mia marcia forzata qui. Mi ha tolto il respiro. Non potevo fare a meno di urlare.

“Dopo ogni colpo, dirai 'Grazie maestro, quello era uno, un altro per favore', 'Grazie maestro, quello era due, un altro per favore'' e così via. Se ne perdi uno, ricomincerai da capo. Potrei smettere una volta che conti fino a dieci. Oppure potrei decidere di continuare a farlo fino a quando il marchio non sarà pronto. Se mi impressioni, sarò più misericordioso. Quindi impressionami".

Strinsi i denti in vista del colpo successivo. Non è venuto. È tornata ad accarezzarmi dolcemente il culo e mio malgrado non ho potuto fare a meno di spingerla nella sua mano. Ero ferito e spaventato e il contatto era confortante. Non appena mi sono rilassato in lei, è arrivato il colpo successivo.

Trattenni il mio grido e soffocai: "Grazie maestro, erano due, un altro per favore!"

Non c'era conforto dopo questo colpo. Solo una mezza dozzina di colpi in più nell'arco di un secondo, ciascuno duro come lo era stato il primo. Non potevo dire niente. Potevo solo lottare e urlare. Il dolore non sembrava più come se fosse nella mia pelle, si sentiva dentro di me. Avrei fatto qualsiasi cosa per farla smettere.

“Non ne hai contato uno e hai pensato di poter arrivare fino a due? COMINCIARE. TERMINATO."

E poi la mano è tornata, confortandomi e anche se sapevo che era una trappola e una bugia, non ho potuto fare a meno di lasciarlo. E così il colpo successivo mi ha colto di sorpresa.

Ho urlato, ma sono riuscito a sussurrare e poi gracchiare: "Grazie maestro, quello era uno, un altro per favore!"

"Buona."

Mi ha confortato di nuovo dopo quel colpo.

I minuti successivi furono un incubo di agonia e conforto, di segnali confusi, della mia resistenza che crollava e della mia perdita di fiducia nella mia stessa mente. Dopo ogni colpo, ho accettato il suo conforto. Dopo ogni colpo la ringraziavo e le chiedevo di più, nonostante ogni impulso mi diceva che dovevo urlare, implorare, chiederle di smetterla. Ero terrorizzato che, se avessi commesso degli errori, avrebbe prolungato la mia tortura.

Dopo quindici colpi, ci fu una pausa. Mi ha accarezzato e strofinato il culo con entrambe le mani. Mi sono davvero rilassato, sentendomi al sicuro.

"Cosa hai imparato?"

"Sei il mio padrone", risposi all'istante.

Mi afferrò il culo, strappandomi la carne striata. “Sei più intelligente di così! CHE COSA. AVERE. TU. IMPARATO!"

gemevo per il dolore.

“Sono impotente. Non posso fermarti. Devo fare quello che dici, anche se mi sembra sbagliato. Se l'unico modo in cui posso evitare il dolore futuro è chiederti dolore ora, lo farò".

È tornata a confortarmi.

"Buona."

Mi accarezzò e accarezzò dolcemente il culo per diversi minuti, poi si mosse verso il mio albero. Divenni subito eretto e cominciai a gemere. Non potevo fare a meno di provare affetto per lei. Non potevo costringere il mio cervello a rendersi conto che la persona che mi stava facendo sentire bene era la stessa che mi aveva torturato.

“Se mi preghi di marchiarti, se mi convinci che hai davvero imparato il tuo posto, allora non avrò più bisogno di punirti per ora. Pensi di potercela fare?"

"Sì maestro!"

"Allora implori."

“Per favore, voglio che mi marchi. Voglio che tutti sappiano che sono di tua proprietà! Voglio sapere che sono di tua proprietà, che scappare è impossibile, che farò qualunque cosa tu chieda perché sono troppo spaventato e distrutto per resistere.

Le dissi freneticamente tutto quello che pensavo volesse sentire, mentre mi dicevo che stavo solo mentendo, che non era vero.

Non sono sicuro a quale di noi stessi mentendo.

Mi ha accarezzato così dolcemente mentre l'ho implorata di torturarmi e non ho potuto fare a meno di godermi il piacere, non ho potuto fare a meno di continuare a voler essere accarezzato.

“La mia vita migliore è come tuo schiavo! Sai cosa voglio e di cosa ho bisogno! Sai che sono cattivo e devo essere punito. Il mondo fa paura, per favore lasciami essere il tuo schiavo.

Lei ritirò la mano. “Hai fatto bene. Sono convinto. Porterai il mio marchio e sarai in mostra per tutti da vedere alla mia festa stasera. "

"Sì maestro, grazie maestro!"

Ho sentito il calore del marchio prima che me lo spingesse sulla schiena, ma non dissi nulla. Mi sono tenuto fermo. Non potevo sopportare di essere punito di più dopo il marchio. Lascia che sia così, ho pensato. Questo lo posso prendere, ma non di più.

Mi sbagliavo, ovviamente. Pensavo che il pestaggio fosse stato come un fuoco, ma questo era fuoco. Il fuoco sotto la mia pelle, il fuoco che guidava sempre più in profondità, il dolore così puro da scacciare tutto dalla mia mente, tutto tranne il dolore e il mio grido e la pura luce bianca dei nervi spingeva oltre ciò che potevano sopportare.

* * *

Mi sono svegliato un tempo indeterminato dopo. Ero sdraiato su una lastra. Non era la stanza in cui avevo fatto il bagno originariamente, ma anche questa stanza conteneva un bagno. Le mie mani e le mie gambe erano ammanettate, tenute insieme da catene.

Un altro schiavo stava guardando. Mi vide agitarsi e mi aiutò a fare il bagno. Faceva un freddo mozzafiato, un balsamo di benvenuto sul nodo di agonia nella mia schiena e sulla rete di lividi sul mio culo.

Sono stato nuovamente lavato e sono stati applicati gli oli. Poi lo schiavo mi ricondusse alla lastra. Ero conforme. Ho tenuto gli occhi bassi.

Mi ha messo una benda sugli occhi, un bavaglio in bocca e mi ha tappato le orecchie con la cera. Non potevo né vedere né sentire. Mi guidò dolcemente attraverso la casa, guidandomi con le mani.

Dopo qualche minuto di cammino, mi tirò sulla spalla per fermarmi. Non sapevo dove fossimo e non avevo idea di ciò che mi circondava.

L'ho sentito attaccare qualcosa alle catene sui miei polsi e poi sono state lentamente tirate sopra la mia testa, fino a quando la pressione nelle mie spalle mi ha tirato in punta di piedi. Le gambe hanno subito iniziato a farmi male. Ero esausto, ma non c'era conforto da trovare. O ho dovuto posizionare il peso dolorosamente sulle mie spalle (non solo doloroso ma atroce dove ha allungato la pelle appena marchiata sulla mia schiena), o tenere le gambe impegnate per mantenere il peso fuori.

Non è successo niente per un periodo di tempo indeterminato. Poi ho iniziato a essere consapevole delle correnti d'aria che suggerivano che le persone mi stessero passando accanto. Ho aggrottato la fronte per la vergogna. Ero nudo, esposto e chiunque poteva vedere le prove della mia punizione e del mio marchio. Ecco cosa intendeva il mio maestro per essere in mostra.

Il tempo passò e andai alla deriva in uno stato di fuga. Avevo due opzioni per il dolore e passavo da una all'altra ogni volta che una diventava opprimente. La mancanza di spunti esterni rendeva impossibile sapere da quanto tempo stavo appeso qui. Avrebbe potuto essere un giorno, o un quarto d'ora.

Presto avrei voluto che la noia fosse rimasta. La gente ha cominciato a toccarmi. Alcuni hanno fatto scorrere le dita attorno al mio marchio, spingendomi a urlare nel mio bavaglio. Altri mi hanno preso a pugni, scacciandomi il vento e strappandomi le spalle. Avrei voluto gridare, urlare, implorare, ma il mio bavaglio ha attutito tutto. Sentivo le lacrime fuoriuscire dai miei occhi, ma erano assorbite dal panno che mi copriva gli occhi.

Il dolore era forte, ma la presa in giro era insopportabile. La gente mi toccava costantemente il cazzo, finché non era dolorosamente eretto, finché non mi spingevo disperatamente in ogni mano che lo toccava, avendo un bisogno così disperato di essere rilasciato che non provavo vergogna, solo un bisogno animalesco.

Ho sentito le labbra chiuderlo e ho pompato freneticamente i fianchi. Ma poco prima del mio rilascio sono stato preso a pugni nei reni. Sono caduto in avanti e ho urlato nel mio bavaglio mentre i muscoli delle mie spalle protestavano e il mio marchio si allungava. Chiunque mi avesse in bocca mi ha morso forte, aumentando il dolore prima di sputarmi. Gridai e mi infuriai, ma l'unica dimostrazione visibile di questo era il mio tranquillo tremito.

Ho immaginato una folla di amazzoni che mi circondava, che mi deridevano, ridevano della mia impotenza.

* * *

Per sempre è passato così, con la frequenza delle mie violazioni che rallentava con il passare della notte. Ogni atto mi ha dato un senso del tempo, ma anch'io si sono mischiati tutti insieme, lasciandomi confuso come prima.

Ma dopo un'eternità, le mie braccia furono rilasciate e fui condotto in un'altra camera. Qui sono stato costretto a mettermi di fronte e incatenato a gambe aperte. La mia benda e il bavaglio sono stati rimossi, così come la cera. Rimasi così per qualche minuto. Ho colto l'occasione per respirare liberamente e macinare freneticamente il tavolo, nella speranza di ottenere il rilascio.

Fui fermato dal rumore di passi fuori e rimasi immobile, con paura e vergogna. Non volevo che nessuno mi vedesse ridotto in uno stato così animalesco.

"Spero che ti sia piaciuta la mia festa."

Era la voce del mio maestro e un centinaio di emozioni mi balzavano in testa, ma lei mi accarezzò i capelli e tutti svanirono dietro la comodità. Era la mia padrona. Lei sapeva meglio. Si prenderebbe cura di me.

"Hai fatto bene oggi, quindi vorrei darti una ricompensa." Mi ha tirato i capelli e mi sono ritrovato a guardare dritto nelle pieghe del suo sesso.

"Leccare!" Lei ha comandato, così ho fatto. Ho allungato la lingua e ho accarezzato la sua fessura bagnata.

Mi strinse forte i capelli e mi fece girare la testa ai suoi capricci. Ho mantenuto il collo leggero e ho acconsentito, lasciando che lei avesse il controllo, godendomi la sensazione di essere utile e la mancanza di controllo, la mancanza di dolore.

Leccai fino a stancarmi la lingua, ma non osavo fermarmi. Presto le sue gambe si contraevano e il suo respiro si affannava rapidamente. "Buon schiavo, sì, buon schiavo."

Ho brillato per la lode e ho raddoppiato i miei sforzi. I suoi gemiti divennero più forti, i suoi movimenti più violenti.

Ho sentito un brivido attraversarla e lei ha scostato la mia testa. Ha imprecato per alcuni secondi e io mi sono tesa, pensando di aver commesso un errore e che sarei stata punita. Ma quando ha alzato dolorosamente la mia testa in modo che la stessi guardando, stava sorridendo.

“Sei particolarmente bravo in questo. Hai pratica?"

Abbasso gli occhi, per paura di rispondere male. Volevo che tornasse ad accarezzarmi la testa. Non volevo incontrare i suoi occhi terribilmente intensi.

"Nessun maestro."

“Beh, ora ne avrai un sacco. Sono molto contento schiavo. Suppongo che tu meriti un'altra ricompensa.

Ha lasciato la stanza per un minuto e poi è tornata. Si sedette accanto a me sulla lastra e continuò ad accarezzarmi i capelli. Ho reagito come un cane, nella misura in cui le mie catene me lo hanno permesso.

"Sei felice di essere il mio schiavo, vero?"

"Sì maestro! Voglio solo renderti felice".

Le parole non sembravano più una bugia.

Continuava ad accarezzarmi i capelli. Ho sentito un altro schiavo entrare, borbottare alcune cose e poi andarsene.

Il Maestro ha spostato la sua posizione in modo che fosse vicino ai miei fianchi e mi ha tirato un po' su un fianco. Mi faceva male le spalle, ma non mi lamentavo.

Con una mano, ricoperta di qualcosa di unto, iniziò ad accarezzarmi l'asta. L'altra mano mi accarezzò il culo per qualche istante. Ho cominciato a lamentarmi dei suoi sforzi.

"Ti piace questo, schiavo?"

"Sì maestro!"

Sono stato preso in giro tutto il giorno. Volevo disperatamente venire. Tuttavia, mi sono tenuto in un rigido controllo. Sapevo che stringerle la mano sarebbe stata la cosa sbagliata da fare.

L'altra sua mano tornò al mio culo, unta come la prima. Ha cercato lentamente il mio buco del culo. Ho sentito una pressione quando ha iniziato a inserire un dito. Volevo sussultare, ma mi tenni fermo. Non potevo lasciarla smettere.

“Voglio usarti fino al tuo arrivo. Ti piacerebbe questo?"

"Sì maestro!"

Gli dei mi aiutano, ma non era più una bugia.

Il suo dito esplorò l'interno di me, mentre l'altra mano mi accarezzò l'asta.

"Voglio che tu mi implori di farti venire."

“Per favore maestro, fammi venire! Voglio che tu sia l'unico che mi fa venire! Voglio che controlli il mio corpo. Per favore, fammi diventare padrone!”

Ha fatto qualcosa con la mano dentro di me e all'improvviso tutto ciò che ho potuto provare è stato piacere. gemevo e gemevo e gemevo.

"Hai il mio permesso di venire."

Sono contento che mi abbia dato il permesso, perché non c'era modo di fermarmi. Continuava a fare quella cosa dentro di me e continuava ad accarezzarmi l'asta e stavo arrivando, Dio mi ha aiutato Stavo avendo un orgasmo così forte che mi stava scacciando ogni pensiero dalla testa; era la stessa pura chiarezza del marchio.

Mentre mi riprendevo, lei continuò ad accarezzarmi dolcemente. Presto stava cullando la mia testa dentro di sé e facendomi dire che ero sua. Sono arrivato a crederci, allora. Lei possedeva me, corpo e mente e non avrei mai permesso che cambiasse.

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricattato in sottomissione

Ho capito disse Cassey, correndo in cucina. Ho ottenuto il lavoro! È fantastico! disse Giasone. Ha abbracciato la sua fidanzata, pieno di gioia per la notizia. Cassey aveva un disperato bisogno di trovare un nuovo lavoro. Qualsiasi cosa pur di allontanarsi dal posto in cui lavorava sotto il suo capo da incubo, Veronica. Quando inizi? chiese Jason. Il sorriso di Cassey svanì. Non appena avrò la mia referenza... disse Cassey a bassa voce. Da Veronica? chiese Jason. Cassey annuì. “Ma sai cosa dirà...” disse Cassey. Questo sta andando per questo lavoro, sei andato alle sue spalle, ha detto Jason. Esattamente. È...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.