Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

547Report
Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera
Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza.

Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera.
Ironia della sorte, le 2 lingue nei miei nuovi paesi degli ultimi anni hanno usato la parola "Mae" per "Madre"; Mae era così la parola che mi ero abituato a usare per la madre di mia moglie, e che usavo ormai da molti anni.
"Mae!" dissi automaticamente, dopo aver espresso le mie scuse per averla urtata, prima di guardare il volto della persona colpita. Sorrise e accettò le mie scuse, prima che ci scambiassimo dei piacevoli saluti, che sorprendentemente iniziò baciandomi leggermente su entrambe le guance.
Non la vedevo da circa 3 anni, ed era un po' dimagrita, ma era ancora una donna robusta, più giovane di me – il suo ex genero – di alcuni anni, e ora sembrava tranquilla una donna grossa, ma i suoi grossi seni e fianchi sembravano più proporzionati con una zona addominale più sottile, e il suo viso era sempre stato bellissimo, la pelle perfettamente liscia. Era adorabile da guardare, persino sexy quando sorrideva. Mi ha chiesto cosa stavo facendo indietro, dove abitavo... e ci siamo scambiati i numeri di cellulare e io le ho detto dov'era casa mia, promettendomi di cenare un giorno prima di partire. Lei di nuovo, insolitamente, mi baciò entrambe le guance mentre ci separavamo, sorridendo invitante, e si allontanò ondeggiando.

Tornando ai miei acquisti, era difficile concentrarsi e non immaginare l'ex Mae che era appena apparsa. Ho rinunciato e sono tornato a casa con tutto ciò che avevo comprato per la mia cena; quando ho disimballato ho dovuto ridacchiare perché ero ovviamente andato nella terra del cuculo delle nuvole: i miei acquisti erano a cavallo della gamma di una grande spedizione per fare la spesa, ma non era certamente quello che avevo deciso di comprare per prepararmi una cena!
Il mio telefono ha squillato. "E la cena stasera?" chiese la mia rinnovata Mae. Ho dovuto ridere, prima di spiegare che era un'ottima idea, considerando quello che avevo comprato al mercato. Mi ha chiesto cosa avevo comprato, e quando ho sfogliato l'elenco steso sul tavolo davanti a me, Mae ha detto che poteva fare qualcosa con me e quegli oggetti, e avrebbe portato gli extra necessari.
Il mio cazzo ha risposto per me: “Penso che mi piacerebbe; ci vediamo stasera Mae”.
Perché dovrei eccitarmi solo a poche parole, mi sono chiesto, mentre spostavo il cazzo nei pantaloncini per renderlo più comodo. Solo forse, sì; sexy signora tipo suocera: probabilmente ho annuito tra me e me.

È arrivata verso le 17:00, piuttosto presto, ho pensato. Ma guardandola mentre entrava dalla porta, di certo non mi sono lamentato, solo che anch'io avevo bisogno di agghindarmi. Mae si era chiaramente fatta la doccia, si era lavata i capelli e indossava una camicetta di materiale morbido, della taglia giusta per mostrare molto bene le sue tette, e un paio di pantaloni di nylon che lasciavano intravedere le sue natiche ampie e sensuali, complete di piega in mezzo, e al la parte anteriore cavalcava fino a mostrare un contorno di figa sporgente. Dopo averla sistemata nervosamente nella sala TV, ho detto che avevo bisogno di fare la doccia, e lei ha detto che stava bene e che avrebbe iniziato a preparare il cibo.
L'ho lasciata fare, mentre mi ritiravo al piano di sopra nel bagno accanto alla mia camera da letto, con le immagini che mi rimbalzavano sugli occhi e si depositavano nella mia immaginazione, alimentandola come una navetta in procinto di partire! Che spettacolo ha fatto ho pensato! Non avendola vista, né pensato davvero a lei, per circa 3 anni, la sorpresa per i suoi cambiamenti di aspetto era totalmente fondata, e quei cambiamenti erano straordinariamente positivi, sexy e belli.
Mentre mi insaponavo e insaponavo, il mio cazzo si è ripreso ("punzecchiato?" sui miei pensieri e ha preso più lavaggi del solito, data la sua crescita di dimensioni. Una volta finito, mi sono messo dei pantaloncini puliti, mi sono lisciato il cazzo e una bella maglietta e, cercando di essere calmo, sono tornato al piano di sotto.

Mae era chiaramente soddisfatta dei suoi preparativi, mentre se ne stava sdraiata sul divano a guardare la TV, e mi fece cenno di sedermi accanto a lei, dove aveva messo una birra, proprio come piace a me: bicchiere con ghiaccio, lattina in un supporto. "Quando vorresti mangiare?" chiese, voltandosi verso di me per tintinnare i bicchieri e "evviva". Non ancora affamato (normalmente mangio molto più tardi di questa volta), ho detto che ogni volta che Mae voleva mangiare per me andava bene.
Ha esclamato "Bene!" c'è un film in onda che vorrei vedere; è ok?" "Certo" risposi e mi sistemai sul divano, birra in mano, donna attraente accanto a me... di cos'altro potevo aver bisogno, per il momento.

Il film era sulla tv digitale satellitare, quindi mostrava i momenti più sexy (a differenza dei canali televisivi locali che li oscuravano). Durante la proiezione di ogni scena sensuale, ho notato Mae che si contorceva sul divano, avvicinando ogni volta la sua gamba interna alla mia, prima di toccarsi. "OW!" Ho quasi urlato quando il tocco del suo materiale di nylon sulla mia gamba nuda ha generato una scossa di elettricità statica sulla mia pelle!
A sua volta, Mae balzò in piedi, dicendo "scusa, scusa, che cos'è?" L'ho calmata, e io stesso, le ho preso la mano e le ho toccato leggermente i pantaloni: lo shock c'era ancora, questa volta per entrambi, e lei ha fatto un passo indietro, dicendo "sei eccitata, vero!"
"NO!" Ho risposto: "Ma sono sempre stato sensibile a shock del genere naturalmente!, e tu mi hai scioccato ... e, beh, mi stai ancora scioccando, perché non ti vedo da molto tempo, e ora sei qui e sei così bella, e, beh, così bella e, beh, sexy se posso dirlo, e forse è per questo che c'era elettricità tra di noi, e…” Smisi di parlare perché è difficile parlare quando una bocca si precipita a coprire quella di un'altra bocca, e soffocarla con labbra e lingua, come del resto faceva la mia ex suocera.
"Mae!" sussultai, storcendo la bocca. Non si è arresa per un altro minuto, spingendo la sua lingua contro la mia, e poi si è calmata un po' per dire “Perché hai sposato mia figlia? Ero pronto e disponibile per te; Ti volevo prima! Ora ti voglio, per me, ti prego. Tienilo in famiglia! Sebbene non fossimo più "famiglia", le sue parole risuonavano come le stesse parole usate dalla mia attuale suocera, mia nonna (benedici il suo spirito) e il vicino che sembrava quasi una reincarnazione di Paì. Ha piantato la sua bocca sulla mia, mi ha abbracciato e mi ha tirato attraverso il divano per sdraiarmi sul suo corpo. Era più grande di me, anche più forte, e il mio corpo magro (preferisco magro) si adattava facilmente alle sue braccia, alle sue gambe divaricate, e la mia bocca si adattava perfettamente alla sua.
Si sdraiò a sinistra, lungo il divano, portandomi con sé, il mio braccio sinistro si muoveva ora per accoccolarsi sotto il suo collo e il mio destro con movimento libero che decisi di usare mettendo a coppa un seno grande, il sinistro, quello non schiacciato contro le mie costole dal lato in cui ci stavamo coccolando.

Ho interrotto per sottolineare che avrei dovuto chiudere le tende dalla strada, e mi sono districato per farlo. Quando mi voltai, Mae si era tolta quei pantaloni elettrici, ed era sdraiata sul divano, ma a braccia aperte sulla schiena, giocherellando con i bottoni della camicetta; in attesa. Mi sono fermato su di lei, decidendo rapidamente se la mia vita fosse ora destinata a compiacere quelle signore "in famiglia" - chi sono io per negare il destino?
Mi sono tolto la maglietta, mi sono chinato e ho assunto il compito di slacciare i bottoni della camicetta di Mae, staccandola per rivelare quelle enormi tette coperte dal reggiseno. I miei cieli, erano grandi come avevo sempre sospettato / immaginato, ed essendo un amante delle belle tette grandi, ho strofinato il naso e la bocca sui tumuli sopra le coppe del reggiseno mentre sganciavo i fermagli anteriori e rilasciavo quelli ... quelli- così belli, e come li sentivo così lisci seni; erano meravigliosi!
Recuperai il cervello e abbassai la bocca su quella di Mae, la sua aperta e invitante, dolce con un lucidalabbra applicato in qualche modo di recente, la sua lingua che aspettava la mia mentre mi avvicinavo lentamente e intrecciavo la mia con la sua, lentamente, molto lentamente, come usavo le mie mani per togliermi i pantaloncini - niente biancheria intima a casa, mai - e ho adagiato il mio corpo nudo accanto al suo sul divano. Mae era morbida e flessibile, e ci fondemmo dai piedi al petto, solo le sue mutandine tra di noi. Mi ha rilasciato la lingua e ha mormorato "Hai fame, figliolo?" e ho detto "Sì" mentre la spingevo contro il divano - pensava di alzarsi e preparare il cibo per la cena! – ma mi sono mosso lungo il suo corpo, sfiorando leggermente due capezzoli mentre le passavo la bocca, accarezzandole l'ombelico, poi usando i denti per afferrare la parte superiore elastica delle sue mutandine e gliele ho tirate giù per i fianchi, sopra le natiche (usando anche le mie mani ora, per non strapparle come raccontano le storie!) e giù oltre la sua figa, dove la mia bocca si fermò, permettendo alle mie mani di completare il lavoro di toglierle dai suoi piedi.

Ora eravamo nudi, e mi venne l'acquolina in bocca mentre si librava sopra una fica appena rasata: Mae si era preparata per questo, pensai con amorevole meraviglia, mentre abbassavo le labbra e baciavo le labbra aperte davanti a me, luccicanti di perle di una dolce rugiada. che ho succhiato in bocca. Mentre gemevamo entrambe, ci siamo anche contorte e dimenate sul divano in posizioni più comode, Mae supina sul divano, io che ho alzato le gambe tra le sue, le labbra piegate verso l'alto, ma la bocca ora incollata alla sua figa. Le sue mani si abbassarono per accarezzare, e le sue unghie per graffiare leggermente, su e giù per la mia schiena, le mie mani si alzarono per tenere e massaggiare entrambi i seni, a malapena entrando nelle mie mani ma esperte com'erano, mani capaci di impastare e accarezzare, e dita in grado di pizzicare, tirare e stimolare i capezzoli gonfi che trovavano. Gememmo di nuovo insieme, mentre iniziavo a usare la mia bocca per quello per cui era fatta: mangiare. "Sì, ho fame, Mae: per questo!" e ho scavato dentro le sue labbra esterne per un primo assaggio della sua offerta interna. Oh, cielo, ho pensato, è così dolce, mentre leccavo e bevevo i succhi che mi venivano dati liberamente, continuamente.
Ho mosso le mie mani sotto le sue natiche piene, sode ma morbide, mentre allargava le ginocchia per aprirsi. Il marito di Mae, il padre della mia ex moglie, li aveva lasciati dopo la nascita di quella figlia, l'unica figlia. Sapevo che Mae aveva degli amici maschi in passato, ma non sapevo nulla della vita sessuale; non poteva essere troppo sembrava, mentre la mia lingua scavava in una figa molto stretta, succosa e bagnata com'era, ed emotivamente aperta com'era. ho sondato, leccato e cerchiato; trovò un clitoride sporgente da succhiare, aumentando il volume dei gemiti di Mae, mentre alzava i fianchi per spingere con forza contro la mia bocca. Quel tunnel dell'amore aveva bisogno di qualcosa di più forte della mia faticosa lingua, e chiaramente anche Mae sentiva che era giunto il momento, mentre le sue mani mi tiravano delicatamente la testa e il corpo verso l'alto.
Come ho detto prima, sono un magro di 52 kg, ma il mio cazzo è considerato abbastanza grande in Asia, dove le donne che ho conosciuto mi dicono che gli uomini del posto sono generalmente più piccoli (senza offesa ragazzi davvero), quindi il sussulto di Mae non è stato inaspettato quando la mia testa circoncisa e bulbosa beveva su e giù per la sua fessura, bagnandosi nei succhi che si preparavano per l'ingresso.
Quando Mae sembrò irrigidirsi un po', decisi di cambiare posizione e mi rilassai, guidandola a girarsi, sulle ginocchia aperte e ad appoggiare la testa e il busto sui cuscini del divano, sollevando le natiche dove sentiva il mio cazzo a figura intera in attesa.

Il suo buco del culo increspato fece un cenno e io mi chinai per passarci sopra la lingua, leccando verso il basso verso la sua figa, prima di leccare di nuovo su di essa, indugiando, e poi raddrizzandomi e riprendendo a spalmare il mio cazzo con i suoi succhi. Lei ha spinto indietro e io sono scivolato in avanti, la testa del mio cazzo si è conficcata nell'apertura della sua fica, ed è stata inghiottita da un'aspirazione immensamente forte, stretta com'era in quel tunnel, il suo potere di suzione era enorme, o il mio cazzo era pulsando dentro di sé senza alcun mio pensiero cosciente. Scivolammo insieme finché i peli pubici e le palle si annidarono contro i peli pubici e le natiche. Così stretto, così caldo dentro, il mio cazzo poteva pulsare da solo e sentire l'involucro delle pareti della figa di Mae che lo circondava come una pelle.
Ho usato le mie mani sulle sue natiche per allargarla il più possibile, tirando indietro lentamente il mio cazzo e pompando indietro fino a una barriera nel profondo della mia lunghezza. Non si era tirata indietro, non si era tirata indietro, ma ora gemette e poi mormorò "oh figliolo, è così grande, è passato così tanto tempo, è così meraviglioso averti finalmente - ho aspettato a lungo, ora sei mia questa volta”. Mi chinai sulla sua schiena, baciandola dolcemente e facendo scivolare la mia lingua sulla sua pelle, le mie mani ora potevano muoversi sotto di lei per sentire le labbra della sua figa che avvolgevano il mio cazzo, pizzicare il suo clitoride per ulteriore eccitazione, poi fino a coprire entrambi i grandi seni e usare il mio pollice e l'indice per deliziare i suoi capezzoli sorprendentemente lunghi e spessi.
Ora ho iniziato il mio metodo di scopare, il modo in cui usavo il mio cazzo quando volevo davvero offrire il massimo piacere a una donna forse a lungo negata: attira lentamente il mio cazzo fino alla sua apertura, poi una serie di colpi lenti e superficiali di un pollice o due dentro, nove volte il mio numero di partenza abituale, poi precipitare per tutta la lunghezza all'improvviso, profondamente dentro, e un lungo, lento ritiro. Se mi sentivo in grado di trattenermi dall'eiaculazione - a volte un uomo sa che oggi è in grado di durare a lungo, altri giorni no - potrei ripetere i nove colpi lenti appena dentro, e oggi ho fatto proprio questo, eludendo la presa della fica di Mae per il mio cazzo, cercando di risucchiarlo fino in fondo.

Questa non è una tortura di tipo malvagio; tutto il mio metodo era, speravo, progettato per portare il corpo sotto/sopra di me, e le emozioni di quel corpo, costruendo fino a un punto in cui aveva raggiunto il suo limite, non restava altra scelta che l'orgasmo, per esplodere in un climax per tutto il tempo possibile.
Ho variato la sequenza delle spinte lente, così lei non sapeva mai quando mi sarei tuffato, non avrebbe mai potuto dire a se stessa “ah, numero 6, preparati per quella profonda…” forse lo farei dopo 2 lente, brevi, o 5, oppure 3 lunghi tuffi, veloci e furiosi bang, bang, bang!
Bang Mae è arrivato! Ha spinto indietro, facendomi cadere all'indietro sul mio culo, ma la sua spinta era così feroce che siamo rimasti uniti e lei si è ritrovata seduta sul mio cazzo, il suo peso lo seppelliva nella sua fica al massimo. Ha urlato - non un gemito, o un gemito: un urlo, che speravo che i vicini non sentissero - e gettò la testa all'indietro, i lunghi capelli che si allargavano lungo la schiena, mentre prendeva il sopravvento e iniziava a rimbalzare su e giù, dimenarsi per sentirmi ovunque dentro la sua fica, ovunque i nervi ricevessero una scossa di piacere al contatto del mio cazzo.
Aveva ridotto il suo volume e ora solo (solo!) strillava e sibilava mentre trasudava succo ricoprendo i nostri inguini e le nostre gambe, e stava sperimentando gioiosamente una serie di orgasmi, resi più intensi quando si appoggiò la schiena più vicino a me, fino a un punto dove potevo raggiungere le sue tette e strofinarle e accarezzarle leggermente più rudemente, tirandole fuori i capezzoli, allungandoli e allungando il suo stridio per momenti più lunghi mentre si crogiolava in questi orgasmi multipli. In verità, per me era stato più come scalare una serie di montagne sempre più ripide, ognuna con la sua vetta, fino a raggiungere quella più alta: il brontolio che si annidava all'interno di questa vetta era il vulcano nel mio cazzo che ora soffiava bianco e caldo in una continua eruzione del mio succo, tra gemiti e strilli congiunti: la Nuvola e la Pioggia ci bagnavano nella beatitudine dell'estasi provata insieme.

Mae non aveva la forza di muoversi, quindi in questa posizione l'ho semplicemente fatta rotolare di lato, infilandomi dentro di lei, e ancora unita dal mio cazzo che si abbassava dentro di lei, un braccio sotto il suo collo e l'altro sopra di lei, entrambi stringendo a sé un seno, il mio le labbra che le sfioravano il collo ei capelli e le succhiavano i lobi delle orecchie che erano un mio feticcio, respiravamo affannosamente mentre cercavamo di prolungare le sensazioni che avevano raggiunto tali altezze; inevitabilmente, gradualmente ci siamo calmati e siamo andati alla deriva nel mondo dei sogni.

Mi sono mosso dopo un po', svegliato da una pulsazione attorno al mio cazzo ancora morbido ma intrappolato nella figa di Mae; lei stava muovendo dolcemente i fianchi, stimolando il mio cazzo a svegliarsi, così le ho fatto sapere che c'era riuscita tenendole i seni più stretti, e il mio cazzo ha iniziato un lento movimento di tuffo da cigno dentro di lei, divampando come le braccia di un sub prima di infilarsi dentro per tagliare l'acqua o i succhi nel mio caso. Ho spinto il mio bacino e il mio cazzo ben in profondità, emergendo e immediatamente appoggiando il mio corpo indietro, ma lentamente e delicatamente ora, una fica succhiante che tira dentro il mio cazzo, poi rilassandomi mentre mi rilassavo. Ripetutamente il mio cazzo ha fatto la sua parte della danza erotica che stavamo facendo, le mie gambe le toccavano a cucchiaio, le mie dita dei piedi graffiavano leggermente su qualsiasi parte dei suoi piedi toccassero, le mie mani vagavano per la parte superiore del suo corpo, accarezzandole il collo e le orecchie e giù lungo l'addome, ma sempre, sempre tornando a quei seni superbi che mi uscivano dalle mani mentre strofinavo i palmi sui suoi capezzoli, e le mie labbra mordicchiavano di nuovo quel lobo dell'orecchio e quel collo.
Si allungò dietro con una mano e tirò forte dentro di sé il mio sedere stretto e magro, e poi venne dolcemente, un piccolo brivido, un piccolo gemito, un grande sospiro di contentezza mentre mi spingevo nelle profondità interiori e ancora una volta lanciai diverse esplosioni di sperma dentro il tunnel succhiante del desiderio di Mae.

Ad un certo punto, ci siamo allontanati e ci siamo alzati dal divano e, mentre io riponevo il cibo in frigorifero – entrambi ormai sazi e non affamati di cibo di comune accordo – Mae si è fatta una doccia. Accesi una sigaretta post-coitale, e reintegrai i liquidi corporei con una birra, resistendo alla naturale voglia di unirmi a Mae sotto la doccia: ero stanca, e domani era un giorno lavorativo, anche se sabato era solo mezza giornata!
Mae emerse, sorprendentemente e in qualche modo deludente, vestita. Ha visto la mia espressione abbattuta, ma ha parlato per prima: "So che devi andare al lavoro, anch'io, ma forse possiamo preparare la cena domani sera, e poi domenica è un giorno libero, ok?" Era una domanda fatta con le sopracciglia alzate e un sorriso di promessa, e retorica; raccolse le chiavi e la borsetta, mi lanciò uno sguardo persistente prima di un bacio altrettanto persistente sulle labbra, rispondendo alle mie braccia che la tiravano più vicino nonostante le sue precedenti azioni di andare a casa ora, ma resistette e si allontanò.
"Sono molto felice; molto felice che ci siamo "scontrati" oggi. Ci vediamo domani." Ha messo in moto la sua moto, si è messa il casco ed è partita, uno sguardo lungo il mio corpo abbastanza da far salutare il mio cazzo in risposta.

Ho dormito il sonno dell'amante soddisfatto e sfinito, e il giorno dopo ho sorpreso i miei colleghi con il mio passo al lavoro. Mae ha telefonato a un certo punto per chiedermi a che ora sarei tornata a casa, e quando ho risposto "prima delle 14:00 certo", ho dovuto voltare le spalle a qualsiasi sguardo indiscreto mentre il mio cazzo si muoveva nei miei pantaloni. 'Sei un vecchio' mi rimproveravo, 'non hai l'erezione come un adolescente!' Ma l'ho fatto, ed è stato emozionante.

A casa per un pisolino pomeridiano per ricaricare completamente le batterie, e svegliato dal campanello verso le 16:00, per trovare una sorridente Mae con una piccola borsa da notte in mano. "Pensavo che avrei potuto aver bisogno di vestiti extra - forse" fece il broncio mentre entrava, e si voltò per fare un cenno a qualcuno di lato. Prima che potessi chiedermi chi potesse essere, Mae mi abbracciò in un abbraccio di forza colossale, con le labbra che mi coprivano il viso e la bocca, e poi si adagiò in un lungo bacio a bocca aperta. Immaginavo che guardare la partita di calcio in TV stasera fosse fuori questione, mentre le cingevo la vita tanto quanto le mie lunghe braccia mi permettevano, e strofinavo le mani su e giù per la sua spina dorsale.

Ho sentito la porta chiudersi, poi le tende, e quando la mia ex suocera mi ha liberato, mi ha fatto voltare per salutare la sua compagna. Un po' imbarazzata, alzai lo sguardo per trovare un altro volto familiare, la sorella minore di Mae che conoscevo da altrettanto tempo, ma che mi riferivo sempre come zia. Quindi ora sarebbe diventata ex zia suocera!
L'ho salutata rispettosamente, ma Mae ha riso e ha detto “Va tutto bene! Sii naturale! Non potevo impedirmi di dirlo a Kim perché poteva vedere quanto fossi felice ed eccitato ieri sera e stamattina, e ha insistito per venire a trovarti di persona, davvero!
Non vedevo Kim da diversi anni, ma ora ho guardato; in contrasto con il corpo voluttuoso e più grande di Mae, sua sorella, 7-8 anni più giovane che ricordavo, era alta ma magra e formosa, ma con tette che sembravano sovradimensionate rispetto a quel corpo snello. Uno spettacolo, e flessibile mentre si muoveva verso di me e, con un'occhiata all'indietro a Mae per un sorriso di approvazione, sollevò le sue minuscole mani sul mio viso e abbassò la mia testa di qualche centimetro in modo che potesse avvicinare la mia bocca alla sua , forse tentando di superare sua sorella nell'aumentare la mia temperatura e il mio cazzo. Stavo diventando più eccitante, non c'è dubbio, quando ho trovato l'interno della sua bocca con la mia lingua, ho cercato di sbirciare di lato attraverso i suoi capelli per vedere se Mae stava per picchiarmi, poi ho avvolto le mie braccia attorno alla sua vita sottile, schiacciandola tette al mio petto finché non si sono rovesciate tutt'intorno alla mia cassa toracica, ea sua volta ho sentito i suoi fianchi stringersi dentro, così forte come se stesse cercando di spremere il mio cazzo in modo che non resistesse, senza nessun posto dove andare se non dentro di lei. Il mio cazzo pulsava, e ansimai nella sua bocca con l'intensità di tutto questo per un po', prima di fermarla quando sembrava che si stesse preparando a saltare e mettersi a cavalcioni sulla mia vita con le gambe. Ho ritirato la lingua e l'ho baciata leggermente sul suo viso e sulle sue guance, spostando il mio membro e il mio corpo all'indietro, e spingendo delicatamente sul suo corpo per staccarlo, la mia mente si affermava e aumentava la consapevolezza che Mae era l'ospite principale.

Kim ha impiegato alcuni istanti per mostrare la sua comprensione, mentre rallentava il battito del suo cuore, immagino; la mia schiena era rivolta a Mae, quindi lei non avrebbe visto come Kim faceva scivolare una mano dalla mia faccia, tra i nostri corpi finché non afferrò e strinse il mio cazzo rigido. Rilasciandolo con riluttanza, mi baciò leggermente, si voltò e abbracciò Mae, e si precipitò fuori dalla porta, chiamando con enfasi "A presto!" Non avevo dubbi.

Allora Mae venne da me, dopo aver chiuso la porta alle spalle di sua sorella, e si avvolse di nuovo intorno a me, sentendo il mio cazzo ancora gonfio che la colpiva. Appoggiò la testa all'indietro, sorridendo, mentre ora afferrava il mio cazzo “Allora, pensi che anche mia sorella voglia un po' di te, figliolo? Ha sempre voluto quello che ho io, ma non rinuncerò così facilmente come la mia stupida figlia, e mia sorella dovrà aspettare il suo turno! Oggi mangeremo del cibo, quindi vai a rilassarti mentre io preparo” finì, facendo scivolare il suo corpo sul mio mentre passava, i capezzoli coperti dal reggiseno abbastanza forti da evidenziare la sua strada sul mio petto nudo.
Feci la mia doccia pomeridiana, mi lavai i denti, indossai solo un paio dei miei pantaloncini da casa e preparai il mio caffè rituale mentre Mae si dava da fare a preparare riso, gamberi e verdure, e mi sedetti sul divano per guardare il telegiornale della BBC.
Mae si è unita a me dopo un po', annunciando che avremmo potuto cenare ogni volta che eravamo pronti – oggi non ha detto "fame", forse ricordando cosa era successo ieri quando era stata usata quella parola! Ma prima voleva fare una doccia, quindi ha preso la sua borsetta, è andata di sopra e mi ha lasciato aggiornarmi sulle novità.

Dopo il ritorno, vestito con un tessuto avvolgente, appariva solo; la sua lunghezza fino alle cosce e legato sopra i suoi grandi seni, costringendoli insieme a formare una profonda scollatura. Portava un bicchiere di birra per sé, sorprendentemente perché non ricordavo che avesse mai bevuto alcolici prima, e vide il mio sguardo interrogativo; “Ho caldo, ho pensato di bere una birra per rinfrescarmi e calmarmi; A volte lo faccio ”, ha detto a titolo di spiegazione. Finito il caffè, andai anch'io in cucina e presi una lattina dal frigo, tornando ad accasciarmi accanto a lei sul divano, dopo aver girato il ventilatore verso di noi.
Le misi il braccio sinistro intorno alle spalle e lei si rannicchiò contro il mio collo, appoggiando il braccio sul mio stomaco e appoggiandolo sul mio osso iliaco.
Il telegiornale è finito e quando è iniziata la prima partita di calcio della serata, ho alzato il telecomando, "qualcosa vuoi vedere Mae?" In risposta, ha mosso la mano per coprirmi il cazzo: “Solo questo, figliolo; tu guardi solo il calcio mentre faccio uno spuntino, poi dobbiamo mangiare il mio cibo.
Ha fatto scivolare il mio corpo in lungo sul divano, si è abbassata fino ai miei piedi e si è inginocchiata tra le mie gambe mentre mi toglieva i pantaloncini e li lasciava cadere a terra. Il mio cazzo non era stato rigido, ma mentre le sue mani ora mi strofinavano le gambe, si alzò, agitando come per attirare la sua attenzione. Mae non ha perso la chiamata, e anche avvolgendo entrambe le mani sull'asta, la sua lunghezza ha lasciato la testa del mio cazzo a disposizione della sua bocca aperta e abbassata, le sue lunghe e grandi tette che mi sfioravano le gambe. Succhiò leggermente le sue labbra inumidite, poi rilasciando una mano, attirò il mio cazzo nella sua bocca per quanto l'altra mano sull'asta glielo permetteva, tornando su a succhiare e giù di nuovo, togliendo la sua seconda mano e cercando di andare per tutto il tempo lunghezza. Non poteva, non questa prima volta, era troppo, quindi mi ha inghiottito con soddisfazione giù e su, usando la lingua con giudizio quando era sulla testa del mio cazzo, succhiando la fessura, e le sue mani ora a coppa sulle mie natiche e solleticandomi le palle e risalendo la piega per accarezzare dolcemente il mio buco del culo che stringe.

Gemetti di gioia mentre cercavo di mantenere l'attenzione sul calcio, cercando di prolungare, finché Mae avesse voluto andare avanti, ciò che sarebbe inevitabilmente accaduto.
I lunghi capelli di Mae le ricadevano sul viso, quindi allontanò le mani per qualche istante e li avvolse in una spirale e se li fissò dietro la testa, senza mai rinunciare ai movimenti con la bocca. Fu uno spettacolo così sexy, mentre rinunciavo a guardare la partita di calcio, invece ipnotizzato dalla sua bocca sul mio cazzo, le sue braccia alzate mentre si aggiustava i capelli, sollevando così le sue tette che ora chiudevo tra le mie mani, e sentii il accumularsi nelle mie palle.
L'ho avvertita, non sono sicuro se volesse il mio sperma in bocca o altrove, o addirittura per niente forse; ma lei ha continuato, e in un ultimo sforzo, ha ingoiato tutta la mia asta, mandando una luce verde ardente di "Vai" attraverso di me per esplodere in spasmi dal mio cazzo dritto in gola. Ce n'era dell'altro, e lei si alzò per ingurgitare la testa, questa volta assaporandola lentamente in bocca, catturando ogni getto successivo finché non ne fuoriuscii le ultime gocce, quando mi succhiò e mi lasciò cadere. Lei è scivolata sul mio corpo, ha messo le sue labbra sulle mie, poi la sua bocca si è aperta sulla mia, e abbiamo condiviso il gusto tra di noi. "Oh!" dissi sorpreso, quando pochi istanti dopo mi disse che non l'aveva mai fatto prima, ma che voleva farlo con me. Si alzò, si leccò di nuovo le labbra in modo seducente e annunciò che il suo spuntino era stato delizioso! Ma ora era il momento di servire la portata principale. Gemetti, sorridendo, e riposai mentre lei si avvolgeva la stoffa intorno a sé e rimbalzava, seni, natiche e spiriti, nella zona della cucina.
Questa notte siamo riusciti a mangiare il cibo preparato; principalmente Mae era il mangiatore, poiché il mio piccolo corpo aveva bisogno di poco sostentamento; così ho bevuto una birra dopo aver mangiato a sazietà, pensando a quello che era successo, e mi sono limitato a guardare Mae che si stava riempiendo. Chi avrebbe creduto che sarebbe successo? Poi di nuovo, recentemente i suoceri sembravano essere diventati le mie attrazioni preferite, ed erano tutti molto attraenti, molto seducenti e molto sexy - e, forse un indicatore dei miei desideri interiori, erano tutti di taglia grande, con seni grandi particolarmente e grandi libido che richiedevano alimentazione.

Dopo che Mae si è seduta, accarezzandosi lo stomaco pieno, siamo rimasti lì al tavolo in silenzio per forse 5 o più minuti, ciascuno nei nostri vari pensieri. Quando il mio bicchiere aveva bisogno di essere riempito di birra, ci siamo entrambi alzati e abbiamo iniziato a pulire, lavare i piatti, mettere fuori la spazzatura, parlando a malapena ma ognuno vicino, molto consapevoli dell'altro, lo sfregamento occasionale di parti del nostro corpo elettrizzante nella quiete .

Il calcio è stato dimenticato quando i lavori sono finiti, la mia birra si è scaricata e, di comune accordo, abbiamo chiuso a chiave, spento le luci e siamo saliti prima in bagno, per lavarci i denti e rinfrescarci, poi in camera da letto. Non ho mai dormito con i vestiti, e mentre indossava il suo involucro di stoffa in camera da letto, se lo tolse - con un giro piuttosto sexy per finire mentre lo posava accanto al letto e si arrampicava.
Ho avuto un rituale notturno di leggere il mio attuale romanzo per 5-10 minuti prima di spegnere la luce per dormire, e ho lasciato la luce accesa e ho preso il mio libro per questo scopo. Mae si rannicchiò sotto le coperte sul mio lato destro e mi coprì per metà con una gamba e la parte superiore del corpo premute su di me. Dopo appena pochi secondi, la sua mano si sollevò dal suo punto di riposo e si spostò sul mio petto per posare le dita sul mio capezzolo sinistro; ancora qualche secondo e il pollice e l'indice tennero delicatamente l'estremità di quel capezzolo e lo fecero roteare e stiracchiarlo, quasi dolorosamente perché non era abbastanza grande da allungarsi da nessuna parte.
Posai il mio libro sul comodino e mi voltai alla mia destra per coccolarla. Avevamo parlato a malapena dalla cena, sapendo che questo momento sarebbe arrivato alla fine; Le girai il viso verso il mio e la baciai, lentamente, dolcemente, amorevolmente e per un lungo minuto, mentre le nostre quattro mani vagavano e accarezzavano le parti del corpo raggiungibili dall'altra.
Per me, quello era l'unico seno disponibile, e un piccolo movimento della mia mano destra per accarezzarle il viso e il collo, mentre Mae aveva accesso a tutto il mio fianco e al mio cazzo rilassato, ma in risveglio. È stato bello farlo.

Fu una notte meravigliosa, di lenti rapporti d'amore, di carezze e abbracci e dolci baci. Non c'era sesso crudo in quello che abbiamo fatto; niente corpi sudati nemmeno mentre ci univamo all'inguine, univamo le natiche di Mae al mio inguine quando si girava per farmi un cucchiaio nella sua figa da dietro, né più tardi quando si sedeva e cavalcava su e giù. Non era al rallentatore, fisicamente, ma mi sembrava tale emotivamente; ci siamo sentiti così vicini tra i nostri corpi che anche i nostri cuori si sono toccati e i nostri sentimenti hanno superato il divario per mescolarsi ed essere condivisi equamente. È stato bello.
Naturalmente, non era così senza tempo come in qualche modo sembrava, quindi alcune ore dopo ci siamo messi a cucchiaio, una delle mie mani a coppa su un seno morbido, la mia faccia rannicchiata tra i capelli di Mae sulla nuca, entrambe le azioni che amavo fare quando andare a dormire; e abbiamo dormito.

Era mezzogiorno quando la voce alta del fruttivendolo che passava davanti alla casa – come faceva tutti i giorni alle 1200, anche la domenica – mi svegliò. Non ci eravamo mossi se non per raddrizzare le gambe e rimanere curvi insieme.
Mae non si mosse, ma il mio cazzo sì. Tuttavia, invece di essere egoista, sono scivolato via, ho fatto la doccia, mi sono lavato i capelli e mi sono pulito i denti; poi aprii silenziosamente la porta della camera da letto: Mae dormiva ancora. Così ho indossato i miei pantaloncini e ho deciso di sorprenderla con la colazione a letto! Questo non ha richiesto molto tempo; caffè per me mentre cucinavo la mia unica voce di menu: la frittata, ma aggiungo / aggiungo prosciutto tritato, formaggio e pomodori, e mentre cuoceva lentamente a fuoco lento, mi precipitai a comprarle del succo d'arancia al 100%.
Bilanciando tutto questo in qualche modo, e afferrando forchetta e cucchiaio e l'onnipresente salsa di pomodoro, mi sono fatto strada con cautela al piano di sopra - solo per scoprire che era in bagno. Ho detto "Presto, la colazione sarà fredda Mae!" e lei emerse, nuda ma rinfrescata. I shooed her into the bedroom, made her get back down on the bed and, after carefully leaning down to kiss her ‘good morning’, placed her plate on her lap and her juice on her bedside table, and my coffee on my side as I squatted by her side.
She had to sit up to eat, and I chuckled as her breasts were so long and large they almost obscured the plate in her lap, and I just watched her with my coffee as she ate with gusto. Her legs spread to get comfortable, and her pussy was there, an open invitation to my eyes.

Putting my coffee down, Mae asked if I had eaten, if I was hungry. That triggered a previous reaction, and while she had no free hands even if she had wanted to stop me, I lowered my mouth, answering before I closed my mouth on her pussy “Now I will eat, thank you Mae”.
I feasted on her. Her juice was better than the orange juice, and her cunt was tastier than my omelette I am sure. I took longer to eat all that was on offer than Mae did to finish her food, knowing this when I felt her hands ruffling through my hair as she pushed my face even deeper inside, laying back to raise her body that fraction which allowed me to go so deep...and deeper.
When she climaxed, a quiet yet meaningful orgasm, I didn’t let her come down; rather I bounced up the bed and plunged my cock straight into that spot where my tongue and mouth had just been, boosting her senses immediately into another prolonged orgasm as I twirled at the bottom of my length inside her, and also plunged my mouth over one tit and sucked as wide on her breast as I could with my tongue doing its own thing on her nipple. Mae blew like a screaming Chinese rocket at New Year, and I felt such pleasure, indeed pride, if this had been as a result of my love-making.

I had no need to cum for myself; I was smiling watching Mae as she came down from her heights. My prick was still full-length within her, and I just wriggled it around, causing small shudders and groans; I felt this was a romantic way for me to bring her back, no sudden finish, rather a series of steps down to ground level.
She sighed from her toes to her mouth. It was almost complete, but I wanted to prolong it while possible, so I withdrew my prick from her pussy, slurped it through all the wetness in the area from her groin and gently prodded at her anus; she raised her hips slightly, encouraging me, so my well-juiced cockhead entered her rosebud easily. I reached to fondle her nipples and slid myself the whole way inside in one gentle, smooth motion.
Mae moaned and shivered, her eyes were closed as my hands stimulated her everywhere up top as I leaned my mouth over to kiss and tickle her clit momentarily. While her cunt had become more used to my size by now, I asked if I was hurting her; she didn’t speak but shook her head and moved her hips around and up and down, causing my prick to move inside her. Raising my body slightly to alter my angle, I began a deliberate, strong but gentle fuck of Mae’s hole.
It was an erotic moment, sweet and tender, so alive with the making of love, and yet replete with raw sexual emotion about to be completed with raw sexual orgasmic release.
My prick was proud of what it had been doing to please Mae for a long time, but now it shivered and expanded in girth as my balls swelled and pushed a stream of semen out the head of my prick into Mae, while she simultaneously responded with a gush of juice from her pussy. The Clouds mushroomed and the Rain pounded our senses.

We never made love again after that day. Mae went home later that afternoon after we had cuddled back to sleep, awakening to shower and, almost without speaking, to hold each other closely as she prepared to leave. A few times I attempted to mouth some words; she either pressed her lips to mine, or placed a gentle hand over my mouth, stifling whatever words may have emanated. I understood, as did Mae, our making love had said it all.

The following day I had an early flight upcountry to a regional office, working there for 2 weeks. I tried telephoning Mae but her mobile wasn’t in service.

When I returned to the city and my house, I found a letter from her under my door. She said she had gone away to her home province and would only return after I had flown out to my home country. As I read her words, I pictured her tears writing, as my tears dripped on the page; her next words echoed my own: it wasn’t just physical sex we had enjoyed in our few days together, but the tentacles of emotional love had begun spreading, dangerously so perhaps as such a relationship would bring many problems at this point, not least that I was married. She was correct, I knew. She signed it with her name, not Mae, and ended with a declaration of remembrance of the love we had shared. I quietly spoke the same to the letter, folded it carefully as a keepsake, and moved on with my life.

Although it sometimes must seem as if I am an unscrupulous, philandering husband, taking advantage of lonely women, I believe a counter view is that, at least, I have kept it In the Family. Until now anyway….remember Mae's sister Kim?

Storie simili

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

530 I più visti

Likes 0

Ex Playboy Playmates Part 5: Stephanie and Son

Nota dell'autore: questa parte della serie coinvolge ex Playboy Playmates immaginari. Sono tutte sorelle e ognuna avrà due storie: la prima sarà interrazziale, la seconda sarà l'incesto. Questa è la seconda storia di Stephanie e si svolge poco più di un anno dopo la sua prima storia. Anche questa storia si svolge circa quattro mesi dopo la parte 3 della serie. Non devi leggere nessuno di questi, ma per riassumere, Stephanie è testimone di un atto incestuoso con sua sorella maggiore Diane nella parte 3. Questo funge da catalizzatore per la sua storia di incesto, aprendo desideri latenti e cattivi. Ex...

750 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

562 I più visti

Likes 0

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

535 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

366 I più visti

Likes 0

Viaggio su strada parte 3

Descrizioni del cast Guy Donnelly: 6'0” circa 175 libbre, ottima forma grazie ad un regime di allenamento attivo e regolare. Capelli biondi sporchi rasati e occhi azzurri, pelle pallida di origine irlandese. Parte sporca: completamente eretto a circa 8 pollici. Abbigliamento di marca: giacca di pelle nera con cappuccio. Korinna Patrick: 5'8 circa 125 libbre, corporatura formosa, non attiva nell'allenamento ma non pigra. Capelli castani lunghi fino alle spalle e occhi grigi, pelle leggermente abbronzata ma caucasica. Pezzo sporco: dal seno dalla coppa C alla coppa D, fianchi 36 . Look distintivo: pensa alla ragazza che potresti portare a casa dai...

333 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

300 I più visti

Likes 0

Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2 Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo. Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo. Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato. Che tipo di clausole? Lo guardai sospettoso. Bene, si fermò, prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà...

2K I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.