Barbara lancia la sfida, parte 1

430Report
Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare.

Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di Lena era che era un posto dove una donna poteva ottenere dei soldi velocemente ma doveva "fare una sfida" per arrivarci. C’erano regole specifiche e il premio in denaro non era garantito. Tutto dipendeva da come giocavi e dalle mosse successive.

L'esitazione di Barbara aveva i suoi meriti. Non importava che implicasse l'attività sessuale, il che era una cosa. Ciò che la preoccupava di più era il costo per entrare in The Gauntlet. Qualsiasi ragazza che partecipasse a questo strano “gioco” era solitamente una donna in cerca di soldi, quindi una commissione monetaria sarebbe controproducente. Invece, ai partecipanti verrebbe richiesto di firmare delle deroghe per consentire che tutto ciò che facevano venisse videoregistrato e potesse essere venduto dalla società che sponsorizza il tutto. Questo la faceva sentire come se stesse entrando nel mondo della pornografia, cosa che idealmente era una sorta di porta sul retro.

Proprio in quel momento squillò il telefono. Era un'agenzia di riscossione di uno dei suoi conti in sospeso, quello della banca che le aveva prestato i soldi per l'auto. Barbara trascorse venti minuti cercando di guadagnare altro tempo, ma l'agente dall'altra parte della linea non si mosse dalla scadenza che aveva fissato. L'uomo le disse che se non avesse pagato ciò che doveva entro sette giorni, avrebbero ripreso possesso della sua macchina. Barbara era devastata. Non poteva permettersi di perdere il suo mezzo di trasporto. Se lo facesse, sarebbe un effetto domino in cui alla fine perderebbe il lavoro e anche il suo appartamento.

Guardò di nuovo le banconote sul tavolo. Con grande riluttanza Barbara si rese conto che doveva cercare di ottenere i soldi come le aveva consigliato la sua amica Lena. Nella sua mente era l'unico modo. Era così disperata.


Il giorno dopo, un sabato pomeriggio, Barbara arrivò all'indirizzo che le aveva dato Lena. Ha incontrato questo ragazzo bianco alto e magro di nome Gregory Mills. Dopo le presentazioni preliminari, il signor Mills ha iniziato a spiegare cosa sarebbe stato richiesto a Barbara per cogliere l'occasione per vincere i $ 1000 dollari che stava cercando.

Signor Mills: "Fondamentalmente, signorina Lewis, ciò che farà è questo, prima si toglierà tutti i vestiti ed entrerà in un corridoio che ha tre porte contrassegnate A, B e C. Sceglierà una delle porte, e all'interno ci sarà un piccolo podio con delle indicazioni che ti indicheranno specificatamente l'attività sessuale che ti verrà richiesto di svolgere per quella stanza. Avrai un minuto per prendere coscienza delle tue istruzioni, poi entreranno il tuo partner o i tuoi partner e inizierai con l'attività per un'ora. Ci sono telecamere che ti osservano in ogni momento, quindi per favore inizia con l'attività di quella stanza con grande entusiasmo o potresti essere squalificato. Una volta scelta una stanza, la porta dietro di te si bloccherà in modo da non poter tornare indietro. Inoltre, ogni stanza ha un'uscita sulla strada, ma se scegli di uscire da una di quelle uscite, verrai squalificato e non potrai mai più partecipare a The Gauntlet, quindi scegli di andartene a tuo rischio e pericolo.

Il signor Mills si alzò in piedi e tirò giù una mappa dell'edificio che era arrotolata sul muro come in un'aula dietro la sua scrivania. Ha continuato a utilizzare un puntatore laser.

Signor Mills: “Ecco il primo corridoio. Ci sono le tre porte e ci sono le stanze a cui conducono. Come puoi vedere, c'è un altro corridoio collegato alle tre stanze dall'altra parte con altre 3 stanze collegate a quello e così via. Dopo aver terminato l'attività di una stanza, entrerai nel corridoio successivo e selezionerai un'altra stanza da un'altra scelta A, B o C. In totale, entrerai in sette corridoi diversi e farai sette scelte diverse. Ora, questo gioco non è privo di insidie ​​e trionfi. Potresti entrare in una stanza e potrebbe essere proprio la stessa attività a cui hai appena partecipato nella stanza precedente. Naturalmente saranno partner diversi, ma dovrai riprovarci. Potresti anche entrare in una stanza che ti richiede di non fare nulla. Quelle sono stanze "passabili", ed è solo una tua fortuna che tu abbia scelto una di quelle stanze."

Barbara: "Quindi, mi siedo lì in quelle stanze e non faccio nulla e non verrò squalificato?"

Sig. Mills: “È corretto. Scegliere una di quelle stanze ti fa guadagnare un periodo di riposo di 30 minuti. Ci sono anche sale di rigore”.

Barbara: “Camere di rigore?”

Mills: “Sì, sale di rigore. Una stanza di rigore è semplicemente una stanza che ha un corridoio al suo interno che ti riporterà direttamente al primo corridoio. Queste stanze si trovano solo alle estremità delle porte A e C. Ma ti prometto che le stanze B sono le stanze più hardcore di ogni livello, quindi semplicemente scegliere quelle stanze e stare lontano dalle estremità non sarebbe saggio. Ecco perché questo è un gioco d'azzardo. Ora, una volta raggiunto il settimo corridoio, quello con le ultime tre porte, quella scelta sarà la più grande di tutte. Vedete, a quel livello, una porta sarà una porta di penalità, e in una porta ci saranno i vostri soldi, e l'altra sarà un'uscita sulla strada. Ora, quell’uscita non è una squalifica a vita, ma verrai squalificato per un giorno di prova. Capire?"

Barbara: “Sì, lo voglio. Tutta questa faccenda è un'organizzazione molto elaborata. È intrigante però. Hai molte donne qui che vogliono affrontare tutto questo?"

Sig. Mills: “In effetti, lo facciamo. Abbiamo avuto anche molti vincitori in denaro, quindi le tue probabilità di uscire vincitore sono piuttosto buone. Ricorda solo di archiviare le selezioni delle stanze nella tua mente in modo da poter ricordare dove si trovano se colpisci una stanza di penalità. Ora, se non ci sono altre domande, avrò bisogno che tu legga e firmi questa rinuncia.

Barbara lesse attentamente il documento di due pagine. Proprio come Lena le aveva detto che era solo una liberatoria per loro di filmare e vendere i nastri come meglio credevano. Firmò la seconda pagina e restituì il modulo al signor Mills.

Signor Mills: “Ok signorina Lewis, il suo primo corridoio è oltre quella porta proprio lì. Ora puoi toglierti tutti i vestiti, comprese le scarpe. Se sei abbastanza fortunato da trovarti nella stanza dei soldi, i tuoi vestiti ti aspetteranno lì. Se finisci per strada non riavrai i tuoi vestiti fino a 24 ore dopo, quindi per favore non tornare all'inizio e provare a recuperarli. Mi dispiace, signorina Lewis, ma a quel punto sarai per strada nuda e da sola, il che fa parte del gioco. Quindi, per favore, dichiaro ancora una volta, scegli saggiamente, Hun.

Barbara cominciò a togliersi i vestiti e mise ogni pezzo uno per uno nella borsa che il signor Mills le teneva aperta. Si sentiva molto a disagio con lui che la fissava per tutto il tempo. Lui fece uno strano sorriso quando lei si tolse il reggiseno e le mutandine, cosa che la fece davvero spaventare. Una volta completamente nuda entrò nel primo corridoio e vide le tre porte contrassegnate con A, B e C. Ne dedusse che una porta di penalità non era possibile dopo il primo corridoio perché una stanza non poteva condurre a se stessa, quindi decise di farlo scegli subito una porta finale e salta la porta "B" più dura.

Dopo essere entrata dalla porta contrassegnata con la lettera "A", la sentì chiudersi quando se la chiuse dietro di sé. Vide il podio e poco dopo un piccolo tappeto imbottito al centro del pavimento, illuminato da molta luce. Pensò che fosse ben illuminato a causa delle telecamere, ma non sapeva dove fossero effettivamente le telecamere. Aprì la cartella sul podio e lesse le istruzioni:

[Sei entrato in una stanza Blow Bang. 3 uomini entreranno nella stanza e per un'ora intera ti verrà richiesto di fare sesso orale a tutti e tre. Ti verrà inoltre richiesto di ingoiare tutto lo sperma che rilasciano e non dovrai fermarti fino al termine dell'ora.]

Barbara si sentì un po' sollevata mentre aspettava i suoi partner. Le piaceva fare pompini e sapeva che ovviamente c'erano alcune stanze che sarebbero state molto più difficili di questa. Sentiva di aver scelto saggiamente. Barbara si avvicinò al tappeto e vi si inginocchiò.

Proprio in quel momento 3 uomini entrarono nella stanza da una porta laterale. Erano tutti nudi e in forma e tutti e tre erano bianchi. Stavano intorno a Barbara con i loro cazzi duri rivolti verso l'esterno e Barbara cominciò a succhiarli. Le dimensioni dei loro peni variavano, da cinque pollici a circa sette e nessuno dei due era così peloso. Sicuramente erano fan accaniti di tutta la moda del manscaping e si tenevano curati in modo tempestivo. Il primo ragazzo che le venne in bocca lo fece dopo soli undici minuti di suzione. Barbara ruotava abilmente da un cazzo all'altro facendo roteare la lingua e ingoiava profondamente i loro cazzi con entusiasmo e perfezione. Allo scadere dell'ora aveva preso in bocca sette carichi totali e aveva ingoiato ogni goccia. Gli uomini uscirono dalla stanza e una luce verde si accese sopra la porta che Barbara doveva attraversare per avanzare al corridoio successivo.

Barbara si prese un sorso d'acqua veloce dal gorgogliatore che aveva notato essere lì nel corridoio n. 2. Fissò le tre porte con i segni A, B e C mentre puliva il suo giaciglio e pensò a quale avrebbe scelto. Dopo un lungo dibattito, Barbara ha deciso che una porta B potrebbe essere la scelta migliore perché non riusciva a decidere quale estremità potesse essere una porta di penalità. Così entrò dalla porta B e la sentì chiudersi dietro di lei. In questa stanza c'era un tavolo sottile e ben illuminato. E c'era un alto cuscino a un'estremità. Si avvicinò al podio e lesse le istruzioni di quella stanza:

[Sei entrato in una stanza di sesso anale. Ti sdraierai sul lato imbottito del tavolo in posizione a pecorina. Cinque ragazzi entreranno nella stanza e tu porterai il cazzo di ogni uomo in profondità nel tuo ano per un'ora intera. Gli uomini ti spareranno il loro sperma nel buco del culo. Al termine dell'ora, troverai un'area doccia per sciacquarti il ​​corpo nella zona del corridoio successiva.]

Barbara si mise subito in posizione sul tavolo. Aveva già fatto sesso anale nella sua vita, ma non era qualcosa che le piaceva molto o che aveva sperimentato molto spesso. Come aveva affermato il signor Mills, le porte "B" erano più hardcore delle porte A o C e non c'era niente di più hardcore del sesso anale.

I cinque uomini entrarono nella stanza. Cinque ragazzi bianchi di diversi pesi e dimensioni con peni di dimensioni comprese tra 5 e 8 pollici. Il primo uomo aveva una bottiglietta di lubrificante, la infilò nel buco del culo di Barbara e la spremette molto generosamente. Il suo culo sembrava strano e bello. Il primo uomo cominciò a spingerle il suo cazzo da 6 pollici nell'ano e dopo qualche pompata riuscì a scivolare dentro con facilità. Ha pompato il suo cazzo con colpi più veloci e le sue palle hanno cominciato a schiaffeggiare le labbra della sua figa facendola gemere di gioia. Poi è toccato al secondo uomo e Barbara ha subito avvertito la differenza di taglia. Il secondo uomo era lungo circa 8 pollici ed era chiaramente un po' più largo in circonferenza rispetto al primo uomo. Barbara iniziò ad avere il respiro pesante mentre l'uomo la pompava più velocemente e più in profondità nel suo buco del culo con il suo grosso arnese. Era sull'orlo dell'orgasmo quando lui improvvisamente si tirò fuori ed entrò un altro uomo. Ogni uomo poi fece un giro completo nel suo buco del culo. Alla fine della sessione aveva ingoiato altri quattro carichi di sperma e ne aveva presi altri nel culo.

L'ora finì e Barbara guardò i cinque uomini uscire dalla stanza. Poi entrò nel corridoio n. 3 e trovò la doccia che era lì e si spruzzò velocemente per pulirsi quanto poteva cercando di rimuovere il loro sperma dal buco del culo. Quindi bevve un altro drink da un altro gorgogliatore e decise di scegliere la porta contrassegnata con "A". In questa stanza c'era un divano ma non era illuminato. La stanza infatti era più buia delle precedenti. Barbara lesse le istruzioni sul podio:

[Congratulazioni! Ti sei guadagnato un periodo di riposo. Riposati sul divano e quando la luce verde si accende sopra la porta accanto continua il tuo viaggio.]

Barbara si sdraiò sul divano e attese. Ha iniziato a sentirsi arrogante. Non aveva ancora dovuto fare sesso vaginale ed era già nel corridoio n. 4. Era quasi a metà di tutta questa faccenda ed era sicura che sarebbe tornata a casa con i soldi per le bollette entro la fine della notte. I 30 minuti passarono velocemente e la luce verde sopra la porta ronzò e Barbara si alzò ed entrò nel corridoio n. 4. Ancora una volta aveva paura di scegliere una porta con le lettere finali, quindi ha deciso di scegliere di nuovo la "B".

[Sei entrata in una stanza a doppia vagina. Entreranno due uomini e permetterai a entrambi di scoparti nella tua vagina contemporaneamente. Permetterai loro di farlo per un'ora.]

Barbara rimase scioccata mentre lo leggeva. Due cazzi contemporaneamente? Era possibile? Cominciò a farsi prendere dal panico mentre aspettava sul materasso che era sul pavimento al centro della stanza. Sperava che i due uomini avessero il cazzo più piccolo. Quei pensieri si placarono rapidamente quando notò due uomini bianchi alti entrare e ognuno aveva quelle che sembravano mazze da baseball da 9 pollici penzolanti tra le gambe. La sua vagina cominciò ad annaffiare mentre fissava i due cazzi e il primo uomo che si posizionava tra le sue gambe. Si spinse tra le labbra della sua figa e Barbara gemette molto forte.

Dopo che il primo uomo ha pompato il suo cazzo dentro e fuori per alcuni colpi, il secondo uomo si è posizionato dietro di lui e ha iniziato a incastrare il suo palo contro il primo ragazzo che cercava di entrare con i calzari. Questo ha fatto davvero male e Barbara ha iniziato a urlare. I due uomini ignorarono le sue urla e la pomparono, la spinsero e si incunearono dentro finché non furono finalmente entrambi dentro. Poi contemporaneamente hanno pompato la fica di Barbara con meno abusi e indifferenza. Per tutta l'ora nessuno dei due si tirò fuori da lei, nemmeno quando arrivarono.

Barbara si dimenava selvaggiamente mentre entrambi i cazzi allungavano le sue pareti vaginali oltre la capacità massima. Anche lei è svenuta durante questa potente sessione. Finalmente e per fortuna l'ora finì e i due uomini si ritirarono e lasciarono la stanza. Barbara riusciva a malapena a camminare ma entrò nel corridoio n. 5 e bevve un altro sorso d'acqua. Prese anche il soffione estraibile della doccia e si sciacquò un po' la fica gonfia.

Fu allora quello che accadde accanto a Barbara che uccise il suo spirito e scacciò tutta la sfrontatezza dalla sua mente. Ha scelto la porta “C” ed era una sala di rigore. Iniziò a piangere tra sé e sé mentre percorreva il lungo corridoio che la riportava al corridoio n. 1. Si è trattato di una battuta d’arresto che Barbara non pensava sarebbe arrivata e non era preparata ad affrontarla. Ma dopo pochi minuti si ricompose e cercò di andare avanti.

Abbattuta e triste, si ricordò che la porta "A" in quel primo corridoio era la stanza del Blow Bang, quindi la scelse nuovamente. Sia il suo buco del culo che soprattutto la sua figa avevano comunque bisogno di una pausa.

Sono entrati tre uomini e lei si è messa in ginocchio sul materassino e ha cominciato a succhiargli i cazzi. Erano tre uomini diversi dall'ultima volta che era stata in questa stanza. Uno di loro era spagnolo e l'altro orientale e nessuno di loro era molto in forma. Barbara ha fatto la sua ora e ha ingoiato tutto ciò che le è stato sparato in bocca. Continuò verso il corridoio n.2. Sapendo che la porta "B" in questo corridoio era il sesso anale, ha deciso di scegliere la porta "C" per vedere cosa conteneva:

[Hai scelto la stanza orale lesbica grassa. In questa stanza ti verrà richiesto di leccare e succhiare la vagina di una donna molto sovrappeso. Lo farai entro un'ora e non potrai rimuovere il viso dalle sue gambe fino al termine dell'intera ora.]

Barbara non aveva mai fatto nulla di sessuale con una donna prima. Non le venne nemmeno in mente che altre donne sarebbero state coinvolte in tutta questa faccenda. Proprio in quel momento una grande donna bianca nuda che sembrava essere alta circa 5 piedi e 250 libbre. entrò dondolandosi nella stanza e si alzò sul tavolo che era lì. Disse a Barbara di aiutarla a infilare le gambe nelle staffe collegate all'estremità. Barbara sentiva l'odore della sua vagina ed era rancido. Poteva vedere il sudore gocciolare dalle pieghe del suo stomaco. Era disgustoso.

Una volta fissate correttamente le staffe alle caviglie della donna grassa, Barbara iniziò il suo compito e iniziò ad allargare le labbra sudate della fica della donna. Avvicinò il viso e cominciò a leccarla. Barbara trattenne i suoi riflessi per vomitare mentre leccava e scopava con le dita la vagina puzzolente che era davanti a lei. Quest'ora trascorse così lentamente che Barbara sentiva di sentirsi sempre più male di momento in momento. Ci sono voluti ben 35 minuti, ma alla fine la donnona è arrivata e ha spruzzato i suoi succhi sul viso di Barbara.

Barbara continuò come un soldato fino alla fine dell'ora intera. Quando tornò nel corridoio n. 3 infilò il viso sotto il soffione della doccia e se lo sciacquò accuratamente. Si accovacciò anche e fece pipì nello scarico della doccia e passò ancora un po' di tempo al gorgogliatore. Quindi entrò nella porta "A" sapendo che era il bagno in cui si trovava prima e si sdraiò di nuovo sul divano. Trenta minuti di riposo e lei si ritrovò nel corridoio n. 4 per la seconda volta durante la notte. L'ultima volta che è stata qui la porta "B" era una doppia vagina, quindi ha deciso di scegliere la porta "C":

[Hai scelto la stanza Tripla Penetrazione. Tre uomini entreranno e verrai portato in tutte e tre le tue buche contemporaneamente per un'ora intera. Se desideri ridurre il tempo di 30 minuti, puoi scegliere la tripla penetrazione estrema, che include tre uomini i cui cazzi sono anormalmente sovradimensionati.]

Barbara ha esitato e ha pensato al tempo ridotto, ma alla fine ha deciso di optare per il compito più semplice ma con un tempo più lungo. Ciò significava che il percorso era di un'ora e tre uomini con sette pollici o meno sono apparsi e l'hanno triplicata per l'ora successiva. Durante questa scopata Barbara ha provato a calcolare da quanto tempo stava facendo tutta questa cosa. Ogni stanza era durata un'ora e lei stava già pensando di aver impiegato dieci o dodici ore al giorno. Era circa l'una di pomeriggio quando aveva iniziato, quindi pensava che dovesse essere almeno tra le 23:00 e l'una di notte. I tre uomini hanno sparato un paio di volte e si sono anche scambiati di posto nei suoi buchi un paio di volte.

Quando l'ora finì, Barbara proseguì nel corridoio n. 5. La porta “C” è stata la sua rovina l’ultima volta, quindi ha dovuto decidere tra le altre due porte. Molto probabilmente la porta "B" sarebbe stata brutale, quindi ha dedotto che la porta "A" fosse il biglietto. Anche quello era un biglietto perché era un altro bagno. Dopo 30 minuti di riposo, per la prima volta Barbara raggiunse il corridoio n.6.

Barbara ha avuto una fortuna straordinaria nel corridoio n. 6. Scelse la porta "C" e raggiunse il secondo bagno consecutivo. Dopo altri 30 minuti Barbara era ormai al Santo Graal. Si trovava nel corridoio n. 7. Dietro una di queste porte c'erano i soldi che stava cercando di vincere. Le altre due porte sarebbero scelte fatali. Uno l'avrebbe ricondotta al corridoio n. 1 e avrebbe dovuto ricominciare tutto da capo, e l'altro l'avrebbe condotta in strada dove sarebbe stata dopo mezzanotte e lei sarebbe stata completamente nuda. Sarebbe stata una decisione molto difficile. Barbara prese dell'altra acqua e cercò di creare uno schema nella sua mente delle altre porte e degli altri corridoi, ma nessuno di essi combaciava.

Dopo aver riflettuto a lungo, Barbara scelse la porta “B” e si rivelò essere la peggiore delle tre scelte. Adesso era completamente nuda fuori sul marciapiede. Si guardò attorno e notò che non c'era nessuno in giro, quindi si spostò rapidamente nel vicolo più vicino che riuscì a trovare. Trovò un cassonetto e ne tirò fuori un sacco della spazzatura di plastica, ne svuotò la spazzatura e se la mise attorno al corpo.

Poi tornò in strada e si guardò intorno alla ricerca di un telefono pubblico, che trovò sul lato di una stazione di servizio chiusa. L’asfalto era molto freddo sotto i piedi nudi di Barbara mentre si dirigeva alla stazione di servizio. Due senzatetto le passarono accanto e uno le tirò il sacco della spazzatura attorno al corpo, ma lei gli colpì frettolosamente la mano e si allontanò rapidamente da loro. Una volta al telefono, chiamò la sua amica Lena a carico del destinatario e tra le lacrime spiegò quanto avesse fallito nel superare la sfida.

Lena ha accettato di andarla a prendere. Le disse di stare lontana dalla vista e di smettere di piangere affinché avrebbero capito tutto. Circa 20 minuti dopo, Lena arrivò e iniziò a ridere quando vide Barbara che indossava solo un sacco della spazzatura di plastica sporco.

Barbara: “Sì sì. Era l'unica cosa che potevo pensare di trovare. Almeno se rifarò tutto questo saprò quale porta conduce alla strada.

Lena: “Oh Barb, odio dirtelo ma…. cambiano le stanze ogni giorno.”

Barbara: “Davvero? Dannazione! Non mi interessa! Ho bisogno dei soldi! Quanto velocemente posso riprovare?"

Lena: “Beh, puoi tornare stasera dopo le 18, ma io non ci andrei di domenica”.

Barbara: “Perché no?”

Lena: “Beh, la domenica ogni stanza viene raddoppiata. Raddoppiano il tempo e raddoppiano l'atto sessuale, e raddoppiano anche il premio in denaro. Per esempio, qual è stata la tua stanza peggiore?"

Barbara ci pensò un attimo poi si ricordò.

Barbara: “Era quella doppia vaginale. Ho dovuto prendere due cazzi enormi nella mia figa allo stesso tempo."

Lena: “Ahi! Non riesco a immaginare come lo raddoppieranno. Barb, c'è anche qualcos'altro nelle sere della domenica di cui non ti ho parlato.

Barbara: “Che cos’è?”

Lena: “È tutto interrazziale. Ogni stanza è piena di uomini neri.

Barbara: “Vattene da qui, cazzo!”

Lena: “Ascolta, questi ragazzi prendono sul serio il doppio della domenica. E i cazzi neri sono il doppio di quelli bianchi.

Per il resto del viaggio in macchina verso casa Barbara pensò di tornare più tardi quella notte. Le restavano sei giorni per ottenere i soldi per pagare le bollette e non poteva davvero sprecare una possibilità. Una volta a casa, andò direttamente sotto la doccia e l'energia ripulì il suo corpo dalla dissolutezza della giornata. Successivamente, mentre camminava per il suo appartamento in vestaglia, fissò per un po' le sue fatture che erano ancora sul tavolo della cucina. Fu a quel punto che si rese conto che doveva tornare e correre The Gauntlet più tardi quella notte. Onestamente non pensava che ci fosse altro modo. Per il momento, però, aveva bisogno di dormire un po'.

Continua

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

1.3K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1K I più visti

Likes 0

Io e il mio cane

+Ho creato un account qui per raccontare una storia vera di quello che è successo qualche anno fa. L'ho fatto solo per raccontare una storia, ma se volete, potrei scrivere di più.+ Tutto è iniziato il giorno del mio dodicesimo compleanno. Mio padre sa che desidero un cucciolo da sempre, quindi per il mio compleanno mi ha regalato un grazioso cucciolo di golden retriever. Aveva circa 2 mesi all'epoca ed era COSÌ CARINO! Comunque, non ti annoierò con i dettagli. Circa un anno e mezzo o due anni dopo, dopo che è diventato a grandezza naturale, ho notato la sua cosa...

688 I più visti

Likes 0

Lust in Translation, (o Playboy e il dio della melma).

Nel thread CAW 24, Pars001 ha chiesto: può anche avere un tema misterioso di fantascienza o una storia d'amore aliena? dopotutto sono strano La mia risposta è stata: Che ne dici dei negoziati sul trattato tra la razza aliena e gli umani. Il trattato finale deve essere concluso dal sesso tra un alieno e un umano. Per ulteriori punti, raccontalo dal punto di vista sia umano che alieno. A proposito: questa non è un'idea del tutto originale. Ho dovuto provare questo. — Il presidente fissava la pagina web, il suo colore blu troppo saturo gli faceva male agli occhi, ma era...

712 I più visti

Likes 0

Schiavi sessuali rapite_(1)

Il viso di Sara era coperto di lacrime e si poteva vedere l'espressione addolorata sul suo viso. Giaceva legata come un maiale sul pavimento della sua casa. Aveva un anello imbavagliato in bocca, tenendolo aperto. Era ancora vestita. Le sue braccia erano tirate in alto dietro di lei. I suoi polsi erano stati legati strettamente, fissati con una pesante corda di canapa. Una barra di sollevamento era attaccata tra le sue ginocchia; era lungo più di un metro e la teneva aperta e distesa. Una corda era attaccata a ciascuna caviglia, l'altra estremità attaccata ai suoi polsi legati. La corda era...

694 I più visti

Likes 0

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO Anni fa ho lavorato alla pulizia di un hotel locale. È stato poco prima che incontrassi Barry ed ero ancora arrapato anche allora. Ho attraversato una fase in cui indossavo calze e bretelle e lo faccio ancora adesso quando andiamo a dondolare e per lui in camera da letto. Racconterò il più possibile dalla mattina, questo è successo in un hotel a 5 stelle in Australia. .................................................. .................................................. .................................................. Oggi è stata una giornata noiosa e lenta, non c'erano molte stanze occupate, quindi non ci sarebbe voluto molto per finire e fortunatamente la mia amica mi stava...

641 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

537 I più visti

Likes 0

Annie e il lupo

La mia vita non è mai stata particolarmente facile, i miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo solo tre anni, quindi non capivo del tutto di perderli ma non ha reso più facile non averli. Sono finita nelle cure di mia nonna, una donna che stava per raggiungere i 90 anni, ha fatto del suo meglio per crescermi e io non ho chiesto molto, quindi per quanto riguarda i vestiti, ho preso abiti semplici, voluminosi e un po' tozzi. Gli abiti voluminosi mi offrivano un vantaggio, nascondendo il mio corpo. Non sono mai stata orgogliosa di come progredisco...

340 I più visti

Likes 0

...

195 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.