Scoperto da Tomb Raider

1KReport
Scoperto da Tomb Raider

"Buonasera. È questa la signora Croft con cui sto parlando?»

"È corretto."

“È meraviglioso sentirti di nuovo! Cosa possiamo fare per te questa sera?

“Sono al Pan Pacific Hotel in Mariana Square. Stanza 1612. Vorrei un po' di compagnia per la serata.

“Molto bene, signorina. Aveva in mente qualcosa di diverso per stasera? O il solito?

"Il solito, per favore."

«Un giovane in forma, di non più di trentanove anni. Il resto non c'entra?

“Sì, tranne...”

"Ahh, qui dice che preferisci qualcuno disposto a sottomettersi e impegnarsi in giochi stravaganti?"

"È un must, per me."

“Questo può certamente essere organizzato. Dato che hai già utilizzato il nostro servizio, probabilmente lo sai già, ma quel tipo di intrattenimento richiede la nostra tariffa premium di cinquemila dollari.

"Va bene."

"Eccellente! I tuoi dati di fatturazione sono gli stessi?"

“Mmmhmmm.”

"Splendida. Eseguirò l'accusa e manderò qualcuno nella tua stanza entro un'ora!

"Grazie Tesoro."

* * * * *

"Ciao?"

“Dano! Sono così felice che tu sia lì! So che non ci sei stasera, ma per favore dimmi che sei disponibile in questo momento?!?”

"Stavo per andare in un club, ma posso lavorare se hai bisogno di me."

“Davvero! Sei d'accordo con la merda viziosa, vero?

«È un termine terribilmente ampio. Che tipo di merda viziosa?

"Sai! Donne a cui piace dominare!

"OH. Diavolo sì! Sono d'accordo, a patto che non le piacciano torture, scat o qualcosa di troppo estremo.

«Se fa delle richieste irragionevoli puoi sempre liberarti, ma non credo che vorrai. Questa data è duemila in tasca.

“DAYUM! Devi farmi concerti come questo più spesso! Dove sto andando?"

“Il Pan Pacifico. Stanza 1612. La donna è una signora Croft. Dille solo che la chiamino dalla reception e dovrebbero portarti subito su.

"Me ne vado tra cinque minuti."

"Bene. Ho già bruciato venti telefonate e lei ti vuole lì tra trenta. Non farla aspettare!

* * * * *

*DING*

"Questo posto è pazzesco" osservò Dan mentre scendeva dall'ascensore, proprio dietro il portiere dell'hotel. “Non riesco a immaginare che un soggiorno qui sia economico.”

“Le nostre suite deluxe partono da cinquecento a notte” rispose il signore di mezza età con la giacca rosso scarlatto e il berretto senza tesa.

"Trasporti sempre le persone fino alla stanza degli ospiti in questo modo?"

"Se i nostri clienti lo richiedono, sì."

"Dannazione. Prima classe fino alla fine."

Dopo una breve corsa lungo il corridoio, arrivarono alla stanza 1612. Il portiere fece scorrere la chiave magnetica e la porta si aprì nell'oscurità quasi totale. C'erano deboli luci che si irradiavano da edifici lontani attraverso le finestre sul retro, ma era tutto ciò che si poteva vedere. Lo steward elegantemente vestito gli fece cenno di entrare.

La fronte di Dan si corrugò mentre scrutava nella stanza buia. «Sei sicuro che sia qui?»

“Avanti, giovanotto” chiamò una voce femminile dall'interno. Erano toni sensuali pronunciati con un altezzoso accento britannico.

Dan entrò e il portiere si congedò. Il dispositivo pneumatico chiuse la pesante porta e ristabilì la sua tenuta ermetica mentre percorreva il breve corridoio fino al punto in cui si apriva la stanza.

Una volta attraversato l'atrio, Dan si trovò in una stanza buia ma spaziosa con una bellissima vista della città sottostante. Il cielo notturno era illuminato da altri lussuosi hotel ed edifici per uffici che proiettavano il loro bagliore nell'oscurità della sera. Nell'angolo della stanza riuscì a decifrare il profilo di una donna seduta su una sedia con un bicchiere in mano.

"Ciao. Sono Dan.”

“Ciao Dan. È l'abbreviazione di Daniel?"

"Lo è, ma solo mia madre mi chiama così."

La donna bevve un sorso del suo drink. “Ti dispiace se ti chiamo Daniele? Disprezzo i nomi abbreviati.

"Sicuro. Se ti piace."

"Grazie caro. Mi chiamo Lara.

“Lara?” chiese Dan, entrando un po' di più nella stanza. «È un bel nome. Spero di riuscire a vedere il viso adorabile che lo accompagna.

Lara emise una risatina sommessa. "In tempo. Quindi ti piace sottometterti a una donna forte, vero?

“Vivo per questo” mentì Dan. Non gli dispiaceva farlo, soprattutto quando la paga era buona, ma non era proprio il suo genere. Tuttavia, sapeva che parte dell'essere una buona escort era giocare con i desideri del cliente.

"Felice di sentirlo. Togliti i vestiti. Puoi lasciarli sul letto.

Lara bevve un lungo sorso del suo drink mentre Dan si spogliava. Assaporò il buon vino mentre osservava il profilo del giovane che si spogliava nell'oscurità.

“Nel mondo del kink, è importante essere aperti a nuove esperienze. Sei aperto a nuove esperienze, Daniel?"

"Cerco di esserlo" rispose mentre si toglieva i pantaloni e li lanciava sul bordo del letto. Ora era completamente nudo e in piedi nel mezzo di una buia stanza d'albergo a conversare con un perfetto sconosciuto. I suoi precedenti clienti avevano goduto di molte forme diverse di preliminari, ma nessuno di loro era stato così "cappotto e spada" come questo. Era già una nuova esperienza.

Il suo orgoglio e la sua gioia erano allo scoperto, un flaccido quattro pollici. Non era enorme, specialmente quando era tenero, ma Dan non era mai stato impacciato. Aveva il corpo di un nuotatore e sapeva che una volta che Lara l'avesse fatto andare, la sua virilità si sarebbe indurita fino a diventare molto più impressionante di sette anni e mezzo. Molte donne gli avevano detto che aveva la taglia perfetta.

"Bene. Questa è una qualità importante in un uomo-sgualdrina. Luci!"

Al suo comando, le luci del soffitto si accesero. La stanza era illuminata da una luce fioca. Gli occhi di Dan si spalancarono e la sua bocca si spalancò.

Lara era di una bellezza straordinaria. Aveva dei bei capelli castani che le scendevano su entrambi i lati del viso e spuntavano in una coda di cavallo dietro di lei. I suoi occhi erano freddi e circondati da una fodera scura che le dava un aspetto da "femme fatale" assassina. Il suo top di pelle, un indumento che le copriva le spalle e la parte superiore delle braccia, era l'unico capo di abbigliamento che indossava. La pelle lucida si fermò dove i seni grandi, rotondi e flessibili presero il sopravvento, sporgendo dal suo petto.

Il suo stomaco ben tonico e le cosce sorprendentemente forti erano la prova di qualcuno che trascorreva del tempo in palestra. Forse era una scalatrice o una fan di altri sport "estremi". I suoi stivali di pelle erano stati messi da parte e il resto del suo vestito di pelle era sparso su tutto il pavimento.

Niente di tutto questo era la causa del silenzio di Dan. Ciò che lo paralizzò dal momento in cui si accesero le luci fu il cazzo gigantesco e il pesante set di palle situato tra le sue potenti gambe. Era gigantesco. Probabilmente il doppio della lunghezza di Dan nel punto più duro e tre volte più spesso. Non sembrava nemmeno possibile.

La giovane escort rimase lì a fissare incredula mentre Lara lo guardava con un sorriso diabolico. Abbassò lo sguardo sulla sua morbida unità prima di riportare lo sguardo sui suoi occhi. Il suo divertimento era evidente.

“Io sono... Wow. Penso che ci sia stato un errore!

"Un errore? Cosa vuoi dire?

"Non so come dirlo senza sembrare maleducato... non sono gay."

“È un sollievo” rispose lei prima di vuotare il bicchiere e posarlo sul davanzale della finestra. “Nemmeno io sono gay. Se lo fossi, avrei chiesto una donna.

Il cervello di Dan ha fatto saltare un fusibile. Non aveva idea di come rispondere. Mentre osservava il suo corpo giovanile dall'alto in basso, ricordò una conversazione con alcuni dei suoi colleghi. Avevano incontrato donne la cui ricchezza permetteva loro di rimanere vitali nonostante la loro età e i cui corpi erano stati "aumentati".

In questi giorni, non mancavano le terapie geniche, i farmaci per il potenziamento e gli interventi chirurgici che le persone con grandi mezzi potevano sfruttare per prolungare la propria vita e migliorare il proprio fisico. Lara potrebbe essere giovane, o potrebbe avere ottant'anni con la mente e il corpo di qualcuno sulla trentina.

Il transumanesimo stava dilagando in questa coraggiosa nuova era. In generale, esisteva solo per i ricchi. Tutti i gradini più bassi della società erano ancora solo un normale essere umano che viveva nel proprio mondo e cercava di cavarsela.

«Cosa c'è, Daniel? Non ti piace il mio corpo?" Ha dato ai suoi seni una stretta decisa e poi ha spostato la mano destra verso il suo enorme tubo di sperma. Lara lo afferrò e iniziò ad accarezzarlo su e giù in modo lascivo. "Questo non sarà un problema, vero?"

Dan deglutì. Era la prima volta che incontrava una donna come Lara, ma probabilmente non sarebbe stata l'ultima. Se cancellasse l'appuntamento ora, gli farebbe una brutta figura in agenzia. Potrebbe non ottenere più concerti ben pagati. Era stato beccato prima. Questo sarebbe solo leggermente diverso. Era giunto il momento di risucchiarlo... letteralmente e figurativamente.

"NO. Non c'è problema. E il tuo corpo è fantastico.

Ciò provocò un'altra risatina gutturale da Domina ben dotata. "Bene. Ora vieni qui.

Fece il movimento "vieni qui" con il dito indice mentre Dan si avvicinava alla sua forma nuda e seduta. Continuò ad accarezzarsi mentre guardava avvicinarsi il fottuto giocattolo nudo e ordinato. Lara stava cominciando ad avere la sensazione che la sottomissione non fosse la tendenza naturale di Dan. Questo l'ha solo eccitata di più.

"Sulle tue ginocchia."

Dan si abbassò dolcemente tra le sue gambe. Si inginocchiò ai piedi del suo sedile, alzando lo sguardo verso il randello di carne incredibilmente grande che stava sull'attenti davanti a lui. Non aveva idea di come avrebbe gestito quel mostro.

Lara non gli diede molto tempo per pensarci. Portò la punta della sua arma grassa e carnosa alle sue labbra in attesa. La lussuriosa Domina si allungò in avanti con entrambe le mani e gli afferrò la nuca. Si tirò in avanti dolcemente e le labbra di Dan si schiusero. Il suo membro caldo e pulsante si tuffò nella sua cavità orale e gli corse lungo la lingua.

Il primo assaggio di cazzo di Dan fu muschiato con forti sentori di sudore e pelle. Era ovvio che Lara non si fosse fatta la doccia prima del loro incontro. Qualunque cosa avesse fatto prima quel giorno, aveva sudato nel suo abbigliamento di pelle e ora lui era inondato dal suo sapore e dal suo odore. Spinse e tirò fermamente la sua testa, cominciando a fottergli la bocca con i primi quindici centimetri della sua arma luccicante.

"Ecco fatto... ora inizia a succhiare."

Dan obbedì, mettendo al lavoro la lingua e le pareti della bocca. Rumori umidi uscirono dalle sue guance quando iniziò a succhiarle il glande e l'asta pesante con vigore. Lara inclinò la testa all'indietro ed emise un gemito lungo e basso. Teneva le mani sulla sua testa, guidando i suoi movimenti mentre lentamente gli dava da mangiare altro del suo pene gigantesco.

“Mmmmmm, sì... E così nasce un succhiacazzi! Posso dire che questa è la tua prima volta, ma scommetto che non sarà l'ultima. La maggior parte degli uomini che scopo comincia ad amarlo. Penso che la metà di loro mi pagherebbe per un appuntamento, adesso. Ma non è divertente... Mi diverto a spaccare la fica di un ragazzo fresco.

Le guance di Dan bruciavano per l'imbarazzo mentre le sue labbra si allungavano sulla sua circonferenza e leccava su e giù il suo cazzo sempre più duro. La sua presa sulla sua testa si stava stringendo, la sua bocca fottuta diventava più insistente mentre cercava di immergere sempre più il suo grosso cazzo nella sua bocca che succhiava. Il suo glande continuava a sbattere contro la parte posteriore della sua gola, suscitando suoni di soffocamento mentre stabiliva un ritmo costante di scopate in faccia.

Questo andò avanti per molti minuti prima che Lara staccasse la sua faccia dal suo cazzo. Dan tossì e ebbe conati di vomito; scie di saliva e pre-cum gli decoravano il viso e colavano dalle sue labbra umide al pavimento sottostante. Lara infilò la mano nel suo mezzo gilet di pelle ed estrasse un preservativo XXXL. Lo tese al suo stronzetto preso in affitto e lo guardò severamente.

"Mettilo su di me."

Dan ha scartato il preservativo assurdamente grande e ha arrotolato la manica di lattice lungo la sua lunghezza dura come la roccia. Anche attraverso il fresco lattice, poteva sentire la sua asta bruciare di un calore lussurioso. La sua arma ora rivestita di gomma sottile, Lara si alzò in piedi. Afferrò Dan per i capelli e lo tirò su con lei.

Senza perdere tempo, guidò e trascinò Dan per la breve distanza fino alla finestra e lo spinse contro il vetro. Dan ebbe una vista vertiginosa della città sottostante mentre Lara si leccava due dita e le infilzava nella sua morbida grinza. Lui gemette mentre lei lo premeva duramente contro il vetro, la sua ansia alle stelle. Solo il vetro della finestra lo separava da un sedicesimo piano caduto nell'oblio.

La ninfomane armata di cazzo gli parlò direttamente all'orecchio. «Hai detto che solo tua madre ti chiama Daniel, vero?»

“Sì...” grugnì lui attraverso le ruvide spinte delle sue dita su per il culo.

"Beh, allora immagino che questo faccia di me tua madre, no?"

“Ahhhhh!!!”

Gridò quando lei aggiunse un terzo dito, le sue dita che si spingevano in modo sciatto dentro e fuori dal suo ano in rapida espansione. "Dillo. Chiamami tua madre.

"Sì, mamma!"

La libido di Lara aumentò e lei non poteva più aspettare. Lei rimosse le sue dita lucide e portò la grossa punta della sua arma calda al suo pucker in attesa. Lei gli afferrò i fianchi e lo spinse dentro con aggressività, seppellendosi a metà nel primo affondo. Dan gemette di dolore, il calore e la tensione della sua invasione lo sopraffacevano. Le sue mani artigliarono il vetro, senza trovare nulla a cui aggrapparsi.

Lara iniziò a entrare e uscire dal suo anello morbido e carnoso. La sua grinza si allargava a ogni scopata vigorosa mentre lei lo sbatteva contro la finestra con colpi affamati.

“Rilassati, sgualdrina. Inizierà a sentirsi bene molto presto. Allora implorerai il mio cazzo!

Gli portò la mano destra dietro la testa e gli afferrò di nuovo i capelli. La sua mano sinistra rimase al suo fianco, tenendolo fermo mentre gli penetrava più a fondo nel culo ad ogni potente colpo. Le sue gambe forti si dimostrarono più che adeguate per tenerlo inchiodato alla finestra, la sua faccia incollata contro il vetro mentre lei lo perforava duramente.

In pochi minuti, la sensazione di bruciore iniziò a svanire insieme ai gemiti di dolore di Dan. Il suo cazzo è diventato più costante e liscio mentre il suo lattice avvolto schlong beveva dentro e fuori dal suo buco cedevole. Dan ha iniziato a gemere mentre la sua circonferenza solcava la sua prostata. L'aveva già sentito quando le donne lo scopavano con gli strapon, ma mai così pieno o intenso. Ogni sua inibizione svanì e iniziò a borbottare come una puttana assetata di cazzo mentre Lara sorrideva e lo scopava sempre più forte.

"Mmmmhmmm... Vedi, la mamma lo sa meglio."

Gli lasciò i capelli e spostò la mano destra sul suo cazzo duro. Dan era stato così concentrato sul suo attacco anale che non si era nemmeno reso conto di quanto fosse diventato duro. Lei lo accarezzò avanti e indietro mentre il suo cazzo diventava più breve e mosso, due terzi interi della sua lunghezza grassa bloccati nel suo corpo.

“Vieni per me, schiavo del cazzo! Vieni con il mio grosso cazzo nel tuo culo da troia!

Non ci volle molto perché il suo accarezzarlo furioso lo facesse esplodere e il giovane gemette per il suo orgasmo. Spessi fili di sperma schizzarono su tutta la finestra e gocciolarono sul davanzale sottostante. Una volta che gli ebbe prosciugato il cazzo, Lara gli rilasciò il membro e riportò la mano sui suoi fianchi. Ha iniziato a scoparlo più velocemente e molto più aggressivamente. Lei urlò e grugnì come un animale, affondando le dita nella sua carne e seppellendo la sua lunghezza nelle sue mura accoglienti con feroce fame.

“UUUUUNNNNNHHHHHHHHHHHHHHH!!!!”

Spinse profondamente il suo cazzo, strinse i denti e spinse Dan contro il vetro. Poteva sentire la calda poltiglia che penetrava nell'estremità del preservativo sepolto in profondità nelle sue viscere. Lara emise molti gemiti forti mentre i suoi seni premevano contro la sua schiena e si tenne incastrata nel suo culo per lunghi momenti. Il suo cazzo pulsava mentre un'oncia dopo l'altra di noce burrosa sputava nelle sue profondità piene di carne.

Dopo un minuto di respiro pesante con il mento sulla sua spalla, Lara indietreggiò. Si tirò fuori dal suo culo con uno slancio umido e liberò Dan dalla sua presa. Si mise le mani sui fianchi e abbassò lo sguardo sulla grande sacca di sperma che penzolava dall'estremità del suo cazzo. Un sorriso soddisfatto si allargò sul suo viso e lei emise un estatico sospiro di contentezza.

«È stato bellissimo, mia cara. Spostati a letto. Puoi avere qualche minuto per riposare.

Dan si voltò e fissò la malvagia trans. Lara si stava versando un altro bicchiere di vino e lo guardava avidamente. Sembrava difficile credere che non sarebbe stata soddisfatta dopo quello che avevano appena fatto, ma il suo comportamento era una chiara indicazione che l'appuntamento era tutt'altro che finito.

Si avvicinò cautamente al letto, il culo ancora dolorante per essere stato allungato così brutalmente. Si scostò i vestiti e si sedette prima di sdraiarsi, il suo cazzo che si afflosciava mentre si allungava. Lara bevve un altro bicchiere del suo spumante tra un colpo e l'altro del suo palo unto.

Posò la tazza prima di spostarsi verso il suo bagaglio ed estrarre un paio di manette. Lara si avvicinò al letto, allungando la mano e indicando Dan.

"Turnover. Mani dietro la schiena”.

Dan obbedì e lei fu sopra di lui in pochissimo tempo. Fece scattare le manette e gli assicurò le mani dietro la schiena. Lara lo fece rotolare sulla schiena prima di afferrarlo sotto le ascelle e trascinarlo in fondo al letto. Ora stava guardando la dea ben dotata a testa in giù, la testa che pendeva appena oltre il bordo.

Lara estrasse il preservativo dal suo cazzo mezzo inerte ed esaminò il pesante palloncino di sperma.

"Cinquemila dollari dovrebbero comprare un sacco di piacere, non credi, Daniel?"

“Sì, mamma.”

Lara ha posizionato la parte inferiore del preservativo sul suo mento prima di girarlo e svuotare il suo contenuto viscido su tutto il viso. La pappa densa e vischiosa gli gocciolava sulla bocca, sul naso e sugli occhi prima di scorrergli tra i capelli in rivoli cremosi. Ha spalmato la pasta densa su tutto il viso prima di inserire le dita nella sua bocca. Non aveva nemmeno bisogno di dirgli di succhiare. Dan sapeva cosa voleva.

“Sono contento che ci siamo capiti. A differenza della tua sfortunata anatomia, la mia non soffre di periodo refrattario. Per quanto mi riguarda, sei in servizio per il resto della notte e io sfrutterò ogni minuto.»

Tirò fuori le sue dita lucide e sputo e allineò la testa del suo cazzo con le sue labbra in attesa. Lara spinse la sua asta a casa nella sua bocca calda e succhiante. In questa posizione, la sua gola era perfettamente allineata con la sua lunghezza luccicante e Lara sapeva che sarebbe stata in grado di seppellire ancora di più il suo grasso fallo nel suo schiavo orale ammanettato. Tutto quello che poteva assaggiare era sperma, lattice e cazzo sudato mentre lei cominciava a scopargli la faccia sul serio.

“MMMMMM... adoro esplorare i luoghi caldi e umidi. È quello che faccio, per lavoro e per piacere.

Dan non ha potuto rispondere mentre un piede di schlong viscido di sperma gli è penetrato in profondità nella gola. Sentì un leggero dolore ai capezzoli mentre Lara si chinava e cominciava a torcerli diabolicamente. Le sue mani tirarono le strette manette di metallo premute contro il letto sotto la sua schiena. Il suo cazzo scivolò sciatto dentro e fuori dalle sue fauci succhianti, il suo grasso scroto si avvicinò sempre di più alla sua fronte schizzata di sperma.

La giovane scorta farfugliò e si imbavagliò mentre iniziava la sua seconda prova. La sborra gli colò dal viso mentre Lara gli tappava la gola con un cazzo ammuffito ed estraeva il piacere divino dal suo ragazzo troia legato. Gli raccolse i lati della testa e spinse profondamente, iniziando la lunga scopata in gola che avrebbe portato a un secondo diluvio di sperma caldo.

Sarebbe stata una lunga notte.

- - - - - - - - - -

Scrivo un nuovo racconto "sveltino" ogni mese. La metà di loro sarà resa disponibile qui gratuitamente. L'altra metà è solo per i miei clienti!

Se ti piace il mio lavoro, desideri sostenerlo e vuoi leggere tutte le mie ultime storie, dai un'occhiata al mio Patreon! (Fai una ricerca su Internet per "Patreon James Bondage".)

Grazie per aver letto! I tuoi voti e feedback sono sempre apprezzati!

Storie simili

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

2K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

1.4K I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

1.3K I più visti

Likes 0

L'ultima vacanza estiva-Capitolo 2

Lasciamo in pace questi due amanti. Ho detto. Vieni, scusa il gioco di parole, unisciti a noi sul lanai quando hai finito. Meg e io ci dirigemmo verso la cucina per preparare una caraffa di Vodka Martini da portare nel patio. Ci siamo seduti insieme sul divano. Beh, cosa ne pensi? Ho iniziato. Meg ha un'espressione contemplativa sul viso. Beh, è ​​stata una sorpresa per Matt. Non aveva idea di cosa stesse succedendo. Ha resistito per un minuto ma alla fine l'ha capito. Non credo che pensasse che avremmo mai fatto una cosa del genere. Gli è piaciuto? Lo spero perché...

1.3K I più visti

Likes 0

La lampada malconcia Capitolo ventinove: L'harem del guerriero

Lampada malconcia da miopenname3000 Capitolo ventinove: L'harem del guerriero Diritto d'autore 2014 Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo. Cast di personaggi Personaggi principali Kyle Unmei Jr .: proprietario mezzo giapponese / mezzo curdo di Aaliyah e detentore di Earthbones. Avvelenato da Burke mentre combattevano. Aaliyah Unmei: un Jann mandato a sposare il profetizzato salvatore dei Djinn. La prima moglie di Kyle. Riunito con Kyle. Fatima Unmei: sorella minore e moglie di Kyle, detentrice di Fireheart. Christy Unmei nata Leonardson: la fidanzata di lunga data di Kyle diventata terza moglie. Fumi Unmei nata Nakamura: la quarta moglie di...

1.2K I più visti

Likes 0

Il Carnevale Capitolo 4

Ho ripensato alla scorsa notte mentre pranzavo da Danny Kaye's Pizza, l'unico posto nel raggio di un miglio dal lotto del carnevale. Il tempo era freddo e piovigginoso da due giorni. È stato un gradito cambiamento passare la scorsa notte in una bella roulotte calda e accogliente, specialmente con tre belle donne. Non mi sarei mai aspettato che sarebbe diventato un momento memorabile della mia vita. Più rivivevo l'avventura della scorsa notte, più diventavo confuso su come si svolgeva tutto. Ho bevuto troppo e apparentemente sono svenuto. Mi sono svegliato nel cuore della notte per trovare una delle tre donne a...

962 I più visti

Likes 0

I sogni di Racos diventano realtà!!!_(1)

Mi chiamo Raco e ho 15 anni non sono atletico sono sempre stato quello a cui piacevano i libri e stare dentro... sono nell'armadio e nessuno sa che sono gay non ho mai avuto una ragazza o addirittura ho baciato una ragazza perché semplicemente non mi interessano... mio padre è via la maggior parte del tempo a lavorare a progetti di costruzione fuori città e quando è a casa dorme ed è difficile svegliarlo. ...mia madre non ci presta molta attenzione perché lavora e va a scuola...beh, questa storia parla di me e del mio fratellastro più grande e atletico Jacob...

805 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

715 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.