Il mio sogno di te

133Report
Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un po', fissando i rami degli alberi verdeggianti e respirando il dolce profumo dei loro petali. Mentre comincio lentamente ad andare alla deriva verso la riva, scorgo un lampo di bianco tra gli alberi. All'inizio, presumo che sia solo uno dei fiori, che scivola dolcemente verso il suo luogo di riposo finale sul soffice terriccio del suolo della foresta, ma poi lo spio di nuovo, questa volta solo uno sguardo fugace. Decido di indagare ulteriormente e inizio a nuotare verso la riva. La soffice sabbia bianca della spiaggia è ancora calda dal sole del giorno.

Sulla spiaggia riposa un paio di pantaloncini e una camicia di lino ampia, presumibilmente i vestiti che avevo quando sono arrivato qui. Mi infilo i vestiti e vedo una torcia che giace a poca distanza. Mentre mi avvicino all'aggeggio di vimini intrecciato e bambù, sbircio di nuovo il lampo che mi ha tirato fuori dalle calde acque. Afferro la torcia, che in qualche modo per la magia di questo luogo si accende con un allegro crepitio, illuminando la strada davanti a me. La fredda luce delle stelle e della luna viene rapidamente sostituita dal giallo e caldo bagliore delle sue fiamme danzanti. Mentre il bosco che circonda la spiaggia si riempie della sua luce, posso vedere quell'inafferrabile puntino bianco svolazzante che scompare nell'oscurità. Lo inseguo, schivando tra gli alberi e i fiori che cadono sperando di spiare di cosa si tratta. Mentre mi avvicino ad essa, sento una debole risata che viaggia nel vento e una traccia di profumo che è più dolce anche della pioggia di petali attraverso cui corro. Proprio più avanti tra gli alberi posso vedere la figura di una donna, vestita con una lunga veste bianca e svolazzante e piedi nudi, che salta e corre tra gli alberi, i suoi corti capelli neri scompigliati nel dolce soffio della brezza. Mi rendo conto presto che lei mi ha guidato in un allegro inseguimento in cerchio attraverso i boschi. Mentre esce dagli alberi, mi guarda con i suoi occhi marrone scuro leggermente obliqui e strizza l'occhio. Rallento leggermente mentre ci avviciniamo al bordo dell'acqua. Gli alberi hanno lasciato il posto a un soffice e ondulato campo d'erba che si insinua fino al lago terminando in un gruppo di morbide rocce arrotondate e lisce. La luna piena brilla luminosa sulle onde che sfiorano la costa rocciosa, il sospiro e il mormorio dell'acqua riempiono la notte con una morbida musica della natura. La donna misteriosa è lì, con le spalle rivolte a me, a fissare l'acqua.

Mi fermo ai margini degli alberi e infilo la torcia nella morbida terra. Lentamente la donna inizia a far scivolare la vestaglia lungo il corpo, prima solo una spalla poi l'altra. Mi guarda ancora una volta da sopra la spalla come per dire di restare lì. Un lento e delizioso sorriso si diffonde sul suo bel viso, il calore che le riempie gli occhi. Ridacchia leggermente e lentamente fa scivolare l'accappatoio fino alla parte bassa della schiena. Riesco a vedere uno dei suoi seni pieni e un capezzolo vivace, accarezzato dalla luce della luna. Lentamente, sempre così lentamente, la vestaglia scivola più in basso fino alla sommità del suo sedere formoso e morbido, scivolando sempre così lentamente verso il basso, rivelando tutta la bellezza delle sue curve. Il mio cuore inizia a battere forte quando la veste finalmente cade a terra, scartata come le ali di un angelo, che brilla nella notte. Riesco a vedere tutta la bellezza del suo corpo mentre se ne sta lì, pudica e silenziosa, apparentemente godendosi il calore della notte. Si allunga languidamente, le braccia protese verso le stelle silenziose ed espira profondamente. Guarda oltre la sua spalla verso di me in piedi lì e inizia lentamente ad allargare le gambe lunghe e ben fatte, i suoi piedini carini e delicati che scavano nell'erba verde.
Comincia lentamente a piegarsi in avanti, inarcando la schiena come un animale esotico, rivelando una piccola ciocca di capelli rasati e labbra imbronciate, scintillanti alla luce delle torce per il debole accenno di umidità laggiù. Il suo culo vivace sporge in aria, si infila un dito in bocca, succhiandolo lentamente. Estraendolo seducente dalla sua bocca, traccia il contorno di quelle dolci labbra, un morbido gemito che le sfugge. Riesco a vedere il piccolo buco stretto e increspato del suo sedere che si stringe leggermente mentre le sue dita le sfiorano il clitoride. Sussulto dal desiderio mentre questa vista passa davanti ai miei occhi.

Comincio a fare un passo avanti, ma qualcosa nei suoi occhi mi dice di no di nuovo, quindi aspetto, anche se il mio cazzo si stava gonfiando e pulsava per l'impulso di andare da lei. Quel dolce sorriso sembrava invitarmi, ma per ora ero contento di guardare. Ancora piegata sulla mia dea misteriosa inizia ad accarezzare quella figa succulenta, attirando sempre più succhi da essa mentre le labbra iniziano a separarsi e il suo piccolo clitoride rosa inizia a colpire la sua testa sensibile da sotto il suo cappuccio. Vedo la gioia e l'eccitazione nei suoi begli occhi mentre un piccolo gemito sfugge dalle sue labbra. Chiude gli occhi per un momento mentre la punta del dito preme vicino alla sua apertura fiorita. Mentre la punta stessa scivola dentro così lentamente, lei apre gli occhi, perforandomi con uno sguardo di lussuria mentre scivola sempre più in profondità. Quelle labbra succulente si aprono per l'estasi e la vedo rabbrividire. Si spinge più a fondo fino a quando non prende tutto dentro, sospirando con la pienezza di esso. Poi, sempre fissandomi con quello sguardo, lo sfila fuori, gocciolando del dolce nettare di donna e lentamente si porta la punta alla bocca. Sorridendo lei lo assaggia, delizia nei suoi occhi mentre sto lì, a tendere contro il tessuto dei miei pantaloncini, il profilo bagnato del mio cazzo ovvio per lei da vedere.

Alzandosi in piedi si gira lentamente verso di me, e posso finalmente vedere tutta la bellezza di quei seni. Li prende a coppa tra le mani, pizzicando i capezzoli così dolcemente e sorride mentre iniziano a indurirsi tra le sue dita. Dando loro un'ultima svolta, fa marcia indietro fino al bordo dell'acqua, seduta su una roccia ancora di fronte a me. Mi fa cenno di avvicinarmi e, naturalmente, la prego, camminando lentamente verso di lei sul campo verdeggiante d'erba, il dolce profumo di lei che diventa più forte man mano che mi avvicinavo. Quando mi sono avvicinato il più possibile senza toccarla, lei mi ferma. Lentamente si allunga verso di me dalla sua seduta sulla roccia e accarezza lentamente il rigonfiamento dei miei pantaloncini. Quando la raggiungo, lei si sposta indietro e schiaffeggia scherzosamente la mia mano. I suoi occhi mi comunicano solo per guardare per ora... ma sicuramente altro arriverà. Mi tolgo la maglietta e mi siedo per godermi il mio spettacolo privato.

Con un'ultima carezza alla mia furiosa durezza, si siede mettendosi a proprio agio sulle rocce levigate dall'acqua. Con una gamba appoggiata su una roccia vicina, posso vedere tutta la sua bellezza. Anche il suo piccolo ano stretto è esposto alla mia vista e desidero toccarla lì! Sospirando contenta, la mia bella donna inizia ad accarezzare il suo piccolo clitoride in modo così dolce, spingendolo ancora una volta fuori dal suo nascondiglio. I suoi gemiti morbidi iniziano a riempire l'aria notturna e le labbra della sua figa si aprono e posso vedere l'umidità che implora di formarsi su di esse. Prendendo l'altra mano e mentre mi trafigge con quegli occhi, fa scivolare l'altro dito nella sua figa. Sono in estasi mentre la guardo raggiungere un orgasmo dolce e gentile, le sue dita delicate che scivolano dentro e fuori, l'altra che accarezza dolcemente il suo clitoride ora gonfio. I suoi gemiti diventano più forti e più disperati man mano che l'orgasmo si avvicina, i suoi seni tremano mentre trema per il piacere delle sue stesse mani. Le sue labbra si aprono e i suoi occhi si chiudono e getta indietro la testa per il piacere mentre un orgasmo tranquillo si fa strada attraverso il suo corpo delizioso. Mentre i tremori si attenuano, continua a muovere il dito in giro per renderlo sempre più umido, quindi tirandolo fuori lentamente, me lo offre per assaggiarlo. Mi sporgo in avanti, annusando quella dolce fragranza del suo rapimento. Chiudo gli occhi e lecco lentamente il suo sperma dalle dita. Geme mentre le mie labbra lo avvolgono succhiando lentamente.

Ritira la mano e mi guarda in modo suggestivo mentre il suo dito bagnato scivola lentamente oltre quelle labbra bagnate imbronciate e inizia ad accarezzare lentamente lo stretto ingresso del suo ano. Le sue sopracciglia si alzano come per chiedere se vorrei che anche lei giocasse con quello. Annuisco, a malapena credendo a ciò che stavo guardando, il mio respiro si fa sempre più affannoso. Sono così duro che posso sentire ogni battito del mio cuore nei miei pantaloncini ora un po' stretti. Con un dito che circonda lentamente il suo clitoride roseo, questa bellissima creatura preme la punta di quel dito delicato in quell'ingresso stretto e scuro. I suoi occhi si spalancano ed emette un piccolo guaito mentre fa capolino nel posto più proibito. Sorridendomi in modo seducente, dimena quel sedere ben fatto e si spinge più a fondo su quel dito intruso. Le mie labbra si aprono e faccio fatica a mantenere la calma mentre lei inizia a farle scorrere lentamente avanti e indietro, sempre più in profondità. La sua mano inizia a lavorare freneticamente il suo clitoride mentre aumenta il ritmo, e inizia ad ansimare e gemere rumorosamente, il suo bel viso arrossisce mentre si scatena in una frenesia. Non ce la faccio più e resto in piedi a strapparmi i pantaloncini e a trattenermi, presentandole il mio membro turgido.

I suoi occhi rimangono fissi su di esso mentre si tocca e mi fa segno di avvicinarmi. Avvicina un po' la testa e tra un gemito prende lentamente il mio cazzo in bocca, mentre continua a lavorare il dito in quel suo culetto molto caldo. Riesco a sentire il suo respiro caldo su di me e quasi inciampo mentre quelle labbra calde mi avvolgono. Intrappola il mio sguardo con quegli occhi liquidi mentre si trasforma in un altro orgasmo, le sue grida soffocate dal mio membro catturate nelle sue labbra. Riesco a malapena a trattenermi mentre succhia freneticamente, leccando e gemendo mentre l'orgasmo le attraversa il corpo. Mentre si placa, questo essere il più erotico degli esseri, lascia andare il mio cazzo e sorride, sospirando mentre fa scivolare il dito fuori dal sedere. Mi sorride di nuovo leggermente e mi mostra il suo ano aperto, immergendo un piccolo mignolo dentro e fuori, sospirando di piacere. Poi si inginocchia davanti a me e mi prende ancora una volta nella sua bocca volenterosa, afferrandola con le sue mani calde e morbide facendole bagnare il suo desiderio. Le mie ginocchia tremano mentre quelle labbra bagnate viaggiano su e giù per la mia lunghezza nella più dolce tortura. Mi guarda, poi accarezza e strofina delicatamente, e poi si tuffa di nuovo, ingoiando quanto più di me può, una mano che viaggia verso il suo ano ancora bagnato e aperto, perforandosi ancora una volta. La sento irrigidirsi mentre lo spinge più in profondità dentro. La sua bocca si apre di più e sussulto mentre sento tutta la sua bocca circondarmi e mi sento pulsare e sforzarmi. Torna su con un sussulto, ridacchiando mentre le mie ginocchia si piegano un po'. Più e più volte lo fa finché non riesco a stare in piedi a malapena per tutto il tempo mentre il suo dito si spinge dentro e fuori da se stessa, gemendo nella sua passione e nella mia.

Alla fine, con un sonoro schiocco, mi lascia andare e si sdraia sull'erba soffice, le gambe aperte e invitanti. Sorrido e cado in ginocchio, baciandole dolcemente il collo e il seno. Geme e preme quel corpo da nubile contro il mio e posso sentire la sua umidità strofinarsi dolcemente contro di me. Lascio che il mio impulso mi travolga, la premo a terra e lentamente scivoli dentro di lei. Sussulta quando il mio cazzo la riempie all'improvviso e completamente e mi accarezza i fianchi cercando di riempirsi di più. Mi allontano fino a quando non sento il suo debole gemito di sgomento mentre rimane solo la punta e all'improvviso si infila in profondità dentro. I suoi guaiti e sorrisi di gioia mentre i miei fianchi si stringono forte con i suoi. Mi afferra il sedere e inizia a spingermi indietro e per un momento sono entrambi persi nei ritmi e nella lussuria l'uno dell'altro. Presto la sento diventare ancora più bagnata, le sue grida di passione diventano più forti, getta indietro la testa e urla mentre un orgasmo la squarcia ancora una volta. Rallenta il ritmo della mia spinta, sentendo i suoi caldi succhi gocciolare lungo il mio cazzo. Mi sorride e poi si annida la testa nella mia spalla per un momento prima di spingermi via. Allungo la mia lunghezza se lei lentamente, in modo allettante e lei sussulta di nuovo mentre si libera.

Con un sorriso impertinente e una frustata di capelli, questa creatura mi sorprende ancora una volta girandosi all'improvviso e sollevando in aria quel grande e bellissimo sedere. Guardandosi alle spalle come prima, strizza l'occhio e aspetta. Con una mano sotto di lei, si accarezza il clitoride e rimette quella dolce figa sul mio cazzo in attesa. Sopraffatto per un momento, cado sulla sua schiena e mi crogiolo nel calore di quella figa calda e stretta. Mi indietreggio un po' e comincio a martellare sul serio, motivata dalle sue grida di piacere ad ogni schiaffo clamoroso. All'inizio, provvisoriamente, do un piccolo schiaffo a quel sedere rotondo. Sono ricompensato con un grido e un piccolo fiotto di succo mentre atterra, lasciando solo il contorno della mia mano tracciato in rosso rosato. Spinto da questo, lo schiaffeggio ripetutamente finché entrambe le guance non sono rosse per le impronte delle mie mani e i suoni dei tuoi deliziosi guaiti. Le afferro la vita con le mani e comincio a spingere più forte e più in profondità che posso. Quella dolce figa diventa sempre più bagnata ad ogni mossa e fino alla fine, lei urla in una deliziosa agonia e posso sentirla esplodere con l'intensità del suo piacere. Sento un fiotto di umidità mentre viene e quasi mi sborro quando riesco a sentirlo gocciolare da quella figa calda. Rallenta un po' le mie spinte e comincio a pomparlo lentamente fino in fondo e poi fino in fondo. Ora sta ansimando e ansimando, il viso premuto a terra mentre assaporo la sensazione di lei avvolta strettamente attorno al mio cazzo. Con mia sorpresa, si allunga dietro di sé con una mano mentre scivolo dentro e fuori, dandosi una piccola sculacciata. Le sorrido di rimando e gli schiaffeggio l'altra guancia. Con un bel sorriso e uno sguardo subdolo, questa bella donna poi si infila lentamente un dito nel sedere. Riesco a sentire la sua figa contrarsi e tremare mentre il dito snello si fa strada sempre più in profondità. Quindi geme e lascia il suo dito saldamente incastrato nel profondo. Spingo sempre più forte, osservandola mentre muove il dito, gli occhi chiusi e il viso catturato in un momento di estasi. Di nuovo, sento la sua figa stringersi con un altro orgasmo mentre inarca la schiena e si stringe forte a me, impalandosi profondamente con la mia lunghezza dura. Rabbrividendo e gemendo, viene a lungo, quella dolce figa che mi stringe e mi stringe mentre si dondola nel suo rapimento.

Ansimando e sorridendo, tira fuori lentamente il dito dal suo piccolo derri? e lentamente si fa avanti, facendo scivolare via la mia lunghezza da lei. Riesco a vedere il mio cazzo coperto dai dolci succhi del suo piacere e brillare alla debole luce della torcia e della luna. Con un'ultima occhiata prima di chiudere gli occhi, solleva il mio cazzo e se ne mette la punta gonfia sull'ano. Una volta a posto, si prende il clitoride tra le gambe e si spinge contro il mio lungo cazzo duro. Sussulto forte mentre la calda oppressione mi circonda. Anche lei geme mentre scivola sempre più in profondità dentro quel buco liscio. Riesco a sentire le sue mani strofinarsi il clitoride mentre la punta finalmente si apre all'interno. Lei grida e si spinge ancora più forte su di me. La sensazione è a malapena descrivibile mentre la sento incresparsi e muoversi contro di me, quelle morbide guance che schiaffeggiano dolcemente contro di me mentre si muove avanti e indietro, muovendomi sempre più profondamente dentro con ogni piccola spinta e trazione. Il mio desiderio sta crescendo e comincio a respingerla, sentendo il suo respiro accelerare mentre incontro il suo ritmo. Entrambi siamo persi nei suoni del nostro piacere combinato mentre sento quel buco stretto contrarsi e fremere e sento un flusso di calore riscaldarmi le gambe mentre esplode, la sua figa calda e stretta che viene così forte da sparare sull'erba calda. L'ultima ferocia del suo orgasmo mi trascina sull'orlo, comincio a spingere forte e lentamente dentro di lei sentendo la pressione crescere nei miei lombi mentre i primi moti del mio orgasmo iniziano a gonfiarsi. Mi perdo in lei per quel momento, ascoltando le sue suppliche di farmi sborrare sull'acqua. Con un'ultima spinta, spingo in profondità dentro di lei e lei spinge forte contro di me digrignando i fianchi e io urlo con la pura forza della mia lussuria e alla fine si rompe e io vengo così forte che la mia schiena si inarca e mi seppellisco dentro di me suo. La sua mano si allunga all'indietro e mi attira ancora più vicino al suo corpo cercando di drenare fino all'ultima goccia da me. Un piccolo gemito le sfugge dalle labbra mentre sente il mio calore riempirla e lei inizia lentamente a ritrarsi, la mia lunghezza viene esposta centimetro dopo centimetro finché finalmente mi libera. Cado all'indietro e lei si rannicchia verso di me. Guardo le stelle che si crogiolano nel caldo bagliore di lei e della notte. Mi chiedo chi sia questa fantastica donna assolutamente sensuale di questo posto mentre sento i primi moti del sonno iniziare nel profondo della mia mente. Mi giro per chiederle se lei prima di addormentarmi, con lei rannicchiata tra le mie braccia. Ma prima che io possa chiederlo, si gira, mi tiene dolcemente e dice semplicemente... "Mi conosci da sempre".

E mentre guardo in profondità nei tuoi occhi mi rendo conto che questa bellissima creatura è mia e il suo nome è...

Storie simili

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

594 I più visti

Likes 0

Ballo lento_(0)

Una volta nella vita, ti imbatti in un partner molto potente e forte, uno che può spazzarti via in un batter d'occhio... uno che promette di essere il massimo amante memorabile che tu abbia mai avuto. Molte persone cercano invano di trovare un tale amore - il mio è entrato nel mio ufficio un giorno. Ero seduto alla mia scrivania, lavorando sodo... e mi è capitato di alzare lo sguardo per vedere il l'uomo dei miei sogni che aspetta fuori dall'ufficio del mio capo. L'aura di potere che irradiato da quest'uomo è stato sufficiente per farmi smettere di lavorare sull'urgenza progetto...

475 I più visti

Likes 0

Heather e Ava si trasferiscono

È tardi quando vengo a varcare la soglia. Heather tiene il braccio intorno alla vita di sua figlia Ava. Sono in piedi nell'atrio vestiti solo con una delle mie camicie. Ava è una bellissima giovane donna proprio come sua madre Heather. Ti siamo mancati? Heather mi dice con un sorriso d'intesa. Puoi scommetterci, dico incontrandoli a metà strada. Heather alza le labbra per un bacio, che ho incontrato. Ava inizia a baciare il collo di Heather. Le mani di Ava scivolano tra di noi, una mi accarezza mentre l'altra strofina la figa di Heather sotto la sua maglietta. Li accarezzo entrambi...

755 I più visti

Likes 0

Attrice e io (Pt 3 Viaggio a ovest)

Ho guardato l'aereo taxi per la pista e decollare. Me ne andai e tornai a casa con le lacrime agli occhi perché già mi mancava. Ho girato per il cottage in motorino per il resto della giornata. Più tardi quella notte chiama per dire che è arrivata a casa sana e salva. Abbiamo chiacchierato per un'ora sul suo soggiorno di 2 settimane qui. Dopo che ha riattaccato, mi sono sentito un po' meglio e sono andato a letto. L'estate dell'82 è passata rapidamente all'autunno e abbiamo parlato numerose volte di quando sarei venuto a farle visita a ovest. Ho continuato a...

632 I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

618 I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

525 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

579 I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

957 I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

603 I più visti

Likes 0

VENDETTA! Fase 4 - Andare in rovina

Dopo aver preso Jessi ho pensato che sarebbe stata come Shannon e l'ho detto a qualcuno, ma non l'ha fatto. Era lì il giorno dopo per paura che stare da sola a casa non sarebbe stato al sicuro e allo stesso tempo era probabilmente preoccupata di mostrare segni di debolezza non venendo e rivelando di essere profondamente colpita. Tuttavia, mi è piaciuto quello che è successo quando è tornata. Era timida e cercava di comportarsi come se stessa, coprendomi completamente e ignorandomi come sempre, queste persone non sapevano che aveva paura di me piuttosto che di sentirsi meglio di me, non...

547 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.