Il pigiama party pt. 1

537Report
Il pigiama party pt. 1

Prologo

Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana.
Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere ai suoi genitori perché passavo così tanto tempo a casa sua, avevano iniziato a considerarmi parte della famiglia.

Bella aveva 5'6, una rossa molto magra. Era, ed è, una ragazza molto bella, anche se non avevo mai pensato a lei in modo sessuale. Voleva sempre divertirsi e aveva la migliore personalità di chiunque io conoscessi. Nonostante il suo desiderio di divertirsi, non si è mai messa nei guai. Era sempre molto intelligente e discutevamo spesso di qualunque cosa stesse accadendo. Potevamo passare tutto il tempo che volevamo, discutendo di qualsiasi cosa, dai meriti di Shakespeare al fatto se pensavamo che il bosone di Higgs esistesse. (Geek lo so)

Ho preparato la mia borsa. Tutto quello che ho preso è stato il mio telefono e dei vestiti. Sapevo che aveva una stanza piena di giochi, libri e dispositivi assortiti su cui potevamo perdere tempo. La casa di Bella era divisa in due parti, la metà inferiore era quella dove vivevano i suoi genitori, così come la cucina e il soggiorno. Ha vissuto nella metà superiore. Aveva una camera da letto abbastanza grande con un letto matrimoniale, un bagno privato e un soggiorno privato.
Quando ho soggiornato qui, abbiamo condiviso il letto matrimoniale. Se c'era qualcun altro, avrebbero preso il divano-letto in soggiorno o un materasso che poteva essere tirato fuori da sotto il suo letto.
Non pensavo di ricevere un trattamento speciale, era solo che ci conoscevamo da tutta la vita. Bella era l'unica persona con cui mi sentivo veramente a mio agio. Era, e suppongo che lo sia ancora, come una sorella per me.
Andavamo così d'accordo insieme che le persone spesso ci confondevano per fidanzata e fidanzato, anche se eravamo nella nostra prima adolescenza.
Eravamo così a nostro agio l'uno con l'altro, che condividevamo i bagni fino all'età di 10 anni, quando abbiamo deciso che eravamo troppo grandi per entrare entrambi nel suo bagno. Non abbiamo mai deciso che fosse strano condividere i bagni, anche se gli altri nostri amici ci hanno detto che lo era.
Sapevamo entrambi come apparivamo nudi e fino all'età di 16 anni ci piaceva ancora oziare nel suo soggiorno senza indossare niente.

Eravamo il più vicino possibile per due persone. Quando ho iniziato a frequentare una scuola maschile, all'età di 13 anni, ho iniziato a passare ancora più tempo a casa sua, a passare più tempo possibile con lei.
Anche i nostri amici Stephanie e Jake andavano spesso a cena a casa di Bella o per una maratona dei nostri programmi TV preferiti.





Capitolo 1

Dopo la breve passeggiata di cinque minuti da casa mia a quella di Bella, sono stata fatta entrare dalla sua donna delle pulizie, Sarah. Corsi dritta a scaricare la mia borsa nella stanza di Bella. L'ho vista sdraiata a faccia in giù sul letto. Il suo piumone era accartocciato in un angolo, quindi l'ho raccolto e l'ho appoggiato con cura su di lei, girandola su un fianco in modo che potesse respirare più facilmente. C'era un libro sul suo cuscino, che ho preso e messo sulla sua scrivania, assicurandomi di aggiungere la sua pagina ai segnalibri. Mi sono seduto sulla sua poltrona per circa venti minuti sul mio telefono, guardandola un paio di volte. Poi è suonata la sveglia e si è svegliata di soprassalto.
Questo mi ha ricordato il modo in cui mi ha svegliato quando sono rimasto a dormire. Per qualche ragione, quando dormo divento completamente sordo, quindi lei imposta una sveglia, si sveglia e poi mi spinge fuori dal letto. Funziona sorprendentemente bene.

Si alzò dal letto e mi guardò. 'avresti dovuto svegliarmi', ha detto, allungandosi prima di avvicinarsi al suo guardaroba per vestirsi.
Sapevo, tuttavia, di aver fatto la cosa migliore. Quando viene svegliata, diventa improvvisamente una palla di rabbia, lanciandosi contro la persona più vicina.

Si è messa un maglione e dei jeans. Poi mi prese per mano e mi trascinò in soggiorno. Abbiamo trascorso le due ore successive a chattare e giocare sul suo N64.
Alla fine arrivammo al tema della cena. I suoi genitori non sarebbero tornati prima di mezzanotte, quindi siamo scesi in cucina. Continuava a parlare e, mentre facevo piccoli commenti, rovistavo in tutti gli armadi, alla ricerca di alcuni ingredienti per fare un curry. Continuava a divagare, chiedendomi di tanto in tanto se avevo bisogno di aiuto. Finii velocemente di cucinare, prima di sistemarci a mangiare davanti alla TV.

Alle dieci decidemmo di andare a letto, così ci trasferimmo nella porta accanto e ci spogliammo per metterci a letto. Entrambi dormiamo nudi durante l'estate, ma non c'era assolutamente nessuna tensione tra di noi, come ho detto che eravamo molto vicini.

Capitolo due

Mi sono svegliato all'una e mezza al suono di una porta che sbatteva. Questa era l'indicazione che i genitori di Bella erano arrivati. Pochi secondi dopo, la madre di Bella, Anne, fece capolino dalla porta. Ho fatto finta di dormire e Anne si è limitata a ridacchiare ed è tornata al piano di sotto.
Mi chiedevo perché avesse riso, quando ho notato che il piumone era alla nostra vita e il seno di Bella era premuto contro il mio ombelico, la sua testa sul mio petto, le nostre braccia intorno all'altro. Ho cercato di uscire da questa posizione, ma le sue braccia erano in una presa di ferro. Potrei dire che era sveglia. Ho dato una rapida stretta al suo corpicino prima di provare a riaddormentarsi. Pochi secondi dopo, tuttavia, ha tirato il mio corpo in modo che fossi sulla schiena e si è arrampicata su di me. Ora posso essere più alto, ma sono principalmente le mie gambe, quindi mentre si sdraia su di me, la sua vagina ben rasata si trova esattamente sopra la mia enorme erezione. Lei chinò la testa e mi baciò in pieno sulle labbra, indugiando un po' più a lungo del normale. Questo è stato il mio primo bacio in assoluto (come ho detto, sono un secchione emarginato) e l'eccitazione, insieme alla mia stanchezza, mi ha fatto perdere i sensi.

Mi sono svegliato un minuto dopo, non potendo vedere Bella. Ho visto il movimento e poi ho sentito il calore scivoloso della sua bocca sul mio cazzo. 'Vado a venire', mormorai, accarezzandole i capelli assonnato.
Ha tolto la testa dal mio cazzo, ha sussurrato "bene" e ha iniziato a farmi una sega, fino a quando il mio sperma è uscito dalla punta del mio cazzo e le ha ricoperto i capelli, il viso e le tette. Insieme, ci siamo addormentati, esausti.

Storie simili

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

526 I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

417 I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

402 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

453 I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

406 I più visti

Likes 0

Piacevole Maestro

Qualche settimana dopo mi sono svegliata presto per aiutare le mie sorelle a preparare la colazione. Mi girai per vedere il maestro Arik che mi fissava. Sbattei le palpebre velocemente sentendo il mio cuore battere all'impazzata per la sorpresa di vederlo sveglio. Sorrise lentamente mentre mi sedevo; le coperte espongono i miei seni e i miei capezzoli che si induriscono nell'aria fresca. Si sporse in avanti e fece rotolare delicatamente i miei capezzoli tra le sue dita. «Vieni qui» disse con voce roca. Mi sono avvicinato un po' e lui mi ha fatto cenno di cavalcare il suo corpo prono. Ho...

302 I più visti

Likes 0

VENDETTA! Fase 4 - Andare in rovina

Dopo aver preso Jessi ho pensato che sarebbe stata come Shannon e l'ho detto a qualcuno, ma non l'ha fatto. Era lì il giorno dopo per paura che stare da sola a casa non sarebbe stato al sicuro e allo stesso tempo era probabilmente preoccupata di mostrare segni di debolezza non venendo e rivelando di essere profondamente colpita. Tuttavia, mi è piaciuto quello che è successo quando è tornata. Era timida e cercava di comportarsi come se stessa, coprendomi completamente e ignorandomi come sempre, queste persone non sapevano che aveva paura di me piuttosto che di sentirsi meglio di me, non...

549 I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

906 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

942 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

906 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.