Uno su un milione Ch.6-7

490Report
Uno su un milione Ch.6-7

Capitolo 6

Aprii gli occhi e fissai la mia sveglia. Erano le 10:00 del mattino, ma non avevo proprio voglia di alzarmi, quindi mi sono solo assicurato che la sveglia fosse spenta prima di chiudere di nuovo gli occhi e girarmi nel letto. È stato allora che ho sentito qualcos'altro nel letto. Ho aperto gli occhi, solo per trovarmi faccia a faccia con la faccia addormentata di Jo. Sono saltato giù dal letto e sono inciampato nelle coperte, facendomi cadere dal letto.
All'ultimo secondo, ho immaginato una mano gigantesca che mi prendeva in aria e mi sono fermato a pochi centimetri dal pavimento. Alzai la testa per vedere se Jo avesse visto o meno quello che avevo fatto, e scoprii che dormiva ancora. Tirai un sospiro di sollievo e mi sollevai in piedi prima di sedermi sul letto.

'Perché diavolo è nel mio letto?' pensai, poi i miei occhi percorsero il suo corpo, scoprendo che l'unica cosa che indossava era la mia coperta. Ho sentito le mie guance diventare calde. Stavo per scuoterla per svegliarla e chiederle perché diavolo fosse nel mio letto (nudo, bada bene!) Quando mi sono ricordata di tutte le cose che erano successe la scorsa notte.

Sorrisi e le scostai i capelli dal viso, facendola sorridere e borbottare nel sonno. Esitai solo un secondo prima di baciarla sulla fronte, prima di scendere le scale. Avevo appena finito di prepararmi una tazza di tè e stavo preparando un caffè, quando squillò il telefono. Ho letto l'ID del chiamante che diceva mamma e ho risposto al telefono. "Ciao?" “J.P sei tu? sono ore che chiamo! Cosa stavate facendo voi due?" ha chiesto la mamma. Sbattei le palpebre una volta. "Dormire". ho risposto lentamente. "Beh, ascolta, dovrò lasciarti in pace ancora per un po', l'albero non è stato ancora ripulito e quando lo sarà, dovrò tornare al lavoro, quindi mi limiterò a resta a casa della mia ragazza e ci vediamo più tardi stanotte verso le 12:30, va bene?”

Stavo a malapena prestando attenzione alla conversazione, ero troppo occupato a pensare alle cose cattive che io e Jo ci saremmo fatti durante il giorno. JP? “La voce di mia madre mi scosse dal mio torpore indotto dalla lussuria. "Scusa, stavo tirando fuori il tè dal congelatore (mi capita di preferire il tè freddo al mattino) ma sì, ti ho sentito e mi assicurerò che anche Jo lo sappia." Ho detto “Assicurati di chiamarmi se ci sono problemi ok? I soldi del Fondo sono nel mio cassetto, se ne hai bisogno. La mamma ha detto "Va bene mamma, divertiti, ci vediamo stasera". dissi riattaccando il telefono.

Ho fatto un applauso silenzioso e ho finito di preparare il caffè di Jo non appena è entrata in cucina con addosso solo la mia maglietta che era di due taglie più grande e la copriva fino a poco sopra le ginocchia. Non appena l'ho vista il primo pensiero che mi è passato per la mente è stato "sembra magnifica", poi ha sbadigliato e si è strofinata gli occhi con una mano che si allungava con l'altra facendola sembrare incredibilmente adorabile. Non ho potuto trattenermi mentre mi avvicinavo al mio amore e l'abbracciavo forte. "Buongiorno bella." le sussurrai all'orecchio provocandole un sorriso sulle labbra.

"E buongiorno anche a te bello." Jo ha risposto tirandomi giù per un bacio. "Era solo nel letto senza di te." disse mentre interrompevamo il bacio e si sdraiò sul mio petto tracciando pigri cerchi. "Beh, dovremo stare soli ancora per un po' finché non ci faremo una doccia perché francamente puzziamo." Jo ridacchiò leggermente. "Va bene signor puzzolente, vuoi andare per primo o mi lasci andare?" Sorrisi quando mi venne in mente un'idea. "Ho un'idea ancora migliore, prima andiamo in bagno." Jo mi guardò con un sorriso malizioso sul viso. "Cosa stai progettando?" Mi allontanai da lei prima di rispondere.
"Te l'ho detto, prima di sopra, poi segreto." Indicai le scale finché, con uno sbuffo, salì le scale. Mentre mi passava davanti, la colpii sul sedere, il che la fece strillare di sorpresa e il suo bel fondoschiena tremolare meravigliosamente. Mentre saliva le scale, fece dondolare il sedere prima di girarsi e sporgermi la lingua e correre su per le scale. Corsi dietro, scuotendo la testa mentre ridevo delle sue giocose buffonate.

Quando finalmente arrivammo in bagno, Jo si sedette sul water e mi fissò mentre mi toglievo la camicia. "Okay, qual è la grande rivelazione?" Jo ha chiesto sarcasticamente e ho sorriso alla sua reazione. Spogliati, andiamo insieme sotto la doccia. Jo sembrava eccitata mentre si toglieva la maglietta. (Che non aveva nulla sotto potrei aggiungere.) Ho aperto l'acqua per la sua solita vaporosità ed sono entrato godendomi l'acqua calda. Sorrisi mentre Jo entrava nella doccia con me. La doccia era piuttosto stretta, quindi abbiamo dovuto muoverci un po' finché non abbiamo trovato una posizione che funzionasse, Jo sdraiata sul mio petto e io con la schiena contro il muro. "Questo è carino." Jo fece leggermente le fusa mentre le strofinavo lentamente la schiena con il sapone. Sono sceso da lei dietro, assicurandomi che fossero accuratamente strofinati, prima di chinarmi e lavarle le cosce, iniziando dall'interno e procedendo verso il basso verso i suoi piedi strofinando leggermente il fondo facendola ridere.

Ho consegnato il sapone e ho cercato di rilassarmi mentre Jo faceva lo stesso con me. Dopo aver finito di lavarci l'un l'altro, ci siamo semplicemente rilassati godendoci la reciproca compagnia e l'acqua. Alla fine ho chiuso l'acqua, cosa che ha fatto gemere Jo per il dispiacere e mi ha fatto ridere. "Scusa, ma non credo che i vicini sarebbero così indulgenti se usassimo tutta l'acqua della città." Scherzavo. "Fanculo i vicini", mi ringhiò Jo all'orecchio "Voglio stare in questa doccia con il mio uomo e nessuno può dire un cazzo al riguardo!" Ho sentito il mio cuore crescere un po 'a quella dichiarazione. "Il tuo uomo?" Ho ripetuto sorridendo e Jo è arrossita rendendosi conto di quello che aveva appena fatto. “B-Beh, è ​​proprio questo. Ehm, e tu. Voi-"

La interruppi con un bacio appassionato. "Mi piace essere l'uomo per la donna più bella del mondo." dissi con un sorrisetto mentre Jo arrossiva ancora di più. "S-lo dici davvero?" Sussurrò piano "Assolutamente". Ho risposto senza esitazione e sono rimasto scioccato nel vedere che stava piangendo. "Tesoro, cosa c'è che non va?" chiesi uscendo dalla doccia e sedendomi con lei in grembo, tirando su col naso. "S-è solo che n-nessuno mi ha mai chiamato bella prima." rispose Jo asciugandosi gli occhi. "Che cosa?" dissi guardandola a bocca aperta. Avevo sempre pensato che, essendo un'atleta donna e tutto il resto, avrebbe avuto metà della scuola che le sbavava addosso. “Sì, tutti i ragazzi non uscivano con me perché pensavano che fossi un ragazzino. Sono finito molto da solo durante i balli e cose del genere fino a quando non ho smesso di esibirmi a meno che la squadra non se ne andasse. disse Jo guardando per terra. “Beh, indovina un po'? Ciò significa solo che la scuola è completamente cieca per non notare una tale dea di fronte a loro tutto il tempo. dichiarai.

Jo arrossì prima di distogliere lo sguardo e borbottare "Stai solo dicendo questo, probabilmente non lo pensi davvero." «Jo, guardami», dissi mentre le afferravo il mento e lo tiravo dolcemente verso l'alto, costringendola a guardarmi in faccia. “Credimi quando dico questo: sei la creatura più bella che abbia mai camminato sulla terra, dalla tua faccia, ai tuoi capelli, fino alle dita dei piedi. Sei assolutamente incredibile e sono fortunato ad averti come mia ragazza. dissi guardandola dritto negli occhi, che cominciarono a lacrimare quando ebbi finito. Jo mi gettò le braccia al collo e mi strinse forte. “J.P sei semplicemente il migliore! Ti amo tanto!" Disse che le lacrime scorrevano dal suo viso. Dopo che si è calmata un po', ho preso un asciugamano e ho iniziato ad asciugarla.

Una volta finito, mi sono asciugato rapidamente prima di spazzare via Jo dai suoi piedi tra le mie braccia facendola ansimare dolcemente. “JP! Dove stiamo andando?" Jo ha chiesto ridendo mentre la facevo girare prima di lasciare il bagno. "Per mostrarti quanto ti amo." Dissi con un sorriso mentre entravo nella mia camera da letto e la adagiavo leggermente sul letto. Non appena l'ebbi fatto, cominciai a baciarla appassionatamente, le mie mani tra i suoi capelli e le sue sulla mia schiena. Ho mosso la bocca dopo un minuto di baci (un altro gemito di jo) e ho iniziato a mordicchiarle leggermente il lobo dell'orecchio. Non appena ho iniziato, Jo ha iniziato a sgroppare selvaggiamente, dimenandosi su tutto il letto.
Stordito, ho continuato a leccare e succhiare mentre la trattenevo meglio che potevo. Alla fine ha urlato mentre raggiungeva l'orgasmo, schizzando entrambe le nostre gambe nei suoi succhi. Ho aspettato che riprendesse fiato prima di avvolgerla tra le mie braccia e ridere silenziosamente. "E... cos'è... così... divertente?" chiese Jo senza fiato, ma gestendo ancora uno sguardo giocoso. "Tutto questo e non ti ho ancora davvero toccato." Ho iniziato a ridere davvero ora e Jo si è unita, ridendo quella sua risata musicale. Scossi la testa pensando che in poche settimane non avrei potuto essere più felice nella mia vita. Ho la ragazza dei miei sogni, sono più potente di tutti e ho dei super poteri!

Aggrottai la fronte mentre pensavo a qualcosa di importante: dovrei dire a Jo dei miei poteri? O devo tenerlo per me? Il ricordo dell'incidente del pranzo era ancora vivo nella mia mente. Potevo fidarmi di mia sorella? O avrebbe pugnalato di nuovo alla schiena? “JP? Stai bene?" La voce di Jo mi riscosse dai miei pensieri. Ho guardato il suo viso pieno di preoccupazione e preoccupazione.

Decisi che glielo avrei detto un giorno, ma non oggi, non ora. Ho cancellato il mio cipiglio e ho messo un sorriso sul mio viso. "Non è niente", mentii. "Solo un pensiero." Jo mi fissò in faccia per un po' e io ricambiai lo sguardo, il mio sorriso non lasciava mai il suo posto anche quando mi sembrava di sudare proiettili.
“Stai nascondendo qualcosa J.P, posso dirlo. ”Merdamerdamerdamerdamerdamerdamerdamerdamerda! Anche se dentro ero in preda al panico, sono comunque riuscito a mantenere un atteggiamento calmo e il mio sorriso stampato in faccia. "Cosa intendi? Non sto nascondendo nulla. dissi cercando di far passare la mia bugia come accettabile. Jo sembrava guardare dritto attraverso di me e vedere i miei pensieri in modo indivisibile. Alla fine, Jo fermò il suo attacco alla mia coscienza, ma si alzò dal letto e si diresse verso la porta. Mi sono precipitato dietro di lei. "Aspetta, dove stai andando?" Jo girò gli occhi determinata. "L'ultima volta che uno di noi ha tenuto un segreto all'altro, entrambi ci siamo fatti male e non sono dell'umore giusto per essere ferito di nuovo così gravemente." Mentre chiudeva la porta tra di noi ho sentito qualcosa che suonava sospettosamente come un singhiozzo.

Capitolo 7

Erano passati due giorni da quel giorno e nessuno dei due si parlava, Jo per ovvi motivi e io per paura di come avrebbe reagito Jo se le avessi detto la verità su di me. L'unica volta in cui ci siamo davvero detti qualcosa è stato quando mi sentivo come se stessi per crollare e l'avevo chiamata mentre mi passava accanto nel corridoio di casa. «Jo, aspetta un attimo.» avevo detto. Jo si era girata con un po' di speranza negli occhi, ma ho visto anche qualcos'altro che mi ha un po' spaventato: una curiosità profonda che era così forte che sembrava quasi una fame. "Non importa." Ed entrambi ce ne eravamo andati, delusi da me stesso. Mentre i giorni si trasformavano in settimane, il ballo di fine anno stava arrivando dietro l'angolo. Alcune ragazze mi avevano chiesto di uscire ma le ho rifiutate dicendo che non ci sarei andato. Jo d'altra parte era super entusiasta di andare al suo ballo di fine anno. "Indosserò un vestito e viaggerò in una limousine e io e il mio appuntamento balleremo e saremo nominati Re e Regina!" Ha urlato tutto d'un fiato quando la mamma ha chiesto durante la cena.

Non dissi nulla e mi alzai da tavola, il cibo non toccò, e andai a salire le scale. “Giuseppe, stai bene?” Borbottai una risposta e mi voltai verso le scale. "Beh che dire di te? Con chi vai al ballo?" Desideravo più di ogni altra cosa che non avremmo avuto questa conversazione proprio qui e ora. "Non vado con nessuno." Ho sussurrato “Cos'è stato? Non ti ho sentito. In preda a una furia improvvisa, girai sui talloni per affrontare entrambi, che indietreggiarono di fronte alla mia rabbia. "HO DETTO CHE NON CI ANDRO!" Mi sono girato e sono corso su per le scale fino alla mia stanza dove ho sbattuto la porta. Non mi sono sentito meglio dopo essere entrato, anzi, mi sono sentito ancora più infuriato. Ho preso il mio comodino e l'ho lanciato attraverso la stanza, seguito dalla mia lampada da scrivania e poi dalla scrivania stessa. Ho sentito bussare alla mia porta, ma non ero dell'umore giusto per nessun visitatore, quindi ho chiuso a chiave la porta mentalmente. Ho preso a calci il mio letto, facendolo scivolare sul pavimento e posarsi davanti al mio armadio. Ho sbattuto giù il cassettone prima di finire finalmente i fumi. Mi sono seduto sul comò rovesciato e mi sono seduto lì con le mani sul viso.

“JP! Apri quella dannata porta! JP!” Sospirai sapendo che non se ne sarebbe andata presto così aprii la porta. Non appena la serratura si è staccata, Jo è entrata di corsa dalla porta. Rimase senza fiato per il relitto ma a parte questo non disse nulla. Ha appena chiuso la porta dietro di sé e si è seduta accanto a me. Non so per quanto tempo siamo rimasti seduti lì, io con le mani sul viso e lei con le braccia su di me in un abbraccio gentile.
Alla fine, Jo si alzò portando via anche il suo calore e il suo amore. Alzai lo sguardo per vederla camminare verso la porta. Senza pensarci, la mia mano scattò per afferrarle il polso. Jo si fermò, ma non si voltò. Sentivo la mia bocca aprirsi e chiudersi, ma riuscivo a trovare le parole che volevo dire, qualsiasi cosa avrebbe potuto essere migliore del silenzio in cui eravamo. per andare dietro a lei. Ho sentito le lacrime venire allora mentre mi giravo chiedendomi perché diavolo non riuscivo a fare le cose più semplici. Ho affrontato il mio specchio per tutto il corpo nel mio armadio che era stato aperto dal letto che lo colpiva. La mia vista divenne rossa mentre guardavo il mio riflesso. L'unica persona nella mia vita a cui tenevo più di ogni altra cosa stava uscendo dalla mia vita e, ancora una volta, non ero in grado di fermarlo. Ho urlato mentre schioccavo il pugno mandando in frantumi lo specchio e il suo riflesso.


***********


"Beh, ora dovrebbe essere tutto a posto, ma quello che vorrei sapere è come diavolo hai fatto a ritrovarti delle schegge di vetro incastrate nelle nocche?" chiese il dottore mentre finiva di fasciarmi la mano mentre ero seduto sul divano del soggiorno. La mamma aveva chiamato il dottore quando ero scesa, avevo la mano insanguinata. Per fortuna, il dottore ha fatto le visite a domicilio ed è stato qui in dieci minuti. Borbottai qualcosa sul tentativo di spostarlo e inciampare. Il dottore sospirò mentre tirava su la borsa prima di alzarsi. Ho sentito lui e mia madre parlare in cucina mentre strofinavo le mie bende.
"Starà bene fisicamente, ma suggerisco di far vedere a uno psicologo il suo stato mentale." “Perché cosa c'è che non va in lui? Non si è comportato in modo strano in alcun modo. Mia madre ha risposto. "Beh, il modo in cui i frammenti sono stati conficcati nella sua pelle suggerisce che abbia preso a pugni lo specchio." Ci fu silenzio per un minuto e provai a flettere la mano. «Be', in ogni caso dovresti tenerlo d'occhio per un po', tanto per essere sicuro. Ecco la tessera di una mia collega specializzata in psicologia, chiamala se ci sono problemi”. Ho sentito la porta d'ingresso sbattere e il suo furgone allontanarsi mentre il dottore usciva. Mi alzai e mi stiracchiai, preparandomi per andare a letto. La mamma è entrata, la preoccupazione scritta su tutto il viso. "Stai bene eh?" ha chiesto “Sto bene mamma, davvero. Stavo solo cercando di togliere il mio specchio dalla porta per appenderlo invece al muro e sono inciampato, il vetro si è rotto ed è atterrato sulla mia mano. Senti, non devi preoccuparti, ok? Sto perfettamente bene. Mentre tornavo su per le scale, l'ho sentita borbottare. a se stessa "A volte non posso fare a meno di preoccuparmi per te."

Per i due giorni successivi, le cose furono tese tra noi tre. La scuola non andava molto meglio da quando si avvicinava il ballo di fine anno. Tutti erano eccitati e andavano. Mi è stato chiesto di fare fotografie a caso dal nostro insegnante d'arte, il signor Warden. Quando è arrivata la sera del ballo di fine anno mi sono ritrovata seduta accanto alla porta, la macchina fotografica di mia madre al collo, vestita con uno smoking che avevo affittato per la notte, e l'inizio di un fortissimo mal di testa. La mamma si stava precipitando intorno alle lacrime di gioia che sgorgavano dai suoi occhi mentre mi scattava un milione di foto diverse. L'appuntamento di Jo, Thomas Bentz, era seduto in soggiorno mentre aspettavamo Jo per poter partire insieme. “Gio! Vieni o la limousine ci lascerà! urlai dal fondo della scalinata. "Va bene va bene, sto arrivando!" Pochi minuti dopo ho sentito Jo entrare in soggiorno. "Si tratta di t-" Qualunque cosa stavo per dire dopo è stata dimenticata nel momento in cui ho visto Jo in piedi lì.

Dire che era sbalorditiva non renderebbe affatto giustizia a ciò che ho visto di fronte a me. Invece di indossare un grande vestito bianco che inizialmente pensavo avrebbe indossato, indossava un vestitino nero con scollo a V che le girava intorno al corpo e si fermava alle caviglie. Anche il vestito era diviso in fondo, dandogli una coda da sirena. Aveva i suoi capelli biondi normalmente lisci di traverso con le punte della frangia, che pendevano sul lato del viso, tinte di nero. Sia io che Thomas siamo rimasti a bocca aperta davanti alla visione della bellezza di fronte a noi. Jo finì di scendere le scale e si fermò proprio di fronte a me, abbastanza vicino da poter vedere ogni dettaglio del suo eyeliner rosso scuro. "Sai che non è troppo tardi, potremmo andare da soli, non abbiamo bisogno di andare con nessun altro. "Non è stato detto nulla tra di noi, ma ho potuto leggerla abbastanza bene da poter avere conversazioni segrete con chiunque se ne accorgesse. l'un l'altro per un momento prima di abbassare lo sguardo sul pavimento. "Va bene allora." disse Jo con fermezza prima di avvicinarsi e avvolgere le braccia intorno al braccio di Thomas.

Ho sentito qualcosa dentro di me bruciare intensamente, anzi è diventato così intenso che ho dovuto mordermi il labbro per gridare. Mi sono calmato al meglio delle mie possibilità e ci sono riuscito (in qualche modo) per pura forza di volontà. Mentre uscivamo di casa per entrare nella limousine, ho chiesto a Thomas di venire a parlarmi dopo che aveva messo Jo all'interno della macchina tutto da gentiluomo e così via. È arrivato in un punto in cui jo non poteva vedere la nostra faccia e io ho fissato thomas con tutto l'odio che potevo raccogliere, il che non è stato poi così difficile considerando che già non mi piaceva quel ragazzo più di ogni altra cosa. "Va bene Bentz, ascoltami e ascoltami bene." Ho detto di alzarmi e di essere personale con lui. "Voglio che questo giorno sia speciale per lei, quindi è meglio che la tratti come una regina, altrimenti scopri quanto è buono lo sporco, e se sento una sola cosa che stai facendo per maltrattarla o ti vedo provare a ferirla o maltrattarla in ogni caso, giuro su Dio che non ci sarà pietà di te quando troverò il tuo culo.

Thomas sorrise e mi spinse. “Smettila dweeb, non iniziare a comportarti in modo presuntuoso perché hai battuto derrick in una lotta con fortuna. Il resto di noi non è così facile da battere. E non preoccuparti per la tua preziosa sorellina, non le farò niente che lei non voglia. Mi ha spinto fuori dalla sua strada e ho dovuto seriamente evitare di cestinare il piccolo SOB proprio dove si trovava. Per pura volontà, ho forzato un sorriso sul mio viso e sono andato alla macchina e ci ha accompagnato alla festa in silenzio. Ma dopo aver visto Jo nel suo vestito, tutti gli altri sembravano vestiti con jeans e magliette al confronto. Mi sono comportato comunque in modo educato e le ho detto che aveva un aspetto magnifico. Sua madre e suo padre hanno scattato delle foto e presto eravamo in viaggio.

Ho dovuto dare credito alla facoltà, anche se possono fare schifo nell'insegnamento, di sicuro sanno come decorare. La passerella per la palestra aveva un tappeto rosso e i riflettori illuminavano il cielo. Quando siamo entrati, sembrava più che fossimo entrati in un club che in un ballo di fine anno. C'erano persone che affollavano il tavolo dei drink e un paio vicino al muro, ma la maggior parte della scuola sembrava essere sulla pista da ballo. Abbiamo trovato un tavolo e ordinato del cibo prima di iniziare a esplorare. Un paio di ragazze mi hanno chiesto di scattare loro una foto, così ho finito per separarmi da Thomas e Jo. Le ragazze si sono fatte fotografare, ma sono rimaste in giro ridacchiando e cercando di flirtare. In situazioni normali, probabilmente avrei sbavato su di loro e avrei cercato di non sbavare su di loro, ma dopo aver visto Jo nel suo vestito ha fatto sembrare tutti gli altri vestiti con jeans e magliette al confronto.

Ho comunque agito in modo educato e ho detto loro che erano bellissime e ho flirtato un po' con loro, ma non ero realmente interessata a nulla che avessero da offrire. Ho scattato qualche altra foto prima di tornare al mio tavolo. In qualche modo, il gruppo di ragazze mi aveva portato dal lato opposto della stanza, quindi ho dovuto farmi strada attraverso la folla di adolescenti danzanti. Quando sono arrivato, i due erano scomparsi. Ho sentito una fredda paura scorrermi nel petto mentre mi guardavo intorno freneticamente per trovare Jo. Mi sono calmato quando ho visto lei e Thomas ridere al tavolo da punch. Ho sentito di nuovo la sensazione di bruciore al petto, ma questa volta è stata placata da un'immensa ondata di tristezza che mi ha travolto. Mi sono avvicinato a una delle panche sul lato del muro e mi sono seduto coprendomi il viso con le mani.

Non so cosa c'è che non va in me, dovrei essere felice sapendo che a mia sorella piace qualcuno a cui piace, ma tutto quello che sentivo era una tristezza sorda nel mio cuore. Beh, se riesce a trovare un po' di divertimento qui intorno, non dovrei deprimermi, dovrei provare a vivere la mia vita! This Is Prom, la notte dei ricordi e dei sogni, non un posto dove stare seduti. Sono stato tirato fuori dal mio discorso di incoraggiamento interno quando ho sentito qualcuno toccarmi la spalla. Ho guardato per vedere una piccola ragazza dai capelli color topo che indossava un vestitino rosso. "Uh, sei J.P?" chiese timidamente strascicando i piedi. Sorrisi al suo nervosismo e mi alzai. "Sì, sono J.P, avevi bisogno di qualcosa?" La ragazza dai capelli castani arrossì mentre inciampava nelle sue parole cercando di tirarle fuori nel giusto ordine. "Uhm, beh, vedi, io, um, mi chiedo se tu, um-" Ho provato a soffocare la mia risata mentre lei diventava ancora più rossa. Ho dato una rapida occhiata alla sua mente per vedere cosa stava cercando di dire. "Sì, mi piacerebbe ballare con te, Ava." dissi con un sorriso mentre la sua mascella si abbassava e il suo rossore aumentava per abbinarsi al colore del suo vestito. "C-come-?" “Come ho fatto a ricordare il tuo nome? Beh, è ​​un po' difficile dimenticare la ragazza che è in due delle mie classi e ha stampato la mia rissa sulla prima pagina di tutti i giornali della scuola a grandi lettere in grassetto. dissi con un sorrisetto, tirando fuori la maggior parte di quello che dicevo direttamente dalla sua memoria.

Ava ha finito per fare l'impressione di un pesce fuor d'acqua mentre io ridevo, le prendevo la mano e la conducevo sulla pista da ballo. Dopo aver trovato un punto in cui potevamo muoverci comodamente, mi ha stretto le mani intorno alle spalle e le mie si sono appoggiate leggermente sulla sua vita mentre dondolavamo al ritmo della musica a ritmo lento. Abbiamo iniziato a parlare della scuola e di quanto sia stupida la maggior parte degli insegnanti fino a quando non ci siamo sentiti a nostro agio a parlare tra di noi. Pochi minuti dopo, dopo che la canzone è finita, io e Ava ci siamo seduti a ridere e goderci la reciproca compagnia. Alla fine, una volta che ci siamo calmati un po', Ava ha appoggiato la testa sulla mano. “A dirti la verità, non volevo nemmeno andare al ballo di fine anno. Tutti i miei amici stavano andando con i loro fidanzati e non volevo andare da solo. Poi Mark Cramer mi ha chiesto di venire, quindi ero super entusiasta di venire, ma non appena arriviamo qui, lui insegue un gruppo di cheerleader e si dimentica della piccola me. Sospirai mentre sentivo di potermi relazionare con quella sensazione. "Sembra che entrambi stiamo passando una notte schifosa, la ragazza a cui volevo chiedere ha finito per essere chiesta da qualcun altro, quindi sono dovuto andare con mia sorella e il suo appuntamento."

Ava si accigliò. “Aspetta un attimo, Jo non è tua sorella? E stava andando con Thomas giusto? Ora toccava a me accigliarmi. "Sì, perché?" Ava scosse la testa. “Sono partiti pochi minuti fa, Thomas ha detto che non si sentiva bene, quindi l'avrebbe portata a casa. È salito su un'auto con Derrick e il suo equipaggio...». Non ho sentito nient'altro che Ava ha detto. Mi alzai e mi avviai verso la porta, un sorpreso ava alle calcagna. "Aspetta, dove stai andando?" Non le ho risposto finché non sono arrivato al parcheggio. "Vado a uccidere dei bastardi e prendere mia sorella." "Che cosa? NO!" Ava ha cercato di fermarmi afferrandomi la giacca.” La metà della squadra di calcio è andata con loro! Potresti farti male seriamente!

Mi voltai e afferrai Ava in un forte abbraccio. “Grazie per l'attenzione e per le informazioni, ma mia sorella è in pericolo in questo momento. Devo andare." Il mio tono di voce non lasciava spazio a una discussione mentre giravo sui tacchi e mi precipitavo giù per la strada. Una volta fuori dalla vista della scuola, sono saltato in aria e ho fatto esplodere l'aria dietro di me, facendomi volare in avanti con una velocità incredibile. Ho inviato un sonar mentale per vedere se riuscivo a trovare la mente di Jo vicino a me. Dopo un minuto, il mio sonar captò la mente di Jo, circondata da una ventina di persone che supponevo fossero la squadra di football in una zona boscosa a circa un miglio da qui. Ringhiai di rabbia mentre mi lanciavo in avanti con ancora più potenza, sparandomi in avanti. Aspetta Jo, ho pensato mentre correvo lungo la strada. Sto arrivando!

Storie simili

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

532 I più visti

Likes 0

Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette...

543 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

136 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

529 I più visti

Likes 0

La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo. Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un...

347 I più visti

Likes 0

Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo... La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio. Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri. Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà? chiese una voce familiare. Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del...

321 I più visti

Likes 0

Domanda di un figlio curioso, seconda parte

Questa è la seconda parte di una serie che evolve sul sesso tra un ragazzo di diciotto anni e suo padre. Se non hai letto il primo; Ti consiglio di farlo. La prima storia era un mix tra prima e terza persona. Questo sarà interamente in terza persona. Quando James si svegliò per la prima volta nel letto di suo padre si chiese come fosse arrivato lì. Poi si ricordò che nemmeno nove ore prima lui e suo padre avevano fatto il miglior sesso orale che James avesse mai avuto. Dopo essersi seduto sul letto, sentì suo padre scendere le scale...

145 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.2K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.