Piacevole Maestro

150Report
Piacevole Maestro

Qualche settimana dopo mi sono svegliata presto per aiutare le mie sorelle a preparare la colazione. Mi girai per vedere il maestro Arik che mi fissava. Sbattei le palpebre velocemente sentendo il mio cuore battere all'impazzata per la sorpresa di vederlo sveglio. Sorrise lentamente mentre mi sedevo; le coperte espongono i miei seni e i miei capezzoli che si induriscono nell'aria fresca. Si sporse in avanti e fece rotolare delicatamente i miei capezzoli tra le sue dita.

«Vieni qui» disse con voce roca.

Mi sono avvicinato un po' e lui mi ha fatto cenno di cavalcare il suo corpo prono. Ho sollevato una coscia color caramello e l'ho abbassata sul suo corpo color oliva e ho strofinato il mio centro nudo contro i pantaloni del pigiama. Mi ha spinto più in alto finché non mi sono messo a cavalcioni sul suo petto e ha premuto sulla mia schiena spingendo il mio petto più vicino al suo viso.

Ho messo i gomiti ai lati opposti della sua testa e mi sono avvicinato quando ha iniziato a sbavare su tutti i miei globi color miele. Mi sentivo così bene che non potevo evitare i gemiti che mi sfuggivano dalla bocca. La sua lingua roteò attorno a uno dei miei capezzoli che all'altro facendomi scuotere la testa facendomi sbattere selvaggiamente i capelli intorno al viso.

"Ti piace quel Severen?" Il mio maestro mi ha deriso.

“Oh, per gli dei sì! Sì."

Mi strinse il seno e mi succhiò entrambi i capezzoli in bocca. Pensavo di essere in paradiso mentre sentivo la mia figa bagnarsi e le mie pareti serrarsi nel nulla cercando di creare attrito; qualsiasi cosa per aiutarmi l'orgasmo. Ha morso entrambi e io ho gemito ad alta voce senza curarmi di chi avessi svegliato. Ho rilassato il mio corpo godendomi il dolore facendo sì che il mio seno formasse triangoli affilati mentre li scuotevo per creare un po' più di pungiglione. Non ho nemmeno sentito dolore, tutto ciò che ho sentito era un piacere delizioso. Tornai da lui, poi mi allontanai ancora una volta sentendo una rapida puntura che un piacere scorrere attraverso il mio corpo.

Non potevo credere a quanto fosse glorioso; i suoi denti sul mio petto. Continuavo ad allontanarmi da lui gettando la testa all'indietro mentre lui mi mordeva. Mi sono spostato in avanti alleviando la tensione, poi ho tirato di nuovo apprezzando sempre di più la puntura. Continuavo a sentire la mia figa pulsare ad ogni puntura di dolore. Incredibilmente i muscoli della mia figa hanno iniziato a tremare e i miei muscoli hanno iniziato a irrigidirsi.

"Oh, io... penso... sto per... venire!"

"Uhm", giunse il suo comando attraverso le labbra premute mentre mordeva più forte i miei capezzoli duri. Sapevo che intendeva sborra e al suo comando sono impazzito. Mi appoggiavo a lui piuttosto che tornare indietro per sentire quel delizioso dolore e alla schiena mentre accarezzavo la mia figa sul suo pigiama sempre più velocemente. Ero così vicino e non potevo credere che fosse solo per i suoi denti sul mio petto. Ho stretto gli occhi e mi sono piegato all'indietro così tanto che ho pensato che i suoi denti avrebbero rotto la pelle. Improvvisamente ho sentito l'elettricità attraversare il mio corpo, ho sentito le pareti della mia fica bagnata stringersi insieme sull'aria e poi strofinarsi su se stessa, ho sentito il mio corpo irrigidirsi e sobbalzare mentre il mio orgasmo mi colpiva con un potente colpo.
Non riuscivo a smettere di rabbrividire per l'intenso piacere. Alla fine collasso mentre il mio Maestro lascia andare il mio seno. Mi accarezzò la schiena mentre cercavo di riprendere fiato. Ho sentito un rombo sotto il mio orecchio e l'ho sentito tremare e ho alzato la testa guardandolo con curiosità mentre rideva.

"Quindi ho me stesso una puttana del dolore."

"No. Non mi piace il dolore".

Inarcò un sopracciglio verso di me.

"Almeno non credo di sì."

"Qualcosa da scoprire insieme," sorrise e mi diede una sberla. "Vai, le tue sorelle ti stanno aspettando."

Mi sono alzato, ma prima che facessi più di un centimetro mi ha impedito di fissarmi il seno. La mia areola era un livido viola e i miei capezzoli avevano segni di denti. Si accigliò e potevo dire che non gli piaceva il pensiero di avermi fatto del male a sua insaputa. Un maestro dovrebbe sempre avere il controllo. Lo baciai profondamente orgoglioso del suo segno sul mio corpo.

"Ho una sorpresa per te dopo colazione."

"Non lavorerai", ho chiesto mentre indossavo una gonna nera corta e una camicia bianca ampia che si allacciava sul retro.

"No, solo io e te oggi."

"Veramente?" Saltai sul letto e lo avvolsi tra le braccia. "Faremo tutto sesso caldo e appassionato", strofinai il mio petto dolorante contro quello duro, "giorno", strisciai su per il suo corpo fissandolo, "lungo?" Mi sono avvicinato per baciarlo, ma lui mi ha ribaltato in modo che fossi sotto di lui.

"Forse."

Risi sentendomi intrappolata sotto di lui, ma cedendo. Era il mio Maestro. Non dovrei mai essere al di sopra di lui a meno che non lo desideri. Mi leccai le labbra portando la sua attenzione su di esse. Afferrò una manciata della mia criniera bruno-rossastra e tirò. Ho sentito il mio stomaco fare le infradito e ho chiuso gli occhi per il piacere.

"Non è una troia del dolore", ha preso in giro mentre schiacciava le sue labbra sulle mie, forzando la sua lingua tra le mie labbra e prendendo quello che era suo. Non ho combattuto perché ha preso quello che ho dato e poi ha preso di più. Spingo il mio corpo contro il suo già pronto a compiacerlo. Per dargli il piacere che mi aveva appena regalato stamattina. Il maestro Arik si è allontanato e mi ha tirato su.

"Andare."
Ho messo il broncio sexy con la testa bassa e i miei enormi occhi marroni che guardavano in alto finché non riesco a vedere la sua faccia. Ho spostato lentamente una ciocca di capelli dietro l'orecchio e poi ho lasciato che la mia mano mi scivolasse sul collo, gli occhi che si chiudevano per il piacere, mentre mi prendevo il seno e accarezzavo il mio capezzolo ancora tenero.

«Severen», lo avvertì.

Accidenti, ho aperto la porta e sono andato in cucina sorridendo.

"Beh, guarda chi ne ha preso un po' questa mattina", mi ha preso in giro Alison, la prima ragazza di casa.

"Dev'essere stato bello per te gemere in quel modo", ridacchiò Azya.

Arrossii mentre andavo al lavandino a lavarmi le mani e mi guardavo intorno per vedere cosa si faceva e cosa si doveva fare.

Myra si è semplicemente avvicinata a me, ha appoggiato la testa sulla mia spalla e ha sorriso. “Abbiamo quasi finito. Vuoi apparecchiare la tavola?"

Annuii e mentre afferravo i piatti mi resi conto che amavo queste ragazze come se fossero le mie vere sorelle. Questa era la mia nuova famiglia ed ero felice di essere qui. Ero così abituato a servire da solo che era bello avere qualcuno con cui parlare o qualcuno che ti aiutasse a cucinare e pulire.

Ho apparecchiato la tavola appoggiando enormi piatti bianchi con rifiniture dorate sul tavolo con bicchieri e posate abbinati. Il libero; Jarl Veston, il capo di questa casa, sua moglie, la signora Shyra, e i loro figli, il maestro Azyon, il maestro Arik e il maestro Nicolas avrebbero tutti mangiato dei bei piatti. Alison, Azya ed io mangeremo su semplice porcellana bianca. In alcune case le ragazze sono obbligate a mangiare da sole in un angolo. Fortunatamente, in questa casa a Jarl Veston piacciono le sue ragazze vicino a lui, quindi siamo ammessi al tavolo.

Torno in cucina e fisso tutto il cibo. Dando da mangiare a 9 persone, di cui 5 uomini, dovevi avere molto cibo. Alison tira fuori un vassoio pieno di pancake e io lo seguo con un vassoio di waffle. Ognuno di noi entra ed esce dalla cucina mettendo il cibo in tavola. Alla fine fissai la tavola imbandita di frittelle, cialde, bacon, uova, salsicce, biscotti e patate arrosto.

Jarl Veston entra dalla sua stanza con la padrona Shyra al braccio. Ci sorridono e lui le porge la sedia mentre si siede. Myra va immediatamente al tavolo con gli occhi rispettosamente abbassati, "Buongiorno Jarl Veston e Mistress Shyra".

Jarl Veston sorride a Myra mentre si siede al suo posto facendo andare Alison al tavolo e salutare anche Jarl Veston e Mistress Shyra.

"Mia Padrona cosa vorresti bere e mangiare", Myra chiede a Mistress Shyra.


La risposta della Padrona è persa su di me mentre guardo in fondo al corridoio chiedendomi cosa potrebbe volerci così tanto tempo al mio Maestro. Mi mordo il labbro inferiore preoccupato quando la voce tonante di Jarl Veston dice ai suoi ragazzi di alzarsi dal letto e fare colazione.

Il Maestro Arik può essere visto scendere nel corridoio con suo fratello, la testa del Maestro Azyon sotto il braccio. Stanno entrambi ridendo quando il maestro Azyon esce da sotto il suo braccio e oscilla verso il braccio del maestro Arik che si sposta abilmente da parte. Azya ed io andiamo entrambi dai nostri rispettivi Maestri e dopo aver salutato tutti iniziamo a servirli. Dopo aver finito di servire il mio maestro, vedo il maestro Nicolas entrare nella sala da pranzo. Lo saluto e comincio a servirlo. Dal momento che il Maestro Nicolas non ha la sua ragazza, spetta a noi tre assicurarci che sia servito così come i nostri Maestri.

Finalmente i Free stanno mangiando e noi schiave possiamo iniziare a mangiare la nostra colazione. "Quindi Arik ho capito che ti sei preso il giorno libero", dice la signora Shyra in modo colloquiale.

"Sì, mamma, passerò la giornata con Severen."

Guardo il mio Maestro con un sorriso prima di abbassare gli occhi in modo seducente. Mi allungo e appoggio delicatamente la mia mano sulla sua coscia. I suoi occhi guizzano verso di me, ma non dice niente mentre mastico la mia colazione.

"Hai dei piani?" La ragazza ridacchia e arrossisce profondamente. "Intendo altri piani oltre all'ovvio?"

Passo le mie unghie all'interno della sua coscia e sento il suo cazzo saltare nei suoi pantaloni. Colgo un'altra patata e me la metto in bocca con la testa inclinata ascoltando la conversazione anche se le mie unghie sfregano contro il suo cazzo. Sento il suo cazzo saltare di nuovo e gli apro lentamente i pantaloni assicurandomi che nessuno senta la cerniera.

“Arik,” domanda la signora Shyra.

Immergo la mia mano nei suoi pantaloni e attraverso l'apertura dei suoi boxer lo porto fuori sotto il tavolo. Mordo un'altra patata fissando il mio Padrone che mi guarda con divertito a malapena nascosto.

“Ehm, no. Pensavo che saremmo andati in giro e avrei visto come stava. Assicurarsi che stia bene".

Avvolgo la mia mano attorno alla sua asta dura e lentamente la faccio scorrere verso l'alto; le mie unghie graffiano la testa e poi la faccio scorrere di nuovo fino alla base. Sento il mio Maestro aspirare una boccata d'aria trattenendolo. Scivolo indietro stringendolo durante la salita, di nuovo raschio a malapena le unghie sulla sua testa sensibile, prima di stringere e farla scivolare di nuovo verso il basso.

"Va bene. Nicolas, ho capito che hai le finali?"

Il resto della conversazione continua, ma sono concentrato su una cosa e questo è pompare la mano più velocemente senza che il mio corpo si muova. Pompa più velocemente e la testa del mio Maestro scivola indietro prima che si riprenda e porti la testa in avanti. Continuo a masturbarlo e girare il polso a ogni movimento verso l'alto. Il mio Maestro mi sta fissando i suoi occhi così neri di piacere. La corrente era cambiata e io gli sorrido audacemente. Con calma mette la sua mano sopra la mia fermandomi all'istante.

“Scusateci,” dice mentre si infila nei pantaloni e si alza in piedi.

Mi afferra la parte superiore del braccio e mi tira in piedi. Tutti ci fissano mentre lui mi riporta in camera da letto. Chiude la porta e si appoggia alla porta con le braccia incrociate. Lui mi fissa e io fisso il suo petto senza incrociare i suoi occhi. Non sono sicuro di cosa ho fatto di sbagliato.

"Severen cosa sono?"

“Mio Maestro,” rispondo automaticamente.

"Che cosa significa per te?"

Alzo lo sguardo non sono sicuro di cosa voglia dire. Significa tutto per me. La mia bocca si apre, ma non escono parole. Cos'ho fatto di sbagliato? Deve aver visto la confusione nei miei occhi.

“Nella sala da pranzo mi sono lasciato toccare da te. lascia che tu mi dia piacere. Capisci? Sei molto bella e devo ammettere che influenzi la mia decisione, ma non me lo lascerai mai fare. Non avrai mai il controllo di me. ti controllo. Comprendere?"

E in quel momento l'ho fatto. Avevo scavalcato la linea. Quando l'ho guardato audacemente e ho sorriso. Quando avevo pensato che detenevo tutto il potere quando era sempre e sarà sempre lui a detenere il potere. Caddi in ginocchio provando rimorso per le mie azioni. Lo guardai con le lacrime agli occhi.

"Chiedo scusa. Non me ne sono reso conto".

"Conosco Severen, ma devo punirti."

Rimasi lì incapace di muovermi. Non volevo essere punito. Mi indicò di andare al letto e con i piedi pesanti per la paura mi avvicinai e mi sedetti. Girò il dito in cerchio e io subito mi alzai e salii sul letto a quattro zampe. Ha sollevato la mia gonna arrotolandola sui fianchi e ripiegandola.

Guardai oltre la mia spalla per vederlo frugare nell'armadio. Estrasse una frusta nera con un manico di cuoio e numerose cinghie di cuoio provenienti dal manico. Guardo dritto al muro il mio corpo tremava per il terrore. Potevo sentire l'arco nell'aria, un rumore di vento che si muoveva prima di sentirlo contro il mio sedere. Il forte schiaffo mi ha fatto sobbalzare. Il dolore più di una puntura acuta che di un pestaggio vero e proprio. Sento la sua mano calda toccarmi il sedere; una debole scia del suo dito prima che la frusta scenda di nuovo sul mio sedere. Mi colpisce ancora e ancora finché il mio sedere non è dolorante e so che è rosso senza nemmeno guardarlo. Alla fine si ferma e mi tira giù dal letto e tra le sue braccia mi abbraccia. Mi guarda e io chino la testa per la vergogna.

Storie simili

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

494 I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

712 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

774 I più visti

Likes 0

Twat

Twat New York City è composta da cinque distretti, che equivalgono alle contee del resto dello stato. I cinque distretti sono Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island. New York City ha oltre 8,2 milioni di residenti. L'area metropolitana di Greater New York ha una popolazione di quasi 19 milioni di persone e si colloca tra le più grandi aree urbane del mondo. Quindi naturalmente mia figlia voleva andarci. Mia figlia Amanda odia il suo nome perché è troppo permaloso e corretto. Le piace che i suoi amici la chiamino acida. Ha attraversato il suo palco rosa da ragazza carina, il...

508 I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

478 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

739 I più visti

Likes 0

Attrice e io (Pt 3 Viaggio a ovest)

Ho guardato l'aereo taxi per la pista e decollare. Me ne andai e tornai a casa con le lacrime agli occhi perché già mi mancava. Ho girato per il cottage in motorino per il resto della giornata. Più tardi quella notte chiama per dire che è arrivata a casa sana e salva. Abbiamo chiacchierato per un'ora sul suo soggiorno di 2 settimane qui. Dopo che ha riattaccato, mi sono sentito un po' meglio e sono andato a letto. L'estate dell'82 è passata rapidamente all'autunno e abbiamo parlato numerose volte di quando sarei venuto a farle visita a ovest. Ho continuato a...

482 I più visti

Likes 0

La vendetta è mia

Ho incontrato Sue alcuni anni fa, era benedetta da una figura eccellente e all'età di 36 anni aveva mantenuto un bell'aspetto, mi piace che molti uomini abbiano cercato di uscire con lei, ma lei non ne aveva niente, diceva sempre che aveva un'amica abituale con cui usciva e io non avevo alcuna possibilità. Ho trovato interessante il fatto che non abbia mai portato la sua amica a nessuna delle nostre uscite nei club per single, e come organizzatore ho avuto modo di vedere molti dei nostri soci soci, ma mai Gaynors. Sue era una presa in giro sessuale che apprezzava l'opportunità...

744 I più visti

Likes 0

Impero perduto 33

0001 - Tempo 0003 - Conner 0097 - Asso 0101 - Shelby (nave madre) 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco 0778 - gen 0798 - Celeste 0908 - Tara 0999 - Zan 1000 - Sherry Crescere -------- Lucia Gli occhi di Derrick erano sgranati, aveva già finito Conner e stava già lavorando su Ace's? Guardandosi intorno, Derrick disse: Mary? Spero proprio che tu mi stia tenendo d'occhio! Sì, sire, giunse la voce di Mary dall'aria. Le devo ancora rintracciare, signore. Qual è lo stato dell'indicatore di capacità? Derrick stava urlando in aria...

443 I più visti

Likes 0

Ragazze del teatro del cazzo

Il programma teatrale al mio college non è mai stato particolarmente interessante. Tende ad attirare una folla più nerd e riservata, così come il vecchio archetipo dell'attore gay fiammeggiante. Questo mi rende una specie di anomalo. Non sono certamente il ragazzo più figo del campus, ma ho una cerchia sociale piuttosto ampia e di certo sembro un po' più atletico della maggior parte dei nostri uomini. Anche se non sembro un ragazzo di teatro tradizionale, amo il palcoscenico ed è sempre stata la mia attività extra-curriculare preferita dai tempi del liceo. Non dirò di essere il miglior attore, ma mi trovo...

456 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.