Raccoglitrici di mele

1.1KReport
Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore.



Raccoglitrici di mele


Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi. Molti agricoltori sono passati alle macchine nel corso degli anni, ma raccogliere le mele non è uno di questi. La mia stagione di raccolta dura circa sei settimane e richiede molti raccoglitori. Ne metto facilmente cento o più a lavorare nei miei frutteti.

Sono la quarta generazione a possedere e gestire questa terra. Appartiene alla mia famiglia da più di cent'anni. Mio padre mi raccontava dei negri che ogni anno venivano a raccogliere nei suoi frutteti. Ha conosciuto i suoi lavoratori nel corso delle stagioni e poteva contare sul fatto che si presentassero. Mio nonno ci raccontava della Grande Depressione, quando i bianchi poveri lo pregavano di lavorare. Ora nella mia generazione i neri e i bianchi non vogliono più fare il lavoro per il salario che posso permettermi, quindi i messicani hanno soddisfatto il bisogno. Il problema più grande che ho è che non parliamo la stessa lingua. Questo è un problema che mio padre e suo padre prima di lui non avevano. A sentire mio nonno parlare di alcuni di quei neri del profondo sud, riusciva a malapena a capirli lui stesso. Avevano un lento accento del sud a cui dovevi davvero abituarti.

Quando gli olandesi si stabilirono a Long Island, quando gli italiani scavarono il Canale Erie e quando arrivarono i polacchi, tutti volevano imparare la lingua della loro nuova patria, l'inglese. Erano orgogliosi immigrati in questo vasto paese. Divennero orgogliosi cittadini e volevano di meglio per i loro figli di quanto avevano nel vecchio paese. Ora un giorno i messicani entrano illegalmente in questo paese e non vogliono nemmeno imparare a parlare la nostra lingua. I tempi sono sicuramente cambiati.

Quest'anno non è stato diverso. Proprio mentre le mele stavano maturando sugli alberi, iniziarono ad arrivare i messicani. Arrivarono vecchi camioncini pieni di lavoratori migranti messicani. Arrivarono intere famiglie che vivevano nelle loro vecchie station wagon. La maggior parte non riusciva a capirmi, ma altri mi hanno aiutato a tradurre.

I loro dormitori erano un paio di stalle dove le casse vuote vengono immagazzinate in bassa stagione. La prima cosa che accade è che le casse vengono rimosse in modo che gli operai possano allestire i loro dormitori negli edifici. Le scatole vengono quindi posizionate attorno all'area da prelevare per prima. Anche le scale, i cestini e altre cose vengono messe in posizione. Non ho quasi niente da dire al riguardo. Sanno cosa bisogna fare e lo fanno.

La parte difficile è ottenere i loro nomi e le copie dei loro documenti di lavoro per i miei archivi. Il governo sta cercando di reprimere gli immigrati clandestini, ma quassù al nord sembra che non importi poi così tanto.

Un paio di giorni dopo arrivò una coppia di anziani con una figlia attraente. La figlia era di Guadalupe e parlava molto bene l'inglese. È stata la prima volta per me. Quando ho chiesto di vedere le loro carte verdi e documenti di lavoro, ha iniziato a inventare scuse. Potrei dire che stava mentendo. I loro documenti sono andati perduti, sono stati rubati o sono bruciati in un incendio. Questa doveva essere la scusa più pietosa che avessi sentito ultimamente. Ho detto a Guadalupe che non potevo assumerli se non avevano i documenti. Guadalupe ha detto che metà dei lavoratori del mio frutteto erano illegali. Quando le ho chiesto di indicarmeli in modo che potessi sbarazzarmene, ha rifiutato. Come ultimo disperato tentativo, Guadalupe si offrì sessualmente se permettevo a lei e ai suoi genitori di restare a lavorare. Erano al verde e avevano un disperato bisogno di questo lavoro. Le ho creduto e le ho chiesto perché si era offerta a me. Ha spiegato che almeno una volta ad ogni nuovo raccolto lei e sua madre sarebbero state violentate da altri lavoratori. Era uno stile di vita per un lavoratore migrante messicano. A volte era il proprietario terriero stesso o il suo caposquadra a violentarli, ma soprattutto erano gli altri lavoratori a catturarli da soli. Non c'era niente che potesse essere fatto neanche al riguardo. Se l'avessero detto alla polizia sarebbero stati deportati. Ha detto che sarebbe stato meglio darlo via per lavoro piuttosto che essere preso con la forza. Era molto bella quindi ho detto ok. Non mi importava se mi faceva sesso o no, cedevo solo alla sua bellezza e alle sue suppliche.

Quando Guadalupe ha spiegato la sua offerta ai suoi genitori, suo padre si è arrabbiato e ha parlato un miglio al minuto. Sua madre Juanita è riuscita a calmarlo. Suo padre se ne andò. Juanita e Guadalupe parlavano e Guadalupe me lo traduceva. Juanita ha praticamente detto quello che mi aveva detto Guadalupe su quanto fosse pericoloso per le donne nei campi e nei frutteti a causa di tutti gli stupri che hanno avuto luogo e che le giovani ragazze attraenti come sua figlia fossero una facile preda. Mi ha pregato di essere gentile con Guadalupe e mi ha baciato la mano. Juanita raggiunse il marito e si diresse silenziosamente verso il frutteto.

Guadalupe è rimasta indietro per offrirmi ancora una volta i suoi servizi sessuali. L'ho portata dentro per parlare. Guadalupe aveva diciassette anni ed era il più giovane di tutti i figli di Juanita. Guadalupe era nata in questo paese ed era stata educata sia in spagnolo che in inglese. Ha spiegato che la maggior parte dei miei dipendenti ha capito quello che dico, ma ha scelto di far capire che non l'hanno fatto. Mi ha fortemente suggerito di imparare a parlare spagnolo. Lei aveva ragione! Dovrei! A volte disprezziamo uno straniero ma conosce due lingue mentre la maggior parte di noi ha problemi solo con l'inglese.

Dissi a Guadalupe che avevo trent'anni e che avevo ereditato la terra da mio padre. Era morto l'anno precedente quando era caduto da un albero e si era rotto il collo. Ero l'ultimo della fila. Non avevo fratelli e sorelle, né genitori né nonni. Questa terra era stata una vita dura, ma ogni generazione l'aveva sopportata. Adesso toccava a me!

Guadalupe aveva una maturità superiore ai suoi anni. Aveva anche una buona testa sulle spalle. Potevo parlarle così facilmente che era come se fossimo vecchi amici. Più parlava e più ascoltavo. Mi ha raccontato del suo sogno per un meleto ideale. Aveva assolutamente senso.

Parte di ciò che mio padre e mio nonno mi avevano insegnato era nutrire bene i miei lavoratori e che cibo e alloggio facevano parte della loro paga. In questo modo potrei dare loro meno soldi e sarebbero comunque felici di lavorare per me.

Nutrire un centinaio di lavoratori non era un compito da poco. Guadalupe mi ha aiutato a organizzare uno staff di cucina. Ovviamente includeva i suoi genitori e molte delle donne più giovani e attraenti. Mi ha detto apertamente che era per proteggerli dallo stupro. I tacos erano il pasto principale per il pranzo e apparentemente anche per la cena. Guadalupe e Juanita erano decisamente al comando nel reparto ristorazione.

Quando il pranzo fu pronto si sparse la voce e gli operai arrivarono dal frutteto. Il padre di Guadalupe ha parlato con alcuni degli altri uomini, poi si è piuttosto emozionato. Quando chiesi a Guadalupe cosa stava succedendo, lei disse che suo padre aveva già lavorato con alcuni degli uomini e che erano uomini cattivi. Non funzionavano molto bene ed erano responsabili di molti degli stupri sulle donne più giovani. Ho preso Guadalupe per mano e mi sono avvicinato al trambusto. Mentre ci avvicinavamo le cose si calmarono. Ho chiesto a Guadalupe di dirmi cosa stava dicendo suo padre. Ha ripetuto il fatto che tre degli uomini erano cattivi lavoratori e anche cattivi esseri umani. Le ho detto di licenziarli per me e lei l'ha fatto. Gli uomini si sono limitati a ridere di me, ma suo padre e alcuni degli altri uomini si sono opposti a loro e hanno fatto in modo che gli uomini se ne andassero con la loro paga per il lavoro svolto. Poi ho incaricato il padre di Guadalupe come mio caposquadra. Quella fu la prima volta che lo vidi sorridere. Dissi a Guadalupe di affidare a sua madre la cucina. Questa volta Guadalupe sorrise e disse che sua madre aveva già accettato quel lavoro da sola. Ora ho sorriso.

Era tempo di festeggiare. Per la prima volta da settimane sentivo di poter gestire il lavoro di capo, ma solo se Guadalupe ei suoi genitori mi avessero aiutato. I tacos erano troppo piccanti e piccanti per i miei gusti, ma gli operai li mangiarono. A quanto pare Juanita era un'ottima cuoca. Tutti tornarono al frutteto e solo pochi rimasero a pulire. Quando le cose furono sistemate, feci sedere Juanita e Guadalupe per parlare. Ho mostrato loro anche l'alloggio del caposquadra. Non avevano mai vissuto in una vera casa prima e non sapevano cosa dire. Loro piansero! Ho detto loro che avevo bisogno di aiuto tutto l'anno, ma non troppi. Speravo che sarebbero rimasti con me e mi avrebbero aiutato a potare gli alberi, a piantarne di nuovi ea tenerli al sicuro. Era un affare fatto. Juanita corse fuori per dare a suo marito la buona notizia.

Guadalupe mi ha riportato a casa mia. Voleva davvero ripagarmi con il sesso. Non potevo più resistere alla sua bellezza e alla sua passione. Inoltre ero molto eccitato da troppo tempo. Ho portato Guadalupe nella mia camera da letto. È rimasta molto colpita. Mentre si spogliava, fu il mio turno di rimanere molto colpito. Era una creatura impeccabile. In spagnolo Guadalupe significa Madre di Dio. Era veramente un Angolo di Misericordia. Aveva cambiato la mia vita nel momento in cui ci era entrata. La sua carnagione scura, i suoi capelli scuri e i suoi occhi scuri erano un netto confronto con la mia ultima ragazza che era stata una bionda dagli occhi azzurri con la pelle bianca come il giglio. Guadalupe era la bellezza esotica che avevo sempre sognato. Mentre stava davanti a me nuda offrendosi a me dovevo chiedermi perché. Perché questa ragazza meravigliosa è entrata nella mia vita? Perché tutto sembrava a posto con il mondo? Perché non ero più nervoso per la mia fattoria? La risposta è stata Guadalupe! Ero sicuro che il mio angelo custode me l'avesse mandata. Così ho fatto l'amore con Guadalupe come se stessi facendo l'amore con un vero angelo. L'ho baciata molto appassionatamente, ho accarezzato i suoi bei capelli corvini e ho toccato delicatamente i suoi seni vivaci. I suoi capezzoli erano quasi neri, le sue areole erano di un marrone cioccolato fondente e volevo adorarle. Guadalupe lasciami. Non ero mai stato così innamorato di una donna e la conoscevo solo da poche ore. Le ho baciato la pancia e i peli pubici neri e ricci. Ho provato a baciare ogni singolo capello individualmente. Ho inalato il suo aroma femminile e mi ha emozionato moltissimo. Non era molto pulita e ne ero sicuro. Non riuscivo a vedere Guadalupe fare la doccia tutti i giorni o fare un bagnoschiuma, ma non mi importava. Ho seppellito il naso nella sua femminilità. Le ho baciato la figa come non ne avevo mai baciata una prima. Mi sono messo tra le sue gambe e lei me le ha spalancate. Ho aperto le labbra della sua figa e ho assorbito anche la sua bellezza interiore. La sua pelle era così scura ei suoi peli pubici erano così neri che la sua cavità rosa interna sembrava brillare. Sono stato perso nel suo corpo per diversi minuti. Il mio passato è balenato davanti ai miei occhi e poi il futuro ha iniziato a svelarsi davanti a me. Guardare nella figa di Guadalupe era come guardare in una sfera di cristallo. Dovevo avere questa bellezza e non solo per questo momento o anche per questo raccolto, avevo bisogno di avere queste donne nella mia vita per sempre. Mentre baciavo il mio corpo, il mio cazzo ha trovato la sua strada dentro di lei. È stato un legame come nessun altro. Il mio desiderio era quello dell'amore puro. Non c'era lussuria come c'era stata con altre ragazze. Fare l'amore con Guadalupe era come respirare. Era così naturale che quasi non sapevo cosa stesse succedendo. Poi sono venuto! Ho sentito una voce sommessa sussurrarmi all'orecchio! Quando ho aperto gli occhi Guadalupe mi sorrideva e mi accarezzava i capelli. La mia testa era annidata tra i suoi seni e lei mi stava baciando il viso. Erano passate due ore. Era ora di controllare le cose nel frutteto. Guadalupe mi guardò mentre mi vestivo. Le ho detto di fare un lungo bagnoschiuma e che mia madre aveva lasciato uno scaffale pieno di cose che hanno un buon profumo e che lei se ne servisse.

Sono uscito e ho controllato Juanita. Aveva un sorriso molto grande sul viso. Potrei dire che era molto felice e che tutto in cucina andava bene. Sembrava che stessimo mangiando di nuovo tacos per cena. Scesi in cantina e portai su una brocca da cinque galloni di sidro di mele duro e un paio di bottiglie di Apple Jack per festeggiare. Apple Jack è ciò che accade quando un barile di sidro duro si congela in inverno. Fai un buco nel ghiaccio che si forma nel centro liquido e fai defluire l'alcool puro che si è formato.

Poi sono uscito nel frutteto. Pedro, il padre di Guadalupe, aveva tutto sotto controllo. Erano anni che non vedevo le cose andare così bene. Così sono tornato a Guadalupe. Era ancora nella vasca da bagno e sembrava molto raggiante. Ha detto che poteva vivere così per sempre. Le ho detto che la volevo anch'io. Le ho chiesto di trasferirsi a casa mia con me. Le ho anche detto che poteva avere una camera tutta sua. Poi mi ha detto che voleva venire a letto con me se glielo permettevo. Lasciala all'inferno, volevo che dormisse con me per sempre.

Quella sera ho avuto modo di mangiare alcuni tacos con il mio equipaggio. Juanita aveva preparato solo per me un piccolo lotto di carne che non era troppo piccante. Mi sono davvero divertito. Dopo che la cena era finita ho iniziato a riempire i bicchieri con il sidro di mele duro mentre Guadalupe li distribuiva. Poi ho preso una delle mie bottiglie di Apple Jack e iniziando con Pedro ho aggiunto un po' di punch in più al suo bicchiere. Poi ho brindato alla nostra nuova relazione. Successivamente gli ho consegnato la bottiglia da condividere con il suo equipaggio.

Quando sono tornato a Guadalupe, lei era al centro dell'attenzione. L'ho solo ascoltata mentre chiacchierava. Poi Guadalupe mi ha chiesto se le donne potevano usare la mia vasca da bagno. Certo che potrebbero. Poi le ho chiesto se aveva bisogno di altra roba puzzolente. Guadalupe rise e disse che avrebbero fatto i conti con quello che avevano. Le ho detto che non avevano bisogno di fare il dovuto e che volevo che fossero tutti felici. Guadalupe ha detto che non era così che doveva essere. L'ho informata che era così che doveva essere. Guadalupe mi ha dato un abbraccio e un bacio proprio davanti a tutti e ho baciato anche lei per molto tempo. Ciò ha dato inizio di nuovo a un intero giro di chiacchiere.

Guadalupe ha portato in casa un paio di altre ragazze della sua età. Ha mostrato loro dov'era il bagno e dove era conservata la roba da bagno. Poi li lasciò a fare il bagno. Guadalupe è tornata da me e mi ha detto che potevamo usare altri accessori per il bagno. Juanita ha detto che anche lei aveva bisogno di più generi alimentari. Ho lasciato Pedro al comando e ho portato le sue due donne in città.

Abbiamo tutto il necessario per il bagno di cui cinquanta donne avrebbero bisogno per un mese intero. A Juanita piaceva fare la spesa al supermercato. Apparentemente le piaceva la freschezza delle loro verdure. Dopotutto aveva sicuramente visto la sua giusta dose di prodotti maturi nella sua vita. Abbiamo lasciato il negozio di alimentari con tre carrelli pieni di verdure, uova, farina e carne macinata. Era in paradiso. Il mio furgone era piuttosto pieno.

Le cose si erano sistemate un po' quando arrivammo a casa. Pedro aveva permesso agli uomini di usare la doccia nel suo alloggio e li aveva mandati a letto. Sarebbe stata una mattina presto. Juanita mise via le cose e andò a letto lei stessa. Per lei era ancora prima mattina. Doveva iniziare a fare colazione per dare da mangiare a tutti. Mentre passavamo davanti al bagno abbiamo sentito delle voci. Guadalupe sbirciò dentro e parlò alle ragazze, poi chiuse la porta. Mi ha detto che la maggior parte delle donne aveva fatto un bagno veloce, ma che alcuni adolescenti avevano voluto immergersi e godersi l'acqua anche se non era più calda. Ovviamente avevano finito l'acqua calda. Rise perché nella vasca c'erano tre ragazze che giocavano come bambine. Ho riso e ho detto che avrei voluto poterlo vedere. Così Guadalupe fece capolino dalla porta del bagno e chiese loro. La cosa successiva che ho saputo è stata che la porta era completamente aperta e Guadalupe mi stava spingendo dentro. C'erano le tre ragazze più o meno della sua età sedute nella mia vasca da bagno di fronte a me. C'erano molte bolle sulla superficie dell'acqua ma tutte le loro tette erano esposte per me da vedere.

Potevano parlare inglese quasi quanto Guadalupe. Hanno convenuto che ero il più simpatico proprietario terriero che avessero mai incontrato. Guadalupe disse loro che anch'io ero un'amante meravigliosa. Le ho detto che era perché ero innamorato di lei. Le altre ragazze ridevano e la prendevano in giro. Ben presto le altre tre ragazze furono in piedi nella vasca proprio di fronte a me. Erano tutti diversi ma in un certo senso erano anche tutti uguali. La loro pelle, i loro capelli scuri e la loro carnagione scura erano tutti simili. Anche le loro voci suonavano simili, ma la voce di Guadalupe aveva un fascino speciale. Ho visto le tre ragazze asciugarsi e vestirsi, poi ho portato Guadalupe a letto.

Fare l'amore con lei sembrava più urgente quella volta. Ho pensato che fosse a causa delle tre affascinanti signorine che erano state nude di fronte a me negli ultimi minuti. Mentre Guadalupe si spogliava, la guardai con un nuovo risveglio. Mi stavo godendo la compagnia di Guadalupe e il suo dolce corpo. Questa volta l'ho baciata dolcemente, le ho succhiato i capezzoli e le ho baciato la figa prima di mettermi tra le sue gambe e infilargli il cazzo dentro. Guadalupe mi ha messo i piedi intorno e mi ha dato una piccola stretta d'amore. Misi le mani con i palmi in giù sul letto sotto le sue ascelle e le sorrisi. Poi ho iniziato a dondolare i fianchi e a spingere il mio cazzo dentro di lei. Ho guardato negli occhi di Guadalupe. Erano buie ma brillavano alla luce della stanza. Avevo pensato di spegnere le luci, ma volevo davvero vedere la sua bellezza il più a lungo possibile. A Guadalupe non importava affatto. Mi accarezzò il petto, mi accarezzò i fianchi e mi accarezzò la schiena mentre facevo l'amore con lei. Man mano che andavo più veloce, ho alzato le braccia per afferrare la parte posteriore della sua testa, appoggiando il mio peso sui miei gomiti e sui suoi seni. In quella posizione Guadalupe poteva solo strofinare la parte superiore delle mie spalle, ma presto appoggiò le braccia sopra la testa permettendomi di possedere il suo corpo in quella posizione. Era tutta mia! Potevo percepire il suo orgasmo in arrivo. I suoi occhi si chiusero lentamente, mi sorrise dolcemente e i suoi seni si sollevarono nel mio petto mentre respirava profondamente. Quando ha iniziato a luccicare e tremare dappertutto, ho iniziato a venirle dentro anch'io. Abbiamo avuto un climax reciproco che entrambi abbiamo condiviso con l'altro. Mi sono rotolato su un lato e ho stretto Guadalupe a me mentre mi addormentavo.

Mi ha svegliato proprio mentre il sole entrava dalla finestra. Ci siamo fatti una bella doccia calda insieme e siamo scesi a fare colazione. Juanita e il suo equipaggio avevano sfornato pane fresco e avevano preparato abbastanza omelette per sfamare tutti. Appena gli uomini furono pronti, Pedro li mandò al lavoro. Ben presto anche la maggior parte delle donne lo seguì. Guadalupe ha aiutato sua madre e un paio delle ragazze della scorsa notte a pulire. Poi anche loro sono partiti per lavorare nei campi, così mi sono unito a loro. Non potevo sopportare di perdere di vista Guadalupe.

Ero sicuro che Pedro stesse raccogliendo più mele con meno persone di quante ne ricordassi. La raccolta richiederebbe ancora sei settimane perché era il tempo necessario alla maggior parte delle mele per maturare.

Alla fine delle sei settimane Pedro tenne tre delle famiglie a continuare a raccogliere mentre i frutti maturavano sugli alberi. Dopo altre quattro settimane lasciò andare anche loro.

Poi andavamo in giro con una macchina che raccoglieva da terra le mele cadute. Erano ammaccati e danneggiati, ma fanno sicuramente un ottimo sidro di mele. Il nonno aveva comprato una pressa anni fa e funzionava ancora bene.

È stato un raccolto molto proficuo, anzi uno dei nostri migliori di sempre, e ne sono rimasto molto soddisfatto. Ho dato a Pedro un bonus per l'ottimo lavoro che aveva svolto e che gli è piaciuto.

Prima del raccolto successivo avevo ricevuto una copia del certificato di nascita di Guadalupe insieme ai certificati di nascita di Juanita e Pedro. Ho anche ricevuto una copia della loro licenza di matrimonio. Inoltre Guadalupe ha compiuto diciotto anni e io e lei ci siamo sposati. Anche Juanita e Pedro stavano per diventare cittadini ed erano legali per la prima volta in assoluto. Inoltre avevano una residenza permanente... la mia. Si erano trasferiti a casa mia subito dopo il raccolto. Abbiamo trasformato la casa del caposquadra in un dormitorio per le donne più giovani e abbiamo anche installato scaldabagni più grandi.

Quel raccolto successivo Pedro aspettava volti familiari. Lui ed io avevamo visitato alcuni degli altri raccolti che avevano avuto luogo prima che le mie mele fossero pronte. Ha chiesto ad alcune famiglie di essere sicuro di venire a lavorare per lui. Sapevo che sarebbe stato un altro grande raccolto.

Oh sì e Guadalupe ha annunciato di essere incinta.


La fine
Raccoglitrici di mele
122


COMMENTO DELL'AUTORE:

Mi rendo conto che questo non è del tutto giusto poiché sono tornato a disattivare i tuoi commenti. Tuttavia puoi cliccare sul mio nome all'inizio di questa o di una qualsiasi delle mie storie e lasciarmi una nota personale.

A proposito di questa storia: credo che l'America debba proteggere il confine tra noi e il Messico. Gli immigrati clandestini non dovrebbero essere ammessi. È un insulto a tutti i miei parenti che sono entrati legalmente in questo paese. Hanno dovuto vivere qui per cinque anni e rinunciare alla loro fedeltà al loro vecchio paese per diventare cittadini. Non è giusto nei loro confronti permettere a qualcuno di intrufolarsi e avere gli stessi privilegi.

Inoltre, se non riesci a impedire a un povero contadino messicano di entrare, che possibilità hai di tenere fuori terroristi ben addestrati?


La fine
Raccoglitrici di mele
122

Storie simili

La scommessa di Mac e Lisa

Sono Steve McKenzie, praticamente tutti mi chiamano Mac. Possiedo la mia impresa di costruzioni che ha fatto molto bene per me. A 45 anni posso godermi i frutti di 20 duri anni di costruzione di un’impresa. Sono un ragazzo piuttosto grande. Sono alto circa 6'2 260. Ho guadagnato metà della mia statura lavorando nell'edilizia per gran parte della mia vita e l'altra metà gareggiando come uomo forte dilettante. Ma ora che sono il capo e sono un po’ più grande, una buona parte della mia massa deriva dalle bistecche e dalle birre. Ho la testa calva e la barba folta con...

156 I più visti

Likes 0

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

1.3K I più visti

Likes 0

Usando Sara - Parte 2

Usando Sara parte 2. Dopo aver dormito il meglio che avevo dormito negli anni, mi sono svegliato più eccitato di ieri notte. Non riesco a smettere di pensare a ieri sera. Non riesco nemmeno a credere che mia moglie sia d'accordo. Non solo è andata d'accordo, ma sembra che le piaccia. Ho guardato e ho trovato mia moglie che dormiva ancora. Mi sono intrufolato nel seminterrato per controllare il mio nuovo giocattolo. L'ho trovata ancora legata al tavolo dove l'avevo lasciata, e sveglia. Ha iniziato a supplicare di essere lasciata andare. Povera Sara, non potevo lasciarla andare. Non volevo lasciarla andare...

1K I più visti

Likes 0

William e Ann Ch. 16

Guglielmo e Anna Capitolo 16 La scuola stava ricominciando dalle vacanze invernali quando Natalie disse ad Ann che aveva bisogno di vederla. Ann era ora incinta di 3 mesi e un leggero rigonfiamento era l'unica indicazione che stava partorendo un bambino. Sarebbe stato difficile dire che un bambino stava crescendo dentro di lei, ma nei corridoi della scuola, Ann e William andavano in giro come i tipici innamorati del liceo. Si tenevano per mano, si baciavano furtivamente quando potevano, si rannicchiavano persino nel parcheggio prima e dopo la scuola. È stato carino vedere questo grande ragazzo anziano così infatuato di questa...

552 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

2.1K I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

1.8K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.5K I più visti

Likes 0

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Clock Work Girl Mi chiamo Damien, a questo punto avevo diciassette anni per un totale di dodici ore e finora faceva schifo. Forse diciassette anni fa solo schifo in generale, forse tutti quelli che ci sono stati saranno d'accordo con me. Voglio dire, sei ancora considerato troppo giovane per fare qualcosa di divertente, ma per l'amor del cazzo sei abbastanza vicino che non dovrebbe davvero importare. Dovevo comunque ascoltare i miei genitori (non che lo facessi comunque) non bere, non fumare (cosa che comunque facevo) e andare a scuola, che era quello che stavo facendo...

1.4K I più visti

Likes 0

La mia bestia introduzione

Molte persone possono trovare questo inquietante, ma ho una domanda per loro; L'hai provato? Questa è la mia storia di come sono stato introdotto per la prima volta nel mondo della bestialità. Crescere in una casa con un solo genitore significava che mia madre doveva fare due lavori per mantenere le bollette pagate, il che significava che ero a casa da solo la maggior parte del tempo. Ora non direi che ho vissuto in un brutto quartiere solo che non potresti mai stare attento. Allora, cosa ha ottenuto mia madre per tenere me e la casa al sicuro mentre lei era...

1.1K I più visti

Likes 0

Il mio nuovo fratello Zane

La scuola stava per finire. Era l'estate del mio ultimo anno di liceo e le finali si stavano avvicinando subito dopo il ballo di fine anno. Il ballo di fine anno era una storia diversa, quindi salterò i dettagli lì. Stavo per compiere 17 anni quel giugno, quindi di gran lunga uno dei più giovani della classe, anche se non lo sembravo. Sono alto con i capelli biondi, dolci occhi azzurri e un sorriso enorme. E un'abbronzatura. Vivo nella luminosa e soleggiata Florida, quindi suppongo che uno sia un dato di fatto. Mi chiamo Tyler. Ho due sorelline, entrambe molto più...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.