Il collezionista online

1.1KReport
Il collezionista online

Il collezionista

Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare.

Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. "Non aver paura, tesoro", dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se continui a respirare alla fine ti metterà KO.'

Apparentemente non avrei dovuto dirlo, perché ha iniziato a dibattersi e a urlare molto di più.

"Per ora è tutto quello che ho, tesoro." dissi. Ho ispezionato il panno e mi sono assicurato che il naso e la bocca fossero completamente coperti, quindi ho contato attentamente le altre cinque gocce mentre le lasciavo cadere sul tessuto.

I suoi occhi erano vitrei e stava diventando sempre più debole. La sua lotta si fermò e le lasciai respirare un po' d'aria fresca. Non aveva bisogno di essere completamente stordita. Con questo antico farmaco in realtà sarebbe piuttosto pericoloso. Tutto quello che dovevo fare era sottometterla e tenerla compiacente finché non fossi riuscito a trasferirla di nuovo nella mia clinica privata.

Era sdraiata sul divano. Compiaciuto e senza volontà. Insensato che mi fissa.

"Brava ragazza", le ho detto. 'Le ho messo il panno in faccia per un altro conteggio di dieci.'

"Mi dispiace", dissi al suo viso insensibile, gli occhi che roteavano nelle orbite, la testa china di lato. Ho tolto il panno e le ho dato un piccolo bacio sulla bocca. 'Sei semplicemente troppo carino tesoro, avevo bisogno di averti per la mia collezione.'

L'ho incontrata su un lato di appuntamenti online. Non si adattava completamente al profilo. Normalmente sceglievo una donna un po' più anziana, sola e alla disperata ricerca di un fidanzato, per una controparte maschile che li spazzasse via e risolvesse tutti i loro problemi, una specie di donna patetica in realtà, che non si sarebbe persa e che sarebbe stata facilmente spezzabile, una volta si resero conto che la loro nuova vita sarebbe stata molto meglio delle loro piccole vite dispiaciute di prima.

Ma questa ragazza era diversa. Tanto per cominciare aveva solo 23 anni, era una donna d'affari piuttosto di successo, ma aveva il viso più carino, capelli rossi ricci, guance rosee piene di lentiggini e una figura snella molto atletica, sarebbe meglio descritta come minuta. L'avevo perseguitata per settimane, chiedendomi se prenderla o meno.

Da un lato ho avuto una buona operazione in corso. Ho avuto alcuni amici di alto profilo che hanno apprezzato la mia collezione tanto quanto me, e questo mi ha fornito l'immunità. Prendere questo, sarebbe stato un rischio, specialmente portarla con qualcosa di vecchio stile come il cloroformio. È stato solo quando l'ho vista tornare a casa stasera, con indosso quel cappotto grigio, quelle mutandine trasparenti lucide, quei tacchi alti, il suo cuore rosso e riccio attorcigliato in due piccoli chignon. Forse sono stati i panini a convincermi, o forse è stato solo il fatto che aveva lasciato la finestra aperta e poi si era addormentata sul divano. La vedevo sdraiata lì, impotente, lontana nel mondo dei sogni. È stato un gioco da ragazzi forzare la finestra ed entrare in casa sua. Lo straccio di cloroformio un po' davanti al suo viso in un primo momento, avendo il suo respiro nei fumi mentre dormiva. Quando si è svegliata le ho spinto il panno in faccia, costringendola a respirare sempre di più. Era già abbastanza stordita da quel momento.

E ora lei era mia. Quasi almeno. Le presi il viso a coppa e premetti le mie labbra contro di lei, spingendo la mia lingua nella sua bocca. I fumi chimici del cloroformio aleggiavano ancora sulla sua pelle. Ho fatto scivolare la mia mano sotto il suo top, le ho tirato da parte il reggiseno e ho giocato con i suoi piccoli seni. Il suo capezzolo si indurisce.

"Bene, bene", dissi.

Ha borbottato qualcosa di incoerente. La sua testa rotola da sinistra a destra. Stava cercando di riprendere conoscenza. Beh, potrebbe provare. L'avrei tenuta intontita finché non fossimo tornati a casa. Avrei dovuto issarla sulla mia spalla e metterla nella mia macchina, ma era semplicemente ubriacamente carina. Oh, le fantasie che avevo su di lei, le cose che avrei potuto farle. Sarebbe mia, completamente. Non lo condividerei con nessuno dei miei amici. L'avrei tenuta separata dal resto, nessuno avrebbe saputo che faceva parte della mia collezione.

La mia mano ora stava palpando le sue cosce, i collant trasparenti lisci e morbidi che circondavano le sue gambe. Le mie dita strisciarono verso l'alto finché non trovai un piccolo punto umido tra le sue gambe.

'Cos'è quello?' Ho detto. 'La mia piccola dolcezza è arrapata?'

'Nnnnoooo.' Disse. I suoi occhi sbattevano le palpebre, le sue braccia stavano cercando di respingermi. 'Waazzzz gooinn onnn?' Ha farfugliato, ha cercato di capire. Poveretta.

Afferrai il panno che era scivolato sul pavimento e glielo misi di nuovo sul naso e sulla bocca. Contando attentamente le gocce di cloroformio che hanno lasciato la mia bottiglietta. Cinque, non più di cinque. Sono strisciato su di lei. Le mie ginocchia ai lati del suo corpo snello e atletico. Mi chino su di lei, la mia bocca vicino alle sue orecchie. Potevo sentire io stesso l'odore dei forti fumi chimici del cloroformio.

'Ti senti stordito, così stordito e sognante e assonnato. Basta inspirare, sentire il cloroformio strisciare nelle tue brame e abbagliare il tuo cervello. Cedi, non è bello arrendersi, rilassarsi, lasciarsi andare.'

Mi sono seduto dritto. Avevo bisogno di prendere un po' d'aria fresca, ma ne è valsa la pena. Mentre la mia vertigine svaniva, vidi i suoi occhi, confusi che si guardavano intorno, a malapena consapevoli. È stato piantato un seme di dubbio. I miei lombi pulsavano, mentre inginocchiato su di lei mi strofinavo tra le sue gambe.

Una sveltina. mi sono detto. Solo un attimo, poi l'avrei trasferita in clinica, quindi avrei potuto vivere tutte le fantasie che volevo. Le ho tirato su la gonna, le ho tirato da parte le mutandine ei collant e con le dita l'ho sentita sollevata. Le sue piccole labbra umide, strofinando, trovando l'ingresso. Poi mi sono aperto la zip, ho messo la punta del mio cazzo contro la piccola apertura della sua vulva e mi sono fidato dentro. Era stretta e calda. Sono quasi arrivato all'orgasmo, proprio in quel momento. Ho preso alcuni respiri profondi e ho iniziato a spingere di nuovo. Alcune deboli proteste, la povera ragazza non sapeva nemmeno cosa stesse protestando. Tutto il suo corpo si muoveva mollemente su e giù con me che la picchiavo. Si stava arrapando, vero? Potrebbe essere solo un pio desiderio. Potrei essere la mia immaginazione, i suoi gemiti erano difficili da distinguere, ma avrei giurato che gemeva di piacere. Che ha aperto un po' di più le gambe per farmi spazio, che ha inclinato i fianchi per invitarmi a entrare.

Le mie mani circondano il suo piccolo sedere. Ho tirato il suo piccolo corpo floscio sul mio cazzo. Un orgasmo in crescita. È venuto dal profondo. Era passato il punto di non ritorno, un'ondata di piacere che partiva dalle dita dei piedi, salendo, risalendo fino alla spina dorsale, al petto, al cuore che batteva così pieno d'amore da intrappolare il mio cervello. E poi ho pompato la sua piccola figa piena del mio seme.

Mi ci sono voluti alcuni istanti prima di riprendere fiato, la mia lucidità di pensiero. Ora che la travolgente eccitazione era sparita, mi sono reso conto della situazione urgente in cui ci trovavamo. Aveva bisogno di essere portata a casa.

L'ho aiutata ad alzarsi dal divano e l'ho sostenuta. Abbiamo fatto qualche passo, lei mi ha resistito, ma non è riuscita davvero a respingermi. Qualcuno che ci vede accidentalmente potrebbe pensare che lei fosse una ragazza ubriaca ribelle e io il suo fidanzato rispettoso. O sai forse papà, a causa della differenza di età. Non importava. Fuori era buio e riuscivo a malapena a vedere la casa dei vicini della porta accanto. L'ho accompagnata alla mia macchina, l'ho lasciata cadere sul sedile del passeggero e le ho fatto respirare ancora un po' di cloroformio, poi ho iniziato il viaggio di due ore per portarla a casa.

***

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

308 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

1.1K I più visti

Likes 0

Impero perduto 33

0001 - Tempo 0003 - Conner 0097 - Asso 0101 - Shelby (nave madre) 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco 0778 - gen 0798 - Celeste 0908 - Tara 0999 - Zan 1000 - Sherry Crescere -------- Lucia Gli occhi di Derrick erano sgranati, aveva già finito Conner e stava già lavorando su Ace's? Guardandosi intorno, Derrick disse: Mary? Spero proprio che tu mi stia tenendo d'occhio! Sì, sire, giunse la voce di Mary dall'aria. Le devo ancora rintracciare, signore. Qual è lo stato dell'indicatore di capacità? Derrick stava urlando in aria...

737 I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

557 I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

309 I più visti

Likes 0

Condivisione di Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! Ryan spronò. Non essere una figa! Ho solo riso e scosso la testa per la persistenza del mio amico. Bene, ho risposto con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le sue gambe tirate su sotto il suo corpo. La sua espressione rivelò il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. Oooookay, disse Kate...

1.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

967 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

986 I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

773 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

225 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.