La troia crepa - II_(0)

2.1KReport
La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. "Sai qual è l'accordo, vero?" chiese il rivenditore.

"Certo che si" rispose Laura. "Quanti devo fare oggi?

"Oh solo tre fratelli e una sorella" rispose il commerciante.

"Meglio prendere più di due pietre oggi" ribatté Laura.

"Se rendi felici questi fratelli e la sorella, avrai abbastanza crack da rendere felice anche te per un po'" promise il commerciante.

Laura si è presentata puntuale vestita con un abito lungo e tacchi alti. Ha anche deciso di indossare mutandine e reggiseno. Quando è entrata nel soggiorno dello spacciatore ha visto tre uomini neri nudi e una splendida ragazza nera nuda. I ragazzi erano tutti ben dotati ma non abbastanza grossi come quelli che aveva avuto il giorno prima. Mentre entrava, uno dei neri si avvicinò, la fermò e la guardò. "Ehi commerciante, il grado AAA dell'USDA che hai promesso?"

"Certo, dai un'occhiata" rispose il commerciante.

Il negro sollevò la gonna di Laura e le tastò le gambe. Fece scorrere la mano su e su entrambe le tette. "Non c'è molta carne" si lamentò.

"Lei sa cosa farsene. Questa puttana può fotterti il ​​cervello" ha promesso lo spacciatore.

"Voglio vedere il resto di lei" disse la ragazza nera mentre si avvicinava e toglieva il vestito di Laura. Carl le slacciò il reggiseno in modo che cadde a terra. La ragazza nera si chinò e prese in bocca la tetta di Laura. L'ha morso, cosa che ha fatto strillare Laura. Poi la ragazza nera di nome Suzy ha iniziato a succhiarle le tette mentre il ragazzo nero le metteva le mani nelle mutandine e iniziava a giocare con la sua fica. Gli altri due neri si avvicinarono e Laura si stese sul tappeto. Sentì le dita sondarle la fica e il buco del culo mentre altri erano occupati a spremere e massaggiare le sue tette. La ragazza nera si accucciò sul viso di Laura. Lauar si allungò e iniziò a mangiare avidamente la sua figa. Adorava leccare la fica e anche se questa sarebbe stata la sua prima fica nera non vedeva l'ora di iniziare. Sperava solo che qualcuno le mangiasse la figa oggi prima di scoparla. Percependo il suo desiderio uno dei ragazzi neri ha iniziato a fare proprio questo. Fece scorrere la lingua su e giù per la fessura della sua figa diverse volte mentre Laura iniziava a fare la stessa cosa con la ragazza nera. Sam il ragazzo nero che le mangiava la figa aveva la lingua tutta dentro Laura che sbatteva le pareti interne del suo utero. La stava facendo impazzire. Proprio quando Laura è arrivata, Sam ha scambiato le estremità e ha guidato il suo grosso cazzo nero nella figa di Laura. L'ha girata su un fianco e un secondo uomo di colore l'ha attaccata da dietro. In quel momento sentì un cazzo che le veniva forzato in bocca. La ragazza è rimasta dov'era così Laura si è ritrovata a farsi scopare nella figa e nel culo mentre faceva un pompino a un terzo uomo di colore e di tanto in tanto leccava la fica della ragazza nera.

Dire che era stata ben scopata sarebbe stato per usare un eufemismo perché per una delle poche volte nella sua vita Laura non ha sentito il bisogno di trovare un cazzo per soddisfare il prurito tra le gambe. Aveva anche $ 300 di crack che dovrebbero tenerla fino a quando il suo ragazzo non fosse tornato a casa, se fosse stata attenta.



--------------------------------------------------- ----------------


Parte terza

Erano passati diversi anni. Laura aveva cercato di tanto in tanto di scendere e stare lontana dal crack. Non è mai durato a lungo. Sua figlia stava diventando una giovane donna. Laura non aveva mai voluto che scoprisse cosa faceva sua madre. Stava diventando sempre più difficile tenere sua figlia all'oscuro, ma finora ci era riuscita. Un giorno il suo spacciatore suggerì che avrebbe potuto ottenere un sacco di soldi se un giorno avesse portato sua figlia con sé. Fu allora che Laura se ne andò con lui. "Ascolta qui, figlio di puttana nero, se mai la tocchi ti taglierò personalmente le palle" urlò Laura.

"OK. puttana era solo un'idea. Di sicuro si sta facendo delle belle tette." ha risposto il negoziante.

Laura gli ha anche promesso che avrebbe sporto denuncia per stupro se anche solo avesse puntato un dito su di lei. Naturalmente sapeva che sarebbe stata una minaccia oziosa in un paio di mesi poiché Shelley sarebbe stata maggiorenne.

Il giorno dopo il compleanno di Shelley, Laura era a corto di crack. L'unico problema era che aveva promesso di portare Shelley a pattinare, quindi era in macchina. Laura pensò tra sé e sé che sarebbe potuta intrufolarsi nella casa del rivenditore e fare un acquisto veloce e comunque portare Shelley alla sua festa di pattinaggio. In questo modo avrebbe avuto un po' di crack per farla passare il pomeriggio mentre aspettava che Shelley finisse di pattinare. Aveva soldi quindi non avrebbe dovuto tardare. Ha detto a Shelley di rimanere in macchina e lei è corsa a casa del concessionario e ha bussato alla porta. Il commerciante aveva sperato di avere un'opportunità del genere da quando Laura lo aveva minacciato, ma non aveva mai immaginato che sarebbe successo subito dopo il compleanno di Shelley, quando Laura non poteva metterlo nei guai per questo. Laura aveva fretta ma il suo spacciatore le ha detto di essere paziente perché un suo amico stava portando più crack dato che si era esaurito un paio d'ore prima. Laura era irritata ma aspettava con impazienza. C'erano anche diversi uomini e donne di colore seduti nel soggiorno. Sentì la porta aprirsi e si voltò per vedere chi fosse. Si è bloccata quando ha visto sua figlia spinta in casa da uno degli amici spacciatori. "Sai cosa ti ho detto Sam", ha detto.

"Non puoi farmi niente adesso perché lei è maggiorenne" rispose Sam. "Oltre a me e ai miei amici abbiamo bisogno di un po' di figa giovane. La tua è quasi sfinita."

"Bastardo, tu!" esclamò Laura mentre colpiva Sam.

"Attenta puttana" disse Sam mentre afferrava le braccia di Laura e le tirava dietro di lei. La tirò giù su una sedia dritta e le legò le braccia dietro la schiena e alla sedia. "Stai seduto qui e guarda" ha chiesto Sam.

"Vediamo cosa abbiamo qui" ha detto un uomo di colore di nome Jerry mentre iniziava a sbottonare il vestito di Shelley. Dopo averlo sbottonato, si chinò e le tirò su il vestito sopra la testa e lo gettò sul pavimento. Shelley stava lì con indosso solo il reggiseno di pizzo rosa e le mutandine. Tutti si alzarono e formarono un cerchio intorno a Sam e Shelley. Shelley si stava solo spaventando un po' perché non era del tutto sicura di cosa avessero in mente. Non le importava di mostrare il suo corpo mentre mostrava i ragazzi a scuola tutto il tempo da quando i suoi boccioli avevano iniziato a gonfiarsi in tette perfette a forma di cono. Si piegava persino in vita per mostrare le mutandine. Un giorno una delle sue amiche le aveva tirato giù le mutandine mentre si chinava. I ragazzi avevano avuto un'occhiata quel giorno. Era persino nota per aver lasciato che un giocatore di football si facesse strada con lei sotto le gradinate tra le metà. Questo era diverso però. Queste persone sembravano sul serio e poiché Shelley aveva paura di ciò che avrebbero potuto fare a sua madre, decise di stare al gioco.

Sam mise le dita nel reggiseno di Shelley e fece rotolare un capezzolo tra l'indice e il pollice. Laura guardò con orrore mentre diverse mani iniziavano a invadere le mutandine e il reggiseno di Shelley. Le sue mutandine e il reggiseno non potevano più sopportare lo sforzo ed entrambi si strapparono rivelando a tutti la dolce figa lucida di Shelley e le sue tette a forma di cono ricoperte da capezzoli lunghi mezzo pollice che ormai erano duri come rocce. Qualcuno ha sollevato una delle gambe di Shelley e ha allargato le labbra della sua figa in modo che il resto della folla potesse vedere il rosa della sua vulva. Una ragazza di colore le stava succhiando le tette mentre un uomo di colore si preparava ad entrare nella sua fica con il suo cazzo. La sollevò e la posò sul suo cazzo mentre lei gli avvolgeva le gambe intorno. Si affondò completamente sul suo cazzo mentre un altro uomo di colore le si avvicinava da dietro e le infilava il cazzo nel culo. Laura guarda con stupore mentre sua figlia viene scopata nella fica e nel culo allo stesso tempo da due grossi cazzi neri. Quando questi tre furono fatti, furono sostituiti da altri tre. Parte del tempo Shelley stava mangiando la figa di una donna mentre veniva doppiamente scopata e parte del tempo stava facendo un pompino a uno stallone nero. Quando ha finito con una dozzina di persone era completamente ricoperta di sperma che trasudava da ogni orifizio del suo corpo. Shelley era contenta che sua madre l'avesse portata con sé quel giorno. Voleva scopare con un uomo di colore e ora era stata trattata con diversi allo stesso tempo. Stava rapidamente diventando come sua madre. In seguito Laura è stata contenta che fosse successo anche lei perché ha ricevuto $ 1000 per l'episodio. La sua bambina stava diventando piuttosto utile, dopotutto.

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

1.3K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1K I più visti

Likes 0

Io e il mio cane

+Ho creato un account qui per raccontare una storia vera di quello che è successo qualche anno fa. L'ho fatto solo per raccontare una storia, ma se volete, potrei scrivere di più.+ Tutto è iniziato il giorno del mio dodicesimo compleanno. Mio padre sa che desidero un cucciolo da sempre, quindi per il mio compleanno mi ha regalato un grazioso cucciolo di golden retriever. Aveva circa 2 mesi all'epoca ed era COSÌ CARINO! Comunque, non ti annoierò con i dettagli. Circa un anno e mezzo o due anni dopo, dopo che è diventato a grandezza naturale, ho notato la sua cosa...

688 I più visti

Likes 0

Lust in Translation, (o Playboy e il dio della melma).

Nel thread CAW 24, Pars001 ha chiesto: può anche avere un tema misterioso di fantascienza o una storia d'amore aliena? dopotutto sono strano La mia risposta è stata: Che ne dici dei negoziati sul trattato tra la razza aliena e gli umani. Il trattato finale deve essere concluso dal sesso tra un alieno e un umano. Per ulteriori punti, raccontalo dal punto di vista sia umano che alieno. A proposito: questa non è un'idea del tutto originale. Ho dovuto provare questo. — Il presidente fissava la pagina web, il suo colore blu troppo saturo gli faceva male agli occhi, ma era...

712 I più visti

Likes 0

Schiavi sessuali rapite_(1)

Il viso di Sara era coperto di lacrime e si poteva vedere l'espressione addolorata sul suo viso. Giaceva legata come un maiale sul pavimento della sua casa. Aveva un anello imbavagliato in bocca, tenendolo aperto. Era ancora vestita. Le sue braccia erano tirate in alto dietro di lei. I suoi polsi erano stati legati strettamente, fissati con una pesante corda di canapa. Una barra di sollevamento era attaccata tra le sue ginocchia; era lungo più di un metro e la teneva aperta e distesa. Una corda era attaccata a ciascuna caviglia, l'altra estremità attaccata ai suoi polsi legati. La corda era...

694 I più visti

Likes 0

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO Anni fa ho lavorato alla pulizia di un hotel locale. È stato poco prima che incontrassi Barry ed ero ancora arrapato anche allora. Ho attraversato una fase in cui indossavo calze e bretelle e lo faccio ancora adesso quando andiamo a dondolare e per lui in camera da letto. Racconterò il più possibile dalla mattina, questo è successo in un hotel a 5 stelle in Australia. .................................................. .................................................. .................................................. Oggi è stata una giornata noiosa e lenta, non c'erano molte stanze occupate, quindi non ci sarebbe voluto molto per finire e fortunatamente la mia amica mi stava...

641 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

537 I più visti

Likes 0

Annie e il lupo

La mia vita non è mai stata particolarmente facile, i miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo solo tre anni, quindi non capivo del tutto di perderli ma non ha reso più facile non averli. Sono finita nelle cure di mia nonna, una donna che stava per raggiungere i 90 anni, ha fatto del suo meglio per crescermi e io non ho chiesto molto, quindi per quanto riguarda i vestiti, ho preso abiti semplici, voluminosi e un po' tozzi. Gli abiti voluminosi mi offrivano un vantaggio, nascondendo il mio corpo. Non sono mai stata orgogliosa di come progredisco...

340 I più visti

Likes 0

...

195 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.