La troia crepa - II_(0)

1.1KReport
La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. "Sai qual è l'accordo, vero?" chiese il rivenditore.

"Certo che si" rispose Laura. "Quanti devo fare oggi?

"Oh solo tre fratelli e una sorella" rispose il commerciante.

"Meglio prendere più di due pietre oggi" ribatté Laura.

"Se rendi felici questi fratelli e la sorella, avrai abbastanza crack da rendere felice anche te per un po'" promise il commerciante.

Laura si è presentata puntuale vestita con un abito lungo e tacchi alti. Ha anche deciso di indossare mutandine e reggiseno. Quando è entrata nel soggiorno dello spacciatore ha visto tre uomini neri nudi e una splendida ragazza nera nuda. I ragazzi erano tutti ben dotati ma non abbastanza grossi come quelli che aveva avuto il giorno prima. Mentre entrava, uno dei neri si avvicinò, la fermò e la guardò. "Ehi commerciante, il grado AAA dell'USDA che hai promesso?"

"Certo, dai un'occhiata" rispose il commerciante.

Il negro sollevò la gonna di Laura e le tastò le gambe. Fece scorrere la mano su e su entrambe le tette. "Non c'è molta carne" si lamentò.

"Lei sa cosa farsene. Questa puttana può fotterti il ​​cervello" ha promesso lo spacciatore.

"Voglio vedere il resto di lei" disse la ragazza nera mentre si avvicinava e toglieva il vestito di Laura. Carl le slacciò il reggiseno in modo che cadde a terra. La ragazza nera si chinò e prese in bocca la tetta di Laura. L'ha morso, cosa che ha fatto strillare Laura. Poi la ragazza nera di nome Suzy ha iniziato a succhiarle le tette mentre il ragazzo nero le metteva le mani nelle mutandine e iniziava a giocare con la sua fica. Gli altri due neri si avvicinarono e Laura si stese sul tappeto. Sentì le dita sondarle la fica e il buco del culo mentre altri erano occupati a spremere e massaggiare le sue tette. La ragazza nera si accucciò sul viso di Laura. Lauar si allungò e iniziò a mangiare avidamente la sua figa. Adorava leccare la fica e anche se questa sarebbe stata la sua prima fica nera non vedeva l'ora di iniziare. Sperava solo che qualcuno le mangiasse la figa oggi prima di scoparla. Percependo il suo desiderio uno dei ragazzi neri ha iniziato a fare proprio questo. Fece scorrere la lingua su e giù per la fessura della sua figa diverse volte mentre Laura iniziava a fare la stessa cosa con la ragazza nera. Sam il ragazzo nero che le mangiava la figa aveva la lingua tutta dentro Laura che sbatteva le pareti interne del suo utero. La stava facendo impazzire. Proprio quando Laura è arrivata, Sam ha scambiato le estremità e ha guidato il suo grosso cazzo nero nella figa di Laura. L'ha girata su un fianco e un secondo uomo di colore l'ha attaccata da dietro. In quel momento sentì un cazzo che le veniva forzato in bocca. La ragazza è rimasta dov'era così Laura si è ritrovata a farsi scopare nella figa e nel culo mentre faceva un pompino a un terzo uomo di colore e di tanto in tanto leccava la fica della ragazza nera.

Dire che era stata ben scopata sarebbe stato per usare un eufemismo perché per una delle poche volte nella sua vita Laura non ha sentito il bisogno di trovare un cazzo per soddisfare il prurito tra le gambe. Aveva anche $ 300 di crack che dovrebbero tenerla fino a quando il suo ragazzo non fosse tornato a casa, se fosse stata attenta.



--------------------------------------------------- ----------------


Parte terza

Erano passati diversi anni. Laura aveva cercato di tanto in tanto di scendere e stare lontana dal crack. Non è mai durato a lungo. Sua figlia stava diventando una giovane donna. Laura non aveva mai voluto che scoprisse cosa faceva sua madre. Stava diventando sempre più difficile tenere sua figlia all'oscuro, ma finora ci era riuscita. Un giorno il suo spacciatore suggerì che avrebbe potuto ottenere un sacco di soldi se un giorno avesse portato sua figlia con sé. Fu allora che Laura se ne andò con lui. "Ascolta qui, figlio di puttana nero, se mai la tocchi ti taglierò personalmente le palle" urlò Laura.

"OK. puttana era solo un'idea. Di sicuro si sta facendo delle belle tette." ha risposto il negoziante.

Laura gli ha anche promesso che avrebbe sporto denuncia per stupro se anche solo avesse puntato un dito su di lei. Naturalmente sapeva che sarebbe stata una minaccia oziosa in un paio di mesi poiché Shelley sarebbe stata maggiorenne.

Il giorno dopo il compleanno di Shelley, Laura era a corto di crack. L'unico problema era che aveva promesso di portare Shelley a pattinare, quindi era in macchina. Laura pensò tra sé e sé che sarebbe potuta intrufolarsi nella casa del rivenditore e fare un acquisto veloce e comunque portare Shelley alla sua festa di pattinaggio. In questo modo avrebbe avuto un po' di crack per farla passare il pomeriggio mentre aspettava che Shelley finisse di pattinare. Aveva soldi quindi non avrebbe dovuto tardare. Ha detto a Shelley di rimanere in macchina e lei è corsa a casa del concessionario e ha bussato alla porta. Il commerciante aveva sperato di avere un'opportunità del genere da quando Laura lo aveva minacciato, ma non aveva mai immaginato che sarebbe successo subito dopo il compleanno di Shelley, quando Laura non poteva metterlo nei guai per questo. Laura aveva fretta ma il suo spacciatore le ha detto di essere paziente perché un suo amico stava portando più crack dato che si era esaurito un paio d'ore prima. Laura era irritata ma aspettava con impazienza. C'erano anche diversi uomini e donne di colore seduti nel soggiorno. Sentì la porta aprirsi e si voltò per vedere chi fosse. Si è bloccata quando ha visto sua figlia spinta in casa da uno degli amici spacciatori. "Sai cosa ti ho detto Sam", ha detto.

"Non puoi farmi niente adesso perché lei è maggiorenne" rispose Sam. "Oltre a me e ai miei amici abbiamo bisogno di un po' di figa giovane. La tua è quasi sfinita."

"Bastardo, tu!" esclamò Laura mentre colpiva Sam.

"Attenta puttana" disse Sam mentre afferrava le braccia di Laura e le tirava dietro di lei. La tirò giù su una sedia dritta e le legò le braccia dietro la schiena e alla sedia. "Stai seduto qui e guarda" ha chiesto Sam.

"Vediamo cosa abbiamo qui" ha detto un uomo di colore di nome Jerry mentre iniziava a sbottonare il vestito di Shelley. Dopo averlo sbottonato, si chinò e le tirò su il vestito sopra la testa e lo gettò sul pavimento. Shelley stava lì con indosso solo il reggiseno di pizzo rosa e le mutandine. Tutti si alzarono e formarono un cerchio intorno a Sam e Shelley. Shelley si stava solo spaventando un po' perché non era del tutto sicura di cosa avessero in mente. Non le importava di mostrare il suo corpo mentre mostrava i ragazzi a scuola tutto il tempo da quando i suoi boccioli avevano iniziato a gonfiarsi in tette perfette a forma di cono. Si piegava persino in vita per mostrare le mutandine. Un giorno una delle sue amiche le aveva tirato giù le mutandine mentre si chinava. I ragazzi avevano avuto un'occhiata quel giorno. Era persino nota per aver lasciato che un giocatore di football si facesse strada con lei sotto le gradinate tra le metà. Questo era diverso però. Queste persone sembravano sul serio e poiché Shelley aveva paura di ciò che avrebbero potuto fare a sua madre, decise di stare al gioco.

Sam mise le dita nel reggiseno di Shelley e fece rotolare un capezzolo tra l'indice e il pollice. Laura guardò con orrore mentre diverse mani iniziavano a invadere le mutandine e il reggiseno di Shelley. Le sue mutandine e il reggiseno non potevano più sopportare lo sforzo ed entrambi si strapparono rivelando a tutti la dolce figa lucida di Shelley e le sue tette a forma di cono ricoperte da capezzoli lunghi mezzo pollice che ormai erano duri come rocce. Qualcuno ha sollevato una delle gambe di Shelley e ha allargato le labbra della sua figa in modo che il resto della folla potesse vedere il rosa della sua vulva. Una ragazza di colore le stava succhiando le tette mentre un uomo di colore si preparava ad entrare nella sua fica con il suo cazzo. La sollevò e la posò sul suo cazzo mentre lei gli avvolgeva le gambe intorno. Si affondò completamente sul suo cazzo mentre un altro uomo di colore le si avvicinava da dietro e le infilava il cazzo nel culo. Laura guarda con stupore mentre sua figlia viene scopata nella fica e nel culo allo stesso tempo da due grossi cazzi neri. Quando questi tre furono fatti, furono sostituiti da altri tre. Parte del tempo Shelley stava mangiando la figa di una donna mentre veniva doppiamente scopata e parte del tempo stava facendo un pompino a uno stallone nero. Quando ha finito con una dozzina di persone era completamente ricoperta di sperma che trasudava da ogni orifizio del suo corpo. Shelley era contenta che sua madre l'avesse portata con sé quel giorno. Voleva scopare con un uomo di colore e ora era stata trattata con diversi allo stesso tempo. Stava rapidamente diventando come sua madre. In seguito Laura è stata contenta che fosse successo anche lei perché ha ricevuto $ 1000 per l'episodio. La sua bambina stava diventando piuttosto utile, dopotutto.

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

308 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

1.1K I più visti

Likes 0

Impero perduto 33

0001 - Tempo 0003 - Conner 0097 - Asso 0101 - Shelby (nave madre) 0125 - Lars 0200 - Elena 0301 - Rodrick 0403 - Johnathon 0667 - Marco 0778 - gen 0798 - Celeste 0908 - Tara 0999 - Zan 1000 - Sherry Crescere -------- Lucia Gli occhi di Derrick erano sgranati, aveva già finito Conner e stava già lavorando su Ace's? Guardandosi intorno, Derrick disse: Mary? Spero proprio che tu mi stia tenendo d'occhio! Sì, sire, giunse la voce di Mary dall'aria. Le devo ancora rintracciare, signore. Qual è lo stato dell'indicatore di capacità? Derrick stava urlando in aria...

737 I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

557 I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

309 I più visti

Likes 0

Condivisione di Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! Ryan spronò. Non essere una figa! Ho solo riso e scosso la testa per la persistenza del mio amico. Bene, ho risposto con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le sue gambe tirate su sotto il suo corpo. La sua espressione rivelò il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. Oooookay, disse Kate...

1.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

967 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

986 I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

773 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

225 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.