Un altro ospite gradito 20

671Report
Un altro ospite gradito 20

Dei greci

--------------

Zeus - Re degli dei greci

Hera - Regina degli dei greci, sorella e moglie di Zeus

Ade - dio degli inferi, fratello di Zeus

Poseidone - dio del mare, fratello di Zeus

Demetra - dea del raccolto e della fertilità della terra, sorella di Zeus

Hestia - la dea vergine, che ordina la domesticità, la famiglia, la casa e lo stato. sorella di Zeus.

Afrodite - Figlia di Zeus e Dione, dea dell'amore, della bellezza e della sessualità

Artemide - Figlia di Zeus e Leto, dea della caccia, della luna e della castità

Atena - Figlia di Zeus e Metis, dea della saggezza, del coraggio, dell'ispirazione, della civiltà, della legge e della giustizia, della guerra strategica, della matematica, della forza, della strategia, delle arti, dei mestieri e dell'abilità.

Ares - Figlio di Zeus ed Era, dio della guerra

Apollo - Figlio di Zeus e Leto - dio del sole e della luce, della musica e della poesia, della guarigione e delle piaghe, della profezia e della conoscenza, dell'ordine e della bellezza, del tiro con l'arco e dell'agricoltura.

Dioniso - Figlio di Zeus e Semele - Dio della vite, della vendemmia, della vinificazione, del vino, della fertilità, della follia rituale, dell'estasi religiosa, del teatro

Efesto - Figlio di Zeus ed Era - dio del fuoco, lavorazione dei metalli, muratura in pietra, fucine e arte della scultura.

Hermes - Figlio di Zeus e Maia - Messaggero degli dei, dio del commercio, ladri, viaggiatori, sportivi, atleti, valichi di frontiera, guida agli Inferi

Eris - Figlia di Zeus ed Era, sorella di Ares - dea minore della discordia e del conflitto

Deimos - figlio di Ares, gemello di Phobos - dio del terrore

Phobos - figlio di Ares, gemello di Deimos - dio della paura

Dolos - Personificazione dell'inganno, dell'inganno astuto, dell'astuzia, del tradimento e dell'astuzia

Apate - Controparte di Dolos, dea della frode e dell'inganno.

Enyo - Figlia di Zeus ed Era, dea della guerra e della distruzione, un'altra sorella di Ares

--------------------------------------------

Ephus - l'uomo dio con un potere insolito.

Dr. Quinn Markov - moglie umana di Ephus

Aniketos - Umano che è l'assassino del dio del Caspio

Amaunet - sorella di Aniketos, l'eterno serpente del Nilo

______________________________________________________

Dee egizie e mogli a Ephus

______________________________________________________

Bast - Dea dei gatti, protezione, gioia, danza, musica, famiglia e amore

Sekhmet - Dea del fuoco, della guerra e della danza

Hathor - Dea del cielo, danza, amore, bellezza, gioia, maternità, terre straniere, miniere, musica e fertilità.

Serket - Dea degli scorpioni, della medicina, della magia e della guarigione di punture e morsi velenosi

Maat - Dea della verità e della giustizia

Tefnut - Dea della pioggia, dell'aria, dell'umidità, del tempo, della rugiada, della fertilità e dell'acqua

-------------------------------------------------- ------------------------

Fratelli di Bast e Sekhmet

-----------------------------

Thoth - Dio della conoscenza

Sobek - Dio del Nilo, dell'esercito, militare, della fertilità e dei coccodrilli

Anhur - Dio della guerra e portatore del cielo - Fratello pieno di Bast e Sekhmet

Horus - Antico dio del cielo e regalità

Min - Dio della fertilità

Khonshu - Dio della luna

Apophis - Dio del caos e dell'oscurità

Shu - Dio del vento e dell'aria

--------------------------------

Un altro ospite gradito 20

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ----------------

Ephus e Ares si separarono immediatamente dopo lo sciopero iniziale. Ephus annuì, aveva sentito la forza aggiunta nel colpo di Ares.

"Allora, pensi di sopraffarmi con la forza hmm?" Ares sputò, "stai per scoprire che niente di ciò che puoi fare supererà la mia abilità superiore!"

"Abilità? Come ho detto prima, ho visto insetti più abili dei tuoi meschini. Anche se il tuo folle vantarti fa bene a qualche risata. Disse Ephus.

"Come osi sminuire il più grande dio della guerra della storia." Ares ringhiò.

Questo commento ovviamente fece ridere più forte Ephus. "Il più grande? Sei davvero un idiota della guerra. Posso solo immaginarlo, non hai onore come mai. A differenza di un vero dio della guerra, sospetto che ti piacciano solo gli attacchi furtivi, pugnalare le persone alle spalle, davvero non sei niente ma un delinquente comune."

"Comune!? Ti sventrerò, tagliandoti in più pezzi di quanti se ne possano mai contare!" Ares urlò mentre iniziava una nuova serie di attacchi.

Laughing Ephus ha risposto, "oh davvero? Da quello che ho visto finora, direi che le tue possibilità sono scarse o inesistenti."

Ci stavano lavorando da un'ora, quando Epus annuì quando sentì apparire Zeus, più tutti i suoi fratelli e sorelle. Erano a una distanza predeterminata l'uno dall'altro, su quasi tre lati. Un attimo dopo sentì apparire accanto a loro Afrodite e le sue sorelle, anch'esse a una certa distanza l'una dall'altra.

Bene, Ephus pensava che la maggior parte fosse lì, poi annuì quando Apate e suo fratello apparvero riempiendo il resto dei buchi. Poi annuì con la testa quasi tutti i buchi, poi sorrise quando sentì Eris scivolare nell'ultimo punto.

Alla fine, pensò Ephus, in un modo o nell'altro è finita oggi, anche se sperava nel miglior risultato.

Con uno sguardo ad Ares, Ephus iniziò a sorridere di più. "Cosa diavolo stai sorridendo, ora ti ho alle corde. Non dovrebbe passare molto tempo prima che ti finisca, allora questa rivolta al mio potere!"

Questo ovviamente fece sorridere Ephus ancora di più, "sei davvero molto più stupido di quanto pensassi. Sei così concentrato nella battaglia che non hai nemmeno sentito l'anello di Osiride che è intorno a noi, anche se potresti chiamarlo una morte squillo."

Questa volta era Ares a ridere. "Questo è un mito perpetrato dalle dee madri per tenere in riga i propri figli. Quanto tempo da bambini hanno."

Un sorrisetto attraversò la bocca di Ephus mentre scuoteva la testa no. "Ho incontrato qualcuno che sapeva come farlo. Sembra che l'abbiano imparato dai Titani, erano più che felici di condividerlo con me. Proprio come lo erano ENTRAMBE le tue sorelle."

Quest'ultimo fece arrossire la faccia di Ares per la rabbia. "Di nuovo, menti! Nessuna delle mie sorelle farebbe niente per te. Sono fedeli solo a me."

"Bene," iniziò Ephus mentre deviava diversi colpi di Ares. "Lo erano una volta, adesso? Credo davvero che non vogliano avere niente a che fare con te. Se ricordi bene, Enyo non prende molto bene il tradimento. Eris, è stata una schiava così a lungo che non lo era davvero leale solo uno schiavo."

Gli occhi di Ares erano grandi come piattini quando Ephus mise in risalto questi punti.

"Lei stessa mi ha dato il legame che avevo su di lei finché tu non hai interferito e li hai spezzati. Non preoccuparti, presto sarà di nuovo mia." Ares ha affermato maliziosamente

Questa volta uno sguardo di rabbia dominava i lineamenti di Ephus. "Dubito fortemente che, come ho detto, siamo circondati da un anello della morte. Sai cosa significa?" Ares scosse lentamente la testa no. "Ah! Beh, lascia che ti spieghi. Significa che è tra noi due, nessuno dentro, nessuno fuori."

Un largo sorriso apparve sul volto di Ares. "Come ho detto non è altro che una favola raccontata dalle madri per spaventare i bambini. Non esiste; direi che ti viene in mente qualcosa di più originale."

Ephus smise di guardare Ares, agitando la mano verso tutti gli dei e la dea. "Immagino che dovrai solo imparare nel modo più duro, come immagino tu faccia sempre. Mi è stato detto che eri testardo, sapevo che eri un idiota, anche se questo? Questa sembra solo pura stupidità. Lo so puoi sentire il potere che emana da tutti loro eppure ti rifiuti ancora di vedere. Sii mio ospite.

Ares guardò mentre stava per attaccare la sua rabbia salendo a nuove vette. "Bene," Ares sogghignò a Ephus che si dirigeva verso Eris. Ephus riuscì solo a scuotere la testa mentre preparava una sedia su cui sedersi.

Sempre sogghignando, Ares si fermò a pochi passi da Eris. Un colpo della spada nera non ebbe assolutamente alcun effetto. Ringhiando, Ares agitò la spada direttamente contro Eris. Con suo grande stupore, la spada si fermò ben lontana da Eris mentre veniva scagliato via.

Ares quindi andò a ogni incontro di dio e dea con gli stessi risultati.

Ephus riusciva solo a scuotere la testa ogni volta che veniva rigettato a terra. Alla fine Ares alzò lo sguardo su Ephus seduto comodamente.

"Questo è impossibile, so che non esiste! Che inganno è questo? Non sono mai stato sconfitto in battaglia; non ho intenzione di iniziare!" urlò Ares mentre colpiva più forte che poteva.

Ephus deviò a malapena non aspettandosi tutta la potenza che Ares gli aveva messo. Bene, pensò Ephus, sembra che finalmente ce l'abbia al punto che stavo cercando di convincerlo.

La sua reazione al colpo di Ares fu accolta quasi con altrettanta forza. Ephus indietreggiò incontrando di nuovo la spada di Ares. Fu allora che il mondo si congelò di nuovo.

"Salve Ephus", disse Aniketos mentre si inchinava a terra. Anche Amaunet si stava inchinando. "Sono davvero dispiaciuto che le cose debbano finire come stanno. Avevamo pensato che avresti potuto avere un'altra idea per il primo problema. Ahimè, come possiamo vedere non sarà così. Hanno tutti formato l'anello esattamente come avevamo ordinato Come hai detto, finisce oggi, qualunque cosa succeda."

"Sarà presto caro amico, nessuno dei due sentirà nulla quando accadrà." Amaunet ha detto. "Ti saremo per sempre grati per quello che stai per fare." Con poche lacrime Amaunet baciò appassionatamente Ephus, mentre suo fratello annuì. Poi il fratello stringe la mano di Ephus in una stretta amichevole.

"Mi dispiace anche che non ci fosse altro modo per liberarvi. State bene a tutti e due, dovunque andiate a finire." Disse un triste Efo.

Fratello e sorella si inchinarono di nuovo mentre annuivano. Entrambi scomparvero, poi la battaglia riprese.

Un'ora dopo Ares rimase scioccato dal fatto che Ephus lo stesse ancora battendo colpo su colpo. Fu più o meno in quel periodo che Ephus commise il suo primo apparente errore, trascinandosi dietro dei sospiri. Ephus annuì, sapeva che anche tutte le sue mogli egiziane erano lei.

Ha poi notato che tutti i loro fratelli erano dietro di loro. Il buon Ephus pensava che fosse il momento giusto.

Sanguinando da una ferita sul braccio, Ephus annuì. Poteva sentire l'effetto indebolinte del taglio.

Ares stava sorridendo, il dio aveva commesso un errore da principiante. Un ampio sorriso si aprì sul suo volto, quando capì che la sua spada stava già traendo vita da Ephus.

Per qualche altro istante combatterono, poi Ares trovò un'apertura. Infliggendo un colpo mortale, Ares poteva giurare che Ephus svanì proprio mentre la spada tornava a casa passando attraverso il petto di Ephus.

Ci furono più di qualche urlo quando Ephus svanì. Questa risata sadica malata di Ares che metteva in ombra mentre teneva alta la spada.

Screaming Bast è stata respinta mentre cercava di raggiungere Ares. "Io sono il vincitore! Il più grande dio della guerra, il più grande spadaccino. Non posso essere... cosa sta succedendo?" disse Ares cadendo improvvisamente a terra. Un luccichio accanto a lui si schiarì rivelando un maschio piuttosto alto e muscoloso con i capelli scuri, che indossava abiti scuri. La mano di Ares era intorno al polso del maschio, anche se tutti guardavano Ares non riusciva a lasciarlo andare.

Dove prima c'era Ephus, c'era una donna alta e lunga dai capelli scuri di quella che sembrava essere una stirpe egiziana. Era vestita con abiti di colore verde.

"Lasciami andare, te lo chiedo..." gridava Ares.

«Non pretendi nulla, patetico debole dio. Non sai nulla del potere, del potere reale. Molto prima che uno di voi deboli, i Titani governassero questo mondo. Titani però, anche lui ha perso molto quando li ha sconfitti. Potete liberarvi tutti, è fatta." Ciascuno annuì mentre faceva un passo indietro interrompendo il contatto circolare.

Ares si sentiva così debole, dal regno si sentiva debole quasi quanto un patetico umano. "Cosa mi hai fatto?" domandò debolmente Ares.

"Per molto tempo, ti ho osservato. Ho visto il male espresso in molti modi, però, sembri glorificarti in esso. Era il desiderio di Ephus che tu fossi bandito in un mondo solitario in una dimensione solitaria e vuota. " disse Aniketos.

"Ho vinto; dovrei guadagnare il suo potere." Ares rimane senza fiato.

Aniketos disse: "avresti dovuto imparare di più sull'arma che brandivi. Hai vinto grazie a ME! Per farlo ho preso quasi tutto il tuo potere per raggiungere questo obiettivo. Non preoccuparti, qualche migliaio di anni, potresti averne abbastanza il potere di tornare indietro".

"No, non è giusto!" piagnucolò Ares.

"Come dio della guerra, dovresti conoscerlo più che bene!" disse Aniketos facendo rabbrividire Ares alle parole che aveva detto a sua sorella. "Sei emerso vittorioso, sei il più grande, anche se davvero? Per citare un detto umano? ? A nessuno frega davvero un cazzo! Addio", disse Aniketos mentre lui e sua sorella agitavano una mano su Ares che urlava mentre svaniva.

Entrambi alzarono una mano congelando un Bast quasi delirante mentre volava verso di loro. "Mi dispiace Bast, che ci siamo dovuti incontrare in queste circostanze." Qui Amaunet si rivolse a tutte le mogli di Efo. "Questo era il desiderio di Ephus che non gli avessimo chiesto di farlo. Abbiamo languito come spade per molto tempo. Siamo ormai pronti a morire, grazie a Ephus finalmente possiamo."

"Abbiamo usato tutto il potere che avevamo per tenervi tutti in vita come era il desiderio di Ephus. Amate le vostre sorelle, i bambini che ha dato a tutti voi." Qui Aniketos guardò Afrodite, Artemide e Atena. Agitando la mano apparve Enyo, "Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo", Aniketos agitò la mano sopra Enyo.

Amaunet guardò Serket, "il tuo sarà speciale, lo vedo."

Aniketos si rivolse a sua sorella: "Posso finalmente sentirlo, ho aspettato così tanto."

"Sì fratello, lo sento anch'io." disse Amaunet mentre prendeva la mano di suo fratello. "Finalmente è finita".

Con ciò entrambi divennero improvvisamente polvere che fu delicatamente spazzata via.

All'improvviso tutte le mogli di Efo e le quattro dee greche si lamentarono in preda alla profonda disperazione.

Thoth guardò i suoi fratelli che volevano spiegare anche se per la prima volta non sapeva come.

________________________________________________________________

Ephus galleggiava in quello che sembrava essere un vuoto bianco. Rilasciando un sospiro, fu contento di aver sistemato tutto quello che aveva. Quanto gli sarebbero mancati le sue mogli e i suoi figli. Almeno ora erano al sicuro.

(Quindi,) Una voce ha invaso i suoi pensieri. (Pensi che questo sacrificio completamente disinteressato passerebbe senza ripercussioni? Nessuna ricompensa o punizione?)

"Punizione? Sono morto, preso da tutti coloro che amo e mi amano. Per me non c'è molto più dolore straziante di quello." disse Efo.

(Sai che ha ragione lì.) Disse una seconda voce.

(Sì, un punto, lo fa davvero.) Disse una terza voce.

Un po' confuso Ephus si stava chiedendo chi fossero quelle voci.

(Ah! Mi dispiace giovane dio, sono Crono.) Disse la prima voce.

(Qui Atlante, quello è stato uno splendido combattimento, giovane divinità.) Disse la seconda voce.

(Giapeto, sì Giapeto qui.) disse la terza voce.

"Allora," iniziò Ephus, non sapendo bene da dove cominciare. "Non voglio sembrare stupido ma, ehm... chi sei?"

(Mio Dio, dimenticano così presto. Noi giovani divinità siamo i Titani. Eravamo tre di quelli che punirono Aniketos e Amaunet. In tutto questo tempo, non avremmo mai pensato che qualcuno avrebbe rischiato la morte per aiutarli. Avevamo dimenticato quell'umano gentile era così.) Disse Crono.

(Il loro tradimento è stato un punto dolente per noi per molto tempo.) ha detto Atlas.

(Hai portato via i nostri bei giocattoli, anche se ora abbiamo te.) disse Giapeto.

(Basta Giapeto, questo non è come tutti gli altri che hai visto. Adesso zitto!) lo rimproverò Crono.

(Sì Crono.) Sussurrò Giapeto rimproverato.

"Ancora non so cosa vuoi da me o cosa posso fare per te." disse Efo.

(Perché è abbastanza semplice giovane dio, vogliamo ciò che tutti vogliono essere liberi.) Rispose Crono.

"Ancora una volta, devo dire cosa diavolo posso fare sono morto, non posso fare molto per l'immortale vivente o no." Efo sputa.

(Ah! Capisco, davvero non lo sai, vero? Vedi giovane divinità, non sei morto. No,} disse Crono allo sguardo confuso sul volto di Ephus. (Ti abbiamo spazzato via attraverso il potere del fratello e sorella che gli abbiamo concesso. Anche se riaverti indietro, beh, questo dipenderà da te.)

"Quindi, se mi rifiuto di aiutarti a liberarti come vuoi, cosa, mi finirai? Come se me ne fregasse un cazzo in entrambi i casi. Ovviamente hai preso l'uomo sbagliato. Ora so cosa sei, cosa vuoi e cosa vuoi lo farò se sei libero. Quindi ecco una frase che sono sicuro che non hai sentito da molto tempo, Vaffanculo!"

Detto questo, Ephus rimase in silenzio, ma poteva ancora sentire i Titani lì, non stavano ancora facendo alcuna mossa. Pensò il buon Ephus, mentre sentiva che il suo potere iniziava a salire più in alto più velocemente. Quindi, pensò, ero io quello che poteva andarsene da qui bene.

(Nessun giovane dio, non finirti, abbiamo bisogno di te e del tuo potere unico per liberarci. Siamo troppo ostacolati per andarcene da qui, se tu venissi qui, ci ripotenziassi allora, ti saremmo molto grati.) Crono disse

Sì, giusto pensò Ephus, il loro primo atto sarebbe stato mettermi lì. Buon Dio? Pensavano che fosse così tanto un sempliciotto? Poteva ancora sentire il suo potere salire, però, aveva paura che una volta che avesse iniziato a trasferirsi, avrebbero provato a cavalcare.

"Quindi dove siamo esattamente, non lo riconosco davvero da tutto ciò che posso vedere più quelli che sono stati aggiunti." chiese Efo.

(Potresti dire che è un tipo di punto di trasferimento, non sei energia spirituale né sei fisico. Sebbene abbiamo guadagnato molto con ciò che abbiamo recuperato, siamo ancora troppo a corto. È qui che entri in gioco, se aiuti possiamo darti qualsiasi cosa .} disse Crono.

Dannazione Ephus pensò, era quasi arrivato ma ora doveva ripensare a come avrebbe fatto. Questo era il fatto, inoltre, stava iniziando ad avere problemi a nascondere quanto fosse alto il suo potere.

"Dovrò pensarci, visto il mio potere in questo momento, potrebbe volerci un po' prima che io possa andarmene." Efo ha mentito.

(Siamo qui da molto tempo, quanti anni in più) disse Crono.

Il buon Ephus pensava che ora si stessero rilassando. "Spero solo che il tuo ottenere questo potere non significhi che sarai in grado di influenzare il mio mondo adesso." disse Efo.

(No, anche se possiamo vedere molto più di prima. Noi... Cosa sta succedendo.) I pensieri di Crono urlarono mentre Ephus iniziava a scomparire rapidamente.

(No! Prendi Giapeto con te, libera gli altri!) Efo sentì dire Giapeto, poi sentì il Titano lanciarsi verso di lui. (Non puoi andartene senza YOWWWWSSSSHHHHHHHHHHH!!!) Giapeto urlò e poi si lasciò andare.

Ephus sorrise pensando che uno o più Titani avrebbero potuto tentare qualcosa del genere. Ecco perché aveva accumulato il suo potere così in alto. Anche se era un po' preoccupato.

Era passata una settimana; Thoth stava davvero soffrendo perché non poteva dirlo ad anima viva. No, aveva promesso a Ephus con la sua solenne parola, qualcosa che avrebbe mai potuto rompere. Anche le sue sorelle e le dee greche soffrivano, però, molto peggio di lui. Perché nessuno ha visto che erano ancora tutti vivi?

Era sicuro che ormai avrebbe sentito qualcosa. Forse Ephus stava attraversando un periodo molto più difficile di quanto Thoth pensasse. Dopotutto il dio era ancora vivo. Non c'era potere per quanto grande che mantenesse in vita le dee, i legami che Ephus aveva erano troppo forti per essere mantenuti dalla mera magia.

Poi c'era il fatto che né Ade né Osiride potevano sentire lo spirito di Ephus. Entrambi hanno giurato che Ephus era stato distrutto, anche se con le prove che li fissavano in faccia non potevano vedere. No, entrambi stavano ignorando il fatto che sebbene l'avessero visto svanire non riuscivano a vedere come potesse essere, fosse vivo.

Scrutò di nuovo i cieli ei regni. Gli occhi di Thoth si spalancarono, era lui? In tutto il regno questo potere era molto più grande di qualsiasi cosa avesse sentito da molto tempo. Era Efo?

Per quanto ne sapeva, qualunque cosa o chiunque fosse, stavano entrando duramente! Raggiungendo Thoth fu sorpreso quando mise tutta la sua potenza davanti a lui, non poté rallentarlo molto.

Apparendo davanti a Zeus e Ra, Thoth diresse entrambi la loro attenzione verso il cielo. "Sono sicuro che Ephus non vorrebbe che il pianeta su cui si trovano sua moglie e suo figlio umani venisse distrutto. Credo che dobbiamo solo rallentarlo fino a dimezzare quello che sta muovendo ora."

Zeus annuì anche se Ra stava guardando Thoth con sospetto, un attimo dopo entrambi gli dei allungarono le braccia mettendo entrambi i loro poteri davanti all'oggetto che si avvicinava velocemente.

È stato poi notato che sebbene entrambi stessero usando la loro piena potenza, entrambi sembravano lottare.

Thoth scosse la testa, dannazione! Perché diavolo aveva fatto quella promessa a Ephus? Aveva così paura di non tornare indietro? Thoth annuì di sì, quello doveva essere il motivo.

Thoth tastò l'amuleto che era assicurato intorno al suo collo. Sperava davvero che questo piano di Ephus funzionasse davvero. C'era molto di più in gioco oltre a questo mondo e la vita di Ephus molto, molto di più.

Thoth poteva finalmente sentire l'oggetto che iniziava a rallentare anche se non era così tanto almeno ora non avrebbe schiacciato metà del pianeta.

Ephus aveva rimosso pezzi di Giapeto per tutto il tempo in cui era tornato. Non aveva prestato molta attenzione poiché più si avvicinava alla terra più velocemente diventava. Era appena entrato nell'atmosfera quando sentì un potere che cercava di rallentarlo.

Quello è strano pensiero di Ephus, che sembrava più simile a Thoth, anche se era molto debole per lui. Pensò di aver gettato via l'ultimo pezzo nel modo in cui era venuto quando aveva sentito quello che sembrava Zeus e poi Ra.

Fu più o meno in quel momento che si rese conto che si stava muovendo molto più velocemente di quanto pensasse fosse sicuro. Merda, pensò, se colpissi la terra così forte, potrei vaporizzare metà del dannato pianeta.

Ephus stava per provare a rallentare se stesso quando giurò, improvvisamente sentì non solo Zeus ma anche Ra. Che diavolo?! Non avevano mai collaborato prima perché diavolo avrebbero dovuto farlo adesso?

Quasi troppo tardi Ephus ha raggiunto la terra spingendo contro di essa, merda questo sarà vicino. Accidenti, penso che farà anche un po' male! Pensò Ephus mentre colpiva il terreno molto forte, perforando verso il basso per alcune miglia.

Tutti gli dei e le dee egizie che erano vicini a Efo, insieme a tutti gli dei e le dee greche apparvero accanto al buco. Tutti stavano frugando nel buco cercando di vedere chi o cosa fosse.

Tutti si guardarono l'un l'altro quando non potevano sentire niente! Poi, pochi istanti dopo, tutti poterono sentire qualcosa uscire dal buco. Tutti lì si sono potenziati il ​​​​più in alto possibile, anche se alcuni hanno cercato di spingersi ancora oltre.

Ephus è riuscito a raccogliere abbastanza energia per iniziare a sollevarsi dal buco. Merda, pensò, quella era la cosa più faticosa per lui di qualsiasi altra cosa avesse mai... che diavolo? Era un inferno di un sacco di potere! Merda, pensò mentre cercava di aumentare di più il suo potere, dopotutto i Titani erano scappati? Sembrava che ci fossero più di pochi dei completamente potenziati, umm c'erano anche delle dee!

Tutto intorno al buco sentiva qualunque cosa fosse laggiù, si accendeva di più, dannazione pensavano tutti che possiamo prenderlo tutti noi?

Gli ci vollero alcuni minuti prima che fosse libero dal buco. Guardando il gruppo intorno a lui vide tutti loro rilassarsi quando lo videro. Ok pensò, va bene quando rilassò il suo potere, scuotendo la testa pensò che andava bene però... chi diavolo erano tutti loro?

Non atterrò troppo dolcemente, si avviarono tutti verso di lui quando alzò la mano. "È ovvio che mi conoscete tutti, forse anche i miei più grandi amici. Sono sicuro che siete felicissimi di vedermi ma non mi sembra di ricordare nessuno di voi." Ephus disse che poi le sue ginocchia cedettero, i suoi occhi rotearono all'indietro nella sua testa, poi cadde prima con la faccia a terra.

Fu diversi giorni dopo quando gli occhi di Ephus si aprirono di scatto, confuso si guardò intorno senza sapere dove si trovasse. Lì vicino sette bambini giocano per terra, ben vicini al pavimento.

Uno, un ragazzino era quasi in lacrime mentre cercava di raggiungere gli altri. Gli altri stavano ridendo dell'unico bambino fino a quando la ragazza dall'aspetto più grande è apparsa ed è atterrata accanto al ragazzo tirandolo a sé per un abbraccio. Il ragazzino singhiozzava sulla sua spalla mentre la bambina fissava gli altri con pugnale.

Ephus fissò intensamente la bambina sentendo qualcosa che quasi si spezzava nella sua mente.

"Va tutto bene Ephus, non glielo lascerò più fare." Ringhiò agli altri.

Gli altri continuarono a ridere finché non caddero tutti improvvisamente a terra con un'espressione di stupore sui loro volti. La bambina sorrideva mentre fissava Ephus sul suo letto. Ephus ricambiò il sorriso mentre giurava che conosceva lei e il resto dei bambini.

"H... Ehi na?" disse Ephus esitante.

Il sorriso della bambina si allargò quando iniziò a gridare: "Zia Serket!"

Quasi immediatamente apparve una femmina pallida, dall'aspetto giovane, con quello che sembrava essere uno scorpione sulla testa e uno scettro in una mano. Rimase senza fiato quando la sua bocca si aprì anche se non ne uscì nulla. Si è poi trasferita a Ephus quando ha iniziato a esaminarlo.

In pochi istanti la stanza fu affollata quando apparvero più di dieci dee e poi più di dieci dei. Erano tutti un misto di greco ed egiziano.

Attesero tutti pazientemente mentre Serket esaminava Ephus con un'espressione molto seria. Finalmente finito con il suo esame fisico, tese le mani su Ephus. Rimase immobile per più di dieci minuti, poi guardò lentamente Ephus.

"Riconosci qualcuno in questa stanza oltre a Hyna?" chiese Serket.

Ephus si voltò a guardare tutto quello che c'era. Una donna attirò la sua attenzione, indossava una maschera da gatto. In una mano teneva un sistro. "Tu," Ephus la indicò. Sei Bast, mia... moglie? Uno dei tanti che mi sembra di ricordare".

Tutti nella stanza annuirono mentre uscivano tutti per ringraziarlo. Eh? Ok pensò.

____________________________________________________

Erano passate tre settimane, la memoria di Ephus era tornata, aveva informato Zeus di quello che era successo. Quando menzionò i Titani, Zeus annuì leggermente arrabbiato, poi lui ei suoi fratelli e sorelle scomparvero per un po'.

Durante quel periodo anche tre delle quattro dee greche erano diventate mogli di Efo. Beh, pensava che almeno ora abbiamo la pace.

Grazie a Serket, Ephus si era ripreso completamente. Finalmente, pensò, un'occasione per riposare, cosa che aveva sempre avuto. Stava iniziando la sua quarta settimana quando sentì un disturbo titanico a poche miglia di distanza.

Ephus allungando la mano poteva solo scuotere la testa, ah cazzo! Ancora? Sospirando, Ephus aprì le nuvole quando sentì un altro corpo cadere attraverso una spaccatura. Scuotendo la testa pensò al corpo che gli appariva davanti.

Quasi immediatamente apparve davanti a lui un uomo alto, lungo e biondo. I suoi vestiti erano quasi stracci che sembravano essere stati quasi sballottati dal suo corpo.

I suoi occhi erano enormi mentre fissava Ephus, piegandosi sulle ginocchia disse: "Anata, anata wa efusudesu tasuketekudasai!" (Tu, tu sei Ephus per favore aiutami!) Ephus stava per chiederle chi fosse quando lei prontamente svenne.

Merda Ephus pensò ancora una volta, non di nuovo. "BASTO!"

Pinna? HAHAHA,

Storie simili

La scommessa di Mac e Lisa

Sono Steve McKenzie, praticamente tutti mi chiamano Mac. Possiedo la mia impresa di costruzioni che ha fatto molto bene per me. A 45 anni posso godermi i frutti di 20 duri anni di costruzione di un’impresa. Sono un ragazzo piuttosto grande. Sono alto circa 6'2 260. Ho guadagnato metà della mia statura lavorando nell'edilizia per gran parte della mia vita e l'altra metà gareggiando come uomo forte dilettante. Ma ora che sono il capo e sono un po’ più grande, una buona parte della mia massa deriva dalle bistecche e dalle birre. Ho la testa calva e la barba folta con...

156 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

2.1K I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

1.8K I più visti

Likes 0

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Clock Work Girl Mi chiamo Damien, a questo punto avevo diciassette anni per un totale di dodici ore e finora faceva schifo. Forse diciassette anni fa solo schifo in generale, forse tutti quelli che ci sono stati saranno d'accordo con me. Voglio dire, sei ancora considerato troppo giovane per fare qualcosa di divertente, ma per l'amor del cazzo sei abbastanza vicino che non dovrebbe davvero importare. Dovevo comunque ascoltare i miei genitori (non che lo facessi comunque) non bere, non fumare (cosa che comunque facevo) e andare a scuola, che era quello che stavo facendo...

1.4K I più visti

Likes 0

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

1.3K I più visti

Likes 0

La mia bestia introduzione

Molte persone possono trovare questo inquietante, ma ho una domanda per loro; L'hai provato? Questa è la mia storia di come sono stato introdotto per la prima volta nel mondo della bestialità. Crescere in una casa con un solo genitore significava che mia madre doveva fare due lavori per mantenere le bollette pagate, il che significava che ero a casa da solo la maggior parte del tempo. Ora non direi che ho vissuto in un brutto quartiere solo che non potresti mai stare attento. Allora, cosa ha ottenuto mia madre per tenere me e la casa al sicuro mentre lei era...

1.1K I più visti

Likes 0

Usando Sara - Parte 2

Usando Sara parte 2. Dopo aver dormito il meglio che avevo dormito negli anni, mi sono svegliato più eccitato di ieri notte. Non riesco a smettere di pensare a ieri sera. Non riesco nemmeno a credere che mia moglie sia d'accordo. Non solo è andata d'accordo, ma sembra che le piaccia. Ho guardato e ho trovato mia moglie che dormiva ancora. Mi sono intrufolato nel seminterrato per controllare il mio nuovo giocattolo. L'ho trovata ancora legata al tavolo dove l'avevo lasciata, e sveglia. Ha iniziato a supplicare di essere lasciata andare. Povera Sara, non potevo lasciarla andare. Non volevo lasciarla andare...

1K I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

739 I più visti

Likes 0

L'insegnante di algebra 3 - La competizione

Si prega di votare e commentare (riepilogo: Phillip è uno studente nero a Colleens, i suoi insegnanti, classe. Lisa e Kerri sono compagni di studio e fanno parte di un tutoraggio dopo la scuola. Colleen e Phillip si trovano attratti e iniziano a farlo dopo la lezione. Lisa e Kerri hanno registrato le buffonate in classe.) Kerri e Lisa si sono precipitate nella camera da letto di Kerri per scaricare e guardare i loro video. Le ragazze erano incollate allo schermo video mentre guardavano. Kerri tirò fuori la sua scatola di GIOCATTOLI da sotto il letto. Fai la tua scelta, o...

534 I più visti

Likes 0

William e Ann Ch. 16

Guglielmo e Anna Capitolo 16 La scuola stava ricominciando dalle vacanze invernali quando Natalie disse ad Ann che aveva bisogno di vederla. Ann era ora incinta di 3 mesi e un leggero rigonfiamento era l'unica indicazione che stava partorendo un bambino. Sarebbe stato difficile dire che un bambino stava crescendo dentro di lei, ma nei corridoi della scuola, Ann e William andavano in giro come i tipici innamorati del liceo. Si tenevano per mano, si baciavano furtivamente quando potevano, si rannicchiavano persino nel parcheggio prima e dopo la scuola. È stato carino vedere questo grande ragazzo anziano così infatuato di questa...

553 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.