Il letto matrimoniale

566Report
Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze.

Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una donna nel modo in cui la guardava lui. Fece un passo avanti, allungò la mano e tirò l'allacciatura del corsetto di lei. Il primo strato di tessuto si è staccato.

"Togliti il ​​resto, lentamente", le ordinò.

Anna annuì docilmente e slacciò il resto dei lacci. Si tolse i soprabiti e fu lasciata in un corsetto sopra un sottile abito da notte bianco. Ha iniziato a slacciare esitante l'allacciatura sulla parte superiore del corsetto quando il suo attuale marito Rohan è diventato impaziente. Ringhiò contro di lei e strappò il corsetto. Ha poi strappato via il vestito sottile, rivelando quelle tette fantastiche.

Lei ansimò leggermente mentre lui si inginocchiò rapidamente davanti a lei e prese uno dei suoi capezzoli in bocca. Rohan era aggressivo, succhiò il capezzolo, poi si tirò indietro e lo colpì con la lingua prima di tornare a succhiarlo in modo aggressivo. Tutta la stimolazione rendeva i suoi capezzoli fermi e sensibili, quindi quando iniziò a mordere e mordicchiare il suo capezzolo lei gridò di dolore. Rohan la schiaffeggiò velocemente sul culo e continuò. Lei sobbalzò quando la sua mano entrò in contatto con il suo sedere, l'aveva colpita, forte. Una lacrima solitaria scese sul viso di Anna mentre si spostava verso il seno successivo e ripeteva il movimento. Ogni volta che si muoveva o faceva rumore, lui la sculacciava con forza. Le succhiò i capezzoli per quasi cinque minuti ciascuno. Quando ebbe finito erano arrossate, gonfie e viscide per la sua saliva.

Si alzò dalla sua posizione in ginocchio e la schiaffeggiò in faccia, "Non voglio sentire un'altra sbirciatina da te stasera."

Paura di parlare, annuì silenziosamente con la testa. Le sue mani andarono di nuovo al suo seno. Rohan li strinse forte, poi le pizzicò e pizzicò i capezzoli, prima di schiaffeggiarle il seno. Gli schiaffi non erano così duri come quello al viso o al culo, ma dato che i suoi capezzoli erano così sensibili emise un sussulto di dolore.

La schiaffeggiò di nuovo, questa volta dall'altra parte, "Cosa ho detto piccola puttana? Stai zitta."

Le sue mani lasciarono i suoi capezzoli e andarono alla sua stessa maglietta. L'ha tirato fuori con facilità, che è quando ha visto il suo membro grande ed eretto. Anna non pensava che quella cosa potesse entrare in lei in alcun modo, non senza una tremenda quantità di agonia.

"Toglimi i pantaloni."

Si chinò e cominciò a slacciare la cravatta, ma lui la spinse indietro.

"Mettiti in ginocchio."

Lei annuì e si inginocchiò davanti a lui. Sciolse la cravatta che li teneva sollevati e glieli tirò giù fino alle caviglie.

"Ora toglimi i calzoni con i denti."

Si chinò verso di lui e, attenta a non pizzicargli la pelle, prese in bocca una parte della sua biancheria e tirò verso il basso anche loro. Quando alzò di nuovo lo sguardo c'era un lungo cazzo agonizzante davanti al suo viso.

"Ora prendilo in bocca e succhiami finché non ho finito."

Alzò lo sguardo su Rohan scioccata, non aveva mai sentito parlare di nessun altro che delle puttane in un bordello che facessero tali trattamenti.

Alla sua esitazione la schiaffeggiò di nuovo, "Fallo o ti farò urlare di dolore".

Rabbrividì alla minaccia, lui l'aveva già ferita, e non voleva più provare l'ira di Rohan. Aprì cautamente la bocca e tirò fuori la lingua, la fece scorrere sopra la testa del suo pene, e questo continuò per alcuni istanti prima che Rohan diventasse frustrato per la sua mancanza di conoscenza. Le afferrò la nuca e le impalò il viso sul suo lungo cazzo duro. Lei lo imbavagliava e cercava di allontanarsi da lui, ma le sue mani la tenevano saldamente al suo posto. Stava soffocando con il suo cazzo, si sentiva come se stesse per svenire quando finalmente la lasciò andare quel tanto che bastava per farle entrare un po' d'aria in gola. Questo non durò a lungo, tuttavia, perché presto la tirò di nuovo più vicino alle sue palle, poi indietro, poi avanti. Alla fine, era pieno di scoparle la gola. Tutto quello che poteva fare era cercare di rilassare i muscoli e accogliere il grande membro invadente.

Anna iniziò ad assaporare qualcosa di salato in fondo alla gola, e quello fu il momento in cui Rohan rimosse il suo pene e lo mise proprio davanti al suo viso. Ha sparato lunghe, calde, appiccicose stringhe bianche di sperma sul viso e sul seno. Era scioccata, ancora una volta, era qualcosa di cui aveva sentito parlare nei bordelli, ma un nobile non avrebbe mai dovuto lasciare che una goccia del suo sperma andasse a sprecare sulla sua giovane e fertile moglie.

Rimase seduta lì per un momento scioccata prima che Rohan parlasse burbero.

"Alzarsi."

Fece come le era stato detto e si alzò. Raggiunse e le accarezzò i seni, strofinando il seme che era su di loro. I suoi pollici le sfiorarono i capezzoli ancora sensibili e lei dovette reprimere un brivido di disagio.

L'afferrò per un braccio e la condusse alla grande vasca nell'angolo della stanza.

"Entra nella vasca."

Fece come le aveva chiesto e si fermò nella vasca da bagno. Poi prese una spugna e la bagnò con dell'acqua. Ha iniziato con i suoi capelli, bagnandoli. Poi le lavò il viso, quando ebbe finito la baciò rudemente sulle labbra e poi la schiaffeggiò due volte, una su ogni guancia. Lei iniziò a piangere silenziosamente e lui sorrise. Era disgustata da quell'uomo orribile, sembrava provare piacere nel guardarla soffrire. Poi le strofinò il collo e le spalle. Poi ha iniziato a baciarla brutalmente e a succhiarle il collo, ha anche iniziato a morderla. Ha lasciato grandi lividi e hickies nella sua scia. Era doloroso per lei, ma sapeva che non poteva emettere un suono, altrimenti l'avrebbe colpita di nuovo.

Rohan poi le sfregò il braccio destro, quando raggiunse le sue mani prese una delle sue dita in bocca e la succhiò, prima di avventurarsi sull'altro braccio dove ripeté il processo. Poi si avvicinò ai suoi seni che erano ancora estremamente teneri dai suoi precedenti assalti. lui li strofinò rudemente, allargandole di nuovo i capezzoli. Le schiaffeggiava i seni più volte, gli piaceva guardarli oscillare avanti e indietro, gli piaceva anche guardarla fare una smorfia e sussultare. Poi succhiò ancora un po' entrambi i capezzoli. Mordere e mordicchiarli sembrava causare grande dispiacere ad Anna, quindi mirava a farlo il più possibile. Ricominciò a piangere. Non sapeva se sarebbe stato così ogni volta, ma se era così era terrorizzata. Rohan poi si morse abbastanza forte il capezzolo sinistro e lei gridò di dolore.

Si fermò e si fermò in tutta la sua altezza di fronte a lei, guardando severamente.

Lei lo guardò con terrore, "Scusa mio Signore, non volevo-"

"Girarsi." Egli ha detto.

Seguì i suoi comandi, felice di non essere più colpita in faccia.

Rohan andò e afferrò la sua cintura, la tenne in mano e la frustò in aria una volta per buona misura. Poi l'ha colpita nel culo con esso.

"AHH!!" Urlò, non aspettandosi il colpo.

Lo fece di nuovo, e di nuovo lei urlò.

Ancora, e ancora, e ancora, e ancora. Fino a quando Anna era un pasticcio singhiozzante inginocchiata nella vasca da bagno, il culo più rosso di un fuoco.

"Se mai farai di nuovo un rumore del genere senza il mio permesso, andrai molto peggio di così," le disse Rohan con fermezza.

"Sì mio Signore," rispose Anna tra i singhiozzi.

"Ora girati e lascia che finisca di pulirti."

Si voltò di nuovo verso di lui, continuando a piangere in silenzio. Ha continuato il suo lavoro sui capezzoli, succhiando, mordendo e leccando. Diede a ciascuno di loro un ultimo schiaffo prima di proseguire verso il basso. Ha lasciato lividi grandi e dolorosi lungo tutto lo stomaco. Ha poi toccato le labbra della sua figa. Lei indietreggiò leggermente, cosa per cui lui la schiaffeggiò rapidamente.

"Stai fermo".

Le aprì le labbra e le toccò il clitoride, trasmettendo una strana sensazione lungo la schiena di Anna. Ha iniziato a farla rotolare tra le dita, cosa che si è sentita bene per alcuni istanti, prima di iniziare a stringere sempre più forte, causando ad Anna un grande dolore.

"Sei vergine, sì?" chiese Rohan.

"Sì, mio ​​signore. Io sono puro", rispose Anna.

"Bene," disse in modo sinistro.

Ha preso la sua spugna e le ha pulito la figa e il culo, che è stato un processo doloroso considerato il pestaggio che aveva appena ricevuto.

La guardò e annuì tra sé.

"Esci e asciugati."

Fece come le era stato detto. Quando ebbe finito, l'afferrò per un braccio e la mise in piedi davanti al suo tavolo da pranzo. Le afferrò i capelli bagnati da dietro e la costrinse a chinarsi, il suo corpo premuto contro il tavolo. Anna sentì il cazzo duro di Rohan premere contro il suo culo ancora in fiamme.

Ha allineato il suo cazzo con l'ingresso della sua figa, e senza pensare a pietà, ha sbattuto il suo cazzo dentro di lei.

All'inizio il dolore di Anna era troppo per le parole, ma non appena lo shock svanì, urlò e iniziò a urlare e piangere. Rohan si staccò da lei, afferrò la sua cintura, che era posata su una sedia vicina, e la colpì sulla schiena con essa. Urlò mentre lui la colpiva con la cintura più e più volte, lasciandole grandi incroci rossi sulla schiena. Poi tornò ad assalire la sua apertura ormai deflorata. Si spinse fino in fondo e poi quasi completamente fuori, così che la sua testa fosse ancora dentro di lei, prima di spingersi brutalmente di nuovo dentro.

Stava piangendo e si sentiva come se stesse iperventilando. Le stava sbattendo forte la figa, così forte che ad ogni spinta il pesante tavolo di mogano avrebbe sbattuto contro il muro.

Tirò fuori da lei, "Alzati". Non le diede davvero una scelta, dato che le stava ancora tenendo i capelli nella sua presa come un guinzaglio.

Ha condotto la sua cagna al letto dove le ha detto di sdraiarsi sulla schiena. Le afferrò le caviglie, le sollevò in aria e le allargò le gambe. L'ha poi posizionata sul bordo del letto dove ha avuto facile accesso alla sua figa. Da quell'angolazione, poteva andare più a fondo dentro di lei. Le mise le mani sui fianchi e aggiunse al suo precedente metodo di spinta tirando anche i fianchi di lei più vicino a lui. A quell'angolazione lui le stava colpendo la cervice ad ogni singolo colpo, e con ogni spinta Anna si sentiva morire di più. Era in assoluta agonia, e lui non avrebbe ceduto.

Anna stava piangendo così forte che emise un piccolo sbuffo a causa del suo respiro irregolare, fu ricompensata con un colpo di cintura sui suoi teneri seni, che la mandò in un altro ciclo di urla e pianti. Stava iniziando a dare sui nervi a Rohan, quindi l'ha schiaffeggiata di nuovo e ha detto: "Sta' zitta, puttana".

Si staccò di nuovo da lei e le disse di mettersi sulle mani e sulle ginocchia. Ha afferrato una manciata dei suoi capelli e l'ha picchiata da dietro a pecorina. Con l'altra mano si allungò sotto di lei e le tastò rudemente i seni. Ogni volta che faceva un rumore che lui disapprovava, le sculacciava il culo o le schiaffeggiava il seno.

Rohan iniziò a grugnire ea spingere ancora più a fondo di prima, e presto iniziò a esplodere dentro di lei. È stata inondata dal suo liquido caldo. Tirò i suoi fianchi ancora più vicini ai suoi per ottenere quanto più sperma possibile dentro di lei.

Dopo alcuni istanti, Rohan tirò fuori il suo cazzo ora morbido dalla deliziosa fica stretta di Anna.

"Lavati in fretta", le ordinò

È andata in bagno e si è rapidamente lavata con una spugna e ha ripulito la sborra che cola dalla sua figa. Quella notte non aveva provato alcun piacere, solo dolore. Questo era su progetto di Rohan. Lei era lì per il suo piacere, non per il suo, quindi non ne avrebbe avuto. Ecco come lo vedeva.

"Ora vieni qui", disse e indicò il tavolo.

Ancora una volta le afferrò una ciocca per i capelli e la spinse giù attraverso il tavolo.

"Il tuo comportamento stasera è stato terribile, questa è la tua punizione."

Prese la sua cintura e la colpì sul culo cinque volte, e ogni volta lei emise un ululato di dolore, seguito da singhiozzi di agonia. Ha poi messo dieci frustate sulla sua schiena con lo stesso risultato. Poi le disse di sedersi sulla sedia, il che era scomodo a causa del numero di volte che il suo culo era stato sculacciato e frustato quella notte.

L'ha schiaffeggiata in faccia due volte su ciascun lato, l'ha frustata cinque volte con la cintura sui capezzoli e sui seni e l'ha colpita un paio di volte con la cintura all'inguine.

"Ora alzati." Ha comandato.

Si alzò in piedi, ma le gambe tremavano, non c'era punto sul suo corpo che non le facesse male in modo acuto per quello che le aveva fatto.

Le prese il viso rudemente tra le mani e la baciò aggressivamente. Si allontanò, la schiaffeggiò ancora una volta e disse: "Ora dormirai e mi saluterai domattina con una bella succhiata di cazzo, capito?"

"S-sì mio-mio Signore," disse Anna tra i singhiozzi ansanti.

Rohan la schiaffeggiò un'ultima volta prima di andare lui stesso a letto e sdraiarsi per dormire.

Anna dormiva dall'altra parte con le spalle voltate, senza guardare al domani.

Storie simili

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

2 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

503 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

463 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

432 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

536 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

522 I più visti

Likes 0

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

363 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

179 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

499 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

416 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.