Il letto matrimoniale

2.3KReport
Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze.

Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una donna nel modo in cui la guardava lui. Fece un passo avanti, allungò la mano e tirò l'allacciatura del corsetto di lei. Il primo strato di tessuto si è staccato.

"Togliti il ​​resto, lentamente", le ordinò.

Anna annuì docilmente e slacciò il resto dei lacci. Si tolse i soprabiti e fu lasciata in un corsetto sopra un sottile abito da notte bianco. Ha iniziato a slacciare esitante l'allacciatura sulla parte superiore del corsetto quando il suo attuale marito Rohan è diventato impaziente. Ringhiò contro di lei e strappò il corsetto. Ha poi strappato via il vestito sottile, rivelando quelle tette fantastiche.

Lei ansimò leggermente mentre lui si inginocchiò rapidamente davanti a lei e prese uno dei suoi capezzoli in bocca. Rohan era aggressivo, succhiò il capezzolo, poi si tirò indietro e lo colpì con la lingua prima di tornare a succhiarlo in modo aggressivo. Tutta la stimolazione rendeva i suoi capezzoli fermi e sensibili, quindi quando iniziò a mordere e mordicchiare il suo capezzolo lei gridò di dolore. Rohan la schiaffeggiò velocemente sul culo e continuò. Lei sobbalzò quando la sua mano entrò in contatto con il suo sedere, l'aveva colpita, forte. Una lacrima solitaria scese sul viso di Anna mentre si spostava verso il seno successivo e ripeteva il movimento. Ogni volta che si muoveva o faceva rumore, lui la sculacciava con forza. Le succhiò i capezzoli per quasi cinque minuti ciascuno. Quando ebbe finito erano arrossate, gonfie e viscide per la sua saliva.

Si alzò dalla sua posizione in ginocchio e la schiaffeggiò in faccia, "Non voglio sentire un'altra sbirciatina da te stasera."

Paura di parlare, annuì silenziosamente con la testa. Le sue mani andarono di nuovo al suo seno. Rohan li strinse forte, poi le pizzicò e pizzicò i capezzoli, prima di schiaffeggiarle il seno. Gli schiaffi non erano così duri come quello al viso o al culo, ma dato che i suoi capezzoli erano così sensibili emise un sussulto di dolore.

La schiaffeggiò di nuovo, questa volta dall'altra parte, "Cosa ho detto piccola puttana? Stai zitta."

Le sue mani lasciarono i suoi capezzoli e andarono alla sua stessa maglietta. L'ha tirato fuori con facilità, che è quando ha visto il suo membro grande ed eretto. Anna non pensava che quella cosa potesse entrare in lei in alcun modo, non senza una tremenda quantità di agonia.

"Toglimi i pantaloni."

Si chinò e cominciò a slacciare la cravatta, ma lui la spinse indietro.

"Mettiti in ginocchio."

Lei annuì e si inginocchiò davanti a lui. Sciolse la cravatta che li teneva sollevati e glieli tirò giù fino alle caviglie.

"Ora toglimi i calzoni con i denti."

Si chinò verso di lui e, attenta a non pizzicargli la pelle, prese in bocca una parte della sua biancheria e tirò verso il basso anche loro. Quando alzò di nuovo lo sguardo c'era un lungo cazzo agonizzante davanti al suo viso.

"Ora prendilo in bocca e succhiami finché non ho finito."

Alzò lo sguardo su Rohan scioccata, non aveva mai sentito parlare di nessun altro che delle puttane in un bordello che facessero tali trattamenti.

Alla sua esitazione la schiaffeggiò di nuovo, "Fallo o ti farò urlare di dolore".

Rabbrividì alla minaccia, lui l'aveva già ferita, e non voleva più provare l'ira di Rohan. Aprì cautamente la bocca e tirò fuori la lingua, la fece scorrere sopra la testa del suo pene, e questo continuò per alcuni istanti prima che Rohan diventasse frustrato per la sua mancanza di conoscenza. Le afferrò la nuca e le impalò il viso sul suo lungo cazzo duro. Lei lo imbavagliava e cercava di allontanarsi da lui, ma le sue mani la tenevano saldamente al suo posto. Stava soffocando con il suo cazzo, si sentiva come se stesse per svenire quando finalmente la lasciò andare quel tanto che bastava per farle entrare un po' d'aria in gola. Questo non durò a lungo, tuttavia, perché presto la tirò di nuovo più vicino alle sue palle, poi indietro, poi avanti. Alla fine, era pieno di scoparle la gola. Tutto quello che poteva fare era cercare di rilassare i muscoli e accogliere il grande membro invadente.

Anna iniziò ad assaporare qualcosa di salato in fondo alla gola, e quello fu il momento in cui Rohan rimosse il suo pene e lo mise proprio davanti al suo viso. Ha sparato lunghe, calde, appiccicose stringhe bianche di sperma sul viso e sul seno. Era scioccata, ancora una volta, era qualcosa di cui aveva sentito parlare nei bordelli, ma un nobile non avrebbe mai dovuto lasciare che una goccia del suo sperma andasse a sprecare sulla sua giovane e fertile moglie.

Rimase seduta lì per un momento scioccata prima che Rohan parlasse burbero.

"Alzarsi."

Fece come le era stato detto e si alzò. Raggiunse e le accarezzò i seni, strofinando il seme che era su di loro. I suoi pollici le sfiorarono i capezzoli ancora sensibili e lei dovette reprimere un brivido di disagio.

L'afferrò per un braccio e la condusse alla grande vasca nell'angolo della stanza.

"Entra nella vasca."

Fece come le aveva chiesto e si fermò nella vasca da bagno. Poi prese una spugna e la bagnò con dell'acqua. Ha iniziato con i suoi capelli, bagnandoli. Poi le lavò il viso, quando ebbe finito la baciò rudemente sulle labbra e poi la schiaffeggiò due volte, una su ogni guancia. Lei iniziò a piangere silenziosamente e lui sorrise. Era disgustata da quell'uomo orribile, sembrava provare piacere nel guardarla soffrire. Poi le strofinò il collo e le spalle. Poi ha iniziato a baciarla brutalmente e a succhiarle il collo, ha anche iniziato a morderla. Ha lasciato grandi lividi e hickies nella sua scia. Era doloroso per lei, ma sapeva che non poteva emettere un suono, altrimenti l'avrebbe colpita di nuovo.

Rohan poi le sfregò il braccio destro, quando raggiunse le sue mani prese una delle sue dita in bocca e la succhiò, prima di avventurarsi sull'altro braccio dove ripeté il processo. Poi si avvicinò ai suoi seni che erano ancora estremamente teneri dai suoi precedenti assalti. lui li strofinò rudemente, allargandole di nuovo i capezzoli. Le schiaffeggiava i seni più volte, gli piaceva guardarli oscillare avanti e indietro, gli piaceva anche guardarla fare una smorfia e sussultare. Poi succhiò ancora un po' entrambi i capezzoli. Mordere e mordicchiarli sembrava causare grande dispiacere ad Anna, quindi mirava a farlo il più possibile. Ricominciò a piangere. Non sapeva se sarebbe stato così ogni volta, ma se era così era terrorizzata. Rohan poi si morse abbastanza forte il capezzolo sinistro e lei gridò di dolore.

Si fermò e si fermò in tutta la sua altezza di fronte a lei, guardando severamente.

Lei lo guardò con terrore, "Scusa mio Signore, non volevo-"

"Girarsi." Egli ha detto.

Seguì i suoi comandi, felice di non essere più colpita in faccia.

Rohan andò e afferrò la sua cintura, la tenne in mano e la frustò in aria una volta per buona misura. Poi l'ha colpita nel culo con esso.

"AHH!!" Urlò, non aspettandosi il colpo.

Lo fece di nuovo, e di nuovo lei urlò.

Ancora, e ancora, e ancora, e ancora. Fino a quando Anna era un pasticcio singhiozzante inginocchiata nella vasca da bagno, il culo più rosso di un fuoco.

"Se mai farai di nuovo un rumore del genere senza il mio permesso, andrai molto peggio di così," le disse Rohan con fermezza.

"Sì mio Signore," rispose Anna tra i singhiozzi.

"Ora girati e lascia che finisca di pulirti."

Si voltò di nuovo verso di lui, continuando a piangere in silenzio. Ha continuato il suo lavoro sui capezzoli, succhiando, mordendo e leccando. Diede a ciascuno di loro un ultimo schiaffo prima di proseguire verso il basso. Ha lasciato lividi grandi e dolorosi lungo tutto lo stomaco. Ha poi toccato le labbra della sua figa. Lei indietreggiò leggermente, cosa per cui lui la schiaffeggiò rapidamente.

"Stai fermo".

Le aprì le labbra e le toccò il clitoride, trasmettendo una strana sensazione lungo la schiena di Anna. Ha iniziato a farla rotolare tra le dita, cosa che si è sentita bene per alcuni istanti, prima di iniziare a stringere sempre più forte, causando ad Anna un grande dolore.

"Sei vergine, sì?" chiese Rohan.

"Sì, mio ​​signore. Io sono puro", rispose Anna.

"Bene," disse in modo sinistro.

Ha preso la sua spugna e le ha pulito la figa e il culo, che è stato un processo doloroso considerato il pestaggio che aveva appena ricevuto.

La guardò e annuì tra sé.

"Esci e asciugati."

Fece come le era stato detto. Quando ebbe finito, l'afferrò per un braccio e la mise in piedi davanti al suo tavolo da pranzo. Le afferrò i capelli bagnati da dietro e la costrinse a chinarsi, il suo corpo premuto contro il tavolo. Anna sentì il cazzo duro di Rohan premere contro il suo culo ancora in fiamme.

Ha allineato il suo cazzo con l'ingresso della sua figa, e senza pensare a pietà, ha sbattuto il suo cazzo dentro di lei.

All'inizio il dolore di Anna era troppo per le parole, ma non appena lo shock svanì, urlò e iniziò a urlare e piangere. Rohan si staccò da lei, afferrò la sua cintura, che era posata su una sedia vicina, e la colpì sulla schiena con essa. Urlò mentre lui la colpiva con la cintura più e più volte, lasciandole grandi incroci rossi sulla schiena. Poi tornò ad assalire la sua apertura ormai deflorata. Si spinse fino in fondo e poi quasi completamente fuori, così che la sua testa fosse ancora dentro di lei, prima di spingersi brutalmente di nuovo dentro.

Stava piangendo e si sentiva come se stesse iperventilando. Le stava sbattendo forte la figa, così forte che ad ogni spinta il pesante tavolo di mogano avrebbe sbattuto contro il muro.

Tirò fuori da lei, "Alzati". Non le diede davvero una scelta, dato che le stava ancora tenendo i capelli nella sua presa come un guinzaglio.

Ha condotto la sua cagna al letto dove le ha detto di sdraiarsi sulla schiena. Le afferrò le caviglie, le sollevò in aria e le allargò le gambe. L'ha poi posizionata sul bordo del letto dove ha avuto facile accesso alla sua figa. Da quell'angolazione, poteva andare più a fondo dentro di lei. Le mise le mani sui fianchi e aggiunse al suo precedente metodo di spinta tirando anche i fianchi di lei più vicino a lui. A quell'angolazione lui le stava colpendo la cervice ad ogni singolo colpo, e con ogni spinta Anna si sentiva morire di più. Era in assoluta agonia, e lui non avrebbe ceduto.

Anna stava piangendo così forte che emise un piccolo sbuffo a causa del suo respiro irregolare, fu ricompensata con un colpo di cintura sui suoi teneri seni, che la mandò in un altro ciclo di urla e pianti. Stava iniziando a dare sui nervi a Rohan, quindi l'ha schiaffeggiata di nuovo e ha detto: "Sta' zitta, puttana".

Si staccò di nuovo da lei e le disse di mettersi sulle mani e sulle ginocchia. Ha afferrato una manciata dei suoi capelli e l'ha picchiata da dietro a pecorina. Con l'altra mano si allungò sotto di lei e le tastò rudemente i seni. Ogni volta che faceva un rumore che lui disapprovava, le sculacciava il culo o le schiaffeggiava il seno.

Rohan iniziò a grugnire ea spingere ancora più a fondo di prima, e presto iniziò a esplodere dentro di lei. È stata inondata dal suo liquido caldo. Tirò i suoi fianchi ancora più vicini ai suoi per ottenere quanto più sperma possibile dentro di lei.

Dopo alcuni istanti, Rohan tirò fuori il suo cazzo ora morbido dalla deliziosa fica stretta di Anna.

"Lavati in fretta", le ordinò

È andata in bagno e si è rapidamente lavata con una spugna e ha ripulito la sborra che cola dalla sua figa. Quella notte non aveva provato alcun piacere, solo dolore. Questo era su progetto di Rohan. Lei era lì per il suo piacere, non per il suo, quindi non ne avrebbe avuto. Ecco come lo vedeva.

"Ora vieni qui", disse e indicò il tavolo.

Ancora una volta le afferrò una ciocca per i capelli e la spinse giù attraverso il tavolo.

"Il tuo comportamento stasera è stato terribile, questa è la tua punizione."

Prese la sua cintura e la colpì sul culo cinque volte, e ogni volta lei emise un ululato di dolore, seguito da singhiozzi di agonia. Ha poi messo dieci frustate sulla sua schiena con lo stesso risultato. Poi le disse di sedersi sulla sedia, il che era scomodo a causa del numero di volte che il suo culo era stato sculacciato e frustato quella notte.

L'ha schiaffeggiata in faccia due volte su ciascun lato, l'ha frustata cinque volte con la cintura sui capezzoli e sui seni e l'ha colpita un paio di volte con la cintura all'inguine.

"Ora alzati." Ha comandato.

Si alzò in piedi, ma le gambe tremavano, non c'era punto sul suo corpo che non le facesse male in modo acuto per quello che le aveva fatto.

Le prese il viso rudemente tra le mani e la baciò aggressivamente. Si allontanò, la schiaffeggiò ancora una volta e disse: "Ora dormirai e mi saluterai domattina con una bella succhiata di cazzo, capito?"

"S-sì mio-mio Signore," disse Anna tra i singhiozzi ansanti.

Rohan la schiaffeggiò un'ultima volta prima di andare lui stesso a letto e sdraiarsi per dormire.

Anna dormiva dall'altra parte con le spalle voltate, senza guardare al domani.

Storie simili

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

2.2K I più visti

Likes 0

Rose, la mamma da sola

Rosa Nei giorni successivi ho ricevuto messaggi dai gemelli. Helen mi voleva più di ogni altra cosa ed era disposta a incontrarmi ovunque per mostrarmelo. Rose mi ha inviato un messaggio chiedendomi di incontrarci e parlare prima di incontrare una o entrambe le sue figlie. Il suo secondo messaggio mi invitava a incontrarla. Mi è stato appena dato un indirizzo e un'ora. Quindi quando sono arrivato sono rimasto sorpreso di trovarmi di fronte a una sala massaggi. Mentre varcavo la porta una giovane e carina donna ispanica mi ha salutato e mi ha chiesto che tipo di piacere volevo. Sono Mike...

261 I più visti

Likes 0

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

263 I più visti

Likes 0

Giochi per computer_(1)

Mandy Wilson sedeva tristemente sul sedile del passeggero mentre l'auto di sua madre Carol seguiva il grande camion di trasloco fuori Londra. Oh per l'amor del cielo, rallegrati, esalò la donna più anziana. Mandy, andiamo e questo è tutto. Le parole fecero semplicemente crollare Mandy sul sedile e incrociare le braccia ancora più strettamente sul petto sinuoso finché non le fece male. A volte puoi essere un bambino così piccolo, osservò Carol. Mandy rispose con il consueto ringhio di frustrazione e impotenza. Il motivo del suo umore cupo era stato messo in moto sei mesi prima quando, del tutto all'improvviso, sua...

286 I più visti

Likes 0

Fratelli curiosi (parte 1)

Tutto quello che riesco a ricordare di mamma e papà quando ero giovane era urlare e litigare. Vivevamo in una casa minuscola che non aveva molta privacy quindi potevi sempre sentire le urla. Per fortuna hanno divorziato quando ero giovane. Ci siamo trasferiti, mia sorella minore, mia madre e io. All'inizio è stato difficile non avere papà accanto, ma mi sono abituato presto. In ogni caso sono sempre stato più legato a mia madre. Era la mia sorellina che sembrava avere difficoltà, chiedendo di papà molto più spesso di quanto pensassi di lui. Ben presto si abituò al fatto che anche...

357 I più visti

Likes 0

Twat

Twat New York City è composta da cinque distretti, che equivalgono alle contee del resto dello stato. I cinque distretti sono Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island. New York City ha oltre 8,2 milioni di residenti. L'area metropolitana di Greater New York ha una popolazione di quasi 19 milioni di persone e si colloca tra le più grandi aree urbane del mondo. Quindi naturalmente mia figlia voleva andarci. Mia figlia Amanda odia il suo nome perché è troppo permaloso e corretto. Le piace che i suoi amici la chiamino acida. Ha attraversato il suo palco rosa da ragazza carina, il...

2K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Rachel scopa la coppia

Rachel scopa la coppia Un giorno, sono andato a una festa a casa di amici dove una giovane testa rossa che ballava ha attirato la mia attenzione; vederla ballare mi ha eccitato. Mi sono avvicinato a lei e ho iniziato a ballare anche io, presto stavamo ballando insieme. Dopo aver ballato per un po', ci siamo seduti e abbiamo iniziato a parlare. Mi sono presentata come Rachel, mi ha detto che si chiamava Jennifer. Dopo un po' di conversazione Jennifer e io abbiamo notato che la festa stava finendo e la gente se ne andava. Jennifer ha chiesto se può avere...

1.4K I più visti

Likes 0

Esperienza sessuale con la madre del mio amico 2

Vibratore tecno coniglio. Esperienza sessuale con la madre del mio amico -2 “Se ce ne sono più di uno, c'è un modo che devi fare per deviarli completamente in modo che io possa avere la possibilità di distruggere i dati. Le ho detto. Lei ha risposto che cosa devo fare? Devi provocarli per una penetrazione multipla, in modo che siano impegnati a fotterti senza sapere cosa sta succedendo intorno a loro “Ooooooh! No. Non posso farlo, non posso resistere ai loro fottuti cazzi che entrano in me alla volta, rispose in aggressività. “Se non puoi farlo, allora non posso aiutarti. ...

1.6K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.