Il mio nuovo fratello Zane

94Report
Il mio nuovo fratello Zane

La scuola stava per finire. Era l'estate del mio ultimo anno di liceo e le finali si stavano avvicinando subito dopo il ballo di fine anno. Il ballo di fine anno era una storia diversa, quindi salterò i dettagli lì. Stavo per compiere 17 anni quel giugno, quindi di gran lunga uno dei più giovani della classe, anche se non lo sembravo. Sono alto con i capelli biondi, dolci occhi azzurri e un sorriso enorme. E un'abbronzatura. Vivo nella luminosa e soleggiata Florida, quindi suppongo che uno sia un dato di fatto. Mi chiamo Tyler.
Ho due sorelline, entrambe molto più giovani di me. Papà ha perso il lavoro presto e loro non hanno avuto il tempo di... beh, comunque si tratta di cose diverse dall'amore dei miei genitori. Se lo desideri, immagino che chieda a qualcuno che non sia suo figlio di scriverne...
Ogni ragazzo vuole segretamente un fratellino. Non solo perché sono adorabili e la chiave per ottenere appuntamenti fantastici, o perché sono molto più facili delle sorelle, ma semplicemente perché la schiavitù diventa legale e suppongo sia qualcuno con cui stare. Voglio dire, chi altro è il tuo migliore amico? Bene, detto questo, non ne avevo uno.
Quindi eccomi qui, seduto qui, ultimo anno, la vita cambia, ei miei genitori ci fanno sedere a cena in un ristorante di lusso. Questo accade raramente. Qualcosa di grosso sta per accadere.
Mio padre si siede un po' più dritto, guarda tutti noi bambini, poi la mamma, poi di nuovo noi. "Io e tua madre abbiamo parlato..." dice, poi beve un sorso di vino rosso. “Abbiamo deciso che abbiamo sempre desiderato un altro maschio, soprattutto perché abbiamo due bellissime ragazze, e ci siamo divertiti così tanto a crescere Tyler,” mi dà una pacca sul braccio e io lo guardo con curiosità, “che noi... beh, pensiamo potremmo adottare un bambino. Si chiama Zane.»
Le mie sorelline diventano tutte vertiginose e cosa no. Voglio dire, ehi, stanno pensando al fratellino come un bambino. Sto pensando alla grande, un bambino, o peggio, un bambino con grossi problemi psicologici. Voglio dire, questo è il mio ultimo anno in arrivo. Un fratello è dolce ma comunque...
Dopo una lunga conversazione a cena, i miei pensieri si sono aperti un po'. Si scopre che Zane ha 15 anni, circa un anno meno di me, e vive a poche ore da qui. Lo incontreremo questo fine settimana, al quale verrà a stare con noi per alcuni giorni. Si scopre che i miei genitori hanno svolto un lavoro serio sotto il radar.


Quindi finalmente arriva il fine settimana e ci presentiamo a Orlando. È stato in affidamento e i genitori sembrano gentili. La casa è un bellissimo vittoriano a due piani. Queste persone devono essere pazze ad affidare ragazzi adolescenti...
Restiamo lì nell'atrio, aspettando che scenda. Vedo una mano che corre lungo la ringhiera del balcone, ma non molto altro. Poi le gambe. Wow, questo ragazzo deve essere alto, come me. Gambe, gambe, inguine... ok sbrigati, non posso fissarlo tutto il giorno fratello... torso, petto... questi bambini in forma... testa... wow che capelli arruffati... Zane.
Salta giù dal terzo gradino e atterra proprio davanti a me. "CIAO!" dice con un sorriso enorme. Entrambi sbattiamo le palpebre e poi fissiamo. Woah, questo ragazzo sembra seriamente che potrebbe davvero essere mio fratello...
"Sembriamo un po' come..." dice, poi tende la mano. "Beh ciao! Sono Zane. Tu devi essere Tyler. Ho in qualche modo inseguito il tuo Facebook un po '.
Risi e gli strinsi la mano. Ragazzo divertente…. La famiglia ha salutato tutti e ci siamo seduti nel soggiorno formale e abbiamo preso un tè dolce. Zane e io abbiamo finito per parlare di più, probabilmente perché ci siamo seduti sullo stesso divano, mentre i genitori adottivi parlavano con una signora agente o qualcosa del genere e le mie sorelle giocavano con la piccola Hannah dei genitori adottivi. Sì confuso, lo so. Un sacco di chiacchiere. Si scopre, tuttavia, che sarebbe rimasto con noi in una sorta di "corsa di prova" prestabilita per vedere come si adattava alla famiglia. Mia madre e la sua mamma adottiva facevano parte della stessa squadra di tifo al liceo, quindi dobbiamo tirare le fila.
Il viaggio di tre ore in macchina per tornare a casa è stato abbastanza normale, in realtà. Come ho detto, le mie sorelle erano felici di avere un ragazzo carino in macchina con loro, soprattutto un nuovo "fratello maggiore", e in realtà avevo un amico. Abbiamo parlato di sport, ha giocato a calcio e baseball; musica, entrambi abbiamo adorato tutto; e scuola.
La nostra casa è uno stile coloniale a due piani su tre acri. È piuttosto grande, 5 camere da letto e 5 bagni. Sebbene avessimo una camera per gli ospiti, fu deciso che sarebbe rimasto con me per la settimana, o almeno le prime notti, solo per sentirsi più a suo agio.


Ci ritiriamo entrambi al piano di sopra, nella mia stanza, dopo il lungo pomeriggio, la cena e le corse in giro a giocare a tag nel retro. Zane si siede sul bordo della mia cuccetta inferiore, quindi afferro la sedia del mio computer, appoggio i piedi sulla scrivania e accendo la mia lampada lava per un po' di luce soffusa.
"Allora..." Zane si interrompe, improvvisamente un po' nervoso, a quanto pare. "N-non importa..." dice, abbassando la testa.
"Cosa hai in mente, amico?" chiedo, girandomi un po' più vicino. "Puoi stare nella stanza degli ospiti se non ti senti a tuo agio."
Scuote la testa, la grossa scopa bionda e sporca che sferza l'aria. “No no… non è quello. Solo... io... non ho mai avuto un fratello maggiore... o qualcuno davvero... "
Scivolo lentamente giù dalla sedia e mi metto sul letto accanto a lui e lo cingo con un braccio. «Be', lo sai» sussurro mentre gli accarezzo la spalla. Alza un po' la testa per guardarmi con quei tristi occhietti verdi.
“Non ho mai avuto una ragazza…”
Per quanto ci provi, non riesco a reprimere lo stupido sorriso sulla mia faccia.
“Non ridere. È... io... non posso...»
“Amico,” dico scuotendo la testa e ridendo un po', “seriamente. Va bene. Non ho avuto la mia prima ragazza fino alla scorsa estate.
Mi fissa confuso. "Ma sei sexy!" sbotta, poi diventa tutto strabuzzato come se avesse appena svelato un segreto nazionale. "Oh... ehm... voglio dire..."
"Amico!" Dico a tutti i surfisti e gli do un pugno scherzoso sul braccio, "caldo come un razzo di bottiglia il 4 luglio!"
Si rilassa un po', quindi parliamo di ragazze. Si sta facendo tardi, ed essendo il tipico ragazzo di 15 anni che è, i suoi pensieri diventano sempre più sessuali mentre si apre.
"Ehi, allora... continuo a ricevere... come... a volte quando... posso chiedere qualcosa di personale?" sbotta a metà conversazione su quale sia l'attrice più in voga al momento.
"Ehm... certo?" dico, appoggiandomi allo schienale.
"Ti capita mai di..." incrocia le gambe e si aggiusta i pantaloncini. Capisco dove sta andando, mentre cerca disperatamente di aggiustarsi i pantaloncini. "come... sai..." dice mentre quasi mi guarda.
"Erezione imbarazzante?" Rido. Mi sorride imbarazzato.
"Forse…"
"Scusa se ti eccito così tanto." strizzo l'occhio. “Beh sì amico, succede. In classe, al cinema, con gli amici... lo chiami, salta fuori". Annuisce. Passano alcuni istanti mentre lo studio, chiedendomi cosa stia pensando. Nella penombra lo vedo tremare. Lo cingo con un braccio e lo attiro dentro di me. “Ehi, siamo praticamente fratelli, o lo diventeremo presto. Puoi parlarmi di qualsiasi cosa amico.
Si siede lì in silenzio, poi annuisce. "Mi chiedo solo se sono normale", dice a malapena udibile. “Voglio dire, so che i miei genitori adottivi amano me e la tua famiglia, ma... sono solo da quando avevo sei anni. E non ho una ragazza, non so come averne una, non so cosa sta succedendo al mio corpo e ai miei pensieri...”Emette un enorme sospiro e vedo una piccola lacrima rigargli il viso.
“Zane, va bene fratello,” sussurro mentre gli accarezzo dolcemente il braccio. "Sei a posto. Voglio dire, hai una famiglia qui. O presto. Troverai una ragazza. Gli stringo il braccio dove i suoi bicipiti hanno iniziato a svilupparsi, "ehi, la pubertà ti sta facendo un bravo ragazzo!"
"Sì... suppongo." Dice poi mi guarda. "Grazie Ti." Abbassa di nuovo lo sguardo, ovviamente pensando intensamente. Gli do una pacca sulla schiena, facendogli sapere che va bene. "Ti è mai capitato..." inizia, "Ti sei mai chiesto se sei... se sei abbastanza grande... laggiù?"
Rido e gli dico che la maggior parte dei ragazzi lo fa.
“Sì, solo… ricordo di essere stato un ragazzino. Mi sono imbattuto in questo ragazzo più grande della casa, Chris, che stava facendo la doccia. Voglio dire, il suo era molto più grande, sai? Voglio dire, sono gay per averci pensato? Non posso essere gay. Voglio dire, non mi adottereste se fossi gay. E non mi potevano piacere le ragazze. Ma penso a lui, e a come il mio è paragonabile adesso, e non sono gay Ty, giuro che non lo sono, ma tipo... ugh! Che succede Ty? grida, accasciandosi contro di me.
Mi siedo lì in silenzio per un momento. “Beh, per cominciare, penso che tu sia probabilmente molto più grande ora di quanto eri allora, e la maggior parte dei ragazzi si chiede come si confrontano con gli altri. Quindi buone notizie, sei normale lì. E voglio dire, alcuni ragazzi attraversano una fase in cui si chiedono come sono gli altri ragazzi e poi lo superano. È solo un palcoscenico. Penso che tu stia bene amico.
Ho pensato che avrebbe chiesto. Lui fece. Voleva sapere se avevo mai avuto quel palcoscenico. L'ho fatto. In realtà ci sono ancora dentro, ma molto meno di quando ero più giovane. Molto meno dell'anno scorso.
"Allora, quanto dovrei essere grande?" mi chiede, guardandomi incuriosito.
"Non so... sono tipo 7ish?" dico e scrollo le spalle.
"Oh bene anche io!" Sorride. "Ero solo preoccupato guardando questo... uhhh..."
comincio a ridere. "Parli troppo, piccolo pervertito!"
Lui alza le spalle. “Ehi, la maggior parte dei ragazzi non guarda quella roba? Pensavo dovessi farlo, ma non con altre persone. Si afferra di nuovo l'inguine, ovviamente cercando disperatamente di impedirmi di notare la sua erezione, cosa che sta rendendo ancora più evidente.
Alla fine mi arrendo e mi stringo i pantaloncini da basket, rivelando la mia leggera erezione che avevo tenuto nascosto fino ad ora. Tutto questo parlare di legnosi, porno e ragazze mi aveva finalmente reso duro. Abbassò lo sguardo, un po' sorpreso. Non so cosa sia stato più scioccante, il fatto di averlo mostrato o di averlo semplicemente tenuto nascosto per chissà quanto tempo.
Zane ricominciò a dimenarsi. "Io... devo fare pipì", ha detto nella peggior bugia che abbia mai sentito. Indicai la porta a sinistra del letto, il bagno. È entrato.
Pochi minuti dopo, busso alla porta. "Ti stai divertendo amico?" Rido. C'è un rumore di rimescolamento e un rapido "uh-huh". Giro la manopola. Si è dimenticato di chiuderlo a chiave.
Seduto lì sul water c'è il mio fratellino che presto diventerà un fratellino, che tenta di infilare pantaloncini sportivi sottili sopra la sua erezione furiosa e fallisce. È ovvio che si è fatto una sega. Mi appoggio allo stipite della porta. Davvero non pensava che il suo nuovo fratello maggiore fosse stupido, vero? Abbassò la testa, in completa vergogna. Mi avvicinai e mi inginocchiai davanti a lui. I suoi occhi mi guardano, tristi. Gli do una pacca sulla spalla, poi esco. Segue pochi minuti dopo.
"Non sei arrabbiato, vero Ty?" Dice, in piedi di fronte a me mentre mi siedo sul letto.
Questo ragazzo è adorabile e il fatto che stia per stuzzicarmi con quell'enorme erezione rende la situazione imbarazzante ancora più divertente. “No Zane, erano ragazzi adolescenti. Lo fanno tutti”.
Annuisce. "Vuoi farlo con me?" Dice piano, la voce tremante. "Voglio vedere..." la sua voce tremante si affievolisce.
Gli afferro i pantaloni e gli do uno strattone. "Quelli ovviamente non nascondono proprio niente", dico sarcastico. Il suo cazzo rimbalza, finalmente libero. È grande. Grande quasi quanto il mio.
Il povero ragazzo all'inizio è timido, poi fa la sua mossa. Mi afferra lentamente l'inguine attraverso i pantaloncini. "Posso... posso sentirlo?"
Le sue dita tirano indietro lentamente l'elastico mentre la sua mano scivola nei miei boxer. Sento solleticare la punta del mio mostro in gabbia. La mia mano cerca a tastoni la sua. Lo trovo e lui emette un profondo sospiro.
Poi i miei pantaloni vengono strappati e lui inizia a mungermi il cazzo con forza. Colpisco la sua mano un paio di volte mentre sento le sue palle pendenti sorprendentemente basse. Non sono enormi, pendono solo molto in basso. Mi sdraio sul letto e lui mi salta addosso. Il suo cazzo si infila nel mio.
"Stuprare molto?" Rido e gli afferro il culo rotondo. È davvero in ottima forma dopo aver corso così tanto.
Posso vedere il suo sorriso attraverso la luce fioca. Rotola via e inizia a strofinare su e giù la mia virilità pulsante. Comincio a strofinare il suo.
“Conosci qualche trucco? Non l'ho mai fatto...” Dice, sedendosi un po'.
Ci penso per un momento, poi comincio a muovere la mano in modo un po' diverso, aggiungo un po' di sputo e vado ancora un po'. A quanto pare non ha mai pensato allo sputo, cosa che trovo strana. Un po' di lubrificante fa il trucco come al solito, e presto geme e spinge i fianchi in giro. Bonus punti Grande Fratello: insegna al fratellino come masturbarsi correttamente.
Si siede e mi guarda incuriosito. Chiedo cosa sta pensando. Lui sorride e si mette a cavalcioni su di me, i nostri cazzi si toccano. Abbasso lo sguardo e lui si sforza di allinearli o sembra strofinarli insieme. Poi mi rendo conto che sta cercando di vedere di chi è più grande. Come ho detto, le mine sono un po' più grandi di circa un quarto di pollice. Lui mi guarda. "Hai vinto." Si sdraia di nuovo, sconfitto.
"So qualcosa in cui potresti battermi" dico, girandomi un po' per guardarlo. Mi guarda, improvvisamente eccitato. "Sai sparare?" gli chiedo quando non può più aspettare un nuovo gioco.
"Sparare?" Chiede, un sorrisetto curioso gli si dipinge sul volto.
Noi due iniziamo a masturbarci. Gli ho detto di copiarmi, ma dimmi se si sentiva come se stesse per venire. Non mentirò, è piuttosto eccitante avere qualcuno che ti guarda mentre ti seghi. Comunque, comincio a strofinare lentamente, poi mi sputo sulla mano e sfrego un po' più velocemente. Stringo un po' la parte superiore, strofinando solo la parte superiore. Poi il fondo. Quindi accarezzami le palle con la mano destra, cambia e massaggia con la sinistra.
"Woah, è fantastico!" Dice a se stesso dopo aver cambiato mano. Scuoto solo la testa. Questo ragazzino è pazzo. Mi guarda e inizia ad andare più veloce come ho fatto io. Si dimena.
guardo oltre. “Ricorda, non venire! Dimmi se sei vicino, ti dirò cosa fare.
Lui si ferma. "Oh sì... sono vicino."
Mi allungo e stringo la parte superiore del suo cazzo. Spinge il sedere nel materasso, trattenendo l'orgasmo. “Aspetta…” dico, aspettando che le sue palle bloccate e cariche si rilassino. Loro fanno. “Ok, ricomincia,” ordino, e riprendo a massaggiarmi.
“Aspetta... quindi non sborriamo? Ho pensato che fosse la parte migliore? Chiede completamente perso.
Rido e gli dico che si chiama bordatura. Fondamentalmente, rimandi l'orgasmo per alcune volte, lasciando che si accumuli. Un po' come pompare una pistola ad acqua. Più lo pompi, più puoi schizzare.
Giuro, se quel bambino si illuminasse di più, la stanza sarebbe diventata più luminosa. “Oooohhhhh!!!” Ha detto: "Preso!" poi ha iniziato a pompare furiosamente sul suo cazzo. Ho semplicemente continuato ad andare a un ritmo normale, cercando di non ridere del suo viso adorabile, concentrandomi completamente sulla sua virilità, mordendomi il labbro in completa concentrazione.
"Stai andando giù Broski!" Ridacchiò. “Sono andato via qualche giorno. Ho quasi colpito l'ombelico l'ultima volta che sono andato così a lungo!
Finii per sbuffare trattenendo una risata. "Oh fidati di me, andrà più lontano."
Mi sono fermato, ho stretto un po' la punta, poi sono tornato indietro. Mi ha copiato. Rimaniamo sdraiati lì per un po' a fare questo, entrambi rispecchiandoci l'un l'altro e provando diverse posizioni di sospensione. Alla fine, abbiamo concordato che era abbastanza bello essere segati da un'altra persona, quindi ci siamo concentrati l'uno sull'altro per cambiare.
Dopo circa tre minuti passati a prendermi a vicenda, ho lasciato andare il suo per concentrarmi da solo. Era il momento della gara di tiro.
"Pronto ragazzo?" Ho chiesto. Lui annuì e sorrise.
"Diamine sì!"
Entrambi iniziamo a pompare furiosamente. Ho fatto il conto alla rovescia. 1…2…3…


Dire che fu l'orgasmo più grande della sua vita sarebbe come paragonare il Titanic a una canoa. Mentre giacevo lì, il mio cazzo che pulsava flussi di sperma caldo e appiccicoso, ho contato i suoi spasmi. 1…2…3… Rimase semplicemente sdraiato lì sotto shock quando uno sparo gli colpì il viso, correndo giù fino alle sue labbra.
Le sue mani smisero di muoversi, quindi mi avvicinai e lentamente strinsi il suo cazzo mentre rilasciava tutto lo sperma accumulato in circa 5 colpi e poi alcuni flussi pulsanti. Quando finalmente iniziò a respirare, era profondo e pesante. Si asciugò la bocca con la mano, poi si leccò il labbro incuriosito.
"HM... ha un sapore... un po'... diverso." Ansimava. “Ma WOW!” mi ha guardato. Mi ero sparato al petto. “Wow. Sei come un dannato fratello super inzuppato!
Avevo sparato un po' di più in termini di volume, essendo un po' più grande, ma probabilmente mi ha tirato fuori dal punto di vista della distanza. (Detengo ancora il record però. 12 colpi di sperma in streaming, il secondo atterraggio a 6 piedi davanti a noi, comunque. Sì, è possibile. NO, non mi sono mosso per il resto del fine settimana) Comunque, questa volta ha vinto.
Dopo un momento o due per riprendere fiato, mi ha guardato e ha detto wow circa una dozzina di volte in pochi minuti. Sono rimasto lì a sorridere. Bro punti quadruplicati, insegna al bambino a colpire E sparare.
"L'hai mai assaggiato?" Chiese, sedendosi e cercando di contenere la pozza di sperma sulla pancia.
Ho scrollato le spalle. Ho avuto una volta. Era ok, anche se non abbastanza buono per riprovare. Gli ho detto che se avesse finito di mangiare avremmo potuto fare la doccia insieme per risparmiare tempo.


Entrammo nella doccia calda. Erano circa le tre del mattino e, dopo l'enorme orgasmo, eravamo entrambi piuttosto stanchi.
Gli ho insaponato la schiena, poi ho deciso che lo avrei lavato e lui avrebbe potuto lavare me. Gli ho dato un piccolo strattone quando ci sono arrivato, dicendo "Ottimo lavoro, soldato!" poi si fece da parte per lasciargli sciacquare via la schiuma.
Lui, lavando il mio, ha commentato che si trattava di una "strana bomba atomica".
Abbiamo deciso che il momento del legame era buono per cominciare, quindi ci siamo semplicemente coccolati nella cuccetta inferiore e ci siamo addormentati, belli e puliti. A proposito, per quanto riguarda le coccole, era più coccole da fratello a fratello. Non come coccole romantiche. Non eravamo nudi o altro.
Sei mesi dopo, e dopo molti altri "pigiama party di prova", Zane è ufficialmente il mio fratellino. Ora è il mio ultimo anno. Entrambi abbiamo una ragazza, in realtà usciamo con due sorelle ... è strano come sia successo ... e mi sto preparando per andare al college tra pochi mesi. Ci sono molte altre storie, ma quelle sono per un'altra volta. Spero che ti sia piaciuto. Lo abbiamo fatto entrambi. Dopo!

PS, ricontrolla qualche volta. Forse ne parlerò a un altro. Il college è piuttosto pazzo...

Storie simili

La vendetta è mia

Ho incontrato Sue alcuni anni fa, era benedetta da una figura eccellente e all'età di 36 anni aveva mantenuto un bell'aspetto, mi piace che molti uomini abbiano cercato di uscire con lei, ma lei non ne aveva niente, diceva sempre che aveva un'amica abituale con cui usciva e io non avevo alcuna possibilità. Ho trovato interessante il fatto che non abbia mai portato la sua amica a nessuna delle nostre uscite nei club per single, e come organizzatore ho avuto modo di vedere molti dei nostri soci soci, ma mai Gaynors. Sue era una presa in giro sessuale che apprezzava l'opportunità...

1.1K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

951 I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

736 I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

279 I più visti

Likes 0

Melissa insegna classe e viene insegnata

Questa giornata non sarebbe stata divertente. In che modo Melissa è stata scelta per insegnare in questa classe? Una collega si era ammalata all'ultimo minuto e lei doveva sostituirla. C'erano altre persone che conoscevano l'azienda meglio di lei. Doveva solo sorridere e sopportarlo perché la decisione era già stata presa. Melissa era stata scelta per tenere un discorso sulla sua compagnia a un gruppo di potenziali reclute del liceo locale. Melissa è arrivata a scuola molto prima del dovuto per assicurarsi di poter allestire la stanza a suo piacimento. Le è stato permesso di oltrepassare le guardie e ha parcheggiato nel...

1.5K I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

1.1K I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

1.1K I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

1K I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.