Passeggiata

1.5KReport
Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare.

Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come era organizzato il quartiere, tutti gli appartamenti si affacciavano sull'autostrada e, dato che stavo camminando su una strada normale, passavo davanti ai cortili di altre persone. In uno dei cortili c'era un gruppo di tre ragazze raccolte attorno a un braciere.

"Ehi," gridò uno di loro. Nel mezzo del braciere c'era un narghilè e uno di loro stava inalando.

Non sono principalmente una persona sociale perché sono molto passivo. Non sono mai uscito e ho cercato amici. Ma quando mi viene data una possibilità, la prendo sempre.

"Ehi", ho detto. Mi sono avvicinato a loro con le mani in tasca. Il cortile era piccolo. C'era una porta scorrevole a vetri che entrava in casa, poi un pozzo del fuoco, poi l'erba scendeva fino alla strada su cui stavo camminando. Le tre ragazze erano tutte sedute a gambe incrociate attorno al narghilè. Mi sono seduto accanto alla ragazza che mi aveva chiamato.

Erano tutti vestiti bene, ma la ragazza che ha chiamato è stata una bomba. Pantaloncini di jeans bianchi che avevano le tasche che uscivano sotto l'orlo. Canotta azzurra che le arrivava appena sopra il piercing all'ombelico, con sopra un parka bianco. Il parka sembrava costoso. Sembrava anche caldo, il che era buono. Era solo autunno, ma non potevo immaginare che il resto dei suoi vestiti le stessero proteggendo dal freddo. I suoi capelli erano lunghi, ricci e color cioccolato. Era un bel contrasto con il parka bianco. Il suo viso era chiaro, il suo trucco ben fatto. Il suo naso puntato verso l'alto, dando l'impressione di snob. I suoi occhi erano dello stesso colore dei suoi capelli.

Ho capito che mi stava chiedendo dove stavo andando.

“Umm... da nessuna parte in particolare. Mi piace andare in giro di notte”.

"Dovresti venire con noi!" lei disse. "Stiamo per andare in centro".

"Uhm, certo."

"Sono Fawn."

“Sono Dave. Piacere di conoscervi ragazzi."

Le altre due ragazze l'hanno preso come spunto per presentarsi.

"Pettirosso"

“di pizzo”

Robin era carino. Lacey non lo era. Se Fawn era una bomba, Robin era... avvicinabile. Non aveva la stessa bellezza da superstar, ma avrei parlato con Robin su Fawn se li avessi visti entrambi al centro commerciale. Anche Lacey non era accessibile, ma per l'opposto del motivo per cui Fawn lo era. Se vedessi Lacey al centro commerciale, starebbe leggendo da sola a un tavolo nella food court e non lo prenderesti come un invito.

Lacey indossava un vestito a fiori che sembrava aver ispirato un cuscino del divano. Era economico. Non sapevo nulla di moda, e anche io sapevo che era brutta. Non era colpa sua, necessariamente. Tutti i vestiti sexy - abiti da cocktail attillati e minishort di jeans - erano tutti realizzati in piccole taglie. Smetterò di provare a danzarci intorno; Lacey era grasso. Aveva due menti, quindi non era così male come avrebbe potuto essere. Era una bionda sporca, un vantaggio nel mio libro. Aveva il tipo di sorriso che sembrava sul serio. Ma ciò non ha cambiato il fatto che la parte superiore delle sue braccia fosse grande quanto le mie cosce.

Robin indossava pantaloncini di jeans blu che arrivavano appena sopra il ginocchio. Indossava una maglietta di una band con un design grigio scuro di un giradischi vecchia scuola fatto di cuore e vene. Beh, probabilmente una maglietta di una band. Il nome sotto il giradischi non era di nessuno di cui avessi mai sentito parlare. Sopra la maglietta della band c'era una abbottonatura scozzese rossa e nera che era troppo grande per lei. Non riuscivo a vedere le sue mani. È stato adorabile. Era stata lei a prendere una botta dal narghilè quando mi sono avvicinato.

Mi sorprese a fissarmi e mi fece l'occhiolino pigramente. I suoi occhi erano blu elettrico. Il suo naso era un po' troppo grande e non corrispondeva al resto del viso. I suoi capelli sembravano essere stati tinti, ma tinti bene. Rosso scuro, quasi marrone. Lungo e riccio.

Ha cercato di darmi la possibilità di fumare, ma ho salutato con la mano.

"Non ne vuoi?"

"Uh... nah, non proprio il tipo che fuma."

"Peccato." Poteva fare il broncio come nessuno che avessi mai visto. E le sue labbra sembravano altrettanto belle alla fine del narghilè, aspirando il fumo.

Fawn ha preso il controllo della conversazione dopo. Facendomi domande sulla mia specializzazione (Sociologia), la mia classe preferita (Tiro con l'arco) e lamentandomi della sua sfortunata fortuna con gli insegnanti. Ho fatto del mio meglio per rispondere in modo gentile e mantenere viva la conversazione. Ho imparato che Fawn e Robin erano giovani e Lacey era al secondo anno, come me. Lacey e Fawn hanno condiviso due classi e Fawn e Robin hanno condiviso un ex.

"Oh, e aveva il cazzo più grande e più nero", ha detto Robin.

"Lui fece!" Fulvo rise. "Avevo paura di essere strappato a metà ogni volta che lo facevamo!"

Ero un po' a disagio a questo punto. Li ho lasciati ricordare e ho parlato con Lacey. Il mio minore era Film, e ha finito per sapere più di quanto mi aspettassi sulle tecniche cinematografiche. Le piaceva Quentin Tarantino più di me. Abbiamo parlato di quanto sia stato bello che Breaking Bad non si sia esaurito e abbia concluso lo spettacolo quando era ancora buono. E poi era ora di andare.

L'auto di Robin era il camion più grande e più nero su cui avessi mai guidato. Avremmo potuto sistemare tutti quelli che conoscevo al college nel pianale del camion, anche se potrebbe non essere così impressionante come sembra. Robin era un pilota terribile. Il club era a sole tre miglia dal loro quartiere, ma ho temuto per la vita degli altri conducenti per tutto il tragitto. Sembrava pensare che la giusta via fosse andata a chiunque fosse il più grande, ed era sempre lei. O forse era solo alta. Qualunque.

Era l'una quando siamo entrati in Sha Toe Day Dance. (Prova a dirlo ad alta voce.) Ero il nuovo migliore amico della direzione, entrando con tre ragazze, e ci hanno lasciato fare la fila. Lo schtick del club era che aveva due aree da ballo separate, con una barriera insonorizzata trasparente tra di loro e musica diversa su entrambi i lati. Potresti guardare l'altra parte del club essere orribilmente fuori tempo per te, perché avevano un ritmo diverso. Hanno cambiato il tema di ogni lato, ma stasera uno era quello che chiamerei techno e l'altro era quello che chiamerei rap.

Fawn e Robin erano ancora al narghilè, e immediatamente mi hanno trascinato dal lato rap e hanno iniziato a litigare per me. Ho visto Lacey sedersi a un tavolo vuoto, anche lui sul lato rap, e iniziare a giocare con il suo telefono. Ma poi ero... distratto.

Non l'avevo visto prima perché eravamo tutti seduti, ma Robin aveva un culo. Dio mio. Non appena abbiamo calpestato il pavimento, si è messa a digrignare contro di me. Le tenevo i fianchi e il mio cazzo era duro come una roccia. Ma ero a malapena riuscito a godermela prima che Fawn la spingesse da parte.

"Ehi! L'ho trovato, ho dibs! Lei ha riso e mi ha messo il culo addosso. Si chinò e iniziò a twerkare. Ero stato twerked in precedenza, ma tutti loro lo avevano fatto in modo rapido e veloce. Era lenta e si strofinava nel modo giusto su e giù. Era come farsi una lapdance in piedi. Gemevo ed ero preoccupato di venire proprio lì sulla pista da ballo.

"Non l'hai mai chiamato!" Robin la spinse sulla parte bassa della schiena e, chinandosi su di lei, mi baciò sulla bocca, con la lingua piena. Sapeva di fumo e lussuria.

Non ero l'unico ragazzo a prenderne un po' sulla pista da ballo. Non da un colpo lungo. Ma io ero il tipo più basso e bianco là fuori. Peso centocinquanta libbre, ma gran parte dei miei muscoli sono la parte inferiore del corpo, quindi non potrei nemmeno dire di essere un buff. Ho visto alcuni ragazzi che mi fissavano, chiedendosi cosa avessi che loro non avevano. Immagino che a volte tu sia fortunato.

Robin le mise una mano sul petto. Ho sentito le sue tette attraverso la maglietta a fascia sottile. In nessun modo indossava un reggiseno. L'ho palpata e l'ho ricambiata con un bacio forte. Fawn stava ancora macinando dolcemente e lentamente sul mio cazzo. Mi faceva quasi male, quanto ero duro.

Fawn si rese conto che non stava vincendo, quindi si raddrizzò e mi affrontò. Robin smise di baciarmi per un secondo, ma la mia mano rimase dov'era. L'altro era alla cintura, cominciava a infilarsi sotto la camicia. La sua pelle era calda.

"Daaave". Era brava quasi quanto lo era Robin con il broncio. "Dille che ho dei dibs." Robin fece un passo indietro, in piedi accanto a Fawn, e si unì a lei facendo il broncio.

“No, Dave, dì a questa sfigata di andarsene. Sei tutto mio. Stavo iniziando ad avere la sensazione che non si trattasse davvero di me. Era solo una gara tra loro di cui mi è capitato di essere il premio. Al momento non avevo abbastanza sangue che mi andava al cervello per lamentarmene.

“Beh. Penso che... tecnicamente Fawn mi ha visto per primo. Se avessi avuto un po' di cervello, gli avrei detto che i dibs dovevano essere guadagnati.

“Daaave. Non posso crederti. Baciarmi in quel modo e poi lasciarmi.

"Scusa, ragazza, Dave sa chi è il migliore." Ha mostrato la lingua a Robin. Proprio in quel momento, un altro ragazzo prese Robin per mano e iniziò a ballare con lei.

“Co-! A più tardi ragazzi!” Dannazione.

"Bene ora, Dave, mi hai tutto per te", sussurrò Fawn, sbattendo le ciglia. Bene. La musica si alzò e lei riprese a twerkare. Ho fatto scorrere le mie mani lungo la parte anteriore delle sue cosce e ci siamo mossi all'unisono. Ho infilato i pollici nei suoi pantaloni. Spinse più in basso e sentì un piccolo ciuffo di capelli. Sussultò e mi mise le mani sui polsi, ma non rallentò. Ho tirato fuori un po' i pollici. Poi l'abbandonò del tutto e la palpò. Dio mio. Le sue tette erano minime di coppe a C e non indossava nemmeno un reggiseno. Le sue mani tirarono indietro le mie. Si spostò sull'ombelico. Torna alle sue cosce. Dio, volevo solo toccarla ovunque.

Ci siamo spostati verso il muro e mi sono appoggiato su di esso. Si è messa a terra su di me, più velocemente e più duramente ora. L'ho tirata su e girata per affrontarmi, l'ho baciata, le ho stretto forte il culo, l'ho schiaffeggiato. Potevo sentire il suo gemito contro la mia bocca quando arrivò lo schiaffo.

"Ehi..." trattenne il respiro. "Forse si calmi un po', ragazzone." L'ho presa per una spalla e l'ho girata in modo che la sua schiena fosse al muro invece che alla mia. Le infilai la mano dietro i pantaloni, le sentii il culo nudo. Niente mutandine. La sua mano era sul mio gomito e si zittì.

La spinsi contro di me, posando l'altra mano sulla sua parte bassa della schiena, e le baciai il collo. Le morse il collo. Quel piccolo piagnucolio di nuovo, e le strinsi il culo. Le presi la mano e la accompagnai in bagno. Ce n'erano tre nel club. Tutti misti e piccoli, tutti chiusi a chiave, e tutti avevano un tizio con una chiave fuori che ti ha cacciato fuori dopo dieci minuti. Bagni per scopare, in pratica.

Ho dato dei soldi al buttafuori fuori e gli ho detto di non buttarci fuori prima che fossero passati venti minuti. Lui annuì, ci chiuse dentro.

Silenzioso. Avevano anche questi insonorizzati. Fawn sembrava un po' spaventata, non all'altezza di prima.

“Ehi, Dave... lo sai che stavamo solo scherzando, vero? Sto solo prendendo in giro?"

Non ho detto niente. Per alcuni secondi. Ero troppo eccitato per pensare in modo chiaro.

Quindi, "Certo, duh". Le ho sorriso. "Ma mi hai fatto eccitare un po' troppo là fuori, dovevo solo venire qui per prenderne uno."

“Ah. Oh ok."

"Ti dispiace twerkarmi con me ancora per un po'?"

Ancora sollevata dal fatto che fossi d'accordo con le prese in giro, si voltò felicemente. Ho sorriso.

"Bello e lento questa volta."

Lei annuì e fece un passo indietro. Si chinò finché il suo culo non fu la parte più alta di lei. Potevo vedere il sudore sulla sua parte bassa della schiena. Ballare è lavoro.

L'ha presa bene e lentamente. Ho mantenuto le mie mani amichevoli, solo sui suoi fianchi. Alla fine si è rilassata e ci siamo mossi all'unisono, come prima. Feci mezzo passo indietro e le tenni una mano su di lei perché non cadesse. Ha cercato di raddrizzarsi.

"No, resta lì, aspetta un secondo."

Ho aperto la cerniera e ho lasciato che i miei pantaloni mi cadessero alle caviglie, sono uscito, poi mi sono appoggiato a lei nei miei boxer. Ero sicuro che potesse sentire la differenza, ma ha continuato. Non so quanto tempo fosse passato, non so quando sarebbero trascorsi venti minuti. Ma l'unica cosa tra il suo culo e il mio cazzo erano due sottili pezzi di stoffa, e avrei preso tutto quello che potevo dal tempo che mi era rimasto.

L'ho spinta contro il muro, sfregandola contro di lei. Le ho tirato i polsi in modo che si incrociassero sulla parte anteriore del suo corpo e fossero bloccati davanti a lei. Ho messo una delle mie mani nel punto in cui i suoi polsi si incrociavano e li ho tenuti entrambi saldamente tra i miei. Le mordicchiai il collo e tirai giù i miei boxer con la mano libera. Un sottile pezzo di tessuto.

“Dave,” gemette. "Dave, Dave." Ho dovuto resistere all'impulso di dire cosa.

Le sbottonai i pantaloni e infilai le mani sul davanti. Velocemente, senza cercare di intrufolarmi come prima. All'improvviso ha smesso di muoversi contro di me e ha iniziato a lottare, cercando di liberarsi i polsi, ma non ha detto niente. Ho messo il mio dito medio dentro di lei. Era bagnata, inumidiva la piccola macchia di peli pubici che non si era rasata.

"Va tutto bene, non fermarti", sussurrò, e l'ho preso come spunto per un secondo dito. Stava ancora combattendo contro di me, divaricando i polsi, e riuscivo a malapena a resistere. Ma il modo in cui si muoveva contro di me mentre lottava mi eccitava ancora di più del twerking, ed emetteva respiri alti e striduli mentre la toccavo.

Ha rotto la presa che avevo sui suoi polsi e si è girata, cercando di sfuggirmi. L'ho sbattuta contro il muro. Era così morbida. Potevo sentire il suo profumo e un po' di sudore della danza. Le ho spinto le braccia in alto, poi sono andato in basso, infine ho tirato giù i suoi pantaloncini intorno alle caviglie. Non mi stava spingendo via, si stava solo aggrappando alla mia schiena. La toccai mentre lei mi baciava il collo.

Le ho afferrato i capelli, tirandole su la testa e l'ho baciata rudemente sulle labbra, costringendo la mia lingua nella sua bocca. Si lamentò contro di me e mi strinse la mano.

Ho tirato fuori la mia mano e le ho stretto il culo, poi ho spostato l'altra mano sulla sua parte superiore della schiena. L'ho presa in braccio in quel modo e l'ho messa a terra, le gambe divaricate, ma i piedi ancora costretti ad avvicinarsi dai pantaloncini.

Le ho forzato il cazzo in bocca e lei ha imbavagliato. L'ho palpata attraverso la maglietta mentre le spingevo dietro la testa. I suoi morbidi occhi marroni mi guardarono, incazzati e allo stesso tempo accesi. La sua lingua si è mossa sul mio cazzo come un'esperta e dopo la prima gag sorpresa, lo stava prendendo come una campionessa. Ero quasi pronto per venire adesso, ma non potevo ancora.

Le ho strappato la testa dal cazzo tirandole i capelli. Sembrava riluttante a lasciar perdere, e la sua lingua finì fuori dalla sua bocca. I suoi capelli erano un casino, e con la lingua fuori sembrava giocosa e eccitata.

Avevo bisogno di un minuto per calmare la mia erezione, quindi ho deciso di mangiarla. La spinsi in avanti e le sollevai le gambe, poi abbassai la testa e tirai fuori la lingua. Non ero troppo esperto, ma aveva un sapore straordinario e mi ha portato oltre il limite. La mia lingua era ovunque contemporaneamente, si muoveva rigida sulle sue labbra, scorreva dolcemente sul suo clitoride e andava più in profondità che potevo per assaporarla. Si è piegata sotto di me, urlando. Le sue mani erano nei miei capelli costringendomi a scendere e i suoi fianchi si stavano alzando per incontrarmi.

Mi sono tirato indietro per un momento e l'ho fatta implorare.

“Dave, continua così, stronzo. Ci sono quasi…” I suoi occhi erano spalancati, le pupille dilatate. I suoi capelli erano ancora disordinati e la disperata eccitazione nella sua voce era perfetta. Le morsi le cosce, trascinando i denti verso il basso e lei sussultò. La mia bocca le tornò appena in tempo per assaporarla.

Il mio cazzo era pronto per partire e non più troppo pronto per partire. Le ho tirato su la maglietta per la prima volta e mi sono goduta la vista dei suoi capezzoli. Appena un po' più grande di un quarto, con qualche neo sul seno destro. Le ho palpato la tetta sinistra e le ho attorcigliato il capezzolo. Urlò di nuovo, ancora accesa. Ho messo il mio cazzo e ho iniziato a scopare forte e veloce.

Ha scelto questo momento per ricominciare a combattere. Ha spinto sulla mia coscia destra e sul mio petto, cercando di costringermi a uscire. Le presi entrambe le mani e le sollevai sopra la sua testa mentre la scopavo. Abbiamo incrociato gli occhi e lei si è morsa il labbro. Ho sorriso, e con questo le stavo dicendo che in quel momento potevo farle quello che volevo.

Era calda contro di me e la sua venuta era bagnata sul mio cazzo. Era liscia e più stretta di chiunque abbia mai scopato. Ho pensato che l'avevo già fatta venire, quindi mi sono bagnato più velocemente e molto più forte del solito. Chiudeva gli occhi e grugniva ogni volta che la spingevo dentro. Le ho morso il collo, forte. Cominciò a indietreggiare di nuovo, ogni volta i fianchi si alzavano per incontrarmi.

Con gli occhi ancora chiusi, sussurrò: “Daaaaave. Daaaaave. Fuuuuuuuu." Potevo sentire il calore salire nel mio cazzo e l'ho trattenuto per una ventina di secondi prima-

"Auuaaargh." Liberati, dio, cazzo sì. Continuava a muoversi contro di me, gli occhi chiusi. Rimasi fino all'elsa e a terra in lenti cerchi. Il mio turno di twerk. Le ho lasciato il collo e mi sono avvicinato al suo orecchio. Ho morso il lobo, dolcemente. Sono sempre molto gentile dopo che vengo, forse compensando eccessivamente la ruvidità. Uhm.

"Sì, ti piace, vero, Fawn." È venuta, con le unghie che mi affondavano nella schiena.

"Sì..." sussurrò, totalmente rilassata.

Siamo usciti di lì. Il buttafuori mi fermò, con la mano tesa ma sorridente.

"Sono passati più di venti minuti, ma quando ho fatto il check-in, sembravi un po' nel mezzo di qualcosa."

Fulvo arrossì. Ho dato al ragazzo qualche soldo in più e gli ho detto di passare una bella serata.

Fawn ed io siamo usciti e lei ha mandato un messaggio ai suoi amici che eravamo pronti per andare.

Si strofinò la mano sul cavallo dei pantaloni. "Non saresti dovuto entrare in me..."

"Scusate." non lo ero.

"Comunque... non ho mai avuto il tuo numero, qual era?"

"So dove vivi. Mi fermerò se voglio rivederti. Ho controllato il telefono, poi l'ho rimesso in tasca. Era principalmente come un gesto di fine conversazione, poiché l'ora esatta non era importante a tarda notte. Ho iniziato ad andarmene.

"Ehi, possiamo darti un passaggio a casa!"

"Ho bisogno di finire la mia passeggiata, ma grazie!" Mi girai a metà per salutare e la vidi che mi fissava, mordendosi il labbro.

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

788 I più visti

Likes 0

Futa nuda a scuola 08 - Futa birichina Bake Sale 2: Leann vende torte Futa

Futa nuda a scuola - La birichina Futa Bake Sale Capitolo due: Leann's vende torte Futa Di miopenname3000 Diritto d'autore 2019 La settimana di Leann Winthrop, sabato Ecco fatto, dolcezza, fece le fusa Skylar, uno dei bidelli futa. Le sue trecce bionde si riversavano sul suo viso giovanile. Rimasi senza fiato mentre mi stringeva il culo nudo. Il mio cazzo di futa pulsava mentre ricordavo il giorno prima, quando Ji-Min e io avevamo saziato i bidelli di futa con i nostri corpi. Avevano preso la ciliegia della mia figa mentre io gli succhiavo i cazzi e li prendevo nella mia fica...

767 I più visti

Likes 0

La prima volta di Ernie

La prima volta di Ernie. Ero un ragazzino di 13 anni e adoravo andare al venerdì sera Film, mi sedevo di sopra. proprio dietro, vicino a dove si trovava l'uomo gestivano i film, quella sera non c'erano molti al cinema e io ero seduto da solo, quando le luci si spensero un uomo di circa 20 anni si sedette accanto a me, pensai che fosse strano dato che c'erano molti posti liberi mentre si avvicinava e si sedeva accanto a me. Dopo un po' ha aperto un sacchetto di lecca-lecca e mi ha chiesto se ne volevo uno, “grazie” ho risposto...

638 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.