Io e il mio Konstantine - "Ciao".

1.2KReport
Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per la playlist coincide con quella sensazione di bisogno di musica che riflette il calmo umore collettivo che stai contemplando. Ed ecco qua, tre spiegazioni impressionanti che tu, naturalmente, tranne senza dubbio. Dannazione.

Questo è il tipo di umore in cui prosperi, aspetti, addirittura anticipi... e anche se potrei non riconoscerlo consapevolmente, so che ad un certo punto, alla fine, apparirai. sarà stasera??? A questo punto hai sviluppato la capacità di percepire queste fasi... sei impressionante da questo punto di vista. Comincia dalla fine e progredisce, finché la fine diventa l'inizio. Ignorando le tue chiamate, non rispondendo ai messaggi inviati... non importa quanto caldo ed erotico... non importa quale fantasia stai attualmente esplorando con quelle tue dita morbide curiose ed esperte. Resisto, anche se non sta nemmeno resistendo, perché il mio desiderio di indulgere nelle tue molte abilità è stato bandito, esiliato e lasciato alla mia solitudine. Ovviamente non mi dà fastidio... in quel momento sono esattamente dove voglio essere, quindi ignorarti non è nemmeno una decisione consapevole... sono solo io, essere me stesso.

Mentre giacevo lì, perso nel tremolio della candela, "Konstantine" di Something Corporate che scivolava per tutta la stanza, un'oscurità ostruisce il muro bianco che pochi istanti prima ha fornito lo sfondo alla fiamma che aveva posseduto ogni pensiero. Chiudo forte gli occhi e li apro per trovarti lì in piedi sul tappeto aperto della stanza. Chiudo di nuovo gli occhi, più stretti, e li riapro per confermare che in effetti sei tu. È. La tua espressione è limitata, illeggibile, ma liscia. I tuoi occhi trafiggono i miei mentre ti fisso, lo stesso sguardo incrollabile. Mentre ti avvicini a me, guardi alla tua sinistra e scorgi la bottiglia di champagne seduta sul mio comodino, la prendi rapidamente e prendi quattro o forse quattro sorsi e mettila giù per continuare a gocciolare con la condensa. Mentre te ne stai lì, le gambe comodamente aperte, guardandomi seduto sul mio letto basso, inspiro e assorbo la dolce miscela di quel profumo familiare di te... quello che include un accenno di piacere personale precedente... forse sull'auto cavalcare sopra... forse in piedi davanti alla mia porta inosservato, guardandomi... non c'è modo di saperlo, ma i pensieri di possibilità che annebbiano la mia testa stanno iniziando a risvegliarmi.

Mi allungo e faccio scivolare lentamente le mani da dietro le tue ginocchia, su per la parte posteriore delle tue cosce, tirando su la tua gonna e prendo le tue guance tra le mie mani, massaggiando brevemente... poi trascinando le mie unghie lungo la fessura del tuo culo e giù per il tuo interno cosce, ti tiro più vicino in modo che tu mi stia a cavalcioni in piedi, le tue mutandine setose, gocciolanti, blu scuro a meno di un centimetro dalle mie labbra. Mi ritrovo a chiedermi se in effetti hai scelto queste mutandine sapendo che i succhi si sarebbero attaccati e mi avrebbero dato ancora più disordine da pulire... e forse che hai scelto questo colore scuro per riflettere quello stile di vita oscuro e sinistro che sei arrivato a vivere da allora la nostra prima interazione... e sorrido, la prima volta da un po'. È su stanotte.

Afferrandoti il ​​culo, tiro alla bocca le tue mutandine bagnate scure e comincio a massaggiarti la figa con la lingua. Inizi immediatamente a rimuovere la parte superiore con rapidità per rivelare i tuoi capezzoli già eretti. Dopo aver tolto le tue mutandine, mi allungo e inizio a pizzicarti i capezzoli e ad afferrare le tue tette, sapendo che ti piacciono le manovre ruvide e con uno scopo. Mentre la tua figa continua, in qualche modo, a diventare sempre più umida nella mia bocca, mi ritiro con l'intento di farti aspettare, desiderare, persino implorare l'orgasmo che hai desiderato così profondamente in queste ultime settimane.

Ma sai che non voglio sentirti implorare... no... perché le parole non potrebbero mai esprimermi il bisogno e il desiderio che hai per il piacere che ti do... avevo appena dato la tua figa, ti inginocchi per togliermi i pantaloncini e prendi il mio cazzo palpitante nella tua bocca aperta, anche apparentemente affamata...riportandolo alla tua gola e tirando fuori la lingua per dare una performance che meriterebbe cazzo duro.

Mentre la tua testa si muove su e giù sul mio cazzo, la lubrificazione umida dalla tua bocca si accumula alla base del mio cazzo, io sto con il mio cazzo ancora nella tua bocca e porto i tuoi occhi a guardare nei miei e indico l'angolo della stanza … e con questo fai scivolare il mio cazzo fuori dalla tua bocca e inizi a stare in piedi, ma io scuoto la testa, e mi guardi con occhi curiosi e persino scioccati … ma ti riprendi velocemente e mi sorridi come se fosse una tua idea in primo luogo... e inizi a strisciare, lentamente e con significato attraverso la stanza dove si trova il mio comò.

Quando raggiungi il comò, il comò che è in piedi davanti a te sulle mani e sulle ginocchia, vedo una goccia dei tuoi succhi cadere dalla tua figa supplichevole... e prendi dall'ultimo cassetto del comò una sciarpa di seta e la leghi intorno al tuo testa e attraverso la bocca aperta. Mentre ti volti verso di me, ti faccio segno con un dito di venire da me, sapendo che questo tipo di trattamento ti rende più eccitante di qualsiasi fantasia tu possa immaginare. Sdraiato lì sulla mia schiena strisci lentamente sul letto con il comportamento più erotico che so che sarà una bella, lunga notte.

Strisciando sopra di me abbassi i tuoi dolci capezzoli sul mio viso e abbassi la tua figa gocciolante sul mio cazzo, e mi trovi più duro di quanto tu abbia mai sentito. Mentre scivoli sul mio cazzo espiri profondamente e chiudi gli occhi, assorbendo l'estasi, e inizi a pompare su e giù, mordendoti la sciarpa in bocca. Quindi mi siedo e tiro le tue gambe intorno a me e inizio a macinare forte nella tua figa, allungando la mano e tirando le estremità extra della sciarpa in modo che la tua testa si sollevi e mi dia un'apertura per succhiare, leccare e mordere il tuo collo.

A questo punto inizi a gemere ad alta voce e inizi a macinare sempre più forte e mi guardi negli occhi con uno sguardo di supplica... implorando di lasciarti venire, implorando di lasciarti diffondere i tuoi succhi su tutto il mio cazzo, implorando per quell'orgasmo di cui hai bisogno, brama, affamata... e annuisco. E mentre ti lasci andare ed emetti quel lungo urlo soffocato, alla fine ti rilassi e quasi crolli tra le mie braccia... ma non abbiamo finito. Ti faccio girare la gamba sinistra e ti butto sulle braccia e sulle ginocchia, ti tiro su il culo in modo che mi stia fissando, aspettando, implorando... sembra essere il tema stanotte e come posso resistere.

Quindi ho infilato il mio cazzo dentro di te ... niente carezze gentili, nessun rilassamento ... no, stanotte è una notte in cui ti scopo fino a quando non crolli e poi ti scopo ancora più forte e più a lungo. Scopandoti da dietro con la testa piegata di lato, prospero sui tuoi gemiti e urla, mi perdo in essi, e poi arriva il sorrisetto... e io ti do uno schiaffo, forte, e la puntura ti fa guaire, ma continui a spingere il tuo culo verso di me, come se mi implorasse di fare quello che mi pare...così schiaffeggio l'altra guancia al suono e reazione alla prima.

E con ciò mi rendo conto che è il momento... e prendo il ritmo, con spinte sempre più forti... esplorando parti di te mai toccate e incontrando suoni da te mai sentiti... e mentre mi sento raggiungere il punto di non ritorno, Inspiro profondamente e ti do una scopata più lunga, più profonda, più decisa... e mentre mi avvicino al mio orgasmo emetto un gemito forte e intenso e comincio a lasciar andare ogni grammo di sperma dentro di te... sempre di più... riempiendoti finché non pensi non c'è modo che la tua figa possa reggere di più, ti afferro il culo... e comincio a rilassarmi.

Dopo un minuto o due che sembrano passare ore, finalmente tiro fuori il mio cazzo ancora palpitante dalla tua figa ed espiro profondamente. Quando ti rialzi sulle mani e sulle ginocchia ti togli la sciarpa, mi guardi, chiudi gli occhi a lungo e dolcemente, sorridi e lentamente ti alzi... cammini verso il mio bagno, con la miscela dei nostri succhi che gocciola dalla tua figa, dove una doccia fumante ci aspetta...

Pensieri di possibilità che guidano, consumano le nostre teste, ti guardi alle spalle e mi dici con un sorriso... "Ciao".

Storie simili

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

454 I più visti

Likes 0

A proposito di Missy - 1

Introduzione: (gennaio 2005) Nella storia Mail order sex slave pubblicata sotto il suo nome, Cathy ha usato il mio nome per il personaggio principale. Missy non è un nome insolito quindi non avrei dovuto offendermi, e non lo sono stato. In effetti, mi piace pensare che in un certo senso mi avesse in mente, perché l'idea di apparire in una storia porno mi eccita come mi eccita mostrare la mia figa quando sono su una spiaggia per nudisti con Katlin (e talvolta Cathy). Ma non sono molto simile alla ragazza della storia, né per età né per aspetto. - Tuo, signorina...

152 I più visti

Likes 0

Il mio nuovo fratello Zane

La scuola stava per finire. Era l'estate del mio ultimo anno di liceo e le finali si stavano avvicinando subito dopo il ballo di fine anno. Il ballo di fine anno era una storia diversa, quindi salterò i dettagli lì. Stavo per compiere 17 anni quel giugno, quindi di gran lunga uno dei più giovani della classe, anche se non lo sembravo. Sono alto con i capelli biondi, dolci occhi azzurri e un sorriso enorme. E un'abbronzatura. Vivo nella luminosa e soleggiata Florida, quindi suppongo che uno sia un dato di fatto. Mi chiamo Tyler. Ho due sorelline, entrambe molto più...

263 I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

82 I più visti

Likes 0

Meg: un amore innegabile

Meg era il mio amore, avevamo entrambi quattordici anni. Anni fa l'ho vista per la prima volta, era bellissima. E lei lo è ancora. A 14 anni una volta ho dato una festa a casa mia. Oh ragazzo, non mi sarei mai aspettato che finisse così. Quindi i miei genitori erano via per il fine settimana. La mia amica Anna aveva un fratello maggiore che poteva procurarci dell'alcol. La sera prima ha portato 5 casi, due casi di Natural (ha insistito per i nuovi bevitori) 2 casi di Yeungling e un caso di Miller light. Inoltre ha portato una bottiglia di...

536 I più visti

Likes 0

L'ultima vacanza estiva-Capitolo 2

Lasciamo in pace questi due amanti. Ho detto. Vieni, scusa il gioco di parole, unisciti a noi sul lanai quando hai finito. Meg e io ci dirigemmo verso la cucina per preparare una caraffa di Vodka Martini da portare nel patio. Ci siamo seduti insieme sul divano. Beh, cosa ne pensi? Ho iniziato. Meg ha un'espressione contemplativa sul viso. Beh, è ​​stata una sorpresa per Matt. Non aveva idea di cosa stesse succedendo. Ha resistito per un minuto ma alla fine l'ha capito. Non credo che pensasse che avremmo mai fatto una cosa del genere. Gli è piaciuto? Lo spero perché...

300 I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

102 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

1.2K I più visti

Likes 0

Sesso e fumo con una prostituta e sua figlia

Ha detto che si chiamava Karen, ma sapevo che tutti avevano due o tre nomi a Crack Town. Era una ragazza di colore magra, era difficile dire la sua età, ma immaginavo che avesse poco più di vent'anni. Indossava pantaloncini un po' troppo stretti per il suo culo sodo e una felpa tagliata che quasi nascondeva un paio di tette paffute. Avevo circa un paio di centinaia di dollari su di me, per comprare del crack. Non era sesso che ero dopo tanto quanto era la roccia. Mi è sempre piaciuto avere una ragazza con me quando fumavo. Ci siamo messi...

436 I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

278 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.