Io e il mio Konstantine - "Ciao".

922Report
Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per la playlist coincide con quella sensazione di bisogno di musica che riflette il calmo umore collettivo che stai contemplando. Ed ecco qua, tre spiegazioni impressionanti che tu, naturalmente, tranne senza dubbio. Dannazione.

Questo è il tipo di umore in cui prosperi, aspetti, addirittura anticipi... e anche se potrei non riconoscerlo consapevolmente, so che ad un certo punto, alla fine, apparirai. sarà stasera??? A questo punto hai sviluppato la capacità di percepire queste fasi... sei impressionante da questo punto di vista. Comincia dalla fine e progredisce, finché la fine diventa l'inizio. Ignorando le tue chiamate, non rispondendo ai messaggi inviati... non importa quanto caldo ed erotico... non importa quale fantasia stai attualmente esplorando con quelle tue dita morbide curiose ed esperte. Resisto, anche se non sta nemmeno resistendo, perché il mio desiderio di indulgere nelle tue molte abilità è stato bandito, esiliato e lasciato alla mia solitudine. Ovviamente non mi dà fastidio... in quel momento sono esattamente dove voglio essere, quindi ignorarti non è nemmeno una decisione consapevole... sono solo io, essere me stesso.

Mentre giacevo lì, perso nel tremolio della candela, "Konstantine" di Something Corporate che scivolava per tutta la stanza, un'oscurità ostruisce il muro bianco che pochi istanti prima ha fornito lo sfondo alla fiamma che aveva posseduto ogni pensiero. Chiudo forte gli occhi e li apro per trovarti lì in piedi sul tappeto aperto della stanza. Chiudo di nuovo gli occhi, più stretti, e li riapro per confermare che in effetti sei tu. È. La tua espressione è limitata, illeggibile, ma liscia. I tuoi occhi trafiggono i miei mentre ti fisso, lo stesso sguardo incrollabile. Mentre ti avvicini a me, guardi alla tua sinistra e scorgi la bottiglia di champagne seduta sul mio comodino, la prendi rapidamente e prendi quattro o forse quattro sorsi e mettila giù per continuare a gocciolare con la condensa. Mentre te ne stai lì, le gambe comodamente aperte, guardandomi seduto sul mio letto basso, inspiro e assorbo la dolce miscela di quel profumo familiare di te... quello che include un accenno di piacere personale precedente... forse sull'auto cavalcare sopra... forse in piedi davanti alla mia porta inosservato, guardandomi... non c'è modo di saperlo, ma i pensieri di possibilità che annebbiano la mia testa stanno iniziando a risvegliarmi.

Mi allungo e faccio scivolare lentamente le mani da dietro le tue ginocchia, su per la parte posteriore delle tue cosce, tirando su la tua gonna e prendo le tue guance tra le mie mani, massaggiando brevemente... poi trascinando le mie unghie lungo la fessura del tuo culo e giù per il tuo interno cosce, ti tiro più vicino in modo che tu mi stia a cavalcioni in piedi, le tue mutandine setose, gocciolanti, blu scuro a meno di un centimetro dalle mie labbra. Mi ritrovo a chiedermi se in effetti hai scelto queste mutandine sapendo che i succhi si sarebbero attaccati e mi avrebbero dato ancora più disordine da pulire... e forse che hai scelto questo colore scuro per riflettere quello stile di vita oscuro e sinistro che sei arrivato a vivere da allora la nostra prima interazione... e sorrido, la prima volta da un po'. È su stanotte.

Afferrandoti il ​​culo, tiro alla bocca le tue mutandine bagnate scure e comincio a massaggiarti la figa con la lingua. Inizi immediatamente a rimuovere la parte superiore con rapidità per rivelare i tuoi capezzoli già eretti. Dopo aver tolto le tue mutandine, mi allungo e inizio a pizzicarti i capezzoli e ad afferrare le tue tette, sapendo che ti piacciono le manovre ruvide e con uno scopo. Mentre la tua figa continua, in qualche modo, a diventare sempre più umida nella mia bocca, mi ritiro con l'intento di farti aspettare, desiderare, persino implorare l'orgasmo che hai desiderato così profondamente in queste ultime settimane.

Ma sai che non voglio sentirti implorare... no... perché le parole non potrebbero mai esprimermi il bisogno e il desiderio che hai per il piacere che ti do... avevo appena dato la tua figa, ti inginocchi per togliermi i pantaloncini e prendi il mio cazzo palpitante nella tua bocca aperta, anche apparentemente affamata...riportandolo alla tua gola e tirando fuori la lingua per dare una performance che meriterebbe cazzo duro.

Mentre la tua testa si muove su e giù sul mio cazzo, la lubrificazione umida dalla tua bocca si accumula alla base del mio cazzo, io sto con il mio cazzo ancora nella tua bocca e porto i tuoi occhi a guardare nei miei e indico l'angolo della stanza … e con questo fai scivolare il mio cazzo fuori dalla tua bocca e inizi a stare in piedi, ma io scuoto la testa, e mi guardi con occhi curiosi e persino scioccati … ma ti riprendi velocemente e mi sorridi come se fosse una tua idea in primo luogo... e inizi a strisciare, lentamente e con significato attraverso la stanza dove si trova il mio comò.

Quando raggiungi il comò, il comò che è in piedi davanti a te sulle mani e sulle ginocchia, vedo una goccia dei tuoi succhi cadere dalla tua figa supplichevole... e prendi dall'ultimo cassetto del comò una sciarpa di seta e la leghi intorno al tuo testa e attraverso la bocca aperta. Mentre ti volti verso di me, ti faccio segno con un dito di venire da me, sapendo che questo tipo di trattamento ti rende più eccitante di qualsiasi fantasia tu possa immaginare. Sdraiato lì sulla mia schiena strisci lentamente sul letto con il comportamento più erotico che so che sarà una bella, lunga notte.

Strisciando sopra di me abbassi i tuoi dolci capezzoli sul mio viso e abbassi la tua figa gocciolante sul mio cazzo, e mi trovi più duro di quanto tu abbia mai sentito. Mentre scivoli sul mio cazzo espiri profondamente e chiudi gli occhi, assorbendo l'estasi, e inizi a pompare su e giù, mordendoti la sciarpa in bocca. Quindi mi siedo e tiro le tue gambe intorno a me e inizio a macinare forte nella tua figa, allungando la mano e tirando le estremità extra della sciarpa in modo che la tua testa si sollevi e mi dia un'apertura per succhiare, leccare e mordere il tuo collo.

A questo punto inizi a gemere ad alta voce e inizi a macinare sempre più forte e mi guardi negli occhi con uno sguardo di supplica... implorando di lasciarti venire, implorando di lasciarti diffondere i tuoi succhi su tutto il mio cazzo, implorando per quell'orgasmo di cui hai bisogno, brama, affamata... e annuisco. E mentre ti lasci andare ed emetti quel lungo urlo soffocato, alla fine ti rilassi e quasi crolli tra le mie braccia... ma non abbiamo finito. Ti faccio girare la gamba sinistra e ti butto sulle braccia e sulle ginocchia, ti tiro su il culo in modo che mi stia fissando, aspettando, implorando... sembra essere il tema stanotte e come posso resistere.

Quindi ho infilato il mio cazzo dentro di te ... niente carezze gentili, nessun rilassamento ... no, stanotte è una notte in cui ti scopo fino a quando non crolli e poi ti scopo ancora più forte e più a lungo. Scopandoti da dietro con la testa piegata di lato, prospero sui tuoi gemiti e urla, mi perdo in essi, e poi arriva il sorrisetto... e io ti do uno schiaffo, forte, e la puntura ti fa guaire, ma continui a spingere il tuo culo verso di me, come se mi implorasse di fare quello che mi pare...così schiaffeggio l'altra guancia al suono e reazione alla prima.

E con ciò mi rendo conto che è il momento... e prendo il ritmo, con spinte sempre più forti... esplorando parti di te mai toccate e incontrando suoni da te mai sentiti... e mentre mi sento raggiungere il punto di non ritorno, Inspiro profondamente e ti do una scopata più lunga, più profonda, più decisa... e mentre mi avvicino al mio orgasmo emetto un gemito forte e intenso e comincio a lasciar andare ogni grammo di sperma dentro di te... sempre di più... riempiendoti finché non pensi non c'è modo che la tua figa possa reggere di più, ti afferro il culo... e comincio a rilassarmi.

Dopo un minuto o due che sembrano passare ore, finalmente tiro fuori il mio cazzo ancora palpitante dalla tua figa ed espiro profondamente. Quando ti rialzi sulle mani e sulle ginocchia ti togli la sciarpa, mi guardi, chiudi gli occhi a lungo e dolcemente, sorridi e lentamente ti alzi... cammini verso il mio bagno, con la miscela dei nostri succhi che gocciola dalla tua figa, dove una doccia fumante ci aspetta...

Pensieri di possibilità che guidano, consumano le nostre teste, ti guardi alle spalle e mi dici con un sorriso... "Ciao".

Storie simili

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

526 I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

417 I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

402 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

453 I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

406 I più visti

Likes 0

Piacevole Maestro

Qualche settimana dopo mi sono svegliata presto per aiutare le mie sorelle a preparare la colazione. Mi girai per vedere il maestro Arik che mi fissava. Sbattei le palpebre velocemente sentendo il mio cuore battere all'impazzata per la sorpresa di vederlo sveglio. Sorrise lentamente mentre mi sedevo; le coperte espongono i miei seni e i miei capezzoli che si induriscono nell'aria fresca. Si sporse in avanti e fece rotolare delicatamente i miei capezzoli tra le sue dita. «Vieni qui» disse con voce roca. Mi sono avvicinato un po' e lui mi ha fatto cenno di cavalcare il suo corpo prono. Ho...

302 I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

906 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

942 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

906 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

716 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.