Il figlio della lussuria Capitolo 19: L'incentivo di formazione impertinente della sorella

173Report
Il figlio della lussuria Capitolo 19: L'incentivo di formazione impertinente della sorella

Il figlio della lussuria

Capitolo diciannove: L'incentivo di addestramento per i cattivi della sorella

Con il mio pseudonimo3000

Diritto d'autore 2020

Nota: questa storia è stata commissionata da Ultrasound 7 e mi ha permesso di condividerla con te. Questo può contenere scenari e atti che normalmente non scriverei. Ci sarà un forte tema dello schiavo sessuale/dominazione. Eviterò che questo violi qualsiasi cannone stabilito nel mondo e ho sviluppato la mitologia che guida questa storia.

Kurtis - Ankush, Il regno di Naith

Avevo due settimane per prepararmi al combattimento.

Il giorno dopo, dopo aver dormito bene con le mie donne, mi sono sentito rinvigorito. Pronto per allenarti. Ho calpestato le sabbie della piazzetta; L'allenamento personale della principessa Lavhi sabbie. Era di circa trenta piedi per lato, con intorno un passaggio coperto dove le mie donne osservavano.

"Buona fortuna, Maestro", piagnucolò Lavhi. Si sdraiò su un fianco, un dildo che le ronzava via nella fica. Le principesse rakshasa avevano un sorriso sognante sulle labbra. Sembrava di essere in paradiso.

"Posso farlo", dissi, indossando la mia armatura per la prima volta. Il mio braccio sinistro si sentiva così appesantito. Avevo un bracciale intorno all'avambraccio, un couter intorno al gomito e uno spallaccio sopra la spalla con un tutore per coprire la parte superiore del braccio. Quello e il gonnellino di cotta di maglia erano tutto ciò che indossavo. Il mio petto era nudo al sole e agli attacchi degli altri.

"Hai un bell'aspetto con l'armatura da gladiatore, maestro", disse la principessa Naryu.

«Va bene» disse Pyrriah. “Solo combattimento. Valuteremo quanto sei bravo".

"Sì, sì", ho detto, facendo oscillare la mia spada di legno da allenamento davanti a me. Era modellato ed equilibrato come il mio tulwar. "Sono pronto."

«Vedremo» disse Korvan, il capitano di guardia della principessa Lavhi. Be', era il mio capitano di guardia, immagino. Possedevo tutti i suoi schiavi. L'uomo con un occhio solo mi sorrise e poi si precipitò dentro, facendo oscillare la sua lama di legno, una spada dritta.

Le nostre armi sbattevano insieme. L'addestramento che Pyrriah mi ha dato sulla scatola del tesoro mi è tornato in mente. Ho affrontato l'uomo con fiducia. Potrei farlo. Potrei trionfare sullo stronzo. Lo attaccai, sferzandolo con la mia lama.

Ha bloccato e parato. L'uomo era bravo, ma non aveva l'abilità di Pyrriah. E lei me lo aveva insegnato. Ho sorriso e ho respinto i colpi. La mia fiducia cresceva e si gonfiava ad ogni momento. prevarrei. Trionferei su questo succhiacazzi.

Ho respinto il suo attacco. Strizzò gli occhi con l'occhio buono. La sua sfrontatezza era svanita. Adesso mi ha preso sul serio. Potrei sicuramente farlo. Mi sono avvicinato a lui. Ha sbattuto la mia spada di lato, poi ha fatto qualcosa che non mi aspettavo.

Mentre si ritirava, affondò nel terreno le dita del suo piede calzato di sandali e poi mi diede un calcio in faccia con la sabbia. Sussultai mentre spruzzava sui miei lineamenti. Si è aggrappato alle mie labbra ed è entrato nella mia bocca. Ma peggio, era nei miei occhi.

"Dannazione di Dio!" sussultai, sbattendo le palpebre. Mi fanno male gli occhi. La mia vista si è offuscata. Non riuscivo a vedere niente. La rabbia mi attraversò. Ha barato-

La sua spada mi colpì il petto. Il dolore è esploso nel punto in cui mi ha colpito. Sussultai e ricadii sulla sabbia. Ansavo in cerca d'aria mentre mi strofinavo la sabbia dagli occhi. Le lacrime mi rigarono le guance mentre chiudevo le palpebre per l'ultima presa.

"Che cos 'era questo?" ho chiesto. "Devi imbrogliare?"

"Nessuna regola nell'arena", disse la guardia.

«Ha ragione, maestro» disse la principessa Naryu. "Calciarti la sabbia in faccia ne fa parte."

“Dannazione,” gemetti.

"Devi fare di meglio", disse Pyrriah. "Se Korvan ti avesse preso sul serio fin dall'inizio, ti avrebbe sconfitto prima di allora."

"Che cosa?" borbottai, alzandomi.

"Hai bisogno di incoraggiamento". Pyrriah mise la testa a coppa sul mio orecchio e sussurrò.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Lasla

Kurtis fissò nostra sorella sconvolto. La sua mascella cadde. Non l'avevo mai visto così stordito prima. mi contorcevo, la curiosità traboccava dentro di me. Lanciai un'occhiata a mia sorella mentre marciava sulla sabbia. Mi ha raggiunto.

"Cosa hai sussurrato?" Le ho chiesto. "Per favore, per favore, dimmelo."

"Che non otterrebbe la figa da nessuno di noi se non riesce a battere Korvan."

Sono scoppiato in risatine malvagie. "È così cattivo."

Lei scrollò le spalle. “Vuole fare questa idiozia. Non lascerò che si faccia uccidere, quindi devo fare il possibile per tenerlo in vita".

"E le schiave del sesso?"

«Li fermerò io», promise Pyrriah.

Le ho creduto. C'era qualcosa di serio in Pyrriah che non era mai stato in lei. Questo ferro nei suoi occhi e nella sua spina dorsale. Questa lotta stava portando una parte di lei che era stata a lungo sepolta in lei. L'ha resa così diversa da me. Non potevo combattere. Non potevo marciare nell'arena.

Non potevo sfidare nostro fratello come ha fatto lei.

Cosa la rendeva diversa da me? Erano le nostre madri? Doveva essere così. Anche se sembravamo identiche, a parte il colore dei nostri capelli, avevamo madri diverse. Questo doveva riguardarci. Era facile pensare che noi tre fossimo terzine, ma io ero davvero la loro sorellastra.

Il braccio di Pyrriah mi circondò la vita. Mi attirò a sé come se potesse percepire il dolore che stavo provando. Appoggiai la testa contro la sua spalla e sorrisi. Ero così confortato dal suo tocco. La sua mano scivolò su e giù per il mio fianco. Ha trovato il mio seno, l'ha impastato.

La mia figa si è bagnata.

"Non è davvero giusto", borbottò nostro fratello. Aveva la sabbia fuori dagli occhi ed era pronto per iniziare. "Sento che stai accendendo Lasla."

"Posso avere la figa", ha detto Pyrriah. "Sei tu quello che ha bisogno di migliorare."

Questa volta era chiaro che Korvan non ha resistito fin dall'inizio, ma nostro fratello è stato fantastico. Ha ballato intorno alla sabbia. Respinse le spade, fluendo. Era quasi bellissimo. Il sole scintillava sul suo petto muscoloso. Sembrava così sexy nella sua armatura che copriva solo il suo braccio sinistro.

La mia figa è diventata più calda. Nostro fratello lo sentiva, poveretto. Ma era così che funzionava la vita a volte. Le fighe della donna sono diventate tutte belle e succose. Cosa avresti fatto al riguardo? La mia fica era in fiamme. Solo grondante di tale eccitazione.

Rimasi senza fiato e strillai e incoraggiai mio fratello.

Il sudore volava dai loro corpi. Entrambi gli uomini erano belli, ma mio fratello era stupendo. Le loro lame si scambiavano colpi sferraglianti. La mia figa si strinse mentre aspettavo di vedere chi avrebbe vinto, Pyrriah mi massaggiava la tetta per tutto il tempo.

Era così cattivo da parte sua. Lo amavo.

Mi leccai le labbra, il calore mi gocciolava lungo le cosce. Kurtis fece oscillare la sua arma un paio di volte poi aveva disarmato il suo avversario. Ho esultato quando ha fatto inciampare il combattente con un occhio solo e lo ha preso a calci in culo. Vi è atterrato pesantemente. Ansimò, fissando mio fratello.

«Ce l'hai fatta!» gridai.

"Sì, l'ho fatto", disse Kurtis.

"Okay, hai vinto quella battaglia", ha detto Pyrriah. “Ti godi la figa di Lasla. Un cazzo e poi devi tornare ad allenarti".

Squittii di gioia e mi precipitai da mio fratello proprio lì sulla sabbia. Korvan si rotolò su e giù, strofinandosi la coscia dove era stato colpito. Non mi importava. Ho appena raggiunto mio fratello e ho attaccato la cintura che reggeva il suo kilt di cotta di maglia.

È caduto da lui con un sonaglio e il suo grosso cazzo è saltato fuori. Gemetti alla sua vista. Volevo succhiarlo, ma doveva tornare alla sua formazione. Mi voltai e mi inginocchiai per terra dove era sdraiato Korvan. Ho mosso la mia groppa, la crema per la figa inzuppando il mio cespuglio nero.

"Fottimi!" gemevo, così ansioso di essere preso alla luce del sole mentre la nostra famiglia e gli schiavi ci osservavano.

“Dannazione,” ringhiò e cadde in ginocchio dietro di me. Il suo cazzo ha schiaffeggiato la mia groppa. Rabbrividii di gioia al contatto del suo cazzo sulla mia carne.

Poi, ancora meglio, mia sorella si è inginocchiata davanti a me. Il rosso cespuglio inzuppato di Pyrriah apparve davanti al mio viso mentre le sue cosce si aprivano a forbice. La mia lingua danzava sulle mie labbra. Ho tuffato la testa per la sua fica, strofinando il naso tra i suoi riccioli bagnati. Ho baciato la sua figa piccante.

L'ho leccata. L'ho accarezzata con fame. La mia lingua volò sulle sue pieghe. Adoravo divorare la fica di mia sorella. Era la figa migliore del mondo. La sua e quella di mia madre. Mi mancavano mia madre e le mie figlie. Ho chiuso gli occhi contro quel desiderio.

Li vedrei di nuovo.

Kurtis ha premuto il suo cazzo nel mio cespuglio. Non ha perso tempo a trovare le mie chiappe gocciolanti e la mia spinta. Il suo cazzo speronato nella mia figa. Gemetti per il brivido incestuoso di essere riempito dal cazzo di mio fratello. È stato così incredibile.

Così ho infilato la mia lingua nella succosa presa di mia sorella. Mentre mio fratello mi ha speronato fino in fondo la fica, ho invaso la sua. Si lamentò, stringendomi le cosce intorno al viso e avvicinando le mie labbra alla sua figa. L'ho leccata. L'ha accarezzata.

"Il grosso cazzo di Las", gemette nostro fratello. Mi ha spinto nella fica. Ha seppellito profondamente e duramente nella mia presa.

Rabbrividii, amando quel cazzo che mi sbatteva addosso. È stato fantastico vederlo riempire la mia figa mentre leccavo la figa di nostra sorella. Ho divorato la fica di Piria con fame. Gemeva, le sue tette rotonde tremolavano.

“Mmm, ecco fatto,” gemette mio fratello. Ha pompato via la mia fica. "Mangia, mangia quella figa."

"Quando Lasla non mangia la figa?" gemette Piria. "Ooh, ha la lingua dentro di me."

"Buona!" grugnì nostro fratello.

La mia figa si strinse sul suo cazzo. L'ho tenuto stretto mentre si seppelliva nella mia presa ancora e ancora. Ho mosso i fianchi attorno al suo cazzo. Tremavo, godendomi questo piacere. È stato fantastico. La gioia incestuosa ha gonfiato il mio orgasmo. Ne avrei uno così grande. Solo una potente esplosione di sperma.

La mia fica si strinse su di lui, aumentando quell'attrito. Ho goduto del calore che mi gonfiava. Avrei una tale piccola esplosione di beatitudine. Solo un'enorme esplosione di estasi che mi avrebbe travolto. È stato fantastico. Rabbrividii, costruendo verso quel momento orgasmico.

"Sì sì sì!" Mi sono lamentato nella figa di mia sorella.

Ho alzato la lingua fino al suo clitoride. Ho succhiato il suo bocciolo. Sussultò, ficcandomi in bocca il suo strappo. Ha spalmato la sua carne calda contro le mie labbra affamate. Il suo clitoride è scivolato dalle mie labbra, ma l'ho trovato e mi sono riattaccato.

gemette: "Lasla!"

"Mmm, falla venire!" ringhiò Kurtis mentre mi martellava la fica, le sue palle che sbattevano contro il mio cespuglio. Mi ha colpito forte e veloce. Mi seppellì ancora e ancora. È stato fantastico sentirlo sbattere contro di me. Ha seppellito nella mia fica con tale potere.

"Oh, dio, sì!" gemetti, stringendomi intorno a lui. "Questo è tutto. È così buono. Sto per esplodere!"

Ho succhiato forte la fica di mia sorella.

Strinse le cosce intorno al mio viso. Mi ha tenuto stretto. Lo amavo. L'ho allattata con fame. La mia lingua danzava intorno alle sue protuberanze. È stato fantastico. Rabbrividii, la mia figa si stringeva così forte attorno al cazzo di mio fratello. È stato incredibile. Sorprendente.

Mi seppellì ancora e ancora. Ne ho amato ogni momento. Ho assaporato fino all'ultimo secondo del grosso cazzo di Kurtis che si seppelliva dentro di me. Mi ha eccitato con tutta la sua passione virile. Strinsi gli occhi, la pressione cresceva e cresceva dentro di me.

Piria si oppone. Succhi piccanti mi sgorgavano in bocca.

Ho leccato l'inondazione di mia sorella. Ho leccato tutto quel meraviglioso sperma che mi è sgorgato in bocca. Il mio corpo tremava. gemetti, il calore mi pervade. Rabbrividii, la mia figa si stringeva sul cazzo di mio fratello. Questo calore si increspò attraverso m strappare.

Sono venuto.

Ho accarezzato la presa di mia sorella mentre il piacere scorreva attraverso il mio corpo. La mia fica ebbe uno spasmo attorno al cazzo di Kurtis. Squittii mentre leccavo la crema di Pyrriah. Il piacere è esploso da me e ha attraversato il mio corpo.

"Oh, mio ​​dio, sì!" mi sono lamentato. "Sborrami dentro, Kurtis!"

"Sborra in nostra sorella!" Pyrriah sussultò, il suo corpo tremava, le sue tette tremolavano.

"Sì!" ringhiò Kurtis, il suo cazzo che guidava fino all'elsa nella mia fica convulsa. "Dannazione di Dio!"

Il suo sperma ha sparato nella mia figa. Ha pompato la mia presa piena del suo sperma. Gemetti, la mia fica si increspa e si contorce intorno al suo cazzo. Il piacere scorreva nella mia mente. Sono annegato dal piacere mentre il suo sperma mi ha imbastito la fica. È stato stupefacente.

Ho leccato la deliziosa crema di Pyrriah mentre Kurtis ha versato l'ultimo del suo sperma nella mia figa. Tremavo lì, il mio orgasmo raggiungeva le meravigliose vette dell'estasi. Rabbrividii mentre sprofondavo nella beatitudine.

"Dannazione", disse Kurtis. “Credo... credo di aver bisogno di tornare ad allenarmi. Così posso guadagnare un po' di fica in più, eh, Pyrriah?

«Oh, sì», disse. "Non appena sconfiggerai Korvan e due delle sue guardie senza farti male, avrai più figa, fratello."

"Che cosa?" ansimò. "Tre?"

"Vuoi vincere o meno la Prova d'Acciaio", ha detto Pyrriah. “Non ti lascerò andare là fuori a meno che tu non sia abbastanza bravo. Quindi, tre uomini. Allora otterrai la figa. Dico sul serio, Kurtis. Hai bisogno di motivazione. È l'unica cosa che funzionerà con te".

"Illth è pieno di sperma", mormorò. "Tre? Non posso batterne tre".

"Certo che puoi", fece le fusa Pyrriah. “Perché se lo fai otterrai una figa deliziosa e meravigliosa. Come ti sembra?"

“Dannazione,” gemette. “Dannazione a Dio, ok. Facciamolo!"

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kurtis

Ho indossato il mio kilt di cotta di maglia e poi ho preso il mio tulwar di pratica. Questa volta, Korvan è venuto verso di me con due delle sue altre guardie su di me. Ho dato un'occhiata alle mie donne. Lasla sembrava ancora felice per il suo orgasmo mentre Pyrriah aveva questo bagliore duro come il ferro negli occhi.

Accidenti, era davvero seria. Tre di loro, eh. Beh, dovrei solo farlo fare. Nient'altro da fare al riguardo. Alzai le spalle e affrontai gli uomini mentre venivano verso di me. Si sono allargati e poi mi hanno circondato.

Cosa ho fatto al riguardo?

Ringhiarono e mi attaccarono. Ho bloccato lo swing di Korvan e poi ho schivato il duro swing di Shak. Ho ballato a destra, evitando a malapena il colpo di Thov. Erano intorno a me. Oscillandomi da ogni lato.

mi sono contorto. parato. Ho faticato a pensare.

CREPA!

Korvan mi ha colpito alla schiena. Inciampai in avanti, grugnendo. Ho allungato la schiena.

«Ancora una volta» chiamò Pyrriah.

I tre tornarono in posizione. Ho alzato le spalle. Si sono precipitati verso di me. Ho dovuto ricordarmi di usare la mia armatura. Parare con il mio lato sinistro. E non potevo lasciare che mi aggirassero. Come farlo? Ho preso a calci la sabbia a Thov. Alzò un braccio di guardia. Gli altri due sono entrati.

"Dannazione di Dio!" Ho imprecato e sono corsa indietro. Le spade squarciarono l'aria davanti a me. Ho bloccato la spada di Korvan con il mio braccialetto. E ha oscillato per infliggergli un colpo finale solo per far balenare la lama di Shak sotto il mio braccio oscillante e colpirmi al fianco.

grugnii.

"Ancora!" abbaiò Piria.

Si sono precipitati verso di me. Ho sbattuto contro Shak. Ha bloccato. Poi ho fatto un perno e ho sferrato un duro colpo a Korvan. Lo prese sul braccio corazzato e mi diede un calcio. Ho fatto un salto indietro e sono corso dritto contro la spada di Thov, l'estremità smussata che mi ha sbattuto contro il rene.

Il dolore divampò.

"Ancora!"

Era impossibile tenerli d'occhio tutti e tre. Mentre ne attaccavo uno, gli altri due stavano colpendo i miei punti ciechi.

"Ancora!"

Ho sofferto mentre mi lanciavo in un duro attacco. Ho dovuto ucciderne uno per pareggiare le probabilità. Thov ha bloccato i primi tre colpi mentre gli altri due si precipitavano ad attaccare. Imprecai e presi il colpo di Shak sulla mia spada e alzai il braccio sinistro con il bracciale per bloccare quello di Korvan.

La spinta di Thov mi ha colpito il petto.

"Ancora!"

Mi hanno sciamato.

"Ancora!"

Sono venuti verso di me da ogni parte.

"Ancora!"

Ho fatto tutto quello che potevo.

"Ancora!"

Ho provato diverse tattiche.

"Ancora!"

Avevo bisogno di prendere un po' di figa. Erano passate due ore. Ero dolorante dappertutto, il sudore mi gocciolava sul viso e mi bruciava gli occhi. Ho dovuto batterli. dovevo solo.

"Ancora!"

Non volevo andare tutta la notte senza prendere la fica.

"Ancora!"

Ma erano troppo buoni. Troppo veloce. Non potevo ucciderne uno. E dovevo. Piria aveva ragione. dovevo essere migliore. Tharaka era la campionessa e suo fratello era un troll. Se volevo vincere, dovevo essere migliore.

"Ancora!"

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Lasla

Era stata una settimana lunga, lunga. Una settimana senza farsi fottere da Kurtis.

L'intero harem era eccitato. Stavamo tutti artigliando le lenzuola, aspettando che Kurtis battesse i tre. Abbiamo implorato Pyrriah di lasciarci scopare, ma lei ha detto di no ogni volta, guardandoci male con quel fuoco che le bruciava dentro.

Mi faceva male la figa. I dildo non erano abbastanza. Non importa quante volte Pyrriah o Madre Azuliana o la Principessa Naryu o Nephi mi hanno scopato con uno strap-on vibrante, non era abbastanza. La mia figa bramava il cazzo di mio fratello. Il suo sperma. Ero una figlia di Las.

Non essere fottuto da mio fratello per così tanto tempo è stata una tortura.

Ho piagnucolato mentre lo guardavo combattere. Era migliorato. Gli ci vollero tre giorni per sconfiggerne uno. E poi non poteva ripetere quel successo per altri due giorni. Adesso era abile a farne fuori uno, ma si lasciava sempre aperto.

Ieri era andato vicino, arrivando solo a Korvan, ma finendo Thov aveva dato a Korvan l'apertura per eliminare Kurtis pochi istanti dopo. Tuttavia, stava migliorando molto. Il suo corpo diventa sempre più forte.

«Non è naturale», mormorò Thov l'altro giorno. Non sapeva che stavo ascoltando. “Sta mettendo su muscoli velocemente. E si sta riprendendo dai colpi senza alcuna magia curativa.

Solo la prova che mio fratello era un semidio.

Era l'ottavo giorno del suo allenamento. Era passato sette notti senza dormire con noi. Sette notti senza scivolare nella mia figa o in quella di Pyrriah. Nemmeno sua madre o un'altra schiava del sesso. Rabbrividii, avevo bisogno che lui vincesse.

“Kurtis!” Ho esultato, rimbalzando su e giù all'inizio del quinto incontro della giornata.

“Puoi farcela,” gemette Madre Azuliana. Si strofinò la figa attraverso la fessura della cintura di castità.

"Maestro! Maestro!" gemette la principessa Naryu. “Per favore, per favore, vinci. Per favore!"

Anche Nefi sembrava essere al suo punto di rottura. Solo Pyrriah era in piedi con le braccia incrociate, gli occhi fissi sul combattimento. Kurtis si precipitò ad attaccare il fianco destro, Shak questa volta. Aveva trovato il maggior successo con quella funzione.

La mia figa si strinse mentre lui buttava da parte la spada di Shak e gli colpì le viscere. Quindi Kurtis si girò di scatto e pararò il colpo di Korvan con uno schianto delle loro spade di legno. Un attimo dopo, bloccò l'attacco di Thov con il suo braccio corazzato. Il suo piede si scagliò, calciando Korvan al ginocchio. Sussultò e cadde. Kurtis afferrò il braccio della spada di Thov e lo spinse indietro.

Il suo tulwar ha preso Thov nelle viscere.

«Sì, sì, sì», gemetti con calore febbrile. Kurtis si girò di scatto quando Korvan si rimise in piedi.

Uno a uno. Potrebbe farlo. La mia fica si strinse ad ogni rumore delle loro spade. Tre rapidi scambi e poi Kurtis sbatté la sua lama nello stomaco di Korvan. Mio fratello si è messo in posizione di guardia e...

E...

"SÌ!" gridò a tutte le sue donne. Quindi lo stavamo affrettando.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kurtis

Le mie donne mi hanno sciamato.

Pyrriah era al loro comando, Lasla al suo fianco. Mia madre-drago, Nefi e la principessa Naryu stavano tutti cercando di prendere il mio cazzo mentre la principessa Lavhi tremava mentre giaceva su un fianco, persa dalla beatitudine del vibratore che le ronzava dentro.

"Fratello!" Pyrriah gemette e poi si gettò verso di me. Le sue gambe sono passate intorno alla mia vita. La forza del suo impatto mi ha respinto. Inciampai e caddi a terra, atterrando sulla sabbia riscaldata dal sole. La sua lingua si è infilata nella mia bocca mentre le sue mani...

Ha tolto le mani dalla mia cintura e poi ha spinto giù la mia gonna di cotta di maglia. Ha ripescato il mio cazzo e mi ha accarezzato. Ho rabbrividito mentre mi ha premuto contro la sua figa e poi ha sbattuto il mio cazzo.

Figa.

Figa meravigliosa, gloriosa, incredibile, stretta, incestuosa. Gemetti mentre la sua presa mi ha inghiottito in un momento. Il mio cazzo pulsava nella sua fica. Era passata una settimana, una settimana!, senza che questa guaina estatica si stringesse intorno al mio cazzo.

Interruppe il bacio e si alzò, i seni che rimbalzavano davanti a lei. Fletté le cosce toniche, le sue tette che si sollevavano su e giù. Gemeva mentre mi assaporava. Poi Lasla si è seduta sulla mia faccia, portandomi alle labbra il suo manicotto di pelo nero.

"Se non posso avere il tuo cazzo, avrò la tua bocca!" strillò.

"Per me va bene", gemetti, assaggiando la figa per la prima volta in così tanti giorni.

Figa piccante, succulenta, sorella.

Le ho leccato e leccato la fica mentre Pyrriah ha lavorato la sua figa su e giù per il mio cazzo. Mi cavalcava con una passione così febbrile. gemetti, assaporando la sensazione della sua fica che lavora su e giù per il mio cazzo. È stato incredibile divertirsi.

Sussultai, i miei occhi si chiudevano. Questo piacere mi attraversò. è stato fantastico divertirsi. Amo ogni suo momento. Ho assaporato fino all'ultimo secondo di lei mentre affondava la fica nel mio cazzo, massaggiandomi l'asta. Gemetti nella fica piccante di Lasla, il cuore che mi batteva nel petto.

“Dio,” gemetti e spinsi la lingua nella fica di mia sorella.

Lasla sussultò mentre mi giravo dentro di lei. Potevo sentire il loro calore febbrile. Non sono stati gli unici a cui è stato negato il rapimento negli ultimi sette giorni. Sì, si erano fatti l'un l'altro, ma era il mio cazzo che desideravano davvero. Le mie sorelle avevano bisogno del mio cazzo.

E avevo bisogno delle loro fighe.

Ho fatto roteare la lingua nella fica di Lasla, bevendo la sua crema che mi è gocciolata in bocca. Il mio cazzo pulsava mentre Pyrriah mi cavalcava velocemente, la sua figa si stringeva mentre scivolava su. Mi tenne stretta nella sua stretta. È stato stupefacente. Meraviglioso. Ne ho amato ogni secondo.

Ha smosso la fica attorno al mio cazzo, ruotando i fianchi. Gemetti, le mie palle si stringono. Il dolore costruito e costruito sulla punta del mio cazzo. Avrei una tale enorme esplosione di sperma. Vorrei solo imbastire la sua fica con il mio sperma.

"Sì, sì, sì", gemette Lasla. “È così buono. Dio, sto per sgorgare così tanta crema.

"Mmm, inondagli la bocca!" ansimò Piria. “Affoga nostro fratello nella crema per la figa. Sgorga tutti quei succhi di fica nella sua bocca.

"Sì!" ringhiai.

Sbatto la lingua tra le sue pieghe, sfiorandole il clitoride, sentendo il suo piacere gonfiarsi. Il mio cazzo pulsava mentre l'altra mia sorella mi cavalcava. La mia gemella ha lavorato la sua fica su e giù per il mio cazzo con tale forza. La sua figa si strinse intorno a me. È stato fantastico sentirsi. gemetti, precipitando verso quel momento in cui sarei esploso.

Mi facevano male le palle. Il sollievo era a portata di mano.

Lasla mi appoggiò il manicotto peloso sul viso, le sue chiappe serrate davanti ai miei occhi. Gemetti, accarezzandole le cosce mentre la mia lingua accarezzava la sua carne calda. Pyrriah ha sbattuto la sua fica sul mio cazzo, la sua figa ingoiando ogni centimetro.

“Dio,” gemetti, così vicino.

La mia lingua si conficcò nella fica di Lasla, muovendosi in lei mentre il mio cazzo pulsava nella figa di Pyrriah. Entrambi gli orgasmi di mia sorella si stavano gonfiando fino al loro rilascio. Venirebbero nello stesso momento se avessi cronometrato bene. Mentre Pyrriah mi ha sbattuto il cazzo, ho succhiato il clitoride di Lasla nella mia bocca.

Sono esplosi.

La crema per la figa mi è sgorgata in bocca. Ho bevuto la meravigliosa alluvione di Lasla. Ho ingoiato la passione di mia sorella mentre la fica della mia gemella si contorceva intorno al mio cazzo. Mi ha succhiato in quel modo meraviglioso. La figa era incredibile. Eccezionale.

"IL CAZZO POTENTE DI LAS!" Ruggii ed esplosi.

Sono venuto e sono venuto e sono venuto.

Cum sparato dal mio cazzo. Uno scatto dopo l'altro di sperma mi è uscito fuori. ringhiai quando finalmente ebbi quella liberazione. Il dolore alle palle si alleviava mentre imbastivo la presa di mia sorella. Ho pompato un carico dopo l'altro di sperma in lei. Ho assaporato ogni momento. Il mio corpo tremava. Ho avuto uno spasmo per terra.

«Oh, Dio, sì», gemette Pyrriah. “Inondami. Pompa tutto quello sperma nella mia fica! Si si!"

"Il grosso cazzo di Las!" Lasla gemette. “Oh, Kurtis, il solo fatto che mi mangi la figa è stato fantastico. Ti voglio bene!"

"Ti amo!" ansimò l'altra mia sorella.

ringhiai, bevendo crema per la figa che sborrava più e più volte. Il piacere sbatté nella mia mente. Le scintille sono esplose nei miei pensieri. gemetti, assaporando ogni momento di questa beatitudine. Ogni ultimo secondo di questo diluvio estatico. È stato incredibile divertirsi. Una delizia incredibile. Ne ho assaporato ogni secondo.

Ho sparato così tanto sperma in mia sorella. Le ho imbastito la fica con ogni goccia di sperma che avevo nelle palle. gemetti, bevendo la delizia speziata di Lasla mentre mi chiedevo se le mie palle si sarebbero mai prosciugate. Gemevo e rabbrividivo, raggiungendo l'apice della mia estasi.

"Dio, sì!" Gemetti, la sua figa finalmente mi prosciuga.

«Oh, sì, sì», gemette Lasla. “Oh, è così buono. Il mio turno."

"No!" Piria sussultò. “Ha picchiato tre uomini contemporaneamente solo una volta. Non si prende la figa finché non le batte dieci volte di seguito senza averne.

"Che cosa?" ho sussultato,.

"Ancora!" gemette. “Lo farai.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Piria

Due giorni dopo, mio ​​fratello ha raggiunto di nuovo il piacere della figa. È stato allora che ho capito che avevamo una possibilità. Non c'erano garanzie, ma almeno non era impotente. La negazione della figa lo aveva motivato come nient'altro avrebbe potuto.

Vedrei mio fratello protetto a qualunque costo. Era il mio destino. Quel bisogno di combattere al suo fianco bruciava in me.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kurtis

Tutta la mia pratica era giunta a quel momento. La partita.

Rimasi nell'anticamera, davanti a me le scale che portavano all'arena. Lasla stava facendo gli ultimi controlli sulla mia armatura. Mia sorella aveva un'espressione nervosa sul viso, i capelli neri che ondeggiavano sui lineamenti pallidi. Indossavo un kilt di cotta di maglia che scendeva fino alle ginocchia e uno spallaccio sulla spalla sinistra. Le piastre dell'armatura sono scese lungo quel braccio, dandomi protezione. Il mio petto era nudo e oliato. Avevo anche più muscoli che sull'isola. Avevo passato le ultime due settimane ad esercitarmi, ottenendo a malapena la figa fino agli ultimi giorni.

Ero abile quanto Pyrriah poteva farmi.

Mia sorella indossava qualcosa di simile a me, i suoi capelli rossi raccolti in una coda di cavallo. Aveva una fascia di cotta di maglia intorno alle tette e la sua gonna era più corta della mia, coprendosi a malapena la groppa. Aveva la stessa protezione per la spalla e il braccio sinistro, lasciando il braccio della spada libero di far oscillare il suo tulwar.

"E' ora", fece le fusa la principessa Naryu. Si inginocchiò davanti alle scale, nuda, la pelle bruna ricoperta dallo stesso olio di Pyrriah e di me. Accanto a lei, la principessa Lavhi giaceva legata e imbavagliata, vibratori nella figa e nel buco del culo che le davano la correzione che desiderava.

«Buona fortuna», gemette Lasla. "Che le concupiscenze di nostro padre ti proteggano." I suoi occhi azzurri erano ancora pieni di dubbi. "Vi amo entrambi!"

Lasla gettò le braccia intorno a me e Pyrriah, trascinandoci in un bacio incestuoso a tre vie. Le labbra delle mie due sorelle erano sulle mie. Le grida della folla si sono affievolite davanti a questa meravigliosa sensazione. Ho chiuso gli occhi, amando le mie donne.

prevarrei. dovevo crederci. Dovevo avere la stessa sicurezza di quando ho speronato il mio cazzo nella fica della regina Athirmi. Potrei farlo. Mia sorella mi aveva addestrato. Era la migliore che c'era. Niente mi impedirebbe di avere successo.

Niente.

Ho rotto il bacio e mia madre drago era lì. Aveva il colletto e la cintura di castità, impedendole di trasformarsi in un drago. Non mi permetterei che lei si precipitasse a salvarmi. Ho dovuto farlo da solo.

Le presi il viso a coppa e la fissai negli occhi azzurri.

«Capisco perché lo stai facendo, Maestro», disse. "Vincerai. Prendi l'orco. Lei è femmina. La sopraffecerai in un modo o nell'altro.

Annuii e baciai mia madre. Le sue labbra avevano un sapore così dolce. gemetti mentre assaporavo il bacio. Poi mi staccai da lei e mi rivolsi a Nefi. La mia sfinge fece le fusa mentre mi leccava le labbra, sfiorandomi con la lingua la punta del naso.

"Prendete a calci in culo lo skank, maestro", gemette. “Mi hai addomesticato. Ciò che un orco può paragonare a una sfinge.

"Così vero."

"Ha ragione", disse la principessa Naryu. «Guarda cosa hai fatto a mio cugino, maestro. Ma devi andare. Se trascorri più tempo quaggiù, sarà un forfait.

Annuii e trassi un respiro profondo. Poi ho preso la mano di mia sorella gemella. Quando ho sentito il calore della sua presa, tutto sembrava così a posto. Nel controllo. Era come se fosse nata per combattere al mio fianco. Ecco perché aveva i suoi poteri.

Insieme, abbiamo marciato su per le scale di pietra e siamo usciti nel Colosseo.

Il suono era assordante. I ruggiti dei Naithan ci circondavano. Per lo più umani riempivano le tribune, più poveri erano i cittadini, più in alto si sedevano. I rakshasa erano nel palco reale. La regina Athirmi osservava con i suoi quadri di strani schiavi. Sembrava che la sua lamia fosse tra le sue cosce mentre i suoi gemelli si inginocchiavano per leccarle i piedi.

La regina sapeva come supervisionare il divertimento.

L'arena era un ovale di sabbia. In fondo apparvero Tharaka e suo fratello troll. Il padre del troll aveva violentato la madre di Tharaka. La donna era sopravvissuta portando un troll. Erano alcune delle razze più brutali generate da mio padre.

Troll e orchi erano creature vili. Le donne non dovrebbero essere brutalizzate dai mostri. Dovrebbero essere amati e regalati piaceri. I loro corpi dominarono finché non tremarono nella gelatina e implorarono di essere fottuti e allevati.

«Non pensare al sesso», disse Pyrriah. "Lotteremo per le nostre vite".

"Penso sempre al sesso", le dissi.

"Lo so." Si è spostata. “Lasla e io lo sentiamo. Ci fa pensare al sesso".

"Immagina quanto ti fotterò duramente una volta che avremo vinto."

"Non abbiamo ancora vinto", ha detto. "Non essere presuntuoso, Kurtis."

Ci siamo fermati a un terzo del percorso nell'arena. Tharaka e Solja hanno fatto lo stesso. Indossava un'armatura simile alla mia, anche se la sua aveva una filigrana d'oro che catturava la luce del sole che si rifletteva su di essa. Estrasse una spada pesante, non il sottile tulwar che tenevo in mano. Solja non indossava altro che un perizoma, nemmeno una catena. Era alto, il suo corpo legnoso pieno di ombre scoscese. Sorrise, tenendo un ram-dao in una mano. Era una lama simile a una mannaia, pesante e doveva essere impugnata con due mani. Potrebbe tagliare un cavallo a metà con quello.

La regina si alzò, la testa di una tigre. La lamia continuava a leccarsi la figa, le sue vesti viola, rifinite in oro, che cadevano sulla testa della ragazza gatto. Athirmi ci ha esaminato. Mi irrigidii, aspettando che mi venisse dato l'ordine di combattere. Il mio cuore batteva sempre più veloce.

"Due nuovi sfidanti sono venuti per sconfiggere i miei campioni", ruggì la regina. Potevo sentire il piacere crescere e crescere in lei mentre la lamia leccava quella fica reale. “Sono venuti lontano nella nostra città cercando di ottenere il mio favore. Kurtis di Coral Isle e sua sorella, Pyrriah Firehair!”

Alcuni applausi sono scoppiati, ma ci sono stati altri fischi.

"Tharaka e suo fratello non sono mai stati sconfitti nelle arene", gridò la regina Athirmi. "Riusciranno Kurtis e sua sorella a superare la Prova d'Acciaio?"

La folla ha urlato: "NOOOOOOOOO!"

Sorrido, teso, preparandomi. I capelli rossi di Pyrriah già tremolavano con il suo volto focoso. Come l'ha avuto? È venuto da nostra madre? Sebbene la maggior parte dei draghi sputasse fuoco, la mamma respirava vapore. Una delle sue madri ermafrodite era stata una naiade.

dovevo concentrarmi.

"Che vinca il più astuto e malvagio!" ruggì la regina.

Tharaka e suo fratello si lanciarono verso di noi, le tette dell'orco che si sollevavano nella sua maglia di cotta di maglia. Erano due triangoli di metallo tenuti da cinghie di cuoio che coprivano le sue grandi tette verdi. I suoi folti capelli neri le svolazzavano dietro. La luce del sole luccicava sui piercing ossei che le adornavano le orecchie e il viso. Ringhiò, alzando la pesante spada sopra la testa.

Mi sono precipitato dentro e le ho fatto oscillare il mio tulwar con un colpo frustato. Scivolò fino a fermarsi e la bloccò con la spada. Le nostre armi risuonarono. La polvere sabbiosa si alzò intorno ai nostri piedi. Mi sorrise e cadde in posizione di guardia. Le ho abbinato, i miei piedi piantati proprio come mi aveva insegnato Pyrriah.

Tharaka attaccò, un colpo secco per tagliarmi la gola. Ho parato e risposto, costringendola a ritirarsi ea dare uno schiaffo alla mia lama di lato. Solja si avvicinò a me per combattere mia sorella mentre il mio snello tulwar sferzava l'aria in una macchia d'argento.

La fiducia crebbe in me mentre Tharaka si ritirava. I suoi occhi scuri si restringono. Ho premuto l'attacco mentre lei bloccava e parava. L'ho riportata indietro passo dopo passo. Scintille divampavano ogni volta che le nostre armi si scontravano. Gli impatti hanno scosso la lama.

ho tagliato.

Spinta.

Violato.

Stava andando molto meglio di quanto pensassi. La stavo dominando. Non sarebbe passato molto tempo prima che l'avessi alla mia mercé. I suoi occhi si concentrarono intensamente, osservando la mia lama mentre le tagliavo il petto. Lo pararò, indietreggiò di un passo e...

Mi stava studiando. Stava prestando attenzione ai miei attacchi. Non l'avevo sulla difensiva come pensavo. Mi stava scrutando. Alla ricerca di un punto debole nella mia tecnica. Un'apertura che potrebbe sfruttare.

Feci un colpo e la sua spada si offuscò, spingendo da parte la mia lama e poi azzannandomi alla gola.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Piria

Mi sono tuffato di lato.

L'ariete del troll si è schiantato contro la sabbia dove mi trovavo io. Mi sono avvicinato e ho girato. Ha fatto oscillare la lama della mannaia proprio sulla mia testa, già ripresosi dal suo duro attacco. L'ho schivato. Il vento mi ha sferzato dal suo passaggio.

Era immensamente forte. Brandire quella lama con una mano sola era una minaccia. Gli dava più destrezza che maneggiarlo con due. E la portata della sua arma più lunga e la sua maggiore altezza mi avrebbero reso difficile chiudere la distanza e ferirlo.

Peggio ancora, ha fatto oscillare velocemente la sua arma.

It was counterintuitive, but the longer a weapon was, the faster its tip traveled. The length lets it slice over more surface area. I was no scholar—I didn't understand the math—but I just knew the reality of what I faced.

The knowledge burned in me.

I had to be faster. Smarter.

He swung his weapon. The tip of his blade blurred as it swept across the battlefield. He recovered fast from such brutal swings. I couldn't close the distance enough to get in an attack before I would be vulnerable to his next slash.

I had to disrupt his form. Had to create a distraction.

I began using my weapon to deflect. I couldn't block the powerful sword, it would slash through my tulwar and cut me in half, but I could knock it to the side. Make it miss me. I studied him, looking for weaknesses in his technique.

“Going to dance?” chiese. “Or fight?”

“You should know that every girl loves to dance,” I purred and flicked his sword to the side then darted to the right, my ponytail flying behind me.

“We'll see how you dance when my cock is ramming into your ass!”

“Only one man gets to enjoy my ass,” she said. “A better man than you.”

“But not a bigger man!” he roared and swung his weapon at me.

I found my opening.

As he swung, I kicked sand into his face. The dusty grains splashed across his gnarled features. He cursed and stumbled back. I darted in to slash open his belly. My sword swung in a blurring arc for his guts.

His foot kicked out even faster.

I didn't even see it until the last heartbeat. His toe struck my solar plexus. The air exploded for my lungs as the force threw me back. I flew a dozen feet and landed on the sand with a groaning impact. I coughed and wheezed.

He rushed at me.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Lasla

I winced for Pyrriah. Then I gasped in fear as the troll rushed at her.

I turned to my step-mother. “I have to release you!”

"No!" Her voice was iron. “Only Kurtis can. My daughter has talents that she has yet to even unveil. You'll see.”

I bit my lip and turned to see the troll raising his weapon to cut my sister in half. She had to unveil them now.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kurtis

Tharaka attacked with skill, but I was blocking. Parrying. It was no longer that one-sided battle. We danced around each other on the sands, kicking up the dust as we moved around each other. Our blades clattered and clanged.

She got beneath my guard, cutting for my side.

I raised my left wrist and blocked it with my bracer. The metal rang, the steel band knocking back her sword. I thrust at her. She jumped back and slashed at the air before us. I breathed heavily, more than just oil gleaming on my skin now. Sweat poured down my brown from my hair.

She kicked sand up at my face. I spun around to let it spray over my back and slashed in at her, barreling in. She caught my blade in a block, our weapons binding. We were pushing on each other. She had a gorgeous figure. Tall and strong. The muscles rippled in her arms and lush thighs.

But I had grown strong, too.

“Las's cock!” I growled and threw her back.

She stumbled from me. I kicked out my foot and hooked the back of her ankle. She growled something in orcish as she fell on her back. Her boobs heaved in her chainmail top. I darted in and planted my boot on her right wrist, pinning her sword arm to the sand. I thrust my sword at her throat.

“Yield!” ringhiai.

She grinned at me.

I pushed the point of my throat against her throat. “Yield, or I will—”

“OOOOOAAAAGGGHHHHH!”

Her roar thundered from her. Every muscle in her body bulged, even the ones in her face. Her arm flexed beneath my boot and threw me back. I hit the ground hard, dusty sand bursting around me. I rolled and scrambled to my feet.

Her eyes had a red, murderous glint to them. She snarled like a beast, foam flecking on her lips. I knew what this was. I had heard all the stories of my hero Thrak.

She was a berserker!

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Pyrriah

The sword slammed down at me.

My hair burned bright. I rolled to the side and kicked up. The sword slammed past me and hit the ground. I thrust my blade into his stomach. It penetrated through the woody flesh. I stared up at him and twisted the weapon in his guts.

“You won't beat me with that puny thing,” Solja growled, his breath spilling hot over me. “I won't allow you to take away my chance for vengeance.”

“Vengeance?” I asked. I cut my blade up. “Sorry, but you're already dead.” I ripped my sword free and expected to see his guts spill out.

Instead, his wounds healed. Regenerated.

“I'll win,” he said.

I swallowed as I stared at that. Regeneration?

I groaned. Of course, he was a troll. This was bad. I struggled to pay for time. “Why are you telling me this? Trying to weaken my resolve. Get me to surrender so you can have your vengeance?”

He laughed and headed butted me.

The blow slammed me back down. Light flashed across my vision. I hid the ground hard on my back, groaning from the blow. He kicked me, sending me tumbling. I groaned as I lay there on the ground. He advanced on me.

“My vengeance against the naga won't be stopped by you!” roared the troll.

His sword slammed down at me.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Kurtis

Before I could thrust my sword into Tharaka's gullet, she battered it aside. Her hands shot up and grabbed my shoulders. Her head slammed into mine. Stars burst across my vision. I stumbled back and crashed onto my ass, my chainmail kilt rustling around my lefts.

“Gods,” I breathed, my head throbbing. Fuzzy ripples ran over my mind.

The orc bellowed and gained her feet. The berserker loomed over me, the sun falling behind her head, casting her maddened rages into fierce shadows. I cursed and thrust my sword right for her unarmored guts.

She grabbed my blade with her left hand. Her fingers squeezed about it, blood welling between her digits. Then she yanked hard on my weapon. I gasped, gripping it with all my strength. She hauled me to my feet as I struggled to hold onto it. She marched back, dragging me across the sand.

Mi è scivolata la mano.

She ripped the sword from my grasp and threw it to the side. Then she lunged in at me, foam flexing on her lips. I dodged her first punch, backpedaling. My body remembered hot to move even as my mind grappled with what to do.

How did Faoril tame Thrak when he raged? Sesso. That was the only way to stop a berserk orc. You had to make them cum. I threw out my lust into her as she rushed in at me, her hair streaming behind her.

“Gods, I am going to fuck you—”

Her fist slammed into my stomach. The air whooshed from my lungs and exploded out of my lips. I bent over. Her elbow slammed into the back of my head, driving me to my knees. I wheezed, struggling to breathe.

I had to flood her with—

Her knee slammed into my forehead. My head snapped back, pain bursting in my neck. I groaned, dust rising around me. The crowd roared with excitement as I realized I lay sprawled on the sands. The orc fell on me.

Murder and fury brimmed in her dark eyes as she drew back her fist to pummel my head into gelatin.

Had I made a mistake?

Continua...

Storie simili

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

5 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

503 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

463 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

432 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

536 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

522 I più visti

Likes 0

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

363 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

499 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

416 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

373 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.