BimboTech Capitolo 9: Il grande errore nero della moglie Bimbo

153Report
BimboTech Capitolo 9: Il grande errore nero della moglie Bimbo

BimboTech
Capitolo nove: Il grande errore nero della moglie Bimbo
Di mypenname3000
Diritto d'autore 2017

Alice Jackman, ricercatrice capo di BimboTech Chemicals

"Che cosa?" chiese l'uomo nero, sbattendo le palpebre alla mia domanda mentre gli strofinavo il cazzo attraverso i jeans.
La mia figa si è stretta così forte. Non dovrei farlo. C'era qualcosa che non andava nel siero dell'intelligenza. La pressione nella cabina dell'aereo su cui viaggiavamo stava influenzando me. Quella stupidità continuava a sommergermi e a coprirmi...

Delizioso, delizioso, delizia marshmallow.

Ho ridacchiato, stringendo la figa, desideroso di essere riempito. "Vuoi dare da mangiare al mio gattino?" chiesi con voce frizzante, stringendogli il cazzo indurito. “C'è tanta fame. E ama moltissimo la crema nera. Gli ho stretto di nuovo il cazzo. "E il tuo sembra un alimentatore così enorme."

"Che cosa?" sbatté di nuovo le palpebre, i suoi occhi fissi sui miei seni mentre ondeggiavano. Erano tette così grandi e deliziose tenute nel materiale blu ed elastico del mio vestito. Avevano dei seni così grandi e perfetti. Li ha fatti il ​​mio super intelligente marito scientifico.

"Non vuoi dare da mangiare al mio gattino?" Ho fatto le fusa lentamente in modo che potesse capire. A volte avevo difficoltà a capire le persone. Così tante parole. Ho afferrato la mia gonna, facendola scorrere sulle cosce, mostrandogli la mia figa. Era privo di peli perché ero un bambino. E così succoso perché ero arrapato.

"Porca miseria", gemette, poi guardò la donna nera addormentata accanto a lui.

"È un gattino molto affamato", ridacchiai, il suo cazzo pulsava così forte. "Oh, per favore, non le dai da mangiare?"

Allungò la mano e gemetti mentre il suo dito grosso e scuro scivolava attraverso le pieghe bagnate della mia figa, mandandomi un'ondata di calore che mi attraversava. La mia fica si strinse e il clitoride pulsava. La gioia mi travolse.

Dovevo fermarlo. Dovevo tornare in prima classe. Frank era nel gabinetto e scopava con Donna. Nessuno stava guardando il resto delle nostre mogli idiote. Pensava che stessi bene. Pensava che il siero dell'intelligenza mi avesse dato il mio normale...

"Oh, sì", ho fatto le fusa, mentre il piacere appiccicoso ricopriva tutti i miei pensieri. Il vecchio me, il noioso me, continuava a cercare di interferire. Era ora di divertirsi. “Voglio che tu dia da mangiare al mio gattino sull'aereo. Quindi posso far parte del club del miglio alto.

"Mile high", gemette l'uomo, affondando il dito nelle mie profondità umide e succose. "Porca miseria."

"Continui a dirlo", ridacchiai. «Ma non c'è niente di sacro in questo. Parliamo di cose belle. Come la mia gattina. Non è così morbida, bagnata e succosa?»

"Oh, sì," gemette, senza fiato, con il sudore che gli imperlava la fronte color ebano.

“E il tuo cazzo non ti fa male per dare da mangiare alla mia gattina? Per infilare dentro di me quella grossa asta d'ebano? Adoro le aste in ebano. Sono così grandi. Mi aprono così tanto.

"Porca miseria."

"Andiamo", ho fatto le fusa, abbassando le dita e aprendogli la cerniera.

"Merda, qui?" Le sue dita mi strapparono la figa. "No, no, vai in bagno nella parte posteriore dell'aereo."

"Bagno?" Mi sono accigliato. "Gli aerei non hanno i bagni."

"I gabinetti", gemette. "Proprio lì dietro."

"Oh, okay," ridacchiai, raddrizzandomi. "Dovresti chiamare le cose con i nomi giusti."

Vacillai mentre camminavo lungo il corridoio, mentre un piacere meraviglioso mi attraversava. Sarebbe molto divertente. Avrei dato da mangiare alla mia gattina con un grosso cazzo color ebano e...

Sbattei le palpebre, scuotendo la testa, congelando a metà del corridoio. Lanciai un'occhiata alle mie spalle verso il sipario di prima classe. L'uomo, lanciandomi un'occhiata, si alzò. Aveva un rigonfiamento così duro. Ed era così grande con la corporatura di un ex giocatore di football. Davvero, davvero non dovrei farlo. Nessuno stava guardando le ragazze. Potrebbero andare fuori controllo.

Ma quel cazzo sembrava così grosso. E la mia figa era così bagnata, così arrapata e...

Feci una risatina di gioia. L'uomo stava seguendo con il suo grosso, grosso cazzo nero. La mia figa lo voleva così tanto. Mi affrettai lungo il corridoio, con le tette che rimbalzavano nel vestito. Gli uomini mi fissavano con occhi così affamati. Volevano tutti dare da mangiare al mio gattino. Ma avrebbero dovuto fare i loro turni. Ooh, mi stavo unendo al club del miglio alto.

Raggiunsi il gabinetto e osservai accigliato il cartello sulla porta sopra la maniglia. Era verde e diceva posto vacante. Inclinai la testa, lottando per ricordare cosa significasse quella parola e perché fosse sulla porta. I motel non avevano quell'insegna? Per le stanze libere, giusto? Ho dovuto affittare il bagno?

"Gesù, entra lì prima che mia moglie si renda conto di quello che stiamo facendo", gemette l'uomo nero. "Fottuta scema."

"Sono un idiota", dissi con orgoglio. “Ma dobbiamo affittarlo, giusto? Dice che c'è un posto vacante. Come un motel.»

Mi raggiunse e aprì la porta. Poi mi ha spinto dentro. Un assistente di volo ha detto: "Mi scusi signore", subito prima di raggiungermi, chiudendo la porta. Era così stretto nel bagno. Si è spinto dietro di me, il suo cazzo duro mi strofinava il culo.

Mi è piaciuto. Mi sono strofinato di nuovo su di lui, ridacchiando di gioia. Qualcuno bussò alla porta, ma lui la chiuse a chiave, borbottando tra sé. C'era qualcosa nel fatto che era un tale idiota, ma che io ero così sexy che non riusciva a controllarsi.

Avevo così caldo.

"Dai da mangiare al mio gattino", gemetti, dimenando i fianchi. Gemetti, tremando, sbattendo le palpebre. “Picchiami e basta. Affrettarsi. Quelle scemenze lì davanti non sono sorvegliate. Ho bisogno di venire. Una risatina mi uscì dalle labbra. "Ho bisogno di uno sperma delizioso."

"Gesù, sembri due persone diverse", ringhiò, alzandomi la gonna.

“Ooh, se fossi due persone, avrei due gattini che potrebbero essere nutriti allo stesso tempo! Sarebbe così divertente!”

Sussultai quando il suo cazzo duro mi schiaffeggiò il culo. Mi guardai alle spalle, sorridendo alla sua spessa asta color ebano appoggiata sul mio culo pallido. Mi dimenai di gioia, la mia figa si contrasse mentre lui muoveva il suo cazzo giù attraverso le mie chiappe e dava una gomitata alla mia figa sposata.

Ho sbattuto le palpebre. "Oh, Frank sarà così arrabbiato con me."

"Chi è Frank?"

Ho ridacchiato. “Il mio marito scientifico super intelligente. È il migliore! Io lo amo così tanto."

"Giusto, allora perché stai ansimando dietro al mio cazzo?"

"Gli uomini neri hanno i cazzi più grandi!" Ho ridacchiato. "Li amo anche io! Dammi da mangiare! Per favore!"

"Sì", gemette e mi sbatté il cazzo dentro.

"Sono nel club del miglio alto!" Ho gridato mentre il suo cazzo mi penetrava così in profondità nella figa.

Lui gemette, assaporando la mia figa sposata mentre io assaporavo il suo grosso cazzo nero. Mi ha allungato la fica. Un piacere delizioso e appetitoso si riversò in me. Tremavo, muovendo i fianchi, bevendo l'estasi mentre lui pompava il suo cazzo ancora e ancora dentro di me, facendolo scivolare dentro e fuori dalla mia passera gocciolante.

"Sì, sì, sì", gemetti, mentre il suo inguine mi sbatteva contro il culo.

"Dannazione, sei così caldo e stretto", grugnì. “Non penserei che una stupida ragazzina come te possa avere una figa stretta. Devi scopare così tanti cazzi.

"Così tanti!" Gemetti, sbattendo le palpebre. “Il siero di Venere fa miracoli. Rende tutti una troia sexy. Migliorerà tua moglie. Fate attenzione quando arriverà sul mercato."

"Di cosa stai parlando?" grugnì, colpendo con le palle il mio clitoride.

Ho ridacchiato. "Perché, essere un idiota!" La mia figa si è stretta sul suo cazzo. “È la cosa più bella del mondo. Oh, tua moglie lo adorerà. Adoro essere un'omosessuale e mio marito e dare da mangiare alla mia gattina grossi cazzi neri! Sìì!"

"Sei incasinato," gemette, sbattendomi il cazzo sempre più velocemente dentro.

"Sono incasinato", ridacchiai. “Fottuto così in alto nell'aria. Siamo nel cielo! È il massimo che puoi scopare."

Lui si limitava a grugnire, arandomi la figa, facendo scivolare quel meraviglioso cazzo dentro e fuori dalle mie profondità. Lo amavo. Ho stretto la mia figa sul suo cazzo, l'attrito era così caldo e delizioso. I miei succhi gocciolavano lungo le mie cosce mentre il suo grosso e grosso cazzo mi apriva. Mi sentivo così pieno.

Era la sensazione più bella del mondo.

Sbattei le palpebre, gemendo, adorando il suo cazzo che mi sbatteva contro. Si spinse dentro di me con forza, le mie mani appoggiate alla fusoliera dell'aereo. Le vibrazioni dei motori risuonano attraverso lo scafo. Gemetti, assaporando quanto fosse cattivo. La gente lo avrebbe sentito scopare la mia fica sposata, picchiarmi, venirmi dentro con quell'enorme cazzo nero.

"Oh, sì, vaffanculo", gemetti. “Picchiami. Mmm, sì. Non vorrai che tua moglie ti sorprenda qui con me." Ho ridacchiato, la mia voce era così ansimante adesso. “Oh, no, non lo faresti. Non è una stupida come me. Non capisce quanto sia delizioso e marshmallow!”

Le sue mani percorsero il mio corpo, afferrandomi le tette. “Sei incasinata, ragazza. Ma adoro la tua fica.

"È il migliore," ridacchiai, contorcendo i fianchi, adorando il modo in cui le sue mani massaggiavano le mie grandi e morbide tette.

I miei capezzoli mi facevano male e formicolavano mentre mi abbassava la parte superiore del vestito. Li pizzicò e li arrotolò. Li strattonò, facendoli dolere e pulsare. Gemetti, amando le deliziose sensazioni che si diffondevano dai miei capezzoli fino al mio gattino.

E il mio gattino affamato ha divorato il suo cazzo. Oh, è stato meraviglioso quando la sua spessa cintura segava dentro e fuori di me, sbattendo fino in fondo nelle mie succose profondità prima di ritirarsi. Rimasi senza fiato ogni volta, facendogli sapere quanto mi piaceva.

E so che gli è piaciuto molto. L'ho sentito grugnire e gemere. Con le sue palle pesanti colpì la parte posteriore delle mie cosce e mi colpì. Ooh, è stato così cattivo. Sbattei le palpebre, gemendo, mentre l'attrito delle sue spinte aumentava il piacere in me.

"Sì, sborrerò su questo cazzo!" Ho gemito. “Oh, va bene. Mmm, sì, fanculo a me! Più forte! Picchiami!”

"Che troia!" ringhiò.

"SÌ! Sono una moglie così cattiva e troia! Adoro i cazzi grandi e neri! Ho ridacchiato. “Sono così grandi, spessi e grandi! Sìì! Picchiami!”

Le sue dita mi pizzicavano più forte i capezzoli, le sue dita affondavano nella carne delle mie tette. Gemetti, stringendo la figa. Ogni spinta mi trasmetteva onde maliziose. Lo amavo. Mi piaceva scopare. Era la cosa più bella e più sexy del mondo.

Ringhiò, seppellendo il suo cazzo in profondità nella mia gattina. Doveva essere così vicino a darle da mangiare. Era così affamata del suo sperma. Ho mosso i fianchi, agitando il suo grosso, grasso cazzo dentro di me. Oh, è stato semplicemente il migliore.

"Cazzo", ringhiò. "SÌ!"

Si è schiantato contro di me.

Qualcuno bussò forte alla porta. "Reggie, faresti meglio a non essere lì dentro, fottuta puttana!"

"Cazzo", gemette mentre il suo sperma si riversava nella mia figa.

"SÌ!" Gemetti mentre la mia figa beveva il suo sperma. Uno spruzzo dopo l'altro del suo delizioso sperma ha inondato la mia gattina affamata.

E mi ha ricompensato con una delizia marshmallow. Il mio orgasmo mi percorse il corpo. Il piacere mi ha rivestito di appiccicosa bontà. Tremavo e gemevo, la mia fica spasimava sul suo cazzo, mungendo fuori fino all'ultima goccia di sperma.

"Oh, dannazione, sono fottutamente morto", gemette.

La porta sbatté di nuovo. «So che sei lì. Posso sentirti spaccare le palle nel culo di quello stronzo!"

"Sì, sì, sì", ululai. “Mi sta inondando la figa con così tanta sborra deliziosa! Adoro il cazzo di tuo marito.

“Oh, fottuta stronza! Ti afferrerò la faccia!"

Non ho capito. Perché non sembrava così felice per me? Ho appena avuto l'orgasmo migliore e suo marito ha dato da mangiare alla mia gattina. Il suo cazzo non era più duro. Ho curato le sue palle blu e le ho prosciugate di tutto lo sperma delizioso. Tremavo, assaporando lo sperma caldo dentro di me.

Ho sbattuto le palpebre.

"Oh, cazzo", gemetti mentre la donna nera arrabbiata picchiava di nuovo sulla porta del bagno.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Frank Jackman, CEO di BimboTech Chemicals

"Cosa?" gemetti, tremando mentre sparavo l'ultima esplosione di sperma nella figa di Donna. Ero nel gabinetto di prima classe e cercavo di allevare il bimbo dai capelli neri quando l'assistente di volo, che avevo corrotto per guardare dall'altra parte, bussò alla porta. "Le mie donne?"

“Stanno...facendo delle cose. Cose inappropriate in prima classe. Signore, non possono fare queste cose. Ne abbiamo... discusso."

"Cazzo", mormorai. Alice avrebbe dovuto tenerli d'occhio mentre io mi divertivo. Poi avrebbe potuto scegliere la sua bambola ed entrare in bagno per divertirsi.

Uscii da Donna con un sospiro. Lei tremò, gemendo ancora allegramente mentre il suo orgasmo la attraversava. Si è stretta la mano sulla figa, intrappolando il mio sperma lì dentro. Era così ansiosa di essere allevata. Ho messo via il cazzo ancora bagnato dei succhi della fica e ho chiuso la cerniera dei jeans. Grugnendo, mi voltai negli stretti confini del gabinetto e aprii la porta.

L'assistente di volo aveva le guance cremisi mentre indicava le mie donne.

Janet e Becca si stavano baciando forte, entrambe con le tette in fuori, le loro mani si massaggiavano i seni a vicenda. I riccioli biondi di Becca si riversarono sulle trecce nere di Janet. La ragazza più giovane pizzicò e arrotolò entrambi i grossi capezzoli di Janet.

Nicole e Veronica erano ancora più cattive. I capelli castani di Nicole ammucchiati sulle cosce di Veronica mentre l'ex poliziotto si trasformava in una ragazza formosa aveva il viso seppellito nella figa di Veronica, leccandole la figa più forte che poteva, l'ex CEO di BT Chemicals che le stringeva le tette attraverso il suo vestito elasticizzato, il viso distorto con piacere.

"Non si fermeranno", si lamentò l'assistente di volo.

"Signore", ringhiai con voce autorevole. Dov'era Alice? Non era affatto in prima classe. Avevo affittato l'intera prima classe in modo che le mie bambine potessero avere un po' di privacy dal resto del pullman, separate dalla tenda lungo il corridoio. Erano sempre arrapati, un effetto collaterale del siero bimbo, e avevano bisogno di essere supervisionati altrimenti avrebbero iniziato a scopare in pubblico.

Sono stato fortunato che non si fossero rovesciati nella parte posteriore dell'aereo.

"Le signore!" Ringhiai di nuovo. "Siete tutti così nei guai."

Becca sussultò, interrompendo il bacio con Janet. "Lo siamo, Frank?" La voce della diciottenne tremava. "M-ma avevamo delle fighe così arrapate e..."

"Che cosa ho detto?"

"Niente sesso sull'aereo," disse Nicole imbarazzata, con le labbra imbrattate dei succhi della figa di Veronica.

"E cosa stai facendo?"

"Fare sesso sull'aereo," disse Veronica, abbassandosi la gonna. "Ci dispiace, Frank."

"Ci dispiace", disse Janet con le lacrime agli occhi. "Puoi sculacciarci."

"Sculacciata..." soffocò l'assistente di volo.

"E dov'è Alice?" Ho chiesto. "Avrebbe dovuto tenerti d'occhio."

"È tornata lì", ha detto Janet. "Dovevamo seguirla?"

"Non l'ha detto," aggiunse Veronica mentre Nicole si asciugava la bocca con il dorso della mano.

"No, dovevi..."

"Puttana, ti prenderò a calci in culo", gridò dal retro dell'aereo.

La gente mormorava in pullman. Ho gemito. Avevo la sensazione di sapere di cosa si trattava. "Metti via quelle tette", dissi, dirigendomi lungo il corridoio. "E restate ai vostri posti, altrimenti vi troverete nei guai ancora più grandi."

"Sì, Frank", hanno cantato in coro le mie quattro mogli.

Ho aperto la tenda. All'estremità dell'aereo una robusta donna nera bussava alla porta del gabinetto posteriore. Intorno a lei c'erano diversi assistenti di volo che cercavano di riportarla ai suoi posti. Tutti nel pullman si allungavano sui sedili per guardare.

A che cazzo stava pensando Alice? Ha preso il siero dell'intelligenza. Questo era qualcosa che mi sarei aspettato da lei come bimbo.

"Ooh, ti prenderò a calci in culo per aver scopato il mio uomo", disse la donna.

Vorrei davvero avere il siero bimbo con me. Ma non l'ho fatto. Era troppo allettante fare affidamento su di esso tutto il tempo per risolvere i problemi. E questo ne ha semplicemente creati altri. Non potevo avere un'impressione sbagliata della droga in circolazione. E c'erano così tante persone sull'aereo, con i telefoni puntati verso il retro. Gli aerei avevano il WiFi oggigiorno. Se avessi usato il siero bimbo su questa donna, sarebbe su YouTube e Facebook prima ancora che l'aereo atterrasse.

"Signora", dissi, tornando lì. "Per favore, si calmi, signora."

"Calmati?" chiese mentre raggiungevo il retro, scrollando di dosso il braccio di un'assistente di volo.

"Sì, signora", disse l'assistente di volo, una donna anziana con i capelli brizzolati, "se non si calma, dovremo far atterrare l'aereo e farla rimuovere dalla polizia."

"Bene!" ringhiò la donna nera. "Ne vale la pena prendere a calci in culo quello stronzo." Bussò alla porta del gabinetto. «So che sei lì, Reggie. Ti ho sentito gemere. Esci da qui adesso."

"Signora, per favore", dissi. "Stai facendo una scenata."

Si è rivolta a me, con le sue grandi tette che si allungavano la camicetta. «E che ti interessa? Torna qui, pensando di potermi comandare solo perché indossi un abito costoso. Eh? Pensi di essere potente, uomo bianco?"

"No", dissi, con le guance arrossate. "Quella lì c'è mia moglie."

"Oh", disse lei, con le braccia incrociate. "A quanto pare, il tuo pisello bianco non era abbastanza per tua moglie, quindi ha dovuto annusare il grosso cazzo del mio uomo, eh?"

"Frank ha il cazzo migliore", disse Alice dall'interno. "Ciao dolcezza."

"Ciao, Alice," dissi. Ha appena detto "migliore"? Il siero dell'intelligenza non funzionava. "Sei in un sacco di guai."

"Lo so", disse, senza più l'inflessione frizzante e femminile delle sue parole. "C'è un problema."

"Faresti meglio a crederci", disse la donna nera. "Porta qui il culo così posso prenderlo a calci."

"Merda", disse un uomo. Poi la porta del bagno si aprì e ne uscì un grosso uomo nero, che probabilmente era un difensore durante il college.

Sua moglie lo ha schiaffeggiato. «Figlio di puttana! Sull'aereo! Mentre dormo!"

"Caro io-"

Lo schiaffeggiò di nuovo.

Ho provato a superarlo e ad afferrare Alice mentre si aggiustava il vestito. Il suo viso era pallido per la paura. E poi rabbrividì e una risatina le uscì dalle labbra. “Oh, Frank, aveva un cazzo così grosso. E ha nutrito la mia gattina con così tanto sperma. Vedere!"

Alzò la gonna, mostrando la figa come una bimbo orgogliosa. Lo sperma le colava lungo le cosce.

Poi sbatté le palpebre e gemette, abbassandosi il vestito. "Dannazione. Portami fuori di qui, Frank, c'è qualcosa che non va."

"Faresti meglio a credere che ci sia qualcosa che non va", gridò la donna nera mentre suo marito la spingeva di nuovo nella cambusa, mentre gli assistenti di volo si ritiravano con lei.

Tutti dietro di noi stavano filmando. Le mie spalle si contorcevano. La rabbia mi bruciava nelle guance. Sapevano tutti che mia moglie mi aveva tradito. Li sentivo ridacchiare. Una cosa era che Alice si divertisse, ma tutti sull'aereo lo sapevano.

Cavolo, è stato imbarazzante.

Le ho preso la mano e l'ho tirata fuori. Scivolò oltre l'uomo nero, i suoi seni quasi fuoriuscivano dal vestito. L'ho spinta davanti a me mentre lei si lasciava sfuggire un'altra risatina, con gli occhi vuoti. Oscillava tra l'essere una femminuccia e...

"Cazzo, l'altitudine?" Ho gemito.

Alice sbatté le palpebre. "SÌ. La pressione più bassa nella cabina influenza chiaramente il modo in cui l'intelligenza... cosa influenza il mio... mio...” Ridacchiò. "Il mio luogo di pensiero."

"Cervello?"

“Sì, cervello. Sei davvero intelligente, Frank. Solo il migliore. Ti amo."

"Ti amo anch'io", dissi, spingendola lungo il corridoio mentre la gente continuava a filmarci, seguendo i nostri progressi.

"Hai visto quanto sperma mi ha sparato?" chiese, prendendo l'orlo.

«Smettila, Alice», gemetti. "Ci stanno filmando."

"Stiamo facendo un film!" ansimò, battendo le mani. "Oh, quello è..." Sbatté le palpebre... "Dannazione!" Camminò più velocemente lungo il corridoio.

Raggiungemmo la prima classe, scostando la tenda. Lo strillo della donna nera echeggiò lungo l'aereo. Ho afferrato mia moglie, l'ho spinta sul posto vicino al finestrino e l'ho fatta sedere. Mi sono seduto accanto a lei, mentre le altre mie mogli bimbo ci osservavano.

"Cosa sta succedendo laggiù?" chiese l'assistente di volo.

"Litigio domestico", risposi, mantenendo una presa salda sulla mano di Alice.

"Colpa mia", gemette Alice, massaggiandosi la testa e chinandosi.

Mi sono morso il labbro. "Stai bene?"

"Mi sento così imbarazzato in questo momento." Mi ha lanciato un'occhiata. «Mi dispiace tanto, Frank. Tutte quelle persone che filmano... finiranno su internet. La gente saprà chi siamo e...” Ridacchiò, un grande sorriso le attraversò le labbra. “E saremo super famosi. Oh, tutti mi vedranno. Sono una star del cinema, Frank.

"Sì, lo sei", sospirai, accarezzandole la mano. "E uno che è in grossi guai, proprio come le altre persone della nostra famiglia."

Le altre ragazzine si dimenarono tutte.

"Non io", disse Donna allegramente. "Stavo bene. Ho fatto sesso in bagno come dovevamo fare.

Le risatine di Alice morirono e gemette di nuovo. "Mi sculaccerai davvero per questo, Frank?"

La guardai, mordendomi il labbro. “Ti ho sculacciato per cose che hai fatto prima da ragazzina. Non fingere che non ti piaccia."

Lei arrossì.

Le grida della donna nera non erano più così forti adesso. "Penso che si stia calmando." Ho dato una pacca sulla mano di mia moglie. "Va bene?"

"Va bene", disse, stringendolo.

"Sei venuto forte?"

"Così difficile, Frank." Mi ha regalato un sorriso. "Ti sei divertito con Donna?"

"Così tanto divertimento."

"Mi ha reso incinta!" Donna ridacchiò.

Alice sobbalzò sulla sedia, il suo viso si trasformò. "Sìì!"

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Alice Jackman, ricercatrice capo di BimboTech Chemicals

Ero così sollevato quando l'aereo è atterrato senza che la donna nera mi schiaffeggiasse. Mi sono sentito così male per aver rovinato il loro matrimonio. Probabilmente avrebbe divorziato da lui. Ma soprattutto ero felice di non oscillare tra l'essere intelligente e un idiota. Un momento ero felice come potevo e quello dopo mi sentivo male per tutti i problemi che avevo causato. Frank doveva farmi da babysitter, non che si lamentasse.

Ci affrettammo a scendere dall'aereo prima che la donna nera potesse correre avanti e trovarmi. Avevo la sensazione che volesse ancora prendermi a calci in culo. Frank e io portavamo le mogli scemenze all'aeroporto internazionale di Dulles. Non era occupato così tardi la sera. Ci siamo diretti al ritiro bagagli per ritirare i nostri bagagli. Ognuno di noi aveva la propria valigia e ce n'era un'altra piena di giocattoli sessuali.

Scommetto che gli addetti allo screening della TSA si sono divertiti molto con quello.

Le bimbo erano tutte eccitate ma stanche. È stata una lunga giornata per tutti noi. Volevo solo andare in albergo e porre fine alla nostra disciplina. Arrossii quando vidi la donna nera dall'altra parte del carosello dei bagagli che fissava i pugnali. Suo marito non le stava vicino. Frank si aggirava lì vicino, pronto a proteggermi.

Sono stato felice quando ha preso la borsa e se n'è andata senza suo marito. Mi guardò, un misto di rassegnazione e speranza che potessi andare con lui. Mi appoggiai a Frank, intrecciando il mio braccio al suo. L'uomo nero afferrò il suo bagaglio e se ne andò furioso.

Povero ragazzo. Voglio dire, non aveva bisogno di scoparmi. Non l'ho fatto io, ma quale ragazzo potrebbe resistere a un'ombelico? Forse nel giro di qualche mese, una volta che il siero di Venere sarebbe arrivato sul mercato, avrebbe potuto sistemare le cose con sua moglie. Si sarebbe trasformata da donna robusta in una bellissima dea nera desiderosa di compiacere il suo uomo.

Fuori ci aspettava una limousine, l'autista teneva in mano un cartello con la scritta Jackman. Non batté nemmeno le palpebre alla vista di Frank che si avvicinava con uno stuolo di donne prosperose e allegre che potevano essere tutte top model.

Probabilmente non è la prima volta che accade.

In men che non si dica eravamo al nostro hotel, il Ritz-Carlton. Era mozzafiato con pavimenti in marmo e lampadari di cristallo. Io e tutte le ragazze rimanemmo a bocca aperta mentre ci accalcavamo attorno a Frank. Strillarono e ridacchiarono con tanta eccitazione. Vorrei essere un'idiota anch'io in questo momento. Volevo che quella gioia innocente ribollisse dentro di me.

Frank ci ha fatto il check-in, utilizzando la carta aziendale per pagare, e poi siamo stati portati nella suite presidenziale. Esso. Era. Bellissimo. C'era un soggiorno che conduceva a diverse camere da letto, i mobili erano di un grigio morbido ed elegante che si abbinava al disegno grigio e labirintico della moquette. Bellissimi quadri appesi al muro. Le porte che conducono alla camera da letto erano doppie porte francesi con tende per la privacy.

Era più bello del nostro primo appartamento. Molto più carino. Era ancora più grande.

"Wow", dissi, sorridendo a mio marito. "Semplicemente...wow."

"Sì", sorrise. "Nient'altro che il meglio per le mie mogli bimbo."

"C'è del pot-pourri," disse Janet, chinandosi per annusare i petali dei fiori secchi sul tavolino di marmo. La gonna attillata del suo vestito si sollevò, mostrandoci la sua figa nuda. Gocciolava dalla sua eccitazione.

"E così comodo", disse Becca, cadendo su una sedia, con le tette che quasi rimbalzavano fuori dal vestito.

“Cuscini con nappe!” strillò Veronica, prendendone uno dal divano e abbracciandolo alle tette, strofinando le guance contro le nappe come se fosse un gattino grande e sexy.

"Potremo vivere qui?" chiese Donna stupita.

"No, resteremo qui e basta", rise Frank.

"Sì, stupido", disse Nicole. “Stai negli hotel. Vivi nelle case.

"Le camere d'albergo non hanno un soggiorno", protestò Donna. "E guarda, le camere da letto."

"È pur sempre un albergo", le ho detto. "Va bene? Non viviamo qui."

Donna mi rivolse un sorriso sollevato. L'ho attirata a me e le ho dato un caldo bacio sulla bocca. Era il mio orribile capo. Rendeva ogni giorno infelice nel mio lavoro. E ora era la mia mogliettina stupida. Farebbe qualsiasi cosa per rendermi felice.

E adoravo la sensazione dei suoi grandi seni premuti contro i miei. I miei capezzoli erano così duri contro il tessuto. Il nostro bacio si approfondì mentre la mia eccitazione aumentava. Le nostre lingue duellavano, le nostre mani vagavano l'una per il corpo dell'altra, scivolando l'una sotto i vestiti dell'altra.

La mia figa calda premuta contro la sua coscia. Era così bagnata contro la mia.

"Alice", disse Frank. "Nulla di tutto ciò. Hai bisogno di essere punito. Lo fate tutti."

Donna interruppe il bacio. “Anche io? Pensavo di essere bravo sull’aereo”.

"Tranne te, Donna." Frank le fece un sorriso. "Ma puoi aiutarmi a punire gli altri."

"Sìì!" ha applaudito.

Ho guardato mio marito. "Cosa ti passa per la testa, Frank?"

Il suo sorriso si rivolse a me. Era così bello ed emozionato. “Beh, staremo qui tutta la notte se vi sculaccio separatamente. Quindi lo faremo tutto in una volta."

Mi sono accigliato. "Come?"

Il suo sorriso si allargò, facendo lampeggiare i denti.

Dopodiché tutti si spogliarono nudi, Frank si tolse il vestito, rivelando il suo corpo atletico e in forma. Non si è mai adattato allo stereotipo del nerd debole. Era sempre in ottima forma, correva, faceva esercizio e persino sollevava pesi. Anche al college era così. Sì, era un grande nerd. Potrebbe parlare di Star Trek, Star Wars e minuzie molto più oscure con qualsiasi fanatico là fuori.

Ma lo ha fatto sembrando un membro della squadra di atletica leggera.

Frank si sedette sulla sedia di chintz, spingendo il cazzo davanti a lui. “Va bene, mettetevi in ​​fila. Alice alla fine. Donna, non unirti."

Le ragazze si schierarono tutte davanti a lui, spingendosi per la posizione. Veronica finì davanti, rimbalzando per l'eccitazione. Janet era proprio dietro di lei, poi Nicole, con Becca proprio davanti a me. Alla fine presi il mio posto, fissando il culo perfetto della diciottenne.

"Va bene, Veronica," disse Frank, mettendosela in grembo. La ragazza, con un grazioso movimento dei fianchi, si impalò sul suo cazzo con un gemito sfrenato. “Adesso non cavalcarmi. Siediti lì e divertiti”.

“Sì,” Frank,” gemette.

“Non è proprio una punizione”, dissi con un sorriso.

"È una ricompensa", ridacchiò Becca.

“Ora, ecco cosa stiamo facendo. Donna sculaccerà Alice, poi sculaccerà Becca, poi Becca, tu sculaccerai Nicole, che sculaccerà Janet, che sculaccerà Veronica.

"Chi sculaccio?" chiese Veronica, spostandosi sul cazzo di Frank.

“Alice, ma è allora che ci scambiamo e tu vai in fondo alla fila. Poi Donna ti sculaccerà il culo e ricominceremo tutto da capo.

"Va bene", sorrise raggiante.

“Donna, somministrerai cinque sculacciate per ogni ragazzina. Te lo ricordi?"

"Sono così tanti", disse Donna, tenendo le dita allargate sulla mano sinistra. "Posso contare così in alto!"

"Bene", disse Frank. "Inizio."

La mano di Donna mi colpì il culo. Gemetti, assaporando il calore bruciante che si diffondeva nella mia figa. Poi ho sculacciato il culo di Becca con un forte schiocco. Lei urlò, l'impronta di una mano rosso brillante che le brillava sul sedere.

La sua mano colpì il sedere di Nicole. Le sculacciate continuarono fino a quando Veronica gemette mentre si dimenava sul cazzo di Frank. Tremavo, adorandolo, la mia figa diventava così calda mentre la mano di Donna si tirava indietro e mi schioccava di nuovo il culo.

Le crepe increspate si ripetevano lungo la linea ancora e ancora. Il mio sedere diventava sempre più caldo mentre Donna mi sculacciava, alternando la sculacciata. Ho arrossato il bel sedere di Becca, la bionda tremava mentre sculacciava Janet.

E poi arriviamo al cinque.

"Interruttore!" Ha chiamato Donna.

Veronica gemette mentre scivolava via dal cazzo di Frank, con il culo rosso. Ci siamo spostati tutti verso l'alto, Janet ha montato Frank con un sospiro vigoroso. Mio marito gemette, assaporando una nuova figa impalata sul suo cazzo. Veronica si mosse dietro di me.

Schiaffo!

La mano di Donna cadde sul sedere di Veronica.
Crepa!

La sua mano mi sbatté più forte sul sedere. La mia figa si è serrata. I succhi mi colava lungo le cosce.

La mia mano si mosse in avanti.

Schiaffo!

Becca sussultò, ansimando mentre le sculacciavo il sedere rosso.

Nicole gemette. E poi Janet sussultò, dimenandosi sul cazzo di Frank, il suo culo che diventava sempre più luminoso. Poi Donna lo ricominciò. Il mio culo bruciava ancora di più quando Veronica mi sculacciava di nuovo. E di nuovo. E di nuovo.

Lo amavo. Era così eccitante colpire il culo di Becca ancora e ancora, mentre Veronica mi pungeva il sedere sempre di più. Man mano che il dolore cresceva, aumentava anche la mia eccitazione. Ci trascinammo avanti, Janet si affrettava in fondo alla fila mentre Nicole montava su Frank.

"Oh, sì", ansimò mentre le sculacciate si diffondevano lungo la linea.

La mia figa diventava sempre più bagnata mentre il mio culo diventava sempre più caldo. Stavamo tutti gemendo e dimenandoci, anche se Nicole, impalata sul cazzo di Frank, era quella che gemeva di più. Lei si sollevò sul suo cazzo, premendo il suo grosso seno contro il suo viso. L'ex poliziotto adorava quando la mano di Becca le cadeva sul sedere.

"Interruttore!" Donna gridò con voce ridacchiante. "Ora posso sculacciare il culo di Nicole."

"Oh, cavolo," gemette Nicole sollevandosi dal cazzo di Frank. Il suo cazzo fuoriuscì dalla sua figa con un tonfo bagnato.

Anche Frank gemette, chiaramente avvicinandosi sempre di più alla sborra.

Becca ridacchiò e saltò sulle sue ginocchia, le sue grandi tette che si schiaffeggiavano insieme. La bionda, con tutta l'energia di una diciottenne, si è impalata sul suo cazzo, stringendo il culo ardente. Mi sono avvicinato dietro di lei aspettando che iniziassero le sculacciate.

Le increspature degli schiaffi echeggiavano lungo la linea. La mano di Veronica mi ha infilato il culo. La mia mano si insinuò in quella di Becca. Lei gemette, rimbalzando sul cazzo di Frank. La sua figa scivolò su per l'asta e poi di nuovo giù, mio ​​marito gemeva, il suo viso si contorceva.

Le crepe si precipitarono lungo la linea. Mi è bruciato il culo.

Ho dato di nuovo un colpo sul sedere a Becca, sorridendo mentre lei si sollevava.

E di nuovo.

Ho assaporato il modo in cui le sue chiappe rimbalzavano mentre si contorceva sul cazzo di mio marito. La sua voce era così gutturale dal piacere. La sua schiena si inarcò mentre la sculacciavo per la quarta volta, i suoi capelli biondi le svolazzavano sulla testa.

Le crepe si precipitarono verso di me, ogni bimbo strillava di dolore.

Sussultai mentre Veronica mi sculacciava.

La mia mano si è posata con forza sul sedere di Becca.

"SÌ!" la ragazzina strillò di pura gioia mentre veniva. "Sì sì sì. Ero così cattivo!

"Così cattivo," gemette Frank, sentendo la sua figa contorcersi sul suo cazzo.

"Interruttore!" Donna ha chiamato con gioia.

"Oh si. Così buono! Cosi squisito!" gemette Becca.

"Cambia, Becca", disse Donna con tenera irritazione. "È il mio turno di sculacciarti!"

"Devo cambiare," gemette Frank mentre la ragazza bionda si scontrava e soffriva di spasmi.

"Oh, sì", gemette Becca, lottando per scendere. È inciampata all'indietro e l'ho presa. I suoi occhi azzurri erano vitrei di piacere. I succhi le inondarono le cosce mentre barcollava verso il fondo della fila.

Tremavo, la mia figa in fiamme mentre fissavo il cazzo di Frank marinato da tutte le altre ragazze prima di me. Mi afferrò per i fianchi, attirandomi a sé. Gemetti mentre lui afferrava il mio culo in fiamme, stringendolo, mandando un brivido caldo attraverso il mio corpo mentre affondavo sul suo cazzo.

Il suo cazzo scivolò dentro di me. Non così grosso come l'uomo nero che ho scopato sull'aereo, ma abbastanza grosso. L'ho preso tutto nel mio culo fuso. Le sue mani scivolarono lungo la mia schiena, lasciando il mio sedere ardente libero per le sculacciate di Veronica.

"Oh mio Dio, Frank, ho il culo in fiamme."

"Solo altri cinque", mi sorrise.

Donna ha sculacciato Becca che ha sculacciato Nicole che ha sculacciato Janet che ha sculacciato Veronica.

Chi mi ha sculacciato.

Crepa!

La mia figa si strinse sul cazzo di mio marito mentre la mia schiena si inarcava. Le mie tette rimbalzarono, sfiorandogli il viso. Il dolore mi trafisse dal culo. Gemetti, l'agonia si trasformò in piacere mentre la mia figa scivolava su e giù per il suo cazzo.

Crepa! Crepa! Crepa! Crepa! Crepa!

Crepa!

Gemetti quando la seconda sculacciata mi colpì il sedere. La mia vista si annebbiò mentre rimbalzavo più forte sul cazzo di Frank. Il piacere costruito nel mio profondo. Il dolore mi travolse. Mi ha fatto girare la testa. Così lussurioso. La successiva fila di schiocchi echeggiò tra le ragazze, correndo verso il mio sedere in fiamme e...

Crepa!

"Sì", gemetti mentre la terza sculacciata mi bruciava entrambe le natiche. "Sì sì sì. Puniscimi! Ero così cattivo!

Lo amavo. Il piacere cresceva e cresceva in me, cantando nelle mie profondità. Sbattei giù il suo cazzo mentre un'altra eco scoppiettante si precipitava verso di me, ognuna sempre più forte. I bimbos gemevano il loro dolore e il loro piacere per la loro disciplina e—

Crepa!

"Fanculo!" Gemetti, la mia figa si stringeva così forte.

"Sì, sì, sì" ansimò Janet. "Così buono! Ero così cattivo! "

"Così cattivo", ridacchiò Donna. "L'ultimo!"

Crepa! Schiaffo! Sculacciare! Schiaffo! Wow!

Crepa!

Il dolore colpì caldo mentre la mano di Veronica cadde forte. Ho invaso il cazzo di Frank, il dolore che sparava alle profondità della mia figa. Mi sono alzato sul suo cazzo e poi ho sbattuto giù. L'attrito mi ha scatenato. Il mio clitoride si è schiantato contro il suo osso pubico.

Sparks of Rapture mi ha sparato.

Sono venuto.

Il mio corpo è stato battuto nell'abbraccio di Frank. Le sue mani scivolarono giù, afferrando il mio culo in fiamme. Dietro di me, i Bimbos gemettevano e rimasero ansimato, lenindo a vicenda. L'estasi mi ha sparato, bollendo la mente.

"Una moglie così cattiva" gemette Frank, la sua voce così gutturale.

"Così cattivo", gemetti mentre mi piegavo sul suo cazzo, la mia figa mi contorceva. Avevo bisogno del suo sperma in me. “Inondami! Inonda la mia figa cattiva e traditrice! "

Le sue mani mi strinsero forte sul culo. Il bagliore del dolore ha innescato un altro orgasmo. I miei occhi si spalancarono mentre il dolore si alzava attraverso di me. È stato intenso. Si increspò nel mio corpo. Gemetti e ansimò, controllando il suo cazzo.

Grugnò, "Alice!"

E mi ha inondato.

Ho assaporato lo sborra di mio marito nel profondo della mia figa. Ho fissato i suoi occhi scuri. Mi sono spolato in avanti, premendo le mie grandi tette nel petto. I miei capezzoli pulsavano mentre il mio orgasmo bolliva attraverso il mio corpo. Baciai mio marito mentre mi afferrava il mio culo cattivo e bruciando.

L'ho adorato quando mi ha disciplinato dopo che ero una puttana traditrice.

Mi è piaciuto essere sua moglie bimbo. Ci saremmo divertiti così tanto alla festa domani sera. Lo tradirei. Lo sapevo e basta. E poi avrebbe dovuto sculacciarmi ancora e ancora. Mi sono agitato sul suo cazzo, le nostre lingue duellano.

Ho adorato così tanto quest'uomo.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~mp

Delilah Murphy, senatore del grande stato dell'Indiana

"Come ti sembro?" Ho chiesto, mettendo una posa nell'abito da cocktail nero che ho indossato per il mio gala questa sera. Avevo calze a base della coscia scura, i miei capelli biondi si sono arricciati e disegnati alla perfezione. Indossavo una collana di diamanti che mio marito mi ha comprato per il nostro decimo anniversario di matrimonio, abbinando gli orecchini di diamanti che penzolano dai miei lobi.

"Sembri una principessa sexy e moderna", ha sgorgato il mio amante del bimbo. Natasha sedeva nuda sul nostro letto nel mio soppalco segreto a Washington, il nido d'amore in cui l'ho tenuta fuori dalla vista del mondo.

Nessuno poteva sapere che ero gay. Perderei il mio seggio al Senato nelle prossime elezioni. I miei elettori non erano così liberali. Ho dovuto mantenere la facciata di amore e madre amorevoli in pubblico, il senatore ha fatto tutto.

"Solo così delizioso", ridacchiò Natasha, le sue grandi tette rimbalzavano.

Ho adorato le brune. Ho adorato le grandi tette. Natasha aveva entrambi. Ero così felice di averla comprata da suo marito, liberandola dagli atti umilianti di quello stronzo redneck. Finora aveva mantenuto il segreto. Lo avevo pagato abbastanza bene, ma ha mordicchiato il retro della sua mente che poteva provare ad andare ai tabloid. Nessuno gli avrebbe creduto e ancora ... voci del genere erano salaci.

Natasha si alzò dal letto, correndo da me, la felicità dei cuccioli che attraversava la sua splendida faccia. Il siero Bimbo l'aveva trasformata in una bellezza perfetta. Mi raggiunse, gettandomi le mani intorno al collo e si chinò a baciarmi.

"Mi imbrattarai il rossetto", ansimò, impedendole di piantare le labbra affamate e bagnate su di me. "Scusa."

"Oh, giusto", ridacchiò. "Devi essere bello per stasera!"

"Uh Huh."

Poi ha fatto il broncio. “Ti divertirai così tanto e sarò qui. Solo. Voglio andare."

"Ricordare. Sei la mia moglie lesbica segreta. Nessuno può sapere di te. "

"George sa di me." George era il mio autista e confidente, un uomo gay di cui mi fidavo impeccabilmente: l'ho pagato bene per quella fiducia.

"George non conta." Le ho fatto un sorriso. "Mi piacerebbe sfilarti sul braccio, per far vedere a tutti che moglie sexy, meravigliosa e sexy che avevo." Era la verità. Il mio cuore è accelerato. Le ultime due settimane con Natasha erano state una sfocatura di sesso caldo ogni volta che potevo stringerlo tra incontri e sessioni del Senato. "Ti amo."

"Ti amo anche io", ha detto.

"E ti ho comprato un regalo."

I suoi occhi si illuminarono. L'eccitazione da ragazza esplose sul suo viso. "Un regalo! Dove?"

Mi sono girato da lei e ho preso la borsa discreta e marrone dalla mia scrivania e l'ho consegnata. “È un nuovo vibratore. Doppio. "

Lo tirò fuori, tenendo il vibratore rosa. Aveva due alberi, uno più sottile per il suo culo, l'altro più spesso per allungare la sua fica arrapata. Strillò di gioia e sfrecciò sul letto. Si è gettata sopra.

"Le batterie sono già dentro", le dissi. "E c'è un cambio di batterie nel cassetto del comodino."

"Li indosserò tutti," gemette, portando il pozzo più piccolo in bocca, succhiandoci. Quindi, borbottando intorno alla fine del giocattolo, ha detto: “Lo adoro! Ti amo!"

"Ti amo", sorrise mentre lei lo faceva fuori e poi lo portava nella sua figa e al buco del culo.

La mia figa si strinse, le mie mutandine nere poveri che mi assorbivano i succhi mentre gemeva, grandi tette che rimbalzavano. Ha lavorato con il vibratore sia nel suo buco del culo che nella figa. E poi ha acceso il vibratore. Si gemette di gioia.

Un nuovo giocattolo sessuale potrebbe tenerla occupata per ore.

Il citofono da parte dell'ascensore ha ronzato. Mi sono avvicinato ai miei tacchi da cinque pollici e ho premuto il pulsante. "SÌ?"

"Senatore", disse George, "Sono qui con tuo marito."

"Bene, sarò giù."

Natasha gemette e ansimò mentre entravo nell'ascensore. Ho sorriso. Stasera, dimensivo Frank Jackman e scoprivo quanto sarebbe difficile distruggere. Il siero Bimbo non potrebbe essere tra le mani. Doveva essere in mani più responsabili.

Come la mia amica Magnolia Savage e la sua compagnia, Femme Allure.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~mp

Magnolia Savage, Presidente Femme Allure, Inc.

Annalee rimbalzò con il sedile della limousine accanto a me nel suo abito scintillante e argento. Ero ansioso di portarla al gala e mostrare la sua bellezza. Ho adorato sfilare donne calde in giro. Era delizioso avere ragazze altrettanto calde come gli altri potenti uomini di DC. Avevano le loro troie e io avevo le mie. E il mio li avrebbe spazzati via.

Non sapevo quale gioco Delilah fosse in grado di invitare Frank Jackman alla festa, ma avevo piani. Avevo bisogno di rompere la formula del bimbo che mi aveva dato la mia spia. Finora, il mio R&S non l'aveva capito. Avevo bisogno di qualcosa di più ... diretto.

Se il senatore pensasse che potesse fregarmi e tagliare un accordo con Frank, allora mi assicurerei che la mia azienda portasse prima il siero Bimbo sul mercato.

Il cellulare del bruciatore cinguettò nella mia borsa. L'ho tirato fuori, fissando lo schermo semplice, leggendo il messaggio di testo. "In posizione. Target è appena arrivato. "

Ho mandato un messaggio a una sola parola. "Procedere."

Continua...

Storie simili

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

596 I più visti

Likes 0

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

813 I più visti

Likes 0

Insegnante - 01 Giorno 0 Si comincia

SM. Burk, per favore, fai rapporto in ufficio.» È venuto al citofono della scuola. E adesso? pensò. È successo qualcosa a uno dei suoi studenti della scuola materna. Laura Burk era un'insegnante di matematica al liceo in una scuola privata. Da quando HB 2469 è passato, l'umiliazione era legale e la forma approvata di disciplina, e alcune delle regole disciplinari erano molto strane rispetto a quello che erano state. Quando Sara arrivò in classe per darle il cambio, Laura attraversò il campus fino al front office. Lungo la strada vide Mika, una delle ragazze più anziane che attraversava il cortile centrale...

671 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

451 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

2K I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

2K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.