Io e Amy 4

434Report
Io e Amy 4

Un sonno tranquillo è esattamente ciò di cui avevo bisogno. E il fatto di avere Amy tra le mie braccia ha reso tutto migliore. Ma avrei dovuto restare a dormire perché mi sono svegliato urlando e urlando. “LO VOGLIO FUORI DA CASA MIA!!!” Ho sentito una voce urlare "PERCHÉ CHE GRANDE AFFARE?!!?!" Sento dire un'altra voce. Mi sono svegliato e mi sono seduto sul letto per vedere Amy che urlava con sua madre. “LO VOGLIO FUORI CASA MIA ORA!!!” gridò la signorina May. "Facile..." dissi "Sveglierò Max e gli dirò di prendere Trish e andare a casa." dissi alzandomi dal letto ma sdraiandomi ricordandomi che ero nudo. "NO." Disse Amy guardandomi. "Vuole che tu te ne vada." Quella notizia mi ha tolto il sonno e mi sono svegliato immediatamente. "Che cosa? PERCHÉ?!?" Ho chiesto. "Ti accolgo..." disse la signorina May girando intorno al letto e dandomi uno schiaffo in faccia. “Ti do una casa quando ne hai bisogno.” Disse schiaffeggiandomi di nuovo. "Cerco di darti la possibilità di una nuova vita per ricostruirti e fare nuove amicizie ed è così che mi ripaghi... FACENDO SESSO CON MIA FIGLIA!?" disse la signorina May schiaffeggiandomi di nuovo. Non mi importava se ero nudo o no, mi sono alzato dal letto e le sono andato in faccia. “Sì, l'hai fatto e te lo devo per questo, puoi sgridarmi e urlare quanto vuoi ma NON MI SCHIAFFERAI IN FACCIA!!! Non volevo nemmeno che mia madre o mio padre mi picchiassero. dissi andandole in faccia. La signorina May deglutì e fece un respiro profondo. "Vai fuori da casa mia." Disse con un suono deciso nella voce. "Bene!" Ho urlato direttamente in faccia a Miss May facendola rannicchiare un po'.

Sono uscito dalla stanza di Amy con Amy che mi seguiva, afferrandomi il braccio e facendomi girare. "No, non andare, è solo arrabbiata, ora non lo pensa sul serio." Disse Amy con uno sguardo triste sul viso. "No, no, signorina May, lo intende, ma va bene." dissi mentre Miss May entrava nel corridoio. Presi fiato e guardai Miss May. “Ma voglio che tu sappia che anche se me ne vado resterò comunque con Amy. C'è sempre la scuola. Fine settimana, fuori. Non saprai mai quando sarò con lei o no. E tutto quello che ho da dire è "Vaffanculo, signorina May". Tu appartieni alla terra, non ai miei genitori. La signorina May diventò rossa di rabbia e si avvicinò caricando il suo braccio per schiaffeggiarmi in faccia. Non picchierei mai una ragazza. Non significa che non li spaventerò. "FALLO!!!" le ho urlato. Ritirò la mano mentre mi voltavo per entrare nella mia stanza e prendere un borsone. Ho messo dentro tutti i vestiti che potevo e ho preso il mio portatile e l'iPod. Se fossi un senzatetto, almeno sarei un senzatetto e ascolterei musica. Ho fatto le valigie e ho dato un'occhiata ad Amy. Sputando in direzione di Miss May scesi le scale e uscii di casa.

Ho controllato sul mio iPod l'ora: 15:34. Merda, ho pensato. Sarà stata una giornata davvero lunga. Con 60 dollari in tasca sono andato in questo MetroPCS Store in città. Ho guardato i telefoni e ho deciso per un piccolo telefono di merda da 10 dollari. Dopo aver parlato con una delle persone presenti ho preso un telefono da 10 dollari per 5 dollari e un piano per 45. Sono uscito dal negozio con un cellulare con un piano e 10 dollari in tasca. Ho deciso dove andare dopo. Ho preso il mio borsone e mi sono seduto in questo skate park vicino alla mia scuola sperando di vedere persone che conosco con cui passare il tempo. Sono andato online dal mio telefono e ho pubblicato che avevo un nuovo telefono e avevo bisogno di numeri. Ho messo via il telefono e ho camminato per la città fino alle 9 in punto. Dopo aver cercato un posto dove dormire, ho deciso di andare a trovare il caro vecchio papà e la carissima mamma. Ho camminato per 20 minuti fino al cimitero di Green View e ho saltato la recinzione. Dopo aver setacciato le lapidi ho visto i miei genitori. Ho messo la borsa in mezzo a loro, ho appoggiato la testa sulla borsa e gli occhi. Immagino di essere svenuto perché subito dopo mi sarei svegliato a calci. "Ehi, svegliati." Ho sentito un duro stivale colpirmi allo stomaco. Mi sono alzato in modalità attacco per vedere A Sight per gli occhi irritati.

"Vampira?" Ho chiesto. "Nella carne." Ha detto con una risata. La carne aveva ragione. Indossava una minigonna trasparente e un corsetto nero e rosso sangue che metteva in mostra molta pelle. Ho guardato il suo viso con l'eyeliner nero e il rossetto rosso. Mi sono piegato in due dal dolore mentre mi stringevo lo stomaco. Alzo la mano per vedere il sangue. Non molto ma abbastanza da spaventarmi a morte. "Perché sto sanguinando?!?" Ho chiesto “Oh scusa, i miei stivali dovevano essere taglienti da morire. Vieni con me, ti pulirò." Disse prendendomi la mano e la borsa e conducendomi fuori dal cimitero. Dopo una breve passeggiata ci siamo ritrovati davanti ad un vecchio edificio fatiscente. Vampira aprì la porta ed entrò come se niente fosse. Comunque quasi mi sono cagato addosso camminando molto lentamente. "Non ti dà fastidio che questo posto sembri uscito da Saw?" chiesi continuando a tenermi il fianco. “Non proprio, la chiamo casa. Questo posto è abbandonato da anni. Tuttavia ho trovato un vecchio appartamento qui. L’ho ripulito e ora io e altri due chiamiamo questo posto casa.” Disse provando la chiave nella serratura di un appartamento. Senza prevalere, aprì la porta con un calcio e la varcò.

Mi sono precipitato nel suo appartamento e sono rimasto scioccato. Questo posto è stato fantastico. Carta da parati rosso sangue nel piccolo soggiorno, anche la cucina era piccola ed era dipinta di bianco. C'era un breve corridoio con tre porte. Uno ad una estremità. Uno accanto all'altro e uno al centro della sala. Mi sono seduto sul divano del soggiorno e mi sono guardato intorno. Poster ovunque nel soggiorno e nel corridoio. "Togliti la maglietta." disse Amy scomparendo in cucina. Mi sono tolto la maglietta macchiata di sangue bianco e l'ho messa accanto a me mentre Amy tornava con uno straccio bianco bagnato. Sedendosi accanto a me premette lo straccio contro il mio taglio facendomi trattenere il fiato. "Allora perché stai filtrando nel cimitero?" Lei chiese. "Cacciato dalla casa della signorina May." Ho detto. Vampira mi guardò e premette un po' più forte sul mio taglio. «Quindi sei venuto al cimitero?» Lei disse. "Beh, è ​​lì che sono stati sepolti i miei genitori, quindi non mi importava... aspetta, perché eri lì?" Ho chiesto. "Seduta." Disse guardandomi con una risata. "Allora perché sei stato cacciato?" Lei chiese. «La signorina May ha trovato me e Amy che dormivamo nudi nel suo letto. Quindi May ha capito che stavamo scopando e mi ha preso a calci in culo. dissi con una risatina. Vampira ha posato lo straccio, ha messo delle bende sulla mia ferita e l'ha accarezzata per farmi sapere che era finita. "Allora dove andrai adesso?" Lei chiese. "Probabilmente al cimitero." dissi prendendo la borsa. "Sai che puoi restare qui." Lo disse con un sorriso. "Veramente?" Ho chiesto. “Sì, ma dormi sul divano. Ho la stanza nel mezzo. Jessica dorme nella stanza a sinistra e Lilith dorme nella stanza a destra. disse Vampira indicando le porte. “Quindi Jessica, la ragazza della scena, dorme a sinistra. Tu il gotico dormi nel mezzo e Lilith l'Emo dormi a destra?" Ho detto. "Perché ci metti le etichette?" "Oh, ho solo pensato che fosse divertente perché sono un punk, quindi ho pensato che avremmo avuto una specie di tutto esaurito." dissi con una risatina nervosa. Vanessa mi ha sorriso "Non essere nervosa, non ti farò del male o qualcosa del genere." Disse sedendosi di nuovo accanto a me. "Posso chiamarti in qualsiasi altro modo oltre a Vampira?" Ho chiesto "Regina... Padrona" ha suggerito. "Ti chiamerò vampira." L'ho detto con un sorriso. Si udì un piccolo squillo e Vampira si infilò il corsetto e tirò fuori un cellulare. “Sono Amy. Probabilmente mi chiamerà per dirmi cosa ti è successo." disse Vampira con un sorriso. Lei si alzò e si voltò per andare in cucina. Fu più o meno in quel periodo che notai quanto fosse sexy. Più o meno della mia altezza... Bel culone un po' più grande di quello di Amy e tette davvero grandi. Non so se fossero D o Doppia D ma erano enormi. Parlarono solo per un po' poi lei ritornò nella stanza. "Amy ha detto che è contenta che tu sia al sicuro e vuole che la chiami domani quando ti sentirai meglio." Vampira si è chinata mentre me lo diceva e ho potuto osservare bene la sua scollatura. La mia erezione si sfregava contro i miei pantaloni. "Amy me lo ha detto anche per farti sentire meglio per quello che è successo." Mi sono confuso. "Cosa intendi?" Ho chiesto. Lei ridacchiò: "Dio, sei ottuso". Ha detto spingendomi sul divano e attaccandomi il collo.

Amo molto Amy ma devo ammettere che Vampira è stata la migliore a succhiarmi e mordermi il collo. I Fangs mi hanno davvero aiutato. Potevo dire che stava andando un po' alla leggera nel mordermi il collo, quindi le ho detto di andare più forte. Lei guardò mentre slacciavo il suo corsetto. "Se lo faccio ancora più forte mi romperò la pelle." Mi ha avvertito. "Vai avanti" ho detto. Si tolse il corsetto e tornò al mio collo mordendolo e proprio come aveva detto rompendomi la pelle. Non avrei mai pensato che potesse succedere, ma il mio cazzo era così duro che mi ha fatto saltare il primo bottone dei pantaloncini. Si fermò e mi guardò sorridendo. Potevo vedere il mio sangue macchiarle i denti. “ha un sapore dolce”. Ha detto con una risata. Ho guardato le sue grandi tette e ho visto i suoi capezzoli con il piercing. "Andiamo in camera mia." Lei disse. "Hai davvero un feticismo dei vampiri, vero?" Ho chiesto. "Aspetta di vedere la mia stanza." Lei rise. Ha aperto la porta e non potevo crederci. Il teschio è ovunque. Candele nere. Tappeto viola con carta da parati viola e poster di Marilyn Manson, Dracula e Bela Lugosi. E per finire una bara davvero grande e davvero larga.

Aprì la bara e in realtà c'era un materasso. Ci si è sdraiata sopra togliendosi le mutandine, mantenendo la minigonna e scopandomi gli stivali gotici. Mi sono concentrato sul tatuaggio tra le sue tette. Un teschio con dentro un serpente. "Portami." Disse con un sorriso seducente. Mi sono abbassati i pantaloni ed essendo completamente nudo le sono saltato addosso attaccandole le tette con la bocca. Non so cosa stesse gemendo. Ma penso che fosse in latino. Puttana satanica. Ma ho capito che le piaceva quando le mordevo e le tiravo i capezzoli con i denti. Stavo ancora sanguinando dal taglio mentre piccoli rivoli di sangue gocciolavano sul materasso. "Di più!" urlò mentre spingevo il suo corpo sul letto e le allargavo con forza le gambe. Ho guardato la sua figa. Un tatuaggio di denti da vampiro sopra la sua figa rasata. E un piccolo paletto che le perfora il clitoride. Mi sono leccato le labbra e le sue e ho deciso di uccidere “AHHHHHHHHHH” Lei gemette mentre le leccavo il clitoride e iniziavo a succhiarlo con tutte le mie forze. "Ecco, Psycho... Mangiami... Mangiami..." Continuava a ripetere mentre mi leccavo tre dita e le infilavo violentemente nella sua figa. Volevo farla venire. Continuavo a pronunciare la parola D-R-A-C-U-L-A con la lingua sul suo clitoride e continuavo a canticchiare nella mia testa ogni canzone che conoscevo. “Sono Cl-Cl-Chiudi…..Altro…Altro” disse ansimando. Il suo grosso seno si sollevava su e giù e io lo afferravo con forza, pizzicavo forte i capezzoli e mordevo leggermente il clitoride. “FFFFFFFFFFFUUUUUUUUCCCCCCCKKKKKKKKKKKK!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!” Ha urlato con una voce così acuta che ho pensato che mi sarebbero scoppiate le orecchie. Ho bevuto ogni po' di sperma acido che quella cagna amante dei vampiri aveva nella sua fica. Dopo che ebbe finito di venire, ne volevo di più. "Era irreale... sei bravo a far venire la tua amante." Ha detto con una risata. "Mi dispiace, sono più dominante di te." dissi alzandomi e prendendo una candela nera accesa posizionandola vicino a noi. "No, non lo sei." Ha detto che pensavo di dimostrare che questa cagna si sbagliava con il mio cazzo duro in mano. L'ho spinta sul letto e le ho infilato il cazzo in bocca. Gemetti mentre la sua lingua forata perforava la parte inferiore del mio cazzo. “SUCCHIALO PUTTANA…SUCCHIA IL CAZZO DEL TUO MAESTRO!!! E SE MORDI TI FACCIO ATTRAVERSO L’INFERNO!!!!!!” Mentre la immobilizzavo sul divano ho iniziato a scoparle la faccia. Di tanto in tanto la saliva le usciva dalle labbra. Abbassai lo sguardo e vidi i suoi occhi chiusi. Ho girato la testa e l'ho vista giocare con le sue tette. Questa troia ama essere dominata. Dopo qualche altro minuto in cui la sua lingua con il piercing scivolava e amava il mio cazzo, l'ho tirato fuori e ho iniziato a picchiarla sulla faccia rossa con il mio cazzo facendole sputare bagnato e sciatto su tutto il viso. "È ora di rivendicare ciò che è mio!" dissi girandola e ammirando il tatuaggio di una bara con una croce sopra. Le ho schiaffeggiato la figa più volte e ci ho infilato le dita sentendo quanto fosse bagnata. Era fradicia "Questo... è... ora... MIO!!!" dissi mentre le infilavo brutalmente il mio cazzo nella figa facendola urlare. Mi sono asciugato il sangue dalla mano e le ho dato un colpo sul culo lasciandole un'impronta insanguinata sulla guancia sinistra. Ogni volta che sbattevo la sua figa, il suo culo sussultava come un matto, cosa che mi faceva impazzire. Ho preso la candela nera e l'ho inclinata di lato, facendole cadere la cera calda sul sedere. "AAAAHHHHH MORE MORE MORE" urlò tra i sussulti e i pantaloni. "Voglio di più?" Ho chiesto. "Sì grazie." Ha detto "per favore cosa?" Ho chiesto. Continuando a martellarla rimase silenziosa. "PER FAVORE, COSA?" Ho urlato sculacciandola forte, ho continuato a colpirla ripetendomi finché alla fine ha detto quello che volevo sentire. “PER FAVORE MAESTRO!!!!” lei ha urlato. Musica per le mie orecchie.

L'ho tirato fuori dal culo e l'ho sculacciato con il mio cazzo emettendo suoni bagnati e sciatti che mi hanno reso più duro. Mi sono tirato indietro e ho spinto in avanti mandando il mio cazzo nel suo stretto e caldo buco del culo. "SI!!!!!!!!!!!!" lei ha urlato. Ho afferrato la candela nera e ho spento la fiamma, prendendola e infilandola nella sua figa. Scopa due volte il suo cazzo nel culo e la candela nella figa. Stava urlando e gettando indietro i fianchi per incontrare la mia spinta. Dopo aver passato qualche minuto a guardare il suo culo tremare, ero sul punto di esplodere. L'ho strattonata a terra prendendola per i capelli e l'ho girata infilandole il cazzo in bocca. "MANGIALO!!!!" Ho urlato mentre le scopavo la faccia e sono venuto forte e veloce. Non potevo smettere di esplodere. La sua gola continuava ad espandersi e a contrastare per ingoiare il mio seme. Dopo 45 secondi ho smesso di venire. Mi sono asciugato il cazzo con i suoi capelli. "Sono... sono... piena", ha detto sdraiandosi sul pavimento in un mucchio di sudore e sperma. "Bene. Sarò sul divano." Dissi uscendo dalla sua stanza, mettendomi i pantaloni e chiudendo la porta aspettando che Jessica e Lilith tornassero a casa.

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

804 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

788 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.