Il desiderio 2

265Report
Il desiderio 2

È passato un mese da quando Seth mi ha violentata alla zolletta di zucchero e, per rendere le cose ancora migliori, ho scoperto che ha iniziato a lavorare nella mia azienda. Mi viene la nausea ogni volta che penso di andare a lavorare e di rendere le circostanze ancora migliori a mio favore... il suo ufficio è proprio accanto al mio. Si complimentava sempre con i miei capelli e il mio vestito o faceva commenti astuti su quello che era successo. Volevo denunciarlo ma recentemente una ragazza al lavoro è stata licenziata per aver fatto false accuse contro uno dei capi. Temevo che si sarebbe trasformato in una cosa che aveva detto lei e che non mi avrebbero creduto perché si era costruito la reputazione di ragazzo timido e dolce, il che non poteva essere più lontano dalla verità. Quindi ho tenuto la bocca chiusa e ho cercato di ignorarlo.

Fino a un venerdì sera verso le otto di sera. La maggior parte del personale era andata a casa tranne me e pochi altri, ma anche loro stavano per terminare la giornata. "Ehi cielo, vuoi unirti a noi, andiamo al bar a mangiare qualcosa e un drink o due." chiese un collega afferrando il cappotto. "No, rimarrò qui ancora un po', voglio finire questo rapporto." Ho sorriso dicendogli di andare senza di me e che mi unirò la prossima volta. Lui ricambiò il sorriso e se ne andò con gli altri verso l'ascensore. Mentre stavo quasi finendo il mio rapporto, ho fatto entrare Jim.

"Ehi Skylar, puoi restare fino a tardi stasera, ho bisogno che questi file siano ordinati e timbrati per la riunione di domani." Jim ha chiesto al nostro manager il team finanziario dell'azienda. Jim era un bravo ragazzo in un certo senso. Attualmente in ufficio si vocifera che abbia recentemente divorziato dalla moglie dopo che il figlio Terry si è dichiarato gay con il suo migliore amico. Ma non sono affari miei. Ho annuito e lui ha messo il foglio sulla mia scrivania mentre continuavo a scrivere il mio rapporto. Quando ho sentito Jim parlare con qualcuno fuori dal mio ufficio. “Ehi Seth. Tornare a casa?" chiese. "Sì, stavo proprio per chiedere a Skylar se voleva uscire a bere qualcosa stasera." Ha risposto che il mio cuore ha iniziato a battere forte mentre lo sentivo avvicinarsi al mio ufficio.

"Oh no, le ho solo chiesto se può restare fino a tardi per finire alcune pratiche burocratiche per me." Jim sembrava un po' colpevole. “Non preoccuparti, posso aiutarla. Non mi dispiace restare fino a tardi." Lui ha risposto
"allora ok. Ci vediamo lunedì, ragazzi." disse Jim, poi i passi di Jim si fecero più silenziosi.

"Noooo" ho pensato tra me e me quando ho sentito bussare velocemente, girandomi e trovando Seth lì. “Ehi Cielo. Jim mi ha appena detto che hai bisogno di aiuto. Ti dispiace se mi unisco?" sorrise, sembrava caldo ma faceva freddo, sentii un brivido corrermi lungo la schiena e scendere giù per lo stomaco facendomi venire la nausea.

"No, non sarà necessario, posso farcela da solo." dissi freddamente dandogli le spalle. Ho iniziato a guardare i file per organizzarli mentre sentivo gli occhi di Seth su di me. Ho fatto del mio meglio per ignorarlo, ho portato a termine il mio lavoro e sono tornato a casa sperando che non facesse nulla. Sembrava che passassero ore con lui che mi fissava. "Forse se chiedo il suo aiuto se ne andrà." Ho pensato. Alla fine, trovando il coraggio, ho deglutito a fatica e poi ho chiesto: "Aiuterai o rimarrai semplicemente lì?"

Lui venne dietro di me appoggiando lentamente il suo peso sulla mia schiena costringendomi ad abbassarmi un po' e mi sussurrò all'orecchio. "Guarda la mia bambina che gioca da grande." Rimasi senza fiato mentre le sue mani palpavano il mio seno stringendole e mandandole messaggi lentamente. "s...stop." Balbettai un po' mentre lentamente mi sentivo bagnarmi godendomi il suo calore. Ho chiuso gli occhi cercando di distrarmi da quello che stava facendo, poi all'improvviso mi ha lasciato andare.

Aprendo gli occhi, tremando anch'io, mi alzai velocemente cercando di superare Seth per andare in bagno: "Ehi, ehi, ehi, dove stai andando?" Disse Seth afferrandomi il braccio. "Non sono affari tuoi." Ho risposto tirando indietro il braccio ma lui ha rafforzato la presa. Tirandomi davanti a lui.

"Adesso è comunque parlare con papà adesso?" Ringhiò piano ma con rabbia. "Lasciami andare!" dissi lottando per liberarmi. La sua presa si fece più stretta mentre cercavo di avvicinarmi sempre di più alla porta.

Mi ha premuto contro il muro baciandomi e mordendomi il collo, afferrandomi l'altra mano e fissandoli. "No stop..." implorai cercando di liberarmi dalla sua presa, inutilmente. Mi baciò e mi morse il collo sbottonandomi lentamente la camicia con l'altra mano, facendo scivolare la sua mano fredda nella mia camicia facendomi venire la pelle d'oca lungo la schiena, mi slacciò velocemente il reggiseno. Ho deciso di indossare uno senza spalline, quindi è caduto rapidamente da me e sul pavimento. "Mmm, sembrano così deliziosi", sussurrò sulle mie tette iniziando a mordermi e succhiare il capezzolo sinistro, poi il capezzolo destro che si spostava avanti e indietro rendendoli duri. La sua mano iniziò a vagare per il mio corpo sbottonandomi completamente la camicia, andando oltre tra le mie gambe e sollevando un po' la gonna e facendola scivolare nelle mutandine.

Le sue dita gelate scivolarono su e giù per la mia fessura facendomi rabbrividire di piacere, usando due dita allargò le labbra della mia figa lasciando che la mia umidità scorresse lungo le sue dita facendo scivolare lentamente un dito dentro di me. "Mm sei così bagnato" mi provocò facendo scivolare lentamente il dito dentro e fuori da me, il suo dito freddo si scaldava per il calore che stavo emettendo. Mi morsi il labbro e trattenei il respiro per un momento cercando di non gemere mentre lui iniziava a toccarmi sempre più velocemente. Mi sentivo così bene che mi sentivo come se una diga stesse per crollare. Seth si è avvicinato al mio orecchio e ha iniziato a baciarmi e ad infilarmi la lingua nell'orecchio che è il mio punto debole. Ho iniziato a girarmi e girarmi un po', ma lui mi ha tenuto ferma stringendomi le mani più forte e poi le sue dita hanno trovato il mio clitoride. Gli girò intorno più velocemente mentre tornava a succhiare e mordere il mio capezzolo destro. Non potevo più trattenerlo, ero così vicino che potevo urlare. Tornò al mio orecchio e sussurrò: "Vieni per me". Mentre mi massaggiava il clitoride sempre più velocemente. La mia figa ha iniziato ad avere spasmi e contrazioni dentro e fuori, venendo selvaggiamente più forte di quanto avessi mai pensato possibile. Ho iniziato ad ansimare mentre lui infilava due dita dentro di me costringendomi ondata dopo ondata di piacere facendomi venire più a lungo. Alla fine ho inzuppato completamente le mie mutandine, stando da lui solo la mano che mi sostiene e la mano che mi blocca contro il muro.

Seth tirò fuori le dita, mi tirò su la gonna sulla pancia e mi appoggiò sulla scrivania. Non andavo da nessuna parte, cercavo di riprendere fiato mentre mi riprendevo dall'orgasmo. Mi ha strappato le calze esponendo di più la mia figa e il mio culo e l'ho sentito slacciarsi la cintura e la cerniera, cosa che mi ha fatto bagnare ancora di più. "Ho pensato a questa figa fin dal club." Gemette quando lo sentii infilare la punta del suo cazzo dentro di me. Potevo sentire la sua enorme testa che si estendeva verso il mio ingresso e faceva male ma mi sentivo anche bene. "per favore... no..." piagnucolai piano, ancora troppo debole per muovermi. "shh, prendila come una brava ragazza." Ridacchiò sbattendomi addosso ogni centimetro senza preavviso. Mi sono sdraiato lì prendendolo mentre le lacrime mi rigavano il viso e il suo peso mi premeva rendendomi difficile respirare. Lui grugnì e gemette penetrandomi come un animale in calore. I suoni della mia figa bagnata lo eccitavano ancora di più. Mi afferrò i capelli tirandomi su rendendo la sua spinta ancora più forte e profonda facendomi gemere mentre cadevano le lacrime. “Smettila di piangere, vedi quanto ti faccio sentire bene? Hai sentito quella tua figa che implora il mio cazzo?" Seth ringhiò piano nel mio orecchio e la mia testa iniziò a pulsare.

Lui lasciò andare i miei capelli e prese le mie tette tra le mani stringendole e giocando con il capezzolo. "Dio, per favore, fallo smettere." Ho pensato tra me e me mentre sentivo che il mio corpo cominciava a bruciare. La sua spinta profonda era così piacevole, ma non potevo lasciare che mi spezzasse. Mi ha morso il collo spingendomi più velocemente e più forte. "Cazzo, è così che si spinge indietro il cazzo di papà." Lui gemette stringendomi le tette più forte e io cominciai a gemere più forte. Ho continuato
Ripetendo nella mia testa “Non rompere. Non rompere. NON--."

Si tirò fuori lasciando dentro solo la punta e poi mi sbatté contro. "Ah!" gemevo. Lo ha fatto ancora e ancora finché non ne potevo più. Poi ha smesso completamente di tirarsi fuori. "N..no per favore..." implorai.
"Per favore cosa?" Seth ridacchiò. "Rimettilo dentro." Abbassai lo sguardo sconfitto. "È questo che vuole la bambina di papà?" Chiese. Ho annuito. Seth mi prese in braccio e mi adagiò sulla schiena sulla scrivania, sbattendomi contro e massaggiandomi il clitoride sempre più velocemente facendomi senza fiato. "È così bello papà mmm" gemetti giocando con le mie tette. "Mmm la mia bambina si sta divertendo adesso." Lui sorrise muovendomi le mani e stringendole lui stesso.

Seth mi colpì più violentemente, il suo respiro divenne più superficiale. Il suono delle sue palle che schiaffeggiavano contro di me e i suoi grugniti mi mandarono oltre il limite, stringendomi attorno al suo cazzo. Il mio respiro si è fatto inghiottito mentre chiudevo forte gli occhi mentre inarcavo la schiena e venivo forte inzuppando il suo cazzo nei miei succhi. Si è scontrato con me sempre più velocemente, dandomi finalmente un colpo prima di riempirmi di sperma bollente e mandando un'altra ondata di piacere in tutto il mio corpo. "merda" sussurrò dandomi le sue ultime gocce di sperma lasciando che il suo cazzo diventasse morbido dentro di me prima di tirarlo fuori. Mi sono subito inginocchiato e ho iniziato a succhiargli il cazzo. Sorrise mentre gemeva tenendomi la testa mentre cresceva di nuovo nella mia bocca. Ha iniziato a fottermi la gola, riuscivo a malapena a respirare ma non mi importava. “oh, sei la mia troia adesso. Adesso accontenterai il cazzo di papà, vero?" Lui gemette continuando a scoparmi la bocca più forte lasciando che le sue palle rimbalzassero sul mio mento ad ogni spinta. Tutto quello che potevo fare era annuire debolmente mentre usavo la mia bocca per il suo piacere. Sentii il suo cazzo pulsare nella mia bocca seguito dal suo sperma agrodolce che ingoiai velocemente cercando di non vomitare per il gusto.

Seth lasciò andare la mia testa gettandomi indietro e si aggiustò i vestiti, poi si accovacciò davanti a me. "Adesso sei la bambina di papà", sorrise. Si alzò e uscì dall'ufficio.
Lasciandomi lì confuso e desideroso di più. Mi sono seduto sul pavimento, prendendomi un momento per ricompormi e finalmente ho trovato la forza di sistemare ciò che restava dei miei vestiti e tornare a casa.
***
Finalmente tornando a casa, mi tolsi le scarpe, mi tolsi i vestiti e andai a farmi un bagno. Ho fatto il bagnoschiuma come sempre e sono intervenuto. Allontanando lo stress della giornata, ho pensato a Seth e a quello che mi aveva fatto. Ho chiuso gli occhi e ho fatto scivolare lentamente la mano nella mia figa dolorante, toccandomi lentamente gemendo. “ah….papà…” sussurrai. All'improvviso, ho sentito. "sì, piccola?" i miei occhi si spalancarono e c'era Seth in piedi sopra di me che sorrideva.

Storie simili

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

596 I più visti

Likes 0

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

813 I più visti

Likes 0

Insegnante - 01 Giorno 0 Si comincia

SM. Burk, per favore, fai rapporto in ufficio.» È venuto al citofono della scuola. E adesso? pensò. È successo qualcosa a uno dei suoi studenti della scuola materna. Laura Burk era un'insegnante di matematica al liceo in una scuola privata. Da quando HB 2469 è passato, l'umiliazione era legale e la forma approvata di disciplina, e alcune delle regole disciplinari erano molto strane rispetto a quello che erano state. Quando Sara arrivò in classe per darle il cambio, Laura attraversò il campus fino al front office. Lungo la strada vide Mika, una delle ragazze più anziane che attraversava il cortile centrale...

671 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

451 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

2K I più visti

Likes 0

Ossessione video amatoriale parte 2

Ero diventato sempre più ossessionato dal guardare questi film e ho scoperto che stavo nascondendo un orologio in ogni occasione, incluso guardarli a casa anche quando c'era mia moglie (Tracy). La vita familiare non era eccitante, ero stato piuttosto impegnato con il lavoro e normalmente non ero a casa fino a tardi, il risultato era che io e Tracy non passavamo molto tempo insieme, e anche se andavamo d'accordo , non siamo riusciti a passare così tanto tempo di coppia di qualità insieme. Quando è apparso il primo dei nuovi film, l'ho guardato sul telefono mentre la mia Tracy stava guardando...

2K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.