Scambiato

217Report
Scambiato

Ally nasconde il viso nel cuscino e lo morde mentre sente l'anello stretto che è il suo ano che si allarga per accogliere semplicemente la testa del cazzo straordinariamente largo e lungo del suo amico Dean. Lei urla nella stoffa mentre l'orifizio in cui non è mai stata penetrata prima viene allungato oltre la soglia del dolore che può sopportare.

Ally è attualmente sdraiata a faccia in giù sul suo letto e indossa solo una maglietta e un paio di pantaloncini che Dean le ha abbassato fino alle caviglie. Prima di tentare di entrarle nel culo, aveva spalmato una grossa porzione di vaselina all'esterno e gliel'aveva spinta dentro con le sue grandi dita. Gemeva sonoramente ogni volta che le scivolavano dentro. Si sente già esausta semplicemente per aver stretto forte i muscoli del sedere negli ultimi dieci minuti mentre lui la sondava.

Oltre al fatto che il cazzo di Dean è largo quasi due pollici, è lungo quasi dieci pollici. La stessa Alley è una ragazza estremamente minuta, alta solo un metro e settanta e con una grave mancanza di busto visibile nonostante abbia vent'anni. Questa mancanza di altezza è parte del motivo per cui ha scelto di uscire con il suo attuale fidanzato, Chad, che è alto solo un metro e settanta. In questo preciso momento, è seduto su una sedia nell'angolo della sua camera da letto con in mano una videocamera.

Dopo un commento sul fatto che Ally è l'esatto opposto di Dean in ogni senso, Chad ha insistito affinché i due facessero sesso in modo da poter filmare il risultato comico. Ally all'inizio aveva rifiutato, affermando che amava Chad e non voleva tradirlo, ma lui l'ha convinta sostenendo che avrebbero fatto una cosa a tre. Il risultato di questa decisione ha portato Dean a provare ad entrarle nell'ano invece che nella figa, cosa che non crede sia possibile.

Chad sta semplicemente ridendo dal suo angolo mentre guarda quello che potrebbe essere descritto come un cavallo che violenta uno scoiattolo. La testa di Ally si alza di scatto dal cuscino quando sente le grandi mani di Dean sulle sue natiche, che le separano. La testa del suo cazzo non è riuscita nemmeno a penetrarle l'ano. A questo si pone rimedio con una spinta forte che le fa roteare gli occhi all'indietro. Emette un gemito gutturale quando sente un centimetro del grosso membro scivolare nel suo stretto orifizio.

"Come ci si sente, tesoro?" chiede Chad dal suo angolo.

Per rispondere deve aprire la mascella dal cuscino. "Come se stessi morendo," geme senza fiato.

"Questo è il punto", ride Chad. "Guarda la telecamera, tesoro. Voglio catturare il motivo esatto per cui tu e Dean siete incompatibili come coppia."

"Oh, non lo so. Sembra un po' duro," Dean finge di essere scoraggiato. "Penso che Ally e io saremmo una coppia fantastica." Accentua questa affermazione con un altro forte colpo che fa scivolare un altro centimetro del suo cazzo nella ragazza indifesa. Non mordendo più il cuscino, questa volta Ally urla con voce stridula.

Dean è nero, il che spiega stereotipicamente perché il suo cazzo è molto più grande dell'unico altro che Ally abbia mai avuto dentro di sé, quello di Chad. Inoltre, stereotipicamente, è un giocatore di basket con mani e piedi grandi. È alto un metro e ottantacinque, più di un piede e mezzo più alto della ragazza che si contorce dal dolore sotto di lui in questo momento.

Però intende quello che dice sull'essere disposto a uscire con Ally. Secondo lui è estremamente adorabile. Ha una pelle liscia e chiara che contrasta sorprendentemente con la sua. In questo momento sta ammirando la vista del suo cazzo color ombra che sfiora il suo culo color pesca. Questo è qualcosa che non avrebbe mai potuto sognare che accadesse eppure ogni volta che si incontravano lo fantasticava. Ha immaginato come sarebbe aprire in due questa ragazzina con il suo cazzo enorme ogni volta che esce con lei e Chad.

Quando Chad gli ha offerto il resto oggi, sicuramente non avrebbe rifiutato. Oltre alla sua pelle liscia come il latte, è attratto anche dai suoi capelli color oro scuro che brillano con qualsiasi luce; probabilmente a causa della frequenza con cui lo spazzola. Oggi ha intenzione di prendere un po' del suo sperma in ogni modo possibile. Non sa se sarà arrabbiata con lui, ma un po' spera che lo sia. Almeno così non dimenticherà presto la loro scappatella.

Vuole anche che Chad debba pensarci ogni volta che la guarda da ora in poi; che era dominata da Dean al punto da permettergli di contaminare i suoi bellissimi capelli. Se possibile, ha intenzione di infilarle il cazzo nella piccola bocca raggrinzita. In questo modo Chad dovrà pensarci ogni volta che la bacia. Il suo membro massiccio potrebbe non adattarsi alle sue piccole labbra, ma sembra che le sue guance leggermente paffute potrebbero essere in grado di trattenerlo.

"Nah, voi due non lavorereste mai. Lei soffrirebbe ogni volta che scopate," risponde finalmente Chad al suggerimento di Dean.

"Una ragazza non dovrebbe mai essere in grado di camminare dopo il sesso," annuncia Dean con orgoglio spingendo un altro centimetro dentro Ally.

Lei grida mentre si aggrappa ai lati del materasso. "Per favore, basta," implora guardando dritto verso Chad con il viso rigato dalle lacrime.

Però in questo momento ha un'espressione solenne. La dichiarazione di Dean lo preoccupa. Non è mai riuscito a scopare Ally così forte da impedirle di camminare dopo. Sa che Dean stava scherzando ma in qualche modo si chiede se ci sia del vero in quella dichiarazione. Dubita che qualche ragazza sia stata in grado di camminare subito dopo essere stata scopata da Dean. Una parte di Chad vuole davvero che ciò accada alla sua ragazza. Vuole vedere il suo adorabile corpo contorcersi in agonia per essere stata riempita oltre i suoi limiti dal cazzo di Dean come non avrebbe mai potuto.

Chad non solo è al di sotto della media in altezza, ma è anche al di sotto della media nella lunghezza del pene, motivo per cui ha scelto Ally come sua ragazza. Si rese conto che una ragazzina così piccola non avrebbe avuto tanto spazio per lamentarsi del suo uccello di quattro pollici. Fino ad oggi era l'unica persona con cui aveva fatto sesso e non si era mai lamentata. Era comunque scoraggiante per Chad non essere mai riuscito a soddisfarla solo con il suo pene. Ogni volta che facevano sesso, lui o lei avrebbero dovuto finirla con le dita o con il suo massaggiatore vibrante.

Ally sta ancora fissando Chad implorante quando ritorna dai suoi pensieri. "Assolutamente no," le risponde supplicando con una risata forzata. "Voglio catturare ogni tua espressione mentre Dean si rammarica anche considerandolo come un partner."

"Non l'ho mai considerato niente del genere," si lamenta Ally. "Questo era il tuo..." si interrompe sussultando mentre Dean improvvisamente scivola dentro di lei per diversi centimetri contemporaneamente. Dopo aver fatto passare la testa del suo cazzo oltre il suo ano, è riuscito a scivolare più in profondità nella parte diritta delle sue viscere. Tuttavia, la sua punta colpisce la parete del suo intestino nel punto in cui si curva.

Si afferra lo stomaco mentre questo si gonfia leggermente in fuori a causa dello spostamento dei suoi organi. Comincia ad agitarsi come se stesse per vomitare ma alla fine riesce a fermarsi. "È stato fantastico," esulta Chad dal suo angolo. "Sembrava che la stessi pugnalando dall'interno."

"Ti piace questo?" Ally geme confuso.

"Certo che lo sono," la informa Chad. "Ogni ragazzo ama vedere una ragazza farsi scopare violentemente. La rende incredibilmente attraente. È nello stesso modo in cui provi compassione per un animale ferito."

"Allora farò del mio meglio per ferirla ancora un po'," annuncia scherzando Dean mentre fa scivolare fuori il suo cazzo quasi completamente. Ally fa un respiro profondo mentre sente una sensazione di vuoto travolgerla. Sente un vuoto freddo dai suoi organi che viene messo da parte ora che il suo cazzo caldo non riempie più il buco che ha creato.

Lei non deve aspettare a lungo perché lui le afferra forte il culo e la fa scivolare all'indietro sul letto, sbattendole dentro più cazzo di prima, lasciando solo due pollici fuori. La punta colpisce la parete del suo intestino e scivola lungo di essa mentre il suo cazzo si curva parzialmente. Tuttavia, anche il suo intestino è costretto a raddrizzarsi per accoglierlo.

Si dispera di nuovo e questa volta vomita dalla sponda del letto perché il suo stomaco è spostato. Tossisce e balbetta per riprendere fiato prima di guardare Chad con un'espressione infelice. "Aiutami," riesce a malapena a parlare.

Chad è troppo occupato a meravigliarsi della sua espressione sconvolta per ascoltarla. "Scommetto che svenirà con il prossimo colpo," parla di lei come se non fosse una persona reale con scelta in merito.

Rendendosi conto che il suo ragazzo è una causa persa, gira la testa finché non riesce a vedere Dean dietro di lei. "Per favore, smettila," lo implora.

"Non si può fare, Dolcezza." Lui le dà una pacca sul sedere affettuosamente.

"Mi stai uccidendo," piagnucola.

"Non morirai. Inoltre, anche se lo morissi, avrei comunque bisogno di farlo."

"Perché? Ti piace così tanto vedermi soffrire?"

"A ogni ragazzo piace sapere che se una ragazza soffre, è lui a causarlo. In questo momento, però, ho bisogno che tu senta ogni centimetro di me. Ho bisogno che tu sappia che questo è ciò che potresti avere se non fossi t con il cazzo ad ago laggiù."

"Il tuo cazzo è troppo grosso per me," ansima senza fiato.

"Ti abituerai. Prova a fare sesso con lui dopo. Non toccherà nemmeno i muri."

"Ma lo amo?" lei piagnucola.

"Praticamente ti ha dato a me solo per divertirmi," le ricorda Dean.

"Mi state facendo questo entrambi", sostiene.

"Lascia che la sua ragazza scopi con qualcun altro. Non sto tradendo la mia ragazza. Sto cogliendo l'unica opportunità che avrò mai per scopare la ragazza di cui sono innamorato."

"Aspetta, sei innamorato di me?" Gli occhi di Ally si spalancano per la sorpresa.

"Pensi che farei questo a chiunque?" Lui le sbatte dentro gli ultimi cinque centimetri del suo cazzo. I suoi occhi roteano all'indietro e lei cade su un fianco. È svenuta a causa del dolore provocato dal raddrizzamento forzato dell'intestino.

"Oh mio Dio, l'hai fatto davvero!" Chad ride dal suo angolo. "Sollevatela. Voglio vedere l'espressione stupida sulla sua faccia." Obbedientemente Dean afferra una manciata di capelli di Ally e ne solleva la metà anteriore dal letto. Dirige il suo viso direttamente verso la telecamera ma lei non riesce a vederlo affatto. È visibile solo il bianco degli occhi e la mascella è completamente rilassata. C'è bava e vomito che le cola lungo il mento e il petto, rendendo la sua maglietta trasparente. Il resto della sua pelle visibile è incredibilmente lucida per il sudore.

"Riposizionala. Voglio vedere il suo buco del culo disteso da qui," ordina Chad a Dean. Ancora una volta obbedisce. Fa oscillare le gambe sul letto mentre afferra Ally per la vita e la trascina in un abbraccio da orso da dietro. Lui usa le proprie gambe per sbatterla su finché lei non si siede sulle sue ginocchia in stile cowgirl al contrario.

"Oh wow," sussulta Chad mentre ingrandisce la telecamera sulle labbra gonfie della sua fica. Sono incredibilmente lucenti in questo momento. "È eccitata. Vorrebbe che tu le avessi forzato quel tronco nella fica."

"Si può organizzare." Dean inizia a sollevare Ally, facendole scivolare via il buco del culo dal suo cazzo.

"Aspetta," Chad lo ferma. La visione che ha della sua ragazza in questo momento fa sembrare che sia stata impalata su uno spesso palo nero. "Prima ho bisogno di più riprese del suo culo pieno," spiega la sua esitazione a Dean. Senza preavviso Dean fa scivolare Ally giù dal palo, facendola urlare nonostante non fosse cosciente. "Mi chiedo se i suoi organi torneranno mai alla normalità", mormora Chad mentre guarda con ammirazione.

Dean però ha iniziato a stuzzicare le labbra della sua fica. Sono incredibilmente gonfi in questo momento. Se Ally fosse davvero così eccitata come sostiene Chad, a quest'ora si sarebbero già aperti. A lui sembra una vergine per quanto è chiusa la sua fica. "È praticamente nuova di zecca dopo i primi centimetri," mormora tra sé e sé mentre spinge una delle sue grandi dita nella sua fica, facendola strillare.

"Che cos 'era questo?" Chad non lo ha sentito ma può dire che ciò che Dean ha detto fosse offensivo.

"Con il mio cazzo che le allarga così tanto il sedere, la sua fica è chiusa," si scusa Dean. "Non credo davvero che questa cosa a tre funzionerà."

"Non preoccuparti di questo." Chad agita la mano con disinteresse. "L'ho detto solo per convincerla ad accettare la cosa. Volevo solo vedere la sua faccia mentre prendeva il tuo cazzo enorme in quel suo culo. Cavolo, ha bisogno di una bella scopata. A volte è proprio una stronza." Il volto di Dean si contorce in confusione mentre ascolta Chad sbraitare.

"È così indecisa e poi si arrabbia con me perché non prendo sul serio le sue opinioni. Parla per ore con le sue amiche e mi ignora. Ogni mese mi chiede se possiamo provare a comprarle un vibratore per velocizzare le cose in camera da letto . Sono proprio stufo. Avrei dovuto semplicemente infilarle il pugno nel culo. Sarebbe stato meno complicato per te, amico." Chad si comporta come se Dean gli stesse facendo un favore.

"Certo, allora non avrei potuto filmarlo bene. Cavolo, non vedo l'ora di mostrarle com'è mentre viene inculata. Il suo viso era così dolorante. Non posso crederci non è svenuta prima. Spero che si svegli presto. Ho bisogno di qualche filmato di lei che piange mentre la sodomizzerai. Il suo buco del culo e il suo viso devono essere nell'inquadratura contemporaneamente. Questo non è un pestaggio normale. Lei si sta facendo sfondare il culo dall'interno da un cazzo. Ha bisogno di sapere cosa le sta succedendo."

Chad ha uno sguardo sognante sul viso. Ovviamente sta immaginando come sarà la sua piccola ragazza mentre scivola su e giù per il cazzo di Dean come una bambola di pezza. "Amico, è così carina quando soffre. Non so se mi piace prenderla in giro se voglio che soffra per essere una tale stronza. Penso che proverò a morderla la prossima volta che saremo fare sesso."

Dean continua a fissare Chad confuso, non sicuro di cosa dovrebbe dire. Per fortuna Chad non sembra aspettarsi una risposta. Invece inizia a schiaffeggiare Ally. "Svegliati, dormiglione. Non abbiamo ancora finito di girare. Non è divertente violentarti se non urli e piangi." I suoi occhi sbattono un paio di volte ma non si sveglia. Chad la guarda accigliato come se fosse intenzionalmente difficile.

Alla fine lui le afferra entrambi i capezzoli attraverso la maglietta e li torce. Urla di dolore mentre si sveglia del tutto. "Eccoti." La schiaffeggia di nuovo. "Preparatevi, stiamo ancora girando."

"Lo siamo," ansima mentre si massaggia i capezzoli doloranti. Senza preavviso Dean le toglie la maglietta dalla testa. Istintivamente all'inizio si copre il petto, ma lascia cadere le braccia quando Chad glielo ordina agitando la mano di lato.

"Va bene, Dean, abbiamo bisogno che soffra quanto più possibile. Assicurati di colpire le pareti del suo buco del culo il più possibile. Sentiti libero di morderla e pizzicarle anche i capezzoli. Ho degli aghi che possiamo colpiscili anche con loro. Voglio che vomiti almeno un'altra volta."

"Che cosa?" Ally grida confusa. Non è sicura di aver sentito bene o se è ancora disorientata a causa dello svenimento."

"Pensavi che lo stessimo facendo per il tuo divertimento?" chiede Chad. "Non è divertente guardare una ragazza che si diverte a farsi scopare. Se ti piace, vai a guardare uno spettacolo via webcam di una ragazza che si tocca con un vibratore. L'unica ragione per cui scopi una ragazza con un cazzo più grande del suo buco è per vedere il suo dimenarsi.

Ally apre la bocca per discutere mentre Dean la solleva di nuovo dal suo cazzo. Prima che possa dire qualcosa, lui la sbatte di nuovo a terra, sostituendo le sue parole con un grido di dolore e senza fiato. Lo ripete più volte, impedendole di parlare. Ogni volta che ci prova, però, perde più aria fino a quando il suo viso inizia a diventare blu.

Lui le gira la testa verso di sé e la bacia, impedendole di respirare. Alla fine riesce a succhiare un po' d'aria dal naso invece che dalla bocca. "Che diavolo!" grida quando finalmente rompe il bacio. "Vuoi vedere anche me che soffro?"

"Voglio essere io a causarti dolore", la informa. Adotta un'espressione sbalordita mentre arrossisce. Poco dopo, però, i suoi occhi roteano all'indietro mentre lui comincia a sbatterle di nuovo nel buco del culo. Invece di lamentarsi questa volta decide di seguire il flusso e aspettare che finisca. Lei semplicemente gira i fianchi a ritmo mentre lui la fa rimbalzare con la mano sul suo sedere. Lei geme e geme ogni volta che lui colpisce la parete del suo intestino e sussulta anche quando le torce i capezzoli.

Alla fine inizia a toccarsi la fica bagnata nel tentativo di divertirsi. Al momento è ancora incredibilmente stretto, ma le sue piccole dita riescono a scivolare dentro. Quando Dean se ne accorge, spinge due delle sue grandi dita dentro di lei accanto a loro. "No," geme lasciando che la testa rotoli sulle spalle in uno stato rilassato. I suoi occhi sono completamente chiusi mentre geme in estasi.

"Vuoi qualcosa di più grande qui?" chiede mentre le tira fuori le dita in modo da poterne inserire un terzo.

Lei scuote la testa. "Mi farai a pezzi", sostiene.

"Forse," non nega questa possibilità mentre la solleva in aria più in alto del solito. Lei sussulta quando il suo cazzo le esce dal culo. Sente un'ondata di aria fredda che si riversa dentro per riempire il posto vuoto. Può anche sentire il fatto che il suo ano non si chiude affatto. È una sorpresa per Dean e Chad vedere e filmare.

"Per favore," piagnucola mentre cerca di focalizzare lo sguardo sul viso di Dean.

"Per favore cosa?" chiede timidamente.

"Per favore, rimettilo a posto. Mi sento così vuoto."

"Peccato." Lui tira fuori le dita dalla sua fica e mette entrambe le mani attorno all'esterno come per formare un imbuto. Quando si stanca di tenersi in aria le sue gambe cedono e si siede di nuovo sul suo cazzo. Le sue mani lo guidano in un punto, direttamente nella sua figa. Lei urla di dolore quando lo sente scivolare fino in fondo. È più che abbastanza bagnata anche se l'orifizio stretto deve allungarsi per accogliere la sua circonferenza.

Si è allenata a mantenere un certo disinteresse per il sesso in modo che la sua fica non si sciolga per l'attesa. Questo aiuta con le dimensioni ridotte di Chad. Tuttavia, è uno svantaggio con Dean. Si sente come se il suo imene si fosse strappato di nuovo. Infatti, sta iniziando a chiedersi se il cazzo di Chad fosse semplicemente così piccolo da non essere completamente strappato all'inizio.

Adesso è ancora più piena che con il culo. Il suo cazzo non è ancora completamente dentro di lei e lei sa perché. La distanza tra le labbra della sua fica e la cervice è inferiore ai dieci pollici del suo cazzo. Se vuole spingersi oltre, le schiaccerà il grembo.

Non sembra notarlo. È determinato a penetrarla fino in fondo. La solleva in aria e la lascia cadere sul suo cazzo. Sente la punta che sbatte contro la sua cervice e ne allunga la carne. Non si aprirà però. È progettato per sopportare il peso di un bambino e tutta la sua acqua.

Sente però ancora il dolore della carne che si stira, proprio come quando si tira un muscolo. Lei urla e poi inizia a singhiozzare. Dean semplicemente la solleva e la lascia cadere di nuovo. "Ehi amico, nessuno ha detto niente sull'uso della sua fica!" Chad grida con rabbia dal suo angolo dove è tornato dopo che Ally si è svegliata.

"Si sta già facendo scopare, che importa?" Dean alza le spalle.

"Lei è la mia ragazza. Sono l'unico a cui è permesso usare la sua fica."

"In questo momento è più una sgualdrina di pubblico dominio." Dean fa girare Ally sul suo cazzo per schernire Chad. Geme semplicemente di dolore mentre lascia girare di nuovo la testa.

"Va bene, basta." Chad attraversa la stanza e afferra Ally per le braccia. Dean gli permette di sollevarla quasi completamente dal suo cazzo prima di spingere via Chad con una grande mano. Ally urla mentre scivola indietro lentamente lungo il suo cazzo a causa di quanto è stretta la sua fica. Si sta chiudendo ancora di più ora che soffre troppo per goderselo.

"Scendi dalla mia ragazza, yo!" Chad perde la pazienza.

"L'hai sfruttata", sostiene Dean. "E poi con me sta meglio comunque."

"Non può nemmeno parlare in questo momento", sostiene Chad.

"Ally, svegliati un attimo. Fai sapere a questo idiota che non può farla franca trattandoti come un giocattolo da scambiare. Verrò a riportare la mia Xbox più tardi." Dean fa l'occhiolino a Chad. All'insaputa di Ally, una delle condizioni era che Dean dovesse dare a Chad la sua console di gioco.

"Che cosa?" Gli occhi di Alley si concentrano per un minuto. "Cosa hai fatto, Chad?" chiede incoerentemente.

"Dean aveva solo un piccolo compenso da pagare per divertirsi con te," si difende Chad.

"Non posso crederci...!" Ally si interrompe vomitando di nuovo. Chad non può nascondere quanto sembri eccitato. Non importa cosa, sembra godersi la sua miseria. "Per favore, uccidimi e basta," geme dopo aver finito di tossire e balbettare. "Voglio che finisca."

"Non è poi così male," Dean cerca di calmarla.

"Sei molto più grande di Chad," geme.

Gli occhi di Chad brillano di rabbia. "È così?" chiede severamente.

"Mi dispiace, tesoro. Lo è. Mi sta distruggendo. Non riesco a muovermi. Penso che morirò. Non è mai stato così con te. Non capisco. Perché sei così piccola? È così che dovrebbe essere il sesso? Dovresti odiarlo così tanto?"

"Bene, penso di aver sentito abbastanza," dice Chad a denti stretti. Sta cercando di non perdere la calma. La testa di Ally si gira mentre lo guarda prendere la macchina fotografica e dirigersi verso la porta.

"Dove stai andando?" lo chiama. Lui non risponde e invece sbatte la porta del suo appartamento. Lei gira la testa finché non guarda di nuovo Dean.

"Siamo solo io e te adesso, tesoro." Non riesce a nascondere la gioia sul suo volto.

"E adesso?" geme.

"Adesso mi appartieni. Faremo sesso così ogni giorno."

I suoi occhi si spalancano per la paura. "Ogni giorno?" ripete con voce impastata. Lui annuisce mentre le infila di nuovo il cazzo nella figa. Sbuffa e ansima mentre sente il vento che le viene nuovamente spinto fuori dai polmoni. Quando riprende fiato, lo guarda ancora una volta in faccia. "Mi scoperai a morte, vero?" chiede nel suo discorso farfugliato.

"Forse", non nega l'idea.

"Morirò con un cazzo dentro. Morte per impalamento." I suoi occhi brillano leggermente mentre ci pensa. Non è chiaro se attende con ansia il sollievo di questo finale o se sta effettivamente iniziando a goderselo.

Dean è innamorato dello sguardo sul suo viso. La bacia mentre le sbatte di nuovo il cazzo dentro. Lei urla contro le sue labbra ogni volta mentre lui si avvicina pericolosamente a squarciarle la cervice. All'improvviso, proprio prima che lei pensi che la sua cervice stia per rompersi, lui si tira fuori. Lei stacca la bocca da quella di lui e sussulta di sollievo.

Tuttavia è di breve durata poiché lui la afferra per la vita e la gira in modo che sia sdraiata sulla schiena con la testa in grembo. Lei apre la bocca per chiedere cosa sta succedendo ma lui inclina la testa all'indietro finché non riesce a infilarle la punta del cazzo nelle labbra. Lei emette un suono stridulo mentre lui le fa scivolare tutta la gola nel cazzo, piegandolo insieme al suo esofago nel processo.

Gli dà ripetutamente una pacca sul ginocchio, cercando di avvertirlo che non riesce a respirare. Lui le stacca quasi completamente la testa ma la fa scivolare di nuovo sul suo cazzo prima che possa prendere fiato. Lei urla nel suo inguine quando si rende conto di cosa sta facendo. La sua gola si gonfia mentre l'aria dai polmoni cerca di fuoriuscire.

Si tira fuori quanto basta per far uscire l'aria, ma la spinge indietro quando cerca di aspirare di più. Invece finisce per succhiare la propria saliva. Comincia a tossire, aprendo ogni volta parzialmente la gola. Lui spinge il suo cazzo più in profondità dentro di lei ad ogni colpo di tosse finché tutti i dieci pollici non sono dentro.

Lui le tocca l'esterno della gola e può sentire il proprio cazzo dentro di lei. Le vene del collo pulsano mentre il sangue cerca di affluirle alla testa. Lampi bianchi le offuscano la vista mentre diversi vasi sanguigni nei suoi occhi scoppiano. Lentamente l'oscurità inizia a sopraffarla. Smette di lottare così tanto e alla fine si allenta.

Poco prima che lei stia per svenire, lui finalmente la fa scivolare via dal suo cazzo. È troppo esausta anche per tossire adeguatamente e invece semplicemente gorgoglia mentre la bava le scorre lungo gli angoli della bocca. Il suo cazzo ora si sta contraendo, proprio sul punto di rilasciare lo sperma represso.

Lui mira direttamente al suo viso. Sussulta quando il liquido caldo la colpisce a lato del naso. Reindirizza la mira in modo che il getto successivo colpisca i suoi capelli divaricati. Mentre i suoi sensi ritornano lentamente, diventa confusa dalle sue azioni. "Cosa fai?" tossisce raucamente.

"Marcandoti come mia," la informa mentre preme la punta del suo cazzo sulle sue labbra affinché l'ultimo getto entri nella sua bocca. Lei cerca di sputarlo ma lui le copre la bocca finché non lo ingoia. Lei è irritata ma non dice nulla.

"Mi sento così appiccicoso." Si abbassa e si tocca l'inguine. Può sentire qualcosa di più denso del maglione e del fluido e sa che è sangue. "Ho bisogno di una doccia."

"Non ancora." Dean la tira su sul letto in modo che sia sdraiata accanto a lui.

"Mi sento schifosa," piagnucola.

"Voglio che tu ti senta così per un po'," spiega. "Lascia che quello che abbiamo appena fatto venga assorbito."

"Vuoi dire quello che mi hai appena fatto," lo corregge.

"E lo farò di nuovo", le assicura. Lei sussulta al pensiero ma è troppo stanca per discutere con lui. Fissando il soffitto cerca di organizzare i suoi pensieri. È stata appena scambiata dal suo ragazzo con il suo migliore amico per una xbox e ora deve farsi scopare da un enorme cazzo di dieci pollici ogni giorno. Non riesce a capire come sia potuta accadere una cosa del genere, ma al momento non è mentalmente in grado di discutere.

Nel profondo sa che dovrebbe essere in grado di cacciare Dean fuori adesso e non parlargli mai più, ma in qualche modo sente che ciò significherebbe infrangere le regole. Per qualche ragione vuole finire questo gioco che Dean e Chad hanno iniziato alle sue condizioni. Forse se riesce ad abituarsi a farsi scopare da Dean allora ciò conterà come una vittoria. Avrà dimostrato che non possono semplicemente passarla avanti e indietro come un premio inanimato.

Qualcos'altro però le pesa nella mente. Chad ha detto che gli piace il fatto che lei non si diverta. Forse è questo il vero sesso. Forse è per questo che era sempre così infelice ogni volta che dormivano insieme.

L'immagine nella sua testa in questo momento è quella di Dean che fa rimbalzare un pallone da basket. Alla fine cambia in lui che la fa rimbalzare sul suo cazzo con la stessa facilità. Non gli importa se le piace. Lei è qualcosa per lui in cui infilare il suo cazzo. Proprio come una partita di basket, per lui entrare dentro di lei è una sfida, resa ancora più difficile dal fatto che è così piccola.

Per la prima volta nella sua vita è estremamente felice di essere così piccola. Se non lo fosse stato, il suo cazzo forse non l'avrebbe riempita così ermeticamente. Non vede l'ora che arrivi la prossima volta in cui potrà alzare gli occhi al cielo e semplicemente godersi la sensazione di essere piena fino all'orlo. Meglio ancora, non deve fare nulla. Dean le infilerà il cazzo dentro che lei lo voglia o no e non si fermerà quando lei griderà di dolore.

Tutti questi pensieri la rendono estremamente arrapata. Sta iniziando a chiedersi se non sia troppo tardi per fare un altro giro oggi. Ovviamente non ammetterà mai il suo interesse a farlo. Metà del divertimento è il fatto che Dean la sta violentando. Non potrà mai chiederlo.

La terribile sensazione che non sarà mai più con Chad le pesa solo leggermente nella mente. In qualche modo non le importa. Non avrebbe mai potuto tornare da lui, non dopo essere stata portata al limite da Dean. Dovrebbe essere triste e invece è quasi felice. Tutti le dicevano sempre che le dimensioni non contano. Ora vuole chiedere a tutti di ripeterlo dopo essere stata violentata da un giocatore di basket nero con un cazzo di dieci pollici.

Storie simili

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

532 I più visti

Likes 0

Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette...

543 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

529 I più visti

Likes 0

La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo. Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un...

347 I più visti

Likes 0

Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo... La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio. Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri. Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà? chiese una voce familiare. Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del...

321 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

137 I più visti

Likes 0

Domanda di un figlio curioso, seconda parte

Questa è la seconda parte di una serie che evolve sul sesso tra un ragazzo di diciotto anni e suo padre. Se non hai letto il primo; Ti consiglio di farlo. La prima storia era un mix tra prima e terza persona. Questo sarà interamente in terza persona. Quando James si svegliò per la prima volta nel letto di suo padre si chiese come fosse arrivato lì. Poi si ricordò che nemmeno nove ore prima lui e suo padre avevano fatto il miglior sesso orale che James avesse mai avuto. Dopo essersi seduto sul letto, sentì suo padre scendere le scale...

145 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.2K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.