Il primo amore di Sarah

484Report
Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo...

La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio.

Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri.

Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: "Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà?" chiese una voce familiare.

Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del suo stallone sauro.

"Sì," concordò lei tranquillamente mentre fissava il suo viso da bella, la sua corporatura con le spalle larghe, il suo cappello allegramente in bilico sopra la sua zazzera di capelli scuri.

Abbassò lo sguardo vedendo la ragazza della sua infanzia piuttosto che la giovane donna nel pieno fiore della vita che era diventata

"Un bravo ragazzo, davvero un ragazzo fortunato, Mr Countisbury," John ridacchiò, "Hai mantenuto tutte le qualità che si potrebbero desiderare in un Arcivescovo, hai davvero scelto bene!" ha riso.

Lei si accigliò.

"Ci vediamo stasera?" ridacchiò, sapendo benissimo che lei non avrebbe mai ceduto all'antico rituale del 'Droit de Signeur', dove la verginità di tutte le vergini della parrocchia apparteneva al Signore di Caisterdale per essere strappata alla vigilia del loro matrimonio.

"Sì," disse voltandosi a fissare l'acqua, "ci sarò, è la tradizione."

Regnò sul suo cavallo e si voltò: "Sì?" disse: "Sicuramente no?"

"Sì, ci sarò", ripeté.

"Ma tu non capisci," disse senza speranza, "Padre," sentiva il bisogno di avvertirla, di avvertirla del mondo della fornicazione che a volte sperimentava ad Harrogate o a Heaton, un mondo lontano da Caisterdale, dove le ragazze saltellavano sfrenatamente. per pochi centesimi, un mondo in cui in pochi istanti furiosi suo padre l'avrebbe spinta ignara e riluttante.

"Capisco benissimo," disse, "è una barbarie, metà dei primogeniti del villaggio hanno gli occhi di tuo padre." annunciò: "Ma è un suo diritto, e se le umili serve devono soccombere, allora devo farlo anch'io".

Voleva guardarla negli occhi, vedere la sua anima, ma lei guardava attraverso il suo libro e in un mondo molto al di là.

"Non lo permetterò!" John annunciò: "Non tu, con papà, è abominevole, perché non molto tempo fa eravamo fratello e sorella che giocavano".

"E ora ho fatto un'unione eccellente", ha detto, aggiungendo con un certo sarcasmo, "lo dicono tutti".

"Sì," concordò incerto.

Il sole splendeva sui suoi capelli dorati, scintillava sul suo anello di fidanzamento, splendeva dorato sulle sue caviglie tornite e sulla curva del collo, lui sentiva dei brividi, ma lei si voltò ancora una volta verso di lui e il momento era passato.

"E tu sei d'accordo?" disse: "Che sarò un'eccellente moglie di vicario".

"In effetti," concordò, "la figlia di un vicario diventa la moglie di un vicario, è," fece una pausa vedendo il suo disagio, "come se fosse stata ordinata dal signore onnipotente," disse pomposamente.

"steward!" sbottò e si voltò verso il ruscello con le lacrime agli occhi,

Il rimprovero ferì, se qualche altra cameriera lo avesse detto sarebbe stato niente, se fosse stata una serva sarebbe stata frustata, ma quella era Sarah, che conosceva da più tempo di quanto potesse ricordare e la sua opinione contava.

"Suppongo che ci incontreremo di tanto in tanto?" chiese mentre lottava per venire a patti con gli aspetti pratici dell'imminente matrimonio di Sarah.

"Ne dubito", rispose, "La vita della moglie di un vicario è interamente piena di buone opere e di infinita noia che offusca la mente!" sbottò e gettò a terra il libro con rabbia: "Riuscivo a malapena a sopportare l'eccitazione."

Non sapeva cosa fare o dire, l'intero fidanzamento era stato un po' uno shock, le sue regolari visite alla canonica erano state necessariamente interrotte dal corteggiamento di lei con Mr Countisbury, e in effetti sapeva che gli sarebbe mancata come una sorella, e il pensiero che lei si sarebbe sposata lo turbava profondamente.

"In effetti," disse, "a domani, buon giorno," disse, girò di nuovo il cavallo e tornò a casa, con i pensieri molto turbati.

Aiutò a stabilizzare il suo destriero, si lavò la polvere della strada dal viso e dalle mani, si divertì con la scrittura e infine si vestì per la cena e scese a cenare.

"Oh, che forma di onore è questo?" chiese suo padre, "Degnarsi di cenare con noi, è in onore della signorina Haverthorpe?"

"La signorina Haverthorpe, padre?" chiese.

"In effetti, la giovane Sarah, vieni per essere spennata, ma non arriverà prima del buio", affermò suo padre, "Dev'essere passato un mese molto vicino dall'ultima volta che hai rinunciato alle delizie del Cane e dell'Anatra per cenare con noi,"

"Ho degli affari, papà," insistette.

"Affari divertenti, affari da scimmie?" lo rimproverò suo padre.

"Lascia in pace quel povero ragazzo, Charles," insistette sua madre, "dopotutto ha ventuno anni."

"Sì," concordò suo padre, "E con l'età arrivano le responsabilità."

"E decrepitezza, insisteva sua madre.

"Ed è proprio questo il punto, padre," disse John con forza, "Perché sei abbastanza grande e più grande per essere il padre di Miss Haverthorpe, è del tutto sconveniente!"

"Non ho avuto rapporti con la madre, te lo assicuro," ammise Lord Caisterdale, "Ma in parte hai ragione."

"In effetti," aggiunse la madre, "ma vedi, tuo padre e io abbiamo avuto delle parole."

"E in questo mi sconvolgi e mi stupisci," sogghignò John, "Avevi davvero delle parole?"

Sua madre si drizzò a sedere: "E il risultato è che ho proibito a tuo padre di fornicare con Miss Sarah o con altre fanciulle."

"È il mio cuore, figliolo", disse il Signore, "mi addolora".

"Oh povera signorina Haverthorpe," sogghignò John.

"Davvero la povera signorina Haverthorpe," insistette sua madre, "che subisce invece i vostri maldestri."

"Che cosa?" John protestò.

"Perché il dovere spetta a te", insisteva, "ora eseguilo con onore!"

"Ma abbiamo giocato insieme!" John ha insistito: "Non posso violentarla, non è altro che una bambina!".

"Bah, sciocchezze," sbuffò, "È diventata piuttosto femminile, non hai notato il gonfiore sul petto?" chiese: "No, devi afferrarla brutalmente e reclamarla, strapparle via la sua innocenza e lasciarti alle spalle la sua infanzia, fai solo il tuo dovere, Charles."

"Sì, è come dice nostra madre," ammise il padre di John, "Per la casta fanciulla la prima intrusione è agonia e la colpa di quel dolore e di quella ferita deve ricadere sul Signore, affinché la prima congiunzione tra marito e moglie possa essere dolce, gentile ed estatico, vedi?"

"E indosso una pelle?" chiese John.

"Signore, no, se è pura no, perché metà del villaggio?" iniziò a dire suo padre con orgoglio.

"Abbi i suoi occhi," aggiunse la madre, "E non solo i primogeniti!"

Il padre di John si accigliò irritato: "Lui mi incolpa", gli confidò sua madre, "Ma ci sono dei limiti John, c'è solo un limite che una donna può sopportare".

"Un maledetto bambino, ventidue anni," mormorò, e lei sorrise.

"Di', grazia cara, che il pasto si raffredda," esclamò Lady Caisterdale mentre osservava il semplice pasto di manzo davanti a loro.

"Da ciò che stiamo per ricevere possa Dio preservarci", pronunciò in modo blasfemo e cominciarono a mangiare.

"Eccellente Manzo Charles, uno dei nostri?" esclamò sua madre.

Suo padre posò la forchetta: "Perché vedi John, se svegli la fanciulla delicatamente, la baci, le tocchi i capezzoli, senti la sua femminilità delicatamente, la sonda, lasci che maturi e si apra delicatamente e allenti e stuzzichi la verginità facendo a pezzi la fanciulla si struggerà per te, anche anni dopo, vedrà il suo uomo come il secondo migliore e te come il suo unico vero amante, quindi sii brutale e gentile, John."

"Ha ogni sorta di cinghie e congegni e ti usa le fruste, ha anche dei ceppi per prendere le caviglie e i polsi della ragazza tutti in fila," spiegò la madre, "Così non può resistere."

"Madre!" John protestò.

"Diglielo, Carlo!" ha insistito.

"Sì," concordò, "Una collezione a vita, efficace in ogni circostanza."

"A parte l'ultima volta?" lei ha aggiunto.

"Era grassa come un maiale!" protestò.

"Ha perso la verginità a causa della gamba di una sedia, John, che indegnità!" declamò sua madre in modo inelegante.

"E ciò che rende le cose dieci volte peggiori, è stata tua madre a colpire," insistette il padre di John, "No John, è tuo dovere adesso."

"Cosa, l'incantevole Sarah?" chiese pensieroso: "Ma siamo come fratello e sorella".

"Il signor Countisbury sarà suo fratello adesso," insistette il padre di John, "Questi modi infantili devono essere messi da parte, non è stata una bambina in questi due anni, guarda il suo petto, quelle labbra rubino, i riccioli dorati, sei cieco, perché metà del villaggio vi crede amanti!"

John pensò intensamente, forse Sarah era diventata una donna senza che lui se ne accorgesse, adesso aveva senso, doveva fare il suo dovere, doveva, sia per il bene di Mr Countisbury che per il suo bene, apparire crudele e senza cuore, "Allora se devo, farò mio dovere", disse nobilmente.

Il pasto passò e con il crepuscolo arrivò il clangore degli zoccoli e Sarah fu consegnata dal carro delle pompe funebri come era consuetudine.

"Sara!" La madre di John la salutò: "Quindi domani sarà il tuo giorno felice!"

Sarah guardò il pavimento con aria infelice: "Certamente è Lady Caisterdale."

La madre di John rispose allegramente: "Coraggio mio caro, domani spunterà con un sole splendente e vedrai solo la felicità che ti aspetterà!"

"Spero solo che tu abbia ragione," concordò Sarah.

Charles si fece avanti: "Sembra passato così poco tempo da quando tu e John avete giocato insieme in questa stessa stanza, e ora lui ha ventuno anni e non puoi essere molto più lo stesso.

"È indiscreto chiedere a una signora la sua età", rispose Sarah, "Ma sì, ho quasi ventuno anni e come dice mio padre, una ragazza non sposata di ventuno anni è triste, cupa e insoddisfatta".

"Sì, certo," concordò Charles, "Ma abbiamo degli affari da sbrigare, hai i tuoi vestiti, figliolo?" chiese.

"Sotto il mio mantello", disse, "tutto bianco verginale in attesa di essere macchiato dal rosso vivo!"

"Proprio così," intervenne Charles, "purtroppo il mio cuore non ce la fa più."

"Oh grazie a Dio, ero così spaventato!" Sarah sussultò con evidente sollievo.

"Quindi John dovrà necessariamente assumersi l'incarico", ha continuato.

"No, non John, Dio no!" Sarah protestò: "No, non può essere!"

"Non è stata una mia scelta, ma è la cosa migliore", le assicurò John, "la cosa migliore per tutti."

"Come può essere meglio per me?" chiese.

"Basta," gridò la madre di John, "Desisti o chiederò al cuoco di portare una briglia per rimproverarti e di farti tacere. Ora vieni con me e ti mostrerò il posto e farò tutto ciò che posso per alleviare il tormento."

Sarah guardò a bocca aperta ma si trattenne e calmando i nervi seguì la madre di John al piano di sopra.

La seconda migliore camera da letto per gli ospiti era già pronta, il letto a baldacchino appena arieggiato con fresche lenzuola bianche verginali, vino e acqua d'orzo e limone erano forniti, asciugamani e ciotole d'acqua.

Una sedia, un armadio, una cassettiera, specchi, tutto, un candelabro con sedici candele brillava come la luce del sole, ricchi tappeti ricoprivano il pavimento e tutto era opulento come il boudoir di qualsiasi puttana che si trova nello Yorkshire.

Sarah accettò il suo destino e, su consiglio di Lady Caisterdale, iniziò ad alleviare il tormento con mezza caraffa di Claret che la rilassò notevolmente.

Rincuorata dal vino, si spogliò senza esitare fino alla sua veste bianca verginale, non indossò sottovesti né corsetti come era tradizione e si sedette sul letto mentre la madre di John le offriva un buon consiglio: "Il fatto è Sarah, che la prima volta può essere un un'agonia di prim'ordine e alcune ragazze non perdonano mai i loro mariti per quell'agonia, quindi, vedi, se il Signore causa il dolore, allora non ha importanza."

Sarah pensò intensamente: "Ma cosa succede se si innamora del signore?"

Lady Caisterdale sorrise: "Spetta al signore assicurarsi che non lo faccia!" dichiarò mentre estraeva un pezzo di mogano diviso in due con quattro fori e un perno di cerniera e una chiusura con un lucchetto per tenerlo stretto, "Charles lo trova efficace in alcune occasioni", aggiunse, "I tuoi polsi e le caviglie attraverso i fori , molto efficace", disse malinconicamente, ricordando tempi più felici.

"Ma John, vedi, lui è, era, amico mio!" Sarah implorò: "Sicuramente non può trattarmi così?"

"No, al contrario," insistette la donna più anziana, "Deve perché l'alternativa è farti struggere per lui come un cucciolo dagli occhi da cerbiatto, oh no, no devi vederlo per il bruto fornicatore che è diventato e ringraziare il tuo stelle per il gentile signor Countsibury."
"Oh Signore," sospirò Sarah quando sentì dei passi avvicinarsi.

Qualcuno bussò alla porta: "È ora", disse la madre di John, "Entra".

"Ah, ha detto papà," spiegò John imbarazzato.

"Vi lascio fare, buonanotte," disse la madre e se ne andò.

John chiuse la porta dietro di sé.

"Buonasera," disse goffamente, "posso offrirti qualcosa?"

"No, sono contenta, fai solo il tuo dovere", disse nobilmente Sarah.

"Sul letto?" chiese.

"No, sulla terrazza davanti alla fontana", rispose, "Naturalmente sul letto!"

"Sì," rise imbarazzato.

"Allora," chiese, "Cosa stai aspettando?"

Rimase immobile: "Sì, davvero."

"Allora spogliati," disse, "e violentami."

"Sì," disse, "certamente," e cominciò a togliersi la giacca, il fazzoletto, la camicia, le pantofole, i calzini, la canottiera, i calzoni e alla fine rimase solo con i calzoni.

"Spegniamo gli illuminanti?" chiese.

"No," insistette, "Oppure l'alba sarà con noi, spogliati e basta!"

"Ah," disse goffamente, mentre esitava a togliersi la biancheria intima.

"Giù!" lei scattò e gli afferrò i pantaloni che si strapparono mentre la coulisse era ancora allacciata e la parte inferiore cadde a terra, mentre la cintura rimase, "Oh!"

La sua appendice pendeva floscia e calma: "Non ti eccito?" lei chiese.

"Ehm," disse, incoraggiato da lei che gli afferrò l'appendice.

"Oh, che insignificanza di cui preoccuparsi," lo rimproverò improvvisamente incoraggiata e si avvicinò.

Fece per spingerla via, ma non appena le posò le mani sulle spalle si rese improvvisamente conto della curvatura femminile del suo seno e del profilo dei suoi capezzoli contro la sottile sottoveste bianca.
Invece di spingerla via, tirò da parte le spalle della sua camicia e la abbassò delicatamente.

"Con la forza," disse mentre la teneva e scostando i suoi capelli dorati da parte lui le baciava il collo.

"Ehm, sì," concordò mentre cercava di conciliare la sua forma femminile con i suoi ricordi di lei che si arrampicava sugli alberi e correva qua e là da bambina.

La sua sottoveste scivolò ulteriormente, le sue dita istintivamente presero a coppa le sue palle e accarezzarono la sua asta con la destrezza di una qualsiasi prostituta e quando i suoi tumuli toccarono il suo petto per la prima volta, lui iniziò ad eccitarsi.

"Con la forza," disse mentre lui la teneva stretta, "Per favore!"

La sua appendice si sollevò contro di lei: "Sul letto", disse con urgenza.

Lei lo prese per mano e gettò via le coperte, lui le tirò su la sottoveste in modo che non rimanesse altro che una cintura di seta intorno alla vita e, infilando le ginocchia nelle sue e allargandole così le cosce, andò a montarla.

Le sue dita cercarono la sua morbida e umida caverna, ma trovarono solo i muscoli tesi.

"Stupidiscimi!" lei pianse.

"Non posso, non sei pronto", ha detto in tono di scusa.

"Stupidiscimi, questo non è amore, stuprami!" ha insistito.

"No, è impossibile," insisteva, "devi essere eccitato, lasciamelo."

Le baciò ancora una volta il collo e le sue dita cercarono i suoi capezzoli, massaggiandoli: "No!" protestò, ma le sue labbra erano sulle sue adesso, la sua lingua le scorreva lungo i denti, "Oh."

I suoi seni si stavano indurendo adesso, lui si rilassò, lei era solo un'altra puttana dopo tutto, le sue paure di non essere all'altezza del compito svanirono, lei era solo una profumata sgualdrina bionda dopo tutto, sapeva che si sarebbe dimostrata bagnata quando richiesto e gli piaceva notevolmente l'intimità offerta.

Apprezzò la sua eccitazione, i suoi piccoli sussulti mentre le stringeva i capezzoli, i suoi tentativi inefficaci di spingerlo via e poi con la linfa che aumentava ulteriormente decise che i tempi erano maturi.

Il suo dito si spostò sulla morbida peluria che ricopriva il basso ventre, scendendo lentamente tra le gambe fino al punto in cui sentì l'umidità, esplorò e lì per la prima volta trovò il punto umido che si insinuava in un buco e poi in una fessura per uno due e poi tre dita. Lui inserì un pollice, lei sussultò, così lui spinse più forte il pollice dentro di lei, "Ohhh," gridò piano mentre nascondeva il viso nella sua spalla.

Lavorò rapidamente per allargare la fessura, la forza gli fece male al pollice ma l'umidità aumentò di cento volte e il suo pollice scivolò sempre più in profondità finché non fu più all'altezza del compito.

Scivolò giù dal letto e ruotò i fianchi per mettersi a cavalcioni di lei e alliò delicatamente le ginocchia tra le sue cosce separandole e allargandole le ginocchia, infilò di nuovo le sue dita dentro di lei e poi afferrando la sua virilità la premette delicatamente contro la morbidezza rosa del le pieghe del suo sesso prima che, certo della sua prontezza, facesse scivolare la sua nuda appendice nella sua femminilità.

Si dilettava nella sensazione della carne sulla carne, tutta la sua virilità formicolava mentre si adagiava implacabilmente nella stretta morbidezza che la inghiottiva. Godeva dell'intensità delle sensazioni che gli scorrevano nel membro nudo, amplificate due o mille volte dall'assenza della spessa guaina propilattica che indossava al bordello. All'improvviso sentì aumentare la resistenza, affondò con i fianchi, una volta due volte, lei gridò, lui affondò ancora e all'improvviso si trovò completamente inguainato, con le palle contro la sua carne e la sua appendice completamente inguainata nuda, la sua carne interamente dentro quella di lei. e lui si dondolò dolcemente dentro di lei mentre le sensazioni lo sopraffacevano.

I cieli si aprirono nella sua mente e vide tutte le gioie dell'unione mentre la sua linfa cresceva sempre di più fino a minacciare di traboccare completamente.

Sarah a sua volta si dilettava nei teneri baci di John, il suo dito indagatore la turbava ma la eccitava in egual misura e con lei aumentava la sua eccitazione così il numero delle dita aumentava.

All'improvviso lui cambiò e il suo pollice muscoloso la stava allungando, lei sentì un gemito, poteva essere la sua stessa voce? e poi la sua virilità, il suo rilassamento caldo e muscoloso nel suo luogo segreto che lei aveva appena esplorato per paura di rovinare la sua verginità.

Un breve lampo di dolore, un grido che non ricordava di aver pronunciato e fu rovinata, eppure lui la stava accarezzando, amandola e il suo cuore si espanse, e soprattutto le sensazioni che le avevano assicurato che l'agonia non erano altro che estasi mentre lui la riempì all'eccesso, un sussulto, un gemito, le sue dita le accarezzarono i capezzoli facendola impazzire e alla fine, mentre temeva che i fuochi della passione l'avrebbero inghiottita, lui spense i fuochi con un torrente d'amore.

Per John fu un bacio finale, una tettarella modificata per farla sussultare e poi la reclamò completamente con un torrente di semi che pompavano e scorrevano attraverso il suo corpo per inondare quello di lei. Un torrente sfrenato si crogiolava nella libertà e faceva durare il momento il più a lungo possibile, pompando la sua virilità con ondate sempre decrescenti finché non si calmò.

"È fatto," disse mentre si calmavano e lui si sdraiava su di lei.

Lo spinse via e si liberò dal suo abbraccio mentre la sua virilità si rimpiccioliva.

"Dovevi violentarmi," protestò, mentre scivolava giù dal letto, "e invece mi hai usata come amante."

"Ti ho dato sollievo, per risparmiarti il ​​dolore", ha insistito.

"Hai fatto l'amore con me, è imperdonabile," protestò mentre afferrava un panno e si asciugava l'umidità dalle viscere.

"Mi hai eccitato," sfidò, "ti ho fatto sanguinare?"

"Un po'," disse, "sono completamente rovinata."

"Allora la prossima volta dovrebbe essere un vero piacere," insistette.

"Non lo sopporterò a malapena," disse e si riorganizzò, si mise il mantello e le scarpe e andò a lasciarlo.

"Siamo ancora amici?" chiese.

"Amici, no, credo di odiarti," disse tranquillamente, "Mi avete abusato, buonanotte."

Si sdraiò quando la porta si chiuse, osservando le candele tremolare nella corrente d'aria improvvisa mentre ascoltava i suoi passi allontanarsi mentre scendeva le scale.

La desiderava già di nuovo, ma era sicuro che presto sarebbe passato.

Sarah vagò senza meta lungo il corridoio, "Oh," esclamò la madre di John, Lady Caisterdale, "Hai già finito?"

"Sì," concordò Sarah, "ti posso assicurare che sono completamente rovinata, del tutto impura, distrutta, sconvolta."

"È stato terribile?" lei chiese.

"No, no, per niente, è stato gentile, tenero, mi ha baciato come se mi amasse", ha ammesso Sarah.

"Oh povera ragazza," la commiserò Lady Caisterdale, "Non avrebbe dovuto più prendersi la tua innocenza," fece una pausa mentre gli occhi di Sarah si inumidivano, "Ma tutto si risolverà stasera, quando sarai sola con il tuo amato."

Sarah singhiozzò improvvisamente: "Suppongo." lei rispose.

"Ma perché tanta fretta di partire," chiese Lady Caisterdale, "Non c'è carrozza, il letto è morbido e caldo, non vuoi restare?"

"Dovrei," implorò Sarah.

"No, resta qui al sicuro e al caldo," suggerì e gridò: "John, John, vieni qui subito."

"NO!" ansimò, ma John era sopra di loro, lottando con i suoi pantaloni mentre correva.

"John," insistette Lady Caisterdale, "Come osi trattare Sarah così male, riportarla a letto e violentarla."

"Ma mia signora!" Sarah protestò.

"L'ho trattata con la massima considerazione!" Giovanni insisteva.

"L'hai trattata come una puttana, hai fatto l'amore con lei quando avresti dovuto violentarla, quindi portala a letto subito," insistette Lady Caisterdale.

"Sì, mamma," concordò lui confuso.

"Andare!" ha insistito.

Sarah si teneva la testa tra le mani confusa: "Per favore, no", implorò

"Se non lo desideri, non lo farò", concordò.

Lady Caisterdale sospirò: "Certo che lo farai", insistette, "Ora violenta e abusa della ragazza, non sedurla, usa le restrizioni, usala contro la sua volontà!"

"Se devo," concordò

Sarah si voltò e si rigirò ancora ma non c'era scampo così tornò sui suoi passi, il letto l'attendeva, ancora leggermente macchiato di rosso e vi si sdraiò.

Lady Caisterdale seguì: "Usa la cintura di sicurezza John," insistette mentre raccoglieva la cintura di mogano dal pavimento, "Mettiti a nudo, ragazza!"

Sarah si rannicchiò contro la testata del letto, le sue dita tremarono mentre si toglieva il mantello e la sottoveste e giaceva nuda sul copriletto.

"Violetela allora," insistette Lady Caisterdale, "trattenetela e," fece una pausa, "Oh, ah, forse, dopo tutto, non potete violentarla, John."

"Perché?" chiese.

"Guardala", esclamò Lady Caisterdale, "i suoi capezzoli sono gonfi, la sua femminilità brilla di desiderio, tu Steward, ti sei fatto amare!"

"Allora cosa devo fare?" chiese.

"Usatela come una puttana finché potete, buonanotte!" lei rispose e se ne andò.

Sarah fece per protestare ma John le fu addosso, il desiderio prevalse sulla ragione e con i pantaloni abbandonati ora la raggiunse sul letto.

"Per favore, no," disse lei, ma lui la tirò verso di sé, schiacciandole i monticelli contro il petto e in un attimo sentì le sue mani sulla sua virilità guidarlo infallibilmente nella sua calda e umida fessura.

La baciò teneramente: "No, mi tormenti!" protestò ma il suo corpo bramava il suo seme e lei si dimenava sotto di lui tormentandolo a sua volta.

Rivide i cieli, gli angeli cantarono e il suo seme fu sparso.

Lei se n'era andata quando lui si svegliò la mattina dopo: "John, devi vestirti, è il matrimonio della signora Havethorpe."

Non aveva alcun desiderio di partecipare. Lo turbava il fatto che Sarah avesse ceduto così volentieri, che la sua amica d'infanzia, che non aveva mai nemmeno pensato di baciare, si fosse rivelata una puttana così sfrenata.

Si vestì, fece colazione tardi e raggiunse Lord e Lady Caisterdale nella loro carrozza per arrivare, come era consuetudine, un attimo prima dell'inizio del matrimonio, appena un minuto prima della sposa stessa.

Countisbury aspettava la sua sposa, un individuo fermo e serioso, in piedi con un abito di taglio nero in uno stile che non si vedeva da vent'anni e che con ogni probabilità era appartenuto in passato a suo padre.

John sospirò, perché non aveva assaggiato Sarah prima, molte volte le aveva augurato il buongiorno ed era partito per la città per assaggiare una prostituta, dove se avesse pensato che avrebbe potuto assaggiare Sarah, alla fine decise che dopo il matrimonio l'avrebbe fatto davvero. cerca Sarah e il signor Countisbury dovrebbe essere cornuto.

John registrò a malapena il servizio: "Prendi quest'uomo per il tuo legittimo marito?" chiese il padre di Sarah, il reverendo Haverthorpe.

"No," disse, "non posso, ho un amante."

"Andiamo bambino, quello è stato il Signore che ti ha tolto l'innocenza, non era niente," insistette il reverendo.

"Andata, la tua innocenza andata!" chiese Countisbury.

"Solo una prerogativa del signore del maniero, signore", insistette il reverendo, "un anziano gentiluomo, signore."

"Era John, il figlio," spiegò Sarah, "non posso mentire, era estasi, signore, sono distrutta, non posso mentire, mi è piaciuto, non posso sposarti più di quanto tu possa sposare me."

"No!" gridò Countisbury, "Non può essere, è intollerabile!" e si alzò dalla balaustra dell'altare.

"John?" il reverendo chiese: "Hai frequentato John?"

"Sì, padre", ammise.

"Intollerabile, avete voluto farmi sposare una ragazza impura, questo è intollerabile, signore!" Countisbury ha insistito: "Non le auguro buon giorno, signore, mi prendo semplicemente congedo".

Il reverendo guardò con orrore Countisbury allontanarsi, poi si rivolse a Sarah e dichiarò.

"Puttana, non sei mia figlia, vattene dalla casa del signore!" il reverendo gridò: "Vai!"

Sarah corse via, il suo abito da sposa bianco svolazzante frusciò contro i banchi mentre correva e scomparve alla vista.

"Voi, signore, siete una vergogna", urlò Lord Caisterdale, "tentare di far sposare vostra figlia con un così insopportabile ottuso."

"Voi, signore, siete la vergogna con le vostre pratiche malvagie, insistendo davvero sul Droit de Signeur!" lo sfidò il reverendo.

"Me!" protestò: "Non ho fatto questa richiesta, è stata una sua scelta, signore!"

"Come osi," chiese il reverendo, "Mia figlia è completamente rovinata, chi lo farà
prendila adesso, non posso sopportare di vederla, chi la prenderà?"

"Oh stai zitto, reverendo," insistette Lady Caisterdale, "per ora la prenderà John, sarà un'ammirevole compagna di letto, perché raramente ho visto una ragazza più naturalmente incline alla prostituzione," aggiunse, "Vieni Charles, sistemiamoci il bambino nella sua nuova posizione."

Sarah rimase sconsolata fuori dalla chiesa mentre Lord e Lady Caisterdale uscivano. "Sembra che tu diventerai l'amante di mio figlio Sarah," spiegò Lady Caisterdale.

"Padrona, una mantenuta?" chiese: "Questo non mi rende migliore di una puttana!"

"Oh mio caro," spiegò Lady Caisterdale, "ti piacerà, ne sono sicura, e perché no, non hai altro futuro, non sei proprio adatta a fare la cameriera, e non abbiamo bisogno di un'istitutrice, così la padrona sarà sii, avrai giorni per te, ma le notti saranno come John."

"Dovevo sposarmi e diventare la moglie di un vicario, ma ora devo essere una mantenuta?" Sarah chiese: "Preferirei essere una suora".

"Troppo tardi mia cara," suggerì Lady Caisterdale, "apprezzi troppo la carnalità, perché potremmo farti urlare in estasi, no, sei molto più adatta alla prostituzione, e penso che con John tu abbia la meglio."

"Dacci un figlio vigoroso e ti lascerò sposare il rovinatore", aggiunse Lord Caisterdale.

"Non ho voce in capitolo in questo?" chiese John.

"NO!" è arrivata la risposta di entrambi i genitori come se fossero uno solo.

Sarah non aveva altra scelta, quindi con grande riluttanza salì sulla carrozza e si affrettarono verso Manor Hall. Sarah non aveva altro da indossare se non il suo abito da sposa, così prese in prestito un grembiule da domestica dalla signora Franklin, la governante, mentre le sue cose venivano ritirate dalla canonica e, a tempo debito, la famiglia si riunì nel soggiorno.

"Stilarò una lista di compiti per tua figlia," annunciò all'improvviso Lady Caisterdale.

"Doveri?" chiese Sarah.

"Sì, anche una prostituta dovrebbe conoscere il suo posto," insistette Lady Caisterdale, "Tu mangi con John o con la servitù, ogni mattina mi aiuti a vestirmi e ogni sera a spogliarmi e sei disponibile a servire Charles o John come richiesto, è accettabile? "

"No," insistette John, "voglio Sarah per me."

"Beh, non puoi," gli ricordò Lady Caisterdale, "il reverendo l'ha rinnegata e lei non ha ancora ventuno anni."

"Allora la sposerò secondo il diritto comune!" Giovanni insisteva.

"Aspetta John, è un grande passo!" insisteva suo padre.

"No, ho deciso", insistette John, "Chiama il padre della riunione parrocchiale, desidero rivendicare Sarah come mia sposa!"

"Direttamente," concordò Lord Caisterdale, "domani alle sei!"

Storie simili

Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2 Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo. Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo. Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato. Che tipo di clausole? Lo guardai sospettoso. Bene, si fermò, prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà...

2.2K I più visti

Likes 0

Heather e Ava si trasferiscono

È tardi quando vengo a varcare la soglia. Heather tiene il braccio intorno alla vita di sua figlia Ava. Sono in piedi nell'atrio vestiti solo con una delle mie camicie. Ava è una bellissima giovane donna proprio come sua madre Heather. Ti siamo mancati? Heather mi dice con un sorriso d'intesa. Puoi scommetterci, dico incontrandoli a metà strada. Heather alza le labbra per un bacio, che ho incontrato. Ava inizia a baciare il collo di Heather. Le mani di Ava scivolano tra di noi, una mi accarezza mentre l'altra strofina la figa di Heather sotto la sua maglietta. Li accarezzo entrambi...

2K I più visti

Likes 0

Obbligo o verità: edizione Neighbors

Obbligo o verità: Neighbors Edition Caratteri: Famiglia nera - I Johnson Marito: Thomas 40 anni, 6', 200 libbre, cazzo da 12 pollici Moglie: Jasmine 35 anni, 5' 7 150 libbre, seno 44DD, vita 34 pollici, bottino 48 pollici. Figlia: Kelly 14 anni, alta 5' 2 pollici, 95 libbre, tazza 32C, vita 18 pollici, bottino 28 pollici. Figlio: Marcus 15 anni, 6' 3 alto, 195 libbre, cazzo 12 pollici Nonna Pam 64 anni, 5' 8 alta, 240 libbre, seno 44F, bottino 52 pollici Famiglia bianca: gli Smith Padre: Jim 38 anni, 5' 11 alto, 175 libbre, cazzo 11 pollici Moglie: Tish 37...

2.1K I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

2K I più visti

Likes 0

Quel capodanno speciale_(0)

Lucy e Stace saranno qui presto, vuoi da bere? disse Amanda Senza troppe esitazioni accettai e le presi un grande bicchiere di baileys, Amanda era bellissima, a dire il vero. Era di circa 5 4' ma dall'altezza aggiunta dei tacchi che indossava stasera sembrava un facile 5 8'. Indossava un vestito bianco corto che era per lo più trasparente ed era abbastanza corto da poter vedere chiaramente la sua biancheria intima che quella sera era un perizoma leopardato se si chinava. Era morta di capelli rossi che erano perfettamente acconciati e stavano sempre benissimo. Mentre bevevo un sorso della bevanda, qualcuno...

2.2K I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

2K I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

1.8K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

1.4K I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.