L'isola, capitolo 20

821Report
L'isola, capitolo 20

Capitolo 20

Dopo esserci riuniti al gruppo al lago, siamo tornati tutti al campo, stanchi e felici. Il divertimento di Janie con Christopher l'aveva lasciata arrapata e insoddisfatta, quindi ho speso le mie ultime energie rimanenti fottendola prima di andare a letto, intrattenendola con le storie dei miei ultimi incontri sessuali con Alyssa e Alison. Le ho suggerito che potrebbe aver bisogno di parlare con Madison; la ragazza era un po' precoce per il suo bene. Mi ha sorpreso ammettendo che non era successo niente della battuta di caccia con la squadra di hockey su prato. Non avevano né catturato un maiale né avuto alcun tipo di "celebrazione" del tipo che Janie stava cercando. "Sei sicuro che gli piacciano le donne?" chiese lamentosamente, rimbalzando sul mio cazzo con gusto.

"Nessuna domanda", la rassicurai. “Devono non essere dell'umore giusto dopo una caccia fallita. Riprova domani e le cose potrebbero essere diverse. Abbiamo raggiunto l'orgasmo insieme in una deliziosa unione, poi ci siamo addormentati felici l'uno nelle braccia dell'altro.

La mattina seguente sorse nuvolosa e ventosa. Sembrava che stesse arrivando la pioggia. Dopo la colazione e una nuotata mattutina, ho ordinato ad alcuni dei mattinieri di aiutarci a proteggere e coprire le nostre provviste in modo che non si bagnassero. La doccia si è rivelata piuttosto minimale ed è stato quasi piacevole. I bambini, e alcuni degli adulti, saltellarono sotto l'acquazzone finché durò. Ben presto, però, la burrasca passò e il sole splendeva più forte che mai.

Janie e i cacciatori si mettono di nuovo in viaggio per tentare la fortuna a prendere un altro maiale. Speravo per lei che si prendesse anche un po' di figa mentre era fuori (in più volevo sentire la storia mentre me la fottevo stasera). Ho vagato per la spiaggia senza meta, dando una mano mentre Horace e gli hippy finivano il pollaio e mettevano dentro il nostro pollame. Ho dato da mangiare alle capre, che sembravano essersi adattate bene alla vita del campo. Ero divertito e un po' commosso nel vedere un gruppo di donne intorno a Dkembe. Niente scatena l'istinto materno come un uomo che soffre di una perdita come la sua. Sono stato contento che i membri della nostra comunità si sostenessero così tanto a vicenda. In effetti, mi chiedevo perché sembrava che non avessimo mele marce sulla spiaggia. Sembrava sfidare ogni previsione del comportamento umano. Dovremmo avere uno stronzo simbolico, no? Come al solito, tuttavia, il mio cervello sembrava non voler prendere in considerazione argomenti spiacevoli per molto tempo e quella via di pensiero è stata interrotta internamente abbastanza rapidamente.

Stu si è avvicinato a me e mi ha chiesto se volevo ascoltare un'idea in assenza di Janie.

«Certo», dissi. "Cosa hai in mente?"

"Ricordi la spiaggia dall'altra parte dell'isola, dove abbiamo trovato quella rete?" Ho annuito. «Be', abbiamo riflettuto. È un po' soffocante dover essere così abbottonato con tutti questi bambini e altre persone in giro. Solo un hippie potrebbe pensare a questa spiaggia come "abbottonata", pensai divertito. "E se designassimo l'altra spiaggia come area 'abbigliamento facoltativo'? In questo modo potremmo sentirci più a nostro agio e non doverci preoccupare di offendere nessuno”.

"Non ho alcun problema con quello", dissi. «Penso che neanche a Janie dispiacerà. Probabilmente dovrai sopportare un po' di spionaggio da parte dei bambini, ma sospetto che si abitueranno abbastanza in fretta. Gli adulti sono quelli che tendono ad avere problemi con la nudità. Perché voi ragazzi non fate una specie di cartello e possiamo parlare di pubblicarlo quando i cacciatori torneranno più tardi?"

«Giusto», commentò Stu, dandomi un pugno. Tornò dal suo equipaggio per comunicare loro la notizia. Ho ridacchiato, chiedendomi se alla fine tutti sarebbero finiti a gravitare verso la spiaggia per nudisti. Dopotutto potremmo finire per diventare una colonia di nudisti! Janie si sentirebbe come a casa.

Ho notato più in basso sulla spiaggia che le cheerleader si erano organizzate e sembravano avere la loro sessione di esercizi e tifo. Devono essere stati ispirati dalle nostre lezioni di Tae Kwon Do, ho pensato. Ho preso in considerazione l'idea di girovagare e osservare, ma non volevo renderli imbarazzati o che pensassero a me come a un pervertito (anche se ammetto apertamente di esserlo). Forse avrebbero tenuto una mostra più tardi e avremmo potuto guardare tutti. Il pensiero mi fece muovere leggermente l'uccello.

Le mie fantasie furono interrotte da Tran, che apparve silenzioso al mio fianco, facendomi trasalire. "Vieni ad aiutare la mia ragazza?" chiese nel suo inglese pidgin.

"È ferita?" chiesi allarmato.

“No, no. Ha bisogno di aiuto. La signorina Janie dice che te lo chiedo. Fai il bravo ad aiutarla. Ho bisogno di insegnarle e tu mi aiuti.

Ero sconcertato su cosa intendesse, ma se Janie le aveva detto di chiedermelo doveva essere tutto a posto. Mi chiedevo se volesse una formazione medica. Era un'infermiera o qualcosa del genere? Mi condusse lungo il sentiero oltre la pozza, e poi lungo il pendio del picco più grande verso sud-est. Stavamo seguendo un rozzo sentiero che era stato battuto fuori dalla giungla, e mi sono reso conto che ci stavamo dirigendo verso le sorgenti termali. Cercando di accertare cosa volesse esattamente Tran da me, ho chiesto: "Allora, sei nel campo medico?"

"NO. Faccio massaggi. Lavoro a Washington ma ora ci spostiamo in Corea. Mia sorella apre un nuovo posto a Seoul. Si è trasferita da Ho Chi Minh City e vuole che io venga”.

Ho immaginato che volesse un consiglio di tipo chiropratico ed ero preoccupato che sarebbe rimasta delusa dalla mia mancanza di conoscenza. I medici regolari non hanno ricevuto alcuna formazione nella manipolazione in questi giorni, solo gli osteopati. Stavo aprendo la bocca per dirglielo, quando svoltammo un angolo e arrivammo alle terme.

Nulla uscì dalla mia bocca, ma rimase comunque aperta. Tran e sua figlia avevano sistemato una fila di cuscini di seduta coperti da un asciugamano in un lettino da massaggio improvvisato. C'erano un paio di secchi accanto all'acqua e un altro vuoto giaceva su un fianco. Intorno ai secchi c'erano varie bottiglie e barattoli, e dietro di loro sedeva Truk, con indosso un sottile vestito di cotone bianco.

Sorrise e si inchinò quando mi vide, e io ricambiai il saluto, completamente perplesso. Ho guardato Tran con aria interrogativa e lei mi ha fatto cenno di avvicinarmi al "tavolo". “Truk ha bisogno di imparare correttamente il massaggio. Andrà a lavorare nel salotto di mia sorella quando arriviamo a Seoul. Se arriviamo a Seul», si corresse lei con una piccola smorfia. “Ha bisogno di imparare sull'uomo. La signorina Janie dice che va bene per l'addestramento. L'ha fatto, vero? Ho iniziato ad avere un'idea di ciò che questo potrebbe comportare, ma ho pensato che non sarei saltato alle conclusioni.

"Questo è quello che vuoi fare?" chiesi alla ragazza. Lei annuì timidamente "sì". "E a te va bene questo?" dissi a sua madre.

"Si si!" ha insistito. “Deve imparare. La donna non va bene per l'addestramento.

"Ok immagino. Cosa volete che faccia?"

"Sdraiati sulla pancia." Mi porse un asciugamano e indicò i cuscini. "Togliti i vestiti e sdraiati qui." La fissai con gli occhi stralunati per un minuto, poi scrollai le spalle e mi girai, spogliandomi velocemente e avvolgendomi l'asciugamano intorno alla vita. Mi sdraiai, chiedendomi cosa diavolo sarebbe successo dopo. Ho sentito i due parlare in vietnamita a fuoco rapido e alcuni colpi di secchi e barattoli. Ci fu una pausa, poi l'acqua calda e profumata cominciò a versarmi sulla schiena. Devono aver preso delle erbe o qualcosa del genere e averle messe in acqua di sorgente nel secchio. Era meraviglioso e mi sfuggì un sospiro. L'acqua è partita dalla mia testa ed è arrivata fino ai miei piedi. Altri vietnamiti peparono l'aria, e poi sentii uno straccio insaponato lavarmi la schiena. Era un po' aggressivo, ma non doloroso. Sembrava una buona esfoliazione. Il lavaggio si è spostato lungo la parte bassa della schiena, quindi l'asciugamano è stato tirato giù e le mie natiche sono state strofinate altrettanto accuratamente. L'asciugamano è stato rimesso sul mio culo, e poi ha iniziato sulle mie cosce, arrivando gradualmente ai miei piedi. Lo straccio scomparve e piccole dita iniziarono a scavare nella pianta del mio piede, che ora era tutto insaponato. Usando le nocche e i palmi delle mani, così come le dita, colpì ogni punto di pressione del mio piede. Stavo cercando di non urlare, ma è stato piuttosto doloroso. Riuscii a contenermi in lievi contorsioni mentre il massaggio profondo passava sull'altro piede. È stato altrettanto brutale dall'altra parte, e ho stretto i denti e ho aspettato che finisse. Finì con i piedi e io mi rilassai gradualmente, rendendomi conto che in realtà mi aveva fatto bene.

"Ora voltati", mi fu ordinato. L'ho fatto e sono rimasto sbalordito nel vedere Truk completamente nudo, il vestito piegato ordinatamente di lato. Era una cosa minuscola, circa 5'2", probabilmente meno di 100 libbre. Aveva seni piccoli, fondamentalmente protuberanze abbronzate con grossi capezzoli castani sulle punte, e un leggero spruzzo di pube nero e dritto sul suo tumulo.

"EHI!" dissi con non poco allarme. "Quanti anni ha? Va bene?"

«Ha 14 anni», rispose Tran. “È pronta per iniziare a lavorare. Questo è il modo in cui facciamo le cose. Sii un buon aiuto e sii calmo.

Non sapendo esattamente cos'altro fare, ho chiuso la bocca e chiuso gli occhi. Per quanto volessi osservare il giovane corpo di Truk, non potevo farlo con sua madre in piedi proprio accanto a me. Ben presto altra acqua calda inzuppò il mio corpo e lo straccio insaponato iniziò a strofinarmi le gambe, facendosi strada verso l'alto. Le mani hanno operato la loro magia sui miei polpacci e poi si sono spostate sulle mie cosce. Il pensiero di questa giovane ragazza asiatica nuda che mi accarezzava le cosce a pochi centimetri dal mio cazzo mi fece crescere l'erezione in pochissimo tempo. Ero contento di avere un asciugamano che mi copriva, ma ho dovuto aggiustarlo leggermente in modo che non fosse così ovvio. I due si scambiarono altre parole nella loro lingua, e la ragazza ridacchiò leggermente. Speravo non fosse a mie spese. Ha finito le mie cosce, gli ultimi colpi delle sue mani insaponate sfiorano leggermente il mio sacco di noci e mi fanno venire i brividi. Sapevo che ora l'asciugamano doveva essere tirato su abbastanza perché lei stesse fissando il mio scroto. La mia mente cercava di essere imbarazzata, ma il mio corpo era abbastanza contento dell'idea, e non potevo fare a meno di provare un brivido mentre immaginavo che mi guardasse le palle mentre sua madre era seduta a pochi metri di distanza. Tutta questa situazione, per quanto surreale, mi stava facendo eccitare incredibilmente.

In modo deludente le mani si ritrassero e udii un tintinnio e il rumore dell'acqua che frusciava. Presto un'altra cascata di acqua termale calda si è riversata sui miei capelli e Truk ha iniziato a lavarmi, facendomi un meraviglioso massaggio al cuoio capelluto. C'era qualcosa di molto sensuale nell'avere qualcun altro che mi lavava i capelli, e mi veniva la pelle d'oca per quella sensazione. Mi ha massaggiato le tempie e poi ha iniziato a lavarmi le spalle. Aprii gli occhi quel tanto che bastava per guardare le sue piccole tette tremolanti mentre lavorava, i grossi capezzoli da gomma da matita che sembravano così appetitosi che la mia bocca cominciò a lacrimare. Alzai gli occhi sul suo viso ed ero imbarazzato nel vederla guardarmi, sapendo che mi aveva sorpreso a controllarla. Un piccolo sorriso le abbelliva le labbra, quindi immagino che non le importasse.

Le sue fantastiche dita si fecero strada lungo il mio petto, le sue dita mi corsero lentamente tra i peli del petto. Ha detto qualcosa a sua madre in vietnamita e sua madre ha risposto. Immagino che non fosse abituata a vedere i peli del corpo sugli uomini, forse avendo visto finora solo uomini asiatici. Le mani magiche si spostarono più a sud, e fui entusiasta di vederla chinarsi ancora di più su di me, il suo piccolo ventre teso proprio sopra la mia faccia mentre raggiungeva il mio stomaco. Lo straccio insaponato tornò di nuovo nel secchio, e la cosa successiva che seppi fu che l'asciugamano fu portato via, mettendo a nudo la mia erezione. Un altro secchio di acqua calda mi cadde a cascata sull'inguine e sobbalzai per la sorpresa. Le mie mani si mossero istintivamente per coprirmi, ma le spinsi indietro, non volendo sembrare una puritana. Se a lei non dispiacesse controllare il mio cazzo e sua madre non fosse infastidita, non lo sarei neanche io.

Ben presto la deliziosa sensazione delle dita insaponate che mi attraversavano il pube mi galvanizzò. Il piccolo minx accarezzò lentamente le mie regioni inferiori, toccando appena il mio pene di tanto in tanto, come per errore. Dopo quella che sembrò un'ora di suspense, iniziò finalmente a lavarmi il cazzo, accarezzando lentamente l'asta con le sue piccole mani. Si è fatta strada intorno alle mie palle, facendole rotolare, poi ha fatto scivolare la mano insaponata nella mia fessura, insaponandomi il buco del culo e lavando accuratamente la zona. Ero quasi sul punto di esplodere, la mia virilità pulsava a tempo con il mio battito accelerato e il mio respiro ansimante, quando lei si fermò e mi versò addosso un altro secchio d'acqua, lavando via il sapone.

«Girati» disse con voce tranquilla.

L'ho fatto, deluso dal fatto che il mio lavaggio alla salsiccia fosse finito. Non mi preoccupai più dell'asciugamano; quella nave era salpata. Andò alla sua collezione di bottiglie e ne scelse una da uno dei secchi. L'olio di cocco caldo mi schizzò sulla schiena e mignoli forti iniziarono a lavorarlo sulla mia pelle. Chiusi gli occhi, godendomi l'incredibile massaggio mentre mi scioglieva ogni muscolo della schiena con le sue mani talentuose.

La ragazza poi iniziò sui miei palmi, scavando nei piccoli muscoli della mia mano con la punta delle dita. Dopo averne finito uno, si è fatta strada lungo il braccio e mi ha tolto i nodi dalla spalla, poi ha iniziato con l'altra mano e il braccio. Quando ebbe finito con la seconda spalla, mi sentivo come uno strofinaccio floscio, ero così rilassato.

Un'altra spruzzata d'olio mi è caduta sul sedere e lei mi ha aggredito i glutei con gusto, impastandomi come un impasto. Presto le dita danzanti si fecero strada di nuovo nella fessura del mio culo, accarezzandomi delicatamente l'ano e strofinando l'olio sulla carne sensibile con una cura quasi straziante. Gemetti piano e Tran disse qualcosa a sua figlia in vietnamita. Altro olio schizzò sulle mie gambe, e lei andò a lavorare prima sulla pianta dei miei piedi, molto più dolcemente questa volta, e poi sui muscoli del polpaccio. I suoi pollici affondarono saldamente nei tessuti tesi ma con un tocco abbastanza leggero da non provare dolore. Si è spostata sulle mie cosce, e di nuovo le sue dita in movimento hanno sfiorato ripetutamente il mio scroto mentre mi scioglieva i muscoli posteriori della coscia. Il mio cazzo ora stava colando sull'asciugamano bagnato sotto di me, e stavo sudando mentre cercavo di mantenere il controllo.

Ha finito la mia metà posteriore e di nuovo mi ha chiesto di girarmi. Rotolai sulla schiena, lasciando cadere in vista la mia enorme erezione. L'ho guardata assorbire, con gli occhi spalancati, e lei ha guardato sua madre e ha detto qualcosa nella loro lingua che ha fatto ridere Tran e ha risposto a tono. Questa volta ha iniziato sui miei stinchi, spruzzando altro olio caldo su di me e muovendo i pollici su ciascun lato delle mie tibie fino a raggiungere i miei quadricipiti. Ho guardato questo miele di 14 anni impastare diligentemente i muscoli spessi della parte superiore delle mie gambe, fissando per tutto il tempo il mio cazzo rigido, a pochi centimetri dal suo viso. La punta della sua linguetta rosa sporgeva dalla sua bocca aperta, e immaginai quella lingua che accarezzava il mio cazzo con la stessa cura che aveva con le mie gambe. Altro precum gocciolò fuori, luccicando sulla mia testa quasi viola.

Finì con le gambe e si avvicinò alla mia testa. Spruzzandosi un po' dell'olio profumato sulle mani, se le strofinò insieme e poi cominciò a massaggiarmi il viso, accarezzandomi delicatamente le guance e la fronte, poi la mascella e il collo. Le carezze leggere mi facevano venire di nuovo la pelle d'oca e tenevo gli occhi chiusi per godermi appieno la sensazione. Ben presto le sue mani che impastavano ritmicamente erano sul mio petto, e un altro colpo di olio mi fece riaprire gli occhi. Le sue piccole tette erano proprio sopra la mia faccia, i capezzoli quasi mi sfioravano le labbra mentre ondeggiavano avanti e indietro a tempo con i lunghi colpi delle sue mani lungo le mie costole.

Ha spruzzato un'altra goccia di liquido caldo sulla mia pancia e ha iniziato a lavorare quella parte di me, avvicinandosi lentamente al mio inguine. Adesso ero in preda all'agonia dell'attesa, il mio cazzo bramava di attenzioni. Non ero sicuro di quanto sarebbe andato lontano, ma speravo in qualcosa di più. Il massaggio si interruppe momentaneamente e trattenni il respiro aspettando di vedere cosa sarebbe successo. Non sono rimasto deluso; un altro getto di olio caldo schizzò dritto sul mio cazzo, e le sue piccole dita circondarono la mia asta e iniziarono ad accarezzare i miei tessuti più sensibili con colpi leggeri.

"Oh, Dio sì!" Gemetti involontariamente quando finalmente mi diede ciò di cui avevo bisogno. Ha impastato con cura la mia carne dolorante, massaggiando con la punta di un dito il glande e mescolando i miei fluidi gocciolanti con l'olio caldo. Quelle piccole mani accarezzavano il mio cazzo sempre più velocemente, poi si spostavano sulle mie palle, facendo rotolare le sfere gonfie avanti e indietro mentre lavorava l'olio profumato nel mio sacco. Si fermò un momento e disse qualcosa a sua madre. Conversarono per un momento, poi Tran disse: "Vuoi il lieto fine, vero?"

"Diavolo sì!" ho gridato. "Non fermarti adesso!"

Ho aperto gli occhi e sono stato trattato alla vista della figa spalancata di Truk proprio davanti alla mia faccia. Potevo sentire l'odore della sua sublime bevanda, l'aroma che si mescolava con il profumo del cocco in una combinazione inebriante che mi fece di nuovo venire l'acquolina in bocca. Ha ripreso le sue cure sul mio johnson, una mano che mi lavorava le noci mentre l'altra mi accarezzava l'asta sempre più vigorosamente. Ovviamente si stava divertendo, dato che la sua piccola fica si stava spremendo piacevolmente, le chiare gocce del suo stesso lubrificante che brillavano allettanti su quelle sue labbra sottili e marroni. Espirai sulla sua figa, un soffio d'aria calda che la fece sobbalzare un po' per la sorpresa. Ha continuato a masturbarmi, ma ora si è sistemata un po' più in basso in modo che i suoi radi pubi mi sfiorassero le labbra. Non ero sicuro se questo facesse parte del programma standard, o se stesse solo cercando un po' più di stimoli per se stessa, ma non mi importava. Tirai fuori la lingua, entrando in contatto con la sua stretta fessura e assaggiandola per la prima volta. Era divina, un misto di sapore metallico e dolcezza quasi come la fragola. Rimase senza fiato quando la mia lingua sondava la sua piccola fessura gocciolante, esplorando i tessuti rugosi delle labbra e del clitoride della sua fica, e il suo pompaggio sulla mia verga aumentò di velocità. Non avrei resistito a lungo e ho inalato ancora una volta il suo profumo sessuale, poi ho spinto la mia lingua in profondità nella sua stretta apertura vaginale. Grugnì, sistemandosi più in basso sulla mia faccia mentre lavorava freneticamente la mia erezione con un movimento rotatorio che presto mi fece schizzare un enorme carico proprio sulla sua faccia sporgente.

Abbiamo continuato il nostro quasi 69-ing mentre i miei getti di sperma scoppiavano uno dopo l'altro, gocciolando sulla sua mano che rallentava e giù sulle mie palle contrazioni. A giudicare dai suoi gemiti soffocati e dal flusso di dolce nettare che mi riempì la bocca, aveva raggiunto il suo culmine nello stesso momento.

Alla fine la sua mano in movimento si fermò, ed entrambi sospirammo pesantemente, riprendendo i rispettivi respiri. Tran iniziò ad arringare la ragazza in vietnamita, le frasi rapide suonavano più taglienti e rabbiose di prima. La ragazza sembrò imbarazzata, e rapidamente scese da me e iniziò ad asciugare la pozzanghera di sperma che avevo in grembo con un altro asciugamano.

«Le dico che non dovrebbe farti piacere», disse Tran in tono di scusa. “Questo dovrebbe riguardare il piacere dell'uomo, non lei. È ancora giovane e non professionale. Si è scatenata con un'altra tirata che ha fatto arrossire la povera ragazza e si è curvata per la vergogna mentre finiva di pulirmi.

«Ehi, mi sono divertito», protestai. “Sono io che ho iniziato. È così bella, e mi faceva sentire così bene, che volevo condividere un po' l'amore. Non è colpa sua. Se ho infranto le regole, incolpami. Mi rivolsi alla ragazza, che ora appariva un po' meno turbata. “Grazie Truk. È stato il miglior massaggio che abbia mai avuto. Adesso penserò a te ogni volta che sentirò profumo di cocco.

Lei ridacchiò, il suo buon umore tornò.

"Ti piace il cocco?" chiese Tran.

"L'ho sempre fatto", risposi. "Ora penso che mi piaccia ancora di più."

"Prendi una bottiglia di olio", mi disse, offrendo l'oggetto.

"Non voglio prendere il tuo olio da massaggio", dissi. "Non ne avrai bisogno?"

"Ne sto già facendo di più", ha detto. “Ho molte noci di cocco essiccate in modo da poter spremere l'olio. Prendi questo», insistette, mettendomi la bottiglia tra le mani.

«Grazie», dissi, sorpreso. Potrei sicuramente pensare a diversi usi per quella roba, e la visione di me che la strofino nel culo di Janie in preparazione per un buon alesaggio ha fatto sussultare un po 'il mio peter inerte nonostante il suo recente allenamento. Gemetti e mi misi a sedere, e Truk immerse in fretta una tazzina nel secchio di acqua fredda che aveva a portata di mano e me la portò alle labbra.

"Bevi così non ti vengono le vertigini", disse sua madre. "Perdi molto fluido corporeo, devi recuperarne un po'."

Ho bevuto l'acqua fresca, godendomi la vista delle tette strette e del cespuglio radi e soffice della mia giovane e sexy massaggiatrice mentre mi serviva. Si preannunciava una giornata fantastica!


Continua….

Storie simili

Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2 Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo. Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo. Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato. Che tipo di clausole? Lo guardai sospettoso. Bene, si fermò, prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà...

2.2K I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.2K I più visti

Likes 0

Heather e Ava si trasferiscono

È tardi quando vengo a varcare la soglia. Heather tiene il braccio intorno alla vita di sua figlia Ava. Sono in piedi nell'atrio vestiti solo con una delle mie camicie. Ava è una bellissima giovane donna proprio come sua madre Heather. Ti siamo mancati? Heather mi dice con un sorriso d'intesa. Puoi scommetterci, dico incontrandoli a metà strada. Heather alza le labbra per un bacio, che ho incontrato. Ava inizia a baciare il collo di Heather. Le mani di Ava scivolano tra di noi, una mi accarezza mentre l'altra strofina la figa di Heather sotto la sua maglietta. Li accarezzo entrambi...

2K I più visti

Likes 0

Obbligo o verità: edizione Neighbors

Obbligo o verità: Neighbors Edition Caratteri: Famiglia nera - I Johnson Marito: Thomas 40 anni, 6', 200 libbre, cazzo da 12 pollici Moglie: Jasmine 35 anni, 5' 7 150 libbre, seno 44DD, vita 34 pollici, bottino 48 pollici. Figlia: Kelly 14 anni, alta 5' 2 pollici, 95 libbre, tazza 32C, vita 18 pollici, bottino 28 pollici. Figlio: Marcus 15 anni, 6' 3 alto, 195 libbre, cazzo 12 pollici Nonna Pam 64 anni, 5' 8 alta, 240 libbre, seno 44F, bottino 52 pollici Famiglia bianca: gli Smith Padre: Jim 38 anni, 5' 11 alto, 175 libbre, cazzo 11 pollici Moglie: Tish 37...

2.1K I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

2K I più visti

Likes 0

Quel capodanno speciale_(0)

Lucy e Stace saranno qui presto, vuoi da bere? disse Amanda Senza troppe esitazioni accettai e le presi un grande bicchiere di baileys, Amanda era bellissima, a dire il vero. Era di circa 5 4' ma dall'altezza aggiunta dei tacchi che indossava stasera sembrava un facile 5 8'. Indossava un vestito bianco corto che era per lo più trasparente ed era abbastanza corto da poter vedere chiaramente la sua biancheria intima che quella sera era un perizoma leopardato se si chinava. Era morta di capelli rossi che erano perfettamente acconciati e stavano sempre benissimo. Mentre bevevo un sorso della bevanda, qualcuno...

2.2K I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

2K I più visti

Likes 0

Ballo lento_(0)

Una volta nella vita, ti imbatti in un partner molto potente e forte, uno che può spazzarti via in un batter d'occhio... uno che promette di essere il massimo amante memorabile che tu abbia mai avuto. Molte persone cercano invano di trovare un tale amore - il mio è entrato nel mio ufficio un giorno. Ero seduto alla mia scrivania, lavorando sodo... e mi è capitato di alzare lo sguardo per vedere il l'uomo dei miei sogni che aspetta fuori dall'ufficio del mio capo. L'aura di potere che irradiato da quest'uomo è stato sufficiente per farmi smettere di lavorare sull'urgenza progetto...

1.7K I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

1.8K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.