Ex Playboy Playmates Part 5: Stephanie and Son

1.1KReport
Ex Playboy Playmates Part 5: Stephanie and Son

Nota dell'autore: questa parte della serie coinvolge ex Playboy Playmates immaginari. Sono tutte sorelle e ognuna avrà due storie: la prima sarà interrazziale, la seconda sarà l'incesto.

Questa è la seconda storia di Stephanie e si svolge poco più di un anno dopo la sua prima storia. Anche questa storia si svolge circa quattro mesi dopo la parte 3 della serie. Non devi leggere nessuno di questi, ma per riassumere, Stephanie è testimone di un atto incestuoso con sua sorella maggiore Diane nella parte 3. Questo funge da catalizzatore per la sua storia di incesto, aprendo desideri latenti e cattivi.





Ex Playboy Playmates Pt. 05: Stephanie e figlio


¬¬¬Capitolo 1

"Ciao tesoro", disse Stephanie, uscendo dal suo bagno, un grande asciugamano bianco avvolto intorno al suo corpo.

"Cosa stai facendo nella camera da letto della mamma?" Lei chiese. Nella stanza non c'era nessuno tranne lei.

"Oopsie", Stephanie ha sciolto l'asciugamano, lasciandolo cadere sul pavimento, rivelando il suo corpo nudo. "La mamma è così goffa."

Fingendo che suo figlio, Dan, fosse seduto sul suo letto, a guardare, ha continuato a fare finta. «Mi chino e raccolgo l'asciugamano, a meno che tu non voglia darmi una bella occhiata. Non mi dispiace, tesoro.

"Mamma? Ehi, tu?" Sua figlia, Carrie, la chiamò, salendo le scale. Stephanie ansimò, raccogliendo rapidamente l'asciugamano.

"Qui!" Disse avvolgendolo attorno al suo corpo.

"Con chi parlavi?" chiese Carrie, irrompendo nella stanza di sua madre.

“Eh? Ehm...»

"Hai chiamato qualcuno 'tesoro'".

"Oh, uh, no, ho detto, coniglietto", mentì Stephanie, i suoi occhi guizzavano da una parte all'altra.

Carrie alzò un sopracciglio, guardando sua madre con sospetto. "Giusto. Perché hai posato su Playboy. Coniglietto Playboy. Preso. Comunque."

Stephanie arrossì, seduta sul bordo del letto.

Carrie alzò gli occhi al cielo: “Ascolta, devo tornare al negozio e prendere altra spesa da portare in baita domani. C'è qualcos'altro che ti viene in mente di cui potremmo aver bisogno? Non voglio correre il rischio di essere innevato senza cibo a sufficienza per tutti noi.

"No, penso che siamo bravi tesoro", rispose Stephanie, ancora imbarazzata.

“Va bene, beh, se ti viene in mente qualcosa, chiamami o scrivimi. Torno più tardi», disse Carrie, congedandosi, lanciando un'altra occhiata alla madre prima di andarsene.

Stephanie sospirò pesantemente; sua figlia l'ha quasi sorpresa a fare finta. Aspettando che il suono della porta d'ingresso si chiudesse, guardò alla sua destra un cuscino dove immaginava Dan seduto. «Non ridere di tua madre, giovanotto. Ti darò una sculacciata.

Stephanie si chinò, fingendo di far scorrere la mano sulla coscia di Dan: “Forse ti piacerebbe. Hmm?"

Proprio in quel momento le immagini di quattro mesi prima le sono venute in mente. Ricordava di aver visto sua sorella maggiore, Diane, succhiare un cazzo. Il cazzo apparteneva al nipote di Stephanie, Elliot, il figlio di Diane. Stephanie fu un disastro nelle poche settimane che seguirono. Incerta su cosa pensare dell'evento incestuoso a cui ha assistito segretamente.

Con il passare dei mesi, ha guardato suo figlio, Dan, in modo diverso. Ha sempre pensato che avesse un aspetto incredibile, ha sempre pensato di flirtare scherzosamente con lui, ma ispirandosi in qualche modo a Diane, Stephanie non poteva fare a meno di pensare a lui come a un uomo adulto con bisogni sessuali.

Poi sono iniziate le fantasie. Fece finta che Dan si unisse a lei in un bagnoschiuma, nella doccia, nel suo letto, tenendola da dietro, sentendo un'erezione contro la sua schiena. Quindi Stephanie ha strofinato la sua clitoride sulle sue fantasie per la prima volta due mesi dopo aver visto Diane ed Elliot. Non è mai venuta così duramente in vita sua. La fantasia tabù e cattiva l'ha mandata oltre il limite più velocemente del sesso con qualsiasi uomo.

Ha iniziato a flirtare sempre di più con suo figlio, cercando intenzionalmente di farlo sentire a disagio ea disagio, spingendosi ogni volta oltre i limiti. Si sedeva sulle sue ginocchia, gli faceva il solletico, quando le sue figlie non guardavano, gli afferrava il culo. Il Natale a casa sua è stato piuttosto divertente, per lei. Dan, invece, sembrava visibilmente infastidito e confuso dal suo comportamento. Stephanie si disse che non avrebbe mai oltrepassato il limite come avevano fatto Diane ed Elliot.

Le cose sono cambiate quando si è masturbata una settimana fa con un nuovo regalo di Natale che si è comprata. Era un dildo di sei pollici, abbastanza modesto nella circonferenza, neanche lontanamente folle come gli altri suoi dildo. Stephanie l'ha comprato al solo scopo di fingere che il giocattolo color carne fosse il pene di Dan.

Era molto più piccolo dei cazzi che aveva preso nella vita reale, molto più piccolo degli altri suoi giocattoli, ma questo era il punto. Non le importava delle dimensioni di Dan: era il suo tesoro. La notte del giorno di Natale, quando suo figlio e le sue figlie hanno lasciato la sua casa, fingendo che Dan fosse rimasto indietro, ha fatto sedere il dildo su un cuscino, si è arrampicato sopra, guidandolo dentro di sé, quasi raggiungendo l'orgasmo immediatamente.

Pochi istanti dopo, sentendo crescere l'orgasmo, pensò a Dan sdraiato sotto di lei, che le sorrideva. "Lo farò! Sto per venire ", pensò. "Succederà".

Si concesse l'orgasmo, fingendo che Dan fosse dentro di lei, senza dita che la stimolavano. Sembrava reale, sembrava sbagliato ed era fantastico. Dopo che il corpo tremante e convulso di Stephanie si è calmato, è rotolata giù dal cuscino, pensando alle sue azioni. “Lo farei davvero? Farei davvero quello che Diane ha fatto con suo figlio?

Stephanie non ne aveva idea, decidendo di usare il giocattolo per realizzare le sue fantasie più birichine invece del vero pene di Dan.

In questa notte, prima che lei e Dan partissero la mattina dopo per trascorrere alcuni giorni nella loro cabina del North Dakota per Capodanno, Stephanie si ritrovò di nuovo, facendo scivolare un dildo dentro e fuori di lei. Stava fingendo che lei e Dan si stessero divertendo prima che il resto della famiglia arrivasse domani sera.

Ha raggiunto di nuovo l'orgasmo, poco prima che Carrie tornasse con la spesa. Ha salutato sua figlia, aiutandola a metterli via, ripassando i programmi per il prossimo giorno di viaggio. Dan stava andando a prendere sua madre al mattino, guidando alcune ore verso nord fino alla baita; Le figlie di Stephanie sarebbero arrivate in macchina quella sera dopo il lavoro.

Stephanie pensava che lei e Dan avrebbero trascorso circa sei ore da soli, compreso il tempo da soli in macchina. Pensò di flirtare con lui, di essere affettuosa, di farlo arrossire di proposito. Non vedeva l'ora, ma si disse che non sarebbe successo nulla di sessuale, solo nella sua mente.

Ha abbracciato Carrie buonanotte, dicendole che l'avrebbe vista domani sera. Nella sua stanza, Stephanie si è tolta il pigiama, è salita sul letto, addormentandosi rapidamente fingendo che Dan le tenesse il corpo nudo.




capitolo 2

Dan è arrivato la mattina dopo alle 8 del mattino, accolto da una madre senza reggiseno e senza mutandine. Stephanie lo abbracciò forte, premendo contro di lui i suoi grossi seni coperti dal maglione.

"Ugh, mamma, mi stai soffocando", disse Dan. "Non riesco a respirare."

“Scusa,” ridacchiò sua madre, ponendo fine all'abbraccio.

"Ti tagli i capelli da Natale?" chiese Dan, passandole accanto.

"Sì, ho solo accorciato un po' la parte posteriore e tagliato un po' la frangia", sorrise Stephanie, passandosi le dita tra i capelli biondi, che ora le incorniciavano il viso. "Voglio avere un bell'aspetto per il mio tesoro."

“Il tuo tesoro? Cosa significa? chiese Dan, prendendo la spesa che Carrie aveva comprato dal frigorifero.

"Voi!" disse Stephanie, schiaffeggiando il sedere di Dan.

“Ah! Accidenti mamma", disse Dan, cercando di mettere in scena le sue avances. Ha cambiato argomento. “Questo frigorifero è pieno. Dovremmo averne più che a sufficienza in caso di nevicata.»

Suo figlio di 27 anni ha finito di caricare il suo SUV, entrando per far sapere a sua madre: “Sei pronta? Dov'è il tuo bagaglio, te lo carico io.

"Ecco", Stephanie gli porge una piccola valigia.

"Questo è? Dov'è il resto? Saremo lì per alcuni giorni ", ha detto Dan.

“Mmhmm, sto facendo le valigie leggere. Va tutto bene ", Stephanie sorrise, afferrando il cappotto, uscendo dalla porta principale. Ha messo in valigia solo articoli da toeletta, un paio di maglioni e jeans e un bikini per la vasca idromassaggio. Niente mutande, reggiseni o pigiami.

Dan scrollò le spalle, dirigendosi verso il suo veicolo, mentre sua madre chiudeva a chiave la portiera.

"Sono così emozionato!" Disse, salendo sul sedile del passeggero. “Avremo circa sei ore di tempo da soli. Solo io e te!"

"Sì", annuì Dan, indietreggiando dal suo vialetto.

"Sembri così eccitato", ha scherzato Stephanie.

"No, andrà bene", annuì Dan, lanciandole un'occhiata.

"Dammi quella mano", chiese lei, allungandosi per afferrargli la mano destra, mettendosela sulla coscia, accarezzandola casualmente mentre lui guidava.

Quando Dan è uscito dall'autostrada, alcuni fiocchi di neve sono caduti sul suo parabrezza.

*****

"Non suona bene?" chiese Stefania. Aveva continuato a parlare delle cose che lei e Dan avrebbero potuto fare prima che arrivasse il resto della famiglia. Ha menzionato Dan che accendeva un fuoco e si univa a lei sul divano per sorseggiare una cioccolata calda.

"Uh sì, certo", disse Dan, a metà prestando attenzione, più concentrato sulla guida nella neve crescente. Avevano circa un'ora prima di arrivare alla baita e lui voleva essere sicuro di non sbagliare strada nelle strade di campagna.

“Uhm. Beh, penso che suoni romantico", Stephanie mise il broncio, guardando fuori dalla finestra.

"Romantico? Veramente?" Dan rise.

"SÌ. Romantico. Io e te, passiamo del tempo di qualità insieme», Stephanie fece scorrere le dita sulla sua mano, ancora sulla sua coscia.

"Mamma, sei tu", Dan scosse la testa. «Ti stai comportando in modo un po' strano ultimamente.»

"Cosa intendi?" chiese, conoscendo già la risposta.

«Sei solo stato più affettuoso ultimamente. Se non lo sapessi, direi che hai flirtato con me. Anche un bel po'.

"Forse lo sono. È un problema, giovanotto?

“Eh. Beh, voglio dire, non proprio. È semplicemente insolito. Sei solo? Hai pensato di uscire con qualcuno? chiese Dan, guardando il cartello "Benvenuti nel Nord Dakota" sul ciglio della strada, che indicava che non erano più in Minnesota.

“No, non sono solo. No, non ho pensato agli appuntamenti. Hai?" chiese sua madre.

"NO."

“Beh, sono passati quasi due anni da quando Alice ti ha lasciato. Sono sorpreso che tu non abbia trovato una nuova donna. Voglio dire, guardati», sorrise Stephanie.

"Mamma", sospirò Dan.

«Forse potresti lasciare che tua madre ripari il tuo cuore spezzato» sussurrò.

Dan lanciò un'occhiata al suo viso sorridente, facendo una doppia ripresa. "Vedere? È un po' strano, non trovi?"

"Oh per favore. Sono solo sciocco. Devi rilassarti un po'. Divertiti, flirta se vuoi, sono solo io ", ha detto Stephanie.

Dan scosse la testa, continuando il loro viaggio a nord-ovest nel Nord Dakota. "Ok mamma", ha risposto, sperando che cambiasse argomento.

"Ci divertiremo un mondo, credimi", disse Stephanie, stringendogli la mano. Lo intendeva anche lei. Quando sono arrivate le sue figlie Carrie e Vanessa, con il marito di Vanessa, sapeva che avrebbero riso, mangiato e goduto della reciproca compagnia. Carrie stava per divorziare e sembrava più infelice di quando era sposata. È stata una circostanza triste, ma sarebbe stato bello trascorrere insieme questo tempo alla baita.




capitolo 3

Arrivarono alla capanna un po' più tardi, la nevicata si stava intensificando. Dan ha scaricato il suo SUV, sua madre lo ha aiutato a mettere via la spesa in cucina.

"Carrie ha sicuramente fatto scorta di alcol", ha osservato.

"Sì. Faremo in modo di berlo tutto", Stephanie gli fece l'occhiolino, colpendogli il fianco.

Dan ha ispezionato la cabina, controllando le tre camere da letto, assicurandosi che i rubinetti funzionassero e così via. Avrebbe condiviso una stanza con Carrie, Vanessa sarebbe stata con suo marito e Stephanie avrebbe avuto la camera da letto principale tutta per sé.

Sbirciò sul ponte posteriore, vedendo la vasca idromassaggio ricoperta di neve. Non aveva alcun interesse ad entrare lì, ma ricordava i momenti divertenti in cui giocava da bambino, sentendosi totalmente caldo e a suo agio anche se l'aria invernale era gelida.

Quando Dan tornò in soggiorno sua madre era seduta sul divano, i piedi rannicchiati sotto di lei, sorseggiando una cioccolata calda.

«Dovrebbe esserci della legna da ardere sul retro», disse Stephanie.

"Oh giusto. Vuoi che accenda un fuoco.

«E unisciti a me sul divano. Sì», sorrise Stephanie.

"Ok, dammene un po' e te ne prendo uno", disse Dan.

Dopo che la stanza fu bella e calda, il fuoco scoppiettante, rimase ad ammirare il suo lavoro. Dan si voltò, vedendo sua madre sorridere, accarezzando il cuscino accanto a lei. Lui ricambiò il sorriso, assecondandola, assecondandola, sedendosi sul divano accanto a lei. Stephanie la circondò con un braccio, si rannicchiò vicino a lui e gli diede la sua cioccolata calda.

"Vedere? Questo è fantastico. Mamma e figlio, che trascorrono del tempo di qualità insieme», disse Stephanie, baciandogli la guancia.

“Sì mamma. È carino."

Stephanie ridacchiò, sapendo che Dan non era del tutto entusiasta di questo, ma era comunque un buon sport.

"Allora ti piacciono i miei capelli?" chiese Stephanie, dopo alcuni momenti di silenzio.

"Sì, sembra carino", disse Dan, sorseggiando la sua cioccolata calda, gli occhi fissi sul fuoco.

"Bene", sorrise, iniziando il suo processo di flirt, facendo scorrere le dita tra i capelli corti di Dan.

Dan sussultò, allontanando leggermente la testa da lei. "Fa il solletico?" chiese Stefania.

"Un po."

"Bene, allora", Stephanie appoggiò la sua cioccolata calda sul tavolo davanti al divano. "Forse anche questo farà il solletico."

Gli colpì e solleticò il fianco, facendogli quasi rovesciare la sua cioccolata calda, “Mamma! Attento."

Gli prese di mano la tazza, la posò sul tavolo e riprese i suoi solleticanti flirt.

Dan si dimenò e cercò di allontanarsi. "OK! Okay è abbastanza. Mi hai preso», disse, le mani sulle braccia di Stephanie, tenendo ferma sua madre.

Lei sorrise e gli baciò le labbra.

"Mamma", Dan le lasciò le braccia, distogliendo lo sguardo.

"Che cosa? Non dirmi che non ti piace che ti dia un bacio", disse Stephanie.

"No, è solo", sospirò Dan, mettendosi a sedere, afferrando il suo drink per un altro sorso. Stephanie fece scorrere le unghie su e giù per la sua schiena.

"Solo cosa?"

"Non lo so. A volte mi chiedo cosa ti sia preso. Sei davvero innamorato.

“Ti ho detto che sono solo sciocco. Ho detto che puoi ricambiare il flirt se vuoi", ha detto Stephanie.

"Sì."

"Vuoi?"

Dan scrollò le spalle, bevendo un altro sorso, pensando alle sue parole. Si chiese se forse fosse solo sciocca e si stesse divertendo. Pensava che forse avrebbe potuto rilassarsi un po'.

Guardando sua madre da sopra la spalla, posò la sua tazza, si voltò, solleticandole velocemente i fianchi. Stephanie strillò, ridendo mentre Dan continuava a farle il solletico.

"Vedere? Posso rilassarmi ", ha detto Dan.

"Sì che puoi", rispose Stephanie, rannicchiandosi contro di lui, quando si sedette sul divano. Gli mise una mano sul fianco, baciandogli la guancia.

"La tua mano è terribilmente vicina al mio sedere."

"L'hai messo tu mamma."

“Mmhmm. Lo prendi?" chiese, baciandogli la guancia ancora una volta.

“Non credo. Posso solleticare e coccolare, ma non ne sono troppo sicuro.

«Se vuoi, puoi» gli sussurrò all'orecchio.

"Sì? Lo terrò a mente", disse Dan, alzandosi, andando alla finestra e guardando la neve che scendeva ancora più forte.

«Spero che Carrie e Vanessa siano in grado di...»

La frase di Dan è stata interrotta da una donna bionda più anziana, che gli afferrava il culo. "Ummm", disse, congelato.

«Prenderò il tuo. Non è un grosso problema ", ha detto Stephanie, premendo i seni contro la sua schiena, sperando che Dan si sentisse a disagio.

"Heh, giusto, sì," Deglutì. "Puoi rilasciarli ora."

"Aww," Stephanie ha lasciato la presa stretta sulle sue natiche. Lei lo abbracciò da dietro, le sue mani che correvano su e giù per il suo busto. Chiuse gli occhi, respirando il suo profumo.

"Hai un buon profumo, tesoro."

"Grazie, cerco di fare il bagno regolarmente", disse Dan allontanandosi dalla finestra, sua madre ancora attaccata a lui.

"Hai intenzione di seguirmi in giro così?" Dan ridacchiò, dirigendosi verso la cucina.

"Forse. Tu ed io saremo inseparabili finché non arriveranno le tue sorelle.»

“Ah, capisco. Quindi smetterai di flirtare con me quando arriveranno?" chiese Dan.

"No. Lo farò solo in modo più discreto.

"Sei sciocco, lo sai?"

"Sì, ora girati", gli ordinò sua madre.

Dan lo fece, guardando il suo volto sorridente. "BENE?"

"Baciami."

Dan rise. "Veramente? Ok mamma,” si chinò e la baciò sulla guancia.

"Non come quello. Baciarmi le labbra."

"Ugh, accidenti," sospirò, dandole velocemente un bacio sulle labbra.

"Meglio. Ma forse ancora un po'?" chiese, sapendo che Dan si sentiva a disagio.

«Mamma», disse.

“Fai finta che io sia una giovane donna sexy. Fai finta che io sia una ragazza molto più gentile di Alice e ti sto trattando molto meglio di quanto abbia mai fatto lei", ha detto Stephanie.

Dan sospirò, scuotendo la testa. “Ti bacerò ancora una volta e poi dovrai smetterla. So che ti stai divertendo e facendo lo sciocco, ma, voglio dire, andiamo. Sono tuo figlio.

"Va bene, va bene, baciami e basta."

Dan fece un respiro profondo, le prese il viso tra le mani, si chinò lentamente, chiuse gli occhi e le baciò le labbra carnose. Durò diversi secondi, rompendosi quando gli sembrò di aver sentito sua madre gemere.

“Va bene, ecco. Abbiamo finito», disse Dan, indietreggiando, guardando attraverso i vari armadietti della cucina, ignorando un formicolio alla schiena.

"Oh no, non lo siamo", pensò Stephanie tra sé, sorridendo maliziosamente, schiaffeggiandogli il culo mentre gli passava accanto, raggiungendo la sua cioccolata calda sul divano.




capitolo 4

Stephanie si è comportata bene, per un po'. Riuscì a convincere Dan a sedersi sul pavimento davanti al divano in modo da potergli massaggiare le spalle. Lei, ancora una volta, l'ha mantenuta normale fino alla fine del massaggio.

Gli riportò la testa in grembo, si chinò e lo baciò più volte sulle labbra. "Mamma! Ti ho pensato - "

“Non ho resistito! Scusa!" Stephanie ha finto di scusarsi.

Dan si asciugò la bocca con il dorso della mano, guardando il telefono per controllare l'ora. Immaginava che le sue sorelle e il cognato sarebbero arrivati ​​in un altro paio d'ore. Mentre sua madre gli passava di nuovo le dita tra i capelli, sentì squillare il suo telefono nella sua camera da letto.

"Mamma, quello è il tuo telefono, vero?"

"Mmhmm."

"Hai intenzione di prenderlo?"

"No", ha risposto, strofinando le mani sulla testa di Dan.

Un attimo dopo Dan sentì il segnale acustico del telefono, che indicava un messaggio vocale. “Potresti voler controllare. Potrebbe essere Carrie o Vanessa.

“Uffa. Oh, va bene,” Stephanie si alzò dal divano, non prima di essersi piegata di proposito in modo che i suoi seni sbattessero contro la nuca di Dan.

La guardò lasciare la stanza, tracannò la sua cioccolata ormai tiepida e si sedette sul divano.

Stephanie ha ricevuto un messaggio vocale. Era di Vanessa. Ha richiamato sua figlia, chiudendo la porta della sua camera da letto.

"Ciao mamma. Sta nevicando davvero forte qui. Normalmente non è un problema, ma si fa sempre più buio e la strada è completamente coperta. Penso che sia meglio restare qui un'altra notte. Forse domani andrà meglio.

"Oh no", Stephanie finse delusione.

"Sì. Non vogliamo correre rischi. Quindi stasera siete tu e Dan. Cercheremo di farcela domani", ha detto Vanessa.

Il cuore di Stephanie batteva all'impazzata, cercando di calmarsi, lei rispose: “Sì, non voglio che andiate tutti fuori strada da qualche parte con questo tempo. Staremo bene qui.

Stephanie guardò fuori nel soggiorno dalla porta della sua camera da letto rotta, guardando Dan seduto sul divano. "Staremo bene e al caldo qui."

"Ok fantastico. Ti chiamo domani», disse Vanessa, terminando la telefonata. Stephanie voleva saltare di gioia. Invece si tolse lentamente i vestiti e indossò il suo minuscolo bikini blu.

Dan fu sorpreso quando sua madre gli si avvicinò di soppiatto, mettendogli le mani sugli occhi. "Ho delle ottime notizie da condividere con te."

"Ehm, ok?"

Stephanie ha tolto le mani, in piedi di fronte a suo figlio in bikini. "Te lo dirò nella vasca idromassaggio."

Dan sbatté le palpebre un paio di volte, i suoi occhi lanciarono un'occhiata alla sua figura a clessidra, "Uh, beh, non ho portato un costume da bagno."

"Allora dovrai indossare i tuoi boxer."

"Mamma, per favore, non mi va proprio di..."

«Ti aspetto», lo interruppe Stephanie. Sorrise, dirigendosi verso l'area del ponte sul retro, lanciando un'occhiata alle sue spalle a Dan che entrava nella sua camera da letto per cambiarsi.

Fuori rabbrividì, spolverando la neve, togliendo il coperchio. Girò rapidamente il quadrante su 99 su 110 impostazioni di temperatura: caldo ma non troppo caldo. Aspettando qualche istante che la vasca idromassaggio iniziasse a gorgogliare e riscaldare l'acqua, Stephanie scivolò dentro, il suo corpo si riscaldò rapidamente, facendosi strada attraverso la vasca, aspettando Dan.

Dan aprì la porta del ponte posteriore, rabbrividendo anche lui, dirigendosi verso la vasca. Stephanie gli fischiò, lui lo ignorò ed entrò, gettandogli l'acqua calda sulle braccia e sul petto.

"Cosa c'è di così importante che DEVI dirmelo nella vasca idromassaggio", ha chiesto Dan.

Sua madre sorrise, scivolando attraverso la vasca, a cavalcioni di Dan, afferrandogli il viso. «Stasera non vengono. Troppa neve. Sarete solo tu e la mamma.

Gli occhi di Dan si spalancarono per la paura. Quando sua madre lo baciò, forte, quasi soffocò. "Mamma! Aspettare!" riuscì a respingerla, interrompendo il bacio.

"Che cosa? Non vengono stasera?"

"No. Vanessa ha detto che mi chiamerà domani e mi farà sapere come sono le strade. Siamo solo io e te stasera, tesoro», disse Stephanie, tenendogli ancora il viso e baciandogli di nuovo le labbra.

Dan si contorse, tentando di interrompere il bacio. "Ok aspetta. Aspettare!"

Stephanie indietreggiò, sedendosi sulle sue ginocchia invece di mettersi a cavalcioni su di lui. Dan riprese fiato.

"Bene. Va bene", disse, calmandosi. «Forse potremmo giocare a carte o qualcosa del genere. Dal momento che non c'è la TV.

"Potremmo. O forse potremmo fare un altro gioco», suggerì Stephanie.

Dan chiuse gli occhi, pensando di aver bisogno di suggerire cose non provocanti da fare, giochi innocenti. Abbassò lo sguardo sulla sua coscia nell'acqua gorgogliante, poi alzò lentamente lo sguardo sull'addome e sui grandi seni. "Ok, a quale altro gioco potremmo giocare?" chiese nervosamente.

"Obbligo o verità?"




Capitolo 5

“Mamma, no, non stiamo giocando a obbligo o verità. Ho 27 anni, non 17", Dan alzò gli occhi al cielo.

"Sì. Torno subito", disse Stephanie, alzandosi dalle sue ginocchia, Dan guardando il suo culo quasi nudo nel suo bikini perizoma.

"Merda", pensò.

Stephanie è tornata con l'alcol. Si versò del vino ea Dan un rum forte e coca cola. "Bevi", sorrise.
Dan obbedì, sussultando per la bruciatura del rum in bocca. Non era un gran bevitore, ma a parte essere cattivo con sua madre e ferire i suoi sentimenti, decise di bere e giocare con i suoi piccoli giochi.

Dopo aver tracannato il suo rum, scuotendo la testa: "Era un po' troppo forte, mamma".

Stephanie sorseggiò il suo vino, ancora una volta a cavalcioni su suo figlio. "Pronto a giocare?"

"Immagino", Dan scrollò le spalle.

"Bene. Obbligo o verità?"

"La verità, sarà sempre la verità", ha detto Dan.

"Va bene", Stephanie alzò gli occhi al cielo. "Sesso. Quand'è stata l'ultima volta che l'hai avuta?"

“Uffa. Avrei dovuto sapere che avresti chiesto ", ha detto Dan. Fermandosi un momento, rispose tranquillamente: "Alice".

"Così lungo!?!" esclamò sua madre.

"SÌ. Così lungo. Non ci sono esattamente molte donne nella piccola città in cui vivo.

"Oh piccola, mi dispiace così tanto", Stephanie gli accarezzò il viso, poi lo abbracciò forte nella vasca idromassaggio. "Due anni sono davvero troppi".

"Sì, beh, qualunque cosa."

"Ok, tocca a me", sorrise.

"Obbligo o verità?" chiese Dan.

"Verità."

Dan si fermò di nuovo, pensando a una domanda banale da porre. "Dove, ehm, avevi dei fidanzati quando vivevi ad Atlanta?"

Stephanie scoppiò a ridere: “Orribile! Risponderò alla stessa domanda che ti ho fatto.

"Mamma, non è così che funziona il gioco."

«Tre mesi», disse Stephanie.

"Tre mesi? Hai fatto sesso tre mesi fa?"

Stephanie non ha risposto, ha solo chiesto: "Obbligo o verità?"

"Ancora una volta, verità."

"Qual è la cosa più folle che tu e Alice avete fatto a letto?"

"Mamma", Dan chiuse gli occhi, scuotendo la testa. "Abbiamo davvero bisogno di giocare a questo gioco?"

"Invece possiamo giocare a strip poker."

“Abbiamo provato cose da porta sul retro. Anale", rispose Dan immediatamente, ignorando il suggerimento di sua madre sullo strip poker. Afferrò il suo bicchiere, sperando di prendere del ghiaccio sciolto e del rum avanzato.

"Ti prendo una ricarica", disse sua madre, prendendo il suo bicchiere, uscendo dalla vasca idromassaggio.

"Avrò bisogno di altro per superare questa notte", pensò Dan tra sé.

Un attimo dopo, Stephanie tornò, sedendosi sulle ginocchia di Dan. "Attento", fece una smorfia.

"Mi dispiace. Hai bisogno di adattarti? O vuoi che lo faccia io?" Stephanie fece l'occhiolino a suo figlio.

Dan non rispose, facendo scivolare la mano sott'acqua, sistemando le palle e l'asta in modo che il peso di sua madre non le schiacciasse.

"Meglio?" chiese porgendogli il bicchiere. Dan annuì, bevendo un sorso, guardando sua madre di nuovo a cavalcioni su di lui, cercando di non guardarsi i seni.

"Ok il mio turno", ha detto Stephanie. "Qual è la cosa più selvaggia che ho fatto sessualmente?" Si chiese ad alta voce. Dan sorseggia tranquillamente il suo drink.

«Be', c'era lo studente universitario. Era così dolce”, ha detto Stephanie. Gli occhi di Dan si spalancarono. Non ha detto niente. “Siamo usciti un paio di volte prima che mi trasferissi da Atlanta. Le piaceva giocare con questi», aggiunse Stephanie, muovendo le spalle e facendo sussultare il seno.

Dan chiuse gli occhi: "Per favore, sbrigati", disse a se stesso, implorando il rum di farlo ubriacare abbastanza da non sentirsi a disagio.

Sua madre continuava. "Poi c'era una cosa a tre."

La faccia di Dan arrossì di nuovo: "Questo è un incubo", pensò, chiudendo gli occhi, ingoiando il suo rum.

“Accidenti, è stata un'esperienza selvaggia. Entravano e uscivano entrambi...»

"Rispondi alla domanda!" Dan strinse i denti, fissando sua madre.

“Ehi, non devi essere cattivo. Stavo pensando a una risposta", Stephanie sorseggiò il suo vino, amando quanto stesse facendo impazzire Dan. Sospirò, posando il bicchiere sul lato della vasca, avvolgendo le braccia intorno a Dan, baciandogli la guancia.

"Prometti che non ti arrabbierai?" lei chiese.

"Pazzo? Riguardo a cosa?"

Gli baciò il collo e la linea della mascella, “Riguardo alla cosa più selvaggia che ho fatto. Coinvolge qualcuno che conosci.

L'alcol fa effetto, la spina dorsale gli formicola di nuovo dai suoi baci, "Mamma, va tutto bene."

«Patrick», rispose Stephanie.

"Patrick?" chiese Dan, riferendosi al suo futuro ex cognato, il marito di sua sorella Carrie.

"E lui?"

Stephanie si alzò a sedere, facendo scorrere le mani su e giù per il petto di Dan. “La tua mamma è cattiva. Anche una suocera birichina.

«Sei andata a letto con Patrick? Sei serio? Non c'è modo. Carrie lo sapeva?

"No."

"È per questo che stanno divorziando?"

"Non che io sappia. Patrick ha promesso di mantenerlo segreto.

“Mamma, non ci posso credere! Hai davvero fatto sesso con tuo genero?" chiese Dan, l'alcol non lo faceva arrabbiare così tanto.

"L'ho fatto. Sei arrabbiato?"

Dan appoggiò la testa sul bordo della vasca. “Beh, non lo so. Voglio dire, se non ha causato il divorzio. È ancora piuttosto incasinato però. È stato l'ultimo con cui l'hai fatto?"

"Sì."

"Heh, fortunato bastardo."

"Cosa dovrebbe significare?" Stephanie chiese, un piccolo sorriso che si formava sul suo viso.

“Beh, voglio dire, ha o ha avuto una suocera dall'aspetto accattivante. È abbastanza fortunato. E ha avuto fortuna con lei", Dan bevve un altro enorme sorso di rum.

"Mi stai dicendo che pensi che io sia sexy, giovanotto?"

"Oh merda. Uh, volevo dire, non sei una brutta signora", rispose Dan, il liquore che lo faceva non stare attento con le sue parole.

"Bene grazie. Prendi da tua madre», fece l'occhiolino Stephanie.

"Wow, non riesco a credere che quel piccolo idiota ce l'abbia fatta con sua suocera."

"Obbligo o verità?" chiese sua madre.

"Oh giusto. Dimenticavo, il gioco. Verità."

"Hai mai guardato le mie foto di Playboy quando eri più giovane?" lei chiese.

"No."

"Bugiardo. Stai dicendo che non sei mai stato curioso?»

“Mamma, non sto mentendo. Non ho guardato perché quelle foto non erano visibili ai membri della famiglia. Non li hai presi perché tuo figlio li guardasse. Sarebbe strano.

"Non ti sei mai chiesto una volta che aspetto avessero?" chiese Stephanie, di nuovo, muovendo le tette.

Dan scrollò le spalle. "Appena. Ho cercato di non pensarci».

"Vuoi vederli adesso?" chiese sua madre.

“Oh cavolo. No. Va bene? No», rispose Dan, sempre più agitato, bevendo un altro sorso, sperando che il rum gli impedisse di tormentare sua madre, ferendone i sentimenti.

“Ascolta, mi sto stancando. È stata una lunga giornata", ha detto Dan.

“Awww, non andartene. Resta con me. Per favore?" disse Stephanie, baciandogli di nuovo la guancia e le labbra.

«Mamma», disse Dan. Lui la spinse via dolcemente, le sue mani le andarono alla vita sott'acqua. Si guardarono in faccia per un momento.

"Non posso credere a te e Patrick", ha detto.

“Senti, ho scoperto che tua sorella lo tradiva. Bene? Mi sono sentito malissimo per lui. È sempre stato così dolce con me, è appena successo", ha detto Stephanie, le sue mani sono andate a quelle di Dan, facendole scivolare sulla parte bassa della schiena. “Lo abbiamo fatto per diversi mesi. Poi ha deciso che doveva divorziare da Carrie e andare avanti con la sua vita. L'ho solo aiutato a superare quel periodo difficile.

Stephanie fece una pausa, facendo scorrere le dita sulle spalle di Dan. “Carrie non ha mai saputo di me e Patrick, ma sono contenta di essere stata in grado di aiutarlo ad andare avanti. In un certo senso l'ho aiutato a capire che meritava di meglio di quello che gli stava dando mia figlia. C'era una ragazza con cui usciva al college, gli ho suggerito di chiamarla e vedere dove va.

Dan e Stephanie rimasero in silenzio per alcuni istanti, le informazioni che aveva detto a Dan affondavano.

Dan sorrise: "Scommetto che gli è piaciuto".

"Lo so", Stephanie accarezzò il viso di Dan. "Il sesso con me è molto piacevole."

Dan deglutì, si schiarì la gola, sentendo il sangue scorrergli all'inguine. “Ehm, sì, beh, penso che ora entrerò.

"Anche a me", sua madre strinse lentamente i fianchi in quella che pensava fosse un'erezione crescente.




Capitolo 6

"Vado a farmi una doccia", disse Dan, inciampando verso il bagno.

«Ti raggiungo», disse di nuovo sua madre.

“No, no, non stai facendo la doccia con me. Non ci metterò molto, aspetta solo.

"Hai paura che ti veda nudo?" lei chiese. “Possiamo spegnere le luci. Sarà buio pesto.

“No, no, non lo stiamo facendo. Sarebbe un po' troppo strano», biascicò Dan.

Sua madre annuì, guardando lentamente in basso, sporgendo il labbro inferiore, facendo il broncio.

*****

Dan sospirò, pochi istanti dopo, sentendo sua madre insaponargli la schiena con il sapone sotto la doccia. "Facciamola finita."

"Relax. Sarà carino. Ti pulirò la schiena, tu puoi pulire la mia", disse, passandogli le mani sulla schiena nel bagno nero come la pece.

«Girati», disse. “Scusa in anticipo se accidentalmente afferro qualcosa. È difficile vedere qui dentro.

Dan si voltò con riluttanza, fissando davanti a sé nell'oscurità, mentre sua madre gli insaponava il petto e lo stomaco con il sapone.

"Alice non l'ha mai fatto?"

"NO."

"È un peccato. Sotto la doccia possono accadere così tante cose meravigliose”, ha detto Stephanie.

Si appoggiò a lui, premendo i suoi seni nudi contro la parte superiore dell'addome. “Accidenti mamma,” disse Dan, indietreggiando un po' dopo aver sentito le sue tette sulla sua pelle.

"Sono solo io."

"Lo so, ma comunque."

"Non ti piacciono le grandi tette contro di te?" lei chiese.

"Mamma, per favore, sciacquiamoci e andiamocene da qui."

“Vai a lavarti laggiù? O vuoi che lo faccia io?"

"Sono perfettamente in grado di pulirmi da solo", disse Dan, lavandosi velocemente l'inguine e il culo. "Quello rosso. Adesso esco.»

"Ma non mi hai lavato la schiena!" Disse Stephanie, sentendo Dan tirare indietro la tenda e andarsene.

"Scusa!" he called out to her, grabbing his towel, exiting the bathroom.

Sitting on the edge of his bed, putting on some socks,” This is crazy. She’s crazy.” He climbed in bed, hoping his sisters would be able to join them tomorrow. He was still in shock that she slept with Patrick, but at the same time, he couldn’t help but think how lucky the guy was to have a mother-in-law like his mother.

Taking a few deep breaths, thinking about the next day, he heard a knock at his door. "Oh no. Please just go to bed,” he whispered.

"Miele? I need to borrow some clothes,” She said, knocking again.

“Fine.”

Stephanie entered his room, a towel wrapped around her body. “Wouldn’t you know I forgot to pack pajamas!”

“I’m not surprised,” Dan muttered, rolling over onto his side, facing away from his mother.

“I’ll just grab some of your boxers and a t-shirt,” She said, rummaging through his bag. Dan heard her towel drop to the floor as she changed into his under garments.

“There, much better. Now then, come to bed,” she said.

“I am in bed.”

"NO. Come to my bed.”

“I’m not going to your bed. That’s your room, this is my room. Goodnight.”

Stephanie was quiet. Dan sat up, seeing his mother standing, looking down, her bottom lip stuck out, pouting.

*****

“Mmm, there we go. Nice and warm with my honey,” Stephanie said a few moments later, climbing into her bed, in Dan’s arms. He rolled his eyes, staring to the ceiling.

She moved Dan’s arm to her waist, her breasts pressing against his chest, and kissed at his jaw and neck again. “I’m so lucky to have a nice looking young man to keep me warm.”

“Mmhmm,” Dan replied, his eyes shut tight.

Stephanie turned his face to her, kissing his lips hard, moaning. “Goodnight honey.”

“Night.”

Stephanie smiled, reaching behind her, guiding Dan’s hand to her ass. He grunted in annoyance, quickly moving his hand, hoping his sisters would arrive as early as possible tomorrow.

Stephanie smiled, sitting up in bed, looking at her son, his eyes shut. She thought to herself, ”I hope your sisters stay home another day.”




Capitolo 7

The next morning Dan woke to the smell of bacon and the sight of his mother, in his boxers and t-shirt, cooking eggs.

“Hi there. I sure did sleep wonderfully. I had a gorgeous man to snuggle with,” Stephanie greeted him upon his entry to the kitchen.

He said nothing, not in the mood for her inappropriate flirts and dialogue.

Sitting down at the small table, she filled his plate with bacon and eggs. “Look outside. It’s a winter wonderland.”

Dan glanced to his left, seeing the fresh snow covering everything.

“We can get in the hot tub again to warm up,” Stephanie said, standing behind him, rubbing his shoulders.

“Maybe they’ll arrive later today. We can all get in there,” Dan spoke up, hoping the rest of the family would get there soon and save him.

“Maybe. They’ll call me soon and let me know how the roads down there are.”

Dan was quiet the rest of the morning, keeping himself busy, mostly outside to avoid his mother. He fought with himself, with his cock, with his thoughts, acknowledging how good it felt to have her snuggled up against his body. He tried thinking of how much he missed his ex-girlfriend, only to have his mother’s words ‘Maybe you could let your mother mend your broken heart’ ring in his head.

After running out of things to do outside, plus being cold and wet from the snow, Dan went inside. He saw his mother on the back deck, sweeping snow off the hot tub. He took off his wet coat, boots, gloves and sat down in a chair.

Stephanie came in a few minutes later, Dan ignored her. Stephanie kicked off her boots, still wearing only boxers and a t-shirt and walked over to Dan.

“You’re all wet,” She said, patting the leg of his pants. She pushed Dan back against the chair, moved his arms, and slowly lowered herself on him, straddling him.

“Mmm,” she moaned, her crotch coming into contact with his. “I’m wet too.”

Dan picked up on the innuendo, looking away.

"Vedere?" She asked, taking Dan’s hand to her waist so he could feel her damp shirt. “All the snow out there. Some got on me when I cleaned the deck.”

She tipped his chin back with her index finger, kissing him slowly, their eyes closing. “I’ll fix lunch soon,” she said, getting off his lap.

Dan gulped, his breathing rate increased, watching her move away in his boxer shorts, her hips swaying. He struggled to stop the erection from growing. He quickly made his way to his room, shut the door, got on dry clothes and lay down.

Stephanie was busy making sandwiches when she heard her phone ringing in her bedroom. She rushed to it, seeing it was Vanessa.

“Hi,” she said. “How’s the weather down there?”

“Pretty bad. It’s been icing . We lost power too,” Vanessa answered. “The roads don’t look any better from what I can tell.”

"Oh no. Does that mean?”

“Yes. I’m sorry mom. We can’t come up in this mess,” Vanessa said.

Stephanie was already stepping out of Dan’s boxer shorts, “Oh my, I’m so sorry. We will miss you.”

“Yeah, hope you guys are ok there. You should have more than enough food. Is the weather bad there?”

“It just snowed a lot,” Stephanie said, pulling Dan’s t-shirt off, climbing on her bed.

“Ok mom, well I better go. Again I’m sorry. I know you were looking forward to all of us being there. But at least you can spend some quality time with Dan,” Vanessa said.

“Uh huh,” Stephanie replied, her fingers plunging into her pussy.

“See you when you two get back in a couple days. I love you,” Vanessa said.

“I love you too,” Stephanie hung up, grinned, tossing the phone aside and furiously began rubbing her clit with one hand, the other, sliding three fingers in and out of her wet pussy.

Across the hall, Dan had drifted off to sleep. He thought he was dreaming when he heard his mother moan from across the hall. He sat up in bed, “Mom? Did we – ” he didn’t finish the thought, seeing he was alone. He laid back down to finish his nap.




Chapter 8

Stephanie behaved for the rest of the evening, fixing a wonderful meal for her and her son. They finished a couple wine bottles, both were feeling tipsy.

“Dessert is in the hot tub, honey,” Stephanie said.

“Mom, I’m not getting in the hot tub. I’m not playing truth or dare.”

“We don’t have to. I just want to enjoy the hot water with you.”

Dan shook his head. “So they aren’t coming at all?”

“No, the weather is still bad there. It’s just you and me,” she smiled.

“Mom, you gotta calm down tonight. Bene?"

“I’m very calm.”

“You know what I mean.”

“Just join me in the hot tub. It’ll be ok, I promise,” Stephanie said, taking her and his plates to the kitchen. “Go out there, turn it on, and I’ll join you.”

“Don’t try any funny business,” Dan mumbled. “I should say no.”

Stephanie ignored him, cleaned the dishes, and then changed into her tiny blue bikini. Several minutes later, she arrived, finding Dan’s arms crossed, leaning back in the tub.

Stephanie started with his feet. She sat across from him, grabbing them and massaging them. “Feel good?” lei chiese.

“Yeah.”

She kissed them, then moved her way up his calf, watching him relax. Next were his thighs. She sat in the middle of the tub, in between his legs, rubbing both of his thighs, staring at his closed eyes.

“You like this?” lei chiese.

Dan nodded. Stephanie moved closer, her large breasts coming to rest on Dan’s crotch, feeling an erection. She stood, slowly straddling him once more, bringing her crotch on top of his.

“I can feel that you like it,” she whispered in his ear.

“Mom, please,” Dan said.

Stephanie placed more kisses along his neck and ear, “I like it too. A lot”

Dan winced, his erection painfully throbbing against her warm body. “I uh,”

“Relax. Let me take care of you,” Stephanie thought, holding his arms down, kissing lips. “Mmmm,” she moaned, her tongue lightly lapping against his lips.

Slowly grinding her hips against his crotch, she thought about crossing the line, she thought about the bad weather at home being a sign, she thought about witnessing her sister and nephew as a catalyst for awaking her own urges. Stephanie didn’t realize, as these thoughts ran through her mind that she was making out with her son.

Dan was lost in her kisses, her tongue, her moans. She was so very good at kissing, not too much tongue, not too little – far better than Alice.

Alice. He thought of her. “Wait,” he told himself. “This isn’t right.”

“Mom,” he broke the kiss, Stephanie nibbled at his bottom lip. “Get off me.”

“What?”

“Get off me!” He pushed her away, adjusting his erection and stood. “We gotta stop. You’re killing me here.”

“Honey, I don’t – ”

"NO. No more playing around, no more of this,” Dan said, motioning to the tub. He grabbed his towel, drying his face.

“But I thought you could play with me, if you wanted to,” Stephanie said, standing in the middle of the hot tub.

“No, no more playing. This isn’t right,” Dan said, turning to head inside.

Stephanie made a decision, one fueled by lust and desire for Dan. She quickly undid her bikini top. “Dan.”

“What?” He called over his shoulder.

“Are you sure you don’t want to play with me?”

“I told you I – ” Dan turned around, eyes wide open, frozen. He watched his mother drop the blue bikini top in the bubbling water. His mouth hung open. He couldn’t turn away from her breasts.

“I, uh, I,” He stuttered, watching his mother step out of the tub, walking toward him.

“It’ll be our little secret,” She said pulling him in for a kiss. His hands went to her waist, pulling her close to his body as they kissed.

Coming to his senses, he broke the kiss, grabbed his towel and ran inside to his room, closing the door behind him.

“This is insane. This is a nightmare,” he said, sitting on the side of the bed. “Is this really happening?”

Dan looked to the erection in his boxer shorts. "NO. It can’t be. This has got to be some sort of bad dream.”

There was a knock at his door. “Please don’t come in,” he thought. L'ha fatto. Not saying a word, Stephanie, still topless, entered Dan’s room.

His eyes went to the floor, avoiding looking at his mother’s body. She kneeled in front of him, tipping his chin with her index finger once more, “Dan, let me take care of you.”

He shut his eyes, shaking his head, “It’s wrong.”

“Please, honey, please let me take the edge off.”

Dan shook his head again.

“It’ll be our little secret. When we leave here, things will be back to normal.”

Dan glanced at her smiling face, he felt like a young kid, being asked by his mother to do something he was unsure off. “You won’t tell anyone?” chiese.

“You don’t have to worry about that,” Stephanie, on her knees, moved forward, her large breasts resting on Dan’s crotch.

She gently placed her fingers into the waistband of his boxer shorts. "Posso io?"

Her sweet smile, adorable face, beautiful breasts, he couldn’t say no. Dan slowly nodded his head.

Pulling his boxers down, Stephanie’s eyes lit up, “Oh wow, oh wow!” she thought, seeing his erection. It was all hers.

“Beautiful, just as I knew it would be,” Stephanie said, a hand going to the base of Dan’s cock. He closed his eyes.

“Hey, it’s fine,” she said, slowly stroking. “It’s just me. I’m going to take care of this.”

“Mom,” Dan whispered.

She engulfed his cock, his eyes rolled into the back of his head. Stephanie moaned, tasting the most delicious cock she had ever tasted. She immediately slid a finger of her free hand into her bikini bottoms, furiously rubbing her clit. She was in heaven. “I’m doing it! I’m actually doing it,” She thought.

Lovingly servicing Dan’s cock, rubbing her own clit, Stephanie felt euphoric. “Mom,” Dan said. "Fermare."

Popping his cockhead out of her mouth, she smiled at him, “Enjoying it, honey?”

“I um, I don’t think I can last long,”

“That’s fine,” She grinned. “You can go in my mouth. I would love to taste you.”

“Are, are you sure?”

"Ovviamente. Don’t worry about a thing and let me drink you up,” Stephanie answered.

Dan took a deep breath; he couldn’t believe this was happening, that he was letting his mother do this, that he was going to allow himself to ejaculate in her mouth.

Stephanie resumed, jacking his shaft with one hand, sucking on that bulbous tip with her mouth, her other hand playing with her clit. This was real, it wasn’t a toy, this was really her honey.

Dan started shaking, watching his mother work. “Ahhh,” he groaned.

“Cum in my mouth, cover my tongue, I want this so bad,” Stephanie thought, feeling her own orgasm approaching.

“Here it,” Dan gulped, unable to stop his balls from emptying, feeling them tense up. “Comes,” he finished his sentence.

"SÌ! SÌ!" Stephanie screamed in her head. “Give that cum!” she thought. Her own body began tensing, her pussy spasming.

Then she tasted it - that delicious salty semen erupting from Dan’s cock. “Uhnnn” Dan moaned loudly as he ejaculated.

Stephanie’s mouth began to fill with cum, her legs began shaking, she was moaning, hungrily sucking every last drop from Dan while her own orgasm washed over her.

Dan, out of breath, lay back on the mattress, eyes to the ceiling, in shock. He couldn’t believe he let her do that. Stephanie was still on her knees, recovering from her own orgasm, licking, kissing, and lapping up semen and saliva from Dan’s dick. She cleaned it thoroughly, climbed on the bed, snuggling with Dan.

“Thank you, honey. That was delicious,” She kissed his cheek.

“Yeah,” he said, catching his breath.

“Did you like it? Did mommy do a good job?”

"Uh Huh."

“Good. Do you want mommy to do it again. Because I would love to.”

“Yep.”

“Mmmm, good. Rest up and I will,” Stephanie kissed his cheek, resting her head on Dan’s shoulder.

He replayed the best blow job he ever received in his mind several times, holding her against him, wondering why he felt no guilt or shame.




Chapter 9

“Mmm, I love it. Lo adoro. So good,” Stephanie was saying an hour later, Dan lying on his back, watching her head bob up and down on his cock.

“I love the way you taste, Dan,” She was sliding her tongue up and down his shaft, covering it with drool. “Mommy loves taking care of you.”

Dan said nothing, silently watching his mother work, still in shock.

“I could do this all day,” Stephanie said. “In fact, I think that’s what we’re going to do. Do me a favor? When you feel like cumming, let me know and I’ll stop for a moment, then keep going. Mommy will be playing with herself while she’s working. Is that ok?”

Dan cleared his throat, “Uh sure.”

“Good. Now you lay there, relax, and let me suck this thing the rest of the afternoon. If I get a little loud when I have an orgasm, it’s ok,” Stephanie said.

Dan watched his mother for the next few hours suck his cock, her hand in her bikini bottoms, playing with herself while she did. He was in awe, unable to focus hard enough to cum again, mesmerized by this gorgeous woman taking so much pleasure in sucking his cock.

“Oh shoot! I need to fix us some dinner!” Stephanie exclaimed, after another self-induced orgasm subsided. It had been three hours of sucking Dan’s cock raw. Her jaws were also starting to hurt a bit, but she didn’t care.

“Do your mother a favor and let me taste you before I go cook dinner,” Stephanie said.

Dan nodded, watching her suck his cockhead, her cheeks sinking inward with each hard suck. It felt so good, so perfect. He loved the sounds she made, the slurping noises, the soft moans, the loud cries of pleasure while she simultaneously masturbated.

After he filled her mouth again, she thanked him, kissed his cheek, and made her way to the kitchen, still topless. Dan was alone, staring at the ceiling once more. “This is real,” he told himself. “She spent most of the day giving me a blow job.”

Dan sat up, gathering his thoughts. He rummaged through his bag, getting some new boxers, pajama pants and a t-shirt. Fully clothed, walking to the bed room door, a single thought hit him, “I loved it.”

He left the room to join his mother in the kitchen.

Stephanie was naked. She had kicked off her bikini bottoms and was busy cooking spaghetti. Dan stood, mouth agape, watching her.

“Oh hi there!” she called out to him. “Aww, you put on pajamas. I was hoping you’d get naked with me.”

“Um, I,” Dan said, watching her move about the kitchen, staring at her ass.

“Well, call it a hunch, but I think you and I will be naked together later tonight,” Stephanie winked.

Dan was quiet throughout dinner, his mother talking on and on about random, normal things, still naked. He watched her put the plates and silverware in the sink.

“Join me in the shower,” Stephanie said, kissing his cheek, walking pass him.

*****

The lights were on in the bathroom this time. They were passionately making out.

“Are you going to let me clean you down there?” Stephanie asked, breaking their kiss. Dan smiled and nodded. He watched her lather up his cock and balls, tenderly cleaning them, rinsing them off, and then giving his cockhead a quick kiss.

“Would you clean me?” She asked. Dan grabbed the soap, his mother turning around, her back against him.

He lathered up her large breasts and stomach, his hands all over her. Stephanie moaned, extending her arms above her head, behind Dan’s neck. “Wow,” he whispered.

“You like them?” his mother asked.

“Yeah,” he replied, squeezing her handfuls of tit flesh.

“Clean me down there too,” Stephanie said. “No need to be shy.”

One of Dan’s hands traveled down his mother’s soapy body, the other still massaging a tit. “There we go, just like that,” She said.

“I can do this,” Dan told himself, encouraging his hand to go to a forbidden area. He kept sliding it down, reaching her trimmed pubic hair. He kept going, urging himself southward, his hand traveling over her clitoral hood, over her labia lips, covering her in soap.

“Yes, that’s it,” she said. “Clean me, rub me,” she grabbed his hand, holding it in place.

Dan knew what she wanted. He placed slow kisses on her neck, tweaked and pinched her nipple, and then guided two fingers inside her. She was so warm, so wet, and again, so perfect.

“Mmm,” She moaned. Dan kept sliding his fingers in and out of her.

“Here, work this area some more,” She said, guiding his hand to her clit. “Rub me really good there.”

Dan thought about Alice, the last pussy he had touched; she always liked it this way too. This was different though. This woman, Stephanie, wasn’t some woman who might dump him a couple years after “falling out of love”, or a woman who would be dissatisfied with his skills, or lack thereof, in bed. This woman loved him unconditionally. Rubbing her clit, kissing her neck, massaging her breast, he felt this woman orgasm in his arms, right there in the steaming shower.

When his mother’s climax ended, she turned around, grabbed his face, kissing Dan with all her might. “I love you. You know what’s next?” lei chiese.

Dan shook his head.

“We’ll dry off, go to bed, and this,” she said, grabbing his erection, “is going inside me.”

“Are, are you sure?”

Stephanie kissed him again, answering his question non-verbally. She broke the kiss, “Mmhmm, we’re going to have a busy night ahead of us.”

She kissed him again, then stepped out of the shower, grabbing a towel, making her way to her bedroom.

Dan was alone, thinking about his situation. “We’re going to have sex. We’re going to – ” he couldn’t complete the sentence, disbelief, mixing with some form of excitement taking over.




Capitolo 10

"Eccoti. Get in here!” Stephanie said, pulling away the towel wrapped around her son’s waist.

She pushed him on the bed, tickling his sides, climbing on top of him. “This is going to be so much fun. Are you ready?” She asked, sitting on his throbbing erection, running her hands over his chest.

“I think so,” he smiled weakly.

She leaned down, kissing his lips, “Don’t be afraid. This won’t change things for the worse, I promise. Ok?”

“Ok.”

She kissed him again, whispering, “Make love to me.”

Dan sat up, his fingers going through his mother’s hair, kissing her in return. Stephanie grabbed the base of his cock, guiding it to her dripping wet cunt, slowly lowering herself down on it. “There we go,” she smiled.

Dan was inside her – all the way. She rested her hands on his shoulders, shaking lightly, “I did it.”

“Mom?”

“You’re inside me. You feel so good,” She opened her eyes. “I’ve wanted this for awhile, maybe years and didn’t even realize it.”

“I, I don’t think I will last long doing this either,” Dan admitted.

Stephanie laughed, “Shut up. Non mi interessa. I just want to feel you explode in me, knowing I caused it, is all I need.”

Dan nodded, mother and son gazing into each other’s eyes, “Are you ready?” lei chiese.

“Good. Keep looking in my eyes. I want to see your face when you,” Stephanie paused, “cum in me.”

“Ok,” he smiled.

“I love you,” his mother said.

"Anch'io ti amo."

Her hands resting on his shoulders, Stephanie rose up to squatting position, paused and impaled herself on his cock again. “Yes,” She thought; the real thing inside of her, not her dildo.

She did it again, Dan wincing with pleasure, his eyes not looking away from hers. A third time, she squat up and down on his cock, watching his face. His moved his hands to her waist to support her.

“This is amazing,” she said aloud, her son agreeing.

Stephanie started going faster, her mission, to make Dan cum inside her. “Dan,” she whimpered, bouncing up and down on his cock. “I love you. Give it to me.”

"Mamma! You feel so good,” he said, grabbing her waist, watching her tits bounce with her.

Dan closed his eyes, her pussy walls, sliding up and down his shaft, giving him so much pleasure. “Look at me. Don’t close your eyes,” Stephanie said.

She was getting out of breath, squatting up and down, “So good,” she managed to say.

“I won’t last much longer,” Dan said, in between breaths.

“Good, fill me. Give me everything, honey,” his mother said. “I won’t stop bouncing, until you tell me to.”

“Ahhh, uhnnn,” he moaned, feeling his balls tighten again, his cock tingling. “Yes!”

Stephanie bounced several more times, then stopped when she felt the first spurt of semen against her cervix. “Oh Dan, yes, fill me up,” she cried, her legs wobbling, his warm cum splashing inside her, sending her to her own climax.

She felt another spurt inside her, Dan moaning, his face contorted. Stephanie started bouncing again, faster this time, her pussy milking his cock dry, her own orgasm coursing through her. She grabbed the back of his head, holding it still, her forehead against his, cumming hard on his cock – harder than ever before. There was no cock more perfect than his.

When her orgasm subsided, both were out of breath, Dan easing back on the mattress, holding his mother in his arms, his cock still embedded in her. “Wow,” he said.

Stephanie was still shaking, saying “I love you” over and over again, kissing at neck.

After a few moments, having caught their breath, Dan spoke up, “Maybe this could continue when we get back home.”

Stephanie rose up on her elbows, smiling at her son, “That’s music to my ears.”

Dan chuckled, holding her close, “Yep. That Patrick is one lucky little bastard.”

“No,” Stephanie said. “He WAS. And only for a brief time. You ARE now until you no longer desire me.”

“To be honest, I think I’ll desire you for a very, very long time.”




Chapter 11

The next morning, Stephanie was woken up by her cell phone. It was 11:30 in the morning, she was exhausted and sore – in a good way.

She answered the phone, Vanessa saying hello on the other end. Stephanie looked at herself in the mirror. Her hair was a total mess, her huge breasts were covered in hickeys due to the hours of Dan sucking them, worshiping them with his mouth. Her nipples were sore. Her legs were weak and sore. Her pussy was slightly chafed and her back hurt. She couldn’t help but smile.

Dan was no better. His cock was hypersensitive, sore to the touch. His butt muscles were sore due to pumping and pounding Stephanie. He listened to his mother chat with his sister, a smile on his face.

“Ok great. We’ll see you tomorrow then. I’m glad the weather cleared up. Oh I know. But we can come back here again, maybe in the summer,” Stephanie was saying.

She ended the call, joining Dan back in bed.

Later they showered, Dan slowly gliding his cock in and out of her from behind, kissing her neck, squeezing her breasts. He didn’t care if he was sore, she didn’t either. They kept going and going, cumming all day.

After dinner, they were in the hot tub, relaxing, making out for an hour or so. They were attempting to let their sex organs take a break, enjoying each other’s company.

“Truth or dare?” Dan asked, breaking the kiss.

“Truth,” his mother replied.

“What in the world happed here?” Dan laughed.

“We crossed a line,” she smiled.

“I know that, but how? Perché? What caused this?”

“I think these urges have been in me for awhile now. Something woke them up.”

“What woke them up?” Dan asked.

“Your Aunt Diane.”

“How?”

Stephanie leaned kissing, nibbling at his ear, “She and your cousin, Elliot, are like this.”

“They are?”

“Mmhmm, and I saw them in the act.”

“Wow,” Dan said.

“Truth or dare?” lei chiese.

“Truth.”

“Are you ok? You and I have been getting it on so much in the last 24 hours, we haven’t talked much. Are you fine with us being like this?” his mother asked.

Dan paused a moment, looking into her loving, sweet face. “Mom, yes, of course I am. This has been the most amazing experience I’ve ever had. I was reluctant at first, but when I gave in,” He paused, grabbing a breast, bringing it to his mouth, gently kissing a nipple.

Stephanie arched her back, allowing Dan to keep tenderly kissing her sore nipples, kissing away the pain. “When I gave in,” he licked her breast meat, in between each mound, then up to her neck, “there were no regrets.”

Stephanie intercepted his tongue with hers, covering his mouth, his erect cock against her pussy lips under the water.

“Truth or dare?” Dan asked.

“Truth,” she answered.

“What’s wildest thing you’ve done sexually?” Dan asked, a grin on his face.

“Well I would say having sex with you, but I haven’t yet done the wildest thing,” Stephanie answered.

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

804 I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

788 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.