Ricattato in sottomissione

751Report
Ricattato in sottomissione

"Ho capito" disse Cassey, correndo in cucina. "Ho ottenuto il lavoro!" "È fantastico!" disse Giasone. Ha abbracciato la sua fidanzata, pieno di gioia per la notizia. Cassey aveva un disperato bisogno di trovare un nuovo lavoro. Qualsiasi cosa pur di allontanarsi dal posto in cui lavorava sotto il suo capo da incubo, Veronica. "Quando inizi?" chiese Jason.

Il sorriso di Cassey svanì. "Non appena avrò la mia referenza..." disse Cassey a bassa voce. "Da Veronica?" chiese Jason. Cassey annuì. “Ma sai cosa dirà...” disse Cassey. "Questo sta andando per questo lavoro, sei andato alle sue spalle", ha detto Jason. "Esattamente. È impossibile, Jason. Non mi darà mai quella referenza”, ha detto Cassey. «Dai, non sarà irragionevole. Se vuoi andartene, lei ti lascerà andare” disse Jason. "Lei è una stronza manipolatrice", ha detto Cassey.

Jason era sorpreso. Non aveva mai sentito Cassey usare quella parola nei sette anni in cui erano usciti insieme. Era una delle cose che amava di lei. Era così innocente e dolce. Aveva odiato vederla lavorare in un'azienda in cui Veronica le rendeva la vita un inferno. Ma non preoccuparti. Ora che aveva un nuovo lavoro, potevano prendersi una pausa. Finalmente si sposano e iniziano la loro vita correttamente.

"Ho solo bisogno di quel riferimento", ha detto Cassey. 'allora faresti meglio a chiederlo a Veronica, immagino' pensò Jason. Jason poteva vedere che non era la risposta che stava cercando. Saltò avanti alla conclusione. "Stai scherzando?" disse Giasone. “Oh, per favore, Jason. Lei non mi aiuterà, ma parlerà con te” disse Cassey.

"E perché?" chiese Jason. «Perché sei un uomo. Con Veronica è tutto più facile se sei un uomo. Per favore, Jason, lo farai? chiese Cassey. Guardò la sua fidanzata. Era così carina, alta un metro e novanta, capelli scuri corti raccolti in un caschetto e un bel sorriso fiducioso. "Certo" disse Jason. "Lo farò per te"

Jason arrivò nell'ufficio di Cassey un'ora dopo. Sapeva che sarebbe stato difficile ottenere il riferimento. Aveva incontrato Veronica solo una manciata di volte. Una di quelle era stata la festa di Natale in ufficio, quando si era un po' ubriacato e le aveva messo un braccio intorno alla vita. E chi lo avrebbe biasimato per questo? Era un knockout, sempre ben vestita con abiti firmati che abbracciavano la sua figura sinuosa, glamour sia che indossasse tacchi a spillo o sandali piatti. Ed era alta. Jason immaginò che fosse alta quanto lui, circa 5'10 o giù di lì. Torreggiava su Cassey. Aveva lunghi capelli dorati, pelle liscia e fresca ed era in una forma incredibile. Seni sodi su cui un singolo Jason avrebbe amato far scorrere le mani, gambe pneumatiche che un singolo Jason avrebbe leccato dal basso fino alla macchia bagnata in alto.

Entrò in ufficio e cercò di scacciare quei pensieri. Ma poi si ritrovò a confrontare le due donne. Laddove la sua fidanzata Cassey era ansiosa, sempre preoccupata che lei e Jason ottenessero il massimo dalla vita, Veronica era più rilassata. Anche più motivato. E dove Cassey indossava abiti e camicette a fiori, Veronica indossava piccole gonne nere che mettevano in mostra il suo sedere e lasciavano vedere a tutti le sue lunghe gambe snelle e formose. Cassey a volte sembrava una ragazza. Veronica è sempre stata una donna.

La trovò in piedi vicino allo schedario nel suo ufficio, con indosso una sottile camicia bianca che le tendeva contro il seno, una gonna attillata nera e tacchi a spillo neri. Si voltò quando Jason entrò e gli rivolse un ampio sorriso. Indossava un rossetto rosa con un gloss che le rendeva le labbra umide e sexy. Non aveva mai veramente notato il suo grazioso naso a patata prima, ma gli piaceva rivedere i lunghi capelli color oro che le davano un aspetto glamour, e gli zigomi affilati da modella.

“Giasone? Cosa stai facendo qui?" domandò Veronica. “Volevo chiederti una cosa” disse Jason. Il suo sorriso si allargò e il grazioso naso a bottone si schiacciò. "Che dire?" Veronica ha chiesto "Cassey" ha detto Jason. Veronica si accigliò in risposta, poi andò a sedersi dietro la sua scrivania. Prese una cartella che era davanti a lei e vi fece scorrere le dita sopra. Aveva unghie lunghe e curate dipinte di rosa che si intonava al suo rossetto. Lo stava osservando con occhi verdi penetranti, come se fosse un pezzo di carne gettato nella gabbia di una leonessa. "Ti sei allenato?" domandò Veronica. Fu colto di sorpresa dalla domanda. "Cosa intendi?" chiese Jason. “Sembri più grande. Quelle tue braccia forti” disse Veronica.

In realtà aveva iniziato ad andare in palestra ed era entrato in buona forma. Cassey ha detto che era abbastanza bello in anticipo, ma non vedeva niente di sbagliato nell'aggiungere dei muscoli al suo bell'aspetto. Inoltre, ha ricevuto alcuni sguardi ammirati dalle frequentatrici della palestra. Non dovrebbe incoraggiare Veronica però. Sembrava una vera mangiatrice di uomini dietro la sua scrivania. Si sedette e cercò di rimanere concentrato. "Parliamo di Cassey per favore" disse Jason. "Sei venuto a scusarti?" domandò Veronica. "Per che cosa?" chiese Jason. Lei gli sorrise di nuovo. Labbra rosa bagnate così spesse. Jason cercò di ignorarli mentre parlava. "Per la festa di Natale", ha detto. “Jason civettuolo. Il ragazzo cattivo non riesce a tenere le mani a posto” disse Veronica con un tono carino e civettuolo.

Era un po' imbarazzato quando ricordava di averle passato una mano intorno alla vita. L'eccitazione che aveva provato quando lei aveva risposto al suo tocco. Era un bene che si fosse fermato lì. Specialmente quando aveva scoperto che stronza e prepotente era stata con Cassey. Tradire Cassey con Veronica sarebbe stata davvero la ciliegina sulla torta. “Mi dispiace se ho fatto qualcosa che non avrei dovuto” disse Jason e abbassò lo sguardo. Veronica non l'ha lasciato andare. "Dov'è di nuovo che tu e Cassey andrete in luna di miele?" domandò Veronica.

"Costa Rica" disse Jason. “Tutto prenotato, tutto pagato. Dobbiamo solo celebrare il nostro matrimonio prima” “E perché non vuoi fare della piccola Cassey una donna onesta, Jason?” domandò Veronica. “La stessa cosa di sempre. Soldi” disse Jason. "Allora hai sentito chiedere un aumento di stipendio per lei?" domandò Veronica. “Non proprio” Fece un respiro profondo, poi spiegò la situazione con il nuovo lavoro di Cassey e la necessità del riferimento. Ha cercato di addolcire la cosa parlando di quanto a Cassey fosse piaciuto lavorare per un capo forte come Veronica, ma era ora di ricominciare. Non è servito a molto. Veronica l'ha capito. Tamburò le sue lunghe unghie dipinte sulla scrivania. Jason si ritrovò a pensare a come Cassey avesse smesso da tempo di dipingersi le dita. Veronica, al contrario, era incredibilmente femminile. “Non capisco” disse Veronica. “Ho sempre pensato che Cassey fosse una brava bambina. Adesso se n'è andata alle mie spalle” “Non è davvero così” disse Jason.

“Oh, non cercare di difendere quella stronzetta piagnucolosa. Sono solo sorpresa che tu stia con una persona così patetica e bagnata come lei” disse Veronica, diventando un po' impaziente. "Per favore, non farlo", disse Jason. “Questo è fuori uso” “Almeno hai un po' di spina dorsale” Veronica si alzò. Raddrizzò alcune pieghe immaginarie della gonna e si riassettò la sottile camicia bianca. Era come se stesse muovendo i seni per lui. Un paio di tette così sexy. Jason cercò di ignorarli mentre lei parlava di nuovo. “Darò alla tua fidanzata la sua referenza” disse Veronica.

“È fantastico –” Veronica alzò un dito, sorridendogli. "Ssh, Jason" disse Veronica mentre girava intorno alla scrivania, poi si appoggiò contro il bordo. Incrociò una magnifica gamba liscia sull'altra. Erano gambe così lunghe che sembravano allungarsi all'infinito, finché non arrivarono all'inguine di Veronica che era all'altezza degli occhi di Jason. “Fai una cosa per me, Jason, e scriverò quel riferimento” disse Veronica.

"Cosa volete che faccia?" chiese Jason. Inclinò la testa di lato e si passò una mano tra i folti capelli dorati. “Dammi un bacio” disse Veronica. "Stai scherzando vero?" chiese Jason. Lei scosse la testa, continuando a sorridere. Le sue sexy labbra rosa si aprirono leggermente e mostrarono i suoi perfetti denti bianchi. Lei tese il palmo. “Dammi la mano” disse Veronica.

Aveva un modo di parlare ipnotizzante. Jason fece come gli era stato detto. Gli prese la mano e se la mise sulla coscia nuda. Era caldo al tatto. “Solo un bacio, Jason. Allora Cassey otterrà le sue referenze e non dovrà più tornare qui” disse Veronica seducente. Mentre sentiva l'eccitazione della sua pelle sotto il suo tocco e guardava quelle labbra attraenti che gli sorridevano, e gli occhi verdi scintillanti, pensò che forse un bacio non sarebbe stato poi così male. Allora sarebbe finita. Lui e Cassey potrebbero sposarsi. "Va bene" disse Jason, alzandosi. “Solo un bacio” “Va bene, Jason. Sei un bravo ragazzo” disse Veronica.

Lei mantenne la sua mano in posizione sulla sua coscia, anche se era leggermente salita verso l'orlo della gonna. La sua pelle sembrava davvero molto morbida. Jason avrebbe dovuto farla finita prima di fare qualcosa di cui si pentiva. Si sporse in avanti, ma Veronica gli mise un dito sulle labbra. “C'è qualcosa che dovresti sapere in anticipo” disse Veronica e si sporse in avanti per sussurrargli qualcosa. Catturò la fragranza esotica del suo profumo, e quando lei parlò, le parole erano calde e morbide contro il suo orecchio. Gli strinse la mano contro la coscia. "Ho un cazzo" disse Veronica, sussurrando all'orecchio di Jason. Jason indietreggiò sorpreso. "Che cosa?" disse Jason confuso.

"Beh, non essere scortese Jason... Non vuoi controllare?" disse Veronica e gli tirò la mano su per la gonna. "Scendi" disse Jason. Veronica era sorprendentemente forte e trovò la sua mano lungo la sua coscia nuda e su verso il suo inguine. Fu preso dal panico e cercò di allontanarsi, ma lei era troppo forte per lui. Poi, quando raggiunse la parte superiore della sua coscia, il palmo della sua mano premette contro qualcosa che non avrebbe dovuto essere lì. Un grande rigonfiamento. Girò la testa di lato.

“Lo senti Jason? Riesci a sentire il mio cazzo dentro le mie mutandine? disse Veronica. Jason cercò di allontanarsi ma lei lo tenne fermo. “Solo un bacio” disse Veronica. “Un bacio e non devi più sentire il mio cazzo. Anche se sto diventando duro per te, Jason. Un bacio e tu e Cassey potete dimenticarvi di me. Puoi smettere di accarezzarmi il cazzo anche se penso che ti stia divertendo” disse Veronica e gli sussurrò all'orecchio. "Soprattutto visto che te lo stai strofinando tutto da solo..."

Jason cercò di ritirare la mano quando capì che aveva ragione. Mentre lo faceva, Veronica gli tenne la mano sull'inguine, si morse il labbro inferiore e gli sorrise in modo seducente. "Me lo prometti, un bacio e mi lascerai andare?" disse Giasone. "Sì, lo prometto" disse Veronica, la parola sensuale e seducente. “Baciami, Jason. E fallo bene"

Con l'altra mano lo tirò avanti e le loro bocche si incontrarono. La sua lingua si fece strada nella sua bocca, sondando e spingendosi dentro e intorno alla sua bocca, dominandolo. Lei gemette mentre lo baciava. Cercò di non ricambiare il bacio, ma non riuscì a impedire alla sua lingua di incontrare quella di lei, le due estremità che si toccavano e sbattevano l'una contro l'altra. Jason istintivamente le afferrò la gamba, la sollevò e la tirò indietro verso di lui. Il grosso rigonfiamento del suo cazzo si indurì contro la sua mano. Lei ridacchiò mentre lo lasciava andare. "Qualcuno si è lasciato prendere la mano..." disse Veronica. C'era una tenda nella sua gonna attillata. Si sentiva un po' orgoglioso sapendo di aver fatto eccitare Veronica. "Ora... A proposito di quel riferimento" disse Jason. “Lo porterò a casa tua stasera” disse Veronica e dimenò il sedere mentre tornava alla sua scrivania, poi gli fece un piccolo cenno. “Ciao per ora” disse Veronica. Cassey lo ha incontrato sulla porta di casa loro. "Com'è andata?" chiese Cassey.

Jason le passò accanto. «Era una stronza, vero?» chiese Cassey. “Lo sapevo…” Jason la ignorò e andò in cucina. Sul tavolo c'erano le foto dell'hotel che avevano prenotato in Costa Rica. "Che cos'è questo?" chiese Jason.

"Ho guardato di nuovo i nostri piani per la luna di miele", ha detto Cassey. “Oh, Jason, mi sto eccitando così tanto. Guarda la suite nuziale” Gli indicò la foto del letto ovale, ricoperto di petali di rosa. “È così romantico. Per favore, dimmi che hai quel riferimento? chiese Cassey. Jason si asciugò inconsciamente la bocca. Andò al lavandino e iniziò a pulirsi le mani. "S-sì ho capito" disse Jason. Cassey attendeva impaziente sulla soglia. "Allora dov'è?" chiese Cassey.

Jason guardò giù nel lavandino e sospirò. "Veronica lo porterà stasera" "L'hai invitata??" disse Cassey quasi urlando. "Tutto quello che ha detto è che lo porterà e non entrerà", ha detto Jason. “Otterremo la referenza e poi se ne andrà, te lo prometto” disse Jason e si rivolse a Cassey. Sembrava davvero carina lì, con il suo sorriso felice e in attesa e quel corto caschetto nero. L'amava così tanto. "Una volta che Veronica se ne sarà andata, potremo iniziare la nostra nuova vita insieme", ha detto Cassey.

Veronica arrivò a casa loro mentre calava il crepuscolo. Jason le ha aperto la porta. Era cambiata rispetto a prima, e ora indossava stivali alti fino al ginocchio con tacchi alti, una gonna corta nera e un top rosso attillato che stringeva insieme i suoi ampi seni. Era senza reggiseno e poteva vedere i suoi capezzoli duri che spuntavano. Adesso aveva un rossetto rosso scuro e la sua bocca sembrava vampirica. Era vestita per impressionare, e Jason temeva che si fosse vestita per impressionare lui. Diavolo, pensò, se solo l'avesse vista camminare per strada, l'avrebbe fissata. Per molto tempo. Ma c'era quel suo segreto, il grosso rigonfiamento nelle mutandine che gli aveva fatto sentire. Veronica si morse timidamente il labbro inferiore. "Ciao, Jason" disse Veronica, sporgendosi in avanti e baciandolo sulla guancia.

"Dov'è il riferimento?" chiese Jason. Veronica fece il broncio e sollevò una borsetta che aveva in mano. "Qui. Lo darò a Cassey. Dov'è lei?" chiese Veronica e provò a sbirciare dentro per vederla. Jason non voleva far entrare Veronica in casa sua. Nei suoi tacchi, era più alta di lui, e lui era intimidito. "Posso prenderlo per te" disse Jason. Lei scosse la testa, poi gli accarezzò il lato del viso con la mano. “No, Jason... non essere cattivo. Lascia che glielo dia” disse Veronica con tono carino.

La condusse in cucina. Cassey stava versando un bicchiere di champagne. L'ha quasi lasciata cadere quando ha visto entrare il suo ospite. “Veronica, io... io... non sapevo che saresti venuta qui” disse Cassey goffamente. Veronica le si avvicinò spavaldamente, il sedere che ondeggiava nel vestito attillato, e poi abbracciò Cassey. Veronica era talmente più grande di lei che sembrava una vera donna che abbraccia una ragazza. Dovette piegarsi per farlo, e Jason prese le curve delle sue lunghe gambe nude mentre raggiungevano il suo culo stretto. Jason non poté fare a meno di fissarle il sedere mentre si avvicinava a Cassey. 'Ricorda cosa ha lì sotto' pensò Jason tra sé.

Veronica ha fatto finta di ottenere il riferimento dalla sua borsetta, un file salvato su una memory stick. Tirò fuori anche un telefono, che aveva l'involucro rosa, e scattò una foto di Cassey mentre lo consegnava. “Mi piace sempre fotografare qualcuno quando è felice” ha detto Veronica. Cassey era chiaramente a disagio per la presenza del suo prepotente stronzo del capo. “Beh, grazie, Veronica. Immagino che vorrai andare?" Cassey ha detto incerto su cosa fare. Veronica si accigliò. "Non posso provare un po' di quello champagne celebrativo?" domandò Veronica.

Jason poteva vedere che Cassey non sapeva cos'altro fare. Lei annuì nervosamente e versò i bicchieri a tutti loro. “Sediamoci e beviamo qualcosa” disse Veronica. Aspettò che Jason si sedesse prima di sedersi accanto a lui. Questo ha messo Cassey dall'altra parte del tavolo. Sotto il tavolo e non vista da Cassey, Veronica appoggiò immediatamente la mano sulla coscia di Jason. Jason la guardò supplicandola di non fare nulla. "Jason è stato così gentile quando è venuto per il tuo riferimento, Cassey." disse Veronica.

Cassey fece un debole sorriso. Incrociò consapevolmente le braccia per coprirsi i piccoli seni. In risposta, a quanto pare, Veronica ha unito i suoi seni. Erano magnifici, pensò Jason. Se solo lei non fosse una trans, si divertirebbe a passarci sopra le mani. La mano di Veronica si spostò più in alto sulla sua gamba. Jason inspirò velocemente attraverso il naso. Poi iniziò a far salire le dita, lentamente, una alla volta, verso il suo inguine. “Jason mi ha detto quanto sei eccitato per la tua luna di miele” Veronica indicò con l'altra mano le foto del letto ovale nella suite dell'hotel. “È così carino, con i fiori sul letto. Quanto sarà romantico trascorrere la prima notte insieme come coppia sposata. Non vedi l'ora?" domandò Veronica. Cassey fece un leggero cenno del capo. “Sarà un momento speciale insieme. Solo io e Jason” disse Cassey. «Sì, mi ha raccontato tutto oggi pomeriggio. Era così appassionato quando parlava di te, Cassey. È stato molto energico nell'ottenere il tuo riferimento ", ha detto Veronica.

Jason era preoccupato per dove stava andando. La mano di Veronica si stava avvicinando al suo inguine. Ma cosa poteva fare? Non appena avesse detto qualcosa, lei avrebbe accennato al bacio nel suo ufficio. Adesso si rendeva conto che era stato uno stupido errore. Doveva esserci un altro modo per ottenere la referenza e lui avrebbe dovuto prenderla. “Abbiamo parlato di tutto” ha detto Veronica. “Jason ha ammesso quanto ti amava e gli ho detto alcune cose su di me. Qualcosa... un po' personale, temo...» disse Veronica mentre si asciugava una lacrima dall'occhio, poi fece un sorriso triste. "Ho detto a Jason il mio segreto, Cassey, e dovrei dirtelo" disse Veronica. "Quale segreto?" chiese Cassey come se non volesse sentire la risposta. Una palla alla bocca dello stomaco di Jason si irrigidì. Veronica sorrise e si sporse un po' in avanti. "Sono una trans"

Cassey all'inizio non ha risposto. Sembrava solo confusa. La mano nascosta di Veronica si appiattì sulla gamba di Jason, poi le sue dita sfiorarono il suo cazzo. Cominciò a massaggiarne la parte superiore attraverso la stoffa dei suoi pantaloni. «Ho un pene, Cassey. Ho il seno, i fianchi e le curve. In quasi tutti i modi, sono una donna. Ma tra le gambe ho un pene. Sono una trans” Veronica fece una pausa per un momento. Jason cercò di allontanarsi, ma lei gli afferrò il cazzo per la base e lo strinse. Non poteva spostarsi più indietro, o la vista non sarebbe stata coperta dal tavolo, e la sua fidanzata avrebbe visto che questa trans gli stava facendo una sega. “Quando ho detto a Jason che ero una trans non mi ha creduto” ha detto Veronica. Il suo sorriso svanì e si asciugò un'altra lacrima dagli occhi.

“Ha detto che voleva che lo provassi, quindi mi ha fatto spogliare nel mio ufficio. Mi ha fatto mostrare i miei seni e il mio pene. Solo quando ero completamente nuda di fronte a lui, mostrandogli il mio cazzo, mi ha creduto” ha detto Veronica. Il volto di Cassey era completamente scioccato. "Non riesco a capire niente di tutto questo", ha detto Cassey. “Non è vero” disse Jason. In risposta, Veronica ha afferrato il suo cazzo più forte. Lo strinse giocosamente, costringendolo a un'erezione. “Quando ero nudo nel mio ufficio di fronte a Jason con il mio pacco appeso, alla fine ha detto che era felice. Poi mi ha lasciato scrivere la referenza per te. Volevo solo raccontarti questa storia, Cassey, così sai quanto Jason ti ama. Mi ha fatto spogliare così ero solo io di fronte a lui, tremante dal freddo con le mie tette e il mio cazzo scoperti. Ha detto che era così sapeva che stavo dicendo la verità sul darti la referenza. Quindi eccolo, e spero che tu possa trovare la felicità nel tuo nuovo lavoro. E spero che tu possa goderti quella suite per la luna di miele a Malibu dove puoi fare l'amore per ore insieme, come la perfetta coppia di innamorati” disse Veronica. Detto questo, Veronica lasciò andare il cazzo di Jason e si alzò dal tavolo. Ha ritirato il suo cellulare rosa.

"Giasone?" Veronica disse e lo guardò, "mi accompagni fuori?" Dovette alzarsi goffamente per nascondere la rigidità dei pantaloni. Seguì Veronica lungo il corridoio, il suo culo che si dimenava davanti a lui. Quando arrivarono alla porta, Veronica gli parlò. “Grazie per la bella serata” disse Veronica. “Stai cercando di rovinare tutto? Sapevo che eri una puttana dispettosa, ma perché hai detto tutte quelle bugie lì dentro? chiese Jason. Lei scrollò le spalle. «Cassey sa che sono una stronza manipolatrice, quindi non mi preoccuperei troppo. Ma volevo che la tua piccola puttanella codarda di fidanzata sapesse che ero una trans». Lei si avvicinò a lui. “E volevo che sapesse che lo sapevi già anche tu” disse Veronica.

"Perché?" chiese Jason. "Così capirebbe meglio" Veronica alzò il telefono. Stava trasmettendo un video di ottima qualità. Jason è rimasto inorridito quando si è reso conto che lo mostrava mentre baciava Veronica. Per di più, mostrava dove stava allungando la mano sotto la sua gonna e sollevandole la gamba e tirandola a sé mentre poteva sentire i gemiti profondi di Veronica. “Brutto ragazzo, mi stavi toccando dove chiunque avrebbe potuto vederci” disse Veronica. "Mi hai costretto a farlo!" disse Jason, inciampando nelle parole. "Ragazzaccio. Flirty Jason non riesce a tenere le mani a posto. Se vuoi che mi sbarazzi di questo video e salvi il tuo matrimonio, è meglio che tu venga al Randolph Hotel tra un'ora. Ho prenotato una suite per noi” disse Veronica. "Una suite? Per quello?" chiese Jason.

"Così da poter parlare. È tutto. Parleremo solo” disse Veronica mentre lasciava cadere il telefono nella borsetta, poi faceva scorrere velocemente la mano lungo il suo cazzo. “Ciao per ora” disse Veronica, facendo un altro gesto femminile, prima di voltarsi e scendere i gradini di casa sua. La mezz'ora successiva fu un inferno. Cassey era furioso, ovviamente. Fortunatamente, Veronica aveva ragione. Cassey era convinta che la sua storia riguardasse solo il suo essere una stronza manipolatrice. Tuttavia, doveva chiedere a Jason. "L'hai davvero fatta spogliare per te?" chiese Cassey. "Ovviamente no!" disse Giasone. "Era un mucchio di bugie" "Allora perché non hai detto di più adesso?" chiese Cassey.

“Ero troppo scioccato. Non riuscivo a credere a quello che stava dicendo». Abbracciò Cassey. «Almeno ci allontaniamo da quella stronza. Non mi rendevo conto di quanto fosse malvagia”, ha detto Jason. “È terribile, Jason. E pensare che lei è una... Shemale” disse Cassey. “Esatto” disse Jason. Ripensò al rigonfiamento nell'inguine di Veronica che le sue dita avevano premuto e massaggiato. Si sentiva un po' eccitato. "Cosa c'è che non va? Dove stai andando?" chiese Cassey. "Ho bisogno di uscire e schiarirmi le idee per un po'", ha detto Jason. Aveva lasciato andare Cassey e si stava togliendo il cappotto dall'attaccapanni. Ma doveva togliere Veronica dalla sua vita. La vita che stava costruendo con Cassey. Avrebbe detto a Veronica di andare a farsi fottere. Se fosse stato necessario, avrebbe convinto Cassey che il video era un falso. Un falso intelligente, ma comunque un falso. Quindi non si parlerebbe più di Veronica come trans, non più costretta ad accarezzarle il cazzo, o farsi segare il cazzo da lei davanti alla sua fidanzata. Avrebbe tolto Veronica dalla sua vita.

Stava aspettando nel bar dell'albergo. Cambiata di nuovo, in un vestito nero da troia con tacchi a spillo rossi. Il suo rossetto si abbinava al colore delle sue scarpe e aveva due piccoli orecchini. La sua pelle sembrava più morbida di prima e contrastava con i suoi lucenti occhi verdi. Stava parlando con due uomini d'affari che sembravano delusi quando Jason è arrivato e sono stati salutati. "Ero preoccupato che avresti fatto tardi" disse Veronica. "Sarebbe stato molto cattivo" Si alzò dal suo sgabello e gli avvolse le braccia intorno al collo. Lo baciò forte sulla bocca e lo tenne lì. Jason non ha resistito né ha tentato di respingerla. "Cosa fai?" chiese Jason. “Essere amichevole” disse Veronica. “Sono venuto a dirti che non succederà. Qualsiasi cosa tu abbia pianificato per la suite. Non succederà” disse Jason.

Lei non ha risposto, se non per sorridere più ampiamente. Era come se si stesse godendo la sua sfida. “Sei così buono con Cassey. Sai come trattare una donna, Jason. Ti meriti di meglio di quello stupido vagabondo” disse Veronica. “Non parlare di lei in quel modo” Le afferrò il polso con forza. “Sei un disgustoso pervertito” “Se io sono un disgustoso pervertito, Jason, allora cosa sei? O ti stai dimenticando del video?" disse Veronica. "Non sono preoccupato per questo" disse Jason, nonostante non fosse bravo a bluffare.

"Allora perché sei qui?" domandò Veronica. Si avvicinò a lui. Poteva sentire ogni centimetro del suo profumo e si ritrovò a fissare le sue labbra rosse che si aprirono in un sorriso. “Sei venuto qui per fare l'amore con me, Jason? Sei venuto in albergo perché vuoi fare l'amore con me come se fossi una donna, sentendo il mio cazzo palpitante nelle tue mani mentre mi domini?" disse Veronica. "Zitto" disse Jason. "È abbastanza. Dirò a Cassey che il video di noi che ci baciamo è un falso. Lei sa che sei una stronza manipolatrice che farebbe di tutto per farle del male” disse Jason. Veronica si accigliò. “Non credo, Jason” Poi fece una risatina da ragazzina, coprendosi la bocca con una mano timida. "Cosa c'è di così divertente?" chiese Jason. “Quel riferimento che le ho dato, sulla memory stick” disse Veronica. "E allora?" chiese Jason.

“Ci sono video lì. Non solo di noi che ci baciamo. Ci sono anche video di te alla festa di Natale quando mi metti quella mano birichina intorno alla vita e cerchi di farmi andare in bagno con te. Vorrei che fossimo andati lì, sarebbe stato così divertente. Avresti potuto scoparmi nel cubicolo mentre passavano tutti” disse Veronica e si arruffò i capelli. “Non ho detto niente sull'andare in bagno” disse Jason. "Veramente? Perché l'audio dice che l'hai fatto. Poi c'è il video di noi che facciamo sesso. Beh, non noi, ma con un bel giovanotto che ti somigliava. Non è stato così difficile cambiare l'audio, quindi invece di urlare per James, stavo urlando il tuo nome. Ti piacerebbe sentirlo, Jason? Io che urlo il tuo nome in estasi mentre mi sbatti il ​​tuo cazzo duro dentro il culo? Disse Veronica mentre gli tirava la mano intorno al sedere e gli premeva le dita contro il sedere. Cercò di allontanarsi ma lei mantenne la posizione. “C'è anche un video privato che ho fatto, solo per te. Un regalo per te, con me che faccio le cose. Mi metto degli oggetti in bocca e dico che sto immaginando che sei tu. Quel piccolo video è stato divertente da fare, anche se non credo che sarebbe così divertente come sentire davvero quel tuo cazzo duro scivolare nella mia bocca” disse Veronica e ridacchiò ancora, e gli sfiorò la guancia con una mano.

"Perché stai facendo questo?" chiese Jason. Lei lo ignorò. «C'è anche un virus sulla memory stick. Pianterà un sacco di pornografia transessuale sul tuo computer. Prova della tua perversione. Non credo che sarà troppo difficile per Cassey trovarlo, una volta che inizierà a cercare” disse Veronica con un sorriso malizioso e si passò la lingua sulle labbra. “Sei davvero un disgustoso pervertito, Jason. Le cose che mi hai fatto fare. Le cose che vorresti farmi fare” Veronica mise il broncio. “Oh, non essere così triste, Jason. C'è una via d'uscita da tutto questo” disse Veronica.

"E cos'è quello?" chiese Jason. Lei gli teneva teneramente la mano. “Vieni di sopra con me e scopami” disse Veronica. “Non lo farò. Le tue bugie rovineranno il mio fidanzamento. Spezzerai il cuore di Cassey. Sei una fottuta stronza. Per non parlare del fatto che non andrò a letto con una trans” disse Jason.

“Questo è molto maleducato, Jason. Penso che dovrei essere un po' rude con te, per insegnarti le buone maniere. Solo allora ti lascerò infilare il tuo cazzo duro nella mia bocca bagnata, e solo allora farò scorrere la mia lingua sulla punta del tuo pene e ridaccherò mentre ti fa venire i brividi attraverso tutto il tuo cazzo duro e le tue palle” Veronica gli strinse la mano. “Per il momento, tutto è nascosto su quella memory stick. Ci sono due password che lo proteggono. Uno rilascerà tutto ciò di cui ti ho parlato. Sappiamo entrambi che distruggerà Cassey. L'altra password le darà solo il normale riferimento. Sta a me decidere quale password dare a Cassey. Allora, cosa ne pensi, Jason? Te ne vai da qui senza di me e distruggi il tuo matrimonio imminente. Oppure vieni di sopra e ci rannicchiamo insieme sul letto come una coppia, e facciamo l'amore follemente appassionato. Non ti piacerebbe fare l'amore con me? domandò Veronica.

La gola di Jason era secca. Non sapeva cosa dire. Era in preda al panico completo. Ma che scelta aveva? La guardò, questa donna in piedi di fronte a lui, con il suo vestito nero attillato, le gambe lunghe e snelle e i seni sodi, i suoi fianchi larghi e le sue labbra rosse e umide che erano fissate in un sorriso seducente, gli occhi verdi scintillanti e il lunghi capelli dorati. E il grazioso naso a bottone che si arricciava mentre si godeva il suo disagio. Non c'era via d'uscita. "Bene" disse Jason, ammettendo la sconfitta. Lei fece una piccola risata di gioia. "Oh, Jason, cattivo ragazzo" disse Veronica.

Veronica prese la mano di Jason e lo condusse alla tuta. Quando entrarono Jason vide che la suite era lussuosa, con una bottiglia di champagne già aperta e con ghiaccio. Un letto appoggiato al muro occupava una piccola parte della stanza e accanto a quello sul pavimento c'era uno spesso tappeto. Veronica lo condusse dentro per mano e poi chiuse la porta dietro di loro. Si chinò in avanti e lo baciò. Si ritrovò a baciarla a sua volta. Sarebbe stato l'unico modo per superarlo. Lei gemette di piacere e fece scorrere le mani sul suo petto. Le mise le mani sulla vita e le sentì scendere e le prese il sedere con entrambe le mani. Lei si avvicinò ancora di più e la sua schiena era premuta contro il muro. Gli passò le mani tra i capelli mentre la lingua gli esplorava la bocca. Poi tornò indietro, con un sorriso malvagio sul viso.

“Vieni” disse Veronica prendendolo di nuovo per mano e conducendolo verso il letto. Lo spinse su di esso. Si sdraiò sopra il suo corpo, contorcendo i fianchi, baciandogli il collo e facendo scorrere le mani sul suo corpo. I suoi seni si schiacciarono contro di lui e lui ricambiò il bacio. Cercò di dire a se stesso che era con Cassey, e non con una transessuale sexy che lo stava dominando. Veronica gli fece scorrere una mano sui pantaloni. Jason era imbarazzato nello scoprire che si stava irrigidendo. Veronica emise un gemito soddisfatto. “Cattivo ragazzo... un tale pervertito. Cosa vuole fare con la signorina Veronica? disse Veronica in tono seducente. Jason iniziò ad accarezzare il culo di Veronica facendola gemere di nuovo, poi lei si alzò da lui.

Si è spogliata. Si è tolta tutto, fino a rimanere nuda tranne le mutandine. I suoi capelli dorati cadevano all'ingiù ei suoi grandi seni erano come sfere, i capezzoli rosa e duri. Jason osservò la sua pancia piatta e poi c'erano le sue mutandine rosa e semitrasparenti. C'era un grosso rigonfiamento lì dentro. Jason era in preda al panico per quello che sarebbe successo dopo. Veronica gli sorrise, i suoi occhi verdi si illuminarono. Si passò una mano sulle mutandine. "Sei preoccupato che sarò troppo grande per te, ragazzaccio?" domandò Veronica. Fece un passo verso di lui, quindi era solo a un metro di distanza. “Dammi la mano, piccola” chiese Veronica.

Jason, esitante, alzò la mano tremante. Veronica lo prese tra le sue e lo portò in modo che poggiasse sul rigonfiamento. Quando lo toccò, si contrasse in risposta. Veronica ridacchiò di nuovo, ed emise un piccolo suono di piacere. “Non essere timido” disse Veronica, tenendogli la mano più forte contro il suo cazzo. “Le piaci” disse Veronica. Il suo sorriso si era allargato e sembrava malvagia. Tirò delicatamente il polso di Jason, e poi la sua mano fu completamente racchiusa intorno al suo rigonfiamento. Non aveva mai sentito un altro cazzo prima del suo. He was scared. It was big. Bigger than his own cock. It grew under his touch.

“Do you like it, Jason?” Veronica asked in a low tone. She squeezed his hand on top of the bulge, so he was fondling her cock entirely. Veronica pushed against him, and let out a moan as Jason was massaging her bulge. “Mmm I know you like making me feel good. Would you like to put your mouth round my cock, Jason? To feel a cock in growing hard in your mouth?” Veronica asked. Jason would never have said it, but he could feel his dick aching. Non poteva crederci. Even though his mind was telling me that it was wrong and he was afraid of what was going to happen, his dick was betraying him.

Veronica took a step back. She hooked her thumbs into her panties, and wiggled her hips, lowering the knickers to the ground. When she stood up, Jason had a full view of her. Her crotch was completely shaved. Her cock hung down between her legs, eight inches and thick. He could see the shape of her balls as well. He gulped. “Would you like to kiss me again, Jason?” Veronica asked. He nodded knowing he had lost. “Come and be a good boy and kiss me. Kiss me here” She pointed to her flat stomach. She then beckoned him forward with her finger.

Jason thought of what was on the memory stick, and the blackmail he was going through. He had no choice. He went down onto his knees and he moved towards her. He reached forward and gave her a brief kiss on her stomach. “No no no” Veronica said, slapping him playfully. “You should be worshipping me as your goddess” She pulled his head forwards and held him against her stomach. He kissed her deeply. Her stomach was hard and flat, and he found his hands gripping onto her ass to stop himself falling over. Her cock twitched underneath him and he felt it pressing against his chest. “Mmmm, that’s a good boy...” Veronica said.

“Stand up” Veronica said in a soft sexy tone. She tilted his head up with her soft touch. “Kiss my breasts with that same passion” Veronica said. He moved his mouth to her left breast and sucked on it eagerly and ran his hand over the other. He licked the nipple, then he bit it slightly. “Mmm” Veronica groaned. “Such a naughty boy” He sucked harder on her big breasts. He couldn't help himself. They were magnificent tits. He told himself he was about to make love to a woman. “That's right, baby” Veronica said, her voice cooing. She reached a hand down to his raging hard cock. “Oh that's nasty, Jason. What would Cassey say?” Veronica asked. At the mention of his fiancée's name, Jason backed away. Veronica pouted. “Don't disappoint me baby. You were doing so good” Veronica said and placed her manicured hand round her own thick cock. “And I know what you really want” Veronica said.

He knew there was nothing else he could do. He leaned forward again. But this time, Veronica placed a hand under his chin and guided him to her mouth. She kissed him deeply, moaning as their tongues interlocked. She pushed her cock against his crotch, and he felt the rubbing of her cock on his she was beginning to get really hard now. He was ashamed of what he was doing but the longer this went on the more he couldn’t resist. Veronica's kiss was so warm and wet. Her tongue flicked against his, and he found himself making a slight sigh of satisfaction.

“Good, boy” Veronica said, letting go. “I knew you'd come to your senses” Veronica said. “I can't go any further” Jason said. “I can't do this to Cassey” Jason looked down ashamed. “Oh, Jason, we're going to go so much further” She took another step back. “Really, don't you want to?” Veronica said and ran her hands over her body seductively. His body betrayed him. He moved towards Veronica, and she smiled again. She licked her lips. “Mm-hmm, we're going to have fun together, me and you” Veronica said.

She stepped back to let him admire her body again. She played with her breasts with one hand and with the other, stroked her cock. His cock was rock hard in his pants. Then she pulled up his shirt and ran her fingers over his body. Her touch was electric, the fingernails teasing him, then scratching him. Jason found himself shivering at what she was doing to him. He undressed and stood naked before her. His cock stood to attention, and Veronica purred with satisfaction at what she saw. “Do you want to put that inside Miss Veronica? Do you want to feel as it goes inside my nice ass?” Veronica said.

Jason mumbled in reply. He couldn't bring himself to say the words. Veronica then pushed him back onto the bed. Her weight was leaning on him, her naked breasts pushing against his chest. She began to gyrate slowly on top of him, rubbing her ass over his cock. “That's it baby, stay nice and hard just for me” Veronica said. His dick pressed into her firm buttcheeks, hinting at entering her ass. He ran a hand round to cup her cheek and she moaned in response.

“Oh baby, you're so hard now. Say how you want to make love to Miss Veronica” Veronica said and threw her body back a little. Her face was just above his so he could feel the warmth of her breath as she dominated him. The weight of her hips pushed him down, and as it did so, he continued to explore her ass. He ran a finger up the ridge of her ass so that it was close to her asshole.

“Mm” Veronica moaned. “Tell me, Jason, tell me how you want to put your cock up my fine ass. Tell me how you want me to ride you. Tell me how you want to see my cock all hard as I bounce around on top of you. Tell me how you want to feel the tightness of my ass massage your cock, and how you want to make it cum hard inside of me” Veronica said as she ran her hand through his hair. “Would you like to cum inside me, Jason? Would you like to see my cock cum as you pound my ass?” Veronica asked. She was moving so well on top of him. She knew exactly how to make him harder and harder. She was moaning deeply and he began to moan as well. His cock was aching painfully now. He had to fuck her. He didn't care that she had a dick. He just had to fuck her.

She kissed his chest, flicking a tongue at his nipples as she put a hand in his crotch and began to rub his cock. “That's it baby, you're so hard now. You want to fuck me hard don’t you?” Veronica said and spat in her hand and reached round to her own asshole. Jason had kept his hand there and their fingers met. Briefly, they interlinked, a moment of romance. She covered his fingers with her saliva, and then he moved towards her asshole. Veronica whispered into his ear. “That's it Jason, you know how to treat me right” Veronica whispered in his ear. He pressed the tip of his finger to the little hole, and began to manipulate it. Veronica moaned in delight as he moved his finger round then pressed it just inside. He played with her, moving it slightly in and out, and found he was enjoying her reaction.

“You tease” Veronica moaned and leaned forward to bite his ear. “Don't make me wait for much longer” Veronica moaned. He pressed his finger right up inside her. Her anal passage felt so tight as it clamped round him that he didn't know how he was going to get his cock in. Veronica shifted up and down, jerking herself on his finger. Veronica got off and crawled further up the bed and lied on her back spreading her ass. “Now, Jason, give me your cock. Please, I'm begging you” Veronica said and bit her lip.

She stroked his face, staring with widening eyes as she pushed down onto his rock hard cock. He forced himself inside, his dick violating her puckered ass. “Oh yes, Jason, that's it. You're being a good boy for me” Veronica said. She let out a long moan as he pushed right up inside her. Her anal passage clamped right round him, squeezing his dick with pleasure. The tight embrace of her warm wet asshole was better than anything he had experienced with Cassey. “Oh god” Jason said, “this is amazing” Veronica laughed. “I knew it, Jason, I knew you’d make the right decision” Veronica said.

Jason began moving slowly inside her ass. Her cock lied on her. It was so big, eight inches of hard flesh. He could see the veins and the obscene purple colour. He'd never been so close to a cock before, never even seen another erect one. Veronica enjoyed him looking, and ran her slender fingers over her cock. She wrapped her legs around Jason, so his dick went deep inside her, and she squeezed her own dick.

“That's it, Jason, now fuck me” Veronica begged. He began to pant. He was becoming breathless from the excitement. Each time he went further up inside her, an intense judder of pleasure passed from the tip of his dick and right down through his balls. Veronica sensed it, and she used her anal passage to manipulate and squeeze him. “You're an amazing lover” Jason said.

She leaned forward so she could kiss him. He raised his hips, and slammed his cock inside her. She laughed, her breath warm and sweet. Her breasts jiggled in front of him, and with a free hand he groped at them. “How do they compare to Cassey's?” Veronica asked. “Better” Jason said. “So much better” He reached for her cock. He'd never felt one before, and it was so large in his hand.

“That's it, Jason. Jerk my cock off” Veronica said. He played with her foreskin, then ran his hand down the shaft of her dick, pressing it as he went. “Oh, Jason, you know what you're doing. Do you like it?” Veronica asked. “I do” Jason said. 'Do it, tell me what you like” Veronica said. “I love the feeling of your rock hard cock in my hand. I love rubbing it and seeing the look of pleasure on your face as I stroke your dick” Jason moaned. “Mmmm, that's because it feels good. How does your dick feel in my asshole?” Veronica asked.

“Your ass is so good!” Jason moaned a little louder. The pressure was beginning to build. Veronica leaned back again, and quickened the pace of her thrusting. She began to wrap her arms around his back and began to dig her painted fingernails into him. She looked so feminine and sexy, with her erection jiggling with each thrust, he couldn't believe what was happening.

“Yes, that's it, that's so fucking good. You're so fucking hard, Jason” Veronica said, her moans became more like grunts. “Unng, unnnnggg, yeaaahhh, heelll fucking yessss” Veronica moaned. “You're incredible” Jason said. Her breasts were moving up and down and he began to raise his hips to slam up and into her more. She wrapped her legs tighter in response, and it was as if they were one. The feeling was intense. “I'm going to cum. I'm going to fucking cum” Jason said. She squealed in delight. “Oh, cum inside me, Jason. Cum hard inside me” Veronica begged.

He raised himself up, still hammering away at her asshole, and kissed her. It was a deep, pure kiss, his tongue pressing against hers, and running inside her mouth. He made frenetic thrusts, and her ass squeezed right round him, encouraging him on. Her hard cock pressed against her stomach, and the thought of that bulging member drove him over the edge.

“Oh fucking god yes Veronica! I'm cuming!” Jason moaned as loud as he could. “Me too!” Veronica screamed breathlessly, “I'm fucking cuming too!” They came together. He unleashed a torrent of hot jizz inside her as she bit on his lip, flooding her tight anal passage with cum. He kept cumming and cumming and thought he would never stop, his hips juddering with the intensity of the release. Veronica came as well, sending her cum up and onto her chest. He gripped round her cock and she moaned in satisfaction as he squeezed it, rubbing her dick as she came and came and came.

Veronica collapsed on top of him, her jizz covering her breasts and his chest. He was still inside her, enjoying the sensation of being inside her asshole. His hot semen was wet inside her warm hole, and began to slowly seep out. “Mmm” Veronica moaned “that was so good” He was overcome with the intensity of the emotion. He could still feel her penis throbbing away in his hand as she lay there spent.

She kissed him deeply, her warm mouth meeting his. “Did Cassey ever make you cum like that?” Veronica asked and gave a wicked smile as she ran her hands over him, holding the back of his neck as she kissed him again. “Never, she’s never made me cum like this” Jason said. “You're unbelievable” He stroked her cock and she let out a little yelp of joy. “Shall we do it again?” Veronica asked. His cock was already stiffening. He played with her cock, teasing and stroking. “Definitely” he said. “I want to fuck this ass forever” Jason said.

She licked him up the chest, running her tongue over his neck, and passionately kissed him. “I'm all yours, Jason. You can do whatever you want to me. Just don't think of that fiancée anymore” Veronica said. “You were right, I do deserve better. Io merito questo. Send her the code for the virus, let her know I’m addicted to you” Jason said. “Gladly…” Veronica said and texted Cassey the code for the virus.

And he knew that from then on, he wouldn't think about Cassey. He could only think about his new gorgeous lover, the sexy female who had forced him to fuck her, who had ridden his dick to ecstasy and made him fill her ass with his hard throbbing cock, and he knew he would never be able to stop making love to her.

Storie simili

Sull'essere un sottomesso

Ero già stato con quest'uomo e me ne andavo sempre stuzzicato e mistificato allo stesso tempo. Cos'è che mi ha fatto venire tornato per saperne di più, desiderando la prossima volta che sarò invitato? IO desiderare ardentemente il suono della sua voce, lo sguardo profondo e penetrante del suo occhi scuri e deliziosi e, soprattutto, il suo tocco fermo ma amorevole. Non mi domina in senso tradizionale... ancora una volta lui fa. È molto silenzioso e non dice molto. Emette morbido, comandi semplici e usa il linguaggio del corpo e l'aspetto per comunicare altre cose. Quando sono con lui, mi sento...

508 I più visti

Likes 0

Banda musicale (parte 1)_(2)

Capitolo 1: L'immagine Sospiro mentre entro nella sala della band dopo una lunga pratica. Troppo lungo, aggiungerei. Mi passo una mano tra i capelli neri e comincio a mettere via lo strumento. Non mi piaceva nemmeno la banda musicale. I miei genitori non volevano che uscissi a festeggiare tutta la notte o fumare tutto il giorno, quindi si sono rifiutati di pagare per il college se non avessi partecipato - hai indovinato - alla band del college. E fa schifo. Sapevo che era brutto al liceo, ma era ridicolo. Pratica di quattro ore? Sul serio? Ho lezioni per cui studiare, merda...

476 I più visti

Likes 0

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

1.7K I più visti

Likes 0

Uno su un milione Ch.6-7

Capitolo 6 Aprii gli occhi e fissai la mia sveglia. Erano le 10:00 del mattino, ma non avevo proprio voglia di alzarmi, quindi mi sono solo assicurato che la sveglia fosse spenta prima di chiudere di nuovo gli occhi e girarmi nel letto. È stato allora che ho sentito qualcos'altro nel letto. Ho aperto gli occhi, solo per trovarmi faccia a faccia con la faccia addormentata di Jo. Sono saltato giù dal letto e sono inciampato nelle coperte, facendomi cadere dal letto. All'ultimo secondo, ho immaginato una mano gigantesca che mi prendeva in aria e mi sono fermato a pochi centimetri...

372 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

1.8K I più visti

Likes 1

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

1K I più visti

Likes 0

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

1.1K I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

739 I più visti

Likes 0

Desiderio su una stella ch.1

Una notte, mentre ero seduta attorno a un falò, mi chiedevo come sarebbe essere una ragazza. Mi chiedevo come sarebbe stato masturbarsi, avevo sentito dire che le ragazze potevano avere orgasmi più potenti e abbondanti. Quando stavo per rientrare per la notte, ho alzato lo sguardo e ho visto una stella cadente. Non so perché, ma ho deciso di desiderare di poter essere una ragazza per una settimana. Solo una settimana. I miei desideri non si erano mai avverati prima, quindi perché dovrebbe farlo? La mattina dopo la mia sveglia è suonata e mi ha svegliato verso le 5:30. Quando sono...

783 I più visti

Likes 0

Lust in Translation, (o Playboy e il dio della melma).

Nel thread CAW 24, Pars001 ha chiesto: può anche avere un tema misterioso di fantascienza o una storia d'amore aliena? dopotutto sono strano La mia risposta è stata: Che ne dici dei negoziati sul trattato tra la razza aliena e gli umani. Il trattato finale deve essere concluso dal sesso tra un alieno e un umano. Per ulteriori punti, raccontalo dal punto di vista sia umano che alieno. A proposito: questa non è un'idea del tutto originale. Ho dovuto provare questo. — Il presidente fissava la pagina web, il suo colore blu troppo saturo gli faceva male agli occhi...

376 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.