Sistemarsi

106Report
Sistemarsi

Un amico ha chiamato chiedendomi se avevo un appartamento che una giovane donna divorziata potesse affittare. Ho detto di mandarla a questo indirizzo di Highland Park, l'avrei incontrata lì. Amber è una giovane donna attraente, alta 5' 8", corpo snello, capelli biondi lunghi fino alle spalle, tette piccole ed è divorziata da tre anni, senza figli e senza fidanzato. L'ho invitata nell'appartamento ammobiliato. " Sono John ", le ho detto. "Sono Amber", ha risposto. È entrata passandomi accanto, ho chiuso la porta e l'ho chiusa a chiave mentre la scrutavo su e giù, concentrandomi sul suo culetto. Mi sono avvicinato dietro di lei sussurrando nel suo orecchio, "Metti le mani contro il muro e non muoverle finché non ti dico diversamente." Un brivido di paura percorse Amber mentre metteva le mani contro il muro, improvvisamente mi riconobbe ricordando la mia reputazione. reputazione di approfittarsi delle giovani donne, "Sono venuta qui solo per vedere l'appartamento", disse Amber, sorpresa che la sua voce fosse un sussurro. Amber sente le mie mani sulla sua caviglia. Le mie mani risalgono la sua gamba, sopra il suo polpaccio Amber geme sommessamente quando sente le mie dita che le massaggiano la coscia attraverso i pantaloni.

Una sborra succosa e liscia che scorre sulle labbra della fica di Amber e lei si chiede se c'è così tanto succo di figa da filtrare attraverso le sue mutandine e pantaloni. Amber si era raccolta i capelli biondi in modo morbido, lasciando che diversi riccioli di capelli satinati le cadessero dalle tempie. Portava piccoli orecchini a cerchio d'oro che brillavano luminosi. Ho dato ad Amber un bicchierino di brandy. "Non preoccuparti, mi prenderò cura di te." Amber sente il suo battito cardiaco accelerare mentre mi siedo accanto a lei sul divano. Sono un uomo estremamente ricco, potente uomo d'affari, lineamenti del viso cesellati, uomo colto e sofisticato e la mia reputazione di playboy e donnaiolo è ben meritata. Amber ha sentito dire che il mio cazzo è decisamente enorme. Si chiede se quelle sono solo voci. "Grazie," rispose Amber con calma. "Sono un po' scosso da questa situazione. "Voglio dire, trovare un appartamento è difficile." Scivolo più vicino alla bionda, il mio fianco quasi tocca il suo mentre ci sediamo sul divano nel soggiorno dell'appartamento. "Io posso immaginare che sia stato un inferno per te, in quanto "giovane e attraente divorziata", risposi che la mia sincerità si manifestava nel mio tono. Abbasso lo sguardo sulle tette di Amber e sento un'agitazione nelle mie palle. I piccoli seni di Amber premono contro la camicetta di pizzo e riesco appena a vedere l'oscurità delle sue areole color cioccolato. I suoi capezzoli stanno facendo ammaccature smussate nel materiale. Se solo quella dannata camicetta non si fosse abbottonata fino al collo avrei avuto una magnifica vista della sua scollatura.

"John, non so come potrò mai ripagarti." Amber mi guarda, incrociando le gambe all'altezza del ginocchio. Sente il calore nella sua figa ed è felice di avere le mutandine. "Sei stato meraviglioso in tutto questo." Mi avvio verso Amber. Chiude gli occhi e un attimo dopo sente le mie labbra che toccano le sue dolcemente, teneramente. Un lieve gemito le uscì dal petto mentre la mia lingua giocava sulle sue labbra. "Amber, mi risulta che tu sia divorziata da tre anni. So anche che non hai un ragazzo." Ho sussurrato. La bacio di nuovo, posando il mio bicchierino di brandy sul pavimento senza staccare le labbra dalle sue. Il sangue le scorreva nelle vene. I suoi capezzoli divennero ancora più duri e più eretti mentre le mie labbra le sfioravano il collo e il lobo dell'orecchio. Le mani di Amber tremano e per poco non fa cadere il bicchiere. "Forse dovrei andarmene," disse. "No, devi restare." Le metto un braccio intorno alle spalle. Con la punta delle dita della mano destra le voltai il viso verso di me. "Devi restare".

Amber sente la sua forza di volontà sciogliersi. Il calore nella sua figa è così intenso che la spaventa. Prima che ci sedessimo le accarezzavo i seni e lei si era divertita. Ma ora viene sedotta da me invece di essere costretta a fare le cose. " Mi vuoi?" chiede, con gli occhi chiusi. "Sissss! Amber, ti voglio tanto bene!" Quando le mie labbra tornano sulle sue, Amber mi bacia con passione, rispondendo ora apertamente alla mia lussuria e alla sua. Mise la mano destra sulla mia coscia, la mano sinistra ancora aggrappata al bicchierino di brandy. La mia lingua si infila tra le sue labbra. Amber fece scivolare la lingua contro la mia deliziandosi del sapore della sua bocca. La sua clitoride avvampò furiosamente, facendo filtrare il succo di figa caldo e scivoloso sulle sue labbra della fica, preparandola per il mio cazzo lungo nove pollici. Quando metto di nuovo la mano sulla sua tetta, il corpo di Amber sussulta. È come se fosse stata scossa dall'elettricità. Le mie dita premono di nuovo teneramente sulla sua carne soda. Le accarezzo il capezzolo accarezzandolo attraverso la camicetta, facendo risaltare ancora di più il capezzolo.

Amber sente la lunga fila di bottoni sul davanti della camicetta che si sta slacciando. Le mie dita si muovono lentamente, abilmente, slacciandole una alla volta. Quando la sua camicetta è aperta appena sotto i suoi piccoli seni, mi sente fermo. All'inizio Amber è spaventata, pensando che seguirò le sue suppliche di smetterla. Poi sente le mie dita scivolare dentro la sua camicetta e rabbrividisce, baciandomi sulla bocca mentre cerco il suo capezzolo duro, formicolante, simile a un bocciolo. Amber sospira, spingendo la lingua nella mia bocca calda mentre la mia mano scivola dentro la sua camicetta. Sente le mie dita contro la sua carne elettrizzata alla ricerca del suo capezzolo. Quando mi sente pizzicare il suo capezzolo color ciliegia, Amber sussulta dalla testa ai piedi per il contatto. "John... John... John..." La parola sembra dire tutto quello che prova Amber. Le massaggio la piccola tetta, lavorando il capezzolo tra le mie dita e il pollice, facendo salire i suoi sensi mentre la sua fica diventa sempre più calda. Tra le labbra della sua fica, il clitoride di Amber sembra bruciare per l'anticipazione.

Mi stringe dolcemente la coscia, facendo scorrere le sue lunghe unghie dipinte sulla mia carne attraverso i pantaloni. Tolgo la mano da sotto la sua camicetta e faccio un rapido lavoro per slacciare il resto dei bottoni di Amber. Le apro la camicetta e fisso le tette esposte, le areole scure di lussuria, i capezzoli che bramano l'attenzione. " Oh Dio!" Amber sussulta, incapace di credere alla selvaggia lussuria che la sta attraversando. Audacemente, sorprendendosi, Amber allunga una mano tra le mie gambe. Trova il mio uccello e, come dicevano le voci, è enorme. Stringe la testa del cazzo tra i palmi, sentendolo pulsare, sentendo il calore del mio cazzo attraverso i pantaloni. Abbasso la faccia, baciando il collo di Amber mentre mi faccio strada verso le sue tette, lei appoggia la testa contro lo schienale del divano. Con le dita che giocavano lungo il mio cazzo, Amber non fece alcun movimento per abbassare la cerniera o tirarmi fuori il cazzo. Amber ci sta ripensando dopo aver sentito le dimensioni del mio cazzo.

Amber si contorce sul divano, aspettando la beatitudine della mia bocca affamata che divora il suo capezzolo ultra sensibile. "John...John...John..." Quando la mia bocca si spalanca e succhio gran parte del capezzolo eccitato e indurito dalla lussuria di Amber, tutti i suoi dubbi sono svaniti. Sapeva con chiarezza che doveva sentire il mio cazzo entrare nella sua fica e sfregare contro il suo clitoride infuocato e rovente. "Mmmmm!" Gemo, muovendo la lingua contro il suo capezzolo. Il bicchiere è caduto dalla mano di Amber mentre sente il formicolio del suo capezzolo che viene succhiato e leccato. Le sue tette, che sono più piccole di quelle di altre donne fin da quando era molto giovane, sono sempre state ignorate dagli uomini. Forse è per questo motivo che Amber si sta godendo le sue tette che ricevono un'attenzione così amorevole e vigorosa. "Prendimi, Giovanni!" sussurra, accarezzandomi i capelli mentre le succhio i capezzoli. "Voglio sentire il tuo cazzo dentro di me." Scivolo tra le sue gambe allargandole. Apro la cerniera dei pantaloni facendoli scorrere verso il basso liberando il mio grosso pitone, inizio a strofinare la punta del mio cazzo su e giù per la sua piccola fessura lubrificandola prima di posizionare la mia enorme testa all'apertura della sua figa. "No John... per favore." ma è troppo tardi comincio ad infilare la punta nella sua figa gocciolante e lei lo sente allungarsi intorno alla mia testa, comincio lentamente a riempirla.

"Oh cazzo! Sei così stretto!" La testa del mio cazzo è ora nel suo canale vaginale, il suo canale sente le dimensioni della paglia mentre il mio cazzo cerca di allungarla. Sono ancora dentro di lei permettendole di adattarsi alla mia taglia. "John, per favore! Sei troppo grande, ti sento che mi stai aprendo!" La ignoro di nuovo mentre tiro leggermente indietro il mio cazzo, poi senza preavviso la colpisco, squarciando il suo piccolo canale "OMG, per favore!" Lei urla mentre le lacrime le rigano le guance, io di nuovo la ignoro mentre comincio a muovere delicatamente i miei fianchi dentro e fuori fino a quando centimetro dopo centimetro sono sepolti dentro di lei fino in fondo. Amber sta provando un dolore lancinante, è appena sopportabile, si sta mordendo il labbro inferiore. Comincio un ritmo costante e gentile tenendole le gambe in aria per permettermi l'accesso completo alla sua figa violata con il mio enorme cazzo. Presto il dolore si trasforma in piacere mentre il suo corpo inizia a rispondere e lei sente un orgasmo crescere, inizia a muovere i fianchi assecondando le mie spinte permettendo un accesso più profondo al suo santuario interiore. "Oh tesoro, sei così stretto, è come una morsa sul mio cazzo!" "Oh John! Ti prego! Scopami più forte!" Lo stretto tunnel di Amber accarezza la mia asta, inguainando e sguainando ad ogni colpo.

Sto alesando la fica di Amber strofinandomi contro le labbra della sua fica, sentendo le mie palle sfregare contro le sue chiappe. "Sei bellissima" le sussurro all'orecchio. Amber mi accarezza la nuca mentre sente il suo frizzante clitoride che viene sfregato dalla superficie superiore del mio cazzo. Il mio cazzo l'ha attraversata, spingendosi più a fondo nella sua fica, nessun cazzo è mai stato così profondo. "Adoro il modo in cui mi fotti," sussurra Amber, contorcendo i fianchi in un movimento circolare per prendere il mio cazzo più in profondità nella sua fica da diverse angolazioni, non ha mai sperimentato diversi angoli di penetrazione le nuove sensazioni di attrito contro il suo rosso gonfio- il clitoride caldo è l'estasi. "Fottimi," mormora Amber, rastrellando le unghie sulle mie spalle nude mentre la impalo, sbattendo il mio cazzo enorme fino in fondo dentro di lei. Le cosce di Amber, avvolte in strette calze di seta nera, tremano mentre i miei fianchi sbattono forte contro di lei, spingendo il mio cazzo dentro di lei ancora e ancora. Sente le mie dita che premono sulla sua tetta. Le bacio forte le labbra quasi ammaccandole, infilando la mia lingua nella sua bocca, chiedendo che Amber risponda con desiderio a tutto ciò che le sto facendo.

Amber non ha mai conosciuto livelli di estasi così incredibili. Il cazzo lungo, spesso e duro che sfrega contro il suo clitoride gonfio. Sente la tensione alla bocca dello stomaco mentre il suo orgasmo sta crescendo. Mi succhia la lingua, contorcendosi in estasi sotto di me, i suoi fianchi ondeggiano da un lato all'altro mentre la mia asta continua a entrare e uscire a pistoni. "Dolce Amber," sibilo. Amber vede nei miei occhi come sto lottando contro il piacere che mi sta dando. Sapere che può eccitarmi l'ha deliziata. Un forte urlo di esultanza colse di sorpresa Amber, ci volle un momento prima che si rendesse conto che l'urlo era suo e il suo sperma stava uscendo dalla sua figa. "Cazzo meeeee!" geme impotente, persa nelle sensazioni straordinarie, accecanti e consumanti che stanno squarciando il suo corpo sinuoso. Il suo succo sgorga dalla sua dolce fica. Il suo clitoride è esploso, incapace di sopportare l'attrito liscio che il mio cazzo le sta dando più senza esplodere. Lei si contorce e trema, il suo corpo si contorce e si agita sotto di me mentre infilzo la sua fica surriscaldata con il mio cazzo lungo, spesso e potente. Amber apre la bocca per urlare di nuovo, ma si zittisce quando la mia bocca copre la sua e la mia lingua preme calda, avidamente contro la sua.

Mentre Amber sta scendendo dall'orgasmo, sente il pulsare della testa del mio cazzo contro la sua cervice. Mi alzo, tirando indietro tutto il mio cazzo dalla sua fica, poi speronandola di nuovo forte. Questa volta, quando le labbra della sua fica sono intorno alla base dell'asta del mio cazzo e la punta del mio cazzo è di nuovo contro la sua cervice, lei sente le mie palle sollevarsi tra le mie gambe mentre si sfregano contro le sue chiappe. Un fiume di sperma vomitato dalle mie palle, sgorgando come lava nella figa ricettiva di Amber. Tiro fuori il mio cazzo sussultante da lei finché solo la testa del cazzo è ancora dentro di lei, poi la guido di nuovo. Ancora una volta, quando il mio cazzo è completamente incastrato in lei, esplodo in una fontana di sperma caldo, denso e cremoso. "Dammi il tuo sperma," sibila Amber, le parole che escono soffocate e tese mentre sta lottando per l'ultimo orgasmo.

Sembra che il mio sperma stia bollendo dentro di lei. I fianchi di Amber ondeggiano, tenendo il piede destro sopra il divano, il piede sinistro sul pavimento per permettermi pieno accesso alla sua fica. Mentre venivo, le mie dita premevano in profondità nella sua tetta, facendole dei lividi. Non le importava. Ora che sente il mio lungo e spesso cazzo palpitante sputare getti caldi di sperma dentro di lei, è disposta a fare tutto ciò che voglio, darmi tutto ciò che desidero. "Ohhhhh!" sospiro. Mentre il suono che rimbomba dal mio petto si spegne, il climax cessa. Amber mi tiene vicino, sente il mio cuore che batte forte vicino al suo, sente il mio cazzo pulsare dentro di lei. "Sei meravigliosa," sussurra teneramente Amber, il suo corpo formicolante per i postumi della magnifica scopata che aveva mai sperimentato. "Non avrei mai pensato che un uomo potesse farmi sentire così completa, così sessualmente soddisfatta." Le bacio dolcemente la guancia.

Con gli occhi chiusi Amber chiede: "Cosa vuoi fare? Voglio farti piacere più di quanto abbia mai fatto qualsiasi donna". Questo mi spinge oltre il limite mentre la sbattevo contro di lei un'ultima volta, rimanendo ferma mentre lei sente il mio grosso membro pulsare dentro di lei di nuovo riempiendola. Questa sensazione la spinge oltre il limite, facendola precipitare di nuovo in un altro orgasmo sconvolgente mentre urla il mio nome. Entrambi giacevamo qui in silenzio coperti da una patina di sudore.

Storie simili

Scuola estiva parte 8

Parte 8 - Cindy e Daryl Progress Cindy stava quasi tremando che era così entusiasta di raccontare a Daryl della sua conversazione con sua madre. Merda, ora stava prendendo la pillola! L'appuntamento dal suo dottore consisteva in una rapida occhiata e sensazione delle sue tette e della sua vagina e lei stava prendendo la pillola! Ora sarebbe stata al sicuro dalla gravidanza e Daryl avrebbe potuto girare le sue cose ovunque volesse. Sarebbe davvero felice. Daryl nel frattempo era altrettanto eccitato. Anche se provava un imbarazzo persistente da parte di sua madre che lo vedeva sborrare, specialmente sulla sua stessa faccia...

802 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

362 I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

322 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

329 I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 17

Ho deciso di scrivere il resto della mia storia, ma tieni presente che la mia storia non riguarda solo il sesso dicendo che questa parte contiene sesso e tra la persona che ha scritto quel commento dicendo che mi impersona e harvey quando si masturba il tuo schifo! Quando io e Harvey ci siamo trovati di fronte alla classe, abbiamo ascoltato per circa 20 minuti, poi Harvey ha picchiettato sulla sua scrivania per attirare la mia attenzione. l'ho guardato e lui si stava massaggiando i jeans ho allungato la testa e ho sussurrato hai bisogno di aiuto con quello? harvey ha...

221 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

1.2K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

1.2K I più visti

Likes 0

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

943 I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

992 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.