Ballo lento_(0)

78Report
Ballo lento_(0)

Una volta nella vita, ti imbatti in un partner molto potente e forte, uno che
può spazzarti via in un batter d'occhio... uno che promette di essere il massimo
amante memorabile che tu abbia mai avuto. Molte persone cercano invano di trovare un tale
amore - il mio è entrato nel mio ufficio un giorno.

Ero seduto alla mia scrivania, lavorando sodo... e mi è capitato di alzare lo sguardo per vedere il
l'uomo dei miei sogni che aspetta fuori dall'ufficio del mio capo. L'aura di potere che
irradiato da quest'uomo è stato sufficiente per farmi smettere di lavorare sull'urgenza
progetto in cui mi ero seppellito e guarda in alto. Sono stato premiato con un 6' di altezza,
capelli scuri, occhi scuri, visione barbuta. Con una voce calda, bassa, ben modulata,
mi ha chiesto dove fosse il mio capo... e si è presentato a me come da cui provengo
il nostro ufficio aziendale, qui per un incontro speciale. Sono rimasto senza parole,
ma sono riuscito a chiamare il mio capo. Mi sono sforzato di tornare al mio progetto, da
la mia mente era piena di immagini di questo uomo forte e sorprendente che correva la sua
mani su di me.. baciandomi ovunque.. facendomi urlare per il rilascio.

Il mio capo è apparso e i due sono scomparsi. Dai livelli di tensione, potrei
dire che questo non è stato un incontro normale. Dopo circa un'ora, i due sono emersi
dietro porte chiuse. Ho cercato di sorridere dolcemente mentre la mia vista passava vicino alla mia scrivania,
ma era assorto nella sua conversazione e non sapeva nemmeno che esistessi. Il mio
il cuore sprofondava, perché la forza della presenza di quest'uomo era incredibile.

Sono rimasto sbalordito circa mezz'ora dopo che hanno lasciato il loro ufficio da una convocazione a
riferire in sala conferenze. Non avendo la minima idea di cosa sarebbe successo, I
siamo andati nervosamente nella nostra tranquilla sala di presentazione dei clienti con pannelli di quercia. All'una
Alla fine, con i fogli ordinatamente impilati sedeva questo meraviglioso sogno di un uomo. La stanza
taceva ed eravamo soli. Potevo sentire il battito del mio cuore. Lui
si presentò una seconda volta e mi informò che si trattava di un sigillo
incontro e che era lì per indagare su un'accusa di molestie sessuali. io
mi è stato detto di sedermi, mettermi a mio agio e messo sotto giuramento! Il
domande si sono rivelate quasi banali, per alcune abbastanza banali
incidente a cui avevo assistito il mese precedente. Per tutto il tempo ha interrogato
me, la sua voce era bassa, lenta e deliberata. Sorrideva senza impegno
più volte in risposta alle mie risposte misurate. Come ha portato il
alla fine della deposizione, posò la matita, tenne il mio sguardo con il suo, e
fatto un paio di domande personali. Con un sorriso tranquillo, mi ha ringraziato per
i miei sforzi, e mi ha rimandato sulla mia strada, dopo avermi avvertito di non parlare
a nessuno di quello che era successo quel pomeriggio. Triste, gli ho sorriso,
e lo ringraziò.

"Angie, qual è il tuo programma per le prossime due ore?" chiese
tranquillamente.

"Il solito. Perché, signore?"

"Ho la sensazione che tu abbia più informazioni per me, ma non ti senti libero
per dirmelo qui. Questo è un problema serio e ho bisogno di sentire tutto
devi dirmelo. Ti unisci a me a pranzo e possiamo parlare di più
in modo informale?"

"Y-y-sì, signore. Posso farlo."

"Bene. Mi piacerebbe molto. Per favore, non tornare alla tua scrivania. Questo
è un'indagine molto tranquilla e non voglio destare sospetti
tra il personale. Il tuo capo sa che sei con me".

"Grazie Signore."

Ho permesso a questa meravigliosa creatura di accompagnarmi fuori dall'edificio e dentro
la sua auto a noleggio. Siamo andati in un bel ristorante e ci ha fatto accomodare
il dorso, in penombra, lontano da chiunque voglia origliare.
Il suo interrogatorio è ricominciato, ma su una nota più personale mentre esaminavamo il
menù e pranzo ordinato. Mi sono sentito attratto dal suo incantesimo, bramoso
più della sua compagnia. Abbiamo chiacchierato durante il pasto - nemmeno della compagnia,
ma piacevole, educato conversazione l'uno dell'altro. I suoi sorrisi sono diventati di più
frequente, e mi sono rilassato ancora di più. Troppo presto, il pasto era finito e noi
erano di nuovo in macchina durante il tragitto. Ho avuto difficoltà a reprimere un sorriso,
e arrossii nel notare quanto fossi bagnata. Avevo appena trascorso un'ora con uno di
gli uomini più deliziosi che avessi mai incontrato. Mi ha sbalordito chiedendomi se lui
potrebbe venirmi a prendere per cena. Chi potrebbe resistere?

Sono riuscito a superare la giornata e ad arrivare a casa in tempo per prepararmi per il
serata. Qualcosa mi ha detto di vestirmi molto bene e di indossare il nuovo pizzo
biancheria intima che era nascosta nel cassetto. Quando ero pronto, lui lo era
bussare alla mia porta. Tremando leggermente, ho aperto la porta al suo caldo
Sorridi. Era sicuramente diverso lontano dal lavoro! La cena, sebbene memorabile,
era finita troppo presto.

"Amgie, ho ancora un paio di domande per te, ma ho lasciato i moduli
di nuovo nella mia suite. Ti dispiacerebbe accompagnarmi?"

Ho sorriso in risposta. Non volevo ancora essere portato a casa - quest'uomo lo era
intossicante! Quindi, sono andato con lui.

La sua suite era elegante e spaziosa. Mi ha fatto accomodare nella sua seduta
stanza, e mi servì un bicchiere di vino mentre lui andava in camera da letto e prendeva
le sue carte. Quando è tornato, si era tolto la giacca, la cravatta e le scarpe
indossava tutto il giorno. Seduto vicino a me, si versò dell'Amaretto,
e piano piano riprese a parlare. Tutto quello che sapevo era che volevo molto quest'uomo,
e ho avuto la sensazione che fosse piuttosto interessato a me dalle domande che aveva
stava chiedendo e il suo linguaggio del corpo. Non ha cercato di toccarmi... ma lo era
sentendomi fuori lo stesso.

"Sei abbastanza a tuo agio con me, Angie?"

"Ebbene, sì, signore. Mi sono divertita moltissimo questa serata."

"Ti trovo molto stimolante e vorrei conoscerti meglio. Fallo
hai problemi con quello?"

"Niente affatto, signore."

"Allora, per favore, mettiti comodo." Il suo modo di fare cambiò leggermente da
freddo e formale a caldo e premuroso. Mentre mi alzavo per togliermi la giacca
e tolto le mie scarpe, si fermò anche lui, avvicinandosi, finché non mise le braccia
intorno a me da dietro in un enorme abbraccio d'orso. "Questo lavoro può essere un inferno. Tutti
ti odia per il lavoro che devi fare, e dopo pochi ti rispettano..." lui
si lamentò tranquillamente. Mi sono girata verso di lui e ho lasciato che l'abbraccio continuasse...
lasciami trascinare nel suo caldo abbraccio. Rimanemmo in piedi, rinchiusi in un profondo, caldo
abbraccio per diversi minuti meravigliosi. Senza un'altra parola, gliel'ho permesso
sbottona la camicetta e toglila, poi la gonna. Ero davanti a lui nel mio
canotta in raso e pizzo, pantaloni tap, reggicalze e calze.

"Sei molto adorabile, Angie.. dentro e fuori."

"Grazie Signore."

"Stai bene con me, Angie?"

"Certo, signore. Oggi mi sono divertito molto."

"Meraviglioso. Ora... che ne dici se stai qui davanti a me e mi mostri il
resto del tuo fascino..." disse piano, ma con fermezza mentre sedeva sul divano,
sorseggiando il suo Amaretto. Un po' nervosamente, ho cominciato a spogliarmi per lui... prima
una calza... poi l'altra, drappeggiandole intorno al collo giocosamente. Il
la canotta è arrivata dopo. Ho sollevato lentamente il bordo inferiore in modo scherzoso.. lasciandolo
passa il mouse appena sotto i miei 38C. L'ho tirato su centimetro per centimetro, rivelando la mia impresa,
tette bianche ricoperte da grandi capezzoli scuri. Ho visto la sua gioia lampeggiare
sul viso e rimuovere rapidamente l'ultima parte della canotta. mi sono allungato
davanti a lui, lasciando che le mie tette lo stuzzicassero.

"Adorabile, Angie... per favore continua..."

Sorrisi mentre agganciavo i pollici ai pantaloni da tip tap, gli voltavo le spalle, piegandomi
sopra e li tirò giù lentamente. Ho sentito il suo sussulto soffocato mentre mi voltavo
a lui e si rese conto che ero completamente rasato. Far cadere i pantaloni del rubinetto sul mio
mucchio di vestiti, mi allungai dietro di me e sganciai il reggicalze, finalmente
in piedi davanti a lui completamente nudo.

Si alzò dal divano e mentre lui mi baciò appassionatamente sulla bocca
prese una tetta con la mano. Prendendomi per mano, mi condusse in camera da letto,
tolse le coperte e appoggiò un cuscino sul letto.

"Per favore, sdraiati sul cuscino, Angie." In silenzio, ho seguito le sue istruzioni,
mettendo il mio culo sul bordo del cuscino. Giaccio in silenzio con le gambe chiuse,
respirando dolcemente. "Sei sempre così collaborativa, Angie?" ha chiesto con a
Sorridi.

"Hmmm.. sì, signore."

"Meraviglioso. Penso che ci divertiremo molto, piccola." Lui tranquillamente
si tolse le vesti e si sdraiò accanto a me. Cominciarono ad avere mani calde e morbide
esplora con leggerezza.. in modo stuzzicante. Ero già così accaldato e agitato, gemevo
dolcemente mentre mi accarezzava dappertutto. Si chinò e prese una tetta nella sua
bocca, stuzzicando il capezzolo mentre pizzicava leggermente l'altro con la destra
mano. Inarcai la schiena e gemetti di nuovo... bramando di più il suo tocco, amando
il modo in cui giocava con le mie tette. Le mie gambe si sono sfaldate da sole,
invitando l'intruso ad esplorare i miei passaggi più profondi e umidi.

Si è preso il suo tempo per esplorare - baciando e mordicchiando ogni centimetro sembrava,
giocando per sempre con le mie tette fino a quando non volevo prendere la sua bocca e forzarla
per vagare per la mia fessura calda. Mi sono ritrovato a dimenarmi sotto le sue carezze, bisognoso
la sua calda lingua sonda sul mio clitoride gonfio. Invece di soddisfare la mia fame,
mi ha tenuto le gambe divaricate e ha iniziato a baciare su e giù per l'interno coscia..
avvicinandomi al mio centro caldo, ma senza toccarlo, facendomi impazzire
attesa e desiderio.

Chiusi gli occhi e desiderai che la fame si placasse quel tanto che bastava per me
mantieni la mia sanità mentale. Sono stato ricompensato dal tocco freddo del ghiaccio sul mio clitoride caldo,
seguita da una lenta esplorazione con i resti del cubo che si scioglie
la mia fessura bagnata e fumante. Allora ha tracciato la mia crepa fino al culo
è tornato avanti, rallentando inserendo il ghiaccio nella mia figa e scopandomi
con esso, poi tornando a stuzzicare il mio clitoride. gemevo più forte di gioia,
amando le sensazioni del cubetto di ghiaccio che si scioglie e dell'acqua che gocciola sul mio
figa. Chinandosi, bevve avidamente il liquido, leccando avidamente,
assicurandosi che abbia alzato tutte le gocce d'acqua. Tenendomi largo, mi seguì
il mio crack torna al mio culo, leccandomi per bene, poi torna nella mia figa. Usando
le sue mani per tenere le mie labbra distanti, si tuffò nella mia figa, bevendo e
leccare fino a quando tutte le tracce dell'acqua di fusione non sono sparite.

Appoggiando il pollice di una mano sul mio clitoride, iniziò una lenta e metodica indagine
delle pieghe delle mie labbra esterne.. stringendo dolcemente, osservando il piacere
la mia faccia. Tenendo le mie labbra divaricate, fece rotolare il mio clitoride tra le sue dita,
tirandolo delicatamente, poi chinandosi e succhiandolo in bocca. Lui
mordicchiai leggermente, poi tornai a succhiarlo e a leccarlo finché non fui molto
vicino all'orgasmo. Quando mi ha sentito teso, si è fermato e ha iniziato a sondare
la mia figa con le sue dita, inserendone una lentamente e profondamente, poi accarezzandola
dolcemente dentro e fuori. Piegando quel dito esploratore, accarezzò il tetto del mio
figa, mandando il mio punto G in spasmi tremanti con la giusta quantità
di pressione. All'unico dito esploratore si unì presto un secondo... carezza
dentro e fuori mentre mi stuzzicava il clitoride.

"Vorresti liberarti, piccola?"

"Hmmm.... significato??

"Ti piacerebbe poter raggiungere quell'orgasmo che sta preparando?"

"Oh, sì, signore!"

"Bene.. tutto quello che devi fare è chiedere la prossima volta." Con ciò, ha aumentato il suo
succhiare e accarezzare fino a quando non sono stato distrutto da un enorme orgasmo urlante. Lui
l'ho persuaso e preso in giro finché non ho tremato e tremante con la forza di
le onde che escono dalla mia figa. Rallentava i colpi, di tanto in tanto
facendo scorrere un dito sul mio clitoride, guardandomi saltare con un allegro scintillio
il suo occhio. Lasciandomi rilassare solo per un momento, poi mi ha fatto girare sul mio
pancia, culo in aria. Stuzzicare la mia fessura gonfia con la testa della sua
cazzo, l'ha speronato tutto in una volta, seppellendolo fino alle palle nel mio
pieghe calde e bagnate. Accarezzandomi furiosamente, mi ha speronato il suo cazzo duro come una roccia,
riempiendomi di quella carne meravigliosa, tenendomi sui fianchi e scopandomi
per quanto valeva. Il suo orgasmo era veloce, sparando un carico dopo l'altro
sperma caldo e appiccicoso in profondità nella mia figa. Trascorso, è crollato su di me,
ansante, felice.

"Angie, sei stata eccellente. Mi piacerebbe rifarlo domani sera...
Ti piacerebbe forse giocare ed esplorare un po' di più?"

Ho sorriso in risposta.. come potevo rifiutare??

Storie simili

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

503 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

461 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

534 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

520 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

496 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

431 I più visti

Likes 0

Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per...

552 I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

414 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

371 I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

174 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.