Allevamento interspecie

212Report
Allevamento interspecie

Questa storia non è basata su alcun evento o persona reale. Tutti i personaggi e tutte le parti della storia sono completamente immaginari. Discrezionalità spettatore è consigliato.



"Huff, huff, a~ah..." Una voce maschile proveniva dalla porta di una camera da letto incrinata. “Ngh, eh, eh, eh...”
La voce maschile grugniva, sbuffava, si sforzava anche un po'. A parte la sua voce, c'era solo silenzio. Sembrava essere metà mattina, con la luce del sole che entrava dal lato orientale della casa in stile ranch. La camera da letto era sul lato orientale e un raggio di sole faceva capolino dalla porta della camera che era rimasta socchiusa. Nel corridoio davanti alla porta giaceva il cane di famiglia Duke, un pastore tedesco di razza nera, grosso e solido.
All'interno della camera da letto, un uomo sulla trentina con i capelli nerissimi era sdraiato sopra il suo partner. Aveva i capelli nerissimi e il sudore gli brillava sulle spalle. Era completamente nudo, così come il suo compagno. Sotto di lui, la piccola femmina aveva le gambe avvolte intorno alla sua vita mentre lui martellava dentro di lei.

“Oh, Dio, Jenna! Ti amo tanto!" pianse in estasi mentre sbatteva contro Jenna. Non emetteva alcun suono, a parte qualche grugnito occasionale o gemito forzato. Sembrava non accorgersi o preoccuparsi del fatto che la povera ragazza stesse completamente fingendo la sua estasi. La tenne in una posizione missionaria, le sue gambe intorno alla sua vita e le sue cosce piegate sotto la parte superiore delle sue gambe, sostenendo la parte inferiore del suo corpo mentre la scopava. Spinse dentro e fuori di lei, il suo pene lubrificato da una miscela dei loro succhi. Gli unici suoni nella stanza erano i suoi grugniti e il suo pene che scivolava dentro e fuori di lei, le sue palle che sbattevano contro il suo culo mentre la scopava.
“Sto per venire, Jenna! Verrò!" gridò mentre la raccoglieva tra le sue braccia e si piegava all'indietro, tirandola in grembo. I suoi capelli erano lunghi, facilmente lunghi fino alla vita, e del colore di una giornata autunnale. Era di un bel colore dorato, con striature rosse e biondo più chiaro. Le intrecciò le mani tra i capelli, gemendoci il suo nome. Fu in quel momento che il suo pene esplose, mandando flussi del suo sperma caldo nella sua figa malconcia. Rallentò i suoi movimenti fino a diventare una leggera macinazione, tentando di mungere fino all'ultima goccia del suo seme in lei.
Jenna non aveva pronunciato una parola, ma teneva le braccia e le gambe avvolte intorno a lui, accarezzandogli i capelli e toccandogli i muscoli con le sue dita sottili. “Ti è piaciuto, Mark? Ti piace riempire la mia figa?" L'uomo che lei chiamava Mark si limitò ad annuire tra i suoi capelli, ansimando un po' mentre il battito del suo cuore rallentava.
“Devo prepararmi per il lavoro. Mi sei divertito stamattina". Mark si appoggiò allo schienale e la baciò, poi tirò fuori il suo pene ora ammorbidito dalla sua figa, un sottile filo di sperma che attaccava la testa del suo pene al suo buco della figa imbevuta.

Quando Mark lasciò la stanza per raccogliere i suoi vestiti per una doccia, Jenna rimase sdraiata lì, a guardare fuori dalla finestra di fronte al loro letto. A quest'uomo non importava niente del suo piacere, solo del suo. Erano sposati da meno di un anno, ed era un'idea della sua famiglia, non sua né sua. Ovviamente, non gli importava in un modo o nell'altro finché faceva il suo sesso mattutino. Lui ha lavorato da mezzogiorno fino a tarda notte, e lei ha lavorato fino a tarda notte fino al mattino. Di solito, dopo il sesso, si addormentava immediatamente per poter essere sveglia più tardi quella sera per andare al lavoro. Invece, questa mattina, si è seduta sul letto e ha guardato la porta della camera da letto. Il suo amato Duca aveva fatto capolino nella camera da letto e la stava guardando intensamente, la testa inclinata un po' di lato.

«Be', buongiorno, ragazzo Dukey. Non ti ho visto lì. Il cane si avvicinò al letto e leccò la mano di Jenna. Sorrise e si alzò dal letto, prendendo i fazzoletti dal comodino per raccogliere la massa di sperma che Mark aveva lasciato sul letto. Quando si alzò in piedi, Duke annusò la sua figa bagnata ancora fradicia, poi si leccò le labbra. Gli diede di nuovo una pacca sulla testa e gettò i fazzoletti, poi si infilò un paio di mutandine, un paio di pantaloncini corti e una maglietta. Andò alla porta del bagno e bussò con le nocche prima di gridare: "Vado in garage a fare dei lavori in giardino". Mark non rispose, ma lei lo sentì cantare sotto la doccia, quindi capì che non aveva importanza. Guardò l'orologio digitale sul tavolo e vide che segnava le 11:45. Mark sarebbe in ritardo se non si sbrigasse.

"Vuoi andare, Duca?" chiese Jenna al suo cane mentre lasciava la camera da letto, infilando i piedi nelle pantofole che erano nel corridoio. Il cane la seguì felice. La donna si fece strada lungo il corridoio ed entrò in cucina. Afferrò un biscotto per cani da un piatto di caramelle che si trovava vicino al lavandino e lo lanciò al suo amico canino, quindi uscì attraverso la porta a zanzariera accanto al frigorifero che conduceva dietro la casa al garage indipendente. Duke lo seguì, leccandosi esageratamente le mascelle dopo aver sgranocchiato il dolcetto.

Era una tiepida mattina di primavera e Jenna annusava profondamente l'aria mentre passeggiava tranquillamente verso il garage. Sapeva che era ora di iniziare a piantare le sue piantine perché non ci sarebbe stato più il gelo. Nella sua testa vedeva dove avrebbe piantato i suoi fiori. Mentre apriva la porta laterale del garage, Duke le infilava il naso tra le gambe, annusando profondamente la sua figa. Squittì e ridacchiò. “Ehi, adesso! Cosa pensi di fare, eh?" Duke la guardò e si leccò di nuovo le labbra. Alzò gli occhi al cielo ed entrò nel garage, accendendo le luci.

Nessuno dei due ha parcheggiato i propri veicoli nel garage poiché lei lo usava come area di giardinaggio durante l'inverno. Ora che era arrivata la primavera, aveva indurito le sue piante spostandole tutte all'aperto durante la notte, il che lasciava il garage quasi vuoto. Oggi ha deciso che avrebbe spostato le ultime piante all'aperto e avrebbe iniziato a scavare buche per piantarle. Jenna si voltò e guardò Duke. Era ancora dietro di lei, ad annusare la sua figa. Le leccò la parte posteriore della gamba.

"Che cos'è?" notò che la sua lingua era divertente lì. Lo ha fatto di nuovo. "Chiamami pazzo, ma penso che mi stai facendo sapere che sapevi che non mi sono divertito stamattina."

Duke la guardò semplicemente con i suoi grandi occhi marroni. Era un cane, non sapeva cosa stesse dicendo. Gli diede di nuovo una pacca sulla testa.

«Sai, nessuno può sentirmi qui dentro, e se valuto bene, Mark è già andato al lavoro. Immagino che se mio marito non lo farà, mi farò solo raggiungere l'orgasmo. Vuoi guardare, ragazzo?" Stava scherzando a metà, ma Duke continuava a fissarla.

Jenna si avvicinò a uno scaffale dove teneva trapunte e coperte e ne tirò giù due che sembravano pulite. Li scosse e poi iniziò a stenderli sul pavimento. Prese anche un vecchio cuscino e lo scosse e lo sbatté un po' per togliere la polvere, poi lo adagiò sopra le trapunte. Si tolse i pantaloncini e la maglietta e rimase lì solo in mutandine. Controllò che tutte le porte fossero chiuse e che le tende della piccola finestra fossero tirate, poi si sedette sulle coperte. Si sdraiò con la testa sul cuscino e sospirò. Non era eccitata ma pensava di potersi fare da sola.

Ha iniziato a coppare i suoi seni e trovare i suoi capezzoli. Chiuse gli occhi e iniziò a immaginare che una celebrità superstar fosse quella che lo faceva. Sorrise, pizzicandosi i capezzoli tra le dita, pizzicandoli, accarezzandoli. Per un momento desiderò che i suoi seni fossero abbastanza grandi da potersi succhiare i capezzoli. Aprì le gambe e con una mano ancora sul seno, usò la mano destra per iniziare ad accarezzarsi la figa bagnata. Ha emesso un debole sussulto mentre si accarezzava, fingendo che la sua celebrità superstar lo stesse facendo per lei.

Duke si sedette accanto a lei, guardandola. Cosa stava facendo il suo umano? Non l'aveva vista fare questo prima, ma stava emettendo i suoni che riconosceva da dietro le porte chiuse. Quindi deve averlo fatto ogni mattina! Dopo che l'umano maschio l'ha colpita e se n'è andato, ha sempre fatto questi rumori prima di dormire. Duke si leccò le labbra lentamente e la annusò, soffiandole il respiro in faccia. Questo la distolse dalla sua immaginazione.

“Oh, dimenticavo che eri lì, ragazzo! Non ero serio quando ti ho chiesto se volevi guardare!” Jenna rise di lui, poi chiuse di nuovo gli occhi. Cominciò a strofinarsi il clitoride con le dita, gemendo piano sottovoce, fingendo che ora fosse la lingua calda e bagnata di qualcuno. “Oh, sì, proprio lì. Vorrei che me lo mettessi dentro".

Duke si avvicinò per sedersi davanti alle sue gambe aperte e si chinò per annusare. Lei non se ne accorse, quindi continuò ad annusare. Aveva un odore piuttosto allettante, i succhi del suo umano. Continuò ad annusare, senza nemmeno rendersi conto che il suo grosso membro da cagnolino stava iniziando a diventare duro e stava lentamente iniziando a scivolare fuori dalla sua guaina sfocata.

Jenna non lo notò. "Oh, sì, proprio lì.. leccami proprio lì!" stava ancora immaginando che la sua celebrità le stesse leccando la vagina. Duke sembrava pensare che stesse parlando con lui, e così strofinò il naso più vicino alla sua figa, e la sua lingua scivolò lentamente dalle sue labbra e le toccò leggermente la mano. Gli occhi di Jenna si aprirono di scatto e si alzò di scatto, fissando tra le gambe. La lingua di Duke le stava accarezzando lentamente la mano mentre si toccava le dita.

“Mio Dio, Duca! Cosa fai?" Duke non si mosse nemmeno. I suoi sensi stavano prendendo il sopravvento e il profumo aromatico che filtrava dalla sua figa bagnata lo stava eccitando. Tremò appena un po' e mosse la mano. Che cosa tabù, vedere il suo animaletto che la lecca. Ma non ha nemmeno provato a fermarlo. Invece, ha aperto le cosce e con le dita ha aperto le labbra della figa.

Duke ha subito preso il sopravvento e le ha infilato la lingua calda e bagnata da pecorina nella sua figa. Urlò in estasi, questa sensazione che non aveva mai provato una volta. Il suo cane leccava avidamente il buco della figa, il clitoride. La sua lingua era calda e viscida, e scivolava con movimenti veloci e veloci su tutti i suoi morsi femminili sensibili.

"Oh, oh, Duke, oh mio Dio, sì!" si sdraiò sul cuscino e si sollevò, il battito cardiaco accelerato mentre il suo cane la leccava. Anche Duke stava piagnucolando, e lei non sapeva perché. Non aveva ancora notato la sua enorme erezione sospesa tra le sue gambe.

Jenna si alzò, con suo grande sgomento. "Non preoccuparti ragazzo, mi sto solo voltando." Si è girata in modo da dargli le spalle e ha messo il culo in aria. Si sdraiò sul cuscino, tenendo il culo all'insù. Aprì le gambe spalancate. “Leccami, Duca! Leccami più forte!”

Il cane obbligato, ora con un accesso più facile. Poteva stare in piedi ora, e ha spinto il suo muso quasi nella sua figa. La sua lunga lingua affondò nelle sue pieghe rosa, e riuscì a infilarsela dentro. Gridò mentre la sua lingua si muoveva dentro di lei. Ora le stava accarezzando le viscere, la sua lunga lingua sempre più profonda dentro di lei con ogni movimento di lappatura.

"Dio mio! Sto per venire! Il mio cane mi sta facendo venire! Urlò, afferrando il cuscino mentre raggiungeva l'orgasmo. Il succo della sua figa è uscito fuori dalla sua figa, il suo cane la lambisce avidamente, succhiandola fuori dal suo buco e ingoiandola. Le leccò le cosce, il tumulo, iniziò persino a leccarle il buco del culo. "Sì! Sì, oh! Gemeva nel cuscino, ansante e tremante.

Duke si rese allora conto di quanto fosse eretto e il suo istinto entrò in gioco. Stava per allevare il suo umano ora! Duke si fermò bruscamente e prima che Jenna potesse reagire, l'aveva montata. Avvolse le braccia anteriori intorno alla sua cassa toracica, sotto i suoi seni, e iniziò a gobbarla.

"Che cosa? Cosa stai facendo? Oh no, oh no! No, Duca!» Jenna ha iniziato a provare a dimenarsi, ma il suo cane pesava quasi 160 libbre, che era facilmente 40 libbre o giù di lì più pesante di lei. Il suo peso corporeo era pesante su di lei e la teneva ferma. Sentì la sua enorme erezione spingersi contro la sua coscia mentre cercava l'apertura della sua figa. Jenna era sotto shock e stava cercando di allontanarsi da lui, ma il suo peso era semplicemente troppo. Nel giro di pochi secondi che le sembravano ore, il pene caldo di Duke aveva trovato il segno.

"No! No! Non lì, Duca!» Duke non le obbediva più. Lui era il maschio alfa e lei era la sua cagna. Lui le ha penetrato il buco della figa con la sua calda erezione viscida, e l'ha spinto dentro di lei. Gridò di dolore, poiché il suo pene era facilmente più largo e più lungo di quello di suo marito. Duke si è spinto dentro di lei fino a quando la testa del suo pene non ha trovato il suo grembo, e poi ha iniziato a riprodursi con lei.

Jenna si lamentava ma gli diceva ripetutamente di smetterla, ma lui non ascoltava. Cominciò a saltellare selvaggiamente, spingendosi dentro e fuori di lei, più velocemente e più duramente di quanto suo marito avesse mai fatto. Le stava facendo del male, ma era anche così bello. Stava piagnucolando mentre si accoppiava con lei, il suo unico istinto ora era quello di riprodurla, metterla incinta, riempirle la pancia di cuccioli. Anche se era un cane, una vagina era una vagina, che appartenesse a un altro cane o al suo essere umano.

"Oh mio Dio, sono stato violentato dal mio cane!" Jenna stava gemendo e piangendo ora. Non poteva allontanarsi da lui, ma era così bello che lui la scopasse. Poteva sentire le vene del suo pene pulsare contro le sue pareti, il suo cuore batteva forte.

Fu allora che Duke decise che era ora di assicurarsi la sua gravidanza. Fino ad ora, il suo nodo era stato sgonfiato. Ora, quando l'istinto ha preso il sopravvento completamente, ha iniziato a gonfiarsi e lui ha iniziato a provare attivamente a spingerlo all'interno della sua vagina. Se ne rese conto immediatamente, quando sentì il grumo bulboso iniziare a provare a infilarsi nella sua figa stretta. Morse il cuscino mentre il nodo di Duke si faceva strada gradualmente dentro di lei. Il cane stava saltellando quasi violentemente, piagnucolando mentre cercava di infilarglielo dentro. Gli ci sono voluti diversi tentativi spastici prima che alla fine lo spingesse dentro, con un morbido suono "pop". Jenna gridò di dolore; il suo nodo era molto più largo del suo pene, e ora era completamente dentro di lei e ancora si gonfiava. Duke stava ancora saltando, il che stava facendo sì che ora cercasse di uscire da lei, ma ora era almeno il doppio delle dimensioni del suo pene.
"Duke, Duke..." Jenna continuava a piagnucolare il suo nome mentre lui la violentava. Il cane urlò all'improvviso, un ululato di pura estasi quando la bestia raggiunse l'orgasmo. La punta del suo pene fu premuta ferocemente contro il grembo del suo essere umano, e il buco esplose in spasmi quando iniziò a spruzzare il suo denso sperma di cagnolino tutto dentro di lei. L'istinto gli diceva che la stava mettendo incinta, ma il suo corpo stava solo avendo un orgasmo intenso.

Jenna urlò di piacere alla sensazione della crema calda del suo cane che si riversava nel suo corpo. «Merda, duca! Riesco a sentirti riversare nella mia pancia! È così caldo e denso!” Si contorceva in un'estasi che non aveva mai provato prima. Duke stava ancora muovendo i fianchi, spruzzandole la sua crema ora in quantità minori. Stava piagnucolando di piacere ora, sapendo di aver allevato con successo la sua cagna. Il suo corpo cedette e le cadde addosso, respirando affannosamente. Il suo nodo era ancora sepolto nel profondo di lei, e la sua crema appiccicosa le aveva riempito l'intero tunnel e la pancia.

Jenna respirò pesantemente, non volendo muoversi. Gemeva e si contorceva, ansimando mentre la sua mente correva. “Sono stato appena violentato dal mio cane. Oh, Dio, sono stato appena violentato dal mio cane! Un cane! Un animale!" la sua testa stava nuotando.

Improvvisamente, dopo quelle che sembravano ore ma erano solo minuti, Duke strappò il suo nodo leggermente sgonfio dal suo umano. Gridò per il dolore sorpreso e il suo ventre e la sua vagina iniziarono immediatamente a convulsioni. Il suo corpo stava spingendo con la forza lo sperma non umano invasivo fuori dalla sua pancia. Si girò e si sedette sul sedere, guardando la crema densa fuoriuscire dalla sua vagina.

"Oh. Non posso credere di aver appena scopato il mio cane. Guardò Duke che era sinceramente soddisfatto di se stesso. Stava leccando il suo membro usato, succhiando da sé il sapore del suo essere umano.

“Per quanto orribile fosse, Duke, è stato il miglior orgasmo che abbia mai avuto in vita mia. Spero che potremo farlo di nuovo, ragazzo Dukey. Si sdraiò sulla schiena e il suo cane venne e si sdraiò accanto a lei, la testa sul suo petto.

Storie simili

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

503 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

495 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

461 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

534 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

520 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

431 I più visti

Likes 0

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

202 I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

173 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

177 I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

153 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.