Vittoria_(0)

253Report
Vittoria_(0)

"Niente fa schifo peggio di un nuovo dottore," pensò Victoria mentre entrava nello studio del dottore. Si era trasferita di recente in una nuova città e una settimana dopo aveva finito il controllo delle nascite, il che significava un nuovo dottore in una nuova città. Victoria fece un respiro profondo e si avvicinò alla finestra nella stanza dove sedeva la receptionist. Scrisse il suo nome e l'orario dell'appuntamento fissato sul foglio in vetrina. L'addetto alla reception le diede la solita tonnellata di documenti da compilare mentre aspettava di essere visitata dal medico. Victoria compilò rapidamente i documenti e li restituì all'infermiera che le disse di mettersi comoda e che il medico avrebbe potuto vederla a breve.

Victoria esaminò a lungo la stanza in cui si trovava. Era di un colore marrone alla moda e aveva radi ornamenti bianchi e neri sulle pareti e sui tavolini. C'erano due ragazze ovviamente incinte nella stanza e un'altra ragazza di circa 22 anni che sembrava non volesse assolutamente rimanere incinta. Anche Victoria rientrava in quest'ultima categoria. Aveva 23 anni, aveva uno stile di vita frenetico come fotografa emergente e scopava troppo per correre il rischio di non prendere il contraccettivo. Aveva lunghi capelli castani che le cadevano fino alla vita e occhi nocciola. Era bassa. Solo 5' 4 pollici di altezza. Il suo corpo era sinuoso, ma ottimamente tonico da tutti gli accovacciamenti e le ginocchia che il suo lavoro richiedeva. Non era una ragazza che avresti visto per strada e che avresti subito pensato che fosse straordinariamente attraente. C'era qualcosa di più in lei. Se chiedessi agli uomini che l'hanno scopata, direbbero che ha un sex appeal pazzesco. I suoi fianchi larghi, il sedere pieno e le labbra carnose parlavano di una tentatrice nascosta che solo gli uomini molto fortunati potevano assaggiare. Dovevi scoparla per bene per tenerla in giro. La sua lingua veloce e il suo carattere significavano che se eri qualcosa di meno di una scopata fantastica non avrebbe avuto problemi a dirti dov'era la porta.

La porta all'altra estremità della stanza si aprì e sembrò che tutta l'aria nella stanza fosse stata risucchiata fuori. La vista dell'uomo sulla soglia avrebbe fatto cadere Victoria a terra se fosse stata in piedi. Era alto più di un metro e ottanta e aveva un corpo muscoloso che solo ore di allenamento avrebbero potuto produrre. Aveva i capelli nerissimi e quando Victoria incontrò i suoi occhi vide che erano blu ghiaccio. “Vittoria? Vedo che lo sai", disse con una voce profonda che le fece battere forte il cuore nelle orecchie.
Victoria non poteva dire nulla. Invece, si alzò e lo seguì intorpidita lungo il corridoio fino all'ultima stanza degli esami. Questo era il dottor Summers? Victoria sentiva che quest'uomo doveva essere frutto della sua immaginazione. Era troppo dannatamente attraente per aver frequentato la facoltà di medicina per 8 anni. Victoria entrò nella stanza dietro il dottore e si sedette sulla poltrona da visita. Il dottore cominciò a parlarle.

“Ciao, Vittoria. Sono il dottor Summers, ma tutti mi chiamano Ian. Ian guardò i suoi appunti e ricominciò a parlare. “Vedo che vieni a rinnovare la prescrizione anticoncezionale. Vedo anche che devi fare il pap test annuale. Se non hai problemi con la tua vecchia prescrizione, non vedo alcun motivo per cambiarla. Se lo desidera, passeremo direttamente al pap test. Sono sicura che ormai conosci già questa routine, quindi ti lascio spogliarti. C'è un camice e una coperta nell'armadietto accanto a te. Se non hai domande...?" Attese un attimo che lei dicesse qualcosa. Quando non lo fece, le strinse la mano con sicurezza e poi uscì dalla stanza.

Victoria attese finché non fu fuori dalla stanza e poi si colpì la fronte con la mano. Era incazzata. Chi pensava di essere questo ragazzo? Perché non era riuscita a parlargli? Perché aveva la faccia arrossata come quella di una studentessa? Aveva scopato con molti uomini e nessuno di loro l'aveva colpita come questo maledetto dottore.

Non aveva la fede nuziale...

Victoria cominciò a togliersi i vestiti. Quando era nuda guardò il suo corpo, le sue curve, il suo seno D e la sua figa rasata. Era dannatamente sexy e lo sapeva. Nessun uomo l'avrebbe fatta sentire timida. Ha fatto delle cose stupende da queste parti. Mentre indossava l'abito, le venne in mente un piano.
Quando il dottor Summers ritornò, la donna seduta sul letto sembrava totalmente diversa. Prima sembrava mite e timida e ora sembrava una gattina sessuale a pelo lungo. Si sedette sul lettino dell'esame con addosso un normale camice da ospedale, ma su di lei sembrava un vestito sexy che avrebbe potuto togliersi da un momento all'altro. La parte posteriore del piumino si spalancò in modo che potesse vedere la sua schiena, la parte superiore del suo culo tonico e il lato di uno dei suoi seni voluttuosi. Adesso era Ian quello che arrossiva. Non solo stava arrossendo, ma ora aveva un'erezione che poteva solo sperare che il suo camice nascondesse.

Tuttavia, si fermò accanto al lettino dell'esame e iniziò a spiegare gli aspetti tecnici di ciò che stava per fare. "Victoria, in questo momento controllerò il tuo seno per eventuali segni di qualcosa che non dovrebbe essere lì, quindi se ti sdraierai sulla schiena inizieremo." Victoria obbedì e la dottoressa Summers continuò: “Ora sto semplicemente muovendo le dita in circolo attorno al seno. Finora non sento nulla di cui dovremmo preoccuparci. Fai gli autocontrolli a casa, Victoria?»
Victoria assunse la sua voce da ragazza più cattiva e disse: "Sì, dottor Summers, intendo Ian, mi tocco il seno ogni singolo giorno".

Ian sentì il suo membro sussultare dolorosamente e la prima goccia di pre-cum inumidì la punta del suo cazzo lungo 7 pollici e mezzo. Non era mai stato tentato prima da un paziente sotto le sue cure. Sapeva tutto sui rapporti paziente/medico. Non potevano accadere. Ian fece del suo meglio per ritrovare la calma e continuò con l'esame. Era difficile. Il seno di Victoria era bellissimo e i suoi capezzoli erano duri come la roccia. La sua pelle aveva la pelle d'oca ogni volta che le sue dita si toccavano. Quando Ian finalmente toccò i bordi dei suoi capezzoli cercando qualche macchia nel suo seno, Victoria chiuse momentaneamente gli occhi ed emise il più silenzioso dei gemiti. Era così dannatamente sexy! Ian tirò un sospiro di sollievo per aver terminato quella parte dell'esame. Sentiva che se le avesse toccato ancora il seno sarebbe finito nella merda.

Tremando, disse a Victoria di piegare le ginocchia e aprire le gambe. Victoria lo guardò con un sorrisetto sexy e aprì lentamente le gambe per rivelare la sua figa rasata e bagnata. Ian era un medico, ma vedere quanto fosse bagnata dopo essersi appena toccata il seno era quasi insopportabile. Come gli sarebbe piaciuto vedere cos'altro avrebbe potuto farle.

Ian si schiarì la gola: “Ora farò un raschiamento per verificare la presenza di malattie sessualmente trasmissibili e infezioni. Questo potrebbe farti un po' male o potresti non sentire nulla. Rilassati e fai respiri profondi. Ian spinse lentamente il lungo batuffolo di cotone nella figa di Victoria. Per necessità medica ha completato questa parte dell'esame in modo rapido e completo. Mise il campione nel contenitore di plastica e lo mise da parte.

“Poi devo fare un esame interno. Prenderò due dita e ti sentirò dentro per assicurarmi che non ci siano anomalie." Ha detto Ian.

«Certo, Ian. Fai tutto ciò di cui hai bisogno. Ha detto Vittoria. Allargò ancora un po' le gambe e chiuse gli occhi.

Ian la stava maledicendo nella sua testa. Che grande fottuta provocazione era! Desiderava poterla scopare finché lei non lo implorava di smetterla. Fino a quando non urlò quanto le dispiacesse di essere stata una così piccola presa in giro.
Ian stava ancora pensando a questi pensieri mentre lentamente spingeva da parte le labbra della sua figa e infilava due dita nella sua figa fradicia. Normalmente avrebbe usato del lubrificante per fare questa parte dell'esame, ma lei era così bagnata che immaginò che non potesse averne bisogno. Ian non sentiva nulla che potesse causare preoccupazione, ma si fermò a considerare quanto fosse stretta la sua figa. Questa era davvero una figa eccezionale! Spinse le dita un po' più in profondità del necessario. Non poteva farci niente. Se quella era stata l'unica volta in cui aveva potuto toccare la fica, doveva trarne il meglio.

Quando Ian le ha spinto un po' le dita nella figa, Victoria ha fatto la sua mossa. Si spinse sulle dita di Ian e usò la sua sorpresa per farsi un ditalino tre volte. Ian le strappò la mano e si diresse con rabbia verso la porta, facendo cadere a terra il tavolo mobile che conteneva i campioni. Quando la mano di Ian colpì la porta, qualcosa scattò in lui. Al diavolo le normative. Si voltò verso Victoria e le afferrò le spalle con due passi. Adesso era lei la sorpresa. Ian la spinse sul lettino degli esami e si strappò il camice con una mano. Il suo uccello si liberò, schiaffeggiando la coscia di Victoria. Ciò fece contorcere il volto di Victoria per la paura. Avrebbe voluto prendere in giro il dottore, non era pronta per questo!
La figa di Victoria però era già bagnata. Ian non ha perso tempo con le formalità. Lui le ha infilato il cazzo nella figa fino in fondo e ha iniziato a scoparla con tutto il suo valore. Il volto spaventato di Victoria si trasformò in uno di completo piacere e iniziò a muoversi a tempo con le sue spinte invece che contro di lui.

"È tutta colpa tua, piccola troia", disse Ian. “Non prendi in giro Ian Summers e ti aspetti di non essere scopato. La prossima volta saprai con chi non scherzare!”

Ad ogni spinta i gemiti di Victoria diventavano più forti. Ian le mise una mano sulla bocca per soffocare i suoni. "Non puoi permetterti di farmi desiderare anche dagli altri miei pazienti", ha detto.

Provando una certa compassione per la ragazza, rallentò le sue spinte e si chinò per baciarla. Questo bacio non era un bacio normale. Li ha incendiati entrambi. Victoria afferrò due manciate di capelli di Ian e sussurrò rudemente: "Fottimi, dottore."

Ian ha tirato fuori il suo cazzo, lo ha infilato di nuovo dentro e ha iniziato a pompare più forte che mai. Lo voleva duro; beh questo è quello che otterrebbe! La testa di Victoria ricadde all'indietro dopo un minuto e Ian le afferrò i folti capelli per tirarli su. Fu allora che Ian sentì la figa di lei stringersi sul suo cazzo. Era così facile raggiungere l'orgasmo! Gli occhi di Victoria erano annebbiati dall'estasi. Ian non si era sentito sul punto di venire, ma l'espressione sul suo viso fece sì che Ian pompasse il suo carico in profondità nella sua figa stretta. Rimase lì finché l'ultimo sperma non fu svuotato dal suo cazzo.

Ian ha appoggiato con nonchalance la testa di Victoria sul lettino degli esami, ha infilato di nuovo il suo uccello nei pantaloni ed è uscito dalla porta dicendo: "Vestiti. Oh, avrai bisogno di un nuovo dottore.

Storie simili

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima... Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere...

1.5K I più visti

Likes 1

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.4K I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici PRESTIRO Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate...

1.4K I più visti

Likes 0

Sesso con la mia babysitter

Sono una vergine di 17 anni. Sì l'ho detto. Ho avuto delle fidanzate ma non sono durate abbastanza a lungo da poterle scopare. Penso solo che non ci sarà mai un giorno in cui potrò farlo con una bella ragazza. Sono probabilmente l'unico ragazzo della scuola che non l'ha ancora fatto. Vabbè.. Comunque oggi è venerdì ei miei genitori stanno uscendo, il che significa che sarò bloccato con una babysitter. I miei genitori pensano ancora che io sia un bambino piccolo. Giuro che potevo sentire i bambini a scuola che mi prendevano in giro. Hunny... vieni qui disse la mamma. Sono...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

1.1K I più visti

Likes 0

Wonder Woman e l'anello del potere rosa

Sin dalla guerra della luce, Diana non aveva smesso di pensare alla sua esperienza con l'anello rosa. Certo, le dava immensi poteri indicibili e il potere dell'amore era intenso, ma c'era un altro effetto collaterale dell'anello che Diana non si aspettava. L'anello rosa l'aveva fatta arrapare oltre ogni immaginazione! Non aveva mai provato una tale euforia, ed essere vicina all'orgasmo per ore e ore le stava, francamente, cambiando la vita. Ora si ritrovò a pensare a poco altro. È stato un risveglio per la supereroina altruista che faceva sempre buone azioni per gli altri. L'improvvisa ondata di piacere per la sua...

977 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.