Io e Brittany parte 1

165Report
Io e Brittany parte 1

Un'altra nuova serie di storie. Questo è molto più lungo e si concentra molto sulla costruzione del personaggio e sul romanticismo, quindi se questo non è il tuo genere, devo reindirizzarti agli altri miei lavori, poiché probabilmente non ti piacerà (o almeno vai avanti se non lo fai) (t interessare molto ai personaggi). Questa storia entra nei dettagli di un'amicizia che fiorisce di più. Se ti piacciono le storie lunghe con molti dettagli, ecc., allora, per favore, goditi la storia:

La storia inizia al primo anno di liceo e dura per molti anni successivi. Justin e Brittany erano perfetti sconosciuti poiché frequentavano scuole medie diverse.

Entrambi i ragazzi conducono vite molto diverse. Ora Brittany era una bellissima ragazza. Era bassa e minuta, con lunghi capelli neri, solitamente stirati. Essendo per metà messicana e per metà bianca, aveva un aspetto fantastico. Le sue tette erano, ovviamente, più piccole, forse una B, ma si adattavano bene alla sua corporatura più piccola. Il suo culo è stato uno straordinario dono della natura, tuttavia, poiché i suoi geni si sono uniti perfettamente per lei. Era ambiziosa e carismatica e in realtà era diventata presidentessa dell'ASB al liceo. Al momento della laurea, aveva un fidanzato, John, e si frequentavano da ben due anni e mezzo, e anche se lui aveva un anno in più e frequentava il college, sembrava che si sarebbero sposati subito dopo che l'ambiziosa adolescente si fosse laureata. . La sua vita sembrava avere tutto sotto controllo per lei.

Justin d'altra parte era un po' diverso. Certo, era abbastanza bello; si teneva in forma e aveva un viso affascinante, ma non era proprio del calibro di Brittany. Justin usciva con persone di ogni ceto sociale, dalla squadra di football universitaria in cui faceva parte, ai ragazzi del dramma con cui "improvvisava" sempre, ai nerd con cui discuteva e giocava ai videogiochi. Nonostante ciò, si trattava più di tolleranza che di parentela, poiché erano pochissime le persone che il ragazzo semi-popolare avrebbe effettivamente chiamato suoi amici.

Quando incontrò Brittany per la prima volta, fu durante la sua "campagna" per il primo anno di presidenza. Prima che suonasse la prima campanella era una delle poche volte in cui Justin poteva parlare con il suo gruppo di "amici". Erano circa una dozzina seduti e in piedi attorno al tavolo, a non dire stronzate su nulla in particolare, quando Brittany si avvicinò al gruppo, seguita dal suo gruppo di amici. Brittany iniziò subito un discorso ben provato, esortando il gruppo a votare per lei per ovvie ragioni. Iniziando una conversazione con Danial, uno degli amici più stretti di Justin, si è comportata come se fosse la migliore amica del ragazzo. Concludendo il suo discorso al gruppo e concludendo la conversazione con Danial, lo abbracciò, poi si separò.

"Oh amico, stiamo facendo tutte le coccole con la futura signorina presidente, vero?" prese in giro Justin, nascondendo il suo rispetto per il suo amico nerd per aver trovato il coraggio di stabilire un contatto visivo con la splendida ragazza.

"Sì, lavoriamo molto insieme alla DECA, quindi siamo diventati ottimi amici," Danial liquidò lo scherzo a sue spese, riportando la conversazione sul nuovo videogioco in uscita più tardi quella settimana.

Ora Justin era piuttosto bravo a giudicare le persone. Sapeva che suonava brutto, ma le sue prime impressioni sulle persone erano solitamente esatte. Ora aveva ricevuto una forte sensazione da Brittany e dal suo ristretto gruppo di amici che sentiva di essere troppo brava per la maggior parte delle persone. Forse stava usando Danial per ottenere un voto migliore, o forse vedeva davvero qualcosa che le piaceva in questo amico, ma Justin non ci contava.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -----------------------------------

Conservando il ricordo nella parte posteriore della sua testa, Justin avanzò velocemente alla pietra miliare successiva nella sua relazione con Brittany. Brittany aveva vinto le elezioni ed era piuttosto impegnata con i suoi doveri reali. Justin la vedeva raramente nei corridoi e anche Danial non ne parlava quasi mai al DECA. Justin era sicuro che la sua prognosi fosse corretta, che la ragazza fosse "troppo buona" per il poveretto e che lo stesse solo usando.

Era l'inizio del secondo semestre di quell'anno e Justin entrò nella sua nuova classe della terza ora. L'insegnante, la signora Hymes, era una delle insegnanti "fighe" che ti permettevano di scegliere i tuoi posti. I tavoli, poiché la scuola utilizzava poco i banchi, erano disposti in isole, raggruppando quattro bambini in ciascun gruppo. Justin è stato uno dei primi ragazzi della classe e ha sparato verso l'angolo posteriore della stanza, dove si trovava la sua zona di comfort. Il suo migliore amico Shelby entrò, sedendosi proprio di fronte a lui, per rendere la lezione molto più tollerabile.

Shelby era una ragazza meravigliosa. La bionda snella era appena un po' più alta di Justin. Le sue lunghe gambe si incontrano perfettamente in un culo meraviglioso. Le sue tette sarebbero cresciute in grandi coppe a C e i suoi capelli le sarebbero scesi sulle spalle. Seduti insieme a scuola ogni volta che potevano, pensavano che la lezione non sarebbe stata poi così male.

La stanza si riempì velocemente, quando Justin notò Brittany entrare nella stanza. Stabilendo un contatto visivo con Justin, fece un sorriso, poi camminò dritta verso di lui.

"Ehi! C'è già qualcuno seduto qui?" chiese Brittany, indicando il posto accanto a Justin.

"Uhm, no. No, è ancora vacante," rispose Justin, curioso del perché la ragazza avesse scelto di sedersi accanto a due perfetti sconosciuti quando c'erano sicuramente alcuni dei suoi amici in classe. O almeno persone che conosceva.

Ma infatti, Brittany si sedette, come se Justin e Shelby fossero i suoi amici che aveva cercato per tutto il giorno. "Oh ciao! Non credo che ci siamo ancora incontrati. Io sono Brittany," si rivolse a Shelby, stringendole la mano come una donna d'affari. Poi si rivolse a Justin: "E TU! Tu sei Justin, vero? Sei uno degli amici di Danial. Spero di non essere imponente, sembravi semplicemente carino, quindi ho pensato che potevamo sederci insieme", ha spiegato.

"No, assolutamente, sei il benvenuto qui. Questo qui è Shelby. In qualsiasi modo tu possa rendere la lezione di inglese più divertente, ti accoglierò a braccia aperte," concluse Justin, poi iniziò una breve conversazione prima che suonasse il campanello. Per tutto il tempo nella parte posteriore della sua testa, Justin non ha potuto fare a meno di pensare "Cosa vuole questa ragazza da me? Qual è il suo punto di vista?"

La campanella della classe suonò e la signora Hymes si affrettò a tuffarsi nei rompighiaccio. Il quarto posto nel gruppo di banchi non era mai occupato, lasciandoli soli in un angolo della stanza. A Justin non importava, come era la sua preferenza. La maggior parte dei ragazzi della classe erano idioti. In effetti, pensò, probabilmente le tre menti più intelligenti erano sedute al suo tavolo.

La signora Hymes ha continuato a predicare davanti alla sala. "Ora voglio che ognuno di voi si rivolga al proprio vicino e faccia loro tre domande di significato. Potrebbe essere un 'quando mi hai visto per la prima volta...' o qualunque cosa tu voglia. Prenditi il ​​tuo tempo e conosci un po' i tuoi coetanei." Fece una pausa, prima di aggiungere "Manteniamolo amichevole... e di classe G!"

Brittany prese subito il comando: "Okay, bella domanda. Quando mi hai vista per la prima volta, quali sono stati i tuoi primi pensieri?" Sorrise, guardando entrambi i suoi nuovi partner.

"Beh, eri molto carina," disse Shelby, comportandosi in modo un po' timido. Justin è intervenuto con la palese verità, come era sua solita abitudine.

"Onestamente ti pensavo arrogante e presuntuoso. Che ti ritenessi troppo bravo per la maggior parte delle persone. Ma ora non ne sono proprio sicuro... Sei una ragazza molto curiosa," spiegò. Shelby scalciò, fissandolo con pugnali per la sua audacia.

"Beh, è ​​stato sorprendentemente onesto!" rispose Brittany, ancora allegra come prima. "Mi piacciono le persone che non hanno paura di dire quello che pensano. Beh, quando ti ho visto per la prima volta," si rivolse a Justin, "ho pensato che fossi il tipo di persona che si irrita facilmente con la gente. Non solo con stupidi sconosciuti, ma coetanei che molti considererebbero tuoi amici. E tu, Shelby, sei l'esatto opposto, trovi il buono in ognuno, giusto?" Justin sorrise per la sua precisione.

"Bene, adesso! Questo è un corso di inglese o di psicologia?" Shelby scherzò, prima di aggiungere "La mia domanda è questa: cosa hai intenzione di fare dopo il liceo?"

"Beh, l'hai chiamato tu!" Brittany ha risposto. "In realtà mi piacerebbe specializzarmi in psicologia. Ma essere un medico è così costoso, quindi devo ottenere MOLTE borse di studio", ha continuato. "E voi ragazzi?"

Shelby ha risposto con le sue aspirazioni. "In realtà sto andando a fare la disfatta del dentista. Questo è quello che fa mia madre, e lei lo adora." Brittany ha risposto con i suoi riconoscimenti e le sue lodi, poi si è rivolta a Justin.

"Io? Davvero non ne ho ancora idea," ha ammesso Justin prima di aggiungere, "Voglio fare qualcosa che mi faccia divertire per 35 anni, quindi devo pensarci bene. Forse medicina diagnostica..." si interruppe.

"Oh mio Dio, come Doctor House?!" Brittany rispose eccitata. "Sarebbe un lavoro davvero divertente!" Justin ha acconsentito, dicendo che lo spettacolo è stato, in effetti, la sua ispirazione poiché sembrava che non ci fosse mai una giornata noiosa. Ne hanno parlato un po', prima che Brittany si lanciasse nella domanda finale, "Va bene allora! Terza domanda... Oh, quindi state insieme?" chiese Brittany. Shelby sorrise mentre guardava Justin per rispondere alla domanda che le veniva posta troppo spesso.

"No, non lo siamo. Siamo solo buoni amici qui," ha provato Justin. (Più tardi, avrebbero tentato il ruolo di amici con benefici, ma questo sarà più avanti nella storia.)

"Oh, capisco. Beh, voi ragazzi state benissimo insieme. Voglio dire come amiche... Sembrate davvero felici ogni volta che vi vedo insieme. Vorrei avere amiche intime come voi due," ammise Brittany.

Ma stai scherzando? pensò Justin. Sei seguito dal tuo piccolo gruppo di amici che sono per te inseparabili. C'erano le ragazze: Alison, Jo e Dee, e poi i ragazzi, Dakota, Kyle e, se era in città, il suo ragazzo John. Erano sempre insieme, uscivano, andavano in spiaggia o festeggiavano insieme. E qui la ragazza affermava di sentirsi sola. "Sembra che tu abbia parecchi amici," disse Justin, forse con un po' di irritazione nella voce.

"Beh sì, e li amo da morire. Ma io... sembra che voi due abbiate BISOGNO l'uno dell'altro. Posso passare settimane senza nemmeno un 'come stai' nemmeno dai miei amici più cari. Certo, loro pensano che io è divertente avermi intorno, ma mi amano davvero?"

"Questa è.... una condivisione piuttosto profonda per due persone che hai appena incontrato," intervenne Shelby, che era un po' a disagio, e si vedeva.

"Mi dispiace, è un po' imbarazzante, vero?" Brittany si scusò.

"No, no, ho capito," rispose Justin. "Sì, questa è una conversazione davvero strana per le persone che hai appena incontrato. Ma tu VUOI quella vulnerabilità. Vuoi mostrare il tuo lato più debole ed essere comunque accettato. Sei stanco di essere circondato da persone e sentirti ancora solo. Lo prendo per te i genitori sono divorziati?"

"Justin! Non farla in terapia nel bel mezzo della lezione! È scortese," lo rimproverò Shelby.

"No, ha ragione. Era... estremamente accurato. Non lo so. Sento che la mia idea di come dovrebbero essere le relazioni è troppo ideale per essere reale," ammise Brittany, mentre la verità traspariva dalle sue parole. Justin non avrebbe potuto essere più d'accordo.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ---------------------------------------------

Justin e Brittany hanno frequentato tre lezioni insieme quel trimestre (sia con che senza Shelby) e la loro amicizia è fiorita. Justin trovava stranamente confortante il fatto che la loro solidarietà fosse formata dalla loro solitudine, che li avvicinava. Certo, entrambi avevano altri amici, ma non c'era nessuno con cui condividessero così tanto. Problemi familiari, emozioni, sesso. Niente era fuori discussione per questi due, ed è stato molto rinfrescante per entrambi. Justin si sentiva attratto dalla ragazza, ovviamente, perché era bellissima, ma sapeva che era impegnata con il suo ragazzo John, e non avrebbe rischiato questa amicizia che aveva desiderato per anni per qualcosa che alla fine sarebbe andato a buon fine. fallire. Ciò non ha mai impedito a nessuno dei due di flirtare o scherzare sessualmente tra loro. In effetti, Justin ha spinto gli scherzi sessuali forse un po' troppo oltre per la maggior parte degli amici, ma conosceva i limiti di Brittany e sapeva cosa le piaceva.

Adesso erano all'ultimo anno e Brittany non vedeva l'ora che arrivasse il suo compleanno. Nei (prossimi) quattro anni in cui erano stati amici, Justin aveva notato che Brittany era diventata una bellissima ragazza. I suoi capelli scuri erano lunghi e si estendevano quasi fino alla vita. Il suo petto era ancora piuttosto piccolo, le sue tette sembravano una coppa B, in armonia con la sua corporatura minuta. Aveva solo 5'2 e c'erano buone probabilità che avesse finito di crescere. Fortunatamente per lei, è stata completata con il culo più perfetto che potresti immaginare.

Il fatto che Brittany avrebbe compiuto 18 anni di lì a pochi giorni significava che lei e Justin sarebbero andati a Miami, a circa un'ora di distanza, dove il suo ragazzo John stava frequentando il college. Sarebbe stata una visita a sorpresa per John, poiché temeva di dover perdere il compleanno della sua ragazza perché il lavoro e la scuola non permettevano a nessuno dei due di incontrarsi. Brittany sperava di consolidare il suo ruolo di brava spalla facendo incontrare Justin con una delle innumerevoli ragazze sexy che sapeva sarebbero state alle feste del suo ragazzo. (L'orario delle lezioni di John era perfetto, dato che la sua prima lezione era alle 12:30 del pomeriggio, il che significava che aveva tempo libero per tarda notte quando voleva.

"Che succede, mia bestia sessuale? A che ora hai intenzione di venire?" Justin mandò un messaggio a Brittany quel mercoledì mattina, verificando i piani che avevano fatto all'inizio di quella settimana.

"Saluti signore! A che ora stavi pensando? Stamattina devo occuparmi di un omicidio di massa, ma non dovrebbe durare solo un'ora o due. A mezzogiorno va bene per te?" Brittany ha risposto con il suo umorismo virtuale.

"Diavolo sì, fammi solo sapere se le cose vanno male e hai bisogno di stare tranquillo per un po'. Ho un bel seminterrato dove posso tenerti legato per un mese o due, lol. No, alle 11 lavoro per te? Così arriviamo in tempo." Justin ribatté.

"Ci sarò, Slim. Solo non prendermi in giro con quel seminterrato. Sai quanto mi diverto con cose del genere ; )" Leggendo il testo finale, Justin posò il telefono e guardò l'orologio. Segnava l'ora delle 8, quindi aveva tutto il tempo per prepararsi. Si riprese nelle lenzuola, riaddormentandosi piuttosto velocemente.

Si svegliò però solo un'ora dopo, come lo informò l'orologio. Justin decise che avrebbe potuto anche alzarsi e prepararsi per il lungo viaggio. Stiracchiandosi nel letto, il suo braccio urtò dolcemente Shelby, che stava ancora dormendo.

La notte precedente non era la prima volta che lui e il suo amico si incontravano, ma era sicuramente una delle più divertenti. Shelby era appena uscita da una relazione infedele e, avendo bisogno di conforto, decise di trascorrere la pausa scolastica di una settimana nella piccola casa di Justin. (Leggermente benestante da anni di affari sottobanco a scuola, Justin è riuscito a lasciare la casa dei suoi genitori solo poche settimane dopo aver compiuto 18 anni, dove ora ha affittato la casa da un amico di famiglia per quasi niente. )

Justin si alzò dal letto, fermandosi per un altro lungo tratto. Andando in bagno come un valzer, si rilassò rapidamente, seguito dalla sua routine quotidiana di lavarsi i denti e farsi la doccia. Si spogliò, entrò nella vasca e aprì l'acqua calda.

Shelby si svegliò lentamente, sentendo scorrere l'acqua. Guardando l'orologio, maledisse l'ora mattutina, ma decise che era meglio della solita sveglia del mercoledì alle sei (per arrivare a scuola in orario). Con un sorriso sul viso, decise di sorprendere Justin mentre si insinuava nel bagno. Pronta a spaventarlo, strappò la tenda della doccia, urlando "Oh mio Dio!" per aggiungere alla sua tattica intimidatoria.

Justin quasi sussultò quando la sua vista si riempì dell'interno luminoso del bagno e delle urla di Shelby, che ora stava ridendo a sue spese. "Che diavolo, ragazza?" Justin sorrise, accettando che il suo amico lo avesse preso, ma determinato a riprenderla. Afferrò rapidamente Shelby, trascinandola nella vasca con sé.

"NO!" Shelby urlò ridendo. "Stronzo, mi stai inzuppando i vestiti!"

Justin si limitò a ridere mentre la maglietta e i pantaloncini da ragazzo che componevano la biancheria da notte di Shelby si riempivano d'acqua. "Ti sta bene, mi sono quasi incazzato addosso, ragazza," disse con un sorrisetto mentre si chinava per un bacio scherzoso.

"Beh, visto che sono già qui..." Il tono di Shelby divenne seducente. I suoi pollici si agganciarono alla cintura mentre si toglieva i pantaloncini, gettandoli sul linoleum del bagno con un *FLOP*. Justin sorrise tra un bacio e l'altro mentre l'aiutava a togliersi la maglietta, che presto fu anch'essa lanciata dall'altra parte della stanza.

Justin poteva sentire la mano di Shelby insinuarsi lungo la sua coscia, posandosi finalmente sul suo pacco. Lui allungò la mano attorno al suo corpo, afferrandole il sedere mentre sentiva la sua mano afferrare il suo sacco. Lui le afferrò la parte posteriore delle cosce, fermandosi un attimo in modo che potesse sorreggersi, poi la sollevò, avvolgendole le gambe attorno alle sue.

Inserì rapidamente il suo strumento indurente nella sua figa, ora bagnata dentro e fuori. Fu accolto da un sospiro di sollievo quando Shelby iniziò immediatamente a muovere i fianchi per massimizzare il piacere. Justin si gobbe più forte che poteva restando fermo, ma ahimè, non era abbastanza per mantenerlo soddisfatto. "Va bene, cambialo," ordinò, con grande sgomento di Shelby. La rimise in piedi, poi la girò, in modo che fosse rivolta lontano da lui. Appoggiando entrambe le mani sul muro davanti a cui si trovava, Shelby sorrise, preparandosi all'impatto. Fu accolta da un cazzo ormai completamente eretto che piombò dentro di lei da dietro. Ha gridato mentre il suo corpo veniva trafitto dall'oggetto estraneo, la sua figa accoglieva il residente alieno.

"Cazzo, sì, tesoro. Più difficile!" fece un cenno mentre Justin cominciava a sbatterle addosso a tutta velocità. Lei grugniva ad ogni spinta mentre lui la affondava nel sedere. Le sue braccia le circondarono rapidamente il corpo, trovando riposo sulle sue tette penzolanti. Li strinse, usando le maniglie per avere più leva, costringendo Shelby a gridare di dolore ed estasi.

Justin adorava quanto fosse stretta la figa di Shelby. Quasi due anni fa, le aveva tolto la verginità, ma anche adesso era stretta come quella prima volta. L'ha scopata senza pietà per un bel po' prima di essere finalmente pronto a scaricare. Annunciando il suo imminente arrivo, Shelby ha risposto supplicandolo di venirle dentro. Justin obbedì rapidamente, grugnendo mentre il suo cazzo esplodeva nella sua figa accogliente. Shelby svenne mentre le sue viscere si riempivano di sperma caldo, chiudendo gli occhi in pura beatitudine mentre Justin si tirava fuori lentamente. Sentendolo voltarsi, fu accolta da un tenero bacio a forma di farfalla.

"È stato fantastico, Shelby," si complimentò Justin. "Ti ho mai detto che eri semplicemente... perfetto?"

Shelby sorrise timidamente. "Una o due volte, credo," ammiccò, afferrando scherzosamente il sedere del ragazzo. "Ora guarda, vai a vestirti e lasciami finire qui, e quando avrò finito ti preparerò dei french toast."

"È ufficiale. Penso di amarti," disse Justin stupito mentre la baciava. "Sei sicuro di non volere che io... 'ti finisca'?"

Shelby rise un po': "No tesoro, non intendo sessualmente. Mi sto ancora riprendendo da ieri sera, stallone, tu," disse con una voce eccessivamente femminile. "Voglio solo fare una vera doccia. Inoltre, ieri notte sono stata sveglia, quindi ora siamo pari," spiegò ammiccando.

"Oh, ho capito. Va bene, allora ci vediamo di sotto!" Disse Justin, uscendo dalla doccia. Si asciugò il corpo, poi procedette alla pulizia dopo la doccia. Si è rasato, si è messo il deodorante e infine si è vestito. Finalmente finito, si avviò al piano di sotto, salutando Shelby mentre lasciava la stanza.

Lasciandosi cadere sul divano, accese la televisione. Scoprendo subito che non c'era niente, decise di guardare un due uomini e mezzo preregistrato mentre aspettava Shelby. Guardando l'orologio del suo telefono, rimase stupito nel vedere che erano ancora solo le 9:45, il tempo scorreva incredibilmente lento per qualche motivo. Fortunatamente, sentì la doccia chiudersi al piano di sopra, il che significava che presto sarebbe iniziata la colazione. Sorrise della sua fortuna per avere una relazione così straordinaria.

Shelby impiegò altri 15 minuti, ma alla fine si ritenne accettabile per essere vista. Scendendo le scale, trovò Justin che fissava il telefono, chiedendo tempo per muoversi più velocemente. Mentre faceva il passo finale, annunciò la sua presenza, ponendo a Justin la domanda non necessaria: "Sei pronto per mangiare qualcosa?"

Justin si voltò, prendendosi gioco del bisogno di Shelby di fare una domanda così ovvia. Quando si voltò, scoprì che si era preparata abbastanza bene. "Dannazione, ragazza, hai pulito bene!" disse sorridendo. "Non fraintendermi, adoro svegliarmi accanto a te con il tuo aspetto naturale, sei ancora fantastico, ma in questo momento sei semplicemente... mozzafiato!" è stata l'unica parola che mi è venuta in mente. Shelby, nel breve lasso di tempo trascorso in bagno, si era sciolta i capelli, che ora le pendevano ondeggiando oltre le scapole. Si era anche truccata, accentuando le sue qualità già positive. I suoi occhi azzurri brillavano intensamente mentre il suo tono era impostato su un colore perfetto. Sorrise ai complimenti sconcertati di Justin, rendendola ancora più irresistibile. Come se non bastasse, indossava un top sexy, destinato all'uso notturno, poiché era una camicia da notte rosa con bordi di pizzo nero. Il tessuto faticava a coprire la sua metà inferiore, e ogni volta che alzava anche leggermente le braccia, Justin poteva vedere le sue mutandine di pizzo rosa abbinate.

"Sei troppo dolce!" disse a Justin mentre lo baciava dolcemente prima di dirigersi in cucina. Justin ha discusso di seguirla, ma prima ancora di alzarsi, è stato abbattuto. "Non osare interrompere la mia cucina!" chiese scherzosamente. "Sarò là fuori abbastanza presto, così il tuo stomaco e il tuo pene potranno aspettare!" Lei ridacchiò ai gemiti di Justin, poi scomparve dietro l'angolo della cucina.

Non ci volle molto perché l'aroma di cannella e acero riempisse l'intera residenza. Justin sentì sfrigolare, il che significava che il toast francese sarebbe stato accompagnato dal bacon. Esultò internamente quando Shelby annunciò che la colazione era quasi pronta. Il tintinnio dei piatti lasciava intendere che i piatti erano pronti per essere serviti.

Shelby svoltò l'angolo con due piatti pieni di french toast, bacon e uova strapazzate. Posandoli sul tavolino, si voltò rapidamente verso la cucina. Apparendo di nuovo, solo pochi secondi dopo, portò due bicchieri di succo d'arancia. Un terzo e ultimo viaggio prevedeva sciroppo e zucchero a velo. "LÀ!" concluse Shelby, tornando finalmente a sedersi sul divano accanto a Justin. Fece un sospiro contento, anche se stanco, mentre Justin la ringraziava ripetutamente per la taglia che aveva preparato.

"Sei così dannatamente fantastico. Capisci dove sarei senza di te?" chiese, chinandosi per un ultimo bacio prima che si scatenassero in una frenesia alimentare.

"Probabilmente non sopravviveresti", scherzò. "Oh, comunque, ce n'è molto di più in cucina se vuoi dei secondi o se Brittany ha fame quando arriva qui."

"Non sopravviverei affatto", ha continuato Justin. "Sei Pepper Potts per il mio Iron Man," sorrise, poi alla fine si tuffò nel piatto del cibo.

Ogni boccone, immerso nello sciroppo caldo e burroso, si abbinava perfettamente con uno strato di zucchero a velo. La consistenza del pane era perfetta perché tutti i sapori erano un'orgia nella sua bocca. Justin gemette le sue lodi, a cui Shelby rispose semplicemente ammiccando mentre scherzava, "Wow, deja vu, eh?"

I due continuarono a mangiare come uomini affamati, tornando entrambi in cucina per qualche secondo. Finalmente soddisfatto, Justin spinse via il piatto, dandosi una pacca sulla pancia e rilassandosi sul divano. "Era delizioso, ragazza," si complimentò nuovamente. "Mi assicurerei di ringraziarti adeguatamente, ma hai fatto in modo che difficilmente riesco a muovermi."

"Va bene, tesoro," scherzò Shelby. "Ogni uomo ha dei problemi di tanto in tanto", ha continuato a stuzzicare. "Lasciami andare in bagno a lavarmi i denti, poi torno subito quaggiù."

Tornò al piano di sopra, muovendo i fianchi in modo seducente mentre superava Justin. Si frugò in tasca e tirò fuori una stecca di gomma alla menta per assorbire un po' dello sciroppo che aveva in bocca. Pochi minuti dopo, sentì Shelby scendere di nuovo le scale. Saltò rapidamente oltre lo schienale del divano, atterrando direttamente accanto a Justin che emise un grugnito per il rimbalzo a pancia piena.

"Aww, il ragazzone deve aver mangiato troppo," lo prese in giro Shelby, chinandosi sull'inguine di Justin. "Stenditi e lasciamelo fare." Spinse il suo corpo in modo che si appoggiasse allo schienale del divano, creando molto spazio di manovra per Shelby.

Lei gli aprì la cerniera dei jeans, abbassandoli quel tanto che bastava affinché il suo inguine fosse ben esposto. Lei accarezzò il suo cazzo floscio finché non riuscì a spingerlo attraverso il buco nei suoi boxer. Immediatamente, leccò la testa con la lingua, sfrecciando velocemente avanti e indietro sul foro del piscio, solo per poi leccare a lungo l'intera verga subito dopo. Tuttavia cambiò rapidamente tattica, tenendo la base del suo cazzo con la mano e iniziando a abbassarsi su di esso, avvolgendo le labbra attorno alla sua circonferenza. La sua lingua entrò in contatto con l'asta di Justin mentre le sue labbra continuavano a succhiare, l'attrito della sua bocca diventava sempre più rapido.

Shelby guardò Justin, vedendo i suoi occhi chiusi per il puro piacere. Era felicissima della sua felicità e sapeva come farla andare avanti. Tolse la mano dalla base, usando ora solo la bocca. Intrecciò entrambe le mani dietro la schiena, come se fosse stata legata. Iniziò a gemere mentre la sua bocca avvolgeva maggiormente il cazzo di Justin. Prendendone di più ad ogni movimento, presto trovò la punta del suo membro in fondo alla gola. Rilassando i muscoli, continuò a abbassarsi, ricevendo la sostanza invasore nonostante i rigetti fisici del suo corpo.

Shelby soffocò leggermente, ma rimase fedele, finché le sue labbra non entrarono in contatto con il bacino di Justin. Ritirandosi solo leggermente, spinse di nuovo la faccia dentro di lui, mentre si scopava la faccia con il suo cazzo fermo. "Ah, cazzo, sì, tesoro, mi sto avvicinando!" Ha annunciato Justin.

Shelby si tirò indietro un po', riprendendo il suo softcore assalto orale. Lei rimise la mano alla base del suo cazzo, poi cominciò a segarlo il più velocemente possibile, mantenendo le labbra attorno alla sua testa. La sua mano e le sue labbra si sincronizzarono perfettamente, mentre la sua velocità aumentava. "Vieni, tesoro! Vieni per me! Sborrami su tutta la faccia, tesoro!" fece un cenno, mandando rapidamente Justin oltre il limite. Grugnendo rumorosamente, dipinse il viso di Shelby, spruzzandole ondate di sperma addosso. Il primo getto le atterrò in bocca, colandole sulle labbra. Tirando fuori velocemente il cazzo dalla bocca, il secondo getto di sperma le schizzò sul labbro superiore e sullo zigomo. Una terza ondata la colpì alla palpebra, costringendola a chiudere l'occhio destro. un'ultima, meno potente, quarta ondata le colpì il mento.

Ora completamente esausto, Justin sospirò soddisfatto. "Sei semplicemente troppo perfetto", ha concluso. "Aspetta, un giorno ti sposerò e ti pentirai di essere così perfetto, perché dovrai continuare così," scherzò facendo l'occhiolino.

"Non mi dispiacerebbe, tesoro," rispose Shelby. "Tuttavia, prima o poi dovrai fare di me una donna onesta," la prese in giro con un sorrisetto. "Ora torno in bagno... ANCORA. Per rifarmi il trucco che mi hai rovinato." Lei rise mentre salì le scale. Justin si limitò ad appoggiarsi allo schienale, mettendo i piedi sul tavolino. Era incredibile quanto stesse andando bene la sua vita. E per completare la sua settimana piena di sesso sfrenato con uno dei suoi migliori amici, sarebbe partito per un viaggio con l'altro suo migliore amico, pieno di alcol, gente divertente e (se le previsioni di Brittany sulla festa erano accurate) altro sesso.

E questo è esattamente ciò che Brittany stava pensando mentre svoltava nella strada di Justin. Sarebbe continuata ad essere una settimana interessante.

Storie simili

Parte 7, la ragazza con il culo

Spero che questa storia ti piaccia, la parte 7 segna molte cose che arriveranno nelle storie successive. Si prega di commentare e godere. Il padre di Tyler era un cliente abituale di mia madre. L'ha scopata quasi quanto John, ma non più di Bill. La mamma aveva altri ragazzi che si presentavano di tanto in tanto, ma questi 3 erano costanti. La mamma aveva molto lavoro, a volte durante il giorno, a volte di notte. Aveva alcuni ragazzi che si sarebbero presentati durante le ore mattutine, ma lavorava soprattutto di notte. Stavo con la nonna quando lavorava di notte, ea volte...

596 I più visti

Likes 0

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

654 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Incantesimo Delila

Incantesimo Delila Parte 1 Dicono che vedere per credere, che tutto nell'universo può essere spiegato con uno sfondo logico. Dicono che le persone nella loro natura tenderanno alla finzione e al paranormale perché sotto tutte le scuse na dicono promette l'idea di creare qualcosa dal nulla. Ero una di quelle persone che lo dicevano, che quando alle persone non veniva presentata una risposta chiara alle grandi domande della vita, coglievano al volo l'opportunità di creare qualcosa di proprio. Ora sono in ginocchio a pregare Dio per questo. Non so se avrei potuto fare qualcosa, se le mie presenze o la mia...

813 I più visti

Likes 0

Insegnante - 01 Giorno 0 Si comincia

SM. Burk, per favore, fai rapporto in ufficio.» È venuto al citofono della scuola. E adesso? pensò. È successo qualcosa a uno dei suoi studenti della scuola materna. Laura Burk era un'insegnante di matematica al liceo in una scuola privata. Da quando HB 2469 è passato, l'umiliazione era legale e la forma approvata di disciplina, e alcune delle regole disciplinari erano molto strane rispetto a quello che erano state. Quando Sara arrivò in classe per darle il cambio, Laura attraversò il campus fino al front office. Lungo la strada vide Mika, una delle ragazze più anziane che attraversava il cortile centrale...

671 I più visti

Likes 0

Il club delle signore nodose

Il club delle donne nodose Di Drakon Kate era sul balcone e osservava il pittoresco panorama della costa centrale della California. Aveva goduto di quella vista da quando poteva ricordare e anche adesso che aveva cinquantacinque anni le toglieva il fiato. I suoi capelli corvini lunghi fino alla vita svolazzavano nella fresca brezza del tardo pomeriggio mentre rivedeva la lunga lista di cose che dovevano essere fatte prima dell'arrivo dei suoi ospiti, ma l'ambiente sereno la faceva meravigliare. La tenuta di oltre trecento acri che i suoi genitori avevano acquistato era ricoperta di vigneti, che una volta raccolti sarebbero stati venduti...

451 I più visti

Likes 0

L'attrice e io (parte 8 scena di sesso del film hot)

Shannon e le ragazze sono andate dai loro medici per un controllo di 8 settimane, e tutto andava bene per le ragazze, e le ferite di Shannon erano quasi guarite. Il medico ha dato a Shannon l'ok per iniziare ad allenarsi e nel giro di qualche settimana avrebbe potuto riprendere le normali attività sessuali senza alcuna restrizione. Era andata da un chirurgo plastico e lui le aveva sistemato la cicatrice, quindi non era visibile. Si è procurata un personal trainer per rimettersi in forma. Nuotava molto in piscina. L'ho portata a giocare a golf. Ha preso lezione al club a cui...

400 I più visti

Likes 0

Ricordi II

È una bella mattinata nel deserto dell'Arizona. Il sole splende, c'è una leggera brezza e la temperatura è giusta per stare nudi. Io e la mia signora siamo seduti sulla terrazza dei nostri amici a goderci gli uccelli, i conigli e la meravigliosa vista sul deserto. Guardiamo verso ovest e possiamo vedere un corpo di bronzo alto e snello che cammina lentamente verso di noi. Man mano che la persona si avvicina, possiamo vedere che è il nostro amico Al fuori per la sua passeggiata mattutina e la sua visita. Si avvicina al ponte e sale le scale. Ha la sua...

260 I più visti

Likes 0

Camera Vergine

Questa è la terza storia che scrivo per questo sito e ancora una volta mi scuso se ci sono errori di ortografia o grammaticali o qualsiasi altro errore. Mi piace molto il feedback e se vuoi sottolineare eventuali errori fallo in modo costruttivo, non rispondo bene alle persone che criticano la mia punteggiatura quando il loro messaggio è scritto tutto maiuscolo o simili. Tieni presente che questa storia è completamente vera con una piccolissima quantità di abbellimenti per mantenere la storia in corso, quindi non pubblicare post dicendo che non potrebbe mai essere vero, perché lo è. Sono uscito con questa...

141 I più visti

Likes 0

Instant Messenger fratello/sorella

Questa storia è diversa da tutte le altre storie che tu abbia mai letto. Questo è un ruolo reale che io e il mio ragazzo abbiamo svolto. L'ho ripulito un po', quindi ci sono meno errori di ortografia. Si prega di non lasciare commenti su cattiva grammatica e ortografia. Questa è una vera conversazione di messaggistica istantanea. Nel caso non lo sapessi, lol = ridi ad alta voce. Quando c'è una serie di due parentesi, come questa ((parola)), siamo io e lui che usciamo dal ruolo. Spero che la storia vi piaccia perché è davvero bella e calda. Grazie! -------------------------------------------------- -----------------------------------------...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.