DIVERTIMENTO IN UFFICIO 5: Il negozio

331Report
DIVERTIMENTO IN UFFICIO 5: Il negozio

Come tutte le mie storie, questa è una storia di sesso invece che una storia di porno hardcore.

CAPITOLO CINQUE: IL NEGOZIO

Ho deciso di prendere tutti in parola. Il giorno dopo, martedì, sono entrata in ufficio e ho salutato tutti come facevo normalmente, anche se il saluto che ho ricevuto in risposta è stato molto più attento e dolce. Ho lasciato cadere la borsa e la borsa sulla superficie della mia postazione di lavoro e ho iniziato ad accendere tutte le macchine, a cambiare i messaggi telefonici, ecc. Mi trovavo al centro della mia postazione di lavoro circolare e mi sono reso conto di avere occhi puntati su di me da molte direzioni. Non c'era motivo perché nessuno, a parte me, sapesse che avrei potuto agire così rapidamente in seguito a un suggerimento avanzato la sera prima. Ma stavano anticipando... o sperando.

Ho guardato tutti intorno e proprio in quel momento Bob è entrato dalla porta principale e si è fermato di colpo con la sensazione di essere andato a sbattere contro qualcosa. Mi ha visto in piedi, ha visto le mie dita spostarsi sui bottoni della camicetta e ha sorriso mentre procedeva attraverso la zona anteriore, oltrepassandomi ed entrando nel suo ufficio. Ma lasciò lì solo lo zaino e si appoggiò allo stipite della porta per guardare insieme agli altri.

Ho aperto la camicetta, l'ho tolta dalla gonna e l'ho fatta scivolare dalle spalle fino alle braccia. L'ho piegato con cura e mi sono girato per controllare la reazione. Ho indossato un reggiseno di pizzo nero per migliorare l'aspetto della scollatura. Ho sorriso vedendo l'attenzione che stavo ricevendo. Ho slacciato la fibbia e la cerniera sul lato della gonna e l'ho lasciata cadere a terra, piegando anche quella. Indossavo lingerie abbinata di pizzo nero, le mutandine erano in stile bikini. Le mie calze alte fino alla coscia erano nere trasparenti con top in pizzo, i miei tacchi erano di vernice nera con tacchi a spillo da 4 pollici.

Lasciai la mia postazione di lavoro, mi avvicinai a Bob e gli portai un dito sul mento per chiudergli la bocca. "Pensavo che avessero una buona idea, oggi potrebbe essere il giorno del reggiseno e delle mutandine."

Pochi minuti dopo, Bill Clancy entrò dalla porta sul retro e si fermò di colpo vedendomi seduto al mio monitor in reggiseno e mutandine. "Ora, è di questo che sto parlando." Mi sono voltato e gli ho sorriso mentre bussava alla porta di Bob ed entrava. Bill riapparve sulla soglia e attirò la mia attenzione. Sono entrato nell'ufficio di Bob e mi sono messo accanto a Bill. Non c'era momento migliore di questo per presentare il nostro piano motivazionale al resto dell'azienda e prima è, meglio è. Se potessimo smentire le voci, ciò rafforzerebbe ulteriormente la nostra onesta intenzione di presentare un approccio imparziale.

Abbiamo concordato di farlo esattamente nello stesso modo in cui lo abbiamo fatto con i ragazzi dell'ufficio, anche se Bill mi ha avvertito che i ragazzi del negozio sarebbero probabilmente stati più giocosi di quelli dell'ufficio. Ho semplicemente sorriso. Mi sono ricordato che tutto questo è iniziato quando ho confessato la mia fame di più dopo aver fatto sesso con Bob una notte. Ha riconosciuto che quella fame in me era reale quando ha scherzato sul fatto di rimorchiare i ragazzi nei bar. Sembrava che non ci volesse tempo ed eccomi qui che venivo scopato più volte al giorno dai miei colleghi. E aveva ragione, ovviamente; era molto più bello in un ambiente controllato con ragazzi che tenevano a me.

Raccogliere i documenti per la firma questa volta è stato molto più impegnativo dell'ultima volta. Dopo aver raccolto le 20 serie di documenti, ho aspettato il messaggio di Bob che indicava che tutto il personale del negozio era riunito nella mensa dei dipendenti. Bob e Bill avrebbero presentato loro le stesse informazioni nello stesso modo e senza dubbio avrebbero avuto la stessa reazione scettica e incredula. Ma Bill era sicuro che alla fine avrebbero giocato allo stesso modo dei ragazzi dell'ufficio. Tutto ciò di cui aveva bisogno era che i supervisori reagissero positivamente e gli altri lo seguissero, e i supervisori erano già d'accordo con l'idea.

Quando ho ricevuto il messaggio, ho raccolto i documenti, ho infilato una penna nella calza e ho aperto la porta sul retro. Ho scelto di camminare dal piccolo edificio degli uffici al negozio attraverso la superficie pavimentata che separa i due mentre ero in reggiseno e mutandine, ma NON nudo. Mi stavo ancora abituando a tutto questo. Bob aveva ragione nel dire che l'elemento esibizionistico era una grande eccitazione, ma camminare nudo all'aperto su una superficie pavimentata era più di quanto fossi pronto. Mentre attraversavo i 9 metri di superficie pavimentata, però, mi chiedevo se la reazione di qualcuno nel vedere una donna portare una pila di carte mentre indossava reggiseno e mutandine sarebbe stata davvero molto diversa dal vederla nuda.

Ma se pensavo che attraversare lo spazio aperto fosse strano, entrare nel negozio silenzioso e vuoto lo era ancora di più. La disposizione del negozio prevedeva i punti di consegna e spedizione vicino all'edificio degli uffici e il parcheggio e l'ingresso dei dipendenti sul lato opposto, quindi la sala da pranzo, gli armadietti e le docce erano sul lato opposto dell'edificio. Bill mi aveva portato a fare un paio di giri del negozio da quando ero stato assunto, quindi mi sono spostato lungo le baie per raggiungere l'altro lato dove si stava svolgendo la riunione dei dipendenti, aspettandomi nel frattempo che qualcuno mi sorprendesse, il che era strano perché loro vedremmo molto di più a breve.

Ancora una volta mi fermai accanto alla porta parzialmente aperta della sala da pranzo e bussai leggermente alla porta per indicare a Bob e Bill che ero arrivato. La prima cosa che ho sentito è stata: "Mi dispiace, signor Hansen, ma... ci sta prendendo in giro, vero?" Ci sono state reazioni nervose da parte degli altri per la schiettezza della sfida, ma la risposta ridente di Bill e Bob ha allentato la loro tensione.

La voce di Bill in risposta era disinvolta e disinvolta: "So esattamente cosa stai pensando perché anch'io ho avuto la stessa identica reazione quando Bob ha presentato l'idea ai suoi manager, anche se forse non con le stesse parole". Ci furono altre risate leggere. "Ma ci ha convinto nello stesso modo in cui convincerà te, ma i moduli devono essere firmati."

Detto questo, si è avvicinato alla porta e mi ha preso i moduli strizzando l'occhio e sorridendo. Sussurrò: "E ho ancora difficoltà a crederci." Ho sorriso e sono stato d'accordo con lui.

Rimasi fuori dalla porta in lingerie sentendomi eccitato e molto cattivo.

Mentre ascoltavo dall'esterno mi è venuto in mente quanto bene Bill gestisse la discussione e i commenti. Bob era lì per rafforzare la bizzarra idea, ma questo era il gruppo di Bill e lui ne aveva il controllo. L'ho ascoltato mentre chiedeva se tutti avevano finito di leggere e firmare i documenti, rispondeva ad alcune altre domande scettiche, poi faceva la dichiarazione finale che i moduli richiedevano un testimone e io lo avrei fatto. Si stavano ancora chiedendo chi e come sarebbe successo tutto questo quando ho aperto la porta ed sono entrato nella stanza.

Lanciai un'occhiata a Bob, il cui volto era un sorriso incoraggiante e annuii. È stato solo dopo aver fatto un respiro profondo dopo aver fatto un paio di passi nella stanza per prendere posizione accanto a Bill che mi sono reso conto di quanto possa essere mortalmente veloce una stanza di 22 uomini quando sono scioccati e increduli. Da qualche parte nel gruppo arrivò: "Assolutamente no". "Paty?" E all'improvviso molti mormorii.

La stanza era composta da sei tavoli rotondi con quattro sedie attorno. In quel momento erano per lo più pieni di lavoratori. Lungo la parete del negozio c'era una fila di tre distributori automatici, un bancone, un lavello, un frigorifero e due forni a microonde. Sulla parete opposta alla mia c'era un'altra porta che conduceva allo spogliatoio e oltre a questa un piccolo bagno con doccia che mi era stato detto non era molto utile tranne che per la situazione occasionale in cui qualcuno aveva dei programmi per subito dopo il lavoro.

Bill ha seguito la stessa spiegazione data ai ragazzi dell'ufficio. Mi spostavo dall'uno all'altro per verificare che i documenti fossero firmati, che li capissero e infine per testimoniare ciascuno. Mentre Bill faceva gli ultimi commenti, Bob mi si avvicinò e mi slacciava il reggiseno. Me lo sono fatto scivolare dalle braccia sul tavolo più vicino, poi mi sono tolto le mutandine del bikini di pizzo. Bill mi ha fatto un cenno e ho preso fiato. Stavo per imbattermi in 20 uomini mentre ero nudo. Non avevo bisogno di alcuna verifica, però, ero bagnato prima di lasciare l'ufficio.

Dopo essere andato da ciascuno dei lavoratori, controllare i documenti, aver posto le stesse domande e aver testimoniato 20 volte, ero stato palpato, accarezzato e sondato abbastanza da essere quasi arrivato quando ho lasciato l'ultimo uomo. Mi tremavano le gambe quando raggiunsi Bob e Bill nella parte anteriore della stanza.

A quanto pare, c'era stata una discussione o una decisione presa su come dividere il gruppo. La riunione si sciolse e 15 degli uomini si alzarono e uscirono dalla stanza annuendo e sorridendo. Gli uomini rimasti finalmente si alzarono e si spostarono da una varietà di tavoli diversi mentre anche Bob e Bill lasciavano la stanza.

Uno di loro era leggermente più avanti degli altri: "Ci è stato chiesto di estrarre i numeri". Si guardò intorno: “Siamo stati fortunati ad essere i primi, anche se nessuno si è sentito veramente perso. Abbiamo tutti il ​​nostro turno, giusto?" Ho annuito. Esitante, chiese: “Questo è vero? Vuoi davvero farlo con tutti noi?" Ho annuito e ho assicurato loro che ero davvero più che bravo. "Tutti noi in negozio, in ufficio e anche i dirigenti?" Ho annuito.

«Ti assicuro che lo sono. Quello che ha detto Bob, credo. Questa è una vittoria per tutti. Ragazzi, scopate; Scopo VERAMENTE; e l’azienda dovrebbe mostrare miglioramenti se tutti vogliamo che ciò continui. Vinciamo tutti”.

Non avevano bisogno di niente di più. Un attimo dopo avevo cinque paia di mani sul mio corpo e presto il contatto semplice e sicuro si è trasformato in un contatto e un sondaggio più intimo del mio corpo. I miei piedi erano più larghi mentre le mani e le dita si muovevano tra le mie cosce mentre baciavo uno, poi un altro e un altro degli uomini.

Ho accarezzato il davanti dei pantaloni di due uomini direttamente di fronte a me e li ho trovati già duri. "Qualcuno farà meglio a spogliarsi adesso."

Ciò ha provocato una raffica di vestiti che si staccavano e venivano gettati su e giù dai tavoli e dalle sedie vicini. Vedendo i cazzi arrivare in vista, duri e rigidi, non vedevo il motivo di passare il tempo a succhiarli. Volevo essere scopato e la mia sensazione era che fossero più o meno lo stesso pensiero.

Stavo davanti a loro, con la figa gocciolante e i capezzoli eretti che mostravano la mia eccitazione. Un uomo si fece avanti e mi sbatté contro uno dei tavoli. Le sue mani attorno alla mia vita mi aiutarono a sedermi sul tavolo, le mie gambe furono sollevate in aria e divaricate mentre lui si muoveva tra di loro, il suo cazzo puntato verso la mia figa aperta. Guardò la mia figa e poi il mio viso. Ho sorriso e gli ho assicurato di non preoccuparsi dei preliminari, avevo bisogno di essere scopata. Sorrise ampiamente per la franchezza delle mie istruzioni. Sospirai al tocco della sua testa di cazzo sulla mia figa mentre gli altri si affollavano attorno al tavolo per guardare da vicino e toccare il mio corpo disponibile. Il suo cazzo si muoveva su e giù sulle mie labbra aperte della figa finché non fu posizionato nel mio buco. Mi guardò e io annuii con entusiasmo. Si è spinto in avanti e io ho sussultato alla penetrazione iniziale del suo cazzo oltre la mia apertura, mentre la mia figa afferrava il nuovo cazzo.

La mia testa e le mie spalle erano rannicchiate per guardarlo entrare in me, poi sono ricadute all'indietro mentre lui continuava a premere dolcemente nella mia figa ben lubrificata, il suo cazzo mi espandeva la figa nello stesso momento in cui le mie pareti della figa si stringevano attorno all'invasore. Fece una pausa, si tirò indietro leggermente, si spinse in avanti e fece uscire un altro sussulto dalle mie labbra. Quando fu completamente dentro di me, un suono dolce come un ronzio rimbombò dalla mia gola.

Qualcuno mi prese le mani e me le tirò sopra la testa, stringendole in una delle sue, poi accarezzando leggermente con le dita le mie braccia fino alle ascelle e ai fianchi. Altri due mi coprirono il seno e i capezzoli con la bocca, le lingue circondavano i capezzoli, le labbra baciavano e succhiavano. Un'altra serie di dita serpeggiarono lungo il mio corpo per catturare il mio clitoride. Avevo la sensazione che ogni zona erogena del mio corpo venisse stimolata allo stesso tempo. Questi uomini sapevano cosa stavano facendo. Mescolavano la gentilezza con tocchi ruvidi e incerti con spinte aggressive e carezze.

La mia schiena si inarcò sul tavolo mentre il mio orgasmo era già al culmine. Così tanta stimolazione contemporaneamente da così tanti punti, nel frattempo un cazzo mi martellava in modo completo e aggressivo nella mia figa, accarezzando le mie pareti e sbattendomi profondamente dentro. Ansimai e gridai mentre il mio orgasmo si avvicinava al culmine. Poi, come se fosse stato orchestrato, il cazzo dentro di me è uscito e ho sentito un vuoto di proporzioni assurde, tutte le dita, le mani, le labbra e le lingue si allontanavano da me. Stavo ansimando per l'orgasmo che era solo a un attimo dalla realizzazione. I miei occhi si spalancarono, cercando e supplicando silenziosamente.

Ho sentito un leggero "Sposta in senso orario".

Tutti si sono spostati. L'uomo alla mia sinistra, vicino al mio seno, si è mosso tra le mie gambe, mettendo i miei polpacci sulle sue spalle e sbattendo il suo cazzo nella mia figa spalancata e sbavante. Allo stesso modo le dita, le bocche, le labbra e le lingue si spostarono. Il mio corpo riprese la stimolazione, riacquistando rapidamente gli effetti che lo avevano messo in pausa per quei momenti. Ben presto ansimavo con la stessa disperazione e bisogno. La stimolazione dei miei capezzoli li faceva sentire anche a me come piccole estremità nervose strette sul mio seno. Il mio clitoride pulsava per l'attenzione e mandava scosse di eccitazione in tutto il corpo. Il tocco leggero sulle mie braccia, sulle fosse e sul fianco era una combinazione di solletico e carezza sensoriale. Il nuovo cazzo nella mia figa mi colpì con la stessa energia.

Ero di nuovo al culmine. Ancora un attimo ed esploderei. Quasi mi aspettavo che mi avrebbero deluso, di nuovo. Si fermarono tutti uno dopo l'altro e io gemetti per la mia frustrazione in attesa di un'altra fermata quando improvvisamente tutti mi portarono oltre il limite. Il cazzo dentro di me è esploso con un pesante getto di sperma, il mio clitoride è stato pizzicato e ogni capezzolo si è attorcigliato. Gemetti, gemetti e gridai mentre raggiungevo l'orgasmo in un rapimento straordinario.

Il mio corpo tremò per alcuni istanti e quando mi concentrai sugli uomini, ancora una volta, si erano spostati di nuovo. Nessuno era nello stesso posto e un nuovo cazzo era nella mia figa. Non rimase lì a lungo, però. Mi ha scopato la figa in modo profondo e violento, poi ha premuto ulteriormente le mie gambe verso di me per esporre il mio culo. Ho sentito il suo cazzo rivestito premere sul mio buco del culo. Mi scrutò il viso e io annuii in segno di approvazione. Lui sorrise e spinse la testa del cazzo oltre il mio sfintere. In un attimo mi stava inculando il buco del culo con la stessa energia. L'uomo in grado di stimolare il mio clitoride stava anche lavorando la mia figa vuota ma disordinata. Le sue dita che si muovevano dalla mia figa al clitoride fornivano una gradita lubrificazione al mio clitoride pulsante. Gli altri uomini ripresero l'attacco dalle mie altre parti.

Si sono scambiati in questo modo finché ognuno di loro non solo è venuto nella mia figa o nel buco del culo, ma mi ha portato con successo a cinque incredibili orgasmi.

Mi hanno aiutato a sedermi su una sedia, uno mi ha preso una bottiglia d'acqua e un altro mi ha drappeggiato una maglietta sulla parte superiore del corpo. Avevo gli occhi annebbiati e stordito. I suoni provenivano dalla mia bocca e potevo sentirli, ma niente aveva senso. Ero sostenuto saldamente sulla sedia da due uomini, uno mi baciava la fronte, l'altro mi accarezzava la spalla e il braccio.

Mentre i miei occhi cominciavano ad osservare la scena intorno a me, trovai Bill in piedi sulla soglia. Aveva un sorriso gentile sul viso mentre guardava i suoi ragazzi prendersi cura di me, poi iniziare a vestirsi per l'inizio della loro giornata lavorativa. Bill venne e si sedette con me al tavolo mentre i ragazzi passavano in fila, baciandomi la sommità della testa ed esprimendo i loro ringraziamenti.

Guardai Bill con la stanchezza visibile in tutto il corpo: “Wow! Quei ragazzi mi hanno lavorato come se fossero clienti abituali di film porno.

Bill rise: "Forse solo perché guardi troppo porno".

Uno dei ragazzi è rientrato ed è andato agli armadietti, tornando con un asciugamano che mi ha consegnato. Strizzò l'occhio: "Forse dovresti portare degli asciugamani... sai, per momenti come questo." Ho sorriso e l'ho ringraziato.

* * * * *

Ho usato la doccia e mi sono sentito strano per tutto il tempo. Era una zona doccia aperta con tre soffioni su ciascun lato, completamente aperta. Avevo la sensazione che stavo facendo qualcosa di brutto, come fare la doccia nello spogliatoio dei ragazzi, cosa che immagino fosse. Mi sono anche reso conto che ora tutti nella compagnia mi avevano visto nudo, quindi stare nelle loro docce non mi avrebbe ulteriormente esposto.

Sono scivolato sui tacchi e ho portato con me calze, reggiseno e mutandine mentre uscivo dalla sala da pranzo e attraversavo il negozio fino all'altra estremità in modo da poter attraversare il terreno asfaltato fino all'edificio degli uffici. Quella passeggiata per il negozio fu tutt'altro che discreta e silenziosa. Quelli che non lavoravano nella zona in cui sono passato si sono spostati dalla loro postazione di lavoro per formare una fila di apprezzamento con applausi e fischi. All'estremità opposta, mi sono voltato e ho fatto loro un elaborato inchino.

* * * * *

Mi sono allontanato dal monitor al suono della voce di Bob. “Bill ha riferito che stamattina ti sei allenato parecchio. Stai bene? Hai bisogno di un po’ di riposo prima…”

Sorrisi mentre mi appoggiavo allo schienale della sedia, con le gambe leggermente aperte nella posa casuale. "Prima del prossimo turno, vuoi dire?" Lui arrossì e annuì. "No... dormirò bene stanotte, però."

Si sedette sul bordo della mia postazione: "Sai che te lo chiederò spesso solo per essere sicuro... hai ancora voglia di farlo?"

Ho allargato le gambe e ho fatto scorrere un dito nella mia figa. Poteva vederlo iniziare a luccicare proprio davanti ai suoi occhi. "Apprezzo la tua preoccupazione, Bob, sia come capo che come amico." L'altra mia mano si è alzata fino a un capezzolo e l'ho accarezzato prima di realizzare che lo stavo facendo. Arrossii e lo guardai timidamente, ma non smisi quello che stavo facendo. “Ad essere sincero, non capivo davvero cosa ciò avrebbe comportato. Nessuno di noi lo ha fatto. Era semplicemente molto erotico ed eccitante. Ho detto che voglio cambiare e avere il cazzo che mi è stato negato e tu hai avuto l'idea di realizzarlo. Tirai fuori il dito dalla figa e me lo portai alla bocca mentre i nostri occhi si fissavano. Ho esagerato il movimento di succhiarmi il dito. “È tanto, non mentirò su questo. Quasi ogni giorno ci sono più partner, ma... e questo mi farà sembrare una troia sfrenata... lo adoro. È quello che volevo... quindi grazie."

Rise: "Ci sono altri 26 che ti ringraziano!"

Si voltò per tornare nel suo ufficio ma si voltò. "A proposito, questo è un nuovo codice di abbigliamento per te?"

Ho riso: "Beh, mi è piaciuta l'idea di Ted di poter scegliere il mio abbigliamento e cambiarlo per essere interessante. Ho iniziato la giornata con il "Giorno del reggiseno e delle mutandine" e a metà mattinata sono passato al "Giorno del nudo". Qualcuno si lamenta?"

"Oh diavolo no!"

* * * * *

Sono tornato al negozio un'ora e mezza prima dell'orario di chiusura. Indossavo ancora il mio abbigliamento da "Naked Day", il che significava che avevo i tacchi. I ragazzi dell'ufficio si sono divertiti molto con me. Dopo essere stato per ore nello spazio chiuso dell'ufficio, era molto sensuale anche solo camminare all'aperto attraverso lo spazio aperto del lotto pavimentato. L'avevo già individuato e c'erano poche linee di vista in cui sarei stato visibile fuori dalla proprietà dell'azienda... ma comunque.

La mia passeggiata per il negozio ha suscitato la stessa reazione di quando sono uscito la mattina. Le mie mani non erano vuote, però. I miei vestiti erano in ufficio ma portavo la posta diretta al negozio. Ciò significava che la posta veniva consegnata più tardi del normale, ma stavo combinando due attività. Stavo facendo la mia parte per migliorare la produttività, si potrebbe dire.

Ho lasciato cadere la posta sulla scrivania di Bill e lui ha scosso la testa. Ho chiesto cosa: “È difficile credere che sia già quell'ora del giorno. Darò ancora un po' di tempo prima di parlare con Bob, ma l'attenzione particolare che ho visto oggi in negozio è stata sorprendente. Anche durante le pause i ragazzi parlano di problemi e soluzioni”. Ho sorriso. "Non lo so, Patty, ma potrebbe davvero funzionare." I suoi occhi si spostarono sul mio corpo. "Spero che tu sia pronto perché questi ragazzi vogliono davvero che tutto questo continui." Mi sono spostato al suo fianco, ho aperto le gambe e ho indicato con gli occhi. Mosse timidamente un dito sulla mia figa, la tirò indietro e ne leccò via il succo.

"Sì, sono pronto!" Ho sorriso. “Quando sono nella mia camera da letto a pensare a quale vestito oltraggioso indossare e mi sto già bagnando. Non posso credere di parlarvi in ​​questo modo, ragazzi." Ho lasciato il suo ufficio, dando al mio culo nudo un piccolo movimento in più.

Sono stato raggiunto tra l'ufficio di Bill e la sala da pranzo da quelli che pensavo fossero i successivi cinque ragazzi. Ho allungato le braccia e ne ho portati due in mezzo al coro di fischi e fischi degli altri ragazzi sul pavimento.

Ero già nudo, quindi li ho guardati e ho aspettato che si unissero a me e non mi hanno fatto aspettare a lungo. Formarono uno stretto cerchio intorno a me e vidi, ancora una volta, come uno o due ragazzi sembravano prendere l'iniziativa, mentre gli altri erano disposti a seguirli. Sono caduto in ginocchio e mi sono spostato da un cazzo all'altro con uno in bocca e due tra le mani. Alla fine mi sono concentrato su due di loro per dare inizio alla festa.

Non passò molto tempo prima che mi aiutassero ad alzarmi in piedi e a piegarmi in avanti sul tavolo più vicino. Con il seno premuto contro il piano del tavolo, ho allargato i piedi per dare accesso al primo e lui l'ha preso. Con una mano sulla mia vita e l'altra che guidava il suo cazzo su e giù per la fessura della mia figa, trovò il mio buco e spinse in avanti, la sua mano sulla mia vita mi tenne al tavolo mentre premeva. Avanti e indietro, spingendo e tirando, il suo cazzo si muoveva dentro, tirava fuori e si muoveva ancora di più. Gemevo piano mentre spingeva il suo cazzo più in profondità dentro di me e l'ho sentito emettere suoni simili.

Una volta che si è seduto in profondità dentro di me, ho guardato di lato e ho trovato un altro cazzo duro vicino al tavolo. Gli ho fatto cenno di avvicinarsi e ho mosso il mio corpo sul tavolo per prendere il suo cazzo in bocca. Dopo un po', l'uomo nella mia figa spingeva forte e grugniva. Pensavo che sarebbe venuto per primo, ma l'uomo vicino alla mia bocca improvvisamente si è staccato dalle mie labbra e sapevo che quasi l'aveva perso, ma voleva anche la mia figa.

Ho sentito delle dita spesse sul mio clitoride e ho girato la testa per trovare un uomo diverso in ginocchio intento ad aumentare la mia eccitazione. Ho premuto le mani sul tavolo mentre il mio orgasmo aumentava e l'uomo che mi toccava premeva forte contro il mio clitoride mentre il cazzo dentro di me schizzava nella mia figa. Questo mi ha mandato oltre il limite e il mio orgasmo si è unito al suo. Ho gridato mentre lui gemeva, gemeva e grugniva ad ogni spruzzo del suo sperma.

L'uomo successivo ha semplicemente sostituito il precedente. Si è fatto avanti dietro di me ed è scivolato nel mio buco sbavando. Il terzo uomo mi ha chiesto di girarmi, cosa che ho fatto con l'aiuto degli ultimi due per stabilizzare il tavolo mentre mi giravo. Ognuno è entrato in me e sono tornato di nuovo alla terza scopata.

Gli ultimi due erano ragazzi grandi e forti, forse i più grandi che avessi mai visto in negozio, e hanno intrapreso un'azione drammatica. Se l'avessero già fatto prima o se avessero semplicemente risolto il problema tra loro mentre gli altri mi scopavano, non ne ero sicuro.

Uno mi ha sollevato sul tavolo, il suo cazzo si è fatto strada nella mia figa. L'altro ragazzo mi ha spostato di lato in modo che la mia testa sporgesse dal bordo. Ho spalancato la bocca obbedientemente e lui ci ha fatto scivolare dentro il cazzo. Dopo avermi scopato per un po' da entrambe le parti, quello nella mia figa ha spostato le mie gambe sulle sue spalle e mi ha afferrato sotto il culo. Quello nella mia bocca mi ha detto di afferrargli i bicipiti mentre mi teneva sotto le spalle. Poi, tutto è impazzito. Mi hanno sollevato in questo modo e si sono spostati di lato così sono rimasto sospeso in aria, tenuto da questi due uomini, i loro cazzi alle estremità opposte del mio corpo.

Hanno sviluppato una sorta di ritmo uno-due e io ho oscillato avanti e indietro tra loro. La mia figa è stata scopata e quella nella mia bocca si è spostata indietro mentre il mio corpo e la mia bocca lo seguivano. Quello che mi scopava in bocca e il ragazzo all'estremità opposta duplicavano ripetutamente il movimento di ritirata e scopata mentre il mio corpo oscillava in modo naturale tra di loro.

Poi si sono fermati. Mi chiedevo, incapace di chiedere, cosa stessero borbottando tra loro perché a quel punto il mio corpo e la mia mente erano davvero incasinati. Per alcuni istanti rimasi sospeso in aria con i cazzi fermi dentro di me, poi cominciarono goffamente a muoversi di nuovo. Questa volta è stato insieme, entrambi i cazzi si sono infilati nei miei buchi opposti, poi si sono tirati indietro e si sono spinti di nuovo dentro. Ho raggiunto l'orgasmo più volte prima di sentirli entrambi esplodere, riempiendo entrambi i buchi. Avevo lo sperma che gocciolava dalla mia figa e dalla mia bocca mentre continuavano a scoparmi per qualche istante prima di fermarsi e rimettermi sul tavolo. Giacevo ansimante. Le mie gambe erano appoggiate sul bordo del tavolo mentre erano spalancate e perdevano lo sperma di quattro uomini.

Lo sperma si è accumulato nell'orbita dell'occhio da ciò che mi era sfuggito dalla bocca e ne ho sentito un po' scorrere lungo il lato del viso e nei capelli. Ero debole ed esausto mentre mi sollevavano su una sedia. Mi hanno stabilizzato mentre uno di loro mi ha dato una bottiglia d'acqua. Stavo ancora respirando affannosamente tra un sorso e l'altro d'acqua.

Quando ho ripreso il controllo del mio respiro, ho guardato il tavolo e ho iniziato a ridacchiare.

Eravamo tutti seduti attorno al tavolo sorseggiando acqua e godendoci il momento. La mia risatina li sorprese. "Che cosa?"

"Mi spiace, non è quello che abbiamo fatto noi o te." Indicai il tavolo con la testa: "Chissà cosa penseranno gli addetti alle pulizie che sia successo qui?" Abbiamo riso tutti.

* * * * *

Un mese dopo, sono nella sala conferenze con Bob e i dirigenti. Oggi, ho deciso, era il "Negligee Day" e indossavo una bambolina nera e trasparente che era chiusa solo con un fiocco appena sotto il seno. Ad un certo punto della giornata, non mi sono preoccupata di rimettermi le mutandine abbinate. Ero seduto da un lato con Bill Clancy. Dall'altro lato del tavolo c'erano Stan Jacobs e Marty Adams. Bob era a capotavola.

Avevamo appena esaminato il numero di produttività e qualità per ciascun gruppo relativo alle ultime quattro settimane dall'implementazione del nostro esperimento. I numeri sono stati rivisti più volte per essere sicuri, ma sembravano corretti. Il nostro esperimento stava funzionando. L'incontro è stato programmato fuori orario per garantire la privacy durante la discussione dei numeri e una valutazione onesta di ciò che stava accadendo. A quanto pare, la preoccupazione non era giustificata. Il sentimento di orgoglio e di realizzazione per un periodo di successo di quattro settimane era rivolto a me.

“Patty, non puoi sapere quanto questo mi fa... sentire bene. Ciò che hai dato a questa azienda va oltre le parole”. Bob era espansivo e non sembrava giusto.

Alzai la mano per fermarlo. “Lo apprezzo, tutti voi. Presumo che ci sarà un aumento in arrivo con questi ringraziamenti. Risero, si controllarono a vicenda e annuirono. Non che ne abbia mai dubitato. Bob aveva da tempo detto che sarei stato incluso in una generosa partecipazione agli utili. “Ma sai che non sono solo io. Penso di essere la carota. Tutti in azienda erano motivati ​​e questo ha fatto la differenza”.

Marty rise: “Sì, erano motivati ​​per poter continuare a inseguire quella carota. Sei una carota da inseguire, Patty.

Ho sorriso con modestia, incuriosito data la situazione e le mie parole successive: "Grazie, ma tutto questo parlare di carote mi sta facendo venire fame di qualcos'altro a lungo e duramente".

Abbiamo concluso l'incontro con un'altra gangbang manageriale.

* * * * *

Dopo l'incontro, sono andato a casa per una doccia veloce e per indossare dei bei vestiti. Bob mi stava portando in un bel ristorante... di nuovo. Le nostre cene e il tempo trascorso insieme stavano diventando sempre più frequenti e naturali.

Lo guardai dall'altra parte del tavolo e lo trovai che mi fissava, con un sorriso gentile sul viso. Aveva un modo di percepire quando c'era qualcosa nella mia mente. Ho annuito.

"Ho sentito le ragazze ieri sera."

Lui annuì, facendo attenzione: "Come stanno?"

"Bene." Lo guardai, abbassai lo sguardo sul bicchiere di vino che avevo in mano. "Presto torneranno a casa per un lungo weekend."

Lui annuì, di nuovo. "È magnifico. È passato un bel po' di tempo, vero?"

Ho annuito questa volta. Lo guardai e arrossii mentre formavo le parole per dirlo. Ci eravamo sempre detti che eravamo “solo amici”. Era diventato una parte di noi, una presa in giro che condividevamo.

Mi sono schiarito la gola e ho bevuto un sorso di vino: "Vogliono incontrare l'uomo che ha creato un tale cambiamento in me". Lo guardai. "Ho provato a respingerlo, a dissiparlo come qualcosa nella comunicazione telefonica, ma mi conoscono meglio di così." Mi stava osservando da vicino, i suoi occhi perforavano i miei come se stesse cercando di leggere i pensieri dentro di me nel caso in cui le parole non uscissero.

Poi mi ha dato una via d’uscita: “Un uomo ha causato un cambiamento? Forse erano ventisei.»

Ho riportato il mio sguardo nei suoi occhi e l'ho visto lì. Gli angoli della sua bocca si sollevarono per un istante e si ripresero, i suoi occhi si velarono. Sorrisi arrossendo di nuovo. Con tutte le cose che abbiamo fatto nell'ultimo mese, come fa a farmi arrossire?

"No... è un uomo."

Lui ricambiò il sorriso.

FINE

-------------------------------------------------- ----

So che non è richiesto, ma apprezzerei un commento quando vengono espressi voti negativi a mio vantaggio nello sviluppo di queste storie. Grazie in anticipo.

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

412 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

2K I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1.1K I più visti

Likes 0

Futa nuda a scuola 08 - Futa birichina Bake Sale 2: Leann vende torte Futa

Futa nuda a scuola - La birichina Futa Bake Sale Capitolo due: Leann's vende torte Futa Di miopenname3000 Diritto d'autore 2019 La settimana di Leann Winthrop, sabato Ecco fatto, dolcezza, fece le fusa Skylar, uno dei bidelli futa. Le sue trecce bionde si riversavano sul suo viso giovanile. Rimasi senza fiato mentre mi stringeva il culo nudo. Il mio cazzo di futa pulsava mentre ricordavo il giorno prima, quando Ji-Min e io avevamo saziato i bidelli di futa con i nostri corpi. Avevano preso la ciliegia della mia figa mentre io gli succhiavo i cazzi e li prendevo nella mia fica...

767 I più visti

Likes 0

La prima volta di Ernie

La prima volta di Ernie. Ero un ragazzino di 13 anni e adoravo andare al venerdì sera Film, mi sedevo di sopra. proprio dietro, vicino a dove si trovava l'uomo gestivano i film, quella sera non c'erano molti al cinema e io ero seduto da solo, quando le luci si spensero un uomo di circa 20 anni si sedette accanto a me, pensai che fosse strano dato che c'erano molti posti liberi mentre si avvicinava e si sedeva accanto a me. Dopo un po' ha aperto un sacchetto di lecca-lecca e mi ha chiesto se ne volevo uno, “grazie” ho risposto...

638 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.