Michelle la vedova

92Report
Michelle la vedova

La vedova

Erano le 9 del giorno del funerale, George era morto improvvisamente e inaspettatamente per un infarto. Ha lasciato la moglie Michelle e due figli piccoli. George aveva gestito un'attività locale di vendita di prodotti informatici prima della sua scomparsa. Se la cavava piuttosto bene possedendo una grande casa e guidando sempre i modellini di auto più nuovi.

Michelle aveva solo 37 anni, era una mamma casalinga che aveva sempre condotto una vita facile grazie agli affari di George. Troppo giovane per essere vedova, continuava a dirle la gente. Sembrava ancora più giovane grazie alla sua preparazione atletica e ai lineamenti del viso giovanili; era alta 5 piedi e 3 con lunghi capelli castani. Era magra con un culo rotondo e fianchi ricurvi, quando si chinava tutti lo apprezzavano. Aveva un seno da 34c che completava magnificamente la sua figura.

Bussarono alla porta, Michelle si diresse verso di essa, chiedendosi chi potesse essere in quel momento. Il funerale non è iniziato prima delle 13:00 e sapeva che alcuni membri della famiglia sarebbero venuti da lei intorno alle 11:00. I bambini erano andati a casa di un amico per la giornata e avrebbero trascorso la notte a dormire.

Aprì la porta e Alfie era lì, Alfie era l'assistente di George al negozio di computer, aveva solo 22 anni ma era molto intelligente, era alto circa 6 piedi 1. Aveva i capelli corti e scuri ed era di corporatura media. Era stato molto attivo da adolescente, ma quando il suo sogno di sfondare nel calcio svanì a causa di un infortunio al ginocchio, ridusse la quantità di esercizio fisico e iniziò invece a concentrarsi sul lavoro. Aveva investito denaro in varie azioni e azioni. La sua ultima fonte di denaro era il bitcoin. Aveva avuto un discreto successo, ma gli piaceva lavorare con George, quindi aveva continuato così.

Michelle lo aveva incontrato qualche volta e il nuovo George pensava bene di lui. Aveva mantenuto attivo il negozio nelle ultime settimane, Michelle sapeva quanto bene conoscesse il negozio, quindi aveva senso.

Ciò che Michelle non sapeva era che Alfie aveva sviluppato per lei una cotta quasi da scolaretto, che divenne più forte nel corso degli anni. Quando era via si intrufolava nell'ufficio di George per vedere le sue foto sulla scrivania. La sua preferita era una foto delle vacanze estive che mostrava Michelle in un bikini rosso a due pezzi. Da quando George era morto, lui e alcuni altri ora risiedevano a casa sua.

“Ciao Alfie, entra.” Michelle ha detto.

Alfie entrò e andò in soggiorno, si sedette sul divano: "Mi dispiace essere arrivato così presto, soprattutto sapendo che giorno è ma è successa una cosa urgente". Uno sguardo preoccupato attraversò il volto di Michelle: "Ho controllato i conti e il negozio ha molti debiti".

"George non me ne ha mai parlato, quanto è grave?" chiese Michelle

"Ha chiesto un prestito alla banca quando il negozio era in difficoltà qualche anno fa", Alfie ha consegnato a Michelle una lettera, "È una richiesta di pagamento di £ 15.000 entro oggi, il saldo avrebbe dovuto essere saldato 2 mesi fa. Se non verrà pagato entro la chiusura delle attività di oggi, il negozio verrà chiuso e tutti i beni sequestrati", ha fatto una pausa per un momento, "C'è di peggio, ha anche ottenuto un secondo prestito sulla casa che scaderà presto."

“Questo non ha senso; George ha sempre soldi. Come pensi che potremmo vivere qui e guidare quella Mercedes là fuori?"

«Il mutuo della casa è in sospeso, ma da quello che vedo non ti hanno ancora cacciato. Le auto erano sempre con piani di acquisto rateale. L’attività ha avuto difficoltà da quando la grande azienda si è trasferita nel settore della vendita al dettaglio e George non è andato al passo con i tempi come gli avevo consigliato di fare”.

"15.000 sterline, dove diavolo dovrei trovare 15.000 sterline con così poco preavviso, in tutta onestà non credo che potrei ottenerle con un mese di preavviso." Ha affermato con tono stressante. “Cosa dovrei fare Alfie?”

Alfie guardò Michelle nel suo stato di panico, rimase lì vestita con una gonna nera al ginocchio e una camicetta bianca, "Non sono sicuro che Michelle abbia risposto, il negozio sta andando bene adesso ma non c'è abbastanza vicino per coprirlo."

"Forse posso provare a ottenere un prestito, ma non ho tempo oggi."

George rispose: "Non credo che presteranno a una mamma casalinga rimasta vedova di recente quella somma di denaro, Michelle".

"Bene, puoi suggerire qualcosa?"

Alfie iniziò a mettere in atto un piano nella sua testa, voleva scopare Michelle ormai da qualche anno: "Forse posso ottenere dei soldi per darti un prestito". Ha dichiarato cercando di sembrare utile: "L'unico problema è che è in azioni, quindi dovrei tirarlo fuori perdendo soldi".

Michelle fece una pausa; aveva un disperato bisogno di soldi, ma prendere in prestito da Alfie non le sembrava giusto, soprattutto considerando quanto le era stato utile nelle ultime settimane. Poi pensò di perdere il negozio e tutte le sue scorte. "Potrei dover accettare l'offerta, se sei sicuro che sia ok?"

"Certo che lo è, ma saranno necessari alcuni accordi per il prestito."

"Tipo cosa?" chiese Michelle.

“Oggi posso ottenere £ 15.000 da un investimento che ho e saldare il debito con la banca. Perderò gli interessi, quindi avrei bisogno di qualche tipo di servizio in cambio. Egli ha detto.

"Servizio?" Michelle lo interrogò.

"È semplice Michelle, voglio che tu sia il mio FWB finché il prestito non sarà ripagato." Lui rispose con un sorrisetto stampato in faccia.

"Cos'è un FWB?"

"È un amico con benefici Michelle."

Uno sguardo scioccato attraversò il viso di Michelle. "Che tipo di benefici?"

“Dato che sono creditore, quello che voglio, quando voglio. Sta a te decidere se vuoi essere d'accordo o no."

"Vuoi dire sesso, giusto." affermò, ora arrabbiandosi.

"Sesso, fare l'amore o semplicemente scopare come vuoi chiamarlo per farti sentire meglio."

"È disgustoso Alfie, George ti ha pensato così tanto e ora hai messo sua moglie in una posizione come questa", Michelle stava cercando di supplicare il suo lato più dolce.

"Michelle, voglio metterti in parecchie posizioni", ha scherzato. “Questa è l’offerta, sto perdendo un sacco di soldi ritirando l’investimento per aiutarti. Per quanto mi riguarda, sto aiutando anche George a sistemare il caos in cui ha lasciato la sua famiglia”.

Michelle si sedette sul divano riflettendo sulle opzioni, in effetti su quali opzioni esistessero davvero, perdere tutto o darsi ad Alfie. “Ok, una volta saldato il debito, ti lascerò dormire con me una volta e basta!”

Alfie ridacchiò "No, l'accordo è in corso fino a quando il debito non sarà saldato e avrò anche bisogno di provare che mantieni la parola data", aprì la cerniera e tirò fuori il cazzo, "Dai Michelle, è il momento di decidere."

Fissò incredula la dimensione del suo cazzo, era grasso e lungo almeno 8 pollici. Era sempre stata con George ed era alto solo 5 pollici. Michelle sapeva però che doveva farlo, non poteva perdere l'attività, la casa, l'auto e praticamente il suo sostentamento. Non è solo questo, ha anche 2 bambini piccoli a cui pensare. Questi pensieri le attraversarono la mente mentre si avvicinava ad Alfie.

Lei era seduta fianco a fianco e gli prese il cazzo poi cominciò a masturbarlo, dapprima lentamente, poi sempre più velocemente sperando di farlo venire velocemente. "Mettitelo in bocca!" Alfie ha ordinato "quanto più possibile".

Michelle si chinò per prendere la sua virilità in bocca, Alfie allargò le gambe e guidò il suo corpo sulle ginocchia tra le sue. Guardandolo con occhi innocenti, implorò "per favore, non farmi fare questo, arriviamo a qualche altro accordo per saldare il debito".

Alfie la guardò, era così bella inginocchiata davanti a lui con il suo cazzo in mano, "Puoi ancora tirarti indietro se vuoi, ma è l'unico modo per aiutarti finanziariamente", fu la sua risposta. Michelle sapeva di non avere scelta.

Lentamente aprì la bocca e cominciò a prendere il suo cazzo dentro. Iniziò a succhiare e leccare la metà superiore della sua asta. Alfie lo adorava; era come se il Natale fosse arrivato prima. Per quanto si stesse godendo il pompino, voleva che lei prendesse il suo cazzo più a fondo. Stava giocando solo con 4 pollici, ce n'erano almeno altri 4.

Le mise le mani ai lati della testa e le fece scivolare in avanti, intrecciando le dita attorno alla parte posteriore della sua testa. Delicatamente iniziò a tirarla ulteriormente sul suo cazzo. Michelle ha provato a tirare indietro la testa ma lui non la lasciava andare. Poi gli ha afferrato il cazzo e se lo è tolto dalla bocca. "Cosa stai facendo cercando di soffocarmi o qualcosa del genere!" Michelle affermò con rabbia.

"Stai zitto e riprenditi, fidati di me, puoi prenderlo e se tocchi di nuovo il mio cazzo con le mani l'accordo è saltato," rispose mentre rimetteva il cazzo nella sua bocca e le prendeva di nuovo la testa . Questa volta, però, le tenne ferma la testa e iniziò a spingerle in bocca, dopo un po' iniziò di nuovo a tirarle la testa in avanti per incontrare le sue spinte.

Un sorriso gli attraversò il viso quando Michelle iniziò a vomitare il suo campanello colpendole la parte posteriore della gola. Lui le allontanò la testa e si divertì nel vedere i grossi rivoli di saliva che collegavano il suo cazzo alla sua bocca. Rientrò nella sua bocca tenendole stretta la testa e lentamente spinse la sua asta più in profondità che poteva. I conati di vomito provenienti da Michelle lo incoraggiarono di più, ma quell'ultimo centimetro non se ne andò.

Tenendole la testa, con il cazzo sepolto nella sua bocca e nell'entrata della gola, si spostò in avanti sul divano e si alzò. Quindi iniziò a spingere in modo aggressivo dentro e fuori dalla sua bocca, ogni 3 o 4 colpi la teneva ferma mentre cercava di seppellire tutta la sua lunghezza nella sua gola. Dopo circa 5 minuti, con la saliva che le colava dal mento e le lacrime dagli occhi, Michelle sentì il suo naso schiacciato tra i suoi peli pubici e le sue palle che le si contendevano il mento.

"SÌ!" gridò Alfie mentre la teneva ferma prima di uscire e sedersi di nuovo. Michelle colse l'occasione per respirare correttamente al proprio ritmo di controllo. Mosse le gambe in modo che Michelle fosse inginocchiata al suo fianco. Iniziò a tirarle indietro la testa verso il suo cazzo ma lei non era abbastanza alta. Lei salì sul divano e ora si era appoggiata su di lui. “Stai imparando velocemente”, ha detto. Lei lo guardò con cattiveria negli occhi ma non disse nulla.

Alfie non apprezzò lo sguardo che aveva appena ricevuto e le afferrò una ciocca di capelli attorno alla sommità della testa. La sua seconda mano le afferrò la parte posteriore del collo e ancora una volta le spinse il cazzo in bocca. Questa volta però non ci fu modo di fermarlo. Lui spinse con vera potenza e spinse forte la sua testa in ritmo l'uno con l'altro.

Michelle stava cercando di staccarsi da lui ma inutilmente, lui si fermò improvvisamente, tutta la sua lunghezza nella sua gola e "aaaarrgh" gemette mentre le spruzzava fiumi di sperma in gola. Appena si sentì finito, la lasciò andare. Mentre gli toglieva il cazzo un fiotto di saliva marinara scorreva dalla sua bocca lungo il cazzo e sui pantaloni. "Cazzo, puttana disordinata, devo andare a casa e cambiarli adesso."



Michelle riprese fiato, il mascara le colò sul viso, "Non sono una troia, non mi hai lasciato scelta ora. Vai e basta, Alfie, hai ottenuto quello che volevi."

"No, non ancora, voglio provare qualcosa prima di andare." Prese in braccio Michelle, la fece rimettere in ginocchio e la appoggiò in avanti sul divano. "Adesso resta fermo, non ci vorrà molto."

Le tirò su la gonna sul sedere e gliela arrotolò intorno alla vita, poi procedette a farle scivolare le mutandine lungo le cosce fino alle ginocchia. Si guardò alle spalle: "per favore, no Alfie, la mia famiglia arriverà presto".

"Non preoccuparti, ti ho detto che stavo solo testando qualcosa e finora sei passato, non ti scoperò, lo terrò per dopo." Lui le aprì le ginocchia e fece scivolare le mani sulla sua presa, era bagnata e questo gli fece sorridere. "Sei pronto per questo?"

"Sbrigati, per favore, ti prego, la mia famiglia sarà qui presto." Pregò in fretta.

Detto questo ha infilato 2 dita nella sua figa e ha iniziato a guidarle dentro e fuori con ritmo, Michelle ha iniziato a gemere, si sentiva male ma era da un po' che non veniva toccata lì. Alfie appoggiò la testa contro la zona del coccige e le fece sbavare un po' di saliva sull'ano. Aveva l'indice e l'anulare nella sua figa e ha iniziato a spingerle l'indice nel buco del culo.

"Nooo", gemette Michelle, "George non è nemmeno mai andato lì."

"Questa è la sua perdita allora." Continuò a spingere dentro e fuori dai suoi buchi. Con la mano libera ha afferrato il telefono per scattare un selfie ricordo. Ha fatto un paio di foto. All'improvviso Michelle ha iniziato a gemere, quindi ha iniziato a spingerla più velocemente nei suoi buchi.

"Ooooooohhh" tremò quando iniziò il suo orgasmo e le sue ginocchia cedettero.

"Guardami velocemente, voglio vedere la tua faccia mentre vieni." Si guardò di nuovo alle spalle e fu sorpresa di vedere il suo telefono. "Sarà il migliore."

Fece scivolare le dita dai suoi buchi e si alzò. Si chinò e le diede un bacio sulla nuca, "è stato fantastico, non vedo l'ora che arrivi la prossima volta."

Michelle si alzò dal divano e iniziò a sistemare i suoi vestiti, "cancella quelle foto, per favore". Poi ha sentito il suono del suo telefono. Si avvicinò al tavolo e lo prese. Era un messaggio di Alfie. "Che cos'è questo?" disse, poi la guardò, era la foto che aveva appena scattato. La mostrava piegata sul divano con le dita di Alfie nei suoi buchi, lui sorrideva alla telecamera e il suo viso mostrava segni di divertimento sullo sfondo.

"Perché dovrei eliminare una foto così meravigliosa, ti cattura durante l'orgasmo, guarda quanto sei bello." Afferrò la sua giacca: "Devo andare a sistemare questi soldi e cambiarmi i pantaloni, ci vediamo in chiesa, potresti dover sistemarti anche se penso di sentire la tua famiglia scendere dall'auto"

Michelle, presa dal panico, corse velocemente in bagno per pulirsi il viso, Alfie aprì la porta coprendosi i pantaloni macchiati con la giacca. "Entra e ha detto: Ciao, sono Alfie, ho lavorato con George, sono passato solo per vedere se Michelle aveva bisogno di qualcosa." Si presentò con calma.

“Ciao, sono Mary e questo Dave erano i genitori di Michelle; Ricordo che George ti ha menzionato in passato. Ha detto che eri un ragazzo così gentile e sempre molto disponibile” rispose sua madre

"È bello da sentire, mi mancherà ma ho davvero bisogno di andare, ho alcune cose da sistemare al negozio prima dell'inizio del funerale. Michelle è appena andata in bagno, è piuttosto emozionata e ha bisogno di rinfrescarsi. Poi se n'è andato lasciando i genitori di Michelle e alcuni altri membri della famiglia nel soggiorno.

Michelle uscì dal bagno, il bianco dei suoi occhi era rosa pallido e il mascara le colava lungo le guance, ma si era tolta lo sperma e la saliva dal mento. Sua madre pensava che stesse piangendo perché il funerale si sarebbe svolto oggi. La famiglia l'ha aiutata a prepararsi e alla fine è partita per la chiesa.

Nel frattempo Alfie stava mettendo insieme i piani, ora aveva Michelle dove voleva, lei era sua. Cominciò a chiedersi se avrebbe potuto trarne profitto. Era una cosa in cui Alfie era un maestro, fare soldi, alcune idee gli passarono per la testa ma alla fine scelse l'idea di vendere azioni di Michelle.

Conosceva alcuni ragazzi che aveva aiutato a fare buoni investimenti in passato. Sapeva che alcuni di quei ragazzi erano pervertiti quanto lui, cercò di pensare a una coppia che fosse entrambe le cose. Alla fine ha optato per 2 ragazzi, James e Mark. Erano entrambi single e avevano soldi da buttare. Li aveva aiutati entrambi con ottimi consigli sui bitcoin prima che diventassero globali, entrambi avevano realizzato buoni profitti quando avevano incassato. Li aveva anche visti spendere migliaia di sterline negli strip club.

Li ha contattati entrambi separatamente e ha spiegato la sua proposta, £ 10000 e potranno condividere Michelle con lui per 1 anno. Possono fare quello che vogliono con lei, Alfie organizzava gli incontri, sapeva che aveva dei bambini piccoli quindi non potevano semplicemente presentarsi ogni volta, ma doveva assicurarsi che valessero i loro soldi. Ha spiegato che non glielo aveva ancora detto e che se non avesse accettato il gioco li avrebbe rimborsati immediatamente. Nemmeno con lei si doveva discutere di soldi. Erano entrambi interessati ma volevano la prova che fosse reale e le foto del prodotto. Ha inviato loro la foto con il suo bikini rosso e il selfie di quel giorno. L'accordo è stato concluso.

Nel giro di 30 minuti sul suo conto bancario c'erano £ 20.000. Ha saldato il prestito bancario di George e allo stesso tempo ha guadagnato £ 5000. Ha concordato con i ragazzi che avrebbero potuto fare la prima sessione quella sera, li avrebbe contattati più tardi per comunicare l'ora e il luogo. Poi si preparò e si diresse al funerale. Adesso aveva solo bisogno di capire come allontanarla da tutti alla fine della veglia funebre.

La veglia funebre si sarebbe tenuta in una sala funzioni annessa a un hotel. Lui telefonò all'hotel e fece una prenotazione per quella notte. Adesso aveva una sede; aveva solo bisogno che il resto andasse liscio. Avrebbe mandato un messaggio a James e Mark con il numero della stanza non appena avesse potuto effettuare il check-in.

Si è diretto in chiesa per il funerale. Arrivato appena in tempo, si fece strada nella navata. Si sedette sul lato della panchina aspettando l'ingresso della bara di George e dei membri della famiglia. La musica iniziò a suonare e procedettero i portatori con la bara. Tutti si alzarono e potevi sentire il pianto di alcuni mentre le lacrime cominciavano a scorrere.

Michelle poi passò accanto a sua madre e sua suocera ai suoi lati, non aveva notato Alfie, ma lui l'aveva sicuramente notata mentre le osservava il culo per il resto del cammino lungo il corridoio. Indossava un vestito nero che le abbracciava strettamente il corpo e una giacca nera. Osservò il suo sedere scivolare con grazia da un lato all'altro.

Mentre si sedeva, si tolse la giacca per rivelare l'abito nero a maniche lunghe che aveva deciso di indossare. Era fantastica, il suo corpo atletico si adattava perfettamente al vestito e mostrava le curve della sua figura straordinaria.

Il prete ha aperto i lavori, Michelle ha parlato del suo amore per George e di come non avrebbe mai potuto essere sostituito attraverso fiumi di lacrime. Alcuni altri si alzarono per parlare, incluso Alfie. Alfie ha parlato del suo rispetto per George e di come sarebbe sempre stato lì per la sua famiglia. Il prete concluse il funerale, cominciò a suonare la musica e la bara fu portata al cimitero. Una volta terminato tutto, le persone in lutto si sono dirette nella sala funzioni per la veglia funebre.

Alfie era in giro nel parcheggio ad aspettare quando è stato avvicinato dai genitori di George: "Sono state delle parole adorabili, grazie," ha iniziato la mamma di George "Michelle vuole un po' di tempo da sola, puoi andare alla veglia funebre, la porteremo noi." Presto."

"Grazie, tuo figlio era un uomo meraviglioso, sarò eternamente grato per quello che mi ha dato, ma voi ragazzi andate avanti, non mi dispiace aspettare Michelle, quando sarà pronta la prenderò io." Accettarono e partirono per la loro strada, lasciando Alfie da solo nel parcheggio e Michelle sulla tomba del suo defunto marito.

Aspettò circa 15 minuti poi si diresse verso il punto in cui si trovava Michelle. Lei era in ginocchio e piangeva. Lui le si avvicinò silenziosamente e le mise una mano sulla spalla. Inizialmente aveva altre intenzioni ma decise che non era quello il posto giusto. "Quando sarai pronto ti porterò in giro per unirmi a tutti alla veglia funebre, ho anche sistemato il prestito bancario ma c'è un piccolo cambiamento da programmare, vieni quando sei pronto."

Michelle rimase un po' sorpresa da questo, dopo quello che era successo prima, non si aspettava di vedere questo lato di lui. "Grazie Alfie, sarò lì a breve", rispose dolcemente.



Alfie tornò alla sua macchina ad aspettare, i suoi pensieri gli giocavano brutti scherzi, se avesse provato qualcosa per divertimento, per vedere cosa era disposta a fare. No, aveva ragione, non era né il momento né il luogo giusto, il momento e il luogo giusto erano più tardi, quella sera, nella camera d'albergo.

Alfie era seduto nella sua macchina aspettando l'arrivo di Michelle, ha iniziato a guardare le foto sul suo telefono. Poteva sentire il suo cazzo crescere nei pantaloni. A quel punto Michelle salì sul sedile del passeggero. "Grazie per avermi aspettato, sono pronta a partire quando lo sarai tu", ha detto.

Alfie ha risposto “ok, ma ho bisogno che tu mi tenga qualcosa mentre andiamo in giro. Spiegherò anche la modifica del contratto di prestito”.

"Tenere cosa?"

Alfie si aprì la cerniera dei pantaloni e fece scivolare fuori il cazzo "Questo, e sentiti libero di massaggiarlo, ci vorranno 15 minuti per arrivare alla veglia funebre." Michelle allungò la mano prendendogli il cazzo e iniziò lentamente ad accarezzarlo su e giù. "È fantastico, devo potermi concentrare anche sulla guida."

"Sbrigati", lo esortò lei non volendo che la cosa richiedesse così tanto tempo, dopo un momento di silenzio chiese "allora cosa è successo con la banca?"

"Non sono riuscito a prelevare tutti i fondi da nessuno dei miei investimenti, quindi ho dovuto chiedere a un paio di ragazzi che conosco di acquistare alcune azioni da me, cosa che ha liberato il capitale che mi ha permesso di ripagare il prestito .” Alfie voleva che sembrasse tutto bancario, sapendo che Michelle lasciava tutto quel genere di cose a George.

"Oh, ok, allora dove mi porta questo?"

“Non preoccuparti, ti spiegherò più tardi quando avremo più tempo. Ora so che i bambini sono via, quindi piuttosto che tornare in una casa vuota, vorrei che restassi con me stanotte.

"È molto premuroso da parte tua, Alfie, ma starò bene."

“Mi spiace, forse ho espresso male la frase, non era un'offerta, come parte del nostro accordo starai con me stanotte. Non preoccuparti, ho prenotato una stanza in hotel. Una volta che tutti gli altri se ne saranno andati, potremo continuare. Ora so che ti stai divertendo, ma metti via il cazzo che ci siamo quasi.

Michelle ha rimesso il suo cazzo nei pantaloni e gli ha chiuso la cerniera dei pantaloni, "dai Alfie, per favore, non oggi, voglio solo finire questa cosa e farla finita forse tra un paio di giorni."

"Nessuna possibilità Michelle, ho sistemato tutto quindi non devi preoccuparti, stasera sarà divertente, potrebbe essere quello di cui hai bisogno." Alfie le sorrise mentre parcheggiava la macchina.

Michelle scese e si diresse direttamente verso la sua famiglia e i suoi amici. Alfie si diresse all'hotel per fare il check-in. Una volta completato, fece in modo che James ritirasse da lui la chiave della camera di riserva. Ha concordato con i ragazzi di essere nella stanza per le 22:00 e di entrare tranquillamente. Tutto era pronto, ora doveva solo lavorare su Michelle perché non voleva ripagare le 20.000 sterline.

Erano quasi le 18:00, la maggior parte degli ospiti aveva espresso le proprie condoglianze, aveva bevuto un drink o due in memoria di George e se n'era andato. Erano rimasti solo pochi membri della famiglia. Michelle ha detto loro che era esausta e che si sarebbe sdraiata. Ha spiegato come Alfie le aveva preparato una stanza in modo che non dovesse tornare a casa in una casa vuota, ha ringraziato tutti per essere venuti e si è diretta nella stanza.

Ancora una volta Alfie si ritrovò al centro dell'attenzione per quanto fosse un ragazzo buono e premuroso. Spiegò che era il minimo che potesse fare per George, era felice di aiutarlo a prendersi cura di sua moglie nel momento del bisogno. Il padre di Michelle lo ha ringraziato personalmente e gli ha offerto un passaggio a casa, ha inventato una storia su un amico che sarebbe venuto a prenderlo presto. Il resto della famiglia poi se ne andò.

Alfie salì in camera e disse a Michelle che aveva prenotato un tavolo al ristorante dell'hotel per le 19:00. Ha accettato di unirsi a lui. Le offrì un pasto di 3 portate a sua scelta e ordinò una bottiglia di vino rosso. Hanno condiviso il rosso ma Alfie ha continuato a riempire il bicchiere di Michelle assicurandosi che ne avesse la maggior parte. Erano ormai le 21:00 e il pasto era finito, Michelle aveva bevuto facilmente 2 terzi della bottiglia e poi un bicchiere extra di vino rosso una volta finito.

Si sentiva un po' stordita mentre cominciava ad alzarsi. Dopo aver saldato il conto, la riaccompagnammo nella stanza. Una volta nella stanza Alfie iniziò a spogliarsi mentre Michelle prendeva un bicchiere d'acqua. Si sentiva ancora piuttosto alticcia, Alfie aveva voluto che fosse così nella speranza che questo l'avrebbe resa più aperta al pensiero di lasciare che i ragazzi si unissero più tardi. Se fosse stata troppo ubriaca, sarebbe svenuta, il che sarebbe stato un fallimento, se fosse stata completamente sobria, avrebbe dovuto ordinarglielo, il che potrebbe portare tutti i dettagli dell'accordo davanti ai ragazzi. Finora il suo piano aveva funzionato.

Michelle posò il bicchiere d'acqua e si voltò per vedere Alfie già nudo sul letto che si accarezzava il cazzo, "qualcuno è appassionato", disse con un leggero insulto. "Suppongo che dovrei fare lo stesso."

«A dire il vero mi piacerebbe vederti spogliarti. Voglio che tu lo faccia lentamente per me. Ha tirato fuori il telefono e ha messo un po' di musica mentre iniziava a registrare Michelle, ha posizionato il telefono sul tavolino assicurandosi che Michelle fosse ben visibile dalla telecamera.

"Striscia? Come una specie di puttana in un club per gentiluomini?" Michelle lo interrogò con una punta di contegno.

"Esattamente, stasera sei la mia piccola puttanella sexy e questo è il mio club, fammi vedere cosa può fare quel bel corpo."

Michelle si stava stranamente eccitando; non era abituata a essere definita sexy o bella e non le era mai stato chiesto di spogliarsi prima. Il vino funzionava come previsto, le sue inibizioni si stavano abbassando. Ha provato a ricordare film con scene di spogliarello ma non le veniva in mente nulla, quindi ha optato per la musica.

Iniziò lentamente a dondolarsi da una parte all'altra sui fianchi, ballando elegantemente sul posto. Si voltò per allontanarsi da Alfie piegandosi dalla sua vita mantenendo le gambe dritte. Facendo movimenti circolari con il sedere Alfie lottò per non prenderla lì per lì. Il suo culo era fantastico mentre scivolava sessualmente davanti agli occhi di Alfie. Si guardò indietro per assicurarsi che Alfie si stesse godendo lo spettacolo.

Alfie poi le fece cenno di iniziare a togliersi i vestiti. Si lasciò cadere la giacca dalle spalle, la lasciò cadere dalle sue braccia e lungo la schiena fino al pavimento. Iniziò quindi a togliersi il vestito, prendendolo dal basso vicino alle ginocchia e sollevandolo lentamente verso l'alto, continuando a dondolarsi da un lato all'altro. Quando raggiunse il sedere, si allontanò di nuovo da Alfie, si fermò per un momento, guardò indietro sopra la sua spalla e poi si sollevò per rivelare il suo culo perfettamente a forma di pesca, coperto da un paio di mutandine di pizzo nero.

Poi si voltò verso di lui e continuò ad arrotolarsi il vestito su tutto il corpo. Iniziò di nuovo a dondolare i fianchi e a girarsi lentamente. Lentamente rivelò la pancia e la schiena, ancora una volta si fermò proprio mentre stava per rivelare il seno. Guardò Alfie dritto in faccia poi sollevò il vestito sopra il seno, sopra la testa dalle braccia e lo lasciò cadere a terra, questo rivelò un reggiseno abbinato alle sue mutandine.

Poi si rese conto che ora si trovava in una stanza d'albergo in reggiseno e mutande con il giovane apprendista del suo defunto marito che aveva appena seppellito quel giorno. "Oh mio Dio, cosa sto facendo?" si chiese mentre riprendeva la giacca per cercare di coprire parte del suo corpo.

"Ti stai divertendo, tesoro, ora vieni e ricomincia lo spettacolo, eri bellissima mentre rivelavi il tuo corpo sexy." Michelle era ancora un po' titubante. "Hai fatto un accordo, ho mantenuto la mia parte dell'accordo, ora tocca a te", ha dovuto ricordarle Alfie "Ti rendi conto in questo momento, avresti potuto essere senza un soldo e senza casa se non fosse stato per me e i miei investitori."

“Investitori? Ne hai parlato prima." Ha chiesto: "In cosa hanno investito esattamente?"

“Te mia cara, se non avessi potuto pagare il prestito, avresti perso tutto. Non sono riuscito a ottenere i soldi in tempo, quindi ho chiamato alcuni amici che sapevo avrebbero potuto aiutarmi. Lui rispose con calma: "Hanno accettato, ma in cambio devo condividerti con loro".

"No no no, non mi prostituirò con uomini a caso, l'accordo è saltato!" rispose con rabbia.

"OK." Alfie rispose di nuovo con calma

"È facile, non c'è alcuna reazione negativa?"

“Certo che ci sarà, dovrò restituire loro i soldi dal conto aziendale immergendoli in uno scoperto e la banca riprenderà possesso della tua attività e della tua proprietà poco dopo. Se questo è quello che vuoi?"

“No, non lo voglio, George ha lavorato tutta la vita per far funzionare quell’attività e non posso perdere la nostra casa. Sicuramente c'è qualcos'altro che posso fare?"

“Purtroppo no, le finanze erano così cattive che ho dovuto prendere tutti gli accordi possibili. Avevo bisogno di aiutare te e i bambini. Adesso dipende da te cosa vuoi fare.

"Non ho davvero scelta, non posso perdere tutto."

"Quindi farò sapere a James e Mark che l'accordo è sicuro, se è quello che vuoi."

“Sì, farò di tutto per mantenere un tetto sopra la testa dei miei figli”.

"Sei una madre meravigliosa, ora metti giù quella giacca, mettiti a quattro zampe, striscia verso il mio cazzo e succhialo profondamente."

Michelle obbedì alla richiesta di Alfie e si fece strada a quattro zampe verso il suo cazzo, quando raggiunse il letto, sollevò la testa e trovò il suo cazzo puntato dritto alla sua bocca. Lo prese in mano e cominciò a masturbarlo poi se lo infilò lentamente in bocca. Alfie sorrise quando sentì la sua lingua rotolare attorno al suo cazzo. Stava andando da circa 5 minuti quando la porta si aprì ed entrarono James e Mark.

Michelle non se ne era accorta ma Alfie sì, fece loro cenno di stare zitti e di spogliarsi. E lo hanno fatto. Alfie poi sollevò la testa di Michelle dal suo cazzo e le disse di alzarsi. Anche lui si alzò e la baciò appassionatamente mentre le stringeva forte le natiche.

Si interruppe dal bacio "È ora di incontrare James e Mark." Disse girandola. Michelle guardò i due uomini e il suo sguardo fu immediatamente attratto dai loro cazzi, entrambi lunghi circa 9-10 pollici, entrambi eretti e che la fissavano direttamente.

I 3 uomini si sono riuniti attorno a Michelle e hanno iniziato a strofinarle le mani su tutto il corpo. Lei si vergognava ma sapeva che avrebbe dovuto soddisfare i desideri di questi uomini per mantenere la sua vita come piaceva a lei. Mark le slacciò il reggiseno, glielo fece scivolare lungo le braccia e lo gettò in un angolo. James nello stesso momento le stava lentamente togliendo le mutandine, in pochi minuti era completamente nuda in una stanza d'albergo con l'assistente del marito defunto e 2 sconosciuti pronti a fare qualunque cosa le fosse stato detto di fare.

Sentì delle mani sulle sue spalle che la spingevano giù, cadde in ginocchio. "1 in bocca e 1 in entrambe le mani in ogni momento", ha detto Mark, "sarai molto impegnato stasera."

"Non vedevo l'ora di farlo tutto il giorno", ha continuato James. "Adesso scegli un cazzo e inizia a succhiare."

Michelle prese il cazzo di Alfie in bocca e iniziò ad accarezzare i cazzi di James e Marks allo stesso tempo. Incerta sul motivo per cui aveva scelto Alfie per primo, forse per il fatto che lo aveva già succhiato prima. Una cosa che pensava tra sé era che aveva bisogno di prendere il controllo della situazione in cui si era trovata. Sfortunatamente per Michelle non sarebbe stato così.

James e Mark iniziarono ad infastidirsi per il ritmo lento di Michelle. "Muovi le mani più velocemente e ingoia quel cazzo!" affermò James con rabbia. Poi le mise le mani sulla parte posteriore della testa e iniziò a spingerla in avanti sul cazzo di Alfie.

"James, ricordi quella ragazza asiatica che abbiamo condiviso in vacanza qualche anno fa?" chiese Marco.

"Oh cazzo, sì", rispose, poi indicò il reggiseno nell'angolo. "Stai pensando quello che sto pensando?" chiese a James.

"Lo spero." Mark rispose e andò a prendere il reggiseno. "Metti le mani dietro la schiena!" ordinò a Michelle che fece come le era stato detto. Ha poi proceduto a legarle i polsi insieme al reggiseno. "Le tue mani erano piuttosto inutili comunque." Lui continuò.

James quindi bordò Alfie di lato e mise il suo cazzo nella bocca di Michelle. Afferrò la testa usando una mano su entrambi i lati e bloccando le dita dietro la schiena. Ha quindi iniziato a scopare la bocca, "È molto meglio".

Ha iniziato a scopare più forte e più in profondità nella sua bocca, ora entrando nella sua gola. Michelle tirò la testa via e giù per liberarsi. "Fuck Sake, prendilo facile, ho bisogno di respirare per l'amor di Cristo", ha spruzzato.

"Puoi respirare il cambio di cazzo, ora rimettilo in bocca ed essere una brava bambina", ha detto James.

Michelle lo riportò in bocca, le prese di nuovo la testa e presto le fumava ancora una volta la gola. Dopo pochi minuti si tirò fuori e lasciò il posto a Mark. Mark aspettava che smettesse di tossire e poi ripeté ciò che James le aveva appena fatto. Dopo alcuni minuti si tirò fuori lasciando entrare Alfie. Si formò una linea corta e continuarono a scambiare dopo pochi minuti ciascuno in lei.

Questa svolta è proseguita per quasi 20 minuti, i bianchi degli occhi di Michelle avevano iniziato a rosarsi e il suo viso era imbevuto di lacrime e saliva. Questa volta, però, mentre Mark usciva e lasciava entrare Alfie in bocca si inginocchiò dietro Michelle.

Mark allungò la mano e le passò la mano sul mento raccogliendo lì la drollata, poi mise la mano coperta della saliva tra le gambe e iniziò a strofinare il clitoride e la figa. Mentre Alfie si muoveva per lasciarsi tornare in gola a gola ancora una volta raggiunse questo tempo, mettendogli una mano in bocca, eliminando il mento per raccogliere come gran parte del lubrificante prodotto di Michelle.

Rimando una mano tra le gambe, allargò i liquidi e iniziò a toccare la figa, 1 poi 2 poi 3 dita entrarono in lei. Mentre James si batteva nella gola, Mark decise che si sarebbe spostato su una marcia e un dito si spostò fuori dalla sua figa e nel suo ano. Michelle ha piegato e borbottato qualcosa; James gemette di gioia per il movimento di Michelle.

"Qualunque cosa tu abbia fatto, fallo di nuovo." Mark obbedizzò con la richiesta di James e fece scivolare il dito, poi di nuovo il suo ano una volta più in profondità. "Fanculo sì amico, non sembra divertirsi, ma sicuramente lo rende migliore per me." James rise, poi uscì per far entrare Alfie.

“Stai fuori dal culo. Nessuno è mai stato lì ed è così che rimane! " Michelle ha dichiarato di non rendersi conto a nessuno che pensasse.

Alfie iniziò a scopare di nuovo in bocca e gola. Mark fece scivolare un secondo dito nel suo ano, 2 in ogni buca ora e Alfie imparava rapidamente ciò che James aveva trovato così simpatico mentre si piegava in avanti e cercava di parlare con una bocca piena di cazzo. "Oh sì, è fantastico", ha affermato Alfie.

Mentre Alfie tirava fuori la bocca James guidò Michelle in piedi e la condusse su una sedia da scrivania. H le disse di inginocchiarci. Mark afferrò un cuscino e mise sul resto la sedia e le disse di sporgersi in avanti. Con la sua appoggiata alla sedia, James si fece strada dietro di lei e Mark guidò la bocca sul suo cazzo.

James si inginocchiò dietro la sedia e si allargò le guance del culo. Sputava sul suo ano e poi entrò in 2 dita. Michelle gemette e allontanò la testa dal cazzo dei segni. “Ho detto di lasciare il culo da solo. Puoi avere tutti la mia figa "

"Non essere stupido", ha detto James. “La tua figa sta facendo l'amore e i bambini; Il tuo buco del culo è per scopare e ti fotterò come se non fossi mai stato fottuto prima. "

"Alfie, per favore, diglielo." Lei ha supplicato.

"Questo è il prezzo che devi pagare, ora stai zitto e prendi questo cazzo in bocca." Michelle non era impressionata dalla risposta di Alfie ma cosa poteva fare. Poi sentì qualcosa di strano entrare nel suo culo. James aveva iniziato a rimorchiarla e la sua lingua stava entrando e usciva dall'ano e lui stava ditendo di nuovo la sua figa.

James sembrava felice del modo in cui il suo grazioso rosebud ora stava iniziando a rimanere aperto. "Ragazzi, inizia a godersi questo la sua figa si sta immergendo." Si alzò e inizialmente gli mise il cazzo nella figa. Michelle gemette di piacere mentre provava un po 'di gioia che aveva deciso di non entrare nel culo. È stato di breve durata.

"Adesso dovrebbe essere abbastanza bagnato." Disse James mentre faceva scivolare un po 'il suo cazzo dalla figa e iniziava a farsi strada nel suo ano. "Potresti voler rilassarti per questo, lo renderà più facile."

I rumori "no, per favore no" mi sono ascoltati intorno al cazzo in bocca, ma non stava fermando James che era già a pochi centimetri.

"Questo è uno stretto ragazzi." Disse mentre tirava fuori il cazzo, sputò nell'ano aperto, immergendo il suo cazzo nella sua figa e poi rapidamente per riavviare il suo assalto sul passaggio della schiena.

"Aspetta, per favore ho una piccola vasca di vaselina nella mia borsetta." Michelle si slagò non appena la sua bocca fu liberata. "Per favore, usalo sul mio povero sedere, mi sembra di farmi a pezzi."

"Avresti dovuto dire qualcosa prima", disse James mentre sottolineava dove era la sua borsa a segnare chi aveva appena lasciato la bocca di Michelle. "Ora possiamo davvero iniziare questa festa."

Alfie le prese la testa e presto la futura di nuovo. Mark consegnò la vaselina a James che allargò un po 'intorno al suo bordo e un po' attorno al suo cazzo, ora scivolò molto più facile. "Devo dire che James ha un bell'aspetto e si sente bene da qui." Alfie disse mentre lui e James iniziarono a costruire un ritmo tra loro che spingeva dentro e fuori di lei.

"Tienila stabile un minuto ragazzi, penso che ci sia quasi." James chiamò.

Michelle ha pensato a se stessa "Finalmente sta per venire e si spera che gli altri non siano così forti". Ancora una volta, anche se Michelle aveva letto male i segni.

"1 pollice in più e io sarò in profondità le palle, tiene i suoi ragazzi stretti." James continuò mentre Michelle sentiva un po 'più di vaselina sparsi sul suo ano. "Ecco qui." Mark e Alfie avevano appuntato Michelle sulla sedia. James si spinse in avanti con grande vigore e dopo alcuni tentativi un sorriso si insinuò sul viso, mentre uno sguardo di smorfie era su quello di Michelle. “Oh sì, palle profonde. Chi è il prossimo per provare? "

"Ne avrò un po '." Ha convocato Alfie mentre lasciava andare Michelle e si faceva strada indietro. James si diresse verso il viso di Michelle e cercò di far scivolare il suo cazzo direttamente in bocca.

"Assolutamente no, è stato nel mio culo. Devi pulirlo se ti aspetti che lo tocchi. "

"Mi aspetto che tu faccia come ti viene detto o tirerò fuori il mio investimento e ti scoperò ancora." James dichiarò che Michelle si presentava e aprì la bocca pronta a riceverlo. Alfie iniziò a scivolare nell'ano, le mani ancora legate dietro la schiena e Mark la bloccò sulla sedia, non c'era molto altro che potesse fare a questo punto. Era battuta e nuova, avrebbe permesso loro di fare quello che volevano ora.

Alfie era entrato in profondità nel suo ano per quasi 10 minuti, "Alfie Fancy lasciando che qualcun altro provasse?" Chiese Mark con una risata.

"Oh merda, scusa, è così bello." Alfie si tirò fuori dal culo, James tirò fuori la bocca e Michelle prese un momento per respirare correttamente. È stata una pausa molto breve. Mark prese i capelli di Michelle e la tirò in piedi.

"Inginocchiarsi sulla puttana del pavimento, a faccia in giù." Mark ha dichiarato e Michelle ha rispettato. Michelle era in ginocchio il petto e la faccia pressata contro il pavimento; Le sue mani sono ancora legate dietro di lei. In questa posizione il suo culo era esposto per un facile assalto. "Preparati, eccomi qui."

Mark spinge il suo cazzo in profondità nel suo culo, scivolò dritto senza resistenza e rapidamente accumulato. Dopo alcuni minuti Michelle iniziò a gemere, poi iniziò a afferrare l'aria finalmente "Oooohh!"

"Questa troia è appena venuta dall'essere fottuto." Mark rise, "Sta iniziando a divertirsi."

"No, non lo sono, è solo ..." Non riusciva a pensare a nessuna scusa. I 3 uomini risero tutti, Mark tirò fuori e James lo sostituì. I 3 uomini formano una linea e hanno iniziato a prenderla a turno. La scopavano tutti il ​​più velocemente, duro e profondo possibile. Hanno continuato questo per un po 'e Michelle è tornata.

Alfie andò a sdraiarsi sul letto, "sollevale ragazzi, vado nella sua figa per un po '."

Mark tirò Michelle in piedi, la accompagnò sul letto e la guidò a cavalcare Alfie. Alfie si sollevò nella sua figa e le prese i fianchi. Michelle ha lottato per rimanere in posizione verticale e alla fine è caduta in avanti. La sua testa accanto a Alfie che gli sussurrò: "Per favore, finisci presto, non posso prendere molto di più".

"Ammetti che ti stai divertendo e lo prenderò in considerazione." Alfie rispose mentre le metteva le braccia come se fossero una coccola.

"Sì, mi sto divertendo ma è andato abbastanza a lungo, ho bisogno di riposare."

Mentre era impegnato in una conversazione e una figa che batteva Michelle non aveva notato che Mark si arrampicava sul letto, si inginocchiava con una gamba tra Alfie, allineò il suo cazzo fino al buco del culo che le prese i fianchi e spinto in avanti.

Michelle ha urlato "No, no, è troppo."

"Mi sento per la giusta quantità per me, forse 1 cazzo corto, James riempie la bocca." Mark rispose. James si inginocchiò accanto alla testa di Michelle che le prese i capelli e iniziò rapidamente a scoparela di nuovo.

Mark e James scambiavano luoghi che andavano da un culo in bocca, poi in bocca al culo. Michelle è tornata per la terza volta. "Mark ricorda cos'altro abbiamo fatto alla ragazza asiatica che amava?"

"Sì, pensi che Michelle potrebbe gestirlo?"

"Ha gestito tutto il resto finora."

"Proviamoci."

Alfie e Michelle hanno ascoltato la conversazione Mark e James si stavano chiedendo cosa fosse il prossimo, Alfie sembrava più eccitato di Michelle su ciò che veniva discusso.

Mark giaceva accanto a Michelle sul letto, "Spostami da me". Michelle ha lottato per spostarsi, così James la sollevò e posò di nuovo. Mark quindi fece scivolare il suo cazzo nel buco della figa di Michelle. James strofinò Vaseline attorno al suo ano e alla sua mano. Cominciò a inserire le dita nel suo culo aperto. 4 dita dentro, poi si infilò il pollice nel mezzo dell'altro 4 e le spinse tutte dentro.

Alfie era salito dal letto per guardare lo spettacolo. James fece un pugno e lo inserì lentamente nel culo di Michelle. Lei suscitò ma entrò. Dopo qualche minuto tirò fuori il pugno e strofinò più vaselina sul suo cazzo.

Nel frattempo Mark aveva tirato fuori il cazzo dalla sua figa e aveva iniziato a scopare ancora una volta il suo buco del culo. Avvolse le braccia attorno a Michelle e la tenne stretta contro di lui. James iniziò lentamente a spingerlo anche nel suo culo. "No, non ti adatterai 2 dentro, per favore mi strapperai."

"Stai zitto, sappiamo cosa stiamo facendo." Mark rispose: "Alfie zittì la bocca che distrae".

Questa volta Alfie si mosse in testa e ancora una volta aveva 3 cazzi che le scopavano in sua volta, sebbene 2 fossero nel suo culo, non riusciva a credere a ciò che le stava accadendo, si sentiva ancora più confusa quando aveva il suo quarto orgasmo.

Quando venne Alfie faceva esplodere il suo carico in profondità nella sua gola "ingoia tutto piccola, non versare una goccia". Dichiarò mentre appoggiava il suo cazzo in bocca.

Mark e James alzarono il ritmo e presto stavano entrambi inondando il suo culo con il loro sperma. "Oh cazzo, è stata fantastica e ben fatta ragazza." Disse Mark.

Gli uomini si allontanarono da Michelle e ammirarono il disordine che l'avevano lasciata dentro. Lasciandola nuda e legata sembravano tutti orgogliosi di se stessi.

“Potrei usare un drink; Il bar dell'hotel sarà ancora aperto? " Chiese James.

"Penso che sia aperto fino alle 3 per i residenti, lo addebiterò nella mia stanza se hai voglia di una pinta?" Alfie rispose.

"Sembra una grande idea." Mark ha concluso la conversazione.

I 3 uomini si vestono tutti e si dirigevano verso il bar. Una volta hanno bevuto qualche drink James e Mark lo hanno chiamato una notte. Hanno detto ad Alfie di non aspettare molto prima di organizzare un'altra sessione. Hanno ringraziato Alfie e si sono diretti a casa. Alfie tornò alla camera d'albergo.

Una volta tornata nella stanza Alfie rimase ammirando ciò che lo era stato davanti. Michelle era ora sua, sdraiata lì nuda, legata e addormentata. Sapeva che avrebbe fatto tutto ciò che le aveva detto ora e si sarebbe divertito molto di più.

Si spogliava e si sdraiò accanto a lei, si slegò i polsi e si rannicchiò in lei come se fossero una coppia. Cosa sarebbe stato il futuro per lui, gestendo un business di successo e la donna dei suoi sogni a sua Beck.

Storie simili

Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette...

543 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

529 I più visti

Likes 0

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

533 I più visti

Likes 0

La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo. Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un...

347 I più visti

Likes 0

Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo... La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio. Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri. Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà? chiese una voce familiare. Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del...

321 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.2K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

561 I più visti

Likes 0

Phoenix Pt 4 Epilogo

L'insegna sulla porta di vetro smerigliato diceva: Tomlin Corporation. In caratteri più piccoli, due righe al centro sotto il nome dell'azienda dicevano: Raymond Blacker, Capo della sicurezza. Il corriere ha bussato due volte alla porta, poi è entrato senza aspettare risposta. Il forte profumo del fumo di sigaro gli assalì il naso e gli occhi mentre entrava nella stanza scarsamente illuminata. Profilato dalle tende della finestra, un uomo corpulento sedeva a una scrivania. Alzò la testa per guardare il corriere che si avvicinava. L'uomo dietro la scrivania non sembrava allarmato dall'intrusione di questo particolare individuo, anche se pochi uomini avrebbero osato...

524 I più visti

Likes 0

Suocera Sesso Pt 4, Ex suocera

Sesso con la suocera, parte 4: ex suocera Mi è stato offerto un posto di consulente di 3 mesi in un altro paese asiatico dove avevo lavorato prima, e in effetti dove ero già sposato da 6 anni, prima che la mia allora moglie scappasse con un altro uomo e chiedesse il divorzio, cosa che non ho fatto Non volevo e ho combattuto per tenerla, riconquistarla, ma dopo 2 anni ha accettato con riluttanza. Nella mia terza settimana, ero al mercato locale, dietro l'angolo della piccola casa che mi era stata assegnata, e mi sono letteralmente imbattuta nella mia ex suocera...

545 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.