Programma Alfa-Omega 2

163Report
Programma Alfa-Omega 2

Episodio 2: Rimozione del controllo genitori

Zack non era sicuro di come sentirsi venerdì mattina. Era arrivato a un passo dal realizzare i suoi sogni con Claudia, eppure sua madre aveva interrotto e mandato in cortocircuito i suoi piani. Sicuramente ci deve essere un modo per aggirare i suoi genitori. Era un segno della sua frustrazione il fatto che la soluzione ovvia non gli fosse arrivata prima dell'ora di pranzo. Era, ancora una volta, seduto da solo, e cercava di osservare Claudia di nascosto. Si sorprese a guardarla e si limitò a sorridere e ad agitare la mano.

La sua amica Stephanie si voltò per vedere a chi stava salutando. Quando lo vide, chiese a Claudia: "Cosa c'è tra te e quel ragazzo? È inquietante".

Claudia la guardò come se avesse appena detto che la luna stava per schiantarsi sulla Terra. "Eh? No, Zack è davvero carino, una volta che lo conosci." Aggiunse tra sé: "Davvero carino..." I suoi occhi si velarono, ma Stephanie la riscosse.

"Hai davvero bisogno di un nuovo fidanzato se stai iniziando a prendere in considerazione gli studenti del secondo anno. Accidenti, Claudia..."

Ovviamente Zack non poteva sentire la loro conversazione da dove si trovava. E, a dire il vero, una volta che Claudia lo aveva sorpreso a guardarla, aveva smesso di guardare, tornando al problema di come togliere di mezzo i suoi genitori, in modo da poter finire quello che avevano iniziato. Come faccio a convincerli a lasciarci soli mentre pomiciamo? Voglio dire, non è che posso portare il mio computer in viaggio in macchina. E mi serve il programma per... Idiota! Il programma, ovviamente! Funziona su di me, funziona su Claudia, deve funzionare su tutti... tutto quello che devo fare è programmare mamma e papà in modo che ci lascino soli insieme, così possiamo divertirci.

Ora che Zack sapeva cosa fare, doveva tollerare altre due ore di scuola finché non avesse potuto fare qualcosa al riguardo. Ancora una volta, venne rimproverato dal signor Parks per non aver prestato attenzione. Se solo avesse saputo cosa stavo facendo...

-----

Una volta a casa, la risposta teorica di Zack al suo problema doveva essere messa in pratica, e questo divenne una sorta di problema. Era problematico per due ragioni: primo, non aveva mai provato a programmare per più di una persona, e secondo, non era sicuro di come programmare le azioni per far sì che qualcuno NON facesse qualcosa.

"Oh bene," disse a se stesso. "Non c'è altro da fare che farlo..." Ancora una volta approfondì il suo codice. Lungo il percorso, ha apportato alcune piccole modifiche al programma stesso, in modo che ora non solo gli script di comandi fossero esterni al programma, ma lo era anche la matrice. Ciò gli ha permesso di apportare modifiche più facilmente, in modo da poter salvare le matrici per persone diverse. Ha trascorso la notte lavorando su una matrice per i suoi genitori, dovendo adeguarsi all'età e ad alcuni altri fattori psicologici rivelati nella ricerca di Adam. Quando riuscì a elaborare tutto, erano passate le due del mattino. Si sdraiò rapidamente sul letto, senza preoccuparsi di puntare la sveglia per il mattino successivo. Non avrebbe rivisto Claudia fino a martedì, quindi aveva tempo...

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

...I suoi sogni erano tormentati. A differenza dei sogni piacevoli che aveva avuto, non c'erano fanciulle eteree. Era avvolto in una tempesta di colori, una massa vorticosa di disagio. Correva lungo i corridoi, senza sapere da che parte girarsi. Finì in un vicolo cieco dopo l'altro, dovendo tornare sui suoi passi e scegliere un'altra strada. Arrivò ad un altro vicolo cieco, ma questa volta, quando si voltò, il sentiero dietro di lui si era chiuso. Le pareti iniziarono lentamente a chiudersi su di lui. Proprio mentre stava per essere schiacciato, si alzò di scatto sul letto, sveglio. Un'ultima traccia del sogno echeggiò nella sua testa...

<<Hai dimenticato qualcosa...>>

O faceva parte del sogno? Sembrava terribilmente familiare... Eh. Solo un mucchio di stronzate che mi era venuta in mente. Probabilmente per tutte le cose strane che ho visto in televisione ultimamente. Guardando l'orologio vide che erano già le dieci del mattino. Si alzò e fece la doccia, poi scese a fare colazione. Notò che la casa era vuota e poi si ricordò che i suoi genitori erano andati a fare una piccola gita insieme. Ne avevano parlato a cena la sera prima, ma lui era così preso dal suo progetto che non ci aveva prestato attenzione. Ricordava che sarebbero tornati prima di mezzanotte, così pensò che avrebbe usato il programma su di loro una volta tornati a casa.

Per il resto della giornata oziava, guardava la TV, leggeva un po', navigava sul web. Come al solito, non aveva compiti, perché cercava di assicurarsi che i suoi fine settimana fossero liberi. Ha buttato via alcuni avanzi per cena e si è messo a guardare qualche film finché i suoi genitori non sono tornati a casa.

-----

I suoi genitori arrivarono verso le dieci di quella sera, dopo aver trascorso la giornata prima a cercare una macchina nuova e poi ad andare a trovare il fratello di suo padre. Il fratello di Grant Griffin era in un sanatorio, essendo stato vittima di avvelenamento chimico da bambino. Era piuttosto triste e a Zack non piaceva andare a trovarlo. Suo padre capì e non lo costrinse a farlo, anche se lui e sua moglie Sharon andavano a trovarlo almeno una volta al mese. Erano entrambi piuttosto esausti mentre appesero i cappotti al chiodo. Zack pensava che questo potesse essere d'aiuto al suo programma, non avendo menti completamente vigili con cui affrontarlo.

"Ciao ragazzi. Allora, siete riusciti a trovare un'auto?" chiese Zack.

"Beh, ne abbiamo trovati molti che ci piacevano, solo che la maggior parte di quei truffatori vuole troppi soldi per loro. Continueremo a cercare," rispose suo padre. "Allora, cosa hai fatto tutto il giorno?"

"Oh, il solito. Ho finito quel programma su cui stavo lavorando. Ragazzi, avete detto che volevate vederlo..." Zack lasciò in sospeso la domanda.

Suo padre soffocò uno sbadiglio. "Ci vorrà molto tempo?"

"No, solo cinque o sei minuti."

"Va bene. Che ne dici, Shar?"

Sua madre si limitò ad annuire e disse: "Fai strada".

Si spostarono lungo il corridoio fino alla stanza di Zack, dove il suo computer era già acceso. Inserì la password e lasciò che il sistema si attivasse. "Ti consigliamo di stare proprio di fronte ad esso, perché è da lì che ottieni la vista migliore", ha detto, allontanandosi mentre faceva doppio clic sull'icona per avviare il programma.

Zack non prestava molta attenzione ai suoi genitori durante lo svolgimento del programma. Si sedette semplicemente sul letto, aspettando che finisse. Quando si avvicinò alla fine, però, guardò per vedere che fossero "sotto". Ed era chiaro che qualcosa non andava. Mentre sua madre si comportava proprio come Claudia, suo padre no. In effetti, adesso la stava guardando di più, con un'espressione preoccupata sul viso. L'argomento decisivo è stato il momento in cui il programma si è concluso. Zack impallidì quando la mano di sua madre le percorse il petto, e poi giù, e attraverso, immergendosi tra le sue cosce. Oh merda! Non ho cambiato il gesto!

Non che avrebbe dovuto avere importanza. Se fossero stati entrambi sott'acqua, solo lui se ne sarebbe accorto. Ma suo padre chiaramente non era sotto, e ora guardava sua moglie con preoccupazione. Guardò Zack per una spiegazione, ma si limitò ad alzare le spalle. Pensavano che il suo programma fosse solo una bella grafica: non aveva intenzione di far capire che aveva qualcosa a che fare con la sua reazione.

Tuttavia, sua madre presto si schiarì la sua espressione e quando parlò, la sua voce era chiara e forte. "Molto bel lavoro, Zack. Hai un vero talento per questo genere di cose. Non credi, Grant?"

Suo marito balbettò: "S-sì, giusto, Sharon. Ottimo lavoro, figliolo. Guarda, è meglio che andiamo a letto, è stata una giornata infernale".

I suoi genitori gli augurarono la buonanotte e lo lasciarono solo.

Perché il programma non ha funzionato con papà?

<<Hai dimenticato qualcosa...>>

Che cosa?

La sua domanda fu accolta dal silenzio.

Bene, dannazione! Se deve essere nel mondo dei sogni, allora andiamo nel mondo dei sogni!

Zack ha avviato la sceneggiatura che aveva scritto per se stesso, dopo averla modificata per permettergli di scivolare in un sonno naturale dopo lo speciale stato di sogno. Fece doppio clic sull'icona e si spostò rapidamente verso il suo letto, dove poteva ancora vedere facilmente lo schermo.

Ancora una volta Zack era immerso nei suoni e nei colori del programma. Ancora una volta, il suo corpo si rilassò in uno stato di beatitudine. E ancora una volta, era circondato dal suo stuolo di eteree fanciulle. La fanciulla Claudia gli si avvicinò come al solito e cominciò ad accarezzare il suo corpo di sogno, trasmettendogli scariche elettriche.

<< Siamo contenti che tu sia tornato... ma non sei felice.>>

Io sono confuso.

<<Come possiamo esserti d'aiuto?>>

Perché il programma non ha funzionato su mio padre?

<<Hai dimenticato qualcosa...>>

Allora eri tu! Cosa ho dimenticato?

<<Tuo padre è un maschio. Tua madre è una femmina.>>

Dannazione! Come ho potuto essere così stupido da dimenticarlo! Ma come integrare entrambi i sessi in un’unica matrice di volontà?

<<Osserva e impara...>>

Ancora una volta, il linguaggio della Matrix scorreva davanti alla sua visione. Vide che questa volta c'erano molte zone rosse. Fortunatamente, aveva aggiunto dei comandi al copione per ricordargli immediatamente il sogno, così da non temere di dimenticarlo prima di svegliarsi. Notò che la matrice era molto più grande di prima, quasi il triplo. Si chiese se sarebbe stato più del doppio, ma le fanciulle si erano allontanate da lui per permettergli di studiare la matrice. Ha assorbito tutto mentre passava davanti ai suoi occhi e ha assorbito tutte le informazioni.

Una volta assimilato il tutto, avrebbe voluto fare altre domande alle fanciulle, ma queste si rifiutarono.

<<Presto capirai. Ma non adesso.>>

Chi sei?

<<Noi siamo voi.>>

Detto questo, svanirono in lontananza, e Zack svanì dal mondo dei sogni nel sonno, dove i suoi sogni non erano meno insoliti, ma molto meno vividi.

-----

Nella camera dei suoi genitori, però, l'attività era meno tranquilla. Si erano preparati per andare a letto, come facevano normalmente, e Grant stava aspettando che Sharon emergesse dal bagno, per poterle chiedere cosa le fosse successo nella stanza del figlio. Quando la porta del bagno si aprì, tuttavia, la bocca di Grant si rifiutò di funzionare, quando si rese conto che sua moglie non indossava la solita camicia da notte di cotone. In realtà non indossava assolutamente nulla. La luce del bagno delineava la sua figura, finché non la spense, immergendo la stanza nell'oscurità. Si spostò silenziosamente verso il letto, strisciando verso suo marito.

Grant era totalmente impreparato per questo, poiché Sharon non è mai stata la persona che ha iniziato l'attività sessuale. La sua mente vacillò quando le sue labbra morbide sfiorarono il suo lobo dell'orecchio, sussurrandogli all'orecchio: "Ho bisogno di te, Grant. Ho bisogno di te adesso." Le sue mani tirarono giù le coperte e si spostarono sul petto coperto dal pigiama. Pensò di protestare, ma sua moglie ne era così entusiasta e, a dire il vero, le sue mani e la sua bocca si sentivano molto bene. Adesso gli stava baciando il collo, muovendosi intorno e fino alla bocca. Le loro labbra si chiusero, la lingua di lei si fece strada nella sua bocca, duellando con la sua, poi si ritirò, attirando la sua lingua nella sua bocca.

Nel frattempo, la sua mano raggiunse i pantaloni del pigiama, arrivando sotto la vita per massaggiargli l'uccello fuori dagli slip. Lui gemette nella sua bocca, incoraggiandola a continuare, mentre le sue mani si allungavano per accarezzare la sua pelle liscia, una mano trovava un seno mentre l'altra si abbassava per accarezzarle il sedere, e attirarla su di lui.

Entrambe le sue mani ora si abbassarono, dentro le sue mutande e gli accarezzarono il cazzo duro. Lui gemette di piacere, accarezzandole il sedere con entrambe le mani, le loro labbra ancora chiuse in un abbraccio sensuale. Poteva sentire la sua disponibilità per qualcosa di più ed era determinata a dargli tutto ciò che poteva sopportare.

Sharon interruppe il loro bacio e scivolò sul corpo di suo marito. Mentre lo faceva, staccò sia gli slip che il pigiama dall'oggetto del suo desiderio. Una volta esposto, il cazzo di Grant si trovava lontano dal suo corpo, duro, lungo e pronto all'azione. Vedendolo contrarsi davanti agli occhi, Sharon non poté più resistere al suo impulso. La sua bocca si aprì e scivolò sopra la testa del suo cazzo, risucchiandolo, la sua lingua scivolò lungo la parte inferiore e mandando brividi in tutto il suo corpo.

Grant grugnì per l'improvviso piacere che il suo uccello stava riportando al suo cervello. Mai prima d'ora sua moglie era stata disposta a tradirlo. Avrebbe potuto chiedersi perché quel cambiamento, ma era troppo felice per preoccuparsene. Le sue mani si posarono delicatamente sulla sua testa mentre si muoveva sul suo cazzo, le sue labbra scivolavano sulla sua superficie morbida come un pennello, ma entravano in contatto per l'intera lunghezza, provocando un formicolio lungo la sua asta.

Sharon continuò a lavorare con la bocca e la lingua sul cazzo di suo marito, facendolo scivolare sempre più dentro, finché non lo sentì colpire in fondo alla gola. Non l'aveva mai fatto prima con un uomo, ma sembrava sapere quasi istintivamente che Grant l'avrebbe adorato. Le sue labbra si muovevano sempre più velocemente lungo la sua verga, la sua lingua danzava attorno ad essa mentre la sua mano afferrava dolcemente la porzione che non era nella sua bocca. L'altra mano era impegnata tra le gambe, massaggiando il clitoride per mantenersi completamente eccitata, per essere pronta per l'ingresso di suo marito.

Grant non aveva messo una bocca sul suo cazzo da più di diciassette anni, e non ricordava che fosse mai stato così bello. Aveva provato tutto ciò che sapeva per trattenersi, per controllarsi, ma era inutile. Sua moglie era una succhiacazzi naturale e lo stava rapidamente portando al punto di non ritorno. Lui cercò di avvertirla, ma lei si mosse solo più velocemente sulla sua asta, la sua mano ora pompava leggermente il resto del suo cazzo. Alla fine dovette lasciarsi andare e sentì il suo sperma esploderle in bocca. Sua moglie, sorprendentemente, continuava a succhiare, ingoiando tutto ciò che aveva da offrire.

Né smise di succhiare quando il suo orgasmo morì. Continuò il suo attacco orale finché il suo cazzo non fu di nuovo completamente eretto, qualcosa che non aveva previsto che accadesse. Prima che lui sapesse cosa stava succedendo, Sharon gli era a cavalcioni sulla vita e la sua mano teneva il suo cazzo all'apertura. Poteva sentire il calore irradiarsi dalla sua figa mentre si avvicinava al suo cazzo. Lui quasi venne di nuovo mentre la pelle vellutata della sua fica scivolava sul suo cazzo duro come la roccia. Si fermò solo per un momento quando fu completamente impalata su di lui.

Poi si sporse in avanti e cominciò a dondolarsi. I suoi movimenti erano brevi, rapidi ed estremamente piacevoli. Le sue tette 34-B oscillavano davanti agli occhi di Grant, e lui non poté resistere alla tentazione di prenderne una in bocca e succhiare il capezzolo, facendolo roteare la lingua attorno. Lei pronunciò un lungo, basso "Oh!" di piacere mentre l'altra mano trovava l'altro seno, pizzicando il capezzolo con il pollice mentre le sue dita modellavano la carne.

Il suo dondolio aumentò di ritmo man mano che il suo climax si avvicinava. Si muoveva così forte che il letto sbatteva contro il muro, e Grant era felice che la stanza di Zack non fosse quella accanto. I suoi gemiti divennero grida di estasi mentre il suo corpo veniva colto da piacevoli spasmi di sensazione elettrica. Continuò il movimento durante l'orgasmo, rallentando solo quando iniziò a scendere dal suo massimo.

Ma Grant non era ancora entrato dentro di lei, e ora che era pienamente entrato nel suo secondo passo, aveva bisogno di finire. La tirò a sé e li fece rotolare entrambi, così da trovarsi sopra. Le allargò le gambe con i fianchi finché lei non le sollevò su entrambi i lati della sua vita. Lei lo guardò e ordinò gutturalmente: "Sì! Fottimi! Fottimi finché non svengo!"

Detto questo, Grant iniziò a invaghirsi di sua moglie con tutto ciò che valeva. Si stavano muovendo insieme con tale forza che poteva effettivamente sentire le sue palle che schiaffeggiavano le sue natiche. Lui si abbassò e le sollevò le caviglie fino alle spalle, dandole un angolo migliore per spingersi dentro di lei. Le grida di gioia di Sharon riempivano la stanza, e probabilmente erano facilmente udibili da Zack, ma a Grant non importava più. Continuò a sbattere contro sua moglie, sempre più velocemente. Lei raggiunse ripetutamente l'orgasmo durante la scopata e lui cominciò a sentire il formicolio nelle palle. Iniziò a giocare con le sue tette mentre la penetrava, mandandola ancora più in alto. Alla fine, il suo sperma è esploso dal cazzo, riempiendo la figa con il suo seme. A quel punto l'orgasmo le distrusse il corpo, mandandola in convulsioni di pura beatitudine. Ognuno di loro grugnì durante il proprio climax, finché, alla fine, esausto e stanco, Grant si staccò da sua moglie e si sdraiò accanto a lei sul letto.

Guardando oltre, scoprì, con suo totale stupore, che l'aveva effettivamente scopata fino a farla svenire.

-----

L'uomo sedeva da solo, lavorando alla sua scrivania in un ufficio buio, la lampada da tavolo proiettava una pozza di luce sulla sua superficie, ma svaniva rapidamente nell'oscurità come l'inchiostro della stanza. Stava studiando le pagine di un documento tecnico, le linee e gli scarabocchi apparentemente privi di significato, ma con uno scopo preciso per l'uomo che li leggeva. La sua fronte si aggrottò mentre prendeva appunti sulle modifiche a un'area specifica di un diagramma e imprecò quando fu interrotto da un colpo discreto alla porta.

"Venire!" Egli ordinò.

La porta si aprì per rivelare uno dei suoi sottoposti, uno che era stato con lui quasi fin dall'inizio. Questo aveva quasi fatto una svolta, ma era stato ostacolato da qualche difetto ancora sconosciuto.

"Sì, che succede, William?" chiese l'uomo.

"Signore, è stato effettuato l'accesso al programma."

"Oh veramente?" interesse, perché potrebbero ancora trovare il loro obiettivo. "Da chi?"

"Nome online di Zmorph."

"Un nickname è peggio che inutile per me, William." Rabbia. Disgusto. Aggressione. L'informazione non era quella che aveva sperato.

"Ne sono consapevole, signore. Abbiamo localizzato il suo ISP. Le faremo un nome in giornata."

"Molto bene. Grazie, William, è tutto." Dimissioni; Un singhiozzo. Le informazioni potrebbero ancora essere loro.

"Sì, signore," disse Guglielmo chiudendo la porta, lasciando l'uomo solo con i suoi diagrammi, e con i suoi pensieri.

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

Zack si svegliò completamente riposato dal sonno e si mise immediatamente a lavorare sulla sua nuova matrice. In realtà gli serviva solo una matrice che funzionasse su suo padre adesso, ma immaginava che avrebbe potuto aver bisogno di una matrice dal doppio ruolo in seguito. Gli ci vollero solo due ore per copiare dalla memoria sullo schermo tutti gli oggetti visti nel mondo dei sogni. Vorrei ancora sapere chi erano quelle donne, però. È semplicemente strano ascoltare una voce senza sapere cosa sia veramente. E perché non dovrebbero rispondere alle mie altre domande?

Terminato il suo lavoro, e vedendo che era ora di pranzo, scese le scale per prepararsi il suo solito panino con patatine. Mangiò tranquillamente, finché suo padre non entrò. Sembrava un po' inzaccherato, ancora in pigiama, ma erano spiegazzati molto più di quanto avrebbero dovuto essere solo per aver dormito. Suo padre si prese una tazza di caffè vecchio di ore, e si accasciò sulla sedia di fronte a Zack.

"Figliolo, che diavolo è veramente quel programma di cui hai scritto?" chiese Grant.

"Eh? Papà, è solo un mucchio di grafica. Il signor Parks vuole che abbiamo un buon display audiovisivo nel nostro ultimo progetto dell'anno. Immagino che questo sarà il primo della classe."

"Non prendermi per il culo, Zack. So che fa qualcos'altro oltre a mostrare belle foto. Hai fatto qualcosa a tua madre ieri sera, vero?"

"Papà, non so di cosa stai parlando." Beh, in ogni caso avrebbe preferito non farlo. "Cosa stai dicendo? La mamma è malata o qualcosa del genere?"

Sì, "o qualcosa del genere" è giusto... "Tua madre non si comporta come se stessa. O almeno non si è comportata ieri sera."

"Come mai?"

"Che cosa intendi con 'Come mai'? Vuoi dire che non hai sentito niente ieri notte?"

"Sono andato a letto subito dopo che voi ragazzi avete lasciato la mia stanza. Probabilmente stavo dormendo prima che voi ragazzi vi spogliaste."

Beh, è ​​un sollievo, comunque... Odierei Zack pensare che fossimo una specie di animali a letto. Tuttavia, la notte scorsa è stata molto più divertente di quanto avessimo passato a letto in anni... "Zack, sii onesto, cosa fa il tuo programma?"

"Guarda, papà, è solo un mucchio di grafica frattale e alcuni suoni fantastici. Vuoi vederlo di nuovo, solo per dimostrarlo? Senza mamma questa volta, così puoi prestare attenzione."

"Va bene, sarebbe una buona idea." Grant non aveva mai pensato che il programma potesse essere modificato per adattarsi all'obiettivo, e l'aveva già visto una volta senza alcun effetto.

I due si diressero verso la stanza di Zack, dove ripeterono la corsa della notte precedente. Non del tutto, però. Zack si rese conto, mentre creava la nuova matrice, di aver usato la matrice di Claudia per costruire quella per i suoi genitori. Ciò potrebbe spiegare ciò a cui suo padre alludeva era accaduto la notte prima. Era un effetto inaspettato, ma suo padre non se ne lamentava troppo, quindi Zack pensò che sarebbe andato tutto bene.

La nuova matrice, essendo molto più grande, ha impiegato quasi il doppio del tempo per essere elaborata. Ma alla fine il padre ha compiuto il nuovo gesto di verifica, una tripla alzata di spalle. Si rivolse a Zack e disse: "Beh, credo di essermi sbagliato, figliolo. È una bella esibizione, però. Scusa se ti ho accusato di..." Beh, cosa diavolo pensavo che avesse fatto? Hai scritto un programma di controllo mentale? "... scherzare con tua madre."

"Nessun problema, papà. Dimmi, ti perderai la partita, se non vai a guardarla adesso."

Suo padre guardò l'orologio. "Ehi, hai ragione! Bene, ci sentiamo più tardi. Ottimo lavoro con il programma. Penso che tu abbia preso una 'A' lì." Suo padre, che amava lo sport, corse fuori dalla stanza verso il soggiorno e la TV.

Perché non tutti i problemi possono essere risolti così facilmente come questo? Nel suo successo, ignorò quanti tentativi gli fossero serviti per arrivare a questo punto.

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

Zack rimase sveglio un po' più tardi del solito quella notte e, come previsto, sua madre e suo padre si comportavano come animali in calore. Non li aveva mai sentiti fare sesso prima, e i suoni lo disturbavano e allo stesso tempo lo eccitavano. Sapeva che, con i suoi genitori ormai fuori dai piedi, presto lui e Claudia avrebbero potuto fare quei rumori insieme. Potrebbe? Cosa intendo con "potrebbe"? Lo faremo dannatamente sicuro!

Avendo risolto tutti i suoi problemi per il momento, Zack ha potuto concentrarsi sulla scuola lunedì. Il signor Parks è stato particolarmente gratificato nel vedere che Zack sembrava essere tornato quello di sempre, lavorando duramente sul suo progetto per la fine dell'anno. Zack era addirittura tornato a mostrare agli altri studenti come far funzionare i loro progetti, cosa di cui il signor Parks era davvero grato, poiché gli dava la possibilità di lavorare con gli studenti più in difficoltà, mentre Zack mostrava a quelli che ne avevano bisogno solo pochi suggerimenti. Era un rapporto amichevole che non era mai stato consolidato nemmeno da una conversazione. Era proprio così che si comportavano.

Zack, nel frattempo, si comportava "normalmente" nel tentativo di distogliere la mente dall'obiettivo di infilarsi nei pantaloni di Claudia. A pranzo l'aveva spiata come al solito, questa volta riuscendo a non farsi vedere. Gli sembrava più divertente guardarla senza che lei lo sapesse. Era ansioso di vederla molto più di quanto avrebbe potuto vedere dall'altra parte della sala da pranzo. Gli ci volle un grande sforzo per mantenere la mente concentrata sul lavoro, ma ci riusciva. Aveva effettivamente finito il suo progetto di classe qualche settimana prima, e ora ci stava semplicemente giocando, per vedere se poteva migliorarlo un po' qua e là. Lo divertiva il fatto di non aver mentito a suo padre: il loro progetto di classe riguardava gli effetti audiovisivi. Zack ha fatto un ulteriore passo avanti, come al solito, e il suo programma ha permesso di modificare gli effetti in modo interattivo. Era una simulazione del movimento attraverso un wormhole nello spazio e ricordava l'effetto utilizzato in Stargate SG-1 o in alcuni episodi di Babylon 5. Mentre osservava uno dei suoi compagni di classe eseguire il suo programma, alla ricerca di bug, a Zack venne in mente che la grafica di questo programma mostrava alcune sorprendenti somiglianze con il programma Alpha-Omega su cui stava lavorando. Del tutto involontario, dal momento che aveva sviluppato la grafica per questo programma prima ancora di conoscere il programma A-O, ma una strana coincidenza.

Zack era così impegnato ad aiutare un compagno di classe con il suo progetto, che ignorò la campanella della scuola e finì per correre verso l'autobus. Mentre correva per gli ultimi cinquanta metri, venne distratto da qualcuno che urlava e finì per scontrarsi con qualcuno, facendoli cadere entrambi a terra.

Saltò in piedi, più o meno illeso, e raccolse le sue cose prima di guardare per vedere chi aveva investito. Era Stephanie, l'amica di Claudia. Lui le offrì una mano, ma lei si limitò a guardarlo con aria minacciosa e si alzò faticosamente in piedi.

"Zack. Avrei dovuto saperlo. Non puoi nemmeno stare attento a dove vai? E comunque, d'ora in poi stai lontano da Claudia. Lei è troppo buona per te, capito? Non ha bisogno che lo sia." incasinarsi con un piccolo smanettone come te."

Non gli lasciò il tempo di rispondere mentre si allontanava. Corse verso il suo autobus, ma mentre si sedeva, pensò tra sé e sé, se voglio Claudia, avrò Claudia, stronza. E tu potresti essere il prossimo!

-----

Quella notte, mentre Zack giaceva a letto aspettando che arrivasse il sonno, considerò più attentamente i suoi pensieri su Stephanie. Considerò i suoi attributi, i suoi capelli biondo sporco, gli occhi castani, il naso piccolo e il viso rotondo che completavano un corpo con tette di medie dimensioni, ma molto sode, un bel paio di gambe e un culo meraviglioso. Non era Claudia, certo. Claudia era la sua "crema del raccolto", ma Stephanie di certo non era qualcosa da buttare via senza provarla. Il suo atteggiamento nei suoi confronti era diventato un po' duro negli ultimi tempi, e questo non gli piaceva. Pensò che fosse perché lui e Claudia trascorrevano più tempo insieme, il che, fino a poco tempo fa, era stato totalmente platonico. Stephanie ovviamente non lo riteneva degno di Claudia. Lo sapeva diversamente. E ora sapeva che avrebbe potuto avere Stephanie quando l'avesse voluta. Quando il "se" è diventato "quando", Zack, vecchio mio?

Riflettendo su questi pensieri, si addormentò con un sorriso sul viso, facendo alcuni dei sogni più erotici che avesse mai avuto.

∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼∼≈≡≈∼∼

Zack era sorprendentemente tranquillo il giorno seguente. In ogni caso, lo sorprendeva, anche se nessun altro capiva perché avrebbe dovuto essere diverso. Seguì le prime lezioni con facilità, sapendo che sarebbe stato in grado di ricordare il materiale con facilità, ora che aveva il programma ad aiutarlo. Sapeva che avrebbe dovuto sviluppare uno script che gli avrebbe permesso di recuperare selettivamente le informazioni su base permanente, ma non aveva ancora avuto l'iniziativa di occuparsene.

Il suo atteggiamento pacato, tuttavia, cambiò durante il pranzo. Non è che sia successo qualcosa di straordinario o preoccupante, ma quella era la prima volta che vedeva Claudia quel giorno. Nel suo attuale stato di eccitazione, la sua mente la immaginava automaticamente nuda davanti a lui, con le braccia tese verso di lui, implorandolo di prenderla, di usarla come voleva. Dovette scuotere la testa per scacciare questi pensieri, ma non se ne andarono del tutto. La sua mente continuò a tornare a loro per tutto il pranzo.

Mentre era pronto per andarsene, riprese il controllo e si avvicinò al punto in cui era seduta Claudia. Ha posto la sua solita domanda sulla loro sessione di tutoraggio e ha ricevuto la sua solita risposta. Mentre se ne andava, lasciò scorrere lo sguardo su Claudia, quindi passò lentamente su Stephanie mentre si voltava per andarsene. Si assicurò che lei lo vedesse, perché voleva che lei si sentisse a disagio con lui per il momento. Si stava godendo questo piccolo gioco che lei aveva iniziato, ma che alla fine avrebbe vinto. Lo sapeva. Non lo fece e il suo sguardo la irritò.

"Cosa vuoi, Griffin?" sbottò.

"Oh, niente. Ciao, Steph." Odiava essere chiamata "Steph". "Ci vediamo dopo, Claudia."

Anche il resto degli studenti dell'ultimo anno, che generalmente lo ignoravano, sapevano che era iniziata una nuova guerra, e si chiedevano perché uno del secondo anno pensasse di avere l'ingegno per vincere.

-----

Avere visto Claudia a pranzo ha mandato su di giri gli ormoni di Zack. Riuscì a malapena a contenersi per il resto della giornata, considerando cosa avrebbe fatto con lei quella sera. Sapeva che avrebbe potuto almeno farle una sega, dato che era più o meno quello che lei gli aveva già fatto la settimana scorsa. Era ragionevolmente sicuro, però, che avrebbe ottenuto molto di più. Sarebbero arrivati ​​al punto di fare sesso? Lo sperava, ma non ci contava. Sapeva che lei aveva qualche pensiero radicato sull'uscire con ragazzi del sottoclasse, e non sapeva se il suo... il loro programma avrebbe superato questo problema oppure no. Ma era sicuro che ci avrebbe provato.

-----

Tornando a casa da scuola, Zack si fece la doccia e si preparò per quasi un'ora prima di dichiararsi pronto per il suo appuntamento con Claudia. Data? Beh, non è proprio un appuntamento, ma... è più una specie di pomiciata. Senza la macchina. E la sua mente gli fece notare con gioia che i suoi genitori sarebbero rimasti in casa tutto il tempo! Non era sicuro se questo lo eccitasse per il potere che ora aveva su di loro, o semplicemente perché significava che qualcun altro avrebbe saputo che aveva scopato quella notte. Come reagiranno dopo? Voglio dire, so che non verranno nella mia stanza a fermarci, perché non possono, ma cosa mi faranno dopo?

Zack si preoccupò per un po' della cosa, ma poi si rese conto che probabilmente si stava creando più problemi di quanti ce ne fossero in realtà. E, naturalmente, stava ammazzando il tempo aspettando Claudia.

Quando arrivò la cena, era più che mai eccitato. I suoi genitori se ne accorsero e furono leggermente divertiti. Come genitori, sapevano della sua infatuazione per Claudia. Era impossibile non vederlo. Si chiedevano se la ragazza avrebbe mai ceduto, ma a causa della differenza di età, non avrebbero incoraggiato attivamente Zack a perseguire l'obiettivo. Avrebbero voluto che trovasse una ragazza della sua stessa classe, ma sapevano che riusciva a passare così tanto tempo con Claudia solo perché avevano bisogno l'uno dell'altro a livello accademico. Anche i suoi genitori avrebbero voluto che Zack fosse più capace di socializzare, ma non sapevano come aiutarlo a superare i suoi difetti in quell'arena. Potevano solo sperare che un giorno sarebbe uscito dal suo guscio e sarebbe "sbocciato", come si suol dire.

Claudia è arrivata alla sua solita ora, nel suo solito abbigliamento. Almeno, Zack pensava che fosse il suo solito abbigliamento, finché non notò che la sua camicia era molto più stretta di quelle che indossava di solito intorno a lui. E le sue gambe erano appena coperte dai pantaloncini che indossava. Era una calda serata primaverile e lei era vestita adeguatamente. I suoi lunghi capelli castani erano raccolti in una coda di cavallo, conferendo al suo viso un aspetto leggermente malizioso, mentre il suo sorriso lo abbelliva con la sua presenza. Zack si limitò a fare un passo indietro per lasciarla entrare, senza riuscire a dire nulla mentre la sua mente vagava su tutte le sue curve, sia visibili che nascoste. E, davvero, non ce n'erano molti nascosti in quel momento, ma erano quelli che più desiderava vedere.

Zack e Claudia tornarono velocemente nella sua stanza. A Zack non venne in mente, nel suo attuale stato di eccitazione, che Claudia sembrava altrettanto entusiasta quanto lui. Sua madre li incrociò nell'ingresso e non poté resistere alla tentazione di prendere in giro suo figlio.

"Altri studi informatici stasera, eh, Zack?" sorrise.

"Non stasera, mamma", rispose. "Stasera studieremo biologia." O, più precisamente, anatomia!

"Divertiti. Non lavorare troppo."

Entrambi i ragazzi la riconobbero subito e si infilarono nella sua stanza. Zack chiuse la porta. Era quasi tentato di chiuderla a chiave, ma decise di non farlo. Se la programmazione dei suoi genitori non avesse funzionato, sarebbe stato nella merda dopo stasera, indipendentemente dal fatto che fossero riusciti a fermarlo o meno.

Anche se l'eccitazione di Claudia stava crescendo, lei si mantenne composta. Posò i libri sulla scrivania e si rivolse con attenzione a Zack. La stava guardando, anzi, la stava quasi fissando, ed era ovvio ciò che voleva, anche se lottava per nasconderlo. Dalla settimana precedente, anche lei lo aveva desiderato, ma non voleva mostrarglielo. Non poteva uscire con lui, era un underclassman. Avrebbe distrutto lo status sociale che aveva. Giocando per un po', per permettergli di abituarsi alla sua presenza nella stanza, gli chiese: "Possiamo usare di nuovo il programma stasera, Zack?" Non sapeva che con quelle parole stava segnando il suo destino.

Zack si riscosse dallo stordimento. Le parole del programma bruciarono nella nebbia, e Zack si ricordò cosa doveva fare. "Certo, Claudia... ehm, vediamo..." si rese conto che non aveva cambiato il programma rispetto a quando lo usava su suo papà. Ha armeggiato per un secondo, senza fare nulla, poi disse a Claudia: "Il dannato link si è incasinato in qualche modo, devo ripristinarlo." Ha digitato le opzioni di riga di comando appropriate, quindi si è seduto indietro. Ha fatto cenno a Claudia sullo schermo mentre faceva doppio clic sull'icona.

-----

Pochi minuti dopo, Claudia si raddrizzò, correndo la mano sul petto nella vecchia manovra "Z". Zack lasciò questo gesto per Claudia, perché gli piaceva come appariva mentre lo faceva. Ancora una volta, Zack si trasferì. Si voltò verso di lui e quasi si gettò contro di lui. Si mosse in grembo, baciandolo molto. La sua lingua gli scivolò calorosamente in bocca, ballando intorno alla sua bocca, accarezzandosi la lingua, e poi le spinse la lingua in bocca, le labbra si bloccavano saldamente.

Zack è stato messo fuori gioco per un momento, non aspettandosi la forte reazione di Claudia. Si riprese rapidamente, però, e le sue mani vagarono liberamente il suo corpo ora, su e giù per la schiena, e poi stringendole le guance del culo. Si gemette in bocca e si premette più strettamente contro di lui.

Zack si tirò fuori la camicia dai pantaloncini e le passò le mani sotto, sulla schiena nuda. Si agitò in grembo mentre lui le accarezzava la carne nuda, e poi le scorreva le mani intorno ai lati e cominciò a accarezzarsi il seno. Ha modificato ciascuno dei suoi capezzoli a sua volta mentre i loro baci continuavano. La sua contorcimento gli aveva dato un'erezione enorme, e non voleva altro che strapparle i vestiti e scoparla senza pietà, ma voleva anche che questa prima volta durasse.

Claudia si spezzò il loro bacio e si sporse da Zack, alzando le braccia come un gesto per lui per togliersi la camicia. Lo fece, e gli fu presentata una vista delle sue meravigliose tette sode, dei suoi capezzoli, pronti per essere succhiati. Lanciò la camicia sulla scrivania e abbassò la bocca su uno di quei capezzoli, tirandolo in bocca e lanciando ripetutamente la punta della lingua, suscitando un profondo gemito da Claudia. Continuò a massaggiare la sua altra tetta con le dita mentre la lingua danzava attraverso il suo capezzolo. Stava ancora una volta contorcendosi in grembo e sapeva che poteva sentire il suo duro premere contro il suo cavallo.

Allungò la mano e premette le mani delicatamente su entrambi i lati del suo cazzo, facendo scorrere le dita lungo la lunghezza di quella canna coperta di stoffa. Questo spingeva Zack selvaggio e riusciva a malapena a resistere. Sollevò la bocca dal seno e le disse di alzarsi. Una volta che lo fece, si tirò giù i pantaloni e le mutande, strappando le scarpe e le calze con loro. Ha quasi strappato la camicia a toglierlo. Ora era completamente nudo ed era nuda dalla vita in su. Presto l'avrebbe fatta fuori dal resto dei suoi vestiti, ma voleva prima più contatto.

"In ginocchio", ha detto. Ha rapidamente rispettato le sue istruzioni. Era seduto sulla sedia e lei era proprio di fronte a lui. Il suo cazzo si è alzato con orgoglio, un intero sette pollici e più spesso di quello che avesse visto prima. "Ora, corri le mani sul mio cazzo." Allungò una mano e si avvolse delicatamente le dita attorno al suo albero, spostandole su e giù per la sua lunghezza, eccitandolo fino a quando non riuscì a malapena a sopportarlo. Attraverso i denti grtati, disse: "Succhialo, Claudia. Mettilo in bocca e succhialo!"

Claudia esitò solo per un istante, poi si sporse in avanti e lo portò in bocca, succhiando all'inizio in testa, facendo ancora le mani su e giù per il palo. Lentamente, cominciò a prenderlo di più in bocca, muovendosi lentamente su e giù per il suo cazzo, leccandosi la testa e applicando l'aspirazione. Questo non era qualcosa che Claudia era abituato a fare, ma era quello che voleva Zack, ed era quello che avrebbe ottenuto.

Le sue labbra si abbassarono e si abbassarono sul pozzo, fino a quando le sue labbra poggiarono contro la base del suo cazzo. Lo aveva profondo! Zack era entrambi stupito e in paradiso. Si fermò solo brevemente prima di iniziare a muovere la bocca più rapidamente su e giù per la canna, facendo scorrere la lingua lungo la parte inferiore del suo cazzo mentre le sue labbra passavano rapidamente sulla pelle venata della sua puntura.

Zack era certo che un aspirapolvere non poteva succhiare così forte. Il piacere gli stava sparando e stava usando tutto il controllo che doveva trattenere il suo climax, ma era vicino all'arrivo, comunque. Quando finalmente non riuscì a fermarlo, grugnì forte per avvertire. Claudia continuava a succhiare mentre il suo sperma sputava dal suo cazzo. Stava ingoiando tutto il suo sperma, non perdeva una goccia. La visione di Zack ha offuscato il brivido.

Mentre scendeva, non immaginava che avrebbe avuto qualcos'altro quella notte. Ma Claudia lo stava ancora succhiando, ed era sorpreso di scoprire che stava diventando di nuovo duro. La lasciò continuare fino a quando non si era di nuovo completamente induribile, e poi la tirò via. La alzò in piedi e poi prese i suoi pantaloncini. Il pulsante e la cerniera si liberarono facilmente e mentre iniziava a tirarli giù le gambe, si rese conto che non indossava mutandine. Mentre si sporgeva per tirarli lungo le gambe, riusciva a sentire l'odore della sua eccitazione e poteva vedere l'umidità che brillava tra le gambe. Non riusciva a resistere a un bacio contro la cima delle sue labbra di figa, sul clitoride con cappuccio. Claudia gemette forte e quasi cadde contro di lui.

-----

Fuori dalla porta, i genitori di Zack avevano sentito tutti i rumori inconfondibili del sesso che accadevano nella stanza.

"Non dovremmo fare qualcosa al riguardo?" Grant ha chiesto.

"Sì, dovremmo lasciarli soli, Grant. Vorresti che ci ascolti?"

"No, suppongo di no." Grant era ancora un po 'confuso, ma la sua programmazione si reggeva e accettò le parole di sua moglie senza discussione.

"C'è qualcos'altro che devi fare", ha detto Sharon.

"Che cos'è?"

Le prese la mano e se la tirò alla figa. "Devi portarmi in sala e scopare il mio cervello," sussurrò rauco.

-----

Di nuovo nella stanza di Zack, Claudia e Zack si baciavano ancora una volta, in piedi ai piedi del suo letto. La mano di Zack sgattaiola al suo cavallo e le gambe si separarono per dargli accesso. Fece le passò la mano leggermente contro la sua fessura, e poi le fece scivolare il dito medio in profondità. Lo sentì rabbrividire con la sensazione, e iniziò a muovere il dito dentro e fuori da lei, mentre l'altra mano le scivolava dietro, tenendola contro di lui. Le loro labbra rimasero bloccate, ma gemette costantemente in bocca.

Alla fine, Claudia non poteva più sopportarlo. Ha rotto il loro bacio e ansimò: "Zack, per l'amor di Dio, fottimi! Ho bisogno di te dentro di me! Roba così grande e duro cazzo in me!"

Lo stesso Zack era più che pronto a scoparla, quindi la spinse delicatamente sul letto, e poi strisciava su di lei. Posò il suo cazzo alla sua apertura e si fermò. Aveva fatto sesso solo una volta prima, e non era stata una buona esperienza per nessuno coinvolto. Sapeva che questa volta era diverso, ma ciò non gli impediva di fare una pausa.

Claudia, tuttavia, lo voleva solo dentro di lei. Allungò la mano e afferrò saldamente il suo cazzo, spingendolo dentro di lei. Una volta che la testa del suo cazzo era dentro di lei, non aveva bisogno di ulteriore incoraggiamento e il suo cazzo scivolò con impazienza nella sua figa bagnata da astuzia. Sebbene fosse stretta, riuscì a scivolare fino in fondo in un lungo e sensuale colpo, il velluto della sua fica afferrando il suo cazzo come un milione di dita gentili che lo massaggiavano subito. Cominciò a scuotere i fianchi contro di lui e lui ricevette il messaggio. Cominciò a scivolare dentro e fuori da lei, muovendosi lentamente all'inizio. Claudia lo trovò estremamente frustrante e immensamente piacevole. Gemeva di piacere e non voleva mai che finisse.

Zack iniziò a muoversi più velocemente mentre percepiva che entrambi stavano diventando ancora più eccitati. Si chinò per baciarle le tette, i baci prodigni su di loro, e poi succhiando ciascuno dei suoi capezzoli in bocca per succhiarli brevemente prima di andare avanti. Claudia si contorceva sotto di lui in estasi, incapace di contenere più le sue grida di piacere. La stanza era piena dei suoni dei loro fottuti: i suoi grugniti, le sue urla, i suoni bagnati dei loro corpi, lo scricchiolio del suo letto. Riflettò brevemente che era una buona cosa che i suoi genitori fossero sotto controllo, perché non c'era modo che fosse stato in grado di nasconderlo.

All'improvviso, Claudia fu scosso da spasmi di piacere, il suo corpo che si batteva sotto di lui in preda alla passione. La sua fica si increspò lungo il suo cazzo, cercando di tirarlo fino in fondo dentro di lei. Le dita di velluto della sua figa si massaggiarono e afferrarono il suo cazzo fino a quando non riuscì più a sopportarlo, e anche lui venne, ondata dopo ondata di sborra che si schizzava nel suo buco, riempiendola mentre entrambi gridavano nel climax.

Sembrava per sempre prima che fossero usciti dal loro alto e quando lo facevano, si sdraiavano uno accanto all'altro sul letto, il suo cazzo era ancora seppellito nella sua figa. Si baciarono teneramente mentre si rannicchiavano in quel modo. Solo allora hanno notato i rumori piuttosto rumorosi del sesso che provengono dal corridoio. Claudia era leggermente scioccata, ma Zack sorrise silenziosamente a se stesso. Bene, almeno papà ne sta prendendo un po '...

-----

Dopo un po ', Zack guardò Claudia e sapeva che era tempo di testare l'altra parte della sua programmazione, la parte che aveva aggiunto proprio ieri.

"Claudia?" chiese, volendo la sua piena attenzione.

"Hmmm?" Lei rispose assonnicamente.

"Voglio continuare a uscire con te."

"Ma, in realtà non siamo stati fuori insieme, Zack", ha risposto.

"Bene, okay, allora vorrei continuare a fregarti", disse con una risatina.

"Anche io voglio quello."

"Ma pensi che dovremmo essere in grado di ... vedere anche altre persone?" Questo era il test acido. La sua risposta è stata scritta nella sua programmazione.

"Puoi avere chiunque tu voglia, Zack. Ma non sarebbe giusto per me avere nessuno tranne te."

Risposta perfetta! "Okay, sono contento che siamo d'accordo. Ma, Claudia, ho bisogno che tu mi aiuti a prendere la mia prossima ragazza."

Adesso era completamente sveglia. "Non sono sicuro di come posso aiutare, Zack, ma farò quello che vuoi."

"Va bene. Tutto quello che devi fare è convincerla a venire nella mia stanza. Mi prenderò cura del resto."

"Probabilmente posso farlo per te, Zack. Chi è?"

"La tua amica, Stephanie," disse Zack in modo fatto.

Claudia rimase sbalordita momentaneamente, e poi la sua programmazione subentrò completamente. "Sì ... Penso che saresti bravo per Stephanie. Ha bisogno di qualcuno come te."

"Sono contento che tu lo veda a modo mio, Claudia. Quando potresti essere in grado di portarla qui?"

"Beh, sfortunatamente, Stephanie è molto impegnata durante la settimana. Probabilmente non sarò in grado di portarla qui fino al fine settimana."

"Va tutto bene, Claudia."

"Zack?"

"Sì?"

"E io? Se porto Stephanie qui, cosa farò mentre sei ... sai?"

"Sono sicuro di poter trovare qualcosa da fare, Claudia, non preoccuparti." Zack sorrise interiormente. Sapeva cosa avrebbe fatto Claudia mentre era fottutamente Stephanie, ma voleva sorprenderla.

"Okay, Zack. Cercherò di portarla qui sabato pomeriggio, quindi, se va bene."

"Sarebbe assolutamente perfetto, Claudia."

Mentre parlavano, le mani di Claudia vagano il corpo di Zack e si rese conto che era di nuovo duro dentro di lei. Senza alcuna parola, si girò su di lei e iniziò a rimbalzare ancora una volta. I loro suoni di passione riempirono ancora una volta la stanza mentre i loro corpi si impegnarono a vicenda, cercando piacere.

∼∼≈ / placano

Il giorno successivo a pranzo, Claudia passò al tavolo di Zack e si chinò rapidamente per dire: "L'ho convinta a venire a vedere il tuo programma sabato. Pensa che andiamo al centro commerciale dopo. Spero di aver fatto bene." Poteva vedere la preoccupazione nei suoi occhi che aveva fatto quello che voleva.

"Perfetto. Ora, Claudia, baciami."

Con solo la minima esitazione, Claudia si sporse e mise un bacio molto caldo sulle labbra di Zack. Non avrebbe dovuto farlo farlo, perché ha acceso in lui il bisogno infuocato del suo corpo.

Mentre spezzava il bacio, ignorò gli sguardi stupiti dei loro compagni di classe mentre le chiedeva: "Vieni per il tutoraggio stasera, vero?"

"Certo. Non lo mancherà per il mondo", disse, mentre si girava per andare.

Zack guardò a Stephanie mentre Claudia tornava al tavolo. Stephanie stava guardando incredulo la sua amica. Come se fossi una specie di lebbroso. Bene, Stephanie Bromwell, vedremo quanto mi disprezzi dopo questo fine settimana!

∼∼≈ / placano

∼∼≈ / placano

Storie simili

Le avventure della ragazza esibizionista, parte 4

Riassunto delle parti precedenti: Kadri, che ha iniziato a 11 anni sperimentando l'esibizionismo e che in seguito è diventata dipendente dal sesso, è stata pensierosa dopo un fallimento nell'essere lasciata nuda in una piccola città. Pensò alle sue maniere, ma decise di continuare. Ora a 13 anni sta pianificando la sua più grande avventura nuda. A quanto ho capito, Kadri voleva provare il suo esibizionismo in un'altra città, ma all'inizio doveva leggere dei libri per la scuola e prepararsi in alcune altre materie. „Ho un programma per l'ultima settimana di vacanze. Forse questo avrà più successo , ha detto. Kadri ha...

532 I più visti

Likes 0

Insegnami Parte 2

Insegnami Parte 2: Il giorno dopo Non ricordo di essermi alzato da Kay, o di essermi rimesso i vestiti, o di essere andato in camera mia a rimboccarmi le coperte, quindi posso solo supporre che Kay abbia fatto quelle cose per me. Mi sono sdraiato sulla schiena nel letto, sbattendo le palpebre alla luce del sole che si rafforzava, ricordando gli ultimi 2 giorni, che erano volati via, alla velocità della luce. Ricordai il mio primo, poi il secondo incontro con Doe, e poi la mia piccola sessione di coccole con Kay. Ricordavo quanto fossero sode e impertinenti le sue tette...

543 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

529 I più visti

Likes 0

La mia vicina incinta, parte 3

Lunedì mattina mi sono seduto al tavolo da picnic e ho provato a leggere il giornale mentre aspettavo Shelly. I miei pensieri sono tornati a domenica e ho iniziato ad avere un'erezione mentre anticipavo di avvolgere le mie labbra attorno ai suoi capezzoli duri e di bere il delizioso latte dalle sue tette succulente. Sapevo anche che era arrapata da morire e potevo solo pensare al gatto selvatico in attesa di essere scatenato quando ho fatto scivolare il mio cazzo duro nella sua lunga figa affamata di cazzo. Circa mezz’ora dopo ho sentito Mike andarsene e mi aspettavo Shelly da un...

347 I più visti

Likes 0

Il primo amore di Sarah

Merrie England, nel XVII secolo... La luce del sole scintillava sul ruscello increspato mentre serpeggiava tra i prati di Caisterdale per passare sotto il vecchio ponte di pietra accanto alla chiesa del villaggio. Sarah era seduta sulla riva del ruscello, con il viso nell'ombra, ignara della scena, fissando senza vedere in lontananza, con il libro in mano ma persa nei suoi pensieri. Sentì il rumore degli zoccoli sul sentiero di ghiaia: Ah, signorina Haverthorpe, un ultimo giorno di libertà? chiese una voce familiare. Lei alzò lo sguardo, John, il figlio di Lord Caisterdale, il suo amico d'infanzia la guardò dall'alto del...

321 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

1.2K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

893 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

561 I più visti

Likes 0

Phoenix Pt 4 Epilogo

L'insegna sulla porta di vetro smerigliato diceva: Tomlin Corporation. In caratteri più piccoli, due righe al centro sotto il nome dell'azienda dicevano: Raymond Blacker, Capo della sicurezza. Il corriere ha bussato due volte alla porta, poi è entrato senza aspettare risposta. Il forte profumo del fumo di sigaro gli assalì il naso e gli occhi mentre entrava nella stanza scarsamente illuminata. Profilato dalle tende della finestra, un uomo corpulento sedeva a una scrivania. Alzò la testa per guardare il corriere che si avvicinava. L'uomo dietro la scrivania non sembrava allarmato dall'intrusione di questo particolare individuo, anche se pochi uomini avrebbero osato...

524 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.