Miele in vendita parte 2

105Report
Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2

Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo.

Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. "Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo." Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato.

"Che tipo di clausole?" Lo guardai sospettoso.

"Bene", si fermò, "prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà così tanto. La tua famiglia la riporti qui o la tua famiglia paghi per l'autobus della Trailways per portarmi al tuo posto.

Ho pensato che vivevo solo a circa un'ora di distanza e la sua richiesta era ragionevole, ma non ero così stupido da credere che stesse chiedendo questi incontri per amore di sua figlia, molto probabilmente gli sarebbe mancata la sua figa normale e pompini. Non sono sicuro di quanta resistenza gli avrebbe dato Sugar riguardo al fatto che lei avesse compensato la perdita dei doveri di Honey, ma scommetto che Sugar non avrebbe rinunciato facilmente.

"Quindi vuoi che riporti Honey a casa ogni mese così puoi scoparla." ho affermato.

Mi guardò con un'espressione stupita, poi lasciò che un sorriso sornione gli scorresse sul viso e masticò il fiammifero, poi disse "Sì".

Gli ho sorriso e gli ho detto: "Non ho problemi con questo. Cos'altro?"

"Devi dare a me e a lei uno di quei fantasiosi telefoni a conchiglia così può chiamare e parlare con me e sua sorella."

"OK, ma non sono sicuro che tu possa ricevere ricezione qui." Ho tirato fuori il mio iphone dalla tasca e sono rimasto sorpreso di vedere che aveva tre barre. "qualunque altra cosa?"

"No" e mi strappò di mano l'assegno.

Sugar piangeva e abbracciava sua sorella. Era chiaro che c'era uno stretto legame tra le due ragazze. Honey sembrava accettare il suo destino con la stessa rassegnazione con cui ha mostrato di dover scopare uno sconosciuto. Era quello che suo padre le aveva detto di fare, quindi lo avrebbe fatto.

Honey si era vestita con un paio di jeans strappati blu strappati che erano così stretti che la cucitura tra le sue gambe divideva profondamente la sua fica a metà. Indossava anche una maglietta nera dei Grateful Dead e un paio di vecchie infradito logore. Sugar porse a Honey un sacchetto di carta con quelli che pensavo fossero i beni terreni della ragazza.

"OK, è lunedì", dissi all'uomo allampanato. "Quindi ti porterò il cellulare prima del fine settimana."

Jeb ha caricato il grosso cane giallo nel retro della mia macchina e ha sbattuto il portello. Il mezzadro aveva messo una corda sottile intorno al collo del cane come guinzaglio di fortuna. Il bastardo non aveva il collare.

"Qual è il suo nome?" chiesi all'uomo stagionato.

"Boner", ha risposto con un sorriso. "Un po' si adatta, vero?"

Tutti si sono salutati in lacrime e Jeb mi ha dato indicazioni per uscire da lì. Honey si arrampicò sulla Grand Cherokee e fece scorrere la mano con meraviglia sui sedili di pelle mentre ingranavo la marcia della Jeep nera lentamente allontanandomi dall'unica casa che avesse mai conosciuto. Si voltò, si inginocchiò all'indietro sul sedile e fece un cenno alle due figure appollaiate sul vecchio portico traballante.

Quando abbiamo raggiunto la strada asfaltata le ho mostrato come allacciare la cintura di sicurezza. Stava tirando la cucitura dei suoi pantaloncini nel futile tentativo di ottenere un po' di sollievo dal materiale che le tagliava la figa.

"Quei pantaloncini ti fanno male?" le ho chiesto mentre si dimenava sul sedile.

Mi guardò con quei grandi occhi verdi e annuì.

“Se vuoi puoi toglierli così puoi stare più comodo.”

Mi sorrise, slacciò la cintura di sicurezza, si tolse rapidamente lo straccio di jeans dal corpo e iniziò a strofinarsi la piccola figa senza peli nel punto in cui il panno aveva tagliato un percorso rosso arrabbiato attraverso la sua fica.

Non riuscivo a staccare gli occhi da quella piccola figa preziosa e il mio cazzo ha cominciato a stringersi nei pantaloni, così ho raggiunto il sedile posteriore e ho afferrato un asciugamano che tenevo in macchina per asciugarmi le mani nelle rare occasioni in cui ho ha dovuto ispezionare l'attrezzatura di un contadino e le ho detto che poteva coprirla.

Mi sorrise di nuovo e disse: "Non mi dispiace stare seduta nuda, inoltre è molto meglio di quei pantaloncini". Proprio in quel momento mi resi conto che era la prima volta che mi parlava direttamente.

"Sono sicuro che si sente meglio, ma il tuo bel corpicino mi sta causando disagio ora."

Lei sorrise, slacciò la cintura di sicurezza, si avvicinò a me e avvolse la sua piccola mano intorno al mio cazzo attraverso i miei pantaloni, poi disse: "Posso aggiustarlo per te", e prese la mia cerniera.

"Wow, signorina." dissi un po' troppo bruscamente. “Non è sicuro fare quel genere di cose mentre guido. Torni laggiù, allaccia la cintura di sicurezza. E drappo quell'asciugamano su quella piccola figa gustosa così posso portarci a casa in un unico pezzo. "

Ha strappato la mano dal mio cazzo come se fosse in fiamme, è tornata rapidamente al suo posto e ha armeggiato con la cintura di sicurezza. Potevo vedere il suo labbro inferiore tremare e una lacrima scorrerle lungo la guancia.

"Ehi", dissi mentre allungavo la mano e asciugavo amorevolmente la lacrima dalla sua guancia. "Scusami; Non volevo prenderti in giro. Non hai fatto niente di male. Semplicemente non sapevi che non dovremmo giocare mentre guido. OK?"

Lei mi guardò e annuì. Un'altra lacrima le sfuggì dalla coda dell'occhio e si appoggiò alla porta e tacque.

Ho guardato nello specchietto retrovisore e ho notato Boner nella parte posteriore che osservava con calma il paesaggio che volava via.


Riportai la mia attenzione alla strada; i miei pensieri sono andati a mia moglie e a quale sarebbe stata la sua reazione se avessi portato a casa una "puttana" di nove anni e il suo "fottuto" cane. In realtà non ero troppo preoccupato per la ragazza; Ero più preoccupato per il cane. A Beth non piacciono i cani. Mai. Non mi ha mai detto perché, ma si è rifiutata di farmene prendere uno per la fattoria. Per quanto riguardava la ragazza, sentivo che dal momento che avevamo parlato della possibilità di adottare un bambino un giorno, sentivo che avrebbe accolto Honey a braccia aperte. Anche se non ero molto sicuro di come avrebbe preso la parte della "puttana".

Beth e io siamo, in mancanza di una parola migliore, "scambisti". Faccio un po' di cazzate con la conoscenza di Beth, ma è lei, quella è la vera troia della famiglia. Ha il mio permesso di allargare le gambe ogni volta che il capriccio la colpisce e lei esercita frequentemente questa opzione. Di tanto in tanto ci riuniamo da cinque a venti uomini per farle una gangbang in uno stupore sessuale.

Quindi ho sentito di avere tutte le ragioni per credere che mia moglie avrebbe abbracciato Honey come una compagna di troia e forse anche come una figlia temporanea. Almeno speravo che sarebbe stato così. La realtà era che stavo volando per i capelli sulle palle e probabilmente stavo facendo una cazzata alla grande, ma dal momento che sono già entrato in questo secchio di merda, potrei anche seguirlo per tutto il mio matrimonio e sperare per il meglio.

Stavo valutando le mie opzioni se dovessi chiamare mia moglie o no. Alla fine decisi che avrei dovuto almeno darle un'idea di cosa aspettarsi quando fossimo tornati a casa.

"Ciao cara,"

(Io ascolto Beth)

“Sì, sono a una trentina di minuti da casa ma devo fare una sosta lungo la strada”.

(mlt

"Va bene, ma ho qualcosa da dirti." Ho continuato.

(mlt

"Beh, sto portando qualcuno a casa con me."

(mlt

"È qualcuno che penso ti piacerà molto, ma vorrei che tu la salutassi e..."

(mlt

Sì, è una lei. Senti, non voglio parlarne al telefono. Vieni con me su questo. Quando arriviamo mettiamola a suo agio e facciamola accomodare in una delle stanze degli ospiti e ne possiamo parlare più tardi.

(mlt

Tesoro, fidati di me su questo. Diamole il benvenuto e quando andrà a dormire le spiegherò tutto. Si Grazie. Anch'io ti amo. A presto. Oh sì", ho aggiunto rapidamente. "Fai attenzione alla tua lingua, ok?"

(mlt

Ok, ok, rilassati, no, non stavo criticando; Volevo solo prepararti. Anch'io ti amo. Sì, ciao.»

Mia moglie ha la bocca da grondaia. Il vocabolario di Beth consiste principalmente di parole di quattro lettere e non volevo scioccare Honey con la lingua di Beth. Dubitavo sinceramente che Honey potesse o sarebbe rimasta scioccata da qualsiasi lingua, ma volevo stare attenta lo stesso

Abbiamo guidato a sud verso Ray City. Ray City, Ga è una comunità abbastanza piccola che si trova appena a nord della base aerea di Moody, che si trova appena a nord di Valdosta. Quando abbiamo superato il cartello dei limiti della città, ho spiato un Wal-Mart e mi sono fermato.

Ho detto a Honey di rimanere in macchina mentre io entravo e le prendevo qualcosa da indossare. Ho portato con me i cut-off per giudicare quale taglia non prendere e le ho mandato un bacio. Mi sorrise timidamente e si rannicchiò sul sedile.

Boner ha abbaiato due volte facendomi sapere che voleva uscire.

Ho subito scelto una gonna a pieghe azzurra con le farfalle che pensavo sarebbe andata bene e una confezione da tre di mutandine. Mentre mi dirigevo alla cassa ho passato l'isola delle forniture per animali domestici e ho preso un piccolo sacchetto di cibo per cani per Boner, ho pagato gli articoli e sono tornato di corsa alla macchina.

Quando sono tornato nella Cherokee ho messo il cibo per cani sul pavimento dietro il suo sedile e le ho dato il sacchetto di plastica blu e bianco e le ho detto di vestirsi.

Tirò fuori dalla borsa il pacchetto di mutandine e mi guardò con gli occhi spalancati. "Per me?" disse lei eccitata.

“Certo, quante altre belle ragazze vedi sedute in questa macchina?

Strappò velocemente la confezione di plastica e accarezzò gli indumenti di seta con le dita e poi se li premette sulla guancia e ridacchiò.

"C'è così morbido." Disse meravigliata.

"Bene", dissi con anticipazione nella mia voce. "Mettili e vedi se vanno bene."

Scalciò via l'asciugamano e si infilò nelle mutandine bianche.

"Oh, si sentono così bene." Disse facendo scorrere le sue piccole dita sul materiale. “Il loro perfetto.”

"Ora la gonna." mi offrii mentre lo tiravo fuori dalla borsa.

Me lo prese e fece scivolare la gonna blu su per le gambe, l'elastico in vita le abbracciò i fianchi piccoli e sembrava che volesse alzarsi in macchina e modellare i suoi vestiti nuovi ma non c'era abbastanza spazio.

Avevo fatto bene con le taglie e Honey sembrava felice. Non riusciva ancora a superare le mutandine e la sua gonna era intorno alla vita per il resto della strada verso casa mentre le ammirava. Inutile dire che il mio cazzo era duro come una roccia quando siamo arrivati.

Abbiamo parcheggiato il Cherokee nel fienile e siamo scesi. Ho aperto la portiera posteriore e Boner è schizzato fuori dall'auto prima che potessi afferrare la corda. Non dovevo preoccuparmi perché il bastardo giallo si è fermato appena fuori dal veicolo e ha liberato la sua vescica. Presi la corda e aspettai che finisse. Honey si avvicinò e si fermò accanto a me mentre i suoi occhi vagavano meravigliati attraverso le porte aperte della stalla della nostra enorme casa.

Sono in assicurazione e ho fatto molto bene per me stesso negli ultimi anni. Bethany ed io abbiamo costruito questa casa l'anno scorso. Era molto più di quello di cui avevamo bisogno, ma abbiamo iniziato a "divertire" e abbiamo deciso che per ora ci saremmo messi a spendere e vedere come funzionava questa fattoria.

Non stavamo male per soldi. L'ultima volta che ho controllato che valessimo circa sei milioni e avevamo pochissimi debiti. Anche se ero ancora sulla trentina, in realtà non avevo più bisogno di lavorare, ma ho costruito questa attività dal nulla e ora è parte integrante di me. Ho affidato le operazioni quotidiane dell'azienda a una donna meravigliosamente capace, mia sorella. Personalmente mi occupo solo degli account esclusivi e degli smoozing politici che mi piacciono tanto.

Sono considerato un pilastro della comunità valdostana così come dello stato della Georgia e molte persone potenti e importanti mi considerano loro amico. Sono anche amorevolmente conosciuto come un pervertito e un deviante sessuale tra quelle stesse persone. La maggior parte dei quali ha scopato mia moglie molte volte.

Legai Boner a un palo nel fienile e riempii un secchio d'acqua e lo misi alla sua portata, ma non così vicino da poterlo avvolgere intorno alla corda e capovolgerlo. Ho preso il cibo per cani dall'auto e ne ho versato un po' per terra perché non avevo niente in cui metterlo. Boner ha annusato le palline secche e mi ha guardato come per dire 'Che cazzo è questa roba?'

Ho alzato le spalle e gli ho detto: "Se hai fame, lo mangerai".

Prendendo la mano di Honey ci siamo diretti verso casa. Beth era in piedi sulla veranda che avvolgeva la nostra casa coloniale a due piani di quattordici stanze. Salimmo le scale e baciai mia moglie sulla guancia. Mi guardò con mille domande negli occhi.

Dissi: “Beth, questa è Honey. Tesoro, questa è mia moglie, Beth".

"Ciao miele. Sono così felice di conoscerti.” Beth rimase piegata in vita e tese la mano a Honey.

Honey prese la mano offerta e arrossì. "Non ho mai incontrato una donna così bella come te prima d'ora."

Beth mi guardò di nuovo. Lessi confusione nei suoi occhi, ma si voltò di nuovo verso il bambino di nove anni e disse. “Grazie tesoro, sei dolce.

Il miele ha risposto: "Sì".

Ho riso e ho spiegato a mia moglie completamente sconcertata che il cognome di Honey è Sweet. Dolce miele. Quando il nome mi è uscito dalla lingua ho pensato tra me e me, "sembra il nome di una spogliarellista".

Honey ha risposto e si è offerta volontaria: "E ho una sorella di nome Sugar"

"Beth, andiamo dentro e facciamo pulire Honey, poi possiamo cenare e portarla a letto." Ho suggerito.

Beth annuì come nella nebbia.

“Ho dimenticato, ho lasciato le cose di Honey in macchina. Tesoro, porta la nostra ospite in bagno e falla pulire, mentre io prendo le sue cose.

Beth e Honey si voltarono ed entrarono in casa. Sono tornato alla stalla e ho controllato Boner. Gli ho chiesto scusa, facendogli sapere che sarebbe stato legato per la notte. Mi ha guardato come se avesse capito e che potesse affrontarlo. Penso davvero che sia stato solo un pio desiderio da parte mia; almeno non aveva cominciato ad abbaiare.

Ho recuperato il sacchetto di carta con le cose di Honey, ho preso le mutandine extra che aveva messo sul sedile e le ho infilate nella borsa e mi sono diretto verso casa. Mentre camminavo, ho sbirciato nella borsa a brandelli e avrei voluto guardarci dentro prima. C'erano due magliette "T", un sottile vestito verde da sole simile a quello che sua sorella indossava alla baracca e un paio di slip da ragazzo con diversi buchi. Ma le cose più significative erano un vecchio spazzolino da denti rosa che era stato indossato a metà. Le setole sporgevano a casaccio in tutte le direzioni e sembrava che qualcuno l'avesse usato per pulire i componenti dell'auto. C'era anche un pettine di plastica a cui mancavano metà dei denti.

Ho trovato Beth in cucina che preparava la cena.

Mentre entravo lei sibilò a denti stretti: "Che CAZZO sta succedendo qui, succhiacazzi?"

Anche se in realtà non succhio i cazzi, quando Bethany è arrabbiata con me, spesso mi chiama così. Ho evitato la sua domanda e ho chiesto a Honey se stava facendo il bagno. Ha riconosciuto con rabbia che lo era e ha ripetuto la sua richiesta.

"Guarda", dissi, "è una bambina che sta con noi per un po'. Non c'è abbastanza tempo per discuterne adeguatamente in questo momento, è complicato. Le prometto che appena andrà a letto le spiegherò tutto e potremo decidere cosa fare, insieme, stasera, per tutto il tempo che ci vorrà».

Potrei dire che non le piaceva la mia risposta, ma ha deciso di aspettare fino a quando non avrei potuto spiegare in dettaglio.

Poi Beth si voltò e disse: "Sai cosa mi ha chiesto quella bambina, Henry?"

Ho scosso la testa no.

“Mi ha chiesto dove fossero le altre persone. Le ho chiesto quali altre persone e poi ha detto le altre persone che vivono in questo hotel. Quando le ho detto che questo non era un hotel, che era casa nostra e che le uniche persone che vivevano qui eravamo io e te e sai che cazzo ha detto allora?"

Ancora una volta ho indicato che non l'ho fatto.

"Cazzate,"

"Onestamente cara, non ho idea di cosa abbia detto." mi sono difeso.

"No", disse Beth irritata. "È quello che ha detto Honey, 'Merda'. Una bambina di nove anni, seduta in una vasca di bolle di sapone, mi ha detto candidamente che ero piena di merda in faccia".

Mia moglie mi guardò con le mani sui fianchi.

Ho annuito e le ho detto. "Ci credo. Non hai visto da dove viene. E se ti dicessi che tutto ciò che possiede è in questo sacchetto di carta? Non voglio dire che questo è tutto ciò che ha portato con sé, sto parlando di tutto, ovunque, è in questa borsa. Poi gliel'ho lanciato".

Bethany ha scaricato il contenuto della borsa sul bancone. Lo spazzolino rotolò giù dalla pila di vestiti e per poco non cadde sul pavimento, ma lei lo afferrò.

Lo sollevò e lo ispezionò. "Holey fottuta merda." Poi frugò tra gli altri oggetti e scoprì la biancheria a brandelli e il pettine. "Fottimi." pronunciò sottovoce.

“La sua famiglia è poverissima. Non c'è da meravigliarsi se pensa che questo sia un hotel".

Mia moglie si sedette pesantemente su una delle sedie del cucinino con in mano ancora lo spazzolino da denti. Mi guardò e iniziò a parlare quando Honey entrò in cucina grondante acqua nuda come la vigilia senza foglie di fico.

"Non sapevo quale asciugamano usare, quindi ho pensato che avrei fatto meglio a chiedere." chiese docilmente la piccola ragazza dai capelli rossi.

Beth balzò in piedi e riportò la bambina in bagno, mentre io prendevo lo straccio dalla dispensa e pulivo le impronte acquose. All'improvviso trovavo difficile credere di aver scopato quella ragazzina meno di quattro ore fa e non mi sentivo molto bene a riguardo. Più ci pensavo, più mi sembrava di aver fatto un grosso errore portandola a casa mia.

Ho messo via la scopa e ho incontrato Beth nel corridoio. I suoi occhi erano umidi e sembrava sul punto di piangere.

Lei mi guardò e disse. "Non ha mai usato il dentifricio Henry, solo il bicarbonato di sodio quando poteva averlo."

Ho attirato mia moglie a me e l'ho tenuta stretta mentre continuava: "Avevo un nuovo spazzolino da denti nell'armadietto dei medicinali". Bethany sussurrò nel mio petto. “Quella bambina ha praticamente ballato intorno al bagno quando gliel'ho dato. Mi ha detto che l'avrebbe pulita come nuova quando avesse finito. Quando ho detto che era suo da tenere, avresti pensato che le avessi regalato una collana di diamanti. Poi ho buttato quel vecchio pezzo rosa di spazzolino da denti di merda nel cestino dei rifiuti. Sai cosa fece allora Henry?"

Non ho risposto.

Mia moglie ha continuato il suo racconto degli ultimi minuti. “Miele ha pescato quel pezzo di plastica senza valore dalla spazzatura l'ha lavato via e ha detto che l'avrebbe restituito a sua sorella che l'aveva fatta portare con sé. Stavano condividendo quel vecchio spazzolino da denti infuriato di Henry……. In che cazzo ci hai cacciato?" Disse mia moglie da dodici anni guardandomi negli occhi con aria interrogativa.

L'ho guardata e ho alzato le spalle. "Sembrava una buona idea in quel momento."

Mia moglie sospirò e mi disse che aveva preparato la camera da letto blu per far dormire Honey. Poi tornò in cucina per finire la cena.

Honey uscì dal bagno ancora nuda ma questa volta era asciutta. Mi stava raccontando con entusiasmo del nuovo spazzolino da denti e del bagnoschiuma. Era il secondo bagno che ricordava di aver fatto con le bolle. Stavo a malapena ascoltando le sue chiacchiere eccitate mentre le prendevo la mano e la conducevo nella sua stanza.

"Merda", esclamò. "Questo è bellissimo. Posso sedermi sul letto?"

"È il tuo letto." Ho detto. "Questa è la vostra camera. Fai quello che vuoi qui dentro. Preferirei comunque che tu non gli dessi fuoco o altro."

"Oh, non lo farei mai." Disse seriamente, mentre strisciava sul letto matrimoniale. "Mmmmm, è così morbido." Si stese sul letto a pieghe e mosse le braccia e le gambe come se stesse facendo un angelo di neve. "Non ho mai scopato su un letto così morbido prima d'ora." E allargò le gambe. "Vuoi scoparmi adesso, signor... non so come ti chiami, signore."

"Sono Henry Hastings, e per quanto riguarda il cazzo, aspettiamo un po' prima di decidere di farlo."

"Ok", ha risposto, "ma divento piuttosto eccitata se non scopo almeno una volta al giorno. A volte, quando papà si ubriaca e non riesco a trovare i cani, ho mia sorella che mi mangia la figa perché divento tremendamente arrapato".

Sorpreso, le ho chiesto. "Pensavo che a Sugar non piacesse il sesso."

“Oh no, lei ama il sesso. Semplicemente non vuole scopare papà, quindi gli dice che non le piace. Dice che non è giusto fottere i tuoi parenti.

"Beh, lei mangia la tua figa e tu sei parente." ho sfidato.

"Mangiare la figa non è un cazzo." Ha chiarito.

Sorrisi alla semplicità del suo ragionamento e le dissi che avrei preso le sue cose.

Quando sono tornato era ancora sul letto con le gambe aperte che giocava sfacciatamente con la sua piccola figa. Mentre gettavo la borsa marrone sul suo letto, lei mi chiese con stupore.

"Ho tutta questa stanza da solo?"

"Sì", dissi, "è tutto tuo, tutto da solo".

"Non ho mai dormito da solo prima." Rispose preoccupata mentre continuava ad accarezzarsi la piccola fessura. "Dove dormi?" Lei chiese.

"Dormo con mia moglie in fondo al corridoio." ho chiarito. "Vestiti per andare a letto e poi scendi a cena." Poi l'ho lasciata a farsi quella bella fichetta pelata.



Ho apparecchiato la tavola per tre e ho ripulito quello che potevo mentre Beth finiva di cenare. Avrei aiutato con la cottura ma faccio schifo. Posso grigliare abbastanza da riuscire a passare attraverso un piccolo bar-B-Q ma questo è tutto. Mia moglie mi accusa di essere l'unica persona che conosce che può bruciare l'acqua.

Il miele è entrato in cucina; Immagino fosse pronta per andare a letto. Indossava una maglietta gialla sbiadita di Sponge Bob che non arrivava fino all'ombelico e un paio delle sue nuove mutandine. Per qualche ragione aveva le mutandine tirate su "a vita alta" in modo che il cavallo fosse tirato su nella fessura della sua fica e le labbra della sua figa fossero visualizzate all'esterno delle mutandine.

Quando Beth ha visto il preadolescente in piedi audacemente, i suoi occhi si sono posati su di me. Ricambiai lo sguardo turbato che mi rivolse con un'impotente alzata di spalle e scuotendo la testa.

Mia moglie è andata da Honey e si è preoccupata per lei: "Ecco, lascia che ti aiuti con quelli. Una giovane donna non indossa le mutandine in quel modo". Ha detto mentre infilava le dita in ogni buco della gamba e estraeva il materiale setoso dalla figa umida della ragazza.

"Ma mi piacciono così." Honey si lamentò: "Si sentono bene quando li tiro su forte". E lei prontamente afferrò il materiale tra le sue gambe e lo afferrò fino a quando le sue labbra della fica non uscirono da ogni lato.

Con gli occhi spalancati, Bethany indietreggiò barcollando e distrattamente annusò le sue dita. Quando ha visto che la fissavo con sorpresa, è diventata rossa e si è precipitata ai fornelli per occuparsi della sua cucina.

Presi la mano di Honey e la condussi attraverso la porta a battente che conduceva alla sala da pranzo e le indicai quale posto era il suo. Prima di salire sulla sedia, accarezzò il valoroso sedile e si meravigliò della sua consistenza. Rimasi dietro di lei guardando il suo culetto carino mentre le mutandine erano anche tirate su nella sua fessura del culo come un perizoma. Mi sembrava che ci fosse un metodo per la sua esibizione.

Mi ha guardato con quei grandi occhi verdi e mi ha inchiodato. "Non hai ancora detto a tua moglie che sono una puttana, vero?"

“Ahhhhh,” balbettai, quando mi resi conto di cosa stava facendo. "No, non l'ho fatto e ti sarei grato se me lo lasciassi dire a modo mio e a mio tempo, piccolo diavolo." E le ho solleticato le costole e lei ha strillato di gioia. "Ora aggiustati le mutandine e comportati bene." Le ho detto sorridendo alle sue buffonate. "E comunque, non sei più una puttana, potresti essere la mia piccola troia ma non sei una puttana."

Ridacchiando, tirò fuori le mutandine dall'inguine e salì sulla sedia. Seduta lì su quella grande sedia mi ha ricordato Lilly Tomlin al Saturday Night Live molti anni fa.

"Cosa ti va da bere?" Le ho chiesto.

Il suo sorriso svanì e mi guardò se venissi dallo spazio.

"Abbiamo succo, latte, soda e acqua."

"Abbiamo solo acqua in casa". Lei mi ha detto.

"Beh, ho sondato, "cosa ti piace?"

Lei scrollò le spalle: "Una volta un uomo mi ha comprato uno Yoo-hoo dopo che l'ho succhiato nel bagno di una stazione di servizio. Era delizioso, non aveva nemmeno un cattivo sapore. Lo sapevi", ha continuato, "che lo sperma di un uomo più anziano ha un sapore migliore di quello di un uomo più giovane.?"

"No, non l'ho fatto" ho risposto.

“Beh, lo fa. Non chiedermi perché, ma i ragazzi più grandi hanno più un sapore di figa e la figa ha un sapore quasi buono come Yoo-hoo.

Beth entrò nella stanza e iniziò a mettere il cibo sul tavolo.

Ho preso quattro bicchieri e ne ho riempiti tre con ghiaccio e acqua dal frigo. Il quarto l'ho riempito di latte, ho aggiunto dello sciroppo di cioccolato e ho fatto Honey a Yoo-hoo.

Quando le ho messo davanti il ​​latte al cioccolato, ha battuto le manine ed ha esclamato. “Stare con te è come avere sempre il Natale!”

"Beh", le ho detto, "ti meriti di avere il Natale tutto il tempo".

Ho lanciato un'occhiata a mia moglie e sembrava che avesse appena messo a posto un pezzo di un puzzle e l'immagine stava diventando più chiara.

Ho chiesto a mia moglie se le sarebbe piaciuto il vino a cena.

"Merlo". Disse semplicemente e se ne andò per portare il resto del pasto.

Ho versato due bicchieri e li ho sistemati a casa nostra.

Beth ha portato un piccolo brasato con patate e carote. Le tenni la sedia e poi mi sedetti a capotavola con Honey alla mia sinistra e Bethany alla mia destra.

Honey stava ispezionando il suo piatto girandolo da un lato all'altro. Ci ha bussato con le nocche. "Non ne abbiamo, i nostri sono di plastica". Fece una pausa e si illuminò. "Ma abbiamo forchette come questa ma non sono così brillanti e non combaciano."

Per la maggior parte mangiavamo in silenzio, tranne le lodi occasionali che Honey ha colto sulla cucina di Beth e i commenti stupiti che la bambina faceva sull'opulenza dell'ambiente circostante. Sono rimasto sorpreso e felice che avesse una comprensione delle buone maniere a tavola, anche se era chiaro che non era abituata a usarle.

Beth sembrava un po' più a suo agio, ma potevo dire che non vedeva l'ora di mettere a letto Honey e trascinarmi nei confini della nostra camera da letto.

Quando abbiamo finito, Honey ha aiutato a pulire. Era stupita che ci fosse effettivamente una "macchina" che lavava i piatti.

Insieme abbiamo portato Honey nella sua stanza. Beth la rimboccò e la baciò sulla fronte.

"Sugar mi bacia in quel modo alcune volte", ha detto la bambina in modo pratico, "ma la mamma non l'ha mai fatto. Mi sono sempre chiesto perché?"

Poi mi ha guardato: "So che non sei il presidente perché è nero, quindi devi essere qualcuno di molto importante per avere una casa come questa e una bella moglie come Miss Beth.

Le ho sorriso e ho detto. “No, tesoro, non sono una persona speciale. Sono solo un uomo molto fortunato. Buona notte."

Quando mia moglie ha lasciato la stanza, mi ha preso la mano e mi ha drogato. Riuscivo solo a chiudere la porta mentre inciampavo dietro di lei.

Mi ha spinto attraverso la porta della nostra camera da letto e mi sono seduto sul bordo del letto.

Chiuse la porta e si mise le mani sui fianchi e disse: "Ok, figlio di puttana succhiacazzi".
(Non ho mai scopato neanche mia madre)

Ho accarezzato il letto accanto a me e lei con riluttanza si è spostata e si è seduta dove le avevo indicato.

Racconterò solo cosa è successo stamattina e poi potremo decidere cosa fare.

Quaranta minuti dopo si sedette in quello che pensai fosse un silenzio sbalordito.

Lentamente mi ha guardato "Ho una domanda", ha affermato con calma mentre cercava in profondità nei miei occhi……. Cosa, in quella tua grossa testa stupida, credeva che NON ti saresti innamorato di quella ragazzina? Sono già innamorato di lei e ti ho visto a tavola, quindi so che lo sei anche tu.

Ero scioccato! E allo stesso tempo, sapevo che aveva assolutamente ragione. Non avevo nemmeno pensato di innamorarmi di Honey. Sarebbe stata solo un piccolo giocattolo per me con cui giocare, eppure mi ero innamorato di lei, non come amante o moglie, ma come figlia. Avevo già pensato a lei come a MIA figlia!

"Eh." dissi sgomento.

"Aspetta, ho mentito!" esclamò Beth. Ho due domande. “Come pensavi che avrei lasciato stare qui un CANE?

"Non l'ho fatto, speravo."

"Beh, non può." affermò in tono piatto.

"Ok", dissi, "lo riporterò indietro venerdì quando andrò a trovare Jeb e gli porterò il suo cellulare.

Lei mi guardò di nuovo acutamente. "Quindi hai intenzione di continuare con questa fottuta adozione a metà?... Sai", ha affermato, "più a lungo rimane qui, più ci affezioneremo a lei. Come diavolo faremo a rinunciare a lei alla fine di un mese molto meno di un anno?"

"Bene", ho chiesto, "Cosa vuoi fare?"

“Non lo so, ma posso dirti cosa non voglio fare. Non voglio rimandarla da quel vecchio bastardo arrapato di un padre pappone. Non voglio che lo stato la prenda e metta lei e sua sorella in quella scopata a grappolo che chiamano DCF. Non voglio che finisca per strada, a fare scherzi e a farsi picchiare a sangue. Questo è quello che cazzo non voglio che venga fatto.

"Allora cosa resta?"

Rimanemmo seduti in silenzio per diversi minuti.

"Immagino che la teniamo", sospirò Beth, "ma niente cazzo finché non avremo sistemato le cose".

"Sei sicuro?" Ho chiesto.

“No, ma non mi viene in mente altro da fare, cazzo; inoltre, come ho detto, amo già la puttanella".

"No, stavo chiedendo del cazzo." la scherzai, sorridendole.

Mi diede un pugno sul braccio e io la baciai teneramente. Ci siamo sdraiati e io mi sono rannicchiata dietro di lei, le ho messo un braccio sopra e le ho preso il seno.

Rimanemmo sdraiati così per qualche minuto, nessuno dei due aveva sonno.

Le ho sussurrato all'orecchio: "Hai messo in chiaro che non ti piacciono i cani ma non mi hai mai detto perché hai un problema con loro?"

Rimase lì in silenzio, immobile. Ero quasi sicuro che non stesse dormendo, ma non ero sicuro. Se non dormiva, allora o stava fingendo di esserlo o stava cercando di decidere se voleva dirmi la risposta alla mia domanda. Poi ha parlato.

“Quando avevo sette anni mio fratello stronzo ha portato a casa un brutto cane randagio. Non ho idea di che cazzo di cane fosse, ma era fottutamente ENORME. Ne avevo una paura di merda. Quel bastardo mi saltava addosso e mi leccava la faccia. Urlavo e mio fratello succhiacazzi stava lì e rideva di me.

“Un giorno il cane mi ha afferrato per la fottuta vita e ha iniziato a montarmi. Non sapevo cosa stesse facendo, perché non sapevo nulla di sesso. Pensavo che il bastardo stesse cercando di mordermi, perché quando ho cercato di uscire da sotto di lui, mi ha ringhiato. La testa di mio fratello ha riso e mi ha chiamato cagna. Non avevo idea di cosa fosse in quel momento, ma sapevo che qualunque cosa fosse, probabilmente era sgradevole. Il cane alla fine ha sparato il suo carico sulle mie gambe, poi si è sdraiato sotto un albero e si è leccato".

“Ho pianto fino a casa e ho detto a mia madre cosa era successo. Mi ha consolato e ha costretto mio fratello a sbarazzarsi del brutto animale”.

"Da quel giorno, ho avuto una paura mortale di tutti i fottuti cani, specialmente quelli grandi."

"Considereresti provare a vincere la tua paura dei cani?"

"Ho paura." In quel momento era come se stessi parlando con un bambino di sette anni.

Lasciai andare il suo seno, le cinsi con l'altro braccio e la tenni stretta. "Ok, pensaci."

We lay there awhile longer, and then I got up and asked Beth if she wanted anything, that I was going to the kitchen to get something to drink. She asked me to bring her some water.

When I opened my bed room door a red mop of hair fell into the room at my feet.

Honey had fallen asleep outside our door and was now scrambling to get up.

“I don’t like sleeping alone,” she whimpered. I picked her up and put her on my hip like a little baby.

“What do you say Beth? Can sleep in our bed?”

My wife smiled and nodded.

“I’m going to get something to drink you want something?” I asked the pre-teen.

“Can I have some more yoo-hoo?”

“Sure pumpkin. Let’s go make some.”


“She sat at the island counter in the kitchen as I mixed her chocolate milk.

She was staring at me with those piercing green eyes. After a moment she said, “Do you really love me?”

I laughed, “you rascal, How long were you out side of that door?”

“Right after you closed it.” She said candidly. “So, do you?”

“Yes, as hard as it as for me to believe, I love you more than I thought could be possible in such a short time. I love you as if you were my own daughter.”

“I don’t understand,” She said after taking a sip of her milk. “My daddy is my father and he never told me he loved me.”

“Well I can’t speak for your father, but I can assure you that Beth and I both love you and we think you are an adorable little girl.”

“I’m not so little.” She defended. “I can fuck a twenty two inch donkey dick. It hurts a little but I can make that shaggy old fucker cum buckets.”

I ruffled her hair, “I never doubted that you could.”

After finishing her milk she rinsed out her glass and put it in the machine that washes dished. I took her hand in mine and we brought Beth’s water to her.

Honey crawled into the bed between my wife and I and snuggled down in the covers.


I woke up to Beth groaning. “Are you all right?” I asked alarmed.

“Oh, fuck! Beth exclaimed. “This little cunt has a fucking magic mouth.”

That’s when I noticed a large bump under the covers. I pulled the blanket and sheet back only to find a nine year old cunt sucking, red headed leech attached to my wife’s pussy.

“Jesus H. Christ! Uuuhhhhhhhhhhhh aaahhhhhhhhhh, Damm that was good.”

Bethany hauled Honey up by the ears and kissed her all over her sloppy face. I think we’re going to keep you forever.

“Ok,” Honey said. “Can he fuck me now?”

“Only if I watch.” My wife told the little slut.


Over the next few days, Beth and Honey tried their best to grant the clothing industry a stimulus package all of their own.

I acquired the necessary cell phones and discussed the situation with a friend of mine who is a judge. With his help I was able to get documentation stating that I was Honey’s legal guardian. With that I would be able to enroll the little girl into school in September. He said it would be fine unless Jeb or Honey’s mother contested it. Part of the price for all of his help was that he and several of his subordinates would get to take Honey to his cabin for an extended weekend. I was a little concerned about letting Honey spend three days with six or seven horney men, but then I figured that they were all adults, so if she hurt them I wasn’t going to worry about it.

Honey fucked and sucked Boner inside the barn. My wife watched from inside the Grand Cherokee. Then Bethany helped Honey blow one of our horses. Then my wife tried it. Unlike Honey, who drank almost everything the stallion could give her. Beth had equine sperm all over her and everything else within twenty feet of the animal. Her only comment was that she never thought a horse could cum that much. “It was like a fucking fire hose!”

Friday rolled around and we piled into the black Cherokee, along with pile of boxes that that nearly blocked my vision from the rear view mirror out back window. In these boxes were gifts that Honey and Beth had bought for Sugar.

Boner was not going with us this trip. The big dog had accepted his new home with an ease that surprised me. I no longer kept him tied up and he would chase our cars to the end of the drive, but would stop at the road and then return to the barn.

Beth was getting more comfortable around the yellow mutt but would not allow him to get close enough for him to touch her. ‘Time,’ I thought, ‘all things change with time.’

For most of the hour trip we happily chatted and played driving games. As we turned onto the last paved stretch of rural road before reaching the dirt road that led to the Sweet residence drive way, two police cars and an ambulance rushed around us as I pulled to the side of the road. Honey speculated that something must have happened to old Miss Veronica.

“She’s been feeling poorly since her husband passed a couple years ago,” the little girl explained matter-of-factly.

“How old is Miss Veronica?” Beth asked.

“About two hundred I guess.” Honey responded as serious as a nine year old can be.

Dust was in the air as we pulled onto the Sweet’s old rutted driveway and when we rounded the big tree we were met with flashing red and blue lights.

We were stopped by a Berrien County Sherriff’s deputy as we approached the old shack. An ambulance was out by the barn and I could just make out an old rusty tractor on the other side of the emergency vehicle. The dogs were excitedly barking and running in all directions.

I rolled down my window and the deputy stuck his head into the coolness of the air-conditioned car.

“What’s going on officer?” Ho chiesto.

“Thar’s been an accident.” He replied. “What’s your business here?” The deputy asked, in his slow Georgia drawl.

“We are friends of Mr. Sweet and we were just dropping buy for a visit.”

I didn’t want to say anything about Honey being Jeb’s Daughter unless I was forced too.

The uniformed officer eyed me suspiciously. He obviously knew Jeb and the thought of him having friends like the ones in this brand new Jeep Grand Cherokee were pretty unlikely.

Honey shouted. “Is my sister ok Dwayne?”

“Honey, Is that you? I didn’t recognize you all prettied up like that.” The young officer said in surprise.

“Dwayne!” Honey yelled again. “IS SUGAR HURT?” The tiny girl demand in a voice that expected an answer.

“No, no, Sugars just fine Honey.” The man paused, “It’s your daddy Honey. He got drunk and decided to do some plowing. We think he was getting off the tractor when he must have bumped the shift lever and jammed it in gear. The big wheel rolled over him and then he got caught up in the plowing rig and was drug all the way from the north pasture. It’s pretty nasty. The tractor finally stopped when it ran into the barn. That’s when Sugar heard the noise and found him. She had to run all of the way over to the Baker’s to use their phone. I think he was kilt as soon as the big wheel ran over him so he probably didn’t suffer too much.”

By now Honey was trying to climb over Beth to get out of the car. I grabbed her by the arm and held her back.

“I don’t think it would be a good idea for you to see your father right now.” I told her earnestly.

“Fuck my father!” She screamed at me and jerked her arm from my grasp. “I want to see Sugar!”

Beth opened the door and the little girl dove from the car and ran toward the dilapidated shack. Just then Sugar exited through the screen door and the two embraced.


A lieutenant with the Berrian Sheriff’s Department who was on the scene and in charge of the investigation spoke with a Barrien County judge after my friend, who is a Lowendes County judge called the magistrate and greased the way for Beth and I to take Honey and Sugar with us until the next of kin could be notified.

The ride home was not nearly as exuberant as the drive out.

To be continued.

Storie simili

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1 I più visti

Likes 0

Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per...

67 I più visti

Likes 0

Melissa insegna classe e viene insegnata

Questa giornata non sarebbe stata divertente. In che modo Melissa è stata scelta per insegnare in questa classe? Una collega si era ammalata all'ultimo minuto e lei doveva sostituirla. C'erano altre persone che conoscevano l'azienda meglio di lei. Doveva solo sorridere e sopportarlo perché la decisione era già stata presa. Melissa era stata scelta per tenere un discorso sulla sua compagnia a un gruppo di potenziali reclute del liceo locale. Melissa è arrivata a scuola molto prima del dovuto per assicurarsi di poter allestire la stanza a suo piacimento. Le è stato permesso di oltrepassare le guardie e ha parcheggiato nel...

134 I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

80 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

62 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

100 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

81 I più visti

Likes 0

Condivisione di Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! Ryan spronò. Non essere una figa! Ho solo riso e scosso la testa per la persistenza del mio amico. Bene, ho risposto con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le sue gambe tirate su sotto il suo corpo. La sua espressione rivelò il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. Oooookay, disse Kate...

93 I più visti

Likes 0

Le cronache di Erica Bradson Capitolo 1

Un racconto hardcore di Pervosuxx PASSIONE DURA: Le cronache di Erica Bradson. Capitolo 1 Enorme cambiamento! Mi chiamo Erica Bradson, ho 48 anni e sono felicemente sposata con mio marito Daniel da 23 anni. Ho tre figli, Emma la più grande ha 19 anni, mio ​​figlio Brian ha 18 anni e il mio più giovane Peter 14. Siamo sempre stati considerati la famiglia perfetta, mio ​​marito Daniel ha lavorato in un'azienda farmaceutica chiamata Binarex Implants & Co, il mio la figlia maggiore Emma è partita per il college quando aveva 18 anni, mio ​​figlio Peter è al liceo che inizia il...

21 I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

55 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.