Messico_(1)

353Report
Messico_(1)

Ciao, mi chiamo Sally e ho 32 anni, sono un artista grafico freelance e vivo a Toronto.

Mi sono trasferito in Canada 7 anni fa quando ho divorziato e quei 7 anni sono stati molto felici sia a livello personale che professionale.

Ero a casa a guardare la televisione quando squillò il telefono. Era il mio ex marito, Frank, ed è stata una sorpresa dato che ci siamo scambiati solo un paio di cartoline di Natale dal nostro divorzio.

Frank era all'aeroporto con suo figlio Stephen. Stavano per partire in Messico per una vacanza di due settimane, ma lui era stato chiamato al lavoro per una crisi o per l'altro. Voleva sapere se sarei venuta a fare da babysitter al giovane Stephen. Pagherebbe tutto naturalmente.

Stephen era solo un bambino quando sua madre morì e anche se ero sposata con suo padre solo da 2 anni eravamo vicini e ci scambiavamo ancora cartoline di compleanno e di Natale. Qualche settimana prima gli era piaciuto su Facebook.

L'occasione di una vacanza gratuita in Messico era troppo ghiotta per rifiutarla e ho fatto velocemente le valigie. Frank sarebbe venuto con Stephen e li avrei incontrati in hotel nel fine settimana. Frank sarebbe poi tornato a Chicago.

Erano in piscina quando sono arrivato. Frank era un po' più grasso di quanto ricordassi e un po' più calvo. Stephen era cresciuto e ora aveva 14 anni, biondo e bello.

Frank mi ha letto la sua lista di regole; niente birra, niente fumo, niente scottature, ho pensato meglio di darmi un bacio sulla guancia e poi sono partito per Chicago.

Stephen si era già fatto degli amici nei pochi giorni che era stato lì ed è andato con loro a fare windsurf mentre andava a rinfrescarsi dopo il mio volo.

Faceva molto caldo e avevo davvero bisogno di fare un po' di shopping dato che erano anni che non facevo così caldo in nessun posto, quindi sono rimasto in casa e all'ombra per il resto della giornata.

Quella notte io e Stephen ci siamo incontrati a cena e poi è scomparso con i suoi amici.

Nel bar una coppia di uomini ha provato a provarci con me ma anche se avevo bisogno di un po' di sesso non ne avevo così bisogno. Verso le 10 ho trovato le mie scuse e sono andato a fare una passeggiata nei giardini dell'hotel. Era una notte schifosa e mi sono soffermato a bordo piscina, seduto su un lettino sotto la calda luce del margarita.

Quella notte ho dormito come un sasso.

Il giorno dopo una bellissima giovane donna di nome Marina si unì a me e Stephen per fare colazione. Questo era il nuovo migliore amico di Stephen, 14 anni! Le stava insegnando il windsurf.

Stephen e Marina sono andati alla faggeta e io ho trascorso il resto della mattinata a comprare vestiti estivi, un paio di cappelli da sole e bikini

Nel pomeriggio mi sono messa il bikini e sono scesa in piscina. Quella dannata cosa in realtà non copriva molto e ho sentito gli occhi puntati su di me quando mi sono tolto i pantaloncini e la maglietta ma ho pensato "ehi, sono una bella ragazza di 32 anni, merito un po' di attenzione a bordo piscina"

È stato solo quando sono uscito dalla piscina che ho capito perché stavo ricevendo così tanta attenzione. Avrei dovuto prendere un altro bikini, questo era osceno.

Stephen e Marina sono arrivati ​​verso le 6 e si sono tuffati in piscina per lavare via il sale e la sabbia. Sembrava molto familiare con lui. Marina era una donna; Stephen, sebbene ben costruito, legalmente era ancora un bambino. Avrei parole.

Anche Stephen ha avuto fortuna con il mio bikini!

Quella sera Marina fu nuovamente raggiunta al nostro tavolo e si scoprì che Marina aveva 19 anni, era in vacanza qui con i suoi genitori e studiava Arte alla UCLA. Lei e Stephen sono scomparsi subito dopo Sweet.

Mi sono sistemato in uno dei lounge dell’hotel per leggere il mio libro. Stavo leggendo allegramente da circa un'ora quando Jon di ieri sera al bar si è avvicinato a me. Ho fatto una conversazione educata per 10 minuti ma poi mi sono scusato.

Ho pensato di prendere un margarita al bar e poi portarlo a guardare il tramonto. Quando entrai nel bar vidi Marina che se ne andava con due drink alti. Si stava dirigendo verso la zona della piscina.

Ero curioso quindi quando mi hanno servito sono andato anch'io da quella parte. Potevo sentire delle voci deboli prima di scorgerli due sui lettini. Si stavano baciando. Non sapevo cosa fare. Frank mi aveva chiesto di occuparmi di Stephen ma stava facendo solo quello che vogliono fare tutti i ragazzi di 14 anni. Non volevo sembrare un guastafeste anche se stava baciando una donna di 19 anni. Mentre esitavo, Marina spinse via Stephen e si tolse i pantaloncini. Ora ero congelato sul posto. Non potevo intervenire.

Nel giro di un minuto sono stato deliziato dal suono inconfondibile di due persone che facevano l'amore. È andato avanti per un bel po' e Marina era ovviamente molto contenta dell'esperienza. Se sai cosa voglio dire.

Me ne andai prima che finissero e tornai nella mia stanza. Avrei sicuramente parlato con Stephen domattina.

Il giorno dopo Stephen non arrivò a fare colazione. Ho trovato lui e Marina in piscina. Sembravano proprio una coppia.

Mi sono unito a loro e dopo qualche minuto ho chiesto a Stephen di andare a prendere un caffè. Ho affrontato l'argomento con Marina.

“Non fraintendermi. Non sono la madre di Stephen e non voglio sembrare eccessivamente protettiva, ma Stephen ha solo 14 anni e sono sicuro che capirai le mie preoccupazioni.

Marina è stata molto gentile: "Non preoccuparti, Sally, non gli farò del male, andiamo d'accordo, andiamo d'accordo, starà bene, fidati di me."

Hmm. Ho pensato.

Prima che Stephen tornasse con i caffè, arrivarono i genitori di Marina. Ci siamo salutati e ci siamo scambiati i convenevoli prima che Marina partisse con loro per una gita di un giorno in alcune grotte e un banchetto serale.

Stephen e io abbiamo trascorso una bella mattinata in piscina. Il mio nuovo bikini tratteneva molto di più del precedente e ho potuto andare in giro con Stephen in piscina senza che tutti gli uomini guardassero!

Non potevo fare a meno di guardare Stephen sotto una nuova luce. Non ho potuto fare a meno di guardare il rigonfiamento nei suoi calzoncini. Era piuttosto grande e ovviamente sapeva che aveva altri usi oltre a quello della pipì. Evidentemente aveva anche più che soddisfatto la bella Marina.

Quel pomeriggio siamo andati a fare shopping. Stephen ha comprato un cappello per il sole e io ho comprato delle magliette. Abbiamo bevuto bevande fresche e patatine fritte in una bancarella e ho deciso che era giunto il momento di parlare di Marina. Mi è venuta fuori solo una parola.

"Marina…"

"Sally, non preoccuparti." Mi ha rassicurato: “È una cosa da vacanza. Tornerò a scuola e inseguirò le ragazze della mia età abbastanza presto.

Mio Dio, ero sbalordito. Stephen stava semplicemente ripetendo qualcosa che Marina gli aveva detto o lo sapeva davvero?

Tornato in albergo nel negozio Stephen sfogliava le riviste mentre io cercavo un bikini. Non ero sicuro di quale acquistare e stavo valutando una scelta tra due quando Stephen ha offerto la sua opinione.

“Quello dorato”, ha sorriso, “è super sexy. Come quello che indossavi ieri."

Mio Dio! Pensavo, questo ragazzo mi chiamava mamma!

Non ho comprato nessuno dei due e sono andato in camera mia a sdraiarmi mentre Stephen è andato al faggio a fare surf.

Tornato nella mia stanza la mia mente correva; Stephen, 14 anni, e la Bella Marina, studentessa universitaria di 19 anni. I due fanno l'amore. I gemiti di piacere di Marina. Ho notato il rigonfiamento nei bauli di Stephen. Il commento super sexy.


Quella sera io e Stephen cenammo da soli. Marina non sarebbe tornata prima di mezzanotte e pensavo che avrei avuto l'occasione di affrontare di nuovo l'argomento Marina, ma subito dopo cena Stephen è scomparso con un ragazzo che non avevo mai visto prima.

Al bar Jon ci ha provato di nuovo con me. Era la sua ultima notte e immagino che pensasse di tentare di nuovo la fortuna. Dopo un margarita sembrava fattibile. Dopo le tre non ero sicuro delle mie gambe e ho deciso che era davvero la notte fortunata di Jon.

Quasi non appena avevo deciso di scopare Jon Stephen è arrivato. Si è unito a noi al bar e ha preso una coca cola. Non ho potuto fare a meno di confrontarli. Jon era sulla trentina, aveva un aspetto mediocre, un po' grasso e un po' invadente. Stephen era giovane, alto, biondo, bello e affascinante.

Dopotutto ho deciso che non era la serata fortunata di Jon.

Verso mezzanotte Stephen mi aiutò a tornare nella mia stanza. Non ero ubriaco ma ero al limite. Aprii la porta e senza tante cerimonie entrai e mi lasciai cadere sul letto. Potevo vedere la sagoma di Stephen sulla soglia.

"Vuoi togliermi le scarpe?"

Ho sentito le mani di Stephen sulle mie caviglie mentre mi toglieva le scarpe.

"Grazie, mi sento molto meglio" ho allungato le braccia.

Ci furono alcuni istanti di esitazione prima di sentire il peso di Stephen sul letto. Mise un ginocchio tra le mie gambe e mentre le sue labbra cercavano le mie.

Ho fatto una piccola risata: "Cosa stai facendo?"

La sua risposta fu molto calma “Ti scoperò; Ti scoperò molto lentamente."

"Oh, lo sei davvero?" Ho detto: "Allora abbiamo un buon lavoro tutta la notte".

Stephen non ha scherzato. Dopo un paio di minuti di bacio, mi ha tolto le mutandine, ho sentito un bacio gentile laggiù e poi un paio di dita si sono mosse per controllare quanto fossi bagnata. Sentii la testa del suo cazzo spingere dolcemente per entrare. Ormai era troppo tardi per fermarsi. L'ho fatto entrare e sono quasi venuto subito.

Stephen ha mantenuto la parola data e mi ha scopato molto lentamente. Ho perso il conto di quanti animali sono arrivato. È stato meraviglioso.




Al mattino mi sono svegliato baciato da Stephen. Era tutto vestito e tornò al faggio. Con Marina.

Ho sorriso: "Oh, mi stanno scaricando".

"No, l'abbiamo organizzato ieri."

"Sto scherzando", dissi.

"Lo so." Stephen si sedette sul letto: "Marina tornerà a casa domani, quindi passeremo la giornata al faggio a fare surf"

"Solo surf?"

"Sì, perché?"

"Niente."

"Dai, dimmelo."

«È solo che l'altra sera ti ho visto scoparla a bordo piscina. Scusa"

“Davvero? Cristo." Stephen si alzò: "Ci vediamo più tardi, sexy." E con questo fu fuori dalla porta.

Sono rimasto a letto fino all'una, ho fatto una doccia pigra e sono andato a passare il pomeriggio a leggere il mio libro all'ombra. Ma il mio corpo vibrava ancora e continuavo a pensare a quanto fosse stato meraviglioso. Ho messo il libro nella borsa, sono andata al negozio dell'hotel e ho comprato il bikini Super Sexy. Giù in piscina ho ricevuto molti sguardi.

Stephen e Marina sono arrivati ​​in piscina alle 6 circa. Dopo una nuotata veloce Marina è scomparsa per cenare con i suoi genitori.

A cena, Stephen e io non abbiamo discusso di quello che era successo e dopo abbiamo giocato una partita molto salutare a ping-pong. L’argomento sesso non è venuto fuori finché non ci siamo fermati al bar.

"Vedo che hai seguito il mio consiglio riguardo al bikini."

Sì, beh, era senza dubbio il più carino.

"Anche sexy."

Ho sorriso. “Dobbiamo stare attenti, Stephen. Lo capisci?"

“Non preoccuparti”, mi rassicurò, “Non è che mi hai preso la verginità. Andiamo in piscina."

Era il crepuscolo e immaginavo cosa sarebbe successo qui. Mi sono seduto su un lettino e ho aspettato che lui si unisse a me. Stava davanti al mio viso; era ovvio quello che voleva. La notte scorsa non ero sicuro di succhiargli il cazzo. Stasera voleva che fosse fatto.

Gli ho strofinato il davanti dei pantaloncini. Era duro. L'ho tirato fuori velocemente e ho iniziato il mio compito. Non lo ha spinto; lasciami fare le mie cose. Ho deglutito quando è arrivato.

Non si è ammorbidito davvero. Ben presto fu sopra di me e quando scivolò dentro di me fu una sensazione bella come la notte scorsa. Mi ha scopato lentamente. Mi ha tenuto lì, al limite. Come se lo facesse da anni.

Continuava a sussurrarmi all'orecchio “Sei bellissima…. "Sexy da morire.". Continuava a piantarmi piccoli baci su tutto il viso e il collo.

Quando ho iniziato a venire, Stephen ha avuto una sorpresa per me: "Ho detto a Marina che mi guardavi mentre la scopavo".

La mia mente era piena di colori e i miei sensi erano sovraccarichi “Davvero? Cosa ha detto?"

"Ha detto che voleva guardarmi mentre ti scopavo."

Mi girava la testa: "Cosa?"

"Ehi, non preoccuparti, solo se vuoi."

Ha spinto il suo cazzo dentro di me, ho sussultato. La mia mente era un disastro a causa del sesso e della suggestione

"Va bene per te?"

Non volevo che il piacere finisse. "Va bene." Ho detto.

Stephen rallentò: "Non possiamo continuare così qui."

Ho sentito mani e braccia sotto di me e Stephen mi ha preso in braccio. Mi ha portato in una stanza, non nella mia stanza, nella stanza di Marina. Aprì la porta e Stephen mi adagiò sul letto. Tornò sopra di me e riprese il suo ritmo lento.

Marina sedeva ai piedi del letto e osservava.

Ben presto mi ritrovai nel bel mezzo di un enorme orgasmo e lottavo per non urlare ad alta voce.

Stephen ora ha iniziato a scoparmi più forte. Le cose stavano diventando difficili per me, sono venuto ancora e ancora e ancora. Mi stavo perdendo in questo piacere.

Ho notato che Marina adesso era sdraiata accanto a noi. Lei mi ha sorriso e io ho sorriso di rimando. Sono andato sempre più in profondità nel mio piacere.

Marina cominciò ad accarezzarmi i capelli. È stato bello. Poi le sue dita mi accarezzarono il viso e indugiarono sulle mie labbra. Li ho morsicati e masticati. Poi se ne sono andati e lei mi stava baciando. La sua mano scese lungo il mio collo e trovò un capezzolo. Aveva il tocco più gentile. La sua lingua guizzò nella mia bocca. Le sue dita lasciarono il mio capezzolo e la sua mano si spostò lentamente e deliberatamente verso il basso. Potevo sentirla trovare il mio clitoride. Che cazzo stava succedendo qui, la mia testa era un completo disastro.

Lentamente mi resi conto che Stephen aveva smesso di scoparmi. Il piacere adesso veniva tutto da Marina. La sua testa era tra le mie gambe. È stato fantastico.

Il cazzo di Stephen era ora vicino alla mia faccia. Ho aperto le labbra e l'ho lasciato entrare.

Ero venuto in Messico per prendermi cura del mio ex figliastro di 14 anni ed eccomi qui a succhiargli il cazzo mentre la sua ragazza era impegnata tra le mie gambe facendomi impazzire..

Avevo la sensazione che la mia vita fosse cambiata e non sarebbe più stata la stessa.

Storie simili

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

La mia introduzione al gioco della pipì

È stata mia sorella a farmi conoscere per prima il piacere della pipì. Aveva poco più di un anno più di me. La nostra casa aveva solo due camere da letto. Uno era dei nostri genitori e l'altro era nostro. Mia sorella aveva 9 anni e io 8 quando ebbe luogo questa presentazione. Avevamo anche un'altra sorella di 6 anni e un fratello minore di 3. Quindi noi quattro bambini condividevamo tutti la stessa stanza. Potrei essere nato e definito come un ragazzo, ma non ho mai sentito che fosse vero e indossavo sempre i vestiti di mia sorella quando potevo...

958 I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

959 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

2.2K I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.