Ritorno sulla Terra - 04a

490Report
Ritorno sulla Terra - 04a

Daniel si spruzzò un po' d'acqua sul viso. Dopo tre settimane, le pareti del Centro medico si stavano chiudendo su di lui nonostante non potesse vederle. La condizione non faceva altro che amplificare la sensazione. Alisha non gli permetteva di uscire senza una sorta di scorta, non c'era sempre qualcuno disponibile quando voleva andare in giro. Amy era presente il più possibile durante il suo turno, ma aveva altri pazienti. Alisha e Michele facevano visite giornaliere ma avevano ancora del lavoro da fare. Aveva lavorato con Amy tutta la settimana cercando di imparare a usare la levetta guida. Una volta che fossero stati sicuri che potesse usarlo, avrebbe potuto camminare di più da solo. Certo, sarebbe meglio se riacquistasse la vista. Almeno non era costretto a letto. Aveva lo spazio limitato della sua stanza per muoversi da solo. È riuscito a raggiungere il corridoio e l'infermeria. La prima volta riuscì a evitare tre dottori e un'infermiera che correvano da qualche parte in fondo al corridoio. Amy e altre due infermiere lo guardavano muoversi come se potesse vedere ogni ostacolo. Amy era al suo fianco un secondo dopo che aveva toccato il bancone. La prima cosa che gli chiese fu se stava bene e poi gli chiese se potesse vedere. Poteva sentire una delle altre infermiere chiamare sia Alisha che Michele. Si sporse verso di lei e le disse sì e no. Poi ridacchiò quando lei gli chiese di spiegare, chiaramente confuso.
“Sì, sto bene e no, non riesco a vedere. Continuo a sentire qualcosa. Non è molto forte ed è debole, ma sembra che qualcuno chieda aiuto.

Amy guardò l'infermiera sui monitor che scosse la testa alla sua domanda non posta. “Non c’è nessuno nei guai qui, Daniel. Penso che tu stia sentendo delle cose. Se volevi attenzione avresti dovuto chiamare come al solito." Lo prese in giro e iniziò ad accompagnarlo nella sua stanza. Lui non glielo permise e si voltò in mezzo al corridoio, spaventando Amy mentre iniziava a camminare più velocemente. “Daniel, non ho tempo per questo in questo momento. Possiamo fare una passeggiata dopo pranzo. Per favore, torna nella tua stanza." Ha provato a tirargli il braccio ma lui ha continuato a muoversi.

"Viene da qui", disse infine fermandosi in una stanza a tre porte dalla sua. "Una donna, è in una specie di angoscia."

Amy guardò l'insegna della porta. “Daniel, questa è la stanza della signorina Lynx. È una donna anziana che ha problemi cardiaci. Se fosse in pericolo, il lettino biologico segnalerebbe di farcelo sapere. Ora, per favore,"Daniel la spinse verso il suono. "Controlla", disse severamente.

“Daniel, stai dando di nuovo problemi alle infermiere. Non costringermi a costringerti di nuovo a letto. Alisha gridò ridendo. Michele rise con lei ma si fermò quando li raggiunsero.

«Insiste che c'è qualcosa che non va con la signorina Lynx. Tara ha controllato i monitor: non c'è nulla che indichi che sia nei guai. L'hanno appena riportata da un test poco fa. Anche quello è andato bene”.

Daniel ringhiò, strinse la mano di Amy e si avviò verso la porta. Alisha afferrò un braccio e Amy l'altro. Michele era davanti a lui e gli teneva la mano sul petto. «Dannazione Daniel, non puoi entrare nella stanza di una donna, anche se ha novant'anni. Quindi aiutami, faresti meglio a non scherzare con noi.

Michele ha usato la sua autorizzazione medica per aprire la porta. Alisha sussultò e gli lasciò il braccio mentre correva dentro con Michele. “Signorina Lynx, siamo qui cerchiamo di calmarci, andrà tutto bene. Amy, porta un carro qui."

Daniel tornò nella sua stanza. Quel giorno c'erano più medici che visitavano e facevano domande. Hanno addirittura ordinato ulteriori test. Più tardi le donne entrarono e gli raccontarono cosa era successo. Il letto biologico aveva funzionato male. Il computer che controllava il letto stava eseguendo una serie diagnostica. Per testare un letto biologico è stato necessario avere un corpo finto su di esso che fornisse letture ai sensori. Le letture sono state utilizzate durante il test e bloccate per l'uso in altri test. Uno dei test è che il letto si solleva e si inclina aiutando a spostare i pazienti dal letto al galleggiante o viceversa. Dato che non c'era nessuno e non c'era nessun galleggiante, il letto gettò la signorina Lynx sul pavimento. Le letture bloccate hanno fornito false informazioni alla stazione infermieristica. La signorina Lynx ha subito una lacerazione cerebrale alla fronte e un braccio rotto. Alisha ha detto che il lato positivo di tutto ciò è che suo figlio finalmente è venuto a trovarla.

"Quando gli abbiamo raccontato cosa è successo, è rimasto scioccato dal fatto che fosse viva", ha detto Alisha mentre si sedeva sul letto e gli dava da mangiare con il cucchiaio.

Michele era dall'altra parte e Amy era seduta sulla sua sedia e restava in silenzio. "Chi ha condotto le indagini?" chiese tra un boccone e l'altro.

"Sicurezza della stazione, perché?" rispose Michele

Daniel alzò la mano per impedire ad Alisha di dargli di più. Frugò nel letto e cercò di trovare il telecomando. “Dannazione. Amy, se hai finito di rimuginare nell'angolo, potresti chiamare il primo numero nei contatti di comunicazione. Quando arriva al codice di accesso è sei, uno, nove, due."

“È tardi Daniel, spero che non mi chiamerai per lamentarti di essere di nuovo lì. Te l'avevo detto che sarai lì finché i dottori non saranno sicuri al cento per cento che non ci sia nient'altro da fare.

“Daniel poteva sentire tutti gli occhi puntati su di lui. “Si signore, lo so. Sto facendo tutto il possibile per convincerli che sono solo una perdita di tempo, ma sono testardi.
“Perfetto, allora dovreste andare tutti d'accordo. Allora perché quella chiamata tardiva?"

Daniel gli aveva raccontato la storia e aveva aggiunto i suoi sospetti. "Non posso dire dove inizi o perché, ma non è possibile che si sia trattato di un incidente."

Il maresciallo del comando annuì in segno di approvazione. «Invierò il maresciallo Garret domattina. Ha esperienza nella tecnologia medica e può eseguire i propri test. È completamente fuori dal Rim. Ci vorranno alcune ore per tornare. Nel frattempo, sto bloccando la sicurezza della stazione. Fino a quando la situazione non sarà chiarita, ci occuperemo della sicurezza del Med Center”. Pensò a qualcosa per un momento: “Daniel, sto revocando la tua esenzione e mettendoti in servizio attivo limitato. Sei al comando finché non arriva lei. Ciò non significa che puoi semplicemente fare quello che vuoi. I Marshal ti faranno rapporto lì e potrai comandare dalla tua stanza. I dottori hanno ancora l'autorità medica per metterti in panchina. Ci sei solo tu e altri sei. Dopo il tuo incidente, ci siamo concentrati sui problemi di sicurezza e non abbiamo inviato altro. Porterò il resto lì entro la fine della giornata.

La chiamata terminò e Daniel si sedette. "Dobbiamo solo assicurarci che il letto non venga toccato."

“Ci penso io”, rispose Michele e il letto si mosse leggermente mentre lei si alzava. "Il mio culo si stava addormentando comunque seduto lì."

Era successo una settimana prima. L'indagine ha portato i marescialli ad arrestare il figlio, gli investigatori della sicurezza e l'inserviente che avevano riportato indietro la signorina Lynx e l'avevano messa a letto. Si è scoperto che il figlio era in debito. Faceva tre lavori e tutto ciò che guadagnava veniva quasi preso per ripagarlo. Aveva una polizza su sua madre. Ha dato i suoi frutti perché poteva essere in chiaro con qualcuno in più. Offrì a ciascuno di loro diecimila crediti. L'inserviente avrebbe dovuto avviare l'esame diagnostico, poi gli investigatori della sicurezza avrebbero stabilito che si era trattato di un incidente. Pensò che avrebbe potuto ottenere più crediti dal centro medico anche in un caso di omicidio colposo.

Fece un respiro profondo. Le stanze del centro medico non erano grandi e lui aveva una stanza privata. Date le sue condizioni, gli hanno regalato uno dei più grandi che avevano. Emise un sospiro e uscì dal bagno. Dopo alcuni tentativi riesce a evitare un'esposizione di fiori. Aveva un percorso stretto attraverso i vari doni che erano raccolti nella stanza. Come ha detto Alisha, tutti sapevano cosa faceva, così come i loro parenti. La scuola della stazione aveva scatole di disegni e appunti di bambini piccoli. Molti mandavano gli auguri di buona salute. Alcuni venivano ogni giorno ora che sapevano che era sveglio. I residenti della Stazione Sei avevano poca fiducia nelle forze dell'ordine. Votarono tutti per accettare di far entrare gli sceriffi, ma non avevano fiducia che sarebbero stati diversi da quello che avevano. Alisha e Michele gli avevano detto che l'incidente si era diffuso a macchia d'olio. La gente parlava e ripensava la propria posizione sull’argomento. Forse aveva ragione quando diceva che sarebbe stato scortese non accettare. Non voleva offendere nessuno. Stavano solo dimostrando quanto fossero grati di essere vivi nell'unico modo possibile.

Eppure ogni giorno sosteneva che i pasticcini che la compagnia Sinful Delight gli mandava erano, secondo lui, troppo stravaganti. Forse era solo leggermente meno stravagante del venditore di caffè, Steve Star. Gli portava una tazza di caffè per ogni pasto. Daniel aveva scoperto, tramite Michele, di essere il proprietario della stazione che Daniel utilizzò quando scoprì che poteva usarla per chiamare l'ufficio dei marescialli. La prima volta che portò una tazza pensò che forse stava solo sostituendo quella che Daniel aveva pagato e non aveva mai potuto bere. Alisha gli disse che le aveva detto che stava raddoppiando le sue vendite mentre tutti si avvicinavano per vedere dove fosse successo tutto. Ha detto che tutte le attività commerciali nelle vicinanze erano più attive, ottenendo migliaia di crediti. Alla fine si sarebbero fermati tutti e si sarebbero accontentati. Amy è venuta in soccorso quando ha suggerito che poteva esserci un modo per accettarli in cui Daniel non dovesse inciamparci continuamente. Li lasciavano lì qualche ora e poi li distribuivano attraverso il Med Center ad altri pazienti. Almeno più persone sarebbero in grado di apprezzarli. Daniel era estremamente felice di quell'idea. Rimasero solo un piccolo vaso di fiori e un cesto di frutta. L'equipaggio che li ha distribuiti sarebbe arrivato presto per ricevere questo lotto. Non era abbastanza presto per lui.

Daniel tornò al letto e decise di sdraiarsi. Poteva sentire i suoi occhi chiudersi. Cominciò a ripensare agli inizi diciotto anni prima.

************************************************** ************************************************** ***********
Daniel si è tolto l'orrenda cravatta nonostante l'insistenza di sua madre perché ne indossasse una. Li odiava. Si sentivano sempre come se lo stessero soffocando. Lei si limitò a dargli una pacca sulla guancia e a sorridere. “È l’unica volta in cui ti diplomerai al liceo. Asseconda tua madre e indossalo. Avrai un bell'aspetto", disse e lo lasciò andare a prepararsi. Poteva solo scuotere la testa. Non voleva assolutamente andare. Non era popolare e aveva pochissimi amici. "Abbastanza per contare su una mano", ha detto a chiunque gli chiedesse quanti ne avesse. Non era nemmeno il più intelligente della classe. Su trecentocinquanta si diplomava novantanovesimo. Tutto ciò che suo padre aveva da dire era “Almeno sei tra i primi cento. Riceverai un aiuto completo dal sistema andando al college. Con suo padre era sempre una questione di soldi. Daniel gli ha solo ricordato che nessuno paga il college. Gli studenti pagavano se decidevano di accedere a un livello per il quale il sistema riteneva che non fossero qualificati. Se avessero avuto successo, il sistema avrebbe concesso loro un rimborso. Se fallissero, il sistema pagherebbe solo una percentuale del costo per educarli a una carriera più adatta. Sebbene avesse accettato di andare, Daniel avrebbe preferito di gran lunga semplicemente trovare un lavoro dalla banca del lavoro e seguire le lezioni necessarie per quello. Nessuno dei suoi genitori ne avrebbe sentito parlare. Entrambi hanno insistito perché facesse gli esami per scoprire quale potenziale avesse.
Daniel capì perché entrambi erano così irremovibili. Erano entrambi sulla sessantina. Allora i tempi erano diversi. Non c’erano molti lavori di alto livello. La stazione cinque era ancora in costruzione e c'era bisogno di più minatori di asteroidi e di costruzione della stazione. Erano alcune delle posizioni più remunerative in circolazione, ma erano anche le più pericolose. Anche il nonno di Daniel era un minatore e il suo bisnonno prima. Il padre di Daniel avrebbe seguito la tradizione di famiglia, ma ha accettato il lavoro di costruzione dopo aver incontrato sua madre che lavorava nel deposito di forniture. A quanto pare, veniva spesso preso in giro riguardo al fatto di accettare un lavoro per incontrare una ragazza. Alla fine, nonostante fossero tutti d’accordo, è stata una buona scelta.

Daniel si guardò allo specchio e gemette vedendo l'abito che indossava. Come tutti gli altri, sapeva che tutti dovevano lavorare. Tutti hanno contribuito al sistema e il sistema ha contribuito a tutti. Sapeva anche che adesso c'erano più posti di lavoro. C'erano ancora minatori e lavori di costruzione. I lavori erano diventati più sofisticati con il progresso della tecnologia e della scienza. Sono state sviluppate nuove tute minerarie che consentivano al minatore di scavare più in profondità e raccogliere la materia prima. La tuta era protetta dalle radiazioni in modo che i minatori potessero estrarre la superficie degli asteroidi e raccogliere materiali radioattivi. Gli spray chimici hanno addirittura fatto in modo che la roccia circostante venisse erosa. L'usura dell'attrezzatura è stata inferiore ed è stato raccolto più materiale. Anche la costruzione era diventata più sofisticata. Non c'erano più stazioni da costruire. Anche la distruzione della stazione cinque non ha spinto alla costruzione di un’altra stazione. Tuttavia, da qualche parte c'era sempre qualcosa in costruzione. Con l'aumento della popolazione nelle stazioni, la domanda di case della biosfera ha iniziato a crescere. Suo padre lavorava ancora nelle stazioni, facendo lavori di riparazione. Doveva utilizzare meno della tecnologia più recente e aveva bisogno di meno riqualificazione. Daniel non vedeva la difficoltà nell’usare la stampante a tre dee. Lo ha trovato divertente da usare. Eppure l’idea di più istruzione gli faceva rivoltare lo stomaco. La banca del lavoro aveva molti lavori che poteva svolgere con una formazione minima. Potrebbe anche diventare addetto alla manutenzione, suo padre lo aveva fatto per anni tra un lavoro edile e l'altro. Ha sostenuto che i lavori potevano richiedere una formazione minima ma pagavano crediti sufficienti per vivere. Suo padre scosse semplicemente la testa e disse che non l'avrebbe più sentito. L’opportunità era lì e se non l’avesse colta non c’era quasi alcuna possibilità che gli venisse offerta di nuovo. Piaccia o no, Daniel andrebbe e imparerebbe a fare uno dei lavori più sofisticati disponibili. Sua madre si è persino assicurata che presentasse tutti i documenti richiesti. Ha detto che sarebbe stato meglio.

Daniel si sedette sul suo letto. Si guardò intorno. Non aveva molte cose. Non ci sarebbe voluto molto per spostare tutto nel dormitorio. Tuttavia sperava di finire gli studi. Non è che non fosse bravo, semplicemente non gli importava. Sarebbe stato felice di fare semplicemente un lavoro semplice e fare la sua parte. Non vedeva il motivo di fare altro. Tuttavia non avrebbe mai incontrato Cynthia se avesse fatto le cose a modo suo.

Andare al college non è stato un grosso problema. La maggior parte non lo chiamava nemmeno college, ma lo chiamava formazione professionale. Il college sembrava migliore. Comunque lo chiamassero, ora partecipavano tutti. Era una questione di quanto tempo e dove andavano le persone. Alcuni avevano bisogno di qualche lezione in più. Grazie ai test di posizionamento ognuno sapeva a quale ambito lavorativo sarebbe stato più adatto. Gli studenti hanno scelto una specialità professionale dall'elenco.

Daniel si era seduto al tavolo ed entrambi i suoi genitori erano seduti con lui quando ha esaminato la lista. Lo hanno aiutato a scomporlo, scartando immediatamente qualsiasi opzione che richiedesse meno di tre anni. Era sicuro che si aspettassero che ne prendesse uno nel minor tempo possibile. Si prese il suo tempo e guardò ciascuno sulla lista. Ogni mattina uno o entrambi i suoi genitori gli chiedevano se aveva già scelto qualcosa. Ha detto loro di no ma si era già presentato per l'allevamento. Tra le opzioni nell'elenco, quella attirò maggiormente la sua attenzione. Avrebbe frequentato lezioni per almeno quattro anni. C'erano opzioni per altre che vennero quando finì le classi primarie. Avrebbe tenuto lezioni in ogni stazione. Doveva imparare tutto, dai trattamenti adeguati del suolo all'impollinazione incrociata, alla ricerca e allo sviluppo di nuove piante e animali più sani. Le sue lezioni potrebbero persino portarlo a lavorare direttamente con gli esperti del centro di allevamento della luna. Sembrava tutto interessante.

L'allevamento era un campo molto interessante, ma Daniel non aveva pensato alla sua importanza. Aveva qualche dubbio di avere la mentalità necessaria per rendergli giustizia. Stava per chiedere un cambiamento quando i suoi genitori lo chiamarono in cucina. La scuola aveva inviato una lettera ai genitori con le selezioni degli studenti. Non lo sapeva, lo avrebbero spedito così presto. Non potevano smettere di congratularsi con lui. Non solo era fantastico pagare, il campo era pieno di opportunità. Potrebbe ricoprire qualsiasi numero di posizioni. Era più che ogni posizione aveva molte responsabilità, qualcosa che non gli avevano mai visto assumere prima. Gli specialisti in agricoltura erano responsabili della produzione alimentare per ogni uomo, donna e bambino ovunque. Erano così felici che andarono tutti a cena in un ristorante, un evento raro riservato alle occasioni speciali. Quindi, che gli piacesse o no, era costretto a tornare a scuola per altri quattro anni.

Qualcos’altro rendeva l’università diversa da qualsiasi altro sistema di apprendimento. Uno studio condotto 140 anni prima cercò di scoprire come migliorare la capacità umana di apprendere. L’umanità era sull’orlo dell’estinzione, la Terra non era più abitabile e interdetta. Le risorse erano limitate. La necessità è diventata davvero la madre dell’invenzione. La conoscenza era disponibile. Avevano bisogno di un modo per garantire che la conoscenza fosse utilizzata in modo più efficiente. Le persone imparavano in modo diverso. Il problema era come imparavano. L’umanità ha dovuto espandere ciò che conosceva per sopravvivere. Lo studio ha dimostrato che l’apprendimento di gruppo era la chiave. Potresti prendere persone con diversi difetti e punti di forza, nonché alcune somiglianze, e si rafforzerebbero a vicenda e avrebbero il potenziale per assorbire meglio le informazioni. Dopo alcune prove, hanno scoperto che le coppie funzionavano meglio. Naturalmente, tutto dipendeva dai singoli individui e da quanto impegno mettevano realmente negli studi. All'inizio, gli studenti si incontravano in palestra, parlavano e si accoppiavano. Raramente una coppia era altro che un maschio e una femmina. La percentuale di successo era inferiore al venti per cento. Il 50% dei partner finirono per sposarsi. Dopo alcuni anni hanno cambiato il processo. Gli esami del QI e le valutazioni della personalità verrebbero utilizzati per selezionare le coppie invece di lasciarlo agli ormoni. Il nuovo metodo accoppiava ancora ragazzi e ragazze, ma c'era anche un grande aumento di ragazzi con ragazzi e di ragazze con ragazze. Ha funzionato. L'intelligenza individuale è aumentata del 10% per la prima classe.

Gli studenti avevano circa quattro settimane per prepararsi al college. Erano liberi di fare quello che volevano e di prepararsi per la sessione imminente. Daniel ha deciso di intraprendere alcuni lavori leggeri trasportando i rifornimenti attraverso le sezioni della stazione. Voleva alcuni crediti che non aveva bisogno di ottenere dai suoi genitori o che facessero parte della sua formazione finanziata. Per quanto riguarda la preparazione, queste erano le basi. Ogni lezione che seguiva aveva bisogno di un tablet con la cartella di lavoro. Tutto ciò di cui avevano bisogno e tutto il lavoro svolto in classe veniva archiviato nel tablet. I professori potrebbero prendere il tablet di uno studente e caricarlo sul server del computer del corso. Potrebbero quindi valutare parte o tutto il lavoro degli studenti premendo pochi pulsanti. La maggior parte ha aspettato fino all'ultimo minuto per andare al negozio dell'università. Ce n'erano moltissime da girare ma non erano sempre nelle migliori condizioni. Due settimane dopo la laurea, sua madre lo aveva sorpreso con un set completo di tablet per la prima sessione di lezione, tutti nuovi di zecca nella scatola. Lavorare nel centro di rifornimento presentava alcuni vantaggi. Era lì quando sono arrivate le provviste per la spedizione. Daniel all'inizio pensava che le avesse semplicemente prese. Lui continuava a parlare di come avrebbe potuto finire nei guai per averli presi. Lo lasciò sbraitare e poi gli lanciò lo sguardo materno che diceva che si stava comportando da stupido. Aveva parlato con diverse persone e le avevano detto che sarebbe stato meglio se avesse avuto dei tablet più nuovi. Erano più veloci e avevano più spazio di archiviazione. Avevano anche le migliori funzionalità di sicurezza e non potevano essere hackerati. Gli disse che avevano risparmiato per quel giorno e il tecnico dell'università in realtà disse che i tablet più nuovi rendevano il loro lavoro più facile. Non avevano nemmeno bisogno di avere il tablet lì per configurarlo. L'hanno fatto attraverso la linea di comunicazione. Era contenta di averlo fatto senza chiedere aiuto.

Daniel non voleva dirlo ad alta voce, ma aveva paura di prendere un tablet di seconda mano usurato. Tendevano ad essere instabili e i programmi funzionavano la metà del tempo. Gli era successo più di una volta al liceo. Ha perso interi progetti a causa di attrezzature danneggiate. È stato un modo difficile per imparare a fare le cose sul suo computer da scrivania, per poi trasferirle sui tablet per la portabilità. Almeno avrebbe potuto recuperare ciò che aveva perso senza rifare tutto. Ci sono voluti due giorni interi prima che leggesse e prendesse appunti sulle cose. Si è persino addormentato con loro un paio di volte, provocando i rimproveri di sua madre. Aveva visto la luce nella sua stanza una notte tardi. Lo controllò e lo trovò addormentato, tutto ancora acceso.

Il tempo passò velocemente e prima che qualcuno se ne accorgesse mancava solo una settimana. Il giorno era arrivato. Era il giorno in cui gli studenti potevano riferire ed essere valutati. Il test richiederebbe fino a tre ore. Il tour varia a seconda della guida e dei componenti del gruppo. Il processo di selezione durava un paio d'ore, di solito entro pranzo notificavano i risultati a ogni studente. Quello che è successo poi dipendeva dagli studenti. Non c'era altro da fare che aspettare e vedere quanti ne sarebbero voluti prima di incontrare colui che era bloccato con lui.

Daniel aspettava in fila davanti alla navetta che lo avrebbe portato alla Stazione Uno. Osservò gli altri intorno a lui. Alcuni portavano borse, altri portavano valigette. Altri, come lui, erano a mani vuote.

La Stazione Uno era la più grande delle stazioni. Era lungo poco più di due miglia e mezzo e largo un miglio nel punto più largo. Doveva essere grande per incorporare ogni possibile requisito di cui l’umanità avrebbe avuto bisogno. Aveva tra l'altro un proprio centro di allevamento, secondo per grandezza a quello della Luna. Si diceva che la sua costruzione distrusse quasi tutte le principali città della Terra e distrusse metà della terra un tempo abitabile.

L'università era situata al centro della Stazione Uno. I livelli circostanti l'università erano costituiti dai laboratori di ricerca e sviluppo e da varie attività che offrivano lavoro agli studenti durante l'anno. Alcuni avevano bisogno dei lavori per il curriculum, altri avevano solo bisogno dei crediti per pagare il costo della frequenza. Solo coloro che hanno scelto di adottare opzioni non ottimali per loro hanno dovuto pagare a proprie spese. Se avessero dimostrato di essere in grado di riuscire nella loro scelta, il governo ne avrebbe rimborsato il costo.

Per ridurre i costi è stato valutato ogni campo di studio. Il curriculum è stato stabilito utilizzando solo il lavoro necessario del corso. Se non avesse un’applicazione diretta sul campo, gli studenti non avrebbero avuto bisogno di affrontarlo. Avevano solo bisogno della conoscenza per fare quello che avrebbero fatto. Tuttavia, affinché non fosse tutto lavoro e niente divertimento, tutti erano incoraggiati a frequentare almeno un corso per trimestre che non fosse correlato al campo. Potrebbero prenderne di più se non interferisse con gli studi del corso. Era qualcosa che aiutava a spezzare la routine e aiutare gli studenti a rilassarsi. Questi corsi opzionali erano le uniche lezioni che gli studenti non dovevano condividere con i loro partner, dimostrando anche una pausa da loro. Gli studenti dovevano fare delle scelte facoltative almeno per la prima sessione, prima di partire per la giornata. Dopo pranzo, potevano accedere al proprio account universitario e aggiungere la classe. I professori sarebbero stati disponibili per parlare e sarebbero state allestite postazioni informative per fornire tutto ciò che desideravano sui corsi offerti prima di sceglierli. Daniel aveva già deciso di frequentare un corso di cucina. Ha pensato che sarebbe stata una buona opzione dato che non sapeva cucinare. Le navette non erano sempre disponibili, quindi non sarebbe tornato a casa tutti i giorni per un pasto cucinato. Decise di aspettare a sceglierne altri.

L'ora successiva al tour gli studenti erano seduti nel grande auditorium. Il preside dell'università ha esaminato le regole standard di comportamento dell'università. In seguito è stato loro ricordato che l'università aveva spesso visitatori che cercavano di reclutare nuovi talenti e che era meglio non firmare alcun accordo finché i genitori e/o i rappresentanti legali non lo avessero letto. Hanno chiarito che l'università non era responsabile di eventuali false dichiarazioni. I consulenti darebbero consigli se richiesto, ma le decisioni finali spettavano solo agli studenti. Gli studenti sarebbero tenuti a rispettare tutti i contratti firmati, inclusi i contratti con la scuola. Il contratto scolastico era l'accordo di terminare con voti positivi il corso di studi prescelto. Fallire significava essere inviato a riqualificarsi in una specialità meno avanzata, determinata da un comitato. Il punto è che hai fatto quello che ti avevano detto che avresti fatto, nessuna scelta. La metà del costo della formazione sarebbe stato pagato dagli studenti, detratto dalla retribuzione per qualsiasi lavoro svolto fino al completo pagamento. Alcuni pensavano che fosse eccessivo, ma aiutava a prevenire la carriera degli studenti.

Era la fine della conferenza quando tutti hanno ricevuto un messaggio contenente il numero di comunicazione e il nome del partner selezionato. Potevano incontrarsi e parlare. Avevano la settimana per decidere se volevano provare un altro partner. Eventuali richieste di modifica dovevano essere approvate entro il giorno precedente l'inizio della lezione.

Molti ristoranti locali avevano deciso di fornire cibo agli studenti. Non solo hanno potuto promuovere il loro ristorante, ma hanno anche ottenuto un piccolo ammortamento in termini di tasse. Daniel ha esaminato le selezioni e ha persino parlato con alcuni chef. Ognuno di loro gli ha dato un piatto con una varietà di cose da provare. Hanno anche preso il suo numero di comunicazione per inviargli un questionario di revisione. Si sedette a un tavolo nell'angolo più lontano del cortile, desiderando di non aver portato con sé il tablet. Avrebbe dovuto solo ricordarsi chi ha fatto cosa. Aveva già finito la seconda lastra quando ricevette un messaggio.

“Ci ho pensato e vorrei rimandare il nostro incontro alla prima lezione. So che non è comune, ma ho osservato gli altri e sembra che stiano cambiando partner per ragioni stupide. Preferirei non essere uno di loro. Non voglio iniziare con il negativo. Sono sicuro che ce ne saranno abbastanza da superare nei prossimi tre anni. Dopotutto non saremo sempre d'accordo sulle cose. Spero che almeno su questo potremo essere d'accordo. In caso contrario, lascerò a te il compito di archiviare la modifica. Spero davvero che tu possa. Cinzia.»

Daniel ha digitato per una risposta dopo averlo letto due volte. “Non ho obiezioni. Finché tu fai la tua parte negli studi e possiamo promettere di risolvere qualsiasi difficoltà, non dovrebbero esserci problemi. Non esitate a inviarmi un messaggio se dovessi cambiare idea prima del taglio. Daniel", parlò ad alta voce quel tanto che bastava perché il sistema di messaggi captasse e digitasse le parole. Lo ha riletto prima di inviarlo.

Daniel sospirò e guardò l'ultimo dei piatti che aveva. I primi due avevano alcune cose decenti ma nel complesso non ne era impressionato. La maggior parte era ancora sul piatto, appena toccata. Il ringhio nel suo stomaco insieme all'accordo che avrebbe provato gli oggetti lo spinsero ad assaggiare. I suoi occhi si spalancarono al primo morso. C'erano sapori e spezie tutti mescolati in un meraviglioso momento appetitoso. Daniel è andato avanti e ha avuto reazioni simili con i campioni rimanenti. Si è preso il suo tempo e li ha assaggiati tutti. Era a metà del lavoro quando arrivò un altro messaggio.

“Non prevedo di cambiare idea su questo. Ho la brutta tendenza a giudicare un libro dalla copertina, se capisci cosa intendo. Ad esempio, ho appena mangiato del cibo da uno dei ristoranti chiamato Zimmer. Sembrava tutto fantastico ma quando ho preso un boccone, non era nemmeno cotto del tutto. Daniel guardò l'unico piatto che aveva messo da parte e scosse la testa concordando che quelli avrebbero dovuto essere esempi del loro menu. Se facessero questo male ai loro clienti, non rimarrebbero aperti a lungo. “Non prevedo di uscire molto per mangiare, ma so che non ci andrò. L'ho preso solo perché sembrava bello. Adesso ho ancora fame e mi restano almeno tre ore qui e poi c’è l’attesa per riportare la navetta a casa”.

Daniele rise. "Sai che è un buffet di campioni. Puoi andare a prendere qualcos'altro da un altro fornitore o dallo stesso, se lo desideri. Consiglierei Quantum. Tutto era fresco e ben fatto. I bignè al formaggio sono molto cremosi e perfettamente cotti. Se ti piace il pesce prova il taco tilapia.”

Allungò la mano e staccò l'ultimo dei tacos che aveva in bocca. Poi c'erano i maiali in coperta. Stava finendo quando arrivò un altro messaggio.

"Sul serio? Non l'ho letto da nessuna parte. Non stai cercando di ingannarmi per andare da qualche parte dove puoi vedermi e infrangere il nostro accordo, vero?"

Daniel ha raccolto tutto e si è diretto a un riciclatore. Digitò per ricevere una risposta mentre camminava verso un edificio ed entrava. “Beh, stavo per tornare indietro e offrire i miei complimenti allo chef, ma posso farne a meno. Magari potresti dirglielo tu per me, invece. E sì, sono serio. Non l'hanno pubblicizzato. Vogliono opinioni oneste sul cibo e non un gruppo di studenti avidi che prendono perché possono e lo sprecano. Per quanto riguarda la rottura del nostro accordo, è allettante, ma andrò alla biblioteca e al sindacato studentesco per l'aggiornamento della mia identità. Potrei tornare dopo, quindi dovresti avere tutto il tempo prima di tornare là fuori. Adesso vai a mangiare qualcosa. Non vorrei che tu muoia di fame prima che abbiamo la possibilità di incontrarci." Alzò il braccio e iniziò una breve registrazione del suo ingresso in un corridoio e poi su una rampa di scale. Ha allegato il video come prova che non era neanche lontanamente vicino al quad e non avrebbe potuto vederla se ci avesse provato.

Aveva raggiunto il sindacato studentesco quando arrivò il suo messaggio. "Grazie. Lo chef ha detto di dirti che puoi dimenticare il questionario, ha già le tue risposte. Ha detto che dovresti venire qui per un pasto completo qualche volta. Non preoccuparti. Gli ho già detto che i crediti saranno limitati, ma se ne avremo la possibilità, lo faremo. Spero non ti dispiaccia. Mi terrò in contatto durante la settimana. Possiamo conoscerci alla vecchia maniera. Ciao per ora, devo nutrire questa pancia che ringhia.

Daniel sorrise e scosse la testa. Questa ragazza era interessante e non l'ha ancora incontrata. Avrebbe reso l'anno scolastico interessante. Questo se non avesse fatto il pieno all'ultimo minuto e avesse chiesto un nuovo partner. Non avrebbe potuto fare molto se lo avesse fatto. Tutto quello che poteva fare era aspettare e vedere cosa sarebbe successo.

Il sindacato studentesco non ha impiegato tutto il tempo che pensava. C'erano solo pochi altri studenti e tutti furono subito aiutati. Tutto quello che dovevano fare era aggiornare la sua carta d'identità per dire che anche lui era uno studente registrato. Non era molto ma ne aveva bisogno. Era il suo accesso alla sua stanza, alla mensa e agli sconti per studenti offerti in alcune attività commerciali. In futuro avrebbe dato accesso a posti specifici dell'università adeguati a ciò che stava frequentando. Sorrise leggermente quando la giovane donna che lo aiutava gli prese la mano e la tenne sotto lo scanner delle comunicazioni. Forse aveva un paio d'anni più di lui. I suoi lunghi capelli rossi sono legati indietro e drappeggiati sul collo. Aveva gli occhi verdi che sembravano brillare. Era un po' più bassa di lui e doveva alzare lo sguardo quando gli parlava. Guardò le informazioni sullo schermo mentre veniva aggiornato il suo ID.
“Alimentazione? Non lo avrei mai pensato. I figured you to be going out for one of the construction sections.”

Daniel smiled. “I thought about it but my father didn’t want the competition. Not to mention there are not as many pretty girls to hang out with.”
“Smooth talker. I better makes sure the girls all know about you. My name is Keri. Maybe I’ll see you in a class or two. I have to retake chemistry and biology.”
Daniel grinned as she rubbed a finger on his hand. “That would very pleasant. However, I think they have me in intro chemistry. Guess I have to work my way up to regular chemistry.”

“Well good luck. Feel free to stop by if you have any questions. I’m working here every afternoon before evening class. I only have a few hours left today so if you’re still around then maybe we could meet up. I’d be happy to give you the student tour.”

Daniel grinned and pulled his hand away making sure to let his fingers slide across her hand. “That sounds like a very nice end to a long day, I might take you up on that.” he smiled as he looked at his comm and saw she had added her contact info. “Have a good day.”

The Library stop was less eventful. Not counting the intern questioning why he was getting books already. Daniel just asked the question “does it matter?” I didn’t matter and there was no reason to refuse the request. Like anyone else, he could have just as easily got the same books from the database. Doing it this way the university had a record of his requests. It could be useful in the future. Having left any tablets he had at home, the books were sent to his home account and queued for download. He did go back out to the courtyard for something else to eat. He messaged Cynthia to ask her where she was and if she tried anything else. She was inside getting ready to talk to a professor about her the elective choice. She said she didn’t need anything else. The Chef from Quantum had loaded her plate. He did ask what she was thinking of taking but she refused to answer. When he got back out he was going to go to Quantum but the line was long. He did manage to find a few things on other stations to eat. One even had mini hamburgers.

The week went moderately quick. Cynthia would message Daniel daily, talking about everything from favorite colors to what classes they thought were going to be the hardest. They even started planning some of the projects listed. They talked about every class but the non-related one. It just never came up.
His mother had made a big lunch and packed up some of the leftovers as they saw him off to the shuttle. He didn’t have to go until the next day but his room was available and both is parents figured it was a good thing for him to go get settled in. They said it was good to go and meet some others that were in the same dorm floor. He was seated in one of the seats just behind the cockpit when the pilot came over to him.

“Nervous Daniel?”

“Only about your piloting” Daniel joked. He and Captain Sims knew each other for a few years. Some of the jobs Daniel had on the school breaks him running packages from station to station, mostly equipment being transferred. Some were sealed envelopes containing documents that they didn’t want transferred over the general comms.
He laughed. “Think you could do better you should sign up for the training.”

Daniel looked up at him and shook his head. “It is tempting but I am not sure my study partner would agree. It would be an extra class and we already have six. I might find some odd jobs too. Shuttling home once a week isn’t going to be cheap.”

Captain Sims nodded. “What did you say you were taking again? Horticulture?”

“Husbandry. It kind of includes horticulture. It combines care and cultivation for both animals and plants. But also it also covers resource management.”
Captain Sims nodded. “Well I might know something but have to check it out before I say anything. Tell you what, come up and sit with us. We can go over some of the basics and see if it’s something that sparks an interest.”

Daniel looked at him and shrugged. After gathering up all his stuff, he followed Captain Sims forward. It wasn’t the first time he was up in the cockpit area. He had been there a few times writing reports for school. The flight was fifty-five minutes, but it went by quickly. As always, he thanked Captain Sims and copilot Nicholas. He didn’t say anything but Daniel was always interested in piloting a shuttle. He did wonder why they were looking for new pilots. There weren’t many shuttles and the business that could afford their own had their own pilots.

It took a short time to get to his room once he got his bags and a trunk. As he walked and looked around, Cynthia sent him a message. She was worried that she might not make it to the first class on time. She was commuting back and forth since her parents didn’t want her rooming at the university. She had to take the earliest shuttle and that would make her at least an hour early. Daniel almost said that she could just come to his room and crash for the hour but thought better of it. He didn’t know the girl more than week, and what he knew was limited to messages. He didn’t want to send the wrong message. Instead, he suggested the library as it was open all the time for students to use to study. If she was tired, she could crash in a study room. She just laughed and said she hadn’t thought of that.

Daniel looked around what would be home for the next three years. It would be less if he managed to find the credits to get a place off site. He didn’t think that it would happen. Even the cheapest place would take five hundred credits. It seemed unfair to be charged for a place to live when there wasn’t a choice. Where else could they go? Since it was included in the fees for education, Daniel didn’t scoff much at the small place. It had a private bathroom at least. The bedroom was small enough to fit a bed and a workstation. There was a closet for his clothing. A small kitchen area was off to the side of a larger room with a fold out sofa, a small chair and the vid system. All in all, it was bigger than his bedroom at his parents.

It took a little over an hour to get everything set up and the bed made. He even got the vid station programmed before he decided to go to out. He wasn’t going to spend the rest of the day in his room. Instead, he spent it walking around the university, talking to other students that were doing the same thing. Not one was there for the same thing that he was. Most of them were taking basic classes, like what he originally wanted to do. Few of them were going out to work on some of the mining asteroids to build housing units. The mining corps wanted to have places for their management to stay during inspections. Some of the larger asteroids were getting barracks style housing for the workers. It would be good pay and the builders would remain on site to do repairs and expand. They all went to the cafeteria and ate dinner together.
Daniel settled in and watched a few old movies as he read over his class schedule. He had chemistry first thing. It was followed by the chemistry lab and then Intro to animal science. He had break of an hour then botany, agriculture concepts , intro to livestock care and last he had his intro to culinary arts. Each class, excluding the lab was a hour and a half long. The lab was two but once the lab work was completed, students could leave. He had the same classes every day. He looked up and rubbed his forehead. It was going to be a long day. He had his doubts that the fun class was going to make it any better.

He was getting tired and figured it was best to get a full night sleep. It was probably going to be the last one he would have for a while. He was settled in when he got a message from Cynthia.

“Well now your stuck with me like it or not. I can’t wait to meet you in person. See you in chemistry.”

“You’re stuck with me. After all, it was your idea not to meet beforehand. I do hope you won’t regret it. I have enjoyed our conversations this last week. It’s going to be a long four years if you do,” he replied the nervousness of starting class now amplified with meeting her. He almost hit the delete button instead of send.

“I’m sure things will be fine. Have a good night,” she sent back.

He sent her a return saying good night and tried to go to sleep. It almost felt as if he had just got to sleep when the alarm went off and he groaned. He hit the delay button and shut it off hoping the extra ten minutes would help. It just made it worse. Reluctantly he got out of bed and started getting ready. His shower was a great help but he quickly found his bottle of caffeine pills and downed two of them.

He had made plans and figured out the best routes to from one class to the next. He had even allotted a few minutes to use the restrooms. He made it to the class ten minutes early. He expected that Cynthia would be there, but the room was empty. Well not everyone was going to be early. Maybe she was getting breakfast or something, he told himself.

After looking around, he went to a seat near the back. The seats were paired together and spaced out. Partners worked together on most things but the individuals were tested on what they knew. So to accommodate the desks swung outward and turned in to face the other during test times. The rest they sat side by side, sharing notes, books, the joy of correct answers, embarrassment when they got it wrong. It didn’t matter which of them answered. They were a team they were supposed to work together and they reaped the rewards together and suffered the penalties.

He was reading the next chapter in the book when he heard someone clearing their throat. “I thought we agreed that we would sit closer to the front.”
Daniel looked up and blinked a few times. The young woman before him was beautiful. Her hair long and jet-black fell over her shoulders. She was tanned, and it looked natural. She wasn’t as tall as he was maybe a couple inches shorter. She was wearing a form fitting skirt and a matching shirt that showed just about every curve she had. She also wore glasses, not many did that anymore.

“We did, unfortunately the professor had other plans,” he managed to find his voice and waved at the screen in the front of the class. It had a diagram on it showing where the students were to be seated. “I already sent the professor a request for a closer seat, telling him our reason.”

“Thanks,” she said and stuck out her hand. “Daniel Miller, a pleasure to meet at last.

Daniel smiled and reached up as he stood. “Cynthia Prieto, the pleasure is mine.”

This time a cleared throat came from across the room. “Interesting,” the older man said as he stepped to the platform with the one desk. “I have been teaching since long before either of you were born and I have never witnessed any student partners that waited so long to meet.”

Daniel blushed and looked at his bag on the floor.

“We just thought it would be better that way Professor Kingston. Why jinx ourselves and look for new partners when one is already available and statistically a match,” Cynthia answered quickly. “We just figured it wouldn’t be the good start we all hope for.”

Professor Kingston looked at the computer on his desk and made some changes to the seating chart. “I received you request Mister Miller. However, be forewarned, I am not the only professor that assigns the seating even if it is temporary. You and Miss Prieto may want to contact your other professors and inform them of your requirements.” He glanced up at them. “And if I may, I hope the choice works out for you both.”

“It has so far, Sir,” they both replied at the same time.

Professor Kingston laughed and shook his head. “This may be an interesting session with you two. Since you both are early, you can get a jump on the reading. I expect the first two chapters by next class. There is a question section at the end and you need to answer each of them. You are also required to do a research project to be completed by the end of session. I have made a list of suggestions but I am open to any that you may wish to do. I am giving to the end of this week to have the choices in.”
Cynthia grinned ear to ear as she and Daniel moved down to the new signed seats. It didn’t take long for them to find the documents in the class folder. They were already discussing a few of the projects when more of the class filed in and groans could be heard from most as they read the screen.

Daniel smiled at Cynthia as she mocked a few of them. Daniel looked up and around. “Guess it’s a good thing we like our seats since the professor said he would make it permanent if anyone complained about it.” He spoke loud enough for anyone passing by to hear though he was looking directly at Cynthia. She gave him a grin. “Seems like a real hard case, “ she said playing along. “Hopefully no one has it in their head to cause any trouble, we are going to have enough as it is,” Daniel replied. Professor Kingston had come in by then. He apparently heard the last parts and shook his head smiling amused.

“Take your seats please. Today will be an easy day. We will get through the necessities and then you can talk about and meet your classmates. You will be working with your partners but you may have opportunity to work with others. I suggest you get to know each other.”

Cynthia was seated by then and typing a note to each of the professors they would have for the rest of the day asking for front seating. Daniel really didn’t like the front but he accepted it knowing she would do better seated there.

Half the class was done before they had the chance to walk around and talk. The conversations continued for the next class since everyone also had to take the lab course. The safety instructions and session review took longer but they still had an hour of class remaining. Professor Kingston looked at the clock on the wall and shrugged. He ended his talk by telling them that he would be selecting students to be assistants. Any that wanted to could speak to him and he would note it for his selection. Volunteering wouldn’t mean automatic selection, but it would factor in. He need people that wanted to do it.

The rest of the day went pretty much the same way. Every professor walked through the expectations of the class and made the daily assignments before letting them talk amongst themselves. There were familiar faces throughout the day in every class. Daniel and Cynthia were looking around the courtyard during their break for lunch when several waved them over.

After the livestock class Cynthia laughed saying she needed to go to wash up, as the class left her feeling a bit dirty. It was in the livestock habitat of the station after all. There was still twenty minute before the last class. Neither of them had mentioned what they were taking. Neither asked either. Daniel nodded and agreed that he probably should do the same thing. It didn’t seem appropriate to go to a class about food smelling like animal feces. She said she would call him later to talk about the assignments and hurried off. Daniel was about to go off to the restroom when he thought about the smell in his clothing. He couldn’t exactly wash it. He decided to make a detour to the university store. The woman there agreed he needed to do something about the smell and directed him to the product he needed. She said she was surprised he hadn’t already had some. He bought several cans of the deodorizing spray admitting that he hadn’t thought about it.

When he walked into the classroom Daniel had expected to see the same auditorium style set up as most of the other classes. Figuring the professor would teach in some kitchen at the center of the class and bring them up to show them different things. He was wide eyed when he saw the class was nowhere close to that. The room was huge like the others but that was where the similarities ended. Along the walls were twenty kitchens, fully equipped from the look. The center of the room had another kitchen, above it were screens facing all four walls. This kitchen was surrounded by dining room seating.

“You’re a little early,” a soft voice called out. “I like that. Maybe you can give me a hand.”

Daniel looked over at one of the tables and saw where the voice came from. “Sure,” he replied. “How can I help?” he walked over to her and set his bag down.
“Sadly some of the supplies were not handled properly and need to be removed from the pantries. Here is a list of what needs to be taken out.” She said her voice was somewhat upset.

“Sure not a problem. Wouldn’t want anyone getting sick.”

“Very true but seems such a waste.”

“Yeah I know. Guess we will need to make sure whoever stocks the supplies is reminded on how limited they are. Looks like just some small perishables. I should be able to get them all before the class starts to arrive.”

“If I help you will be sure of it,” a voice came from the entryway.

Daniel spun around and shook his head not believing his eyes. Cynthia came walking over with a big grin on her face. “I didn’t expect to see you here,” she added, as she got closer. “After the way you talked about that restaurants food last week I thought you were some food expert.

Daniel just took a deep breath and laughed. “Yeah at eating it, not making it.”

Even the professor laughed at that. “Well in this course you will get a chance to do both. Hopefully learning to make it will help the eating part.” She gestured them towards the kitchens. “By the way what are your names?”

The spun back and laughed as the told her then rushed off to complete the task.

They had finished in plenty of time. Professor Crèmes talked to them about the class and their studies. She found it interesting that they somehow managed to pick the same class even though never discussed it. “So will the two of you partner for this class as well?” she asked them, though she suspected she knew the answer. These two seemed to work well together. They both joked about tolerating the other for another class but broke into laughter unable to remain so serious.

“I think you two are going to be interesting to watch this session.” She told them as she stood up, more students were walking in. “Normally I let student pick the kitchen they would like to use. If the both of you don’t object, I would like you to use the one over there,” she pointed at the one directly to the right of the center kitchen.
“As long as it all works the right way makes no difference to me,” Daniel said as he looked.

“It’s perfect,” Cynthia replied. “I can see the screen perfectly.”

“You can set your stuff over there, but come back and have a seat here.” Professor Crème replied.

The class started the same way, talking about the requirements and the expectations. She did warn them that their final was to plan and make a three to five course meal to be presented to a panel of chefs, her and maybe a few others. They would be graded on several aspects but the key was to utilize their knowledge and the application of the knowledge. She did somewhat joke that the food needed to be edible to pass. She also warned that anyone watching their weight should consider some more exercise since this class always ended up adding a few pounds to most students. She also pointed out that she will be selecting students to help. She heard a bunch of groans and shook her head telling them that helping with the main pantry was part of the course and though some may be asked to help more than others, everyone would be helping out. Then came the meet and greets.

“There are a few of you here that are taking this as an elective class and that means you are here without your regular partner. If this is the case for you then you are to use this time to select your partner for this class. Choose carefully, you may not have the chance to change your mind.” She took a breath and let it all sink in. “Once you have picked your partner or if you already have your partner you may select a kitchen to which you will use for the rest of the session. Go in and look around get familiar with its layout and where everything is. There will be no cooking today. However, there is a basket of various items on the counters. You will need the contents to complete the assignment for the next class. There is enough for both partners. I will leave it to you how you work it out.”

As everyone got up and moved around, several went to kitchens, one pair went to the one the professor asked Daniel and Cynthia to take but walked away after the professor told them it was taken already.

“Now’s your chance to work with someone else,” Cynthia whispered as they walked around.

“Why tired of me already,” Daniel asked feigning a hurt look.

“Yes, I am tired of looking at you and I am so tired of the way you make every class feel comfortable,” she said sarcasm leaking into her words. “But, uhm, I would understand if…”

“Be careful thief. Stealing words may not be a crime but I’m sure it might get laugh from the security enforcers if I report it,” Daniel pushed against her as they walked side by side and grinned at her confused look. “I was thinking it was you that made things so comfortable. I honestly wasn’t looking forward to all this, but you made it a lot better than I thought it could be. So unless you’re having second thoughts as I told you before, now you’re stuck with me, like it or not.”

She laughed, “Great, “she added with a little fake despair tone, “ I was hoping that you would run off with someone and left me to someone more qualified in this place.” She waved her arms around gesturing to the kitchen they walked into.

“Nope, I’ll stick around just to be spiteful,” Daniel laughed and reached a hand out to introduce himself to the student in the kitchen.

The first day was done before they knew it. The basket in the kitchen contained various items they were to take home and taste, write out what they tasted, how it tasted and then classify it in a category of what they thought it would be used for or in. They were welcome to use the basket but it needed to be returned. Daniel broke it all down and moved half of the items to his bag. He figured the basket would be better for Cynthia to take her share home. She had a longer trip being she had to shuttle back. She would have to a short time to run out to catch the leaving shuttle. If she missed it, she would be stuck until the next one. Her parents would not be pleased.

Storie simili

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

2.1K I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

2.1K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.8K I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

2K I più visti

Likes 0

Bi Bi 2 - La vacanza

Dopo diversi sabati passati con Ron e Becky mi ero abituato a godermi il fatto di essere agganciato da Ron. Sue, mia moglie, ha apprezzato le attenzioni di entrambi. Tanto che ci siamo riuniti tutti per pianificare una vacanza. L'idea delle vacanze è nata quando Sue e Becky hanno scoperto che le vacanze erano allo stesso tempo. Sospetto che l'abbiano pianificato. Quindi Ron ed io abbiamo organizzato le nostre vacanze per integrarci con loro. Abbiamo programmato due settimane di distanza in un resort sulla spiaggia. In realtà, di nuovo Sue e Becky hanno pianificato. Ron ed io eravamo d'accordo. L'hotel era...

1.9K I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.7K I più visti

Likes 0

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.