Nessuno sotto i piedi.

851Report
Nessuno sotto i piedi.

Nessuno sotto i piedi.

Ero da solo per un cambiamento. La mia ragazza aveva lasciato la città da una settimana e io ero da solo per la prima volta da quello che sembrava molto tempo. Ho camminato per le strade. La città era frenetica intorno a me e mi sentivo un po' persa. Avevo quindici giorni da trascorrere da solo e niente di molto programmato.

Ho girato un angolo e ho continuato la mia passeggiata. Era passato molto tempo dall'ultima volta che ero uscito per un drink solo perché non avevo niente in programma. Mi sono sentito libero. Sconsiderato, persino.

Fu così che mi ritrovai a vagare per i bar. Sono andato di pub in pub e sono andato in posti in cui non avrei mai sognato di entrare se non fossi stato da solo. Mi sentivo un po' inebriante mentre la notte invecchiava. Il ritmo dei club mi aveva risucchiato. In realtà sono andato a ballare.

Ora, permettetemi di chiarire questo punto. Non mi piace particolarmente ballare di per sé, ma le donne lo fanno. Ero ubriaco di alcol, sì, ma soprattutto ero ubriaco di vedere tutte quelle donne che si divertivano. Erano rumorosi e pieni di vita vibrante. Più precisamente erano piuttosto più giovani di me e vestiti per l'occasione.

Mi sono rimpinzato di giovani donne. Mi sono immerso in abiti scollati che mostravano molta pelle. Top attillati su donne calde nei club. Sorrisi e sudore, culi perfettamente sagomati nella luce tremolante della pista da ballo. Ho riso e fatto baldoria.

Alla fine mi sono ritrovato a uscire in un bar nelle prime ore del mattino. Era quasi l'ora di chiusura e la clientela era passata da felice a disperata. Ero leggermente addolorato di trovarmi in mezzo a quel gruppo, tuttavia non mi ero davvero permesso di flirtare troppo. Avevo una ragazza, mi dissi, e mi avrebbe giustamente tagliato le palle se avesse anche solo sospettato che le ero stato infedele.

Quindi ero solo.

O solo come può essere un uomo quando è ancora tra i festaioli. Il basso batteva ancora il suo ritmo palpitante, la pista da ballo era ancora piuttosto affollata. Potrei ancora ordinare un altro drink. (Giusto! Stasera ho bevuto qualcosa. Non le mie solite pinte di birra. Anche una cosa da tenere in considerazione.)

La mia immaginazione non era delle migliori a quel punto, quindi ho ordinato un gin tonic. Ed è stato mentre aspettavo che il barista consegnasse che ho sentito un'improvvisa presenza alla mia destra. Alzai lentamente la testa e la girai verso destra...

La prima cosa che ho notato è stato il décolleté... Era incredibilmente bello... Un top profondamente tagliato e seno sodo e grande in una scollatura perfetta. I miei occhi si spostarono lentamente verso l'alto. La morbida curva della spalla. Pelle profondamente abbronzata, ben accentuata dai ricci capelli castani. La linea morbida del collo e la mascella graziosamente inclinata. Una boccuccia un po' divertita, maliziosa. Il bel naso e gli occhi favolosamente birichini. Chiaro, blu e innocente in un modo che poteva solo significare che stavano nascondendo qualcosa.

Ho guardato un po' gli occhi ma poi due cose mi hanno colpito. La prima cosa che mi ha colpito è stata la consapevolezza di conoscere questa ragazza. Era una mia ex studentessa. E a peggiorare le cose, si era laureata solo l'anno scorso!

La seconda cosa era lei. Mi guardò una volta e poi si gettò intorno al mio collo, premendo il suo corpicino in forma contro il mio e stringendo i suoi seni sodi contro il mio petto. Ho scoperto che le mie mani si adattavano comodamente alla sua vita sottile e gli piaceva essere lì.

«Signore!» mi gridò all'orecchio e mi abbracciò ancora più forte. 'Merda, è così bello vederti! Oh, scusa... Niente imprecazioni...» Si ritirò e mi rivolse di nuovo quel sorrisetto malizioso che mi aveva lasciato perplesso anche quando era nella mia classe. "Mi dispiace..." disse e i suoi occhi brillarono di malizia. 'Ci saranno delle punizioni ora?'

Ho solo riso. 'Ne dubito. Non sei più nella mia classe. Se lo fossi, però, penso che in questo momento parleremmo seriamente... Frida, che diavolo ci fai qui? Non hai nemmeno 18 anni!'

'Oh, andiamo!' mi fece davvero sorridere. «Non essere così presuntuoso. Inoltre, cosa ci fai qui? Non è ora di andare a letto, signore?' Il modo in cui ha detto "signore" mi ha fatto rizzare i capelli e mi è venuta la pelle d'oca lungo le braccia.

“Beh…” improvvisamente mi resi conto che era ancora tra le mie braccia. La guardai negli occhi e mi sentii diventare più caldo. Stavano accadendo anche altre cose. L'ho rilasciata con riluttanza. «Comunque sia, non posso lasciarti qui. Ho ancora il numero dei tuoi genitori, per dirla tutta! Adesso andiamo. Ti riporterò a casa.'

Il suo bel viso si rannuvolò e strinse la bocca in una linea cupa. «Non sei affatto divertente» disse. 'E ho pensato...'

'Che cosa?'

«Niente.» Lei sospirò e scrollò le spalle. «Va bene, signor Tomas. Hai totalmente viziato stasera. Andiamo, immagino.'

"Giusto." Ho pagato per il drink che non volevo più e ho fatto cenno a Frida di prendere l'iniziativa.

Questo potrebbe essere stato uno dei miei tanti errori fatali quella sera. Mentre camminava davanti a me non c'era davvero nient'altro da guardare se non il suo sedere. Era il culo dalla forma più bella che potessi immaginare. Sodo, rotondo e perfetto. La gonna corta che indossava ha fatto ben poco per nasconderlo, anzi lo ha accentuato e messo in risalto. La sua schiena era nuda in una sottile striscia tra il top di seta e la gonna nera attillata, e lì i muscoli si increspavano in modo invitante.

Abbiamo dovuto salire una rampa di scale. Frida ha messo la sua scarpa col tacco a spillo sulle scale ed era chiaro che stava dando spettacolo fin dal primo gradino. I suoi fianchi oscillavano da una parte all'altra, il suo sedere si muoveva come una poesia. Le sue gambe snelle erano una promessa di paradiso.

Quando ha lasciato cadere la borsetta potrebbe essere stato un incidente, ma ne dubito.

"Oops", disse e si chinò in avanti per raccoglierlo. Fu un lento, aggraziato chinarsi. Ho sentito il mio cuore perdere un battito quando improvvisamente il suo perfetto culo da adolescente si è presentato così meravigliosamente davanti a me.

'Oh...' dissi e fu solo allora che mi resi conto di essermi davvero lamentato ad alta voce.

Frida mi lanciò un'occhiata da sopra la spalla. Quel piccolo sorriso malvagio di nuovo accarezzava le sue labbra. 'Mmm...?' Disse e mise la mano sul lato del suo sedere, lasciando che lentamente le accarezzasse il posteriore rotondo. «Cos'è stato, signore? Non l'ho capito bene?'

Ho strappato gli occhi dal suo culo perfetto. ho deglutito. Con una voce che doveva suonare ruvida, ho detto: "Merda, Frida..." Ho scosso la testa e le ho rivolto quello che speravo fosse uno sguardo aspro. "Se non la smetti e non inizi a comportarti bene, dovrò sculacciarti."

L'errore era il numero due? Oh si…

Qui gli occhi improvvisamente brillarono di qualcosa. Desiderio o rabbia, non saprei dire. Prese la borsetta e salì gli ultimi scalini.

***

Eravamo seduti in un taxi. Uno accanto all'altro sul sedile posteriore. Il ronzio del motore e il tremolio dei lampioni che passavano furono le uniche cose che cambiarono.

Frida si spostò un po' sulla sedia. Si strinse di più la giacca. Doveva avere freddo. Era vestita per andare in discoteca, non per la temperatura attuale. L'ho guardata e ho cercato di farle un sorriso incoraggiante, ma l'unica cosa a cui riuscivo a pensare era quanto mi avesse reso incredibilmente eccitante sulle scale.

Avevo detto all'autista di portarci a casa dei suoi genitori. Ciò aveva richiesto più forza di quella che avevo davvero. Ho stretto i denti.

«Signore...» quasi sussurrò.

«Sì, Frida?»

'Per favore... non portarmi dai miei genitori'...' Si chinò verso di me e mi mise una mano sul braccio. Le sue labbra mi sfiorarono quasi l'orecchio. "Per favore... ti supplico... farò tutto quello che vuoi..."

Mi sono rivolto a lei. Se solo fosse sembrata un po' meno innocente... Un po' meno innocente...

'Quando ti ho visto lì...' sussurrò... 'Ero così felice. Ti ho sognato... Ho fantasticato su di te... Per favore... Solo, per favore, non portarmi dai miei genitori stasera...' Si sbottonò un po' lentamente la giacca... aprì la zip in modo che potessi vedere il davanti della sua maglia. Le curve perfette e trasparenti dei suoi seni. "Signore, per favore...?" E mi guardò con i suoi grandi occhi azzurri.

Beh, che cazzo potevo fare? La pressione accumulata per aver guardato per tutta la notte giovani donne poco vestite e poi il desiderio aggiunto di vedere Frida, alla quale avevo avuto più di un pensiero non professionale durante i suoi anni nella mia classe... una foschia rossa cadde sui miei occhi.

"Penso che abbiamo una nuova destinazione", dissi all'autista e gli diedi il mio indirizzo.

Lo sguardo negli occhi di Frida era riconoscente e così bello. Mi chinai e le accarezzai la guancia.

"Potresti pentirtene..." l'avvertii con un mio sorriso ironico. “Ora dovrò punirti io stesso…”

Si morse il labbro e mi lanciò di nuovo uno dei suoi sguardi. «Promesso?» disse.

***

Siamo scesi dal taxi fuori dal mio cancello. La casa era vecchia con un pesante cancello di quercia. Digitai il codice e lo aprii, facendo entrare Frida davanti a me. Potevo sentire le mie mani tremare leggermente mentre le accarezzavo la parte bassa della schiena. È entrata con calma, di nuovo con quell'ondeggiare sui fianchi, ma ora non mi importava. Mi sono solo divertito.

Si fermò davanti alle scale. Mi guardò di nuovo dall'altra parte della spalla.

«Dove si va?», chiese con la sua migliore voce da ragazzina birichina.

Sorrisi e accennai verso le scale. «Due voli.»

Di nuovo fece il suo sorriso malvagio. "Sai", disse e iniziò a camminare verso le prime scale. "Un gentiluomo non si sognerebbe mai di lasciare che una signora lo preceda per le scale."

«Vero», dissi. «Ma a giudicare dal modo in cui ti sei comportato nell'ultima scala che abbiamo salito, dubito che ti qualifichi come signora. Inoltre... sembrava che ti divertissi un bel po', quindi ho pensato di darti una seconda possibilità.'

'Hmm...' strinse le labbra e poi iniziò a salire le scale. Lentamente si aprì la cerniera della giacca e se la lasciò scivolare giù dalle spalle... Ancora una volta ondeggiò su per una scala, il suo culo perfetto, il suo corpicino stretto, tutto si muoveva con una grazia così sexy che la mia bocca si seccò. Improvvisamente si fermò e si voltò, uno sguardo di sfida nei suoi occhi. "Allora, stai dicendo che ti piace guardarmi camminare?"

Le sorrisi. 'Potresti dire che. Almeno quando cammini come una sgualdrina.'

Ridacchiò e scosse i capelli mentre si voltava. Ha continuato lo spettacolo fino al mio appartamento. Girando e torcendo nella scala. Lasciando che le sue mani accarezzino lentamente il suo corpo. Mi stava facendo arrapare da morire e si godeva ogni minuto. Bene, lo ero anch'io. L'attesa mi consumava. Che vergogna ho provato ad essermi rannicchiato in qualche angolo remoto.

Aprii la mia porta e la lasciai entrare. Chiusi la porta e la chiusi a chiave. Eravamo soli. Ero solo con una ragazza di appena diciassette anni, una mia ex allieva! E sapevo che non sarei mai stato in grado di fermarmi adesso.

Mi voltai verso di lei. Aveva lasciato cadere la giacca sul pavimento e ora era vestita come era stata al club. Sexy da morire. Mi ha guardato con i suoi grandi occhi innocenti e mi ha chiesto con un leggero rossore sulle guance: "Beh, signore... so di essere stata una bambina molto cattiva... Per favore, c'è qualcosa che posso fare per farcela?" Meglio?'

"Forse c'è..." dissi e mi avvicinai a lei. Il suo odore era inebriante. Le accarezzai di nuovo la guancia, sentii la sua liscia morbidezza... Mi chinai in avanti e la baciai dolcemente. Le sue labbra premette avidamente contro le mie e la sua piccola lingua impertinente mi sfiorò le labbra.

L'ho baciata di nuovo. Più profondo ora. La mia mano si insinuò lungo la sua gola e le sue spalle. Potevo sentire le sue mani artigliare con desiderio contro la mia schiena. Il calore del suo corpo si irradiava attraverso i miei vestiti e il suo stomaco era nudo sotto le mie mani carezzevoli. Mi tirai indietro di nuovo, respirando con voce rauca.

'Potrebbe esserci qualcosa che potresti fare...' dissi e la lussuria pura percorse la mia voce. "Ma questo dipende da cosa sei disposto a fare per me..." Le presi il seno sodo con una mano e sentii il suo respiro diventare superficiale, ansimante...

"Qualsiasi cosa", sussurrò... "Farò qualsiasi cosa... Cazzo, signore... non sono mai stata così eccitata in vita mia..." I suoi occhi brillarono mentre mi guardava.

Risi e la baciai rudemente. 'Lo so. Anch'io.' Ed era vero. «Adesso stai zitto. Ti dirò cosa puoi fare per me...'

L'ho liberata e ho fatto un passo indietro. «Vieni con me» dissi e le feci cenno di entrare in soggiorno. Le persiane erano aperte ma le ho chiuse velocemente. Ho acceso lo stereo con della musica soft. Il grande divano nero era lungo una parete, ma al suo posto scelsi la poltrona.

Mi sono seduto e ho guardato Frida. Ho fatto un respiro profondo...

«Hai ragione» dissi. 'Sei stata davvero una ragazza molto cattiva... Ed è qui che inizi la tua punizione. Devi fare quello che ti dico d'ora in poi. Fino a domani sarai il mio schiavo, se lo desidero. Capisci?'

Stava di fronte a me. Sorridendo maliziosamente si leccò le labbra con una piccola lingua rosa. 'Sì signore... farò qualunque cosa tu dica. Ti prego, sarò una brava ragazza...'

«No, a meno che io non lo voglia. Per prima cosa voglio che tu dimostri che intendi quello che dici... Dimmi che sarai la mia puttana.'

C'era come un'increspatura di qualcosa che la attraversava. In realtà gemette piano di piacere mentre dicevo quelle parole.

«Sì, signore», sussurrò, mentre la sua voce era alimentata da pura e vibrante lussuria. 'Sarò la tua troia, signore... sarò la tua sporca piccola puttana se vuoi, signore!'

'Bene', le dissi e riuscii a malapena a soffocare un gemito di lussuria anch'io. «Ti piace davvero metterti in mostra con me, vero?»

"Oh, sì, signore..."

'Fallo di nuovo', le dissi. 'Adoro guardarti... Vuoi essere la mia troia? Spogliati per me... Avanti, fammi vedere che ragazzina sporca sai essere.'

'Mmm... Sì, signore...' quasi gemette. Ha subito iniziato a passare alla musica. I suoi fianchi ondeggiavano e le sue mani le accarezzavano avidamente tutto il corpo. Si strinse i seni attraverso il tessuto sottile della parte superiore e poi giù attraverso la vita e la pancia liscia. Si carezzò le cosce e tra le gambe.

Poi si voltò e iniziò a darmi dolcemente ogni opportunità di ammirare il suo sedere sodo. Si accarezzò il sedere e si chinò profondamente davanti a me. Poi si è lentamente messa a quattro zampe e ha spinto il culo verso di me. Era così incredibilmente bella.

Ho sentito il mio cazzo iniziare a pulsare nei miei pantaloni. Dio, mi stava eccitando!

Si voltò e si alzò per mettersi in ginocchio. Carezzevole iniziò a togliersi la gonna. Ne è uscita con più grazia di quanto avrei immaginato possibile. Le sue lunghe gambe lucide e perfette mentre calciava via la gonna. Indossava il perizoma più sexy che tu possa immaginare.

Sedendosi leggermente indietro, iniziò ad accarezzarsi di nuovo i seni. Poi mi guardò dritto negli occhi e sorrise. Era il sorriso più sexy che avessi mai visto. «Le piace quello che vede, signore?» chiese.

'Oh, sì... Mmm... Sei così fottutamente bella, Frida...'

Rise la sua risatina maliziosa. "Beh, aspetta..." E con un sopracciglio inarcato e uno sguardo diabolico negli occhi iniziò lentamente a togliersi il top. «Sai...» sussurrò. "Non mi dispiacerà se vuoi tirarti fuori il cazzo..."

Vederla inarcare la schiena e togliersi lentamente il top è stato troppo per me. I suoi seni sodi non erano stati in un reggiseno. Sono saltati fuori da sotto la cima; rotondi, sodi, grandi e perfetti, capezzoli eretti. Non ho potuto trattenermi. Ho decompresso i miei pantaloni e ho tirato fuori il mio cazzo. L'ho strattonato un paio di volte e ho sentito quanto fossi affamato di lei.

A Frida piaceva vedermi masturbarmi. Ha ripreso fiato quando ho tirato fuori il cazzo e le è sfuggito un lieve gemito. Si leccò le labbra e si artigliava i seni. Poi ha iniziato ad accarezzarsi la figa attraverso le mutandine. 'Oh... Mmm...' gemette. 'È così bello…'

Poi si voltò e si tolse lentamente il perizoma. Girandosi sulla schiena allargò le gambe e si aprì al mio sguardo affamato. Era rasata. Era nuda, bella e mia.

"Per favore," gemette e si accarezzò. "Voglio succhiarti il ​​cazzo... Per favore, signore... Lascia che ti succhi il cazzo..."

'Piccola puttana...!' sussultai e mi alzai.

Mi guardò, le dita affondate nella sua figa. «Sì», disse. 'Chiamami la tua puttana. Sono la tua piccola puttana...'

Mi sono strappato i vestiti. 'Fottuta puttana... Troia... Girati! Fammi rivedere il tuo culetto!'

Si voltò e inarcò avidamente la schiena quel qualcosa in più. Mi inginocchiai dietro di lei e cominciai ad accarezzarla ma. La sensazione della sua pelle liscia sotto le mie mani. Mmm...

«Sei una puttanella così sporca, Frida», dissi e riuscii a stento a riconoscere la mia stessa voce. "Una puttanella così sporca..." Alzai la mano e la sculacciai. E di nuovo.

«Ahi! OH! Mmmm... Sì... Esatto... Sculacciami... Sono una puttanella così schifosa, signore... Ohhhh...'

L'ho sculacciata di nuovo. Difficile. Lei gridò. Il suo gemito mi ha fatto venire voglia di sculacciarla più forte. E l'ho fatto. Tra una sculacciata e l'altra le ho accarezzato le natiche sode e ogni tanto le mie dita carezzevoli le sfioravano la figa. Era così bagnata...

'Ooohhh... Mmm! Ah! Ahi! OH! Mmmmm... Oh, signore, sì... Sculacciate la vostra puttanella... Mmmm...» Frida tremava già in estasi.

L'ho spinta giù e le ho allargato le natiche. Ho immerso la mia lingua in profondità nella sua fica e ho sentito il suo succo gocciolare lungo il mio mento. Ha gridato di sorpresa e piacere quando la mia lingua ha iniziato a esplorare la sua figa calda. Amavo il suo sapore.

'Oh, signore...! SÌ! Mmmm! Così bello... È così bello! L'ho leccata più forte. Più in profondità... Ho preso a pugni il suo clitoride con la mia lingua.

'Ahhhh! Ahhhh! Mmmmm! AHHHHHHHH!' si fece dura. La sua fica zampillava desiderio.

'Ora tocca a te, puttana...' dissi e l'attirai violentemente contro il mio cazzo. 'Volevi succhiarlo, beh ... Ecco la tua occasione!'

La testa di Frida stava ancora penzolando per l'orgasmo, ma aprì avidamente la bocca e leccò il mio cazzo. Appena l'ha assaggiato si è buttata sopra. Le sue piccole labbra rosse si serrarono attorno all'asta del mio pene e lei succhiò più forte che poteva. Mi ha fatto gemere e piangere ad alta voce.

'Oh Dio! Mmmmm! Merda, è così!'

Non ne potevo più. L'ho tirata fuori dal mio cazzo.

«Scopami», ansimò. 'Per favore, fottimi!'

Le ho allargato le gambe e ho spinto il mio cazzo contro la sua figa. L'ho sentita aprirsi e poi sono entrata in lei. Era così bagnata che mi sembrava di immergermi completamente con una sola spinta. Ancora sussultava e gemeva.

'Dio, sei così grande! Mmmmm!'

L'ho bloccata sul pavimento e ho iniziato a scoparla. Si sentiva così bene! La sua fica fradicia e bagnata mi strinse il cazzo e non potevo fermarmi o prendermela comoda. L'ho scopata più forte che potevo. Lei urlava e si contorceva sotto di me. Il suo piacere la rendeva incoerente e io ero mezzo matto per il desiderio represso che bramava di liberarsi.

Ho sbattuto il mio bacino contro di lei, spingendo il mio cazzo più in profondità che potevo dentro di lei ad ogni spinta. Sempre più difficile. Sempre più veloce!

'Ahhh! Ahhh! Mmm!' Ho sentito il mio respiro come se fosse distante.

'Oh Dio! Oh Dio! Fottimi! SCOPAMI!' Le parole di Frida erano confuse.

Mi sono fermato e mi sono tirato fuori da lei.

'NO! No...!' quasi singhiozzava.

'Voglio fotterti da dietro', ho gracchiato...

Frida si voltò e spinse il culo verso di me. Avidamente ha artigliato dopo il mio cazzo. Ma invece di guidarmi verso la sua figa, l'ha messa contro l'altro suo buco.

"Fottimi il culo, signore", la sua supplica era confusa, ma il bisogno nella sua voce era acuto. 'Per favore, signore... Fottimi nel culo! Voglio il tuo cazzo nel mio culo!' Singhiozzava quasi.

"Oh, fottuta puttana..." Il mio cazzo luccicava dei succhi della sua figa, ma il suo minuscolo buco del culo sembrava così stretto... le ho sputato nel culo e ho iniziato a massaggiarla con la saliva. Ho sputato ancora e ancora, facendola bagnare per me... 'Piccola puttana sporca... Vuoi che ti fotti il ​​culo, eh? Vuoi davvero il mio grosso cazzo su per il tuo piccolo buco del culo?' Ho spinto un dito dentro di lei ma ho sentito quanto era stretta... E quanto volevo scoparla lì.

«Sì... Oh, sì...! Fanculo la tua piccola puttana nel culo, signore...'

Alla fine non potevo più aspettare. Ho messo la testa del mio cazzo contro il suo piccolo buco del culo stretto e ho spinto... Ha urlato di dolore e piacere mentre lentamente mi sono infilato nel suo culo. Sempre più profondo.

Era così stretta! Mi sentivo così incredibilmente bene!

Le lacrime le rigavano le guance ora, ma mi implorava ancora di più e io ero al di là di qualsiasi cosa diversa dal puro bisogno. Ho immerso la mia asta più a fondo nel suo culo e lentamente ho iniziato a scoparla. La sua schiena arcuata e il suo culo rotondo erano così belli. L'ho afferrata saldamente per i fianchi e ho iniziato a tirarla verso di me.

'SÌ! SÌ! Oh, DIO!' gridò e la sua voce tremò. 'FOTTIMI!'

La sua mano si portò alla fica e iniziò a strofinarla. Tutto il suo corpo tremava di nuovo di desiderio e piacere.

L'ho scopata sempre più forte. Ho sentito i suoi muscoli rilassarsi un po' e ho potuto sbattere quel culetto sempre più velocemente. Frida urlò di piacere. Ogni suo respiro era un grido di lussuria.

Le ho tirato i capelli e l'ho scopata. Le ho artigliato i seni e l'ho scopata. Le ho schiaffeggiato forte il sedere e l'ho scopata. È stata la cosa più meravigliosa. Strinsi i denti e mi gloriai del suo corpo sodo che si donava a me. Il caldo bruciore alla bocca dello stomaco mi diceva che ero vicino. Veramente vicino!

Frida è venuta di nuovo, più forte di quanto abbia mai visto venire una ragazza. Ululava di piacere e tutto il suo corpo tremava come in preda a un attacco. L'ho appena scopata più forte e ho sentito il mio climax crescere e crescere.

'Oh merda! Ah Frida! Aaaah! Mmmmm!'

'Vieni sulla mia faccia, signore... Per favore, vieni sulla mia faccia...'

Ero oltre le parole. Mi sono tirato fuori da lei e lei ha aperto avidamente la bocca sotto il mio cazzo. Ho strattonato forte e sono venuto quasi immediatamente.

'Ooooohhhhhh! Mmmmmmmm-uuhhhhhhh!' Getti caldi di sperma bianco sgorgarono dal mio cazzo e intonacarono il suo bellissimo faccino. Con la bocca aperta, schizzi bianchi di sperma le caddero sulla lingua e lei li ingoiò avidamente.

'Mmm...' gemette. 'Così buono... Mmmmm....'

Si infilò il cazzo in bocca e ne succhiò gli ultimi resti. Il suo viso completamente coperto si girò verso di me e sorrise intorno all'asta del mio pene. Era lo spettacolo più bello del mondo. Le accarezzai i capelli e mi chinai per baciarla sonoramente sulle labbra.

***

Abbiamo fatto la doccia. Ci siamo guardati l'un l'altro all'indomani di quello che avevamo fatto. Entrambi molto soddisfatti. Entrambi molto incerti su cosa sarebbe successo ora.

Proprio in quel momento squillò il telefono. Ho guardato il display dei numeri. Era la mia ragazza.


-Potrebbe continuare.-

Storie simili

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

2K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.8K I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

1.4K I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

1.3K I più visti

Likes 0

L'ultima vacanza estiva-Capitolo 2

Lasciamo in pace questi due amanti. Ho detto. Vieni, scusa il gioco di parole, unisciti a noi sul lanai quando hai finito. Meg e io ci dirigemmo verso la cucina per preparare una caraffa di Vodka Martini da portare nel patio. Ci siamo seduti insieme sul divano. Beh, cosa ne pensi? Ho iniziato. Meg ha un'espressione contemplativa sul viso. Beh, è ​​stata una sorpresa per Matt. Non aveva idea di cosa stesse succedendo. Ha resistito per un minuto ma alla fine l'ha capito. Non credo che pensasse che avremmo mai fatto una cosa del genere. Gli è piaciuto? Lo spero perché...

1.3K I più visti

Likes 0

La lampada malconcia Capitolo ventinove: L'harem del guerriero

Lampada malconcia da miopenname3000 Capitolo ventinove: L'harem del guerriero Diritto d'autore 2014 Nota: grazie a b0b per la beta che legge questo. Cast di personaggi Personaggi principali Kyle Unmei Jr .: proprietario mezzo giapponese / mezzo curdo di Aaliyah e detentore di Earthbones. Avvelenato da Burke mentre combattevano. Aaliyah Unmei: un Jann mandato a sposare il profetizzato salvatore dei Djinn. La prima moglie di Kyle. Riunito con Kyle. Fatima Unmei: sorella minore e moglie di Kyle, detentrice di Fireheart. Christy Unmei nata Leonardson: la fidanzata di lunga data di Kyle diventata terza moglie. Fumi Unmei nata Nakamura: la quarta moglie di...

1.2K I più visti

Likes 0

Il Carnevale Capitolo 4

Ho ripensato alla scorsa notte mentre pranzavo da Danny Kaye's Pizza, l'unico posto nel raggio di un miglio dal lotto del carnevale. Il tempo era freddo e piovigginoso da due giorni. È stato un gradito cambiamento passare la scorsa notte in una bella roulotte calda e accogliente, specialmente con tre belle donne. Non mi sarei mai aspettato che sarebbe diventato un momento memorabile della mia vita. Più rivivevo l'avventura della scorsa notte, più diventavo confuso su come si svolgeva tutto. Ho bevuto troppo e apparentemente sono svenuto. Mi sono svegliato nel cuore della notte per trovare una delle tre donne a...

962 I più visti

Likes 0

I sogni di Racos diventano realtà!!!_(1)

Mi chiamo Raco e ho 15 anni non sono atletico sono sempre stato quello a cui piacevano i libri e stare dentro... sono nell'armadio e nessuno sa che sono gay non ho mai avuto una ragazza o addirittura ho baciato una ragazza perché semplicemente non mi interessano... mio padre è via la maggior parte del tempo a lavorare a progetti di costruzione fuori città e quando è a casa dorme ed è difficile svegliarlo. ...mia madre non ci presta molta attenzione perché lavora e va a scuola...beh, questa storia parla di me e del mio fratellastro più grande e atletico Jacob...

805 I più visti

Likes 0

La mia vita segreta_(1)

Ho un segreto, un oscuro segreto. Ho una vita segreta. Di giorno e quando mio marito è a casa sono mamma e casalinga. Gestisco la mia casa e mi assicuro che tutti siano in giro in orario per il lavoro e la scuola. Tengo la mia casa pulita e mi assicuro che tutto sia in ordine. Ma una volta che tutti sono fuori casa, divento una donna diversa. Ho un'ora per prepararmi che include doccia, capelli e trucco. Sono ben rasato e indosso la mia uniforme. La mia uniforme è composta da una gonna corta nera, calze nere alte fino al...

715 I più visti

Likes 0

Sono diventato il sex toy di mia cognata viziosa.

Mia moglie, Jan, era andata a un convegno su qualcosa legato al suo lavoro e sarebbe rimasta via per tre giorni. Questo è stato semplicemente perfetto per me. Dopo essere uscito dal lavoro, ho preso la mia ragazza, Judy, e l'ho portata a casa con me per passare il tempo che mia moglie sarebbe stata via. Le ho detto di non mettere in valigia vestiti extra perché sarebbe rimasta nuda per la maggior parte del tempo. Siamo stati bene nella prima notte e ci siamo divertiti molto. Avevo steso una coperta sul pavimento del soggiorno davanti al caminetto scoppiettante. Eravamo entrambi...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.