Diari di lavoro

632Report
Diari di lavoro

*****

Primo estratto del diario:

“A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”.

*****

Ayesha tamburellava irritata con le dita contro l'angolo della sua scrivania mentre il rappresentante delle risorse umane lasciava il suo ufficio, come una zebra in fuga da un leone che aveva appena chiesto educatamente di smettere di mangiare la sua mandria, lasciandola con una tempesta che incombeva sulla sua testa. Susan, la sua assistente più recente, era stata perfetta, un corpicino stretto, perfettamente presentato, mite e timida. Proprio il tipo di ragazza che Ayesha aveva bramato.

Una fatidica festa in ufficio e qualche colpo di troppo per la vittoria e, come era successo con la sua precedente assistente personale, Ayesha era diventata "un po' civettuola". Almeno questa era la sua formulazione, suonava meglio al tribunale rispetto alla formulazione che Susan aveva presentato, "con le spalle al muro, inchiodata e costretta a un bacio profondo". Ayesha aveva pensato che Susan fosse stata coinvolta fino a un certo punto. Quel punto era quando Ayesha si era svegliata la mattina seguente con un'emicrania, un mal di testa da un ginocchio veloce e tre chiamate perse dalle risorse umane.

Tuttavia, Ayesha è stata fortunata, era così dannatamente brava nel suo lavoro che non potevano permettersi di sbarazzarsi di lei. Alla fine della giornata, il fatto era che gli accordi extragiudiziali che i due ricorrenti erano costati alla sua azienda ammontavano a meno di quanto sarebbe costato se l'avessero persa e fossero stati costretti a reclutare nuovamente per la sua posizione. Nonostante ciò, le avevano detto che una terza causa del genere e sarebbero stati costretti a lasciarla comunque, per timore che iniziassero a trapelare notizie sulle sue buffonate. Anche se non era sicura che avrebbero davvero rispettato la loro politica dei tre colpi a questo proposito, non le piaceva le sue possibilità se li avesse spinti.

E così si sedette, rimuginando e aspettando che arrivasse il suo nuovo assistente personale. Il flagello della sua vita, sia professionale che personale. Un uomo.

Alex era in piedi in uno dei bagni dell'ufficio, guardandosi allo specchio, facendo alcuni respiri profondi mentre si calmava. Conosceva Ayesha, o la signora Jones, come avrebbe dovuto chiamarla. Le sue avventure e il suo costante coinvolgimento con le risorse umane erano diventati una specie di leggenda in ufficio, anche se personalmente lo rendevano solo geloso, poiché si era trasferito in ufficio nel suo ruolo di assistente personale di uno degli altri direttori che aveva sempre fatto lo sforzo extra per rubare un'occhiata a lei ogni volta che poteva.

Anche se doveva ammetterlo a se stesso, non poteva esserci più contrasto tra loro.

Si trovava a un modesto cinque piedi e otto, rispetto ai suoi torreggianti sei e due. Aveva un corpo snello, anche se non tonico. Era un po' più pesante, una donna formosa con una morbidezza nella sua forma che lo attraeva, i suoi seni, fianchi e sedere sostanzialmente più grandi di quelli di quasi tutte le donne prevalentemente magre nell'organizzazione e certamente, almeno per lui, il più attraente. Dove la sua pelle era chiara, quella di lei era scura, dove i suoi capelli erano biondi, i suoi erano neri. Laddove lui era timido e introspettivo, lei era diretta ed estroversa.

Tuttavia, nonostante tutte le loro differenze, senza nemmeno conoscere il suo nome, lei aveva stabilito una residenza nel suo cuore, il che lo faceva sentire in contrasto con se stesso. Sapeva che era interessata alle donne e sapeva che era qualcosa che non sarebbe mai stato. Nonostante tutti i desideri repressi che potrebbe avere fluttuare nella sua mente.

Tutto questo ha significato che oggi per Alex non è stato solo l'inizio di un nuovo lavoro e una nuova giornata lavorativa, ma di un'opportunità. Anche se potrebbe non esserci alcuna possibilità di romanticismo con lei, almeno sarebbe stato al suo fianco per ore ogni giorno, aiutandola con il suo lavoro, in grado di parlarle, conoscerla, forse farle conoscere lui. Se è stato fortunato e ha giocato bene le sue carte, forse i due potrebbero diventare amici. Come minimo, lei lo sapeva, lo avrebbe apprezzato come assistente. Non era affatto una persona orgogliosa, ma sapeva di essere bravo in quello che faceva.

Si passò una mano tra i corti capelli biondi, assicurandosi che fosse il più intelligente possibile prima di applicare i suoi sorrisi professionali più calorosi, cercando di irradiare sicurezza mentre si aggiustava il vestito, lasciando il bagno e dirigendosi verso il leggendario ufficio della signora Jones.

Ayesha alzò lo sguardo dal suo laptop mentre un giovane bussava alla porta del suo ufficio prima di aprire la porta, sorridendole calorosamente mentre si avvicinava alla sua scrivania con un'andatura professionale, ogni passo e movimento misurato.

“Signora Jones? Sono Alex, sono stato assegnato come tuo nuovo assistente personale. Spero di poterti rivelare prezioso per te." disse, caldo e amichevole, in piedi con le mani intrecciate dietro di sé, quasi sull'attenti mentre si presentava a lei per l'ispezione.

Lo guardò con occhio critico, anche se non poteva negare che c'era una certa femminilità nell'uomo giovane, ce n'era troppo poco per catturare la sua piena attenzione.

Emise un lieve sospiro, sentendo già la mancanza delle ragazze graziose che aveva scacciato e annuì, sfoggiando un leggero sorriso stanco. "Sì sì, è un piacere conoscerti, Alex." ha detto, cercando di nascondere la sua delusione nella sua voce, adottando un tono professionale, "Sono sicura che andremo d'accordo.. Fantastico." annuì leggermente, anche se la sua voce era ancora notevolmente incerta.

Con il tribunale, gli incontri con le risorse umane e ora una nuova assistente personale che non le forniva il piacere per gli occhi che era sicura fosse metà dello scopo di avere un'assistente personale, per motivi di morale, ovviamente, si sentiva più che un po' svuotata.

Alex ha bevuto alla vista di lei con una rapida occhiata prima di sorridere mentre si allontanava dalla sua scrivania, "Mi sistemerò sulla scrivania appena fuori dalla tua porta, signora Jones, se hai bisogno di qualcosa devi solo chiedere. "

Lei annuì in modo lamentoso e mormorò un mezzo sincero grazie prima di guardarlo ritirarsi verso la porta. Il suo culo era a posto, supponeva. Ma niente di entusiasmante.

Mentre chiudeva la porta lasciandola sola nel suo ufficio, lei si appoggiò allo schienale e tirò su il suo fascicolo personale, breve e CV, sentiva che se doveva lavorare con lui avrebbe dovuto almeno vedere di cosa si trattava. A causa della sfortuna del suo genere, non sarebbe stata la sua prima scelta, in verità non era nemmeno stato il suo decimo, Ayesha avrebbe scelto un PA completamente incompetente su un uomo, ma quei giorni erano passati per lei ora così lei doveva giudicarlo su meriti diversi da quello. Fortunatamente, il suo file sembrava arrivare con ottimi consigli.

Lesse gli appunti su di lui, cercando di valutare a quale livello di lavoro poteva avviarlo per toglierselo dai capelli e lasciarlo ambientare nel suo nuovo ruolo.

Parti del suo file sembravano leggere come una conferenza di parole d'ordine aziendale. Motivato, appassionato, motivato, propositivo.

Non poteva fare a meno di sorridere a quell'ultimo. Una PA proattiva? Cosa significava? Non era che un assistente personale potesse fare il lavoro di Ayesha prima che lei glielo avesse dato.

Mentre scuoteva la testa, leggendo l'elenco e iniziando a credere che l'intera carriera di quest'uomo fosse stata costruita su Buzzword Bingo, bussò alla sua porta, aprendola.

Sbatté le palpebre e alzò lo sguardo dal suo portatile, corrugando la fronte, sorpresa di vederlo così presto senza avergli chiesto di rientrare. Aprì le labbra per parlare, poi le chiuse, notando la grande tazza bianca che portava in mano, vapore arricciandosi da esso.

Si avvicinò ad Ayesha, sorridendo educatamente mentre lo posava accanto a lei, senza dire una parola prima di voltarsi per andarsene.

Quando arrivò alla porta lei parlò, con voce sospettosa: "Caffè, latte, due zuccheri?.."

Si guardò alle spalle, inclinando leggermente la testa, una mano che teneva la porta, "Sì, signora Jones?"

Esitò, guardando il boccale e poi lui a sua volta. “..Come sapevi come l'ho presa? Come sapevi che ne volevo uno?"

Poi sorrise, un sorriso luminoso e contagioso che quasi si ritrovò a rimandargli indietro. "Oh.. indovinare?" si strinse nelle spalle, "Se hai bisogno di me per qualcosa..." annuì lasciando il resto non detto e chiuse la porta dietro di sé, lasciandola ancora una volta alla sua cartella e al suo caffè.

Ayesha prese la tazza fumante tra le mani e sentì il calore filtrare attraverso le sue dita, le sue labbra carnose che formavano un sorriso mentre lasciava che il profumo del caffè le riempisse la mente. “Mm.. Un assistente personale proattivo.. Potrebbe essere interessante..”

*****

Tratto due del diario:

"L'abilità, la dedizione e la devozione di Alex mi hanno impressionato a non finire durante le sue prime settimane di lavoro al mio fianco. Non mi ci è voluto molto per rendermi conto della sua ovvia attrazione per me, che era francamente adorabile in sé se non altro per quanto si sforzasse di nasconderla, ma il modo in cui si manifestava ha sicuramente attirato la mia attenzione. In tutti i miei anni di lavoro non avevo mai avuto un PA così disposto a fare il possibile, così pronto ad aiutarmi e così veloce da fornirmi ciò di cui avevo bisogno prima che avessi il buon senso di chiederlo. Mentre professionalmente la nostra partnership stava avendo un evidente impatto sulla mia produzione e qualità del mio lavoro, personalmente ho dovuto ammettere una crescente passione per lui. Sebbene non fosse ancora per i miei gusti sessualmente, non riuscivo a ricordare l'ultima volta che qualcuno era stato così felice solo di vedermi e così desideroso di compiacere. È stata solo una mia fortuna che Alex avesse un filo allentato nella sua vita che avrebbe portato a ciò che volevo, e non ho potuto fare a meno di tirarlo su".

*****

"No. No no no no, cazzo! No!" Ayesha imprecò con crescente disperazione mentre fissava il piccolo cerchio rotante al centro del suo schermo grigio. Poteva ancora vedere le parole scritte su di essa, una pagina di quaranta sul suo laptop apparentemente congelato.

Digrignò i denti e si guardò intorno impotente, il suo laptop l'aveva fatto una o due volte prima, facendole perdere sempre tutto ciò in cui si era trovata nel mezzo. Non ci aveva pensato molto prima, le era costato qualche piccola bozza di posta elettronica, ma era solo più un inconveniente che qualcosa di grave, e il suo dipartimento IT le aveva assicurato che avevano risolto.

Eppure, eccola seduta, sul punto di perdere quasi una giornata di lavoro, a causa dell'indomani, per il vuoto che è stato un crash del PC. Sì, era colpevole di lavorare da casa e sì, era colpevole di lavorare oltre l'orario d'ufficio, ma doveva stare al passo con il gioco e nella sua fretta, aveva trascurato di fare parate spesso.

"Cazzo, cazzo, cazzo.." Ripeté, guardando severamente il laptop, incapace di stare ferma mentre il suo panico iniziava a stabilirsi.

Tirò fuori il telefono e guardò l'ora, le undici di sera. L'ultimo tecnico avrebbe lasciato l'ufficio ore fa, era morta nell'acqua e lo sapeva, una sensazione di naufragio si era stabilita sul suo petto.

Ayesha si morse il labbro e aprì la sua lista di contatti, disperata e senza pensarci, aveva solo bisogno di aiuto, lì, ben visibile in alto, c'era Alex.

Nelle ultime settimane si era dimostrato intraprendente e disponibile in ogni situazione che gli si era presentata, se qualcuno poteva aiutarla, era sinceramente certa che sarebbe stato lui.

Alex emise un basso gemito mentre il suo telefono ronzava accanto a lui sul comodino. Sbattendo le palpebre stancamente raccolse il telefono, scorrendo a destra con il dito per rispondere mentre pigramente schiacciava il telefono sul lato della sua faccia.

"Mm.. Alex sì ciao."

“Alessio?! È Ayesha!”

La sua voce e il tono che aveva lo strapparono rapidamente dal sonno, il panico nella sua voce era a malapena controllato “A-Ayesha? Cosa c'è che non va?"

"È il mio laptop, si è bloccato e non ho salvato quel documento su cui ho lavorato tutto il giorno, c'è un modo per recuperarlo?"

Alex si sedette un po' sul suo letto, massaggiandosi la testa, cercando di mettere ordine nei suoi pensieri, “Io uhh.. voglio dire.. Yeah? Probabilmente, ma non potrei davvero parlarti della cosa.. Se ehm.. Mi dai tipo un'ora per incontrarti in ufficio?.."

"Troppo tempo, ho il tuo indirizzo, sarò lì tra venti minuti."

Alex aprì la bocca per rispondere ma il telefono tacque, lei aveva riattaccato.

Sbatté le palpebre e spostò il telefono, fissando lo schermo, notando l'ora, era a letto solo da un'ora o giù di lì prima che lei suonasse, ma comunque, stava venendo qui? Ora?

Alzò le gambe fuori dal letto e si strofinò i capelli biondo sabbia, alzandosi stancamente e muovendosi per infilarsi un paio di pantaloncini mentre si guardava intorno nella sua stanza, avrebbe dovuto mettere in ordine un po' prima che lei arrivasse. Nonostante la pulizia del suo appartamento, c'erano oggetti in giro di natura più personale che lui non poteva permettersi di vedere.

Ayesha ha ottenuto tempi migliori di quanto si aspettasse, lanciando la sua auto per le strade verso Alex e il suo appartamento, aveva basato la sua stima di quanto tempo ci sarebbe voluto per arrivarci sui suoi soliti tempi di viaggio e non aveva nemmeno preso in conto della propria ansia o della mancanza di traffico nelle strade notturne.

Si sentiva simile a un autista di ambulanza, riferendosi alle leggi della strada come più delle linee guida con un paziente vitale, si spera non terminale nel sedile accanto a lei, un piccolo cerchio che ruotava minacciosamente mentre si mordicchiava il labbro scuro.

Era a causa della sua velocità che Alex era riuscito solo a fare una rapida perlustrazione del suo appartamento quando aveva sentito bussare alla sua porta in modo poco educato, alzando le sopracciglia a un orologio sul muro mentre notava quanto velocemente era arrivata qui. Si avvicinò alla porta e controllò brevemente lo spioncino, confermando che era Ayesha prima di aprire la porta.

"Ayesha, è stato veloce, io-.." Sbatté le palpebre mentre lei gli metteva un laptop tra le mani, la donna più alta in piedi sopra di lui, entrambi condividevano un momento mentre si valutavano l'un l'altro.

Stava in piedi alta e scura alla luce del suo appartamento, il suo abito da ufficio di solito immacolato trasandato, i suoi lunghi capelli neri più che un po' arruffati e privi della solita coda di cavallo.

Anche lui sembrava lontano dal solito ambito della pulizia professionale che si sforzava di mantenere in presenza di lei, i capelli scompigliati dal cuscino, gli occhi appesantiti dal sonno e nella sua fretta di cancellare le cose, semplicemente indossando un paio di semplici boxer grigi , mostrando il suo corpo snello e la calda pelle bianca.

Anche nello stato di privazione del sonno di Alex, aveva imparato a conoscere bene Ayesha. “..C'è una bottiglia di whisky sul mobile, bicchieri sopra. Lascia questo con me." annuì, cercando di sorridere in modo rassicurante e fu ricompensato con un sorriso di sollievo proprio di Ayesha, esausto ma grato.

La guardò ritirarsi nella sua cucina, i suoi occhi incollarono momentaneamente i fianchi larghi di Ayesha ondeggiando il suo grosso culo in modo seducente verso di lui mentre camminava, una mano che le passava tra i capelli mentre emetteva un lungo sospiro. h

Abbassò lo sguardo sul portatile che aveva in mano, mordendosi il labbro mentre osservava il piccolo cerchio. Si spostò per sedersi sul divano, sistemando comodamente le gambe sotto di sé, ancora solo nei suoi boxer grigi ma non troppo infastidito da ciò, sapeva che non lo sarebbe stato.

Ayesha entrò in cucina e si appoggiò al bancone, fissando la bottiglia di whisky mentre cercava di raccogliere i pensieri e calmare le sue ansie. Il suo laptop era nelle mani capaci di Alex, non l'aveva ancora delusa e lei aveva fiducia in lui.

Prese un bicchiere e se ne versò una buona dose, tracannandolo prima di versarne un altro.

In effetti, se non fosse riuscito a recuperare il file, era sicura che non sarebbe stato recuperabile. Non è colpa sua, né di lei, tranne che per aver dimenticato di salvare il file. Sarebbe stato solo da attribuire a un incidente molto sfortunato, uno che, senza dubbio, avrebbe pagato nelle prossime settimane al lavoro. Ma questo era il lavoro a volte. E anche nella peggiore delle ipotesi, avrebbe avuto Alex al suo fianco, aiutandola a uscire dal buco in cui si era scavata.

Dato che quel pensiero l'ha aiutata a rilassarsi, ha colto l'occasione, bevendo un sorso più delicato dal whisky questa volta, notando in realtà i sapori e le spezie invece di buttarlo indietro, per osservare la casa di Alex ora la sua attenzione è stata liberata dal panico di prenderla laptop a lui, scoprendosi innatamente curiosa di lui e di come viveva al di fuori del lavoro.

Era francamente, stordita. Si aspettava un appartamento da scapolo data la sua giovane età e il suo status di single. Ma con sua sorpresa, la cucina della sua assistente personale era piuttosto immacolata. Avrebbe sospettato, in circostanze diverse, che se lui fosse stato a conoscenza del suo arrivo, avrebbe pulito a fondo l'intero appartamento a suo vantaggio, ma era arrivata con poco o nessun preavviso. I piatti erano puliti, le superfici immacolate, tutto era splendidamente decorato con una bella gamma di colori pastello che si completavano a vicenda.

Ingoiando un altro sorso di whisky si spostò verso il frigorifero alto, la sua curiosità ancora la guidava mentre lo apriva, guardando dentro.

Era completamente rifornito, e non solo con pasti e spuntini per microonde come i suoi, no, prodotti genuini. Carni, latticini, frutta e verdura.

A giudicare da un paio di scatole di avanzi che lei aveva spiato, sembrava più che capace di cucinare con il miscuglio di ingredienti. Alzò le sopracciglia sbirciando all'interno di una delle scatole rivelando una selezione di biscotti. Sembrava che anche lui avesse cotto, niente di meno.

L'immagine dell'Alex che aveva in testa, il giovane modesto, gentile e ben presentato al lavoro che pensava vivesse di cibo da asporto e trascorresse serate abbuffate su Netflix e navigando sul web si stava tranquillamente trasformando nella sua mente in qualcosa di completamente diverso.

Stringendo le labbra chiuse il frigo e rabboccò il bicchiere, tornando nel soggiorno di lui e con un altro profondo sospiro si sedette su una delle sedie, il telaio scricchiolò leggermente, ricordandole, con suo disappunto, che la sua dieta era non sta andando bene come aveva sperato, come non è mai andata.

Non distolse lo sguardo dal suo laptop quando lei entrò, la sua fronte leggermente corrugata mentre lavorava sulla macchina, dandole l'opportunità di rilassarsi sulla sedia, godersi il suo whisky e guardarlo di nuovo sotto questa nuova luce.

Aveva spesso respinto il suo aspetto, era pulito, ben presentato e professionale al lavoro, come si sarebbe aspettata da un assistente personale, ma vedendolo com'era ora poteva vedere che quelle radici erano molto più profonde.

Le sue unghie, per esempio, erano sempre pulite, tagliate e curate, come lei si sarebbe aspettata. Tuttavia, poteva vedere anche che lo erano le sue unghie dei piedi, il che implicava che non le maneggiava come parte della sua uniforme o per il beneficio di qualcun altro oltre al suo.

Era, come sempre, ben rasato, di nuovo come lei si sarebbe aspettata da un assistente personale. Ma erano le undici di sera. A meno che non si fosse rasato prima di andare a letto, cosa di cui dubitava, immaginava che semplicemente non gli crescesse la barba. Notò da quello che poteva vedere, che anche il resto del suo corpo era senza peli, dando al suo corpo snello un aspetto più femminile.

Si accigliò un po' ai propri pensieri. Era attratta dalle donne, questo lo sapeva per certo. Ma cosa c'era esattamente nelle donne che l'attraeva? Mentre si sedeva lì, cullando il suo whisky e guardandolo, si rese conto che molti degli aspetti che cercava in un partner erano presenti in Alex.

Il suo corpo, mentre il petto piatto, i fianchi stretti e il basso di qualsiasi cosa lei potesse descrivere come un bottino, era snello e liscio con una pelle impeccabile, il suo viso mentre sfoggiava alcuni aspetti maschili era comunque attraente, con i suoi occhi luminosi, i capelli chiari e le labbra carnose.

Sorseggiò il suo whisky. Era carino, si prendeva cura di lei e poteva chiaramente prendersi cura di se stesso.

Abbassò lo sguardo sui colori caldi del miele del suo whisky, osservandolo con sospetto. Le ultime due volte che aveva bevuto in compagnia del suo assistente personale aveva perso un margine di controllo e, alla fine, aveva perso entrambi gli assistente personale a causa delle sue azioni successive.

Si chiese se fosse tutto questo, l'alcol che l'aveva di nuovo alimentata per fare delle mosse su qualcuno che di solito non avrebbe fatto. Lei lo guardò ancora una volta e si ritrovò a fissarlo, i suoi pensieri erano in conflitto. Era un lui, ma guardando oltre, vide qualcosa che le piaceva.

Dopo alcuni minuti sentì un'alzarsi di un altro tipo, schiarendosi la gola un po' goffamente per rompere il loro silenzio, "Ehm... posso usare il bagno?" chiese, guardandolo in alto e di traverso, seduto con le gambe piegate sotto di lui, una posa particolarmente femminile che notò.

"Oh um, seconda porta a sinistra." Disse, indicando la direzione con un gesto educato della mano, senza alzare lo sguardo dal suo schermo.

Lei annuì e posò il whisky, alzandosi e muovendosi come le aveva indicato.

Entrò in bagno e chiuse a chiave la porta dietro di sé, sollevando il sedile verso il suo water e liberando il membro flaccido, sollevandolo con una mano e iniziò a liberarsi.

Si guardò intorno mentre lo faceva, sperando in ulteriori indizi su chi sembrava essere un metrosessuale in erba.

Aveva un'intera gamma di saponi, la maggior parte dei quali sfoggiava titoli decisamente fruttati e lei notò che non aveva mai notato che indossasse alcun tipo di colonia o dopobarba, rafforzando ulteriormente la sua teoria che non aveva bisogno di radersi.

Il bagno e la doccia avevano la tenda tirata indietro, oscurandola e lei scoprì che la sua curiosità aumentava di nuovo, chiedendosi se anche lui avrebbe avuto delle bombe da bagno, o forse una fila di candele profumate lungo il muro.

Finì di alleviare se stessa e si rimboccò, tirando lo sciacquone per mascherare il suono di lei che tirava indietro la tenda della doccia.

Ayesha sbatté le palpebre. Congelata dalla sorpresa, le sue labbra carnose si increspano mentre le sue sopracciglia si alzavano.

Si era aspettata alcune cose, ma non si era aspettata che un rubinetto di silicone fosse attaccato a una ventosa al muro, un oggetto che nella rapida scansione di Alex non era riuscito a ricordare era bloccato al suo posto. Con disinvoltura e senza commentare o anche solo pensare, riportò la tenda della doccia dov'era prima, lavandosi le mani e uscendo dal bagno.

Alex alzò lo sguardo mentre Ayesha tornava dal bagno, sedendosi al suo posto e guardandolo. La sua espressione era difficile da leggere, sembrava un mix inebriante di molte emozioni, cercò di farle un altro sorriso rassicurante ma la sua espressione rimase invariata.

Continuò a fissarlo anche se lui tornò a guardare il suo laptop, cercando, ancora una volta, di capire cosa fare di lui da quando la sua seconda illusione di chi fosse era stata distrutta.

Lo osservò per diversi minuti, mentre la sua mente rimuginava su tutte le informazioni che aveva raccolto su di lui. I suoi manierismi, la sua presentazione, il suo stile di vita, le sue azioni, pose, scelte di parole. Adesso si stava formando un'immagine più completa di lui nella sua mente.

"Nuovi pantaloncini?" Ha chiesto, casualmente.

Alzò lo sguardo, sorpreso non solo di sentirla fare conversazione, ma anche dell'inizio che apparentemente aveva deciso di fare.

“Ehm... sì. Prima volta in corso.”

Lo guardò chiaramente, vedendolo ora per quello che era. Si sporse in avanti, appoggiando i gomiti sulle ginocchia, assumendo una posizione quasi aziendale. Ora sapeva chi era Alex e ora sapeva cosa voleva. Dopotutto, non era arrivata dov'era lasciandosi sfuggire delle opportunità tra le dita.

"Immagino che di solito indossi biancheria intima da donna, giusto?" chiese lei, leggermente.

Si fermò nel suo lavoro, guardandola con gli occhi spalancati, come un cervo catturato dai fari. Poteva vederlo mentre cercava di valutarla, cercando di capire se stava solo scherzando.

"IO.."

"Lo fai però, vero?" insistette, non avendo tempo per le scuse che era sicura che stesse inventando.

Arrossì di colore, imbarazzo e vergogna. Tutta la risposta di cui aveva bisogno, davvero.

"Eccellente." Disse, sembrando sollevata mentre si appoggiava allo schienale della sedia, adottando una posa rilassata.

"C-cosa?" L'espressione confusa sul suo viso mentre parlava la fece sorridere.

"Eccellente!" ripeté: "Per un secondo mi sono preoccupata di iniziare a innamorarmi di un vero uomo". Sorrise, finendo il whisky e posando il bicchiere vuoto.

"Io... penso di aver bisogno che tu spieghi cosa intendi.." rispose Alex, con un'aria più che smarrita, il suo imbarazzo, confusione e vergogna evidenziati dalla sua espressione, posa e voce. Di certo non era un giocatore di poker.

Gli sorrise, calda e genuina, i suoi occhi luminosi. “Lascia che ti porti fuori a cena, domani sera. Io e te, non lavoriamo, solo... noi.”

"D-da dove viene questo?" Il suo sguardo di stupore fece allargare il suo sorriso.

"Non sei interessato?"

"Certo che lo sono!" Disse, poi si schiarì la gola, cercando di frenare la sua ansia, un rossore che si insinuava sulle sue guance, "Err, lo sono, sì, ma.. Perché?"

“Mi capisci. Sai? Non intendo solo al lavoro, non stai solo facendo il lavoro che ti sto dicendo.. Se ho un rapporto difficile, non solo mi aiuterai come puoi con esso, ma mi porterai me un drink, mi farai sorridere per mantenere il mio umore. Mi farai sentire meglio al riguardo, e me stesso. Questo e non riesco a convincere le persone a guardarmi come fai tu".

Si morse il labbro, guardandola, sembrava più spettinata di quanto non lo fosse spesso, certo, ma era Ayesha. Alto, scuro, bello.

“Come faccio io?..” chiese, incerto.

"Come se volessi vedermi senza i miei vestiti." ha preso in giro.

Il suo rossore si fece più profondo, ma la confusione ancora dominava la sua espressione "Pensavo che fossi.. Sai?.." Chiese, esitante, ma fu accolto solo dal silenzio, costringendolo a continuare, "Beh, lo sai.. Una lesbica".

Ha fatto una piccola risata, "Immagino che non sia un segreto con il mio disco eh.. Beh, la sessualità non è in bianco e nero. Tu più di tutte le persone dovresti saperlo.. E sono sicuro che posso ancora essere una lesbica, una specie di, dal momento che in fondo vuoi essere una donna. " disse, era sicura di avere ragione, ma era comunque una scommessa.

"C-cosa diavolo te lo fa pensare." chiese, sulla difensiva, vergognandosi.

Lei strinse le labbra e assunse un tono gentile, “Solo una combinazione di tante piccole cose.. Sai, come vivi, come ti vesti, come ti comporti, come ti presenti. Sembri godere della femminilità ed evitare il maschile”.

"Potrebbe significare qualsiasi cosa, potrei semplicemente voler mantenere le cose pulite e ordinate", ha protestato. "Potrei essere completamente etero!"

"Poi c'è il dildo attaccato alla parete della doccia.." lo guardò con un sorrisetto scherzoso.

“.....Oh.. beh.. io”

"Sì. Oh." Lei rise.

Rimase in silenzio per alcuni lunghi istanti, cercando di trovare un modo per negare tutto, per salvarsi, ma non ne vide nessuno. Tutto quello che aveva detto era vero e dalla sua espressione sicura, lo sapeva.

Cercò invece di rielaborare le cose nella sua testa, cercò di capire la complessità di una relazione con Ayesha. La trovava attraente e adorava ogni suo capriccio, questo era in un certo senso un sogno diventato realtà per lui, ma non poteva fare a meno di metterlo in discussione. Non avrebbe mai potuto fornirle la donna che desiderava sessualmente e sapeva che non poteva fornirgli la parte che desiderava sessualmente. Non avrebbero potuto essere più incompatibili in questo senso. Ma lei lo voleva lo stesso. E non poteva lasciarselo sfuggire.

"Non sei scoraggiato da... tutte quelle cose che hai appena detto?" chiese esitante.

Scosse la testa: "Il contrario, significa che sono interessata". ha detto, il che è servito solo a confonderlo ulteriormente, "Penso che ci sia una vera opportunità tra me e te. Quindi che ne dici? Vuoi uscire con il tuo capo?"

Ne inghiottì un po' e annuì, formando un sorriso genuino, anche se incerto. "Sì, sì, se mi vuoi."

Si guardarono l'un l'altro per alcuni lunghi istanti, incerti su come procedere.

“Oh,” si morse il labbro e chiuse il portatile, porgendoglielo. "Ho ricevuto il file, te l'ho inviato tramite e-mail e ho eseguito il backup di una copia."

Ayesha fece un largo sorriso allora, quella sera era stata impeccabile, "Beh, se questa non è la seconda migliore notizia che ho sentito tutto il giorno."

*****

Estratto tre del diario:

“Alex si è davvero aperto con me nelle ultime settimane dal nostro primo fatidico appuntamento. Era così carino, così timido e riservato, che si guardava intorno per tutta la sera come un suricato come se fossimo scoperti da un momento all'altro. Qualche altro appuntamento e molti altri incontri dentro e fuori dal lavoro e lui è quasi diventato la mia ombra, rimanendo al mio fianco tutto il giorno al lavoro e dimorando tra le mie braccia tutta la notte. Avrei pensato che si sarebbe stufato di me, del mio atteggiamento e della mancanza di qualsiasi cosa fisica al di fuori delle coccole, ma sembra solo sempre più attaccato a me ogni giorno che passa. So che la mancanza di sesso lo infastidisce. È stato molto aperto e onesto riguardo ai suoi desideri e fantasie, arrivando al punto di parlare di strap-on e della sua volontà di farmi piacere nel miglior modo possibile, ma continuo a rimandare. Non sa ancora nemmeno la verità su di me, qualcosa che ho davvero faticato a nascondere. Voglio fare così tanto con lui, ma prima di potergli far capire cosa sono veramente, devo aiutarlo a capire cosa è veramente".

*****

Come spesso faceva Alex sedeva rannicchiato sul lussuoso divano costoso della casa di Ayesha, la testa appoggiata sulla pienezza del suo petto mentre la coccolava, un braccio drappeggiato sul suo stomaco, godendosi la morbidezza della sua forma sotto di lui mentre lo accarezzava attraverso i suoi vestiti con una mano oziosa, i due si godono uno spettacolo su Netflix dopo aver appena finito tra loro un delizioso pasto che Alex aveva preparato nella casa ormai immacolata di Ayesha.

Era stata incredibilmente ansiosa la prima volta che era venuto, preoccupata che sarebbe stato scoraggiato da come aveva vissuto, con mucchietti di disordine, piatti sempre da fare, un flusso apparentemente costante di scatole da asporto che passavano attraverso la porta, ma si era appena sistemato in modo naturale, la sua casa si era trasformata dall'appartamento da scapolo che aveva pensato che il suo sarebbe sembrato alla casa immacolata e ben presentata che si era aspettato da lei.

"Sai.." disse dolcemente, stringendolo leggermente, "Ci stavo pensando.."

“Uh oh..” fece un sorrisetto, sporgendosi e baciandola sulle labbra, dolce e gentile, amorevole. "Dovrei essere preoccupato?"

Lei lo baciò a sua volta, godendosi il breve momento intimo mentre sorrideva, "Oh haha ​​.. Seriamente però, l'ho fatto, su di noi."

"Mm?"

"Hai notato di essere cambiato in queste ultime settimane?" chiese lei, curiosa.

"No?" inclinò la testa.

"Solo il modo in cui ti comporti, il modo in cui ti comporti."

Scosse la testa, ovviamente ignaro.

“Quando siamo solo io e te, soprattutto a casa, ti comporti... beh... come una ragazza. Più dolcemente parlato, più risatine, più ondeggiamento nel tuo passo.

Scrollò leggermente le spalle, guardandola. "Quando siamo solo io, te e io possiamo essere di più.. io."

"Quindi quando siamo al lavoro, chi sei?"

Scrollò di nuovo le spalle, distogliendo lo sguardo, "Chi devo essere per non avere sguardi strani, suppongo."

Si morse il labbro e inclinò la testa di lui per guardarla di nuovo, "Non mi piace. Voglio che tu sia quello che sei, tutto il tempo".

Scosse la testa, con aria un po' rassegnata. “Non posso, lo sai. Le persone al lavoro mi giudicherebbero, i miei amici mi lascerebbero se... lo facessi".

“Se i tuoi amici ti hanno lasciato per quello che sei veramente, allora non erano davvero tuoi amici, vero? E non preoccuparti per le persone che lavorano. Posso provvedere a questo."

"Voglio dire.. Ma ancora non potevo." lui sospiro.

"Come mai?"

Non ha risposto.

“Sii la mia ragazza, Alex. Dimentica quello che voglio, sai che è quello che vuoi."

Continuò a non rispondere, il suo sguardo distante.

“What's wrong?..” she asked gently, her hand caressing him reassuringly, biting her full lip as she noticed a tear on his face.

“You know I want to... But I just can't...” He said, voice tiny, “I can’t just take that first step, I’ve been trying all my life.. But..” he shook his head, tears falling to his shirt as he tried to control himself, “But every time I think I can, I get too scared, I back off, I just.. Just push it back deep down inside of me.” he said, releasing a shaky sigh, feeling the tears fall down his cheeks as he spoke, “I can’t live my life as a woman…”

“Don’t push it down anymore Alex. Don’t you see how much happier you are when you’re not pretending to be someone you aren’t? Just, be who you want to be. Isn’t it that easy?” She said, voice soft.

He sniffed some, using the back of his hand to wipe at his reddened eyes, letting out a despairing little laugh. “That's easy for you to say, being normal..”

She bit her lip a little. She could’ve revealed herself now, used her tool as a tool to sway his judgement, but she wanted him to take this step for himself, not for her.

“Alex.. You’ve done so much for me, so, so much. You’ve made me realise there's a life outside of work worth living, and I want to live that with you. The real you. The giggly, hip-swaying doting girl you know you really are…” she explained, looking down at him with a warm gaze.

He looked up at her, the conflict obvious, his voice shaky and broken, “I.. I’m scared to, Ayesha.”

She smiled and gave him a soft squeeze, her arm around him now, holding him to her curvy form. “I know you are.. But I promise, swear even, that I’ll be here for you. I’ll help you every step of the way, you can become who you really are and you can do it as my girlfriend.” she bit her lip, feeling her own heart strings pulling a little, “Let me spend my life with you, Alexis.”

He swallowed some and remained silent for several long, tense moments, looking up into her dark eyes, searchingly.

Finally, he looked down, his cheeks blushing gently and he shook his head.

Ayesha felt her heart sink, he mustn't be ready yet, she thought.

“Not Alexis... Alexa.. I think it’s prettier.. Suits me a little better, don't… Don't you think?” he said, softly.

She felt her heart skip a beat and her expression warmed significantly, her arms tightening around him.

“I love it.. And I love you, Alexa.”

Alexa blushed brightly and pressed his face to Ayesha’s bust, holding her tight and squeezing as she hugged him tightly. “I love you too.”

Ayesha smiled and held him close, caressing his hair lightly, holding him comfortingly to her body. “So what do you want to do first?..” Ayesha asked, querying.

“I.. I don't know where I should start. Could… Could you show me?” He asked, looking up.

Ayesha pursed her lips some as she thought, “Mm… Short term? Tomorrow we’ll get you a makeover.. New wardrobe, new hairstyle, makeup, shoes..” she grinned, excitement growing, “Long term, hormones.. We’ll talk about that soon enough.”

Alexa nodded softly, smiling some, while the worry of the changes to come was still written across his face, Ayesha knew with her by his side, he would be committed to the path that now lay before him.

*****

Diary Except Four:

“His first makeover couldn’t have gone any better, I think. Not only did it make him look simply stunning, but it gave him his first day out in the world as Alexa. I gave him the day off of work and had him picked up by an image consultant I had worked with early in my career whom I had stayed in contact with. I consider her to be a close and personal friend and I knew she would be the one to help Alexa remove the cracked mask of masculinity he was so used to wearing. I knew that by the time I returned home that evening from work the real Alexa would be waiting for me and I knew he would be anxious. I assumed it would be a difficult moment, that he would be flighty, afraid even and looking for excuses to backtrack, how wrong I was. I had wanted to show him that embracing who he was would be rewarded, and I knew how to reward him, with a gift he didn’t know I could give. While he didn’t need that persuading, it hadn’t stopped me from sharing.”

*****

Ayesha bit her lip as she fumbled with the keys in the lock of her door, she had had a difficult day at work without her PA on hand, evidence of her absolute reliance on her beloved partner, but it had been made all the worse by the impatience permeating her every thought.

She knew that when she got home Alexa would be there for her for the first time. She had received texts throughout the day from her friend, reporting on his progress, asking Ayesha to text Alexa little snippets of encouragement whenever the consultant felt it was needed.

Ayesha took a deep breath and pushed open the door to her home, stepping inside and looking around. She was met with a light but pleasant air of perfume that floated through her apartment, a new scent she didn’t recognise but that instantly got her attention.

While the absence of sex between the two of them had been the only point of tension in an otherwise perfect relationship, If the last message she had received from her friend was anything to go off of, ‘So perfect’, all that would change tonight.

“Alexa? Love?” she asked as she looked around her home, feeling butterflies in her stomach at the expectation, despite asking her friend a few times throughout the day for pictures displaying Alexa’s transformation as it happened, none had been forthcoming, her friend believing it would be best if she just saw the end result in person.

“Um.. Hi..”

Ayesha turned towards the bedroom, her eyes going wide as her heart skipped a beat, standing in the doorway before her was an image of her dreams given form, the person she had grown to love combined with the look of the women of her fantasies.

Standing in the doorway, a little anxious as he leaned against the frame stood Alexa, her Alexa, but like she had never seen him before, a true trap.

Ayesha had expected her friend to have accentuated Alexa’s femininity with clothing, but he wore only a simple pale pink silken negligee, it served to make him look smaller and weaker than he was, more vulnerable. The fragile look certainly did the trick, seeming to make him look all the softer and more girlish.

The major changes were elsewhere, he had the most flawless and complimentary makeup on that Ayesha had ever seen, drawing attention away from the more masculine edges the shape of his face had to offer and towards his more womanly aspects. His lips, for example, were a bright, ruby red, a gorgeous shade that stood out on his otherwise light skin.

His hair too had been lengthened, it was still the lovely light blonde that Aye loved and she couldn’t tell whether it was a wig or extensions, but either way, it was simply divine, shoulder length and full of bounce, framing his face and falling about his cheeks in an attractive way.

The most noticeable change, however, was Alexa’s demeanour. Despite his anxiety and fears, everything about her body language screamed femininity. His stance showing off his hips, one arm up against the door, an expression of desire across his features, where Ayesha had expected Alexa to have spent the day clothes shopping it seemed he had spent most of it being tutored on the art of being a woman.

Ayesha swallowed, staring thoughtlessly for a few long moments and knew tonight would be the first night of their true future together. This was the person she loved and by the end of the night they would both know who they really were underneath all the pretending.

Alexa must’ve recognised something in Ayesha’s expression, some hint that things had changed, he had never been pushy towards Ayesha, but he knew everything was different now.

He tilted his head and smirked a little, playful even as he blushed, “..Wanna fuck?..”

Ayesha blinked and nodded, stepping forward towards Alexa and circling her hands around the smaller boys body, tracing her fingertips across the warm silk of his lingerie as she leaned into kiss him, warm and passionate, their bodies pressing together as Alexa felt the taller woman's breasts and curves, warm full and enticing against him.

“Come on..” Ayesha said, taking Alexa by the hand. “You’ve shown me you.. It’s time I show you the real me..”

Alexa bit his lip, heart racing as he was pulled into the bedroom alongside Ayesha, looking up at her with a curious expression.

“The real you?..” Alexa asked, tentative.

“Mmhm..”

Ayesha smirked some as they stood before the base of her bed, her back to it and Alexa before her. “Undress me..” she said, simply.

Alexa bit his lip but nodded, excited and curious as he stepped forward, helping Ayesha shrug her jacket off and began to unbutton her white shirt, revealing more and more of the woman's dark skin, her full breasts pressed together and up by her half cup bra, the softness of her orbs spilling out over the top as they were freed from the shirt.

Ayesha smirked as Alexa helped her off with her shirt and got to work on the front of her pants, already Ayesha could feel her own arousal. Something she had spent so long denying and forcing back, to hide the truth from Alexa, would finally be not only set free but, she was sure, sated, at last.

Alexa’s brow furrowed as she worked on the belt, hook and zip of Ayesha’s work pants, feeling the bulge and clearly, judging by his expression, not figuring it out, as his hands worked, however, Ayesha knew he would discover the truth soon enough.

In anticipation of this very moment, before leaving the office, she had made her way to the bathrooms and removed her underwear, going commando. It wasn’t as comfortable, but it would, Ayesha knew, make for a more dramatic reveal.

Alexa bit his lip as he finally finished fighting the buttons, looking up at Ayesha with a questioning expression as he tugged the pants down eager and curious.

Everything Alexa had been waiting for was instantly rewarded as the thick, dark shaft all but sprang free of its confines, already hard, it all but fell into his hand causing him to gasp in surprise as the warmth hit him.

He instinctively closed his hand around the thick shaft but took a half step back just from the shock of it, his mouth agape as he stared down at her free member, in all its glory.

“O-oh my god.. You.. You have a..” He breathed, hardly able to believe it, unable to piece the full implications together in his mind.

“Didn’t I tell you we were perfect for each other?” She smirked slightly, taking a half step forward and reaching down, placing her hand on his, urging it back and forwards as she let her pants fall to the floor, making him stroke her hard cock, letting him feel and explore it.

“Your first one?” she asked, though she suspected from his expression she knew the answer.

He nodded, confirming her suspicions as he was quick to follow her physical instructions, his hand moving up and down her cock, stroking her steely length, eyes wide with wonder as he felt her, explored her.

“Kneel..” Ayesha said after a few moments had passed, biting her lip as she watched him, without hesitation, sink to his knees in an almost dreamlike trance, his eyes fixated on her length.

She released his hand, moving her hands to gently work over the soft curves of her own body, enjoying the sensation of being free from from the confines of her work clothes and further enjoying the knowledge that before her knelt the person she loved, who, at her reveal, wasn’t in the least put off. If anything, she knew, this only served to drive and multiply Alexa’s interests in her.

Alexa had never been shy about his fantasies and desires, there hadn’t been much point in that given that Ayesha had seen a thick dildo stuck to his shower wall the first time she had shown a returned interest in him. So Ayesha knew with a certainty that the reveal that she had a cock would be a massive boon for the two of them, the assumed barrier of sexual incompatibility he held melting between them in an instant.

Part of Ayesha wished, as she watched Alexa stroke and feel her cock, small delicate fingers tracing over her skin, feeling the texture, the warmth, the reality of it, that she had done this that first night, but that would’ve been too soon, it would’ve made, then Alex, just another victim of her prevailing arousal. By waiting she hadn’t just secured herself a gorgeous, long-term fucktoy, but a lover.

“What do you want me to do?..” He asked, blushing as he looked up at her, his uncertainty simply adorable as she caressed his hair.

“Take a wild guess sweetheart.” she said, a teasing edge to her tone as she smirked, caressing him.

He blushed and nodded understanding, from his position it couldn’t really have been made more obvious for him.

He leaned forward and raised her cock with one hand, leaning down under the hefty shaft to kiss at her dark, smooth balls, letting his tongue wash out from between red lips to glide over the cum-filled orbs.

They both moaned in unison at the action, her head tilting back at the pleasure of finally having him go to work on her, him at the lewdness of what he was doing, his tongue exploring every inch of her soon to be glistening nutsack, lifting each of the heavy orbs on his tongue, as if weighing them before kissing them, leaving red little lipstick marks on her ebony skin.

Slowly he began to kiss up her shaft, though one hand still tenderly caressed her balls, the boy had skills, he doubtless had enough practice on toys and she was curious to see how well that would translate into playing with the real thing.

As his tongue slid up under the sensitive head of her cock, his lips parting and her engorged tip sinking into the hot, wet heat of his mouth she bit her full lip. It translated well.

He closed his eyes and focused solely on the actions at hand, his mind a white haze of lust and desire as he set about sating so many of his own fantasies and wants, even as his own throbbing shaft went ignored, as he knew going forward, it often would. Their dynamic, after all, was not about the pleasure of his cock, but the pleasure of hers, and how he could fulfil its needs.

He started to bob his head on her cock, sucking as he moved, his full, lush and vibrant lips travelling along the increasingly wet length of her ebony shaft as he, for the first of many times to come, began to worship her length with his mouth, giving her his first blowjob.

“My god Alexa.. That feels so good.. You have no idea how long I waited for this..” she purred, biting her lip as she looked down over the full swell of her breasts and the curve of her body to watch as he went down on her, his hands resting in his lap, his little negligee tenting visibly, though he was so focused on her own cock she noticed he didn’t even seem to care that his own was neglected.

He looked up at her as he wrapped one hand around the base of her cock, stroking her off into his warm wet mouth, the tip of her cock help between his lips, doting on it with his eager tongue as he met her gaze. He wanted to impress her, wanted to help her realise just how good he would be to her in the coming days, months and he hoped, years.

He braced himself and took a deep breath, moving his hands across the smooth skin of her soft thighs to grope and squeeze at her thick, rear, enjoying the feeling of the doughy cheeks between his fingertips.

He leaned forward and pulled on her, feeling the hot, hard length of her cock completely fill his mouth and slide across his tongue, his lips stretching around her girth, but he refused to stop there.

Ayesha let out a gasp as she watched, in one long, slow movement he took her cock into his throat, she watched as his lips pressed down to the very base of her veiny shaft, hilting her hard member inside him entirely.

She couldn’t help but move her hands to grip his head, grinding her hips forward, feeling his face press into the softness of her curvy body and her heavy balls pressing into his chin as she felt his tongue, even depressed as it was by her thick pole filling him, lick out between his lips to probe at her balls.

She held him there, grinding into his face for a few long moments, lost in the pleasure of his actions until his squeezing hands, groping and fondling her thick ass began to pat against her, a universal sign that he was running low on precious air.

“You can’t breathe dick?..” she said, her voice heavy with amusement and lust as she held him for a few moments longer before releasing his head.

He leaned back and gasped, the gleaming cock popping free from his plush lips as he panted hard, recapturing his breath and giving her a naughty grin, triumphantly seeing a ring of red lipstick around the base of her cock, “A-ah.. I could.. Show you a trick.. Or two..” he panted softly.

She smirked playfully and helped him to his feet, capturing him in a hot, needy embrace, their bodies pressing together, her cock rubbing against his thigh as she caught him up in a kiss, her tongue delving into his mouth, tasting herself on him, but not caring.

They shared a deep, passionate kiss, his hands caressing over the thickness of her dark body as they made out, tongues dancing in unison before she broke the kiss, smirking playfully too.

“Mm.. I’m sure you could.. But with such a skillfully lubed cock like this is would be impolite not to make love to you..” She winked then turned, pulling him towards and past her, laying him gently down on the bed as she stood at the edge, hands moving around behind her to unhook her bra, tossing it aside.

Alexa bit his lip and swallowed, eying the full heavy breasts of his love with desire as they spilled free of the bra, each heavy orb proud and full on her chest, tipped by a darker, hard nipple. As he stared he scooted up the bed, giving her room to join him.

She didn’t need more invitation than that. Kicking the rest of her clothes free of her body she crawled forward onto the bed, her full breasts gliding up over the skin of his stomach as she moved over on top of him, his legs spreading for her.

She caught him in another kiss, one hand supporting her, holding herself up as the other gripped the base of her lipstick stained and spit coated cock, feeding it between his pale white cheeks, seeking her target.

Ayesha was keen and knew he wouldn’t need any prepping, given the toys he usually took, while he technically was a virgin, her size wouldn’t be a new barrier for them to face.

He moaned into the kiss as he felt the thick mushroom tip bump up against his star. He expected her to go slow, but the urgency and lust dominating her mind had given her other plans.

She leaned forward, resting more of her weight onto him as her cock spread his star, her slick length starting to fill him as his moans intensified, his back arching and his hands gripping the sheets of the bed as the pleasure filled him.

She broke the kiss, both their lips parted as they panted, each lost in the new sensations dominating their little worlds, Ayesha lost in the sensations of the beautiful deviant beneath her, accepting, and becoming with each passing day more and more her perfect woman, Alexa of the dominant, controlling and perfect Ayesha, his boss, his lover, his savior from the lie he had been living. It was so perfect for them both.

It might not have been new for Alexa, to have a thick shaft sliding deep into his little love hole, but having a dildo press into him was an entirely different, and an entirely inferior experience to having a real cock, attached to a real person fill him.

Ayesha spared no quarter as she urged her hips forward, not slowing her conquest until every last inch of her hungering shaft was buried to the hilt inside the squirming Alexa, their eyes meeting as they joined for the first time.

She held herself deep inside him, remaining still for a few long moments, experiencing the sensations of his body wrapped around her thick dark cock, squeezing and milking her with its tight heat.

Alexa, however, squirmed desperately, his heart hammering in her chest as he looked up at her, eyes half lidded, face flushed, his long blonde hair splayed across her pillows, his voice coming out soft but desperate, impatient, “P-please, fuck me?”

She panted softly, his words all the encouragement she needed. She bit her lip and moved to kneel between his legs, a dark hand on each of his soft milky thighs, gripping them as she looked down at him, still in his beautiful negligee, his own smaller cock hard against his stomach as she adjusted herself, starting to move herself forward and backward, gliding her huge shaft in and out of his boy-pussy.

“A-ah, ah, ah!” he started to gasp, the sensations not merely limited to his ass as had been with his dildos but to his whole body which bounced with each thrust, his whole world shaking as she started to fuck him.

She looked down at him, his expression one of unmistakable pleasure as she slammed her cock into him, again and again, her own full breasts bouncing and jiggling enticingly with each movement of her body.

They coupled together, their thoughts and concerns, anxieties and fantasies melting away as all rational thought deserted them, their actions being reduced solely to base instincts, each passing moment making their physicality more heated and frantic.

In a sudden shift she took his legs, pulling them up and over her shoulders, relying on his flexibility as she leaned forward, her heavy breasts grazing against his chest as her hands gripped his wrists, serving to both support her and pin him as she settled into a fast and frantic pace, the length of her ebony cock powering into and out of his ass as she fucked him, her full balls slapping time and time again into his raised ass as pleasure coursed through her body, beginning to rise and overwhelm her.

She wanted the experience to last, but it had been so long and the build up to great, no matter how much she wanted to hold back and make their first experience longer, she knew there would be many, many more such opportunities to come.

They stared into each other's eyes as her breath began to noticeably quicken, her thrusts becoming shorter, sharper and more desperate.

“A-alexa..” she gasped, her voice betraying just how close she was.

“P-please!” he begged between feminine gasps, not needing to expand, they both knew what he wanted, it was what they both wanted.

She grunted, beads of sweat forming on her skin as she hilted herself, grinding herself balls deep inside her lover's sweet ass as her cock throbbed and pulsed, the pleasure peaking and pushing her to the first of many orgasms with her darling Alexa.

They both gasped, lips locking in a hot and messy kiss as her cock pulsed, sending rope after rope of hot, sticky seed deep into his body.

He moaned into the kiss, feeling the sensations of a cock climax inside of him for the first time, Ayesha marking him as her own, and him knowing it was true. He took her cock and cum with glee, feeling for the first time in his life that he truly belonged.

She was the only person in the world for him, she would make him who he was destined to be, make Alexa into a reality. He would service and love her, take care of her as she would take care of him. Together, in their moment of shared ecstasy, they knew they completed one another.

She let his legs once more fall to the bed beside her so she could better lay on him, resting her soft body atop his as they kissed, her cock still pulsing inside of him, depositing every last drop of seed she had to offer.

Even as they reluctantly broke the kiss they didn’t speak, they didn’t need words, it had been perfect for them both and as Ayesha’s cock began to soften, their hands lovingly caressing one another she knew this was the beginning of the rest of their lives.

*****

Diary Except: Five

“It had been several months since my last entry and things couldn’t have been more different, or better. Alexa, my love had almost completed her transition, she still worked as my PA and, to mixed reactions from HR, was open about our ongoing relationship. While I still got involved in office scandals, it was no longer a case of HR receiving complaints of my sexual harassment, but more often than not, noise complaints coming from my office. I really should’ve invested sooner in a gag for Alexa, she was and is a very vocal lover, just because we were at work seldom meant we could keep our hands off one another. Even after all those months had passed our relationship was nothing short of absolute perfection.

*****

“You working on a report?” Came a soft feminine voice from the doorway and Ayesha looked up, smiling.

In the doorway stood her lover, her partner, her girlfriend. Alexa. Pale skinned, her long natural blonde hair was loose and curled, her makeup, as always, modest and on point, a soft smile on her girlish features as she stood clasping a clipboard in her delicate hands to her very real C-cup breasts, her perfect nails painted a beautiful red, her body more slender, but more showing at the hips.

“Sort of..” Ayesha admitted, looking at her latest diary entry, “I’m just writing some stuff down, for posterity sake, you know?”

Alexa nodded, clearly only half listening as she shut the door to the office behind her and casually clicked the lock shut, her high heels making a similar clicking as she walked over towards Ayesha, smirking a full lipped smile as she put her clipboard on the desk, her thumbs hooking up under her mini skirt to work a pair of black lace panties down her thighs, letting them drop to the floor, she eyed Ayesha with a smirk.

Ayesha bit her own lip and felt a very familiar swelling in pants. “Subtle as ever, love..”

Alexa smirked and unbuttoned the top few buttons on her shirt, letting her pale cleavage go on show for Ayesha, slowly moving to step around the desk, casually swinging a leg over Ayesha to straddle her, arms lacing gently around her lover's neck. “I know what you need before you do..” she replied, a sultry tone to her voice.

Ayesha grinned playfully, knowing Alexa was right, as always. “Well.. We best get to work then, hm? Time is money after all..”

Storie simili

Una vera seduzione

Il mio primo ragazzo è stato Jacob Mancuso, gli fottevamo in macchina oa volte stavamo da soli a casa sua ma non troppo spesso. La maggior parte delle volte lo facevamo nella parte posteriore della sua piccola Honda, dove era stretta e scomoda. Voglio dire, sembrava divertirsi più di me e la maggior parte delle volte dopo avermi imbrattato di sperma avevamo finito. Mi avrebbe fatto male il collo, ma gli ho detto quanto mi sentivo bene per poter andare a casa e stendermi sul letto e finire quello che aveva iniziato con le mie mani e un giocattolo per ragazze...

14 I più visti

Likes 0

Giacomo ed Ellie.

Ciao Questa è la mia prima storia quindi per favore lascia critiche costruttive... Era l'ultimo giorno delle vacanze estive e James era seduto nella sua classe di educazione sociale. Per dire qualcosa su James, è un ragazzo di 14 anni, 5 piedi e 9 con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Gioca a rugby e fa un po' di boxe, quindi è abbastanza muscoloso e ha un cazzo eccezionale da 7 pollici con un diametro di 2 pollici. Quindi James era seduto nella sua classe di educazione sociale mentre il suo insegnante divagava sulle vacanze estive e su come non...

492 I più visti

Likes 0

Miele in vendita parte 2

Miele in vendita 2 Stavo porgendo l'assegno a Jeb, ma non stava raggiungendo per prenderlo e ho iniziato a preoccuparmi che potesse recedere dall'accordo. Jeb si grattò le palle e si annusò le dita; l'odore deve aver incontrato la sua approvazione perché mi ha guardato, ha fatto rotolare il fiammifero in bocca dall'altra parte e ha detto. Ho un paio di stip-a-lations da aggiungere a questo accordo. Ha detto cercando di sembrare tutto avvocato. Che tipo di clausole? Lo guardai sospettoso. Bene, si fermò, prenderai la mia bambina e io non la vedrò almeno una volta al mese, perché mi mancherà...

684 I più visti

Likes 0

Quel capodanno speciale_(0)

Lucy e Stace saranno qui presto, vuoi da bere? disse Amanda Senza troppe esitazioni accettai e le presi un grande bicchiere di baileys, Amanda era bellissima, a dire il vero. Era di circa 5 4' ma dall'altezza aggiunta dei tacchi che indossava stasera sembrava un facile 5 8'. Indossava un vestito bianco corto che era per lo più trasparente ed era abbastanza corto da poter vedere chiaramente la sua biancheria intima che quella sera era un perizoma leopardato se si chinava. Era morta di capelli rossi che erano perfettamente acconciati e stavano sempre benissimo. Mentre bevevo un sorso della bevanda, qualcuno...

383 I più visti

Likes 0

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

658 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

464 I più visti

Likes 0

Un giro al supermercato

[b][/b] sei una donna sposata di 23 anni che è incinta di 7 mesi e fa la spesa. L'aspetto è capelli biondi leggermente arricciati, occhi azzurri, seno DD, altezza 1,5 m con una pancia incinta molto rotonda. Una blusa bianca abbottonata, una gonna a tubino nera e tacchi a spillo neri. le critiche sono molto ben accette, sii gentile a riguardo per favore e grazie! Comunque, divertiti! ;) Entri nel negozio di alimentari dopo una lunga giornata di lavoro in ufficio; sei stanca, ti fanno male i piedi e, cosa peggiore di tutte... i tuoi seni sono stati teneri e gonfi...

657 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

699 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

664 I più visti

Likes 0

Condivisione di Kate

Vuoi un altro drink? No, grazie amico, risposi con un gesto sprezzante della mano. Penso di aver finito per la notte. Oh andiamo! Ryan spronò. Non essere una figa! Ho solo riso e scosso la testa per la persistenza del mio amico. Bene, ho risposto con decisione. Ma solo se anche Kate ne ha uno. Ryan inclinò la testa in direzione della sua ragazza che era seduta sul divano accanto a me, le sue gambe tirate su sotto il suo corpo. La sua espressione rivelò il suo desiderio che tutti e tre continuassimo la nostra notte di bevute. Oooookay, disse Kate...

695 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.