Deep Crotch Mother - Capitolo 1

714Report
Deep Crotch Mother - Capitolo 1

"Mamma, riesci a capire cosa c'è che non va?" domandò il dodicenne Timmy come
sua madre si chinò sul paraurti della loro vecchia Ford e fissò il motore.
"Tranquillo!" disse la sorella gemella del ragazzo, Beth. "Lascia che la mamma pensi."

Marcella, sentendo l'avvicinarsi di un veicolo lungo la strada di campagna, si piegò un po'
più lontano e sollevò i fianchi. La brezza, che aveva soffiato attraverso il
prateria, si tuffò sotto la sua gonna leggera e la gonfiò sopra il sedere.

L'autista che si avvicinava ebbe una visione improvvisa e inaspettata delle sue generose natiche,
che imballava e dilatava il tessuto vaporoso delle sue mutandine color pastello. Le sue cosce
luccicava, pallido e liscio, sopra le calze con la giarrettiera. La gomma stridette.

Marcella dimenava il sedere, facendo oscillare le natiche nelle mutandine. IL
il nylon rosa luccicava alla luce del sole del tardo pomeriggio. La cucitura del cavallo dei suoi slip
premuto contro la lussureggiante morbidezza del suo culo.

Alla fine si tirò giù la gonna e si voltò verso il contadino nel suo furgone a sonagli
che si era fermato accanto a lei. I suoi occhi grigi scintillarono e gli venne un sorriso
al suo viso segnato dalle intemperie mentre guardava la bella donna sulla trentina. Lei
non si truccava, a parte un tocco di rossetto, e aveva un aspetto fresco e sano
qualità che contrastava con la sua figura voluttuosa. La brezza le agitava i capelli ramati
contro una guancia mentre sorrideva quasi timidamente.

"Mi sembra di avere qualche problema con la macchina", disse con voce dolce. "Mi chiedo ... "
Il contadino di mezza età si leccò le labbra sottili. “Vuoi che gli dia un'occhiata? Sono carina
bravo con i motori.

“Ah, lo faresti? Te ne sarei così grato!

"Sicuro. Fammi solo uscire dalla strada.

Ha guidato il suo camion fino a fermarsi sulla banchina davanti all'auto ferma, e lui
tornò indietro, una figura allampanata in salopette.

"Si è appena fermato", disse Marcella, e fece un'alzata di spalle. I grandi bulbi che si riempivano
la sua camicetta si muoveva in modo liquido, rendendo abbondantemente chiaro che non indossava reggiseno.
I suoi capezzoli paffuti si sono impressi sul semplice tessuto bianco.

"Vediamo ora..." disse il contadino, e si chinò a guardare il motore.

In piedi accanto a lui, anche Marcella si chinò in avanti. Il suo subdolo sguardo laterale colse il
bellezza tumultuoso dei suoi seni. Lei si contorse leggermente, provocando il suo tittyflesh
tremare.

Il contadino si schiarì la gola. Una rapida occhiata gli disse che i figli della donna lo erano
giocare sul retro dell'auto e che non c'era traffico in avvicinamento sulla strada.
Allungò una mano sotto la sua gonna e afferrò una manciata delle sue mutandine
metter il fondo a.

Si è comportata come se non fosse successo niente, tranne che c'era un leggero problema in lei
voce mentre chiedeva con voce rauca: "Puoi dire ... cosa c'è che non va?"

In piedi alla sua destra, le strinse la natica sinistra, le dita tese lungo
il suo fianco tremante mentre il suo pollice premeva il tessuto delle sue mutandine nella fessura di lei
culo. Marcella si contorse ancora di più, facendo vibrare il suo tumulo carnoso nella sua presa.
Con l'altra mano fingeva di armeggiare con il motore. Ma il suo cuore non c'era.
Il contadino cinquantacinquenne aveva un'erezione dura come il ferro, come non aveva goduto in
anni.

"Non riesco proprio a capire cosa c'è che non va", disse con voce rauca mentre giocherellava con il carburatore.
Le punte delle sue dita si arricciarono attorno all'elastico della gamba sinistra dei leggeri slip della donna,
e tese l'elastico verso di lui, facendo scivolare la mano dentro di lei
mutandine. Sentì il suo sedere morbido ed elastico, poi lasciò che le sue dita scivolassero sotto di lei
natiche paffute e nel suo inguine peloso. Le labbra della sua fica erano umide e flessibili.
Tuttavia si comportava come se lui non le stesse facendo niente, tranne che respirava
duro e continuando a dimenarsi.

Un suono raccontava di un'automobile in avvicinamento. Il contadino trascinava la sua fica inumidita
il dito medio a breve distanza dalla fessura stretta e profonda tra quello della donna
natiche satinate, e si concentrò sull'intrigante fossetta increspata che sentiva lì.
L'auto si avvicinò. Ormai troppo preso dalla lussuria per rinunciare al suo piano lascivo
o anche per ritardarlo finché la macchina non fosse passata, il libertino di campagna torceva il dito viscido
all'apertura proibita della donna e... pop! Su per il suo buco del culo caldo e stretto
sonda impetuosa scivolò.

"Ooooooo...!" Marcella gemette, e urtò il sedere contro il suo tuffarsi
dito, facendolo affondare ancora più a fondo nel suo culo.

L'auto piena di adolescenti che si stavano avvicinando ha visto la coppia chinarsi in avanti
il paraurti dell'auto ferma. I due ragazzi e i loro appuntamenti del sabato pomeriggio lo erano
incuriosito e guardato da vicino. Anche se si sono avvicinati all'auto ferma a quaranta miglia an
un'ora e rapidamente spazzato via, lo scorcio che hanno avuto dell'uomo in tuta e il
una donna giovane e ben fatta era congelata nelle loro menti e nei loro ricordi come un'istantanea:
La sua gonna sollevata dal braccio dell'uomo... le sue mutandine rosa di traverso, la sua mano dentro...
il dito tra le sue natiche, le mutandine erano state allungate abbastanza lateralmente
per rivelare il dito che affonda mentre si attorciglia, andando dritto su per il culo della signora!

Non lontano lungo la strada, i ragazzi si sono fermati in un boschetto di alberi stentati e
limonato, tutti e quattro insieme in macchina.

Nel frattempo, di nuovo sul ciglio dell'autostrada, Marcella ha storto il culo mentre il
il dito del contadino si avvitava nel suo orifizio deliziosamente stretto ed elastico. Il suo anello di gomma
si strinse il dito e si increspò sulle nocche mentre pompava dentro e fuori.
"Fuoco infernale!" disse infine, e le tolse il dito dal buco del culo con uno schiocco di risucchio.
Lasciò che le sue mutandine tornassero a posto e la sua gonna ricadde a coprirle. “Non posso aggiustare
questa tua macchina lampeggiante, ma ti porterò in città.

"Grazie mille!" Marcella ansimava. Il suo viso era arrossato.

"Sali in taxi con me e lascia che i bambini salgano sul retro del camion", ha detto, e
si affrettò verso il suo veicolo, tenendo la fronte rivolta dall'altra parte rispetto a lei e ai bambini in modo che
non vedrebbero la tenda con la sua tuta.

Si mise al volante e, mentre aspettava che Marcella lo raggiungesse,
si afferrò attraverso l'indumento largo e accarezzò felicemente il suo vibrante
osso, che lo fece sentire di nuovo giovane. Smise di accarezzare, ma aveva ancora un
splendida erezione quando la donna è salita sul taxi.

Mise nervosamente in moto il camion e le rivolse un sorriso macchiato di tabacco. "Voi
non sei di queste parti, vero? chiese.

"NO. I miei figli ed io siamo stati in cammino, alla ricerca di un segno del Signore”.
Il contadino ha fatto un doppio giro.

"Ora credo di avere il segno", ha aggiunto Marcella con un sorriso che sembrava emanare
dal suo essere più profondo. "Come si chiama la città poco più avanti?"

“Giunto Jasper. Non è proprio una città, però.»

"Va tutto bene. È dove il Signore vuole che io mi stabilisca. Altrimenti non l'avrebbe fatto
mi ha fermato la macchina”.

"Divertente, non ti ho immaginato per una donna religiosa", disse il contadino, e si dimenò
a disagio. La sua erezione persisteva.

“La religione è tutta la mia vita, Mister uuh...”

«Floyd Wilcox.»

“Sono Marcella Plummer, prima diaconessa della Chiesa del Santo e del Misterioso
Rivelazione. Il nostro fondatore e pastore, Thaddeus Polk, mi ha mandato alla ricerca di un sito
per una nuova Congregazione. Sarà felice di sapere che il Signore ne ha indicato uno
per me. Non è felice anche lei, signor Wilcox?» esclamò, e gli afferrò la coscia
attraverso la sua tuta.

Lui la guardò rapidamente.
Lei mantenne la sua presa, spingendola anche un po' su per la sua coscia, eppure comparve ancora
perfettamente innocente mentre sorrideva nel suo modo infantile e continuava a chiacchierare
la sua religione.

La sua evidente confusione non ha impedito a Floyd di approfittare di quello che sembrava
un invito a divertirsi di più con lei. Le fece scivolare la mano destra tra le gambe.
"Sì, Signore!" esclamò Marcella, chiudendo gli occhi mentre si contorceva.

Così eccitato che riusciva a malapena a mantenere il suo camion su una traiettoria rettilinea, si sentiva il contadino
il suo modo su le calze fino a raggiungere le sue cosce lisce e calde sopra il
cime giarrettiera del suo tubo. Allargò gradualmente le gambe, per concederglielo
maggiore accesso.

L'uccello di Floyd si infilò dritto nella sua tuta mentre accarezzava la fica della bella donna
attraverso i suoi eleganti pantaloni di seta.

“I miei figli e io abbiamo un disperato bisogno di un posto dove stare finché il nostro capo non arriva qui e se la cava
accordi per noi”, ha detto. “Pensi che tu e tua moglie... cioè, se
sei sposato, potresti vedere chiaramente la tua strada... per accoglierci? Ansimava calorosamente
a quel punto mentre si contorceva contro l'intima carezza del contadino.
"Fuoco infernale!" Floyd disse di nuovo, e allungò ancora una volta l'elastico sinistro delle sue mutandine,
questa volta lontano dalla sua fica.

"Oooh, nooo-non fuoco infernale!" si corresse appassionatamente. “È il potere del Signore!”
Stupito da ciò che stava ascoltando, ma ancora più impressionato da ciò che provava, Floyd
le solleticò le labbra pelose con il dito medio.

"Sssss!" sibilò caldamente, e gettò i fianchi in avanti con una torsione a cavatappi.
Il dito del contadino era intrappolato, non così stretto come il dito dell'altra mano
stato, ma abbastanza forte, mentre affondava profondamente nella sua umida, calda fica.
Marcella fece rimbalzare il sedere sul sedile del camion mentre lui gli accarezzava le arricciature verso l'alto
dito dentro e fuori dal suo canale scivoloso, attraverso la punta palpitante del suo clitoride. Dal
con la coda dell'occhio, abbassò lo sguardo e osservò l'ondeggiare del grande, cremoso
si gonfia all'interno della scollatura della sua camicetta di cotone.

«Vuole... accogliermi... signor Wilcox?» chiese senza fiato.

"Non lo so..." disse, respirando affannosamente. «Non c'è molto spazio.»

La mano di Marcella si spostò sul suo grembo e gli aprì la cerniera della tuta. Floyd ha lottato per mantenere il
camion sulla strada mentre tirava fuori dai pantaloni il suo pene eretto e fortemente venato
cominciò ad accarezzare la colonna pulsante nella curva del pollice e delle dita.

La sua mano era deliziosa mentre scivolava lentamente su e giù sul suo cazzo. Lei lo afferrò
l'asta abbastanza forte, e il suo prepuzio coriaceo si srotolò e rotolò di nuovo
attraverso la cresta e il rigonfiamento bulboso della sua corona. Ogni colpo di pompaggio, stringendo di
la sua mano amorevole gli dava ulteriore piacere, spingendolo verso l'apice della passione
che non raggiungeva da anni con la sua trasandata moglie.

L'immersione del suo dito ricurvo nella sua fessura aumentò di ritmo, e lei ottenne
slicker ad ogni colpo fino a quando non gli sembrò di infilare il dito in un
frutta fangosa e troppo matura che era stata riscaldata dal sole. Il suo contorcersi appassionato
le aveva sistemato la gonna alta in grembo, e lui lanciava occhiate furtive alle sue cosce lussureggianti che
erano semivestiti con calze velate. La sua pelle pallida era meravigliosamente seducente sopra il
calze marroni espanse. Reggicalze bianche premute contro la sua carne. IL
l'elastico della gamba delle sue mutandine rosa gli morse il polso mentre la sua mano si muoveva rapidamente
agitata, nascosta alla vista, allungando oscenamente le sue mutandine di seta mentre il suo dito si tuffava
su e giù dentro di lei.

Altrettanto stimolante per l'agricoltore di mezza età era la vista del proprio cazzo in piedi
con orgoglio nel cerchio della mano che pompa la donna. Le sue vene pulsavano di vitalità
che ricordava la sua giovinezza, e la sua testa di cazzo si gonfiava come un pomodoro maturo.

"Uuuuh!" gracchiò. "Sì! Continua a farlo!" implorò, temendo che si fermasse proprio
prima che arrivasse alla ricompensa.

Ma Marcella non si è fermata. Il suo pompaggio del suo cazzo è diventato ancora più veloce e più fervente,
a tempo con il suo giocherellare con la sua fica allagata.

Si dimenò freneticamente, gridando infine: "Ooooh, Gesù!" e la sua fica sembrava
sorseggia il dito del contadino.

Il cazzo di Floyd, teso con forza, si contrasse nella sua presa tenace. La sua manopola bulbosa
pulsava, mandando un geyser di denso sperma biancastro che schizzava oltre lo sterzo
colonna e su tutto il cruscotto del camion. La testa di cazzo vistosamente gonfia di Floyd
si gonfiò visibilmente ancora e ancora, sputando il prodotto della sua sovrastimolazione
palle.

Lui gemette, le sue mani sussultarono mentre si aggrappavano al volante, e il camion tornò indietro
e avanti attraverso la linea bianca dell'autostrada. Per fortuna non c'era altro traffico.
"Dannazione!" disse Floyd, trovando ancora ovviamente difficile credere a quello che era successo
gli accadde a ciel sereno in quel pigro pomeriggio d'estate.

"Non devi pronunciare il nome del Signore invano", ha ammonito Marcella in piena sincerità
ha infilato di nuovo l'organo sessuale del contadino nei suoi vestiti. "Dio è buono. Lui
ci rivela ciò che dobbiamo fare e ci guida nel compimento del nostro lavoro”.
Floyd si allacciò velocemente la patta e la fissò. «Volevi dire che vuoi trasferirti?
con me e mia moglie?"

"Oh, certo che l'ho fatto!"

"Va bene. Sarah potrebbe avere un attacco, ma credo di poterla gestire. Ma devo avvertirti, noi
non ha una casa molto grande. Sarà affollato.

“Io e i miei figli possiamo dormire nello stesso letto”, ha risposto Marcella.

“Eh? Perché, sono quasi adolescenti, vero?

«Sono gemelle di dodici anni», disse Marcella con orgoglio.

«Be', non è un po' troppo per un ragazzo e una ragazza che dormono insieme? O per un ragazzo
fare il bunker con sua madre?

"Sig. Wilcox, io e i miei figli siamo puri agli occhi del Signore”.

"Sì. Bene, cosa pensi che il Signore penserebbe di quello che tu ed io abbiamo appena fatto?
fatto?"

"Perché, voleva che lo facessimo!"

Floyd sbatté le palpebre. "Come fai a sapere?"

“Perché me l'ha detto. Sono in costante comunicazione con Lui”.

"Inferno di fuoco..." mormorò costernato il contadino.

Storie simili

La scommessa di Mac e Lisa

Sono Steve McKenzie, praticamente tutti mi chiamano Mac. Possiedo la mia impresa di costruzioni che ha fatto molto bene per me. A 45 anni posso godermi i frutti di 20 duri anni di costruzione di un’impresa. Sono un ragazzo piuttosto grande. Sono alto circa 6'2 260. Ho guadagnato metà della mia statura lavorando nell'edilizia per gran parte della mia vita e l'altra metà gareggiando come uomo forte dilettante. Ma ora che sono il capo e sono un po’ più grande, una buona parte della mia massa deriva dalle bistecche e dalle birre. Ho la testa calva e la barba folta con...

156 I più visti

Likes 0

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

1.3K I più visti

Likes 0

Usando Sara - Parte 2

Usando Sara parte 2. Dopo aver dormito il meglio che avevo dormito negli anni, mi sono svegliato più eccitato di ieri notte. Non riesco a smettere di pensare a ieri sera. Non riesco nemmeno a credere che mia moglie sia d'accordo. Non solo è andata d'accordo, ma sembra che le piaccia. Ho guardato e ho trovato mia moglie che dormiva ancora. Mi sono intrufolato nel seminterrato per controllare il mio nuovo giocattolo. L'ho trovata ancora legata al tavolo dove l'avevo lasciata, e sveglia. Ha iniziato a supplicare di essere lasciata andare. Povera Sara, non potevo lasciarla andare. Non volevo lasciarla andare...

1K I più visti

Likes 0

William e Ann Ch. 16

Guglielmo e Anna Capitolo 16 La scuola stava ricominciando dalle vacanze invernali quando Natalie disse ad Ann che aveva bisogno di vederla. Ann era ora incinta di 3 mesi e un leggero rigonfiamento era l'unica indicazione che stava partorendo un bambino. Sarebbe stato difficile dire che un bambino stava crescendo dentro di lei, ma nei corridoi della scuola, Ann e William andavano in giro come i tipici innamorati del liceo. Si tenevano per mano, si baciavano furtivamente quando potevano, si rannicchiavano persino nel parcheggio prima e dopo la scuola. È stato carino vedere questo grande ragazzo anziano così infatuato di questa...

552 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

2.1K I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

1.8K I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

1.5K I più visti

Likes 0

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Coin Operated Girl

Io sono il burattinaio Capitolo uno: Clock Work Girl Mi chiamo Damien, a questo punto avevo diciassette anni per un totale di dodici ore e finora faceva schifo. Forse diciassette anni fa solo schifo in generale, forse tutti quelli che ci sono stati saranno d'accordo con me. Voglio dire, sei ancora considerato troppo giovane per fare qualcosa di divertente, ma per l'amor del cazzo sei abbastanza vicino che non dovrebbe davvero importare. Dovevo comunque ascoltare i miei genitori (non che lo facessi comunque) non bere, non fumare (cosa che comunque facevo) e andare a scuola, che era quello che stavo facendo...

1.4K I più visti

Likes 0

La mia bestia introduzione

Molte persone possono trovare questo inquietante, ma ho una domanda per loro; L'hai provato? Questa è la mia storia di come sono stato introdotto per la prima volta nel mondo della bestialità. Crescere in una casa con un solo genitore significava che mia madre doveva fare due lavori per mantenere le bollette pagate, il che significava che ero a casa da solo la maggior parte del tempo. Ora non direi che ho vissuto in un brutto quartiere solo che non potresti mai stare attento. Allora, cosa ha ottenuto mia madre per tenere me e la casa al sicuro mentre lei era...

1.1K I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.