Punizione dell'adultera

1KReport
Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.***

Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né troppo piccoli né troppo grandi.

Jake Shaw, il marito di Miranda, era il suo opposto in tanti modi. Era costruito come l'uomo di un uomo. Alto e robusto, i muscoli si increspavano sul suo fisico duro come il ferro di 6'4. Di solito si poteva contare sul suo sedere stretto per far venire l'acquolina in bocca a Miranda, specialmente quando non indossava niente sotto la vita. Se Miranda era delicata, come fili di seta, allora Jake Shaw era tutto acciaio a tripla forgiatura. Sfoggiava una barba scura color fuliggine con una cicatrice a mezzaluna vicino alla parte inferiore della guancia sinistra, e in quel momento la stava fissando con quegli intensi occhi grigi.

Miranda era abituata a vedere quegli occhi grigi trasformarsi in argento liquido ogni volta che si voltavano nella sua direzione, ma non ora. No. Ed è stata tutta colpa sua.

Qualcosa di molto diverso bruciava in quegli occhi proprio ora. Rabbia. Tradimento. Rabbia.

"PER QUANTO?" La sua voce risuonò nel container come un giudice che grida un verdetto di colpevolezza.

Ha provato a rispondere ma non ci è riuscita. Riusciva a malapena a muoversi. La ragazza snella era completamente nuda. Le aveva tappato la bella bocca con un bavaglio a forma di gallo attaccato alla sua mascella. I suoi occhi imploranti non sembravano commuoverlo affatto. I ceppi intorno alle sue caviglie erano ancorati a grossi anelli di ferro attaccati al pavimento del container. Le hanno forzato le gambe divaricate, esponendo la sua fica impotente, allettante e ben rasata. Allo stesso tempo i suoi polsi incatenati furono sollevati da catene alte sopra la sua testa, ciascuna catena legata ad anelli di ferro posti lungo il soffitto del container.

"PLLSSS!"

Lasciatemi spiegare. Ti prego, Jake!

Era quello che voleva dire, ma ovviamente non poteva, non con quell'orribile bavaglio che le riempiva la bocca... e ora era troppo tardi. Il danno era stato fatto, ed era chiaramente penetrato nel cuore di quest'uomo che l'amava. O l'aveva amata?

Jake era nudo e in mano teneva una frusta a cinque code con manico intrecciato e punte intrecciate. Agitò pigramente la frusta avanti e indietro, pensieroso eppure ancora chiaramente infuriato.

"Da quanto tempo vai a letto con Matthew?"

Matteo, la sua guardia del corpo. Lei chiuse gli occhi. Il suo cuore sprofondò. Era esattamente quello che aveva temuto. Lui sapeva. Oh Dio…

"Diamo un'occhiata? Ti ricordo cosa hai fatto?" Prese un telecomando e guardò un piedistallo con sopra un monitor e un lettore Blu-ray. Premette un pulsante e lo schermo si animò.

Sullo sfondo apparve una suite d'albergo sontuosamente arredata. Un lussureggiante letto matrimoniale con lenzuola d'oro riempiva la maggior parte della stanza. Una splendida mora si è inginocchiata su quelle lenzuola dorate, sulle mani e sulle ginocchia mentre affrontava la telecamera nascosta. Era nuda, i suoi seni tremavano per la forza dell'uomo che aveva inserito il suo cazzo nel suo sesso caldo, scivoloso e più che volenteroso. Mentre l'uomo la scopava da dietro, la ragazza gemeva più forte. Il materasso si muoveva avanti e indietro per la forza del loro aggancio. I forti schiocchi continuavano ogni volta che l'inguine dell'uomo sbatteva contro il culo sexy della ragazza. L'uomo si allungò, prendendosi un seno mentre la scopava.

La ragazza squittì di lussuria. "Sì, piccola, scopati questa figa. OH Matthew, scopami la mia piccola figa cruda. Allunga la mia figa. Dammi un bambino! Oh dio! Oh cazzo! Scopami!"

Miranda chiuse gli occhi con una sensazione terribile mentre il video di lei e Matthew che facevano l'amore continuava a riprodursi davanti a lei. Jake ha disattivato l'audio. Ora si avvicinò a lei, sollevandole il mento con un dito. "Quell'immagine e quelle parole rimarranno impresse per sempre nel mio cervello, puttana. Per sempre."

Le lacrime balzarono momentaneamente negli occhi di suo marito. "Perché, Miranda? Perché?!" La domanda retorica aleggiava come angoscia nell'aria.

Ciò che rendeva tutto molto peggiore era che lei e Jake stavano cercando di avere un bambino da mesi. Il fatto che si stesse scopando un altro uomo senza protezione - disposta a tradire Jake - forse era quello che aveva spinto la rabbia di Jake oltre il limite. Era stata disposta a sovrapporre un livello di inganno all'altro, disposta a lasciare che Jake l'aiutasse a crescere un figlio che potrebbe non essere veramente suo.

Con uno sguardo spento, Jake slacciò il bavaglio e lo lasciò penzolare al collo di Miranda.

"Per favore Jake, non è quello che pensi!" farfugliò.

"OH?" Lo sguardo di Jake si offuscò ancora di più. All'improvviso fece scattare il polso ei tentacoli della frusta si scagliarono contro i coni flessibili di Miranda mentre lei gridava.

"AAYY!! Per favore Jake, fammi spiegare." Il suo bel viso si accartocciò per un momento. "Non volevo... io e Matthew stavamo solo l'uno con l'altro mentre tu eri in viaggio d'affari. Come mia guardia del corpo, lui era sempre lì, sempre a vegliare su di me. Non era qualcosa che volevamo consapevolmente scelto di fare. È solo che gradualmente... è successo. Non ho mai voluto farti del male, Jake. Per favore, devi credermi!"

Ci fu un altro sonoro fruscio della frusta, e questa volta i cinque tentacoli sferzarono il suo sesso esposto.

"AAA!" Gridò mentre quei viticci mancavano a malapena il suo clitoride. Poi si avvicinò a lei, accarezzandole dolcemente il sesso. Per un breve, prezioso momento, le sue dita furono come un balsamo sulla sua figa, accarezzandole il nocciolo di gioia.

"E'... 'è appena successo' Miranda? È 'semplicemente successo' che stavi bene scopando Matthew senza preservativo, avendo suo figlio invece del mio? Anche quello non era pianificato? O semplicemente non ti importava nemmeno?" Jake si sporse in avanti e premette le sue labbra su quelle di Miranda, la sua lingua le esplorava la bocca in un lungo bacio ardente che lei ricambiò con un gemito. Improvvisamente si tirò indietro con un brivido.

"Ricordo quando darti piacere e gioia era l'unica cosa al mondo che contava di più per me, Miranda. E tu cosa hai fatto? Me l'hai rinfacciato. Ti sei scopato un altro uomo alle mie spalle." Si chinò, i suoi occhi terrificanti anche se le sue dita le strofinavano il sesso con ingannevole tenerezza. "Beh, indovina un po', piccola puttana? Ora avrai esattamente ciò che meriti."

Cosa si meritava? Cosa significava? I pensieri turbinavano e correvano nella sua mente mentre Jake si tirava indietro e picchiava il pugno sul lato del container. Entrarono cinque uomini vestiti di nero. Tutti e cinque iniziarono immediatamente a spogliarsi, lasciando i loro vestiti in un mucchio lungo il lato opposto del container finché non furono nudi. Erano tutti deliziosi esemplari della razza maschile.

"Sven, Radic, Viktor, Baen e Felipe, vorrei presentarvi la mia troia pugnalatrice di moglie, Miranda."

Gli occhi di Miranda si spalancarono quando vide i cinque uomini con i loro lunghi e grossi cazzi in piedi sull'attenti in semicerchio davanti a lei. Quattro degli uomini sembravano russi o dell'Europa orientale e Felipe era decisamente spagnolo. Sven era il più grosso del gruppo, con la sua testa rasata, i bicipiti spessi come il tronco d'albero e il suo cazzo gonfio doveva essere poco più di 10 pollici.

Baen aveva i capelli a spazzola ed era forse il più bello del gruppo, anche se non altrettanto muscoloso. Radic e Viktor avevano un aspetto decisamente slavo, con lineamenti robusti, e Felipe? Lo spagnolo aveva seducenti occhi castano-verdastri e un viso più spigoloso, la sua corporatura meno massiccia degli altri. Gli sguardi di tutti e cinque gli uomini accarezzarono la sua figura nuda con una fame che lasciò la bocca di Miranda completamente asciutta.

"Per favore, Jake. Non sei obbligato a farlo. Possiamo risolverlo. Jake, ti amo ancora. Sei mio marito! Jake, per favore!"

Jake fece un passo indietro, gli occhi ancora più freddi delle ceneri di un giorno. Indicò il materasso che era stato gettato nell'angolo più vicino del container. Accanto c'era un borsone chiuso.

"Ci sono un sacco di giocattoli sessuali nella borsa, signori. Viziatevi a spese di questa puttana. Assicuratevi che soffra. Voglio che venga scopata in tutti i suoi buchi. A parte questo, va bene tutto... e intendo letteralmente QUALSIASI COSA."

Sven, il leader con la testa rasata, venne verso di lei per primo. Si voltò verso Jake all'ultimo momento.

"Felice di accontentare signore, ma le dispiace se do un suggerimento?"

«Vai avanti», disse Jake.

"Nella mia esperienza ci sono poche cose più sensibili del seno di una ragazza sotto la sferza di una frusta. E ci sono poche cose più squisite del sentire una ragazza contorcersi con il tuo cazzo dentro." Indicò la frusta e poi fece scivolare lo sguardo sui seni di Miranda.

"Saresti così gentile da frustare questa troia mentre me la scopo?"

Jake sembrò un po' sorpreso dal suggerimento, ma annuì.

Sven improvvisamente si inginocchiò tra le gambe della ragazza, leccandole la figa con la sua lingua avida. Miranda chiuse gli occhi, mordendosi il labbro per soffocare il gemito che voleva uscire di soppiatto.

"Per favore Jake. Uhh! Per favore, pensa a quello che stai facendo. Mi dispiace per quello che ho fatto, Jake. Non ho mai voluto farti del male. Farò di tutto per farmi perdonare, piccola. Per favore! "

Le parole di Miranda morirono come falene colpite da un uragano mentre la lingua di Sven accarezzava il suo minuscolo fascio nervoso, creando una bruciatura profonda nei suoi lombi. La sua fica si contrasse, la sua pancia si contrasse e sentì un'umidità iniziare a formarsi tra le sue cosce mentre Sven iniziava a raggiungerla. La sua lingua si tuffò più a fondo, esplorando le sue pieghe morbide, che presto sarebbero diventate scivolose, e le sue mani le presero dolcemente il bel culo giovane. I suoni dei suoi forti sorsate e succhiate riempirono il container mentre Miranda guardava in basso, impotente a fermare la lussuria che cresceva dentro di lei. Nel frattempo, rimase fin troppo consapevole degli altri quattro uomini con l'erezione rigida che salutavano tutti con impazienza la sua nudità.

Jake avrebbe davvero permesso a tutti questi uomini di scoparla e tormentarla? Oh Dio. Lo aveva davvero spinto oltre il limite con la sua infedeltà? La sua mente correva, cercando di trovare la cosa giusta da dire. Cosa avrebbe calmato la sua rabbia, però? Quali parole potevano alleviare ciò che aveva fatto?

"Jake, ti amo. So che è difficile capirlo adesso, ma è...aaahhhh...è vero." Cercò di ignorare la lingua di Sven mentre continuava ad accarezzarle la figa, scivolando lungo le sue labbra vaginali come una terribile provocazione prima di accarezzarle la clitoride con rinnovato vigore.

"Per favore Jake."

Le parve di vedere una punta di incertezza negli occhi di Jake, ma poi svanì.

"Zitta, piccola puttana. Non ascolterò le tue bugie." Mentre lo diceva, fece scattare il polso e la frusta le colpì il petto.

"AAAHH!!" Miranda gemette mentre le frustate continuavano, una cadenza misurata che seguiva uno schema prevedibile. Il sibilo del cuoio, i suoi muscoli che si irrigidivano per il colpo, e poi la sua minuta figura che si contorceva nei suoi lacci mentre la puntura le colpiva le tette. Solo le distrazioni della lingua abile di Sven nella sua figa e leccare il suo clitoride le impedirono di perdere la testa.

SMACCO.

"AAYY! Per favore Jake! Smettila! Per favore," implorò.

Ora Sven si voltò e alzò una mano, solo così Jake sapeva che stava per alzarsi. Jake attese finché Sven non ebbe camminato dietro la figura prona di Miranda. Poi le sue mani afferrarono dolcemente i seni di Miranda, strappandole un gemito dalla gola mentre i suoi palmi afferravano la morbida carne che presto sarebbe diventata tenera. Ora le grandi mani di Sven scivolarono sui suoi fianchi. Le tenne una mano sul fianco e le tirò indietro il sedere verso di sé finché non ebbe l'angolazione perfetta per sbattere il suo cazzo nella sua figa esposta da dietro. Si allungò con una mano, accarezzandole la clitoride mentre infilava la sua testa bulbosa tra le sue labbra, affondando la sua asta nella sua vagina liscia e stretta.

"Uhh!!!" gemette di apprezzamento e iniziò a dare il ritmo, tirando fuori il cazzo a metà e poi sbattendosi in avanti, impalandola duramente con un ritmo instancabile e staccato di scopate.

Il suono della frusta tornò. Il braccio muscoloso di Jake scattò in avanti, e con esso la frusta a cinque code le colpì violentemente i seni. Se questa fosse stata una frusta vera, pensata per il bestiame, allora i seni della bella ragazza sarebbero già stati coperti da nastri rabbiosi di lividi. Fortunatamente per Miranda, la frusta era un sex toy e, sebbene i viticci pungessero in modo terribile, non lasciarono il segno. Almeno non ancora.

"Ahhh!" Miranda gemette mentre sentiva il cazzo di Sven scivolare nel profondo della sua umidità. Il grosso russo apprezzava chiaramente la presa simile a una morsa della sua fica che stringeva l'intera lunghezza della sua asta ogni volta che lo schiaffo della frusta contro le sue tette la faceva dimenare e strillare.

"Oh, sì, puttana sexy. Continua a contorcerti sul mio cazzo. Sembra il paradiso," ringhiò Sven. Fece scivolare le mani lungo i suoi fianchi e la tenne stretta, guardando i loro corpi ingiunti mentre la scopava furiosamente, il suo cazzo scivolava facilmente dentro e fuori dal suo sesso umido. La verità era che, per quanto orribile e umiliante potesse sembrare, il cazzo che le perforava la fica e le sfiorava le pareti interne con così tante sensazioni decadenti aveva iniziato a rendere schiava Miranda di desideri osceni che lei non voleva riconoscere.

I successivi quindici minuti furono una confusione di dolore e piacere per la ragazza. La sua figura snella e femminile si agitava ogni volta che la frusta le colpiva i seni. Ogni volta che succedeva, la sua fica si stringeva attorno al cazzo di Sven, mungendo le sue palle verso il rilascio. Nonostante l'assalto di stimoli che assalivano il suo cervello, Miranda riuscì a pensare, a focalizzare la sua mente sul problema; come riconquistare l'affetto del marito infuriato? O almeno far cessare il dolore?

All'improvviso ebbe un'idea.

Il cazzo di Sven sbatté in profondità nella sua figa, mostrando solo i suoi testicoli mentre si inguainava nella sua carne. La ragazza poteva sentire il suo cazzo tendersi dentro di lei. Sarebbe arrivato presto, per sgorgare dentro di lei. Lei non lo voleva.

"Per favore, Jake, non lasciarlo entrare dentro di me," gemette. "Non vuoi che mi metta incinta. Non voglio avere altri figli se non il tuo, Jake. Per favore!"

Ma il suo promemoria si è ritorto contro di lei. L'espressione di Jake divenne ancora più cupa. Sferzò la frusta con ancora più forza sui suoi seni.

"AAAAHHH!!!!"

Jake urlò: "Avresti dovuto pensarci prima di lasciarti fottere da Matthew senza protezione, puttana. Come ho detto prima, non ascolterò più le tue bugie." Il colpo successivo colpì i suoi coni flessibili con una crudeltà speciale che proveniva sicuramente dalla sensazione di Jake di essere stato tradito. Due sottili strisce rosse spuntarono sui bei seni della ragazza, e Miranda si rese conto che le sue parole stavano solo facendo infuriare ancora di più Jake. Se avesse continuato a picchiarla in quel modo, i suoi seni sarebbero diventati più che teneri e doloranti. Così, invece, chiuse la bocca, gemendo e irrigidendosi a ogni colpo di frusta, a ogni tuffo del cazzo di Sven.

Sven si sporse in avanti, leccandole il lato del collo mentre il suo cazzo si lanciava verso il suo grembo con una serie di scopate così furiose che le sue palle si agitavano avanti e indietro in un movimento confuso.

"Ci siamo quasi, puttana. Uh! Uhh!! UH!!!! Quasi pronto a riempirti la figa," ringhiò Sven. Allungò entrambe le mani, prendendo e stringendo i seni di Miranda quando arrivò il momento della verità. Miranda gemette quando le mani callose di Sven toccarono le sue tette eccessivamente sensibili, poi gemette quando sentì quel cazzo contrarsi follemente dentro il suo sesso scivoloso e pungente. La sua fica si riempì dello sperma viscoso e viscido che usciva dal cazzo di Sven fino a quando i suoi testicoli gonfi finalmente si calmarono, i suoi movimenti si fermarono mentre giaceva premuto contro la sua schiena, il suo cazzo avvolto nel suo calore.

Aspettò, assaporando l'abbraccio della sua presa attorno alla sua virilità, finché alla fine si tirò fuori. La sua virilità risplendeva dei loro fluidi combinati. L'odore del sesso aleggiava pesantemente nell'aria. La testa di Miranda si piegò in avanti. Stava ansimando, sbuffando forte. La ragazza voleva disperatamente dire qualcosa, per far ragionare Jake. Ma non sapeva cosa dire. Cercò di non pensare allo sperma appiccicoso che gocciolava tra le sue cosce. La ragazza cercò di non pensare agli altri quattro uomini con cazzi furiosi che aspettavano solo di farsi strada con lei.

Sven si avvicinò a Jake e gli tese la mano.

"Posso prendere il controllo della frusta?"

Jake annuì. "Vai avanti. Io starò indietro e guarderò."

Sven si rivolse agli altri e Felipe fece un passo avanti.

"Mi prenderò secondi sciatti. Voglio scopare quella figa," ringhiò lo spagnolo.

Lo spagnolo le si avvicinò. Lui prese a coppa il suo moncone, godendosi la morbida sensazione della sua area pubica rasata. Passò dall'afferrare il suo sesso alla perforazione della sua fica con due dita, lo sperma viscido rimanente creava la perfetta lubrificazione mentre la scopava con le dita e osservava l'accumulo di piacere dietro i suoi occhi.

"Per favore," Miranda sospirò. Se non riusciva a convincere suo marito a essere misericordioso, forse poteva invece ragionare con questi uomini. Doveva provare.

"Per favore, dì al tuo amico di non frustarmi", implorò Miranda. Felipe sorrise, accarezzandole con una mano il lato del viso mentre l'altra mano continuava a fotterle con le dita il sesso contaminato.

"Mmm. Allettante, ma cosa ci guadagno?" disse scherzosamente.

"Farò quello che vuoi," disse Miranda senza pensare.

La fronte di Felipe si sollevò di scatto e poi i suoi occhi divennero malvagi. "Hai sentito, Sven? Questa piccola sgualdrina farà QUALSIASI COSA io voglia evitare la frusta. Sembra divertente, vero?"

Il sorriso di Sven era cupo ma divertito. "Penso che dovresti accettare la sua offerta da puttana." Le risate degli altri uomini esprimevano il loro accordo.

Felipe si voltò di nuovo verso la mora sexy, le sue labbra stuzzicarono le sue finché non le diede un bacio alla francese, lasciandola senza fiato. Alla velocità con cui le sue dita le colpivano il punto g e le strofinavano le viscere, non era nemmeno lontana dall'orgasmo. Ora, percependo la sua crescente lussuria, fece scivolare l'altra mano sul suo sesso, le sue dita strofinarono la sua clitoride in una devastante serie di carezze.

"Uhhh!!" Miranda gemette. I suoi capezzoli si gonfiarono. Oddio, la sua fica era in fiamme! NO…! La sua mente iniziò a disperdersi... il suo corpo rispondeva al tocco dello spagnolo. I muscoli delle sue gambe si trasformarono in gelatina mentre tutto il suo essere si riduceva alle sole sensazioni lungo il suo clitoride, dentro la sua figa viscida, lungo le sue labbra delicate mentre le dita dell'uomo facevano il loro lavoro scopando e accarezzando, scopando e accarezzando... scopando e... oh dio …

"CUM per me, puttana. Sai che lo vuoi," gridò Felipe.

Il passaggio caldo e scivoloso di Miranda emetteva suoni zuppi e bagnati mentre risucchiava le dita guizzanti di Felipe. Non poteva succedere. Oh Dio. NO! Gli occhi di Miranda si spalancarono mentre Felipe si chinava per assaggiare uno dei suoi capezzoli, succhiandolo con forza e in profondità nella sua bocca finché la nuova sensazione non le lacerò il seno dolorante come una squisita tortura.

"CUM ora o dico a Sven di frustarti!"

Miranda piagnucolò e spinse il cavallo in avanti per incontrare le spinte delle dita di Felipe. Tutto tranne quella terribile frusta. L'agile mora gemette di sentimento mentre continuava a spingere la figa per incontrare quelle dita che pompavano furiosamente. Ora non poteva fermarsi, il treno stava per deragliare. La sua mente... potrebbe semplicemente esplodere.

"OH DIO! OHHH!!!"

La snella figura femminile di Miranda si inarcò violentemente. I suoi occhi rotearono all'indietro. Sentì un milione di stelle esplodere dietro le sue palpebre mentre accadeva. L'inferno nei suoi lombi eruttava come lava eruttata da un vulcano. La crema della sua fica è sgorgata sulle dita dello spagnolo. Felipe sentì la piuma della ragazza stringersi su quelle stesse dita mentre si contorceva di piacere al tintinnio delle catene. Alla fine, con il cuore che le martellava ancora nella cassa toracica, Miranda si rese lentamente conto di ciò che la circondava. Vide i polpastrelli luccicanti di Felipe proprio davanti al suo viso.

"Sei venuta forte, puttana. Mi sei sgorgata sulle dita come una puttana. Adesso assaggia te stessa." Le inserì le dita in bocca e lei succhiò obbedientemente. Era iper-consapevole di Jake sullo sfondo, che la osservava. Parte della sua rabbia sembrava essersi dissipata, sostituita dalla lussuria... e qualcos'altro che non riusciva a identificare.

Ora Felipe tolse le dita dalle labbra di Miranda con un grugnito.

"Hai avuto la tua parte di piacere per il momento. Ora è tempo che tu mantenga la tua promessa. Vuoi una tregua dalla frusta? Bene. Ne avrai una. Dopo che avrò finito di scoparti la figa, mi succhierai i liquidi dal cazzo, e POI io e te passeremo un po' di tempo di qualità sul materasso. fare, cagna?"

Miranda rabbrividì, timorosa di chiedere. "No, signore. C-cosa?"

"Lubrifica il mio cazzo con dei bei oli riscaldanti e poi metti il ​​mio cazzo nel tuo culo, ti impali sopra e mi cavalchi." Il modo in cui gli occhi di Miranda si spalancarono, tutti gli uomini nel container lo sapevano allo stesso tempo; questa ragazza non aveva mai fatto sesso anale prima.

"Per favore, signore, non ho mai..." Non riuscì nemmeno a finire la frase.

"Mai stato fottuto nel culo?" Felipe ha detto allegramente. "Non preoccuparti, sgualdrina. Sono una brava insegnante e ho la sensazione che imparerai in fretta." Mentre diceva questo, lo spagnolo camminava dietro di lei, le allargava le natiche e posizionava la testa del cazzo tra le sue labbra vaginali, spingendo con colpi lunghi e facili mentre cominciava a fotterla.

Nel frattempo Jake si è avvicinato a lei. Il suo sguardo arrabbiato incrociò quello di lei.

Mentre il cazzo di Felipe scivolava attraverso le sue viscere, rimbalzando nella sua fica in modi che le facevano venire i brividi lungo la spina dorsale e le facevano gonfiare di nuovo i capezzoli per la lussuria, il marito tradito l'afferrò per il collo, quasi soffocandola.

"Sei felice ora, puttana? Ora hai tutto il cazzo che puoi gestire. Questo e altro."

"P-per favore Jake," farfugliò. "Ti amo", disse, e ora c'erano lacrime sincere nei suoi occhi. Ha cercato di ignorare le sensazioni affascinanti del cazzo di Felipe che continuava a pomparle la figa e ha solo cercato di concentrarsi sull'uomo che amava ancora nonostante le sue azioni imperdonabili.

"Ahhh! La fica di questa troia è bagnata. Adora il mio cazzo," sospirò Felipe. I suoi denti sbatterono mentre lui spingeva i fianchi in avanti per un altro colpo devastante.

Nel frattempo, Miranda poteva solo pensare: cosa farò???

Poi la colpì, l'unica cosa che poteva dire a Jake che avrebbe potuto placare la sua rabbia...

CONTINUA NELLA PARTE 2…

Nota dell'autore:

Questa è una fantasia, che per definizione significa che non vorrei mai vederlo accadere nella vita reale. Quando scrivo queste fantasie, mi immagino come la ragazza costretta a sottomettersi, e questo non solo mi eccita. Scrivo queste storie perché la sottomissione e la minaccia del dominio su di me sono ciò che alimenta la mia libido come nient'altro al mondo. Che tu sia un dominante o un sottomesso, spero che tu senta la stessa fretta. La vita è troppo breve per non...

Presto aggiornerò questa storia con una PARTE 2 perché so che i cliffhanger possono davvero fare schifo. Spero che ti sia piaciuto e, se lo facessi, ti prometto che avrai altro da aspettarti...

~gaggedKitty

Storie simili

La coppia sottomessa

Seth guardò l'indirizzo davanti a lui. Questo era il posto giusto. Il giovane aveva trovato su un sito social BDSM un post di una coppia sottomessa che voleva essere dominata da un padrone. Si chiamava John, aveva 32 anni ed era proprietario di un negozio. Lei si chiamava Mary e aveva 27 anni. Maria era un'insegnante. Dopo alcune chiacchierate online, sono andati a bere qualcosa per vedere se c'era una connessione. Il drink ha avuto successo e dopo aver discusso alcuni limiti rigidi e una parola d'ordine, ha accettato di essere il loro padrone. Adesso era davanti a casa loro. A...

630 I più visti

Likes 0

Falciatura Signor Lewis_(0)

Non mi sono mai vista come il tipo di ragazza carina, una ragazza che faceva girare la testa e attirava l'attenzione dei ragazzi. Immagino si possa dire che ero un maschiaccio, nascondendo la mia natura femminile. Ecco perché quando il signor Lewis ha iniziato a mostrare interesse, ero semplicemente in un sogno. Tutto è iniziato una primavera. Il signor Lewis era il mio vicino e io gli falciavo il prato, considerando la sua vecchiaia. Mi ringraziava sempre con una chiacchierata e un bicchiere di tè freddo ghiacciato. Un giorno avevo finito di falciare il prato, i miei genitori erano via per...

411 I più visti

Likes 0

Michael si scopa il cugino Taylor. Racconti di Michael Sutton Parte I

Omega Sagas - I racconti di Michael Sutton, Sorpresa del ritorno a casa Parte 1 Disclaimer: Questa è la mia prima storia, quindi per favore continua. Questa è principalmente finzione. I personaggi sono basati su persone reali, ma la maggior parte degli eventi della storia sono di fantasia. Il college e la città dovrebbero essere immaginari. La posizione della città si basa sulla vera città di Montpelier, ID. e i due laghi sono reali. Non vengo dalla parte occidentale degli Stati Uniti, quindi mi scuso con chiunque, per eventuali riferimenti errati all'area, che sappia di più sull'Idaho e sulla regione circostante...

1K I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

2K I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

1.9K I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

1.7K I più visti

Likes 0

Passeggiata

Non sono mai stata una persona molto socievole. Non sono mai stato una delle persone invitate a tutte le feste rumorose. Sono più come il ragazzo che vive dall'altra parte della strada rispetto a quelle persone e desidera che lo tengano giù. Tuttavia, ho l'impulso di vagare a tarda notte e, a volte, mi unisco a una festa solo per avere qualcosa da fare. Era un giovedì, venerdì se vogliamo essere tecnici, visto che era mezzanotte passata. Stavo camminando in un quartiere vicino alla mia stanza del dormitorio. L'unica luce era fornita dai lampioni e dalla mezzaluna nel cielo. Per come...

1.5K I più visti

Likes 0

Due settimane con Horas - Capitolo 6

La vicina di casa insegna a Cathy a prendere lo stile missionario di Horas, ma non è tutto ciò che le insegna. Ho ricordato a Cathy che Brian e Leena sarebbero tornati il ​​prossimo fine settimana. In realtà sembrava triste. Era ovvio che si stava godendo l'accoppiamento notturno con Horas. Si era completamente arresa all'idea del sesso quotidiano con il suo amante cagnolino. Horas, d'altra parte, sapeva che sarebbe diventato una puttana, non importa chi fosse. Non l'ho detto a Cathy nel caso avesse iniziato a piangere. La settimana è iniziata normalmente ma mercoledì sera è venuta a bussare Elisabetta della...

787 I più visti

Likes 0

Io e il mio Konstantine -

Quindi eccomi di nuovo qui, perso nei miei pensieri, a chiudere tutti fuori. È uno di quegli stati d'animo che si insinua così lentamente, come una notte di champagne, una singola candela e una playlist che potrebbe far venire voglia di tagliarsi i polsi a una parata arcobaleno. Inizialmente, pensi di essere dell'umore giusto per lo champagne, solo perché ha un sapore così dolce ed è la bevanda preferita dei brindisi nei momenti di festa, quindi come potrebbe essere cupo. E, naturalmente, la candela simboleggia un senso di romanticismo, passione e persino meditazione pacifica e autoconservante. E ovviamente la scusa per...

2.3K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.