Sì signore, farò quello che vuoi Parte 5; Il padre del mio ragazzo

963Report
Sì signore, farò quello che vuoi Parte 5; Il padre del mio ragazzo

Capitolo 6; Ho sedotto il padre del mio ragazzo.
Come ti vesti per sedurre il padre del tuo ragazzo? Ho pensato tra me e me mentre mi preparavo quella mattina nel mio nuovo appartamento di lusso che Gene mi ha arredato per celebrare la mia decisione di "restare". Cosa stavo pensando? Beh, stavo facendo due delle mie cose preferite in tutto il mondo, guadagnando un'oscena quantità di denaro, molto più di quanto mi era stato promesso, e scopando in modo osceno! Stavo decisamente diventando una troia hardcore. Mi stava praticamente sfruttando.
Ho installato tutta l'attrezzatura video e tutto era pronto. Gene stava guardando uno dei video feed al piano di sopra. Abbiamo reso l'ufficio più freddo in modo che sembrassi, uh, vivace. Ha funzionato. Il mio corpo era tutto pelle d'oca e le mie tette stavano orgogliosamente sull'attenti. Non ero ancora sicuro di come avrei fatto indebolire il bastardo dal desiderio, ma avevo qualche asso nella manica. Ho provato a immaginare di odiarlo.
Avevo sempre saputo che il padre del mio ragazzo era un pervertito e amava le donne più giovani. L'ho sorpreso a fissarmi il culo un paio di volte quando abbiamo lasciato le funzioni familiari. Sua moglie era grassa e sembrava non sentirlo più. Era decentemente attraente in quel modo da uomo d'affari più anziano. Scommetto che era un mostro come suo figlio, ho ridacchiato tra me e me osando mettere i piedi sulla scrivania del signor Lamar mentre aspettavo la mia preda. Il colpo è arrivato.
“Entra!” urlai nervosamente.
"Bene, ciao." Entrò, esaminando attentamente l'atmosfera. Cambiai posizione sollevando lentamente le gambe dalla scrivania, mostrando la mia flessibilità. Ha notato.
“Ciao, come stai?” risposi dolcemente.
"Non vedo il tuo bel viso dall'anno scorso." Disse sorridendo.
"Lo so! Ne è passato di tempo” risposi affettuosamente. Sembrava molto bello come se avesse cercato di farsi sembrare ancora più bello oggi. Potevo sentire l'odore della forte colonia muschiata che si diffondeva nella stanza attenuando la mia leggera fragranza. Quaranta non è poi così vecchio ho iniziato a pensare tra me e me e si è mantenuto in ottima forma. "Sei bello oggi."
Sembrava quasi imbarazzato mentre sorrideva, scuotendo la testa mentre flirtavo apertamente con lui.
“Quindi ho sentito che dovrei aiutare il tuo grande capo con qualche tipo di insolito progetto di investimento? Una sorta di situazione di vita o di morte della tua carriera in cui dovrei farti fare bella figura accettandola? Beh, sai cosa Gina, ti ho sempre adorato per aver reso mio figlio così felice ', sono praticamente scoppiato a ridere pensando a come rendo suo figlio così felice, suo figlio era più un mostro di me. Mi sono divertito a scoparlo fino alla sottomissione, spesso. Ha continuato dicendo "e qualsiasi cosa per aiutarti, sarei più che disposto a fare". Sarà più facile di quanto pensassi, ho quasi detto.
Mi alzai dalla sedia. "Ne è proprio sicuro, signore?" dissi come per incantare il serpente dai suoi pantaloni. Fissò le mie tette vivace costringendo i miei capezzoli molto visibilmente alla parte anteriore della mia camicetta. Un'espressione di confusione apparve sul suo volto mentre mi avvicinavo alla sua sedia. La mia ombra cadde sul suo corpo mentre mi allungavo su di lui in modo seducente per maneggiare il telecomando sulla scrivania del signor Lamar.
“Vogliamo che tu investa in un progetto cinematografico. È una specie di forzatura per questo ufficio, ma è uscito con successo e pensiamo che valga la pena dedicarci del tempo. Una specie di…..documentario.”
“Oh…..” Disse eccitato, non sicuro di cosa dire o di cosa intendessi veramente.
Ho acceso la TV dove i miei forti suoni sessuali hanno permeato la stanza. La sua bocca si abbassò mentre gridavo di essere fottuto senza pietà dal cazzo duro come la roccia di Gene. Anche se era scioccato, non spostò gli occhi dallo schermo. Ho guardato mentre il suo cazzo cresceva inconsciamente nei suoi pantaloni quando ho implorato il mio capo di darmelo analmente. Ho lasciato scorrere il sex tape per cinque minuti buoni e lui non ha sussultato. Il vecchio arrapato. Alla fine si voltò verso dove mi trovavo sorridendo compiaciuto, osservando, ridendo, la sua reazione.
Dopo quella che gli sembrò una vita, disse lentamente: “Sei proprio una Gina stuzzicacazzi. Ho sempre saputo perché mio figlio ti ha scelto tra tutte le altre bellissime ragazze con cui poteva avere una relazione, ma questo…….beh……..porno? Lo sa?» Mi guardò negli occhi con ingenuità. Mi è venuto in mente che non ha mai incontrato Gene faccia a faccia e non ha riconosciuto il mio capo sullo schermo. La sua espressione cambiò improvvisamente. “Dio, i tuoi occhi sono bellissimi Gina. Cosa sono nocciola? Non credo che io e te abbiamo mai passato del tempo da soli.» Mi fissò in faccia. Cercai di ignorare la lussuria nei suoi occhi.
“Quindi pensi che sia promettente?” Voltandomi da lui, cercai di nascondere il sorriso che si allargava sul mio volto, riflettendo sul piano. Stavo calcolando come sedurre quest'uomo e completare la sua resa.
"Beh... ehm..."
"Sembra creare un effetto positivo su di te." Feci cenno all'impressionante rigonfiamento dei suoi pantaloni. Si mosse rapidamente per regolare la sua visibile erezione.
"Cosa ti è piaciuto?"
“Bene……uh………sei una donna meravigliosa Gina. Non riesco davvero a smettere di guardarlo…..uh…..fai il tuo…” fece un cenno comico al suo petto agitando le dita.
"I miei seni?" Ho offerto.
"Ehm, sì... il modo in cui fa muovere il tuo corpo è molto... beh... dannatamente sexy."
“Non devi essere timido. Non sono imbarazzato. Puoi dire che ti piace guardare quel cazzone nero che mi fotte a morte. Potresti anche dire che ti piace guardare il mio corpo nudo che viene manipolato e sfruttato e che ami anche il fatto che mi piaccia ogni minuto mentre la mia figa viene picchiata dal suo cazzo palpitante. Sembrava sorpreso dal mio linguaggio volgare, ma non sembrava voler discutere il punto. Annuì con riluttanza dicendo un "sì" molto sommesso. Ha scrutato la mia figura, spogliandomi dei miei vestiti nella sua mente. Tornò a guardare la televisione sorridendo, fissando le mie parti intime esposte rozzamente per il piacere sessuale del mio capo. “Gina, tu sei……Voglio dire……beh, mi hai invitato a sentire per guardare questo? O hai davvero bisogno di un angelo investitore, come ha detto il tuo capo alla mia azienda al telefono.
"Cosa ne pensi?"
"Penso che se è vero il primo, sei una troia e se è vero il secondo non mi interessa." Con mia sorpresa si alzò e se ne andò. Lasciai che il respiro che inconsciamente avevo trattenuto pesantemente, nell'aria fredda di quell'ufficio silenzioso. Tutto ciò che sembrava udibile era lo sbattere della dura porta di legno. Ho sentito la mia mente iniziare a correre immaginando che il signor Lamar stesse volando giù per le scale dell'ufficio pronto ad ammonirmi per il mio fallimento. Ho aspettato che facesse irruzione in ufficio costringendomi in qualche posizione compromettente, costretta di nuovo a fare quello che mi ordinava per essere una stronza stupida. Ho aspettato la mia punizione provando un po' di vergogna, e poi la porta si è aperta lentamente cigolando.
“Oh Gina, sai che non potevo lasciarti finire nei guai con il tuo capo. Anche se sembri una ragazzina molto birichina, ci tengo ancora al tuo futuro. Ti aiuterò. Ti dirò una cosa, ti aiuterò con questo piccolo... uhh... progetto... ma devo sapere che tutti i miei soldi guadagnati duramente varranno l'investimento. potente manipolazione mentre si allentava lentamente la cravatta, avvicinandosi alla scrivania. “Finché sei disposto a darmi quello che voglio, scommetto che potrei sicuramente darti quello che vuoi. Qual è il tuo budget per questo? Si mosse per posare una mano pesante sul mio braccio. Quando mi scostai leggermente, la sua mano placò la mia apprensione, strofinando dolcemente il materiale della mia giacca rosa. Ho pensato che potesse costringermi a montarlo proprio lì, sulla scrivania.
"Beh," lo guardai innocentemente negli occhi, mentre lui iniziava a spingermi contro il mogano, "Circa 50.000."
“Davvero…….” Disse con un tono di sarcasmo, ma sapevo che era disposto a pagarlo comunque. Aveva i soldi. “Beh, allora sono sicuro che possiamo trovare una soluzione. Ti dirò una cosa, possiamo discutere i dettagli più tardi stasera. Ci vediamo al mio hotel alle 9. Se fai davvero sul serio, ci sarai. Poi è uscito. Era piuttosto presuntuoso e pensava di avere il controllo completo, esattamente quello che volevo.
Sono riuscito a infilarmi in un abito in sequenza estremamente aderente, nero, con l'appropriata lingerie di pizzo sotto. Ho cercato di riprendere fiato correndo su per le scale dell'albergo, rabbrividendo in un lungo soprabito mentre nevicava. Il tempo era stato brutale e l'impegno a vestirmi in modo provocatorio durante un inverno di Chicago mi ha fatto dubitare se dovessi prendere o meno il Prozac. La sua stanza era adeguatamente illuminata, il mio vestito scintillava dolcemente alla luce. Sedeva su una poltrona, rilassato, guardandomi entrare. Era pronto per quella che sospettava fosse una scopata facile.
"Allora Gina, ecco l'affare che ti darò questi 50.000", disse alzandosi per mettere una valigia sul letto, "devi solo dimostrarmi che sei davvero pronto per essere una porno star. Quindi stasera sarai la mia porno star.” Ridacchiò dopo aver fatto lo stupido gioco di parole. Ho finto shock.
“Non guardarmi così……. come se non sapessi cosa mi aspettavo. Voglio dire maledetta ragazza, è tutto in famiglia. La sua sicurezza era cresciuta quasi quanto il suo cazzo nelle poche ore dal nostro ultimo incontro. Era pronto a fottermi il cervello. Potevo vedere cosa aveva pianificato solo guardando nei suoi dolci occhi blu-verdi.
"Non posso credere che mi pagheresti per... la prostituzione è illegale" dissi voltandomi. Ho finto qualche singhiozzo. Sembrava un po' ripreso. Mostrando la sua sorpresa, disse: "non è questo quello che vuoi?"
"Beh..." tirai su col naso un po', "si tratta più di quello che vuoi." Mi girai e riacquistai la calma. Mi guardò mentre facevo scivolare le mani dai fianchi lungo le mie curve. Tirai i capelli da uno chignon stretto lasciandoli ricadere sulle spalle e mi divertii molto mentre mi ammirava. Sembrava sconcertato vedendo i miei occhi effettivamente lucidi di quelle che sembravano lacrime e mi porse un fazzoletto. Mi è sembrato di trovare il coraggio di parlare della questione delicata in questione. “Se si trattasse di quello che voglio…….. avrei……….beh….non importa.” Dissi timidamente.
"Avresti quale dolcezza?" Era come un topo che ha trovato la strada per la mia trappola per formaggi. L'ho trascinato dentro con ogni movimento del mio linguaggio del corpo.
"Mi dispiace. Non l'ho mai fatto prima…..ma…….oh….non lo so…….forse sarebbe più facile se…….Oh dio non posso credere che lo dirò al mio il padre del fidanzato…..” dissi distogliendo lo sguardo.
Mi sono seduto sul letto, continuando a fissare il pavimento. Ho rannicchiato il mio corpo accanto al suo. Si sentiva caldo dappertutto e mi assicurai di sfiorargli il ginocchio con quello nudo.
“Beh, ho sempre avuto questa fantasia….no…..è davvero birichina….e sporca” dissi ancora distogliendo lo sguardo.
"Gina, mi hai mostrato un video di te che fotti un tizio nero nel tuo ufficio oggi."
"Sì... lo so ma... beh, questo è... un po'... brutto"
"Dai piccola, dimmi." Egli ha detto. Era troppo fottutamente facile.
"Beh... va bene... ho sempre avuto questa fantasia", mi fermai per enfatizzare la sensazione della mia presunta esitazione, "dove un uomo più anziano entra nella mia camera d'albergo... e beh... praticamente mi violenta... dico di no ma io ……..gli sto venendo addosso.” Dissi in modo seducente e lasciando che la mia mano cadesse dal mio petto tracciando la mia scollatura, mostrando come avrebbe potuto eccitare il mio corpo se avesse voluto. Si alzò lentamente e andò alla porta, lasciando i 50.000 dollari sul letto. Ero sconcertato quando ha lasciato la stanza. Buttai via la valigia. Non avevo ancora visto così tanti soldi in un posto. Non ero sicuro di cosa fare con esso. Volevo correre. Ho pensato che io fossi pazzo o lo fosse lui, ma poi è tornato subito a correre verso il letto. L'atmosfera si trasformò rapidamente da una scopata d'affari a una fantasia erotica quando afferrò il mio corpo, afferrandomi per la vita e stringendomi al suo petto mascolino. Sono quasi caduto dai talloni, un po' sorpreso e eccitato dalla presa violenta. Le sue mani erano su tutto il mio corpo mentre portava la sua forte presa sul mio collo. Ha costretto la mia faccia alla sua.
“Farai quello che dico o ti ucciderò. Capisci troia? L'ho letto rapidamente vedendo la sua goffaggine nel tentativo di violentarmi, ma ho ceduto fingendo che fosse la cosa più eccitante che mi fosse mai stata suggerita.
"Oh... per favore non farlo" piagnucolai. Ho approvato e gliel'ho detto con un sorriso sensuale. Lo rassicurò abbastanza da iniziare a strapparmi il vestito dalla figura per rivelare la mia pelle nuda e tonica. Caddi nel suo corpo mentre mi afferrava appassionatamente, forzandomi un bacio. Gli ho lasciato sondare la mia bocca con la lingua. Potevo sentire la lussuria gocciolare dalla sua fronte dalla velocità con cui ci ha spogliato entrambi. Era nudo, con un'erezione che rivaleggiava con quella del mio capo. Era un bel cazzone. Mi sono inginocchiato e sono entrato nella parte.
“No, per favore non farmi fare questo! Non posso... per favore farò qualsiasi cosa"
Si abbassò con una grande mano tesa, afferrandomi per i capelli, strattonandomi il viso mi costrinse a guardarlo negli occhi.
"Succhialo... fallo puttana o ti farò davvero del male."
“Cazzo……non posso…per favore signore……”
“Fallo ora ragazza…” Disse iniziando a farmi male alla testa dalla stretta di capelli che teneva stretto nella sua mano. Con riluttanza abbassai la testa sul suo inguine. Non ha aspettato che aprissi la bocca e mi ha spinto il cazzo oltre le labbra. Gemette per la sensazione di tensione intorno alla sua testa. Era più grosso di quanto avessi notato e mi riempiva completamente la bocca. Potrei muovere la mia lingua per accarezzare il suo cazzo. Mi ha soffocato con il suo cazzo saporito.
"Oh vaffanculo... ti piace quella puttana... muovi la lingua proprio così sopra la mia testa... quella merda mi fa venir voglia di spararti in gola". Mi afferrò più forte spostando la sua grande mano dietro la mia testa, facendo dondolare dolcemente i suoi fianchi contro la mia bocca e spingendomi giù sul suo sontuoso cazzo. Ho succhiato allegramente mentre portava il suo membro più in profondità nella mia gola. Potevo sentirlo toccare leggermente il mio riflesso del vomito mentre iniziava davvero a fottermi la bocca. Stavo soffocando ma ha continuato a forzarmi sulla sua asta. Ho cercato di tirarmi indietro con tutta la forza e la forza che potevo finché non ha liberato la sua mano, permettendomi finalmente di crollare, tossendo.
“Cosa c'è piccola…… non sei abituato a così tanti cazzi?!! Mettiti in ginocchio e prendilo prima che ti faccia pentire di essere nato! Mi sono messo in ginocchio e ho rapidamente obbedito aprendo il mio buco per lui per sfidare la mia bocca a prendere più dimensioni di quanto potessi sopportare.
"Sì piccola, lasciami usare quella bocca grande... Labbra così carine... ma stanno molto meglio intorno al mio cazzo." Si tuffò di nuovo nella mia bocca, costringendomi a volerlo succhiare più forte che potevo. Tirai dentro le mie guance, sentendolo tirarsi indietro per godersi la suzione intorno alla sua testa. Poi allungando la mano per accarezzarlo, ho sentito il suo gemito soffocato ronzare attraverso il suo corpo. Il suo cazzo pulsava e ho sentito la mia figa iniziare a farmi male. Bagnandomi lentamente tutte le mutandine, la mia figa pulsava di fluido lungo le mie labbra. Lo desideravo. Tirai indietro la testa e lasciai che la mia mano facesse un massaggio rotante al suo cazzo. I suoi occhi rotearono all'indietro quando lasciai cadere le mani e lasciai che la mia lingua e le mie labbra facessero tutto il lavoro rotante intorno alla sua asta. Ho succhiato la sua testa dentro e fuori dalla mia bocca così forte che sembrava che sarebbe saltata via.
“Lo adori fottutamente… non comportarti come se non lo facessi. Potrei dire che quando ti ho visto nell'atrio e ti ho seguito fin qui mi avresti dato un lavoro dannato... ma sicuramente non hai finito. Il suo cazzo mi solleticava la gola e ho sentito quella familiare ondata mentre un po' di pre-cum gocciolava lungo il mio esofago. Volevo che seppellisse quel grosso cazzo, le palle in profondità nella mia figa, ma non osavo mostrarlo. Lo guardai negli occhi fingendo innocentemente di non essere mai stata trattata così duramente, segretamente affascinata da ogni minuto in cui lui mi costringeva a succhiarlo.
Improvvisamente ha rilasciato la mia testa. Sono caduto indietro aspettando che mi versasse del liquido caldo su tutto il viso e le labbra.
“Pensavi che sarei venuto? Non sei uno stupido? Potrei avere il doppio della tua età, una puttana, ma riceverai ogni punizione che posso alzarmi per insegnarti cosa succede alle ragazze come te.
"Per favore, signore... non intendo davvero essere così... cattivo... per favore... lasciami andare e non dirò a nessuno che hai fatto questo anche a me... te lo prometto."
“Va bene… vuoi implorare? Ti farò implorare, cazzo. Alzati su quel letto.» Non aspettò la mia supplica. Si abbassò e mi spinse verso l'alto. Sono inciampato verso il letto. Spingendomi giù, ha posizionato il suo cazzo proprio davanti alla mia entrata. Apparii spaventato vedendo che aumentava solo la sua eccitazione, mentre mi allargava le gambe, spingendo delicatamente la testa contro le mie labbra. L'ho combattuto, mi ha bloccato, lavorando per entrare in una posizione in cui potesse penetrarmi di nuovo facilmente. Ero così bagnato. Ho continuato a lottare finché non si è stancato di combattere le mie braccia che picchiavano. Si è sollevato dal mio corpo.
"Gioca con te stesso, ha detto, mentre guardo." Si abbassò e afferrò il suo cazzo semi-morbido accarezzandolo lentamente mentre raggiungevo il mio clitoride.
“No…..ti prego……….sborrami addosso e lasciami andare…” piagnucolai. Mi prese la mano e mi costrinse a strofinare le mie labbra morbide e calde.
“Semplicemente non vuoi ascoltare, vero?……..Spezzerò quella fica abbastanza presto, ma prima implorerai puttana…..supplica come se sapessi che ami e sii la puttana che sei così ovviamente…..fottiti la fica con le dita mentre guardo…….fallo adesso!!” Presi il mio dito medio e lentamente strofinai il mio clitoride in modo circolare.
"Fammi vedere che ti piace davvero."
Gettai indietro la testa e cercai di raccogliere qualche lacrima. Ho pensato a come il mio capo mi ha fatto cose così cattive e umilianti, ma mi ha solo fatto arrapare di più. Ho provato a pensare a qualcosa di veramente triste, ma si è trasformato solo in fantasie sadiche. Tenevo gli occhi chiusi piagnucolando e gemendo mentre accarezzavo il mio clitoride eccitante.
“Dai …….prego…”
“Prego???” dissi interrogativamente.
"Imploratelo..." Disse respirando pesantemente. Ho deglutito a fatica.
“Ehm…..ok…….io…….voglio il tuo…..rock….duro….oh per favore non posso”
“Dillo, non te lo dirò più” chiese.
"Per favore……"
“Sì, per favore, cosa…..” Ha blandito.
"Per favore... scopami... con il tuo grosso cazzo?"
“Sì piccola…..e dillo di nuovo. So che lo vuoi. Elemosinare…."
“Uhm…..mmmmm per favore dammi quel cazzo…..per favore allargami e infila il tuo cazzo duro come una roccia tra la mia fessura…..ohhhhh……mmmmmm per favore fallo a me?” Gemetti piano strofinandomi la figa, cavalcando l'ondata di estasi al culmine. Alzai la testa per vederlo inginocchiarsi sul letto, sul punto di gioire entrando nella mia fica stretta e bagnata. Non potevo credere che il padre del mio ragazzo stesse per scoparmi nella mia fantasia di pseudo stupro. Eravamo nel nostro porno privato. Gemetti quando entrò nel mio corpo, calmando quel dolore nei miei muscoli per un cazzo lungo e forte per portarmi all'orgasmo. Era più profondo in me del mio capo. Ha lavorato la mia fica finché non ho allargato liberamente le mie cosce sempre di più.
"Mia moglie non è stata così stretta da anni." Ha detto.
"Ya....... Forse si sta scopando altri ragazzi... cazzo malato..." dissi fingendo di essere infuriato. Sembrava improvvisamente arrabbiato e, abbracciando completamente la nostra fantasia, mi schiaffeggiò leggermente la guancia. Ho guardato indietro spaventato, ma solo pronto a godermi di più il suo cazzo abusando della mia figa stretta. Mi avvolse la mano destra intorno alla gola, quel tanto che bastava per infiammare il mio desiderio.
"Cosa hai detto, sporca puttana?!!"
“Niente…..mi dispiace…..ohhhhhhh…..mmmmmm……mi dispiace tanto.” Ha iniziato a lavorare più a fondo nella mia figa, ruotando i fianchi e lasciando che tutto il suo peso corporeo iniziasse a cadere su di me. Sentii i miei fianchi stringere contro i suoi mentre dava piacere alla mia fica gocciolante. “Ohhhhhhh shiiiiiiitttttttt……..”
"Cos'era quella piccola puttana stretta........"
“Ohhhhh…….mmmmmmm……..” Mi sentii piagnucolare, strofinando più forte contro i suoi fianchi. Sollevando il culo dal letto per premere più forte sul suo cazzo, lo lasciai muovere per baciarmi. Mi cadde sulla bocca, baciandomi e leccandomi le labbra. Allungò le mani sotto il mio sedere spingendomi con forza verso l'alto sulla sua asta rivestita. Potrei vedere i miei succhi schizzare sciattamente fuori dalle mie pareti. Avvolgendo istintivamente le mie gambe attorno alla sua vita e continuando a godere di essere fottuto dal padre del mio ragazzo, l'ho sentito allungarsi sotto di me. Mi afferrò più forte sulle guance del culo.
“Awwwww…..cazzo…….” Mi morsi forte il labbro, cercando di trattenermi dall'ammettere il piacere che mi tormentava il corpo mentre faceva ruotare il suo cazzo contro ogni muscolo di ogni parete. I nostri succhi sono scivolati lungo le mie cosce mentre venivo ancora e ancora mentre lui mi devastava la figa. Il padre del mio ragazzo mi ha sollevato dal letto. Un po' stordito, ma consapevole dell'aria fredda che pungeva la mia pelle nuda, gli avvolsi le mani dietro il collo. Ha costretto le mie gambe a cavalcioni su di lui. Ho rafforzato la presa mentre lo cavalcavo a mezz'aria. Ha continuato la rotazione. Chiudendo gli occhi e seppellendo la testa tra i morbidi capelli chiari sul suo petto. Mi ha afferrato forte i fianchi e mi ha fatto oscillare su e giù sul suo cazzo duro come una roccia.
“mmmmmmm……ohhhhhh……fuuuuuccccckkkkkk!” gemetti mentre faceva scivolare quell'asta di ferro dentro e fuori di me. Non potevo credere a quanto fottutamente duro fosse, questo non era un uomo che non avrebbe MAI avuto bisogno del Viagra. Mai. Periodo.
“Ohhhhh MMmyyyyyyyy……fottuto dio!!!....PLeaSssseeeeee…………Signore…..VI PREGO………….”
“Lo ami dannatamente!!!!!!! E ANCHE IO…..AWWWWWFUCK YA……..DAMMI QUELLA PICCOLA CAGNA STRETTA…..TI PIACE ESSERE VIOLENTATA…..LA TUA FIGA NON MENTE UN CAZZO…..IL TUO CUMMING TUTTO SU DI ME!” Ha urlato al di sopra delle mie suppliche esasperate. Ho sentito la mia fica stringersi forte sul suo cazzo, spasimando su di esso, sfidandomi a non esplodere. Ci spinse entrambi all'improvviso verso il letto dove il suo cazzo si conficcò con forza nella parte posteriore della mia fica. Non potevo più trattenermi. Quando ha spinto quel cazzo così in alto dentro di me, scivolando attraverso la mia umidità, è stato come se mi avesse spezzato e ho schizzato. Ho spruzzato quelle che sembravano enormi quantità di crema per la fica lungo la sua asta del desiderio. Ho alzato la testa per guardare il suo spessore scivolare fuori dalla mia figa, era ricoperto dal mio sperma. Sembrava delizioso.
“Ohhhh sei così bagnata…….mmmmmm…..baby così buono…quella figa è così stretta e bagnata.” Disse grugnendo, spingendosi di nuovo nel mio corpo ancora affamato di più. È scivolato fuori dicendo "Togliti dal mio cazzo di troia ……"
“Wwcosa?” balbettai, ancora rabbrividendo fino alla fine del mio orgasmo, stordita, con le ginocchia deboli.
“Non hai finito. Alzati e siediti sulla mia faccia… voglio assaggiarlo… ti farò venire di nuovo… ma questa volta me lo spruzzerai in gola…”
“ohhhhhh…..non posso…..per favore, non sono davvero una puttana…per favore, ti lascio andare, finisci per favore…”
"STAI ZITTO!" Disse, tirandomi giù dal letto. Sono crollato di nuovo tra le sue braccia mentre mi ha costretto in una posizione in cui poteva leccarmi. Si sdraiò, allungando il corpo sul letto, e mi trascinò verso le sue labbra. Afferrandomi la coscia con una grande mano tesa e spingendola verso l'altro lato del suo corpo, mi misi a cavalcioni sulla sua testa. Mi afferrò saldamente le guance tirandomi giù la clitoride quasi fino alle sue labbra morbide e umide. Si leccò le labbra, poi fece scorrere la punta della lingua lungo la mia fessura. Rabbrividii, ancora estremamente sensibile. Ho sentito dei brividi correre lungo la schiena mentre mi baciava dolcemente la figa. Ha piantato baci leggeri e morbidi lungo la mia fessura. Spinse contro la mia apertura, sondando con la lingua. Sentii il calore tornare sul mio viso, sentendomi molto meno intorpidito e pronto a salire di nuovo su di lui.
“Ohhhhhh Per favore……… cosa direbbe tuo figlio……….. signore…….. Io…… ohhhhhh……. non farlo” Ho combattuto più forte che potevo, desiderando che non scopasse così bene. Ho continuato a dire di no, ma ho sentito il mio corpo urlare di sì, strofinando circolarmente sul suo viso. SCOPAMI! Volevo urlare. QUEL CAZZO SUCCOSO DEL CAZZO MI FA DESIDERARE TE DENTRO DI ME PER IL RESTO DELLA MIA VITA, FIGLIO DI PUTTANA ARRAPATO. non osavo dirlo. Le sue mani mi strinsero il culo, mentre mi scopava la figa con la lingua, inserendo la lingua in profondità nel mio stretto canale vaginale. Si è tolto la lingua solo per succhiare allegramente il mio clitoride. Abbassandomi e spingendo più forte la sua testa nella mia fica, l'ho costretto a mangiarmi. Gemette dentro di me. Non potevo credere che lo stessi facendo. Così surreale.
“mmmmmmcattiva ragazza…..” Le sue labbra luccicarono quando parlò. Scivolai giù trascinando la mia figa sul suo petto. Ha guidato i miei fianchi verso il suo cazzo palpitante. Mi sono alzato, tutto da solo, sedendomi lentamente sul suo cazzo. Stringendolo ad ogni movimento, gli ho lasciato sentire ogni fessura e centimetro di me. Le sue mani erano su tutto il mio corpo mentre mi contorcevo e mi agitavo per portarlo all'orgasmo.
“Sì baby….lavora quel cazzo……”Riuscì a dire.
Sono riuscito a qualche piccola lacrima. Scivolarono dolcemente lungo le mie guance mescolandosi con un caldo rivolo di sudore mentre lavoravo duramente su e giù sul suo cazzo duro. È cresciuto nella mia fica bagnata pronto a schizzare da un momento all'altro. Ha iniziato a farmi rimbalzare sulle sue ginocchia, costringendomi a fare la cowgirl, le mie tette che mi battevano contro il petto.
“Ohhhhhh shiiiiiiitttttt…….il mio ragazzo ha una gran scopata per ragazza……fai lavorare quel cazzo!!! FUCKING WORK IT………OHHHHHH HELL YES………….MMmmmmmm YESSSSS……QUESTO È BAMBINO…….MI FARAI CUM PROPRIO COME QUELLO……..OHHHhhhhhhh HELL YEAH…….”
Era così profondo dentro di me, pompando così forte e in alto nella mia figa che mi sembrava di essere nel mio fottuto stomaco. Il suo cazzo si è improvvisamente gonfiato di un litro di sperma caldo che gli si è riversato in testa. Mi ha spinto via violentemente. Sono caduto dal letto colpendo il pavimento, inaspettatamente.
“Owwwww……uhhhhh” mi tirai su per strofinare dove ero caduto. Continuando a strofinare la mia pelle nuda, è volato giù dal letto, l'ho visto posizionare il suo cazzo proprio sopra la mia testa. Stava ancora crescendo, e su tutte le mie labbra, guance, collo e petto.
“mmmmmm…..brava ragazza……….vieni qui…..lo so che vuoi assaggiarlo.” Disse afferrandomi la nuca e spingendo la sua testa zampillante contro il mio viso.
“Bevilo!……….ho detto bevilo Gina……”
Dopo è caduto in ginocchio, tenendomi la testa contro il suo inguine, costringendomi a leccarlo e succhiarlo per pulirlo.
“Anche il mio sacco…”
Alzai lo sguardo, come se non avessi mai fatto niente di così disgustoso. Ha riso.
"Stai scherzando Gina... So che hai fatto tutte le cose sporche a cui potevo pensare e leccarmi le palle non è neanche lontanamente il peggio che il tuo culo da troia abbia realizzato... ora succhiamelo il mio giovane dolce pezzo di carne del cazzo". non aspettare la mia reazione, mi ha solo spinto giù su di lui. Ricordo di aver pensato "Spero che la telecamera che abbiamo installato abbia avuto l'ultima parte, perché renderebbe il tutto più credibile". Grazie a Dio la cameriera ha creduto alla mia storia di stronzate prima e mi ha fatto rientrare bene in tempo per fare ciò di cui avevo bisogno mentre i soci di Gene facevano mangiare e bere al padre del mio ragazzo nel centro di Chicago.
Il figlio di puttana non avrebbe mai saputo cosa lo aveva colpito. Ero un po' preso dal disprezzo che provavo per quest'uomo mentre salivo sul taxi. Lo conoscevo. Non avevo davvero idea del perché Gene volesse fotterlo così tanto. Sorrisi compiaciuto sentendo un po' del nostro sperma scivolare lungo la mia parte interna della coscia e pensando a cosa avrebbe detto Gene con un'espressione simile; una ragazza così cattiva. Ero diventato il suo sex toy.

Storie simili

Allora, cosa vuoi fare?

Era il nostro solito incontro del sabato sera. John ed io, i nostri migliori amici Tammy e Roger e il fratello di Roger, Brad, trascorriamo ogni sabato sera a provare un nuovo ristorante. Stasera era un nuovo posto italiano e ci siamo trovati benissimo. Dopo essere tornati a casa nostra dopo cena, eravamo seduti a cercare di pensare a qualcosa da fare. Normalmente noleggiavamo un video, ma pioveva a dirotto, quindi nessuno voleva tornare indietro e non c'erano buoni film in TV. Allora, cosa vuoi fare? chiese Giovanni. «Non lo so», dissi. Cosa vuoi fare Tammy? Non mi interessa, disse Tammy...

1.3K I più visti

Likes 0

Nella foresta con un adolescente

Stavo andando a incontrare la ragazza. Non l'avevo mai vista prima, ho solo chattato con lei poche volte su Internet. Ma sapevo che era giovane - solo 16 anni, e sapeva che io avevo più di dieci anni più di lei... A parte questo, non avevo mai nemmeno visto una sua foto, anche se mi aveva detto che era molto di piccole dimensioni. Avevamo deciso di incontrarci a una fermata dell'autobus, ai margini del centro città. Era una calda giornata estiva e stavo arrivando a piedi. Avevo bevuto un paio di birre per calmare i nervi. Quando ho svoltato nella strada...

1K I più visti

Likes 0

Io e il mio cane

+Ho creato un account qui per raccontare una storia vera di quello che è successo qualche anno fa. L'ho fatto solo per raccontare una storia, ma se volete, potrei scrivere di più.+ Tutto è iniziato il giorno del mio dodicesimo compleanno. Mio padre sa che desidero un cucciolo da sempre, quindi per il mio compleanno mi ha regalato un grazioso cucciolo di golden retriever. Aveva circa 2 mesi all'epoca ed era COSÌ CARINO! Comunque, non ti annoierò con i dettagli. Circa un anno e mezzo o due anni dopo, dopo che è diventato a grandezza naturale, ho notato la sua cosa...

688 I più visti

Likes 0

Lust in Translation, (o Playboy e il dio della melma).

Nel thread CAW 24, Pars001 ha chiesto: può anche avere un tema misterioso di fantascienza o una storia d'amore aliena? dopotutto sono strano La mia risposta è stata: Che ne dici dei negoziati sul trattato tra la razza aliena e gli umani. Il trattato finale deve essere concluso dal sesso tra un alieno e un umano. Per ulteriori punti, raccontalo dal punto di vista sia umano che alieno. A proposito: questa non è un'idea del tutto originale. Ho dovuto provare questo. — Il presidente fissava la pagina web, il suo colore blu troppo saturo gli faceva male agli occhi, ma era...

712 I più visti

Likes 0

Schiavi sessuali rapite_(1)

Il viso di Sara era coperto di lacrime e si poteva vedere l'espressione addolorata sul suo viso. Giaceva legata come un maiale sul pavimento della sua casa. Aveva un anello imbavagliato in bocca, tenendolo aperto. Era ancora vestita. Le sue braccia erano tirate in alto dietro di lei. I suoi polsi erano stati legati strettamente, fissati con una pesante corda di canapa. Una barra di sollevamento era attaccata tra le sue ginocchia; era lungo più di un metro e la teneva aperta e distesa. Una corda era attaccata a ciascuna caviglia, l'altra estremità attaccata ai suoi polsi legati. La corda era...

694 I più visti

Likes 0

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO

BEV LA CAMERIERA DELL'ALBERGO Anni fa ho lavorato alla pulizia di un hotel locale. È stato poco prima che incontrassi Barry ed ero ancora arrapato anche allora. Ho attraversato una fase in cui indossavo calze e bretelle e lo faccio ancora adesso quando andiamo a dondolare e per lui in camera da letto. Racconterò il più possibile dalla mattina, questo è successo in un hotel a 5 stelle in Australia. .................................................. .................................................. .................................................. Oggi è stata una giornata noiosa e lenta, non c'erano molte stanze occupate, quindi non ci sarebbe voluto molto per finire e fortunatamente la mia amica mi stava...

641 I più visti

Likes 0

In vacanza al mare

Anche durante il viaggio in ascensore fino alla loro stanza, Mark e Cindy non riuscivano a togliersi le mani di dosso. Con le loro labbra unite in un bacio appassionato, Mark alzò lo sguardo per osservare su quale piano si trovavano. Bing, l'ascensore è atterrato al loro piano, mentre la coppia si dirigeva verso il balcone aperto verso la loro stanza. Camminando velocemente, hanno quasi investito un bambino che urlava a suo padre nel parcheggio sottostante. Avendo già estratto la chiave, Mark tentò di aprire la loro stanza, la numero 817. Cindy si allungò e afferrò il cazzo mezzo gonfio di...

537 I più visti

Likes 0

Annie e il lupo

La mia vita non è mai stata particolarmente facile, i miei genitori sono morti in un incidente stradale quando avevo solo tre anni, quindi non capivo del tutto di perderli ma non ha reso più facile non averli. Sono finita nelle cure di mia nonna, una donna che stava per raggiungere i 90 anni, ha fatto del suo meglio per crescermi e io non ho chiesto molto, quindi per quanto riguarda i vestiti, ho preso abiti semplici, voluminosi e un po' tozzi. Gli abiti voluminosi mi offrivano un vantaggio, nascondendo il mio corpo. Non sono mai stata orgogliosa di come progredisco...

340 I più visti

Likes 0

...

195 I più visti

Likes 0

Il cornuto - Parte 2

Sinossi della prima parte. Sandy e Ben erano una coppia sposata molto inesperta. Entrambi provenivano da famiglie religiose molto rigide. A causa del debito di gioco di Ben, Sandy ha dovuto scopare Rex, l'allibratore di Ben, per tirarlo fuori dai guai. Rex aveva un pene enorme, qualcosa che né Ben né Sandy avevano mai visto prima. Il cazzo di Rex ha fatto impazzire Sandy, dandole orgasmi che Ben non avrebbe mai potuto produrre. Sandy amava così tanto scopare Rex che ha insistito che in futuro le fosse permesso di scoparlo almeno due volte a settimana. Ben accettò con riluttanza. O era...

2.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.