Legge draconiana, parte 2

1KReport
Legge draconiana, parte 2

Darian schioccò di nuovo le dita per ordinare alle catene tintinnanti di liberare i polsi di Roxanna dal soffitto. Non avrebbe dovuto preoccuparsi della fuga della principessa proprio in quel momento, nonostante il suo esuberante spirito di ribellione. La ragazza crollò senza tante cerimonie sul pavimento di pietra, troppo dolorante per muovere un muscolo, figuriamoci balzare in piedi e correre. Solo i suoi occhi si muovevano, il verde brillante e inquietante delle loro iridi tremolava dietro le sue ciglia imperlate di sudore, e lei lo guardava con respiri superficiali e annebbiati da dietro il suo bavaglio mentre Darian camminava con calma intorno alla caverna.

Allora un suono gorgogliante si registrò nelle sue orecchie. C'era una sorgente all'interno della caverna, ricordò.

Roxanna doveva aver chiuso gli occhi per più di un secondo, perché subito dopo fu scioccata dalla sensazione delle mani di Darian sotto le sue ascelle, che la trascinavano da qualche parte sulle rocce. Riuscì a gestire solo un piagnucolio acuto. Poi stava rotolando sulla ghiaia calda - e un muro di ghiaccio l'ha colpita e le ha risucchiato l'urlo dai polmoni.

Il panico balenò negli occhi di Roxanna. Non ebbe il tempo di inspirare aria prima che il suo petto e la sua testa scomparissero completamente sott'acqua. Faceva freddo, era come se mille coltelli si conficcassero nella sua pelle. Il suo corpo si contorceva all'impazzata sotto la superficie.

La risatina di Darian echeggiò nella caverna. "Avevo dimenticato, i tuoi patetici sensi umani sono molto meno adattivi dei miei", rifletté. Allora entrò nella sorgente e guadò senza sforzo dove il suo prigioniero stava lottando invano per non annegare. Il suo busto tagliava un sibilante percorso di vapore nell'acqua, prova di come la sua pelle bruciasse rispetto alle onde ghiacciate.

Roxanna sentì le braccia lucide di Darian circondarle i seni e finalmente, finalmente sollevarla. Si avvicinò e ansimò in cerca d'aria, le narici tremanti. I suoi denti battevano, ma solo momentaneamente, perché la pelle del suo rapitore stava rapidamente riscaldando l'acqua intorno a loro. Ha quasi cercato di ringraziarlo. Era una fortuna che il freddo le avesse in qualche modo sconvolto la voce.

Ma la fortuna della principessa fu di breve durata. I due erano entrambi nudi nell'acqua, e la punta dell'erezione di Darian - decisamente tutt'altro che dimenticata - le urtò contro il sedere. Lei piagnucolò di nuovo.

"Shh, rilassati," le sussurrò all'orecchio. "Stiamo facendo solo un piacevole bagno insieme."

L'acqua aveva effettivamente spazzato via il pre-cum dal cazzo di Darian, ma aveva una soluzione a tutto. Tenendo il braccio sinistro saldamente bloccato sui seni di Roxanna, allungò la mano destra nell'acqua e inserì un dito nella sua tenera vagina che gli valse un altro piagnucolio pietoso. Prendendo i generosi globi di sperma dall'interno, lo passò rapidamente sul suo bocciolo di rosa tra le sue natiche. Ripeté il processo altre due volte prima di strofinare il resto della sostanza viscosa sulla propria asta.

Piantando saldamente i piedi nel terreno, Darian afferrò i lati dei fianchi di Roxanna e guidò il suo sedere verso il suo cazzo. Era meglio farla finita con il dolore, ragionò, e la sbatté sul suo membro.

Roxanna non sapeva che stava urlando. Le esplosioni di dolore nella sua mente sembravano un ruggito assordante. Con un sorriso storto, Darian si tolse il bavaglio di velluto dalla mascella e si crogiolò nella rauca stanchezza e nella disperazione delle sue urla.

Impaziente e riluttante ad aspettare che la ragazza si adattasse a lui, Darian iniziò a pompare i fianchi per lui a un ritmo spaventoso. Non spinse, ma trovò più facile muovere il suo corpo su e giù nell'acqua stagnante. Doveva stringere i denti e farsi forza prima di poter perdere il controllo: il suo canale anale era così stretto. Era divino. Avrebbe persino desiderato, come un ragazzino ingenuo, di poter semplicemente stare lì nell'acqua calda e scoparsela per sempre.

Roxanna aveva finalmente smesso di urlare. I suoni che le uscivano dalla bocca ora erano più simili a grida acute e soffocate, intervallate da rantoli frastagliati e imprecazioni inarticolate. Darian trovava divertente che il suo cervello avesse smesso di funzionare abbastanza bene da formare messaggi telepatici odiosi contro di lui. Roxanna era concentrata solo sul respirare, sopravvivere. Non aveva mai pensato che potesse esserci una sensazione peggiore di perdere la verginità con questo stregone drago. Le creste attorno al suo cazzo si stavano sfregando dolorosamente contro le pareti del suo buco del culo. Era innaturale, questo allungarsi per assecondarlo. Pensava che ormai la sua membrana dovesse essersi strappata da qualche parte.

"Sei così bella," gracchiò Darian. "Così impeccabile. Così perfetto. Una tale bellezza... tutta mia."

Le ultime due parole uscirono in un ringhio. Le sue unghie nere simili ad artigli si allungarono di nuovo, tagliando la tenera carne dei fianchi della ragazza, e con bestiali ringhi di estasi cominciò a martellarle il buco del culo con abbandono. Era difficile per lui controllarsi con lei. L'ha costretta a piegarsi nell'acqua in modo da poter andare ancora più in profondità. Lei strillò poco prima che la sua testa affondasse sotto la superficie, e quando le sue mani ripresero vita e batterono dietro di lei contro le sue cosce, Darian le afferrò i polsi e glieli inchiodò dietro la schiena con una mano e mantenne una salda presa sul suo fianco con l'altra. . Ha usato i suoi polsi intrappolati come leva per piegarla ancora di più sott'acqua.

"Sì, lotta per me, supplicami di fermarmi," ringhiò. I suoi occhi stavano tornando indietro. "Mi piace quando lo fai." I suoi contorcimenti le fecero solo restringere il canale, e lui emise un forte gemito di pura beatitudine. Alla fine la colpì un'ultima volta e la tenne lì, sentendo i tremiti selvaggi che le attraversavano la schiena ei polsi, e mentre le corde del seme uscivano sgorgando, invocò tutti gli dèi con piacere e lode.

Roxanna non riusciva a respirare. Non aveva mai imparato a nuotare troppo bene: era uno sport disprezzato dalle giovani donne del palazzo. Ma anche se avesse imparato a nuotare, nessuna conoscenza avrebbe potuto aiutarla adesso. Era sicura che Darian l'avesse tenuta sott'acqua per quasi un minuto. I muscoli intorno agli occhi si stavano irrigidendo ei tendini del collo si stavano tendendo a ogni possibile possibilità di fuga. Il dolore nei suoi polmoni vuoti era quasi parallelo al pulsare nel suo buco del culo e all'oscura umiliazione di sentire il suo sperma infuocato inondarle le viscere.

Proprio mentre pensava che stesse per morire, Darian tirò su la testa e le spalle sopra la superficie dell'acqua. Poteva vedere solo il bianco. Il suo corpo ebbe uno spasmo tra le sue braccia.

Darian fece schioccare la lingua. "Povero piccolo umano. Tali scarse capacità di sopravvivenza," tubò. "Sicuramente dovremo lavorare su questo". Fece scorrere una mano tra le ciocche arruffate dei suoi capelli color cioccolato, e quando spostò leggermente il suo peso, Roxanna si rese conto che il suo cazzo era ancora per lo più eretto e inserito nel suo buco del culo.

Lasciami andare, supplicò. Per favore.

La risata di Darian la prendeva in giro. "Cosa, ne hai avuto abbastanza di me?"

"Sono... sono così stanca," sussurrò.

"Ah, tutte le cose belle devono finire, suppongo," Darian finse di sospirare. Uscì cautamente dalla piscina, sostenendo l'intero peso della ragazza tra le sue braccia, la sua asta ancora ben sepolta dentro di lei. "Ma poi di nuovo, suppongo che il mondo non finisca mai le cose buone."

Roxanna dovette rabbrividire per il modo in cui aveva pronunciato quelle parole.

Darian continuò a muoversi lentamente all'indietro attraverso la caverna finché non arrivarono a una specie di muro irregolare. Fece un gesto con la mano e le catene che giacevano dall'altra parte della sorgente vennero strisciando stranamente sulla ghiaia verso di loro.

Cos'altro potrebbe farmi adesso? pensò Rossana.

La sua quasi voce era quasi allegra. "Perché, ti lascio dormire in pace, naturalmente." Le avvolse le rozze catene intorno ai seni e sopra le cavità tra la gola e le clavicole, e gliele tirò sulla schiena per assicurarle i polsi dietro di lei. La piegò di nuovo in avanti così da poter finalmente uscire dal suo buco del culo. Il suo cazzo ha lasciato il suo canale con uno schiocco quasi riluttante e disgustoso.

Darian schioccò di nuovo le dita e le catene volarono in alto per riattaccarsi al soffitto. Uscì davanti alla ragazza, e lei rimase in una posizione molto scomoda, in piedi con le gambe divaricate per mantenere l'equilibrio, piegata sui fianchi con le mani legate e sollevate verso il soffitto dietro di lei, e la base del collo sostenuta dalle catene che premevano duramente nella carne dei suoi seni.

Il familiare liquido appiccicoso e caldo iniziò a scorrere lungo le gambe di Roxanna. Darian sospirò, quasi con condiscendenza. "E subito dopo che ti ho ripulito così bene!" La spinse sulle spalle, facendola ondeggiare sulle punte dei piedi e camminare all'indietro finché qualcosa di duro e liscio le toccò il sedere. Gli occhi di Roxanna si spalancarono in totale incredulità. Ma prima che potesse protestare o puntare i talloni, Darian aveva già iniziato a impalarsi il culo e la figa su due sporgenze innegabilmente falliche nella parete rocciosa della caverna.

"Unghh...noo," gemette. "È troppo - ow - sono dolorante! No! Non farlo!" Ha quasi urlato. Queste... queste cose simili a un cazzo non erano neanche lontanamente grandi quanto il membro di Darian, ma sicuramente non erano una comoda intrusione nelle sue parti intime.

Darian fece una risata profonda. "Ho un certo talento per la creatività, vero? Dopotutto, ho praticato la mia magia ogni giorno per il tuo arrivo."

strillò Roxanna. "Maledetto! Maledetto! Brucerai nelle profondità dell'inferno!"

"Sono davvero felice di sapere che ti senti così." Darian era impegnato a dare gli ultimi ritocchi al suo spettacolo. Ha aggiunto un anello di catene alle caviglie della ragazza in modo che non potesse spingersi dal muro.

"Perché stai facendo questo a me?" cominciò a singhiozzare.

"È abbastanza semplice, davvero. Magia appena profonda, sai," rispose lo stregone in modo colloquiale. "Preferisco non gradire la vista dello sperma che scorre lungo il tuo corpo subito dopo averti fatto un lungo bagno caldo. E inoltre, se devo generare un nuovo giovane drago, quanto sarebbe furbo da parte mia lasciare il mio seme dal tuo grembo?"

"Vaffanculo." Roxanna finalmente lasciò cadere la testa sul pavimento.

A quel punto, gli occhi di Darian si accesero improvvisamente. Quasi nulla che la ragazza avesse detto fino a quel momento lo aveva irritato abbastanza da vendicarsi inutilmente contro di lei, ma questa volta riteneva che la sua insolenza meritasse una punizione. Fece un passo verso di lei, le afferrò i capelli nel pugno e spinse selvaggiamente il suo cazzo eretto giù per la sua bocca aperta.

"Ungh...ungh - ungh!"

Roxanna era impreparata all'attacco. Piegata sui fianchi ad angolo retto, con la bocca allo stesso livello dei genitali di Darian, era nella posizione perfetta per essere fottuta profondamente. Prima era stato impaziente con lei, ma ora non le mostrava pietà. Le afferrò i capelli e il mento con entrambe le mani e tirò forte, e la sua lunga asta superò la parte posteriore della sua bocca ed entrò nella sua gola. Se avesse potuto urlare per la sua vita, l'avrebbe fatto. Le spinse indietro la testa, poi tirò di nuovo ferocemente, spingendo oltre il suo riflesso del vomito e spingendole un altro centimetro in gola. Lui mantenne il ritmo brutale, spingendole indietro la testa e spingendola in avanti, più e più volte, facendole affondare ogni volta più carne nell'esofago. Dopo diversi minuti le aveva schiacciato il naso contro i peli intorno alle palle.

La testa di Roxanna stava girando. Non aveva idea di cosa avesse fatto per provocare Darian - era stato così affascinante riguardo all'intera faccenda, si era persino scusato. Pensava che il suo primo pompino per lui fosse stato spietato, ma ovviamente aveva pensato male. Non riusciva a respirare. Non riusciva a pensare. Non riusciva nemmeno a muovere le mani oi piedi, tanto erano tesi contro le catene. E per aggiungere all'orrore di tutto ciò, era ancora impalata sia nella figa che nel culo sui falli di pietra. Erano lisci e freddi e lei si sentiva come se la stessero scopando da dietro mentre Darian spingeva e tirava il suo corpo avanti e indietro con cattiveria per fotterle in gola.

Le sue palle emettevano forti rumori di schiaffi che le facevano contorcere lo stomaco per la nausea mentre riecheggiavano per tutta la caverna. Tutto ciò che si poteva sentire nel silenzio era lo sciabordio della piscina e lo schiaffo delle sue palle sul mento di lei e il suono gorgogliante e soffocante del suo cazzo che si tuffava dentro e fuori, dentro e fuori dalla sua bocca, il tutto mescolato con le sue grida strozzate. di "unghh...unghh...unghhh!"

"Posso assecondare te e le tue meschine lamentele umane, ragazza," abbaiò Darian, "ma devi venire a sapere chi è il padrone qui!"

Continua...

Storie simili

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

959 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt 5

Pochi giorni dopo il suo allevamento con D, ha chiamato e ha fissato un appuntamento per riportare il suo cane da allevare di nuovo. A causa della sua fitta agenda, Stephanie ha fissato l'orario subito dopo aver chiuso le normali operazioni. Stephanie era eccitata, perché questa sarebbe stata la sua prima volta con una donna. Circa un'ora dopo la sua chiusura ufficiale, qualcuno ha bussato alla porta dell'ufficio. Riuscì a malapena a contenere la sua eccitazione mentre apriva la porta per D, sua moglie e il loro cane. Ciao, sono Stephanie, gestisco il canile e facilito gli allevamenti, ha detto, offrendo...

2.3K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.