Regina Yavara: Capitolo 12

181Report
Regina Yavara: Capitolo 12

Capitolo dodici

PRESTIRO

Yavara era di buon umore, avendo ricevuto il messaggio stamattina che sia Brock che Elena erano vivi e stavano bene. Da quello che il piccolo Zander aveva rischiato di mettere sulla pergamena, ho dedotto che aveva messo in atto dei piani per trovare un Froktora. Brock mi piaceva, davvero, ei Terdini erano famosi per la loro forza e le loro dimensioni, ma erano semplicemente un clan troppo piccolo. I Protaki erano la tribù più numerosa di The Pines, ma anche loro impallidivano in numero rispetto alle orde di The Tundra. Le dieci tribù di The Tundra (giustamente chiamate "The Ten" poiché gli orchi sono così fottutamente creativi) sarebbero indignate se qualcuno diverso da uno di loro si chiamasse Froktora. Anche allora, il loro odio reciproco era così profondo che il semplice nominare uno di loro come candidato poteva scatenare una guerra. Tuttavia, era meglio di un netto rifiuto, che era quello che temevo avrebbe ricevuto Yavara se avesse presentato Brock ai Dieci. Una guerra poteva finire rapidamente con poche morti chiave, ma l'imbarazzo politico durava una vita. Yavara aveva mostrato un certo acume politico quando aveva lanciato la missione di salvataggio, ma aveva ancora molto da imparare. La sua feroce lealtà verso i suoi amici era la sua più grande debolezza e sarebbe stata usata contro di lei. Quindi, ho classificato i suoi amici in "beni" e "passività", soppesando i benefici e i rischi che ognuno portava. Zander era certamente una risorsa, e anch'io credevo di esserlo. Brock non era ancora un ostacolo, ma era al limite, ed Elena... Elena Straltaira era una bomba a orologeria. Se c'era qualche vantaggio per il ranger ribelle, era mantenere Yavara centrato. Perché avevo visto l'ombra di ciò che Yavara poteva essere senza la sua ancora morale, ed era terrificante.

Mi scossi dalla mia contemplazione e mi concentrai sul compito a portata di mano. Niente di tutto questo avrebbe importanza se non potessimo ottenere un prestito da Re Dreus, e per farlo, Yavara dovrebbe ancora una volta fare affidamento sul suo crudo acume politico. Mentre il sole alto cuoceva nell'aria il fetore del pesce morto, l'ho istruita al meglio delle mie capacità.

“Dobbiamo stare attenti con le nostre parole, Yavara. Vorrà essere trattato come sopra di te. Non puoi permettere che ciò accada, ma non puoi mancargli di rispetto, altrimenti sarà costretto a salvare la faccia". spiegai a Yavara mentre camminavamo lungo il molo. Il cappuccio della mia tunica bianca mi copriva il viso, il simbolo della Santa Madre cucito su di esso. Yavara indossava un abito da sacerdotessa simile, il cappuccio le copriva la metà superiore del viso. Anche bande di selvaggi rispettavano il lavoro della chiesa, e attaccare le sacerdotesse sarebbe stata una violazione della legge sulla strada. Viaggiavamo in incognito per due motivi: uno, perché anche se eravamo al porto, dove non mancavano i lealisti di Alkandran, la sicurezza di Yavara non era ancora garantita; e due, a causa dell'ottica. Ora che il mondo sapeva chi era Yavara, la sua reputazione doveva essere coltivata come un bambino malato. Se tutti sapessero che Yavara era andata da Drake Titus per chiedere aiuto, l'avrebbe fatta sembrare debole, e sebbene i sudditi di Yavara potessero trascurare molti tratti indesiderabili della loro Regina Oscura, la debolezza non era uno di questi.

"Quindi, dovrei mostrargli rispetto, ma usare un linguaggio sottile che gli dica che sono migliore di lui, senza mancargli completamente di rispetto?" Yavara chiese: “Sono confuso; quest'uomo è il capo della banda più famigerata della città, e io dovrei parlare con lui nella sua stessa corte?"

"Non parlare giù." Ho spiegato: "Usa solo prefissi di uguale, ma assicurati che ti chiami 'regina'".

"Suppongo che non sarà facile come succhiargli il cazzo e promettergli dei soldi." Yavara brontolò.

sbuffai. “No, questa situazione richiede più tatto di quello. Pensa solo alle tue domande, se ne hai, ti guiderò attraverso di esse.

«Conosci Tito?»

"Sono stato vicino alla sua madre di sangue, Gloria Titus, per un po '." Dissi mentre giravamo l'angolo: "È andata attraverso il mare fino a Hektinar per inseguire gli idoli pagani, come era una donna da fare. Questo è il posto lì. Arrivammo a una grande porta di carico, con una porta pedonale più piccola incorporata. Ho bussato tre volte. La finestra si aprì e due occhi neri ci fissarono.

"Che lavoro avete qui, sorelle?" chiese l'orco.

"Siamo qui per parlare con Drake Titus." Ho risposto.

«Che affari hanno due sorelle della chiesa con Mister Titus?» Ringhiò.

«Affari suoi, non tuoi.» Ho risposto. La finestra ci ha sbattuto in faccia.

"Ben fatto." mi sibilò Yavara.

"Aspetta. Titus gestisce un'operazione di contrabbando sotto il tempio della città. Sarà curioso di sapere perché siamo qui.

La finestra si aprì di nuovo e l'orco parlò. «Titus ti vedrà subito.»

Sorrisi a Yavara.

Piccola puttanella compiaciuta. Lei rispose telepaticamente.

Abbiamo varcato la porta e le nostre orecchie sono state immediatamente assalite da una musica ad alto volume. I flash pot hanno fatto esplodere la stanza buia con una luce stroboscopica, facendo sembrare che la folla danzante si stesse spostando rapidamente. Dal soffitto pendevano gabbie dove ballerini nudi di razze diverse volteggiavano al ritmo della musica, il sudore che gocciolava dai loro corpi, che sgorgava dai loro capelli scompigliati. La gente scopava in mezzo alla pista da ballo con selvaggio abbandono, i loro movimenti sincronizzati con il ritmo, le loro facce come animali. L'orco ci guidò lungo il perimetro, separando la folla mentre lo faceva.

Questo posto è fottutamente fantastico! La voce stridula di Yavara riecheggiò nella mia testa.

Fa sembrare il nostro piccolo spettacolo al bar un gioco da ragazzi. Sono abituato.

L'orco ci guidò verso una porta sul lato della stanza con "V.I.P." grossolanamente dipinto su di esso. "Apri le tue vesti e alza le mani in aria." Ha comandato.

Yavara e io abbiamo obbedito e sopportato la sua ricerca approfondita e spassionata di noi. I nostri cappucci sono rimasti sui nostri volti e per fortuna l'orco non si è degnato di bestemmia facendoceli rimuovere.

«Potete parlare con Tito, sorelle.» L'orco aprì la porta e ci fece cenno di entrare prima di sbatterla dietro di noi. I miei occhi furono accolti da un'altra scena di depravazione. Masse di carne pallida si contorcevano insieme come una pulsante bestia del sesso, sono molti gemiti e urla che formano un ronzio discordante. La stanza era scarsamente illuminata da torce che bruciavano fiamme rosse, conferendo all'orgia un bagliore infernale. Ogni membro dell'orgia aveva la pelle bianca come la neve, i capelli neri come il giaietto, le iridi cremisi che mostravano pupille feline e le labbra rosso sangue che si aprivano per esporre le zanne bianche. Se c'era un vantaggio nel vampirismo, era l'eterna giovinezza e bellezza, poiché tutte le donne erano statuarie e voluttuose, e tutti gli uomini erano alti, magri e forti. I loro lineamenti gotici erano sensualmente predatori e si concentravano sull'odore del sangue fresco.

"Sorelle!" Un uomo chiamato giovialmente dal centro di tutto. Non dovevo indovinare che fosse Drake Titus; la sedia stravagante, l'ornamento di gioielli e le due donne che adoravano leccargli il cazzo erano tutte le prove di cui avevo bisogno. Gloria sarebbe orgogliosa del suo figlio di sangue. Facendo un respiro d'acciaio, ho attraversato la dissolutezza, guardando le membra erranti ritirarsi davanti al mio cammino. Non ero un telecinetico estremamente abile, ma potevo far saltare il tetto di un edificio ed esporre tutti al sole di mezzogiorno. Avevo scelto di proposito l'ora del nostro arrivo. Mi fermai a dieci passi da Titus, diffidente degli occhi affamati e delle zanne affilate che si nascondevano alla mia periferia.

"Toglietevi i cappucci, sorelle." Titus ha comandato: "Ho bisogno di vedere gli occhi delle persone con cui ho a che fare".

Yavara mi lanciò un'occhiata e io annuii. Insieme, abbiamo tirato indietro i nostri cappucci. Non ci furono sussulti che accompagnarono la rivelazione della Regina Oscura, perché i vampiri non erano inclini a simili esclamazioni umane. Ci fu solo un'improvvisa sordina della baldoria, che rese la stanza abbastanza silenziosa da sentire cadere uno spillo. Da parte sua, Yavara non sembrava per niente di cattivo umore. Teneva la testa alta e orgogliosa, risoluta davanti a Drake Titus.

"La stessa Regina Oscura viene a casa mia!" Tito esclamò: “Avrei voluto che mi avessi avvertito in anticipo, Vostra Altezza; Mi sarei reso presentabile”.

"Stai bene così come sei." Yavara disse ironicamente, i suoi occhi navigavano lungo il suo cazzo. Titus sorrise a Yavara, anche se potevo vedere che stava semplicemente guardando il suo collo.

"E cosa porta la regalità nelle mie umili stanze?" chiese Tito.

«Abbiamo una proposta per te, Titus.» gli dissi, non apprezzando il bagliore dei suoi occhi rossi. Si voltarono verso di me, ma il luccichio del desiderio non diminuì.

“Prestira Rasloraca. Mia madre aveva sempre delle parole scelte per te. Inclinò la testa, il suo sorriso si trasformò in un sorrisetto storto: "Che tipo di proposta ha in mente il famigerato avaro di Ardeni?"

"È una mia proposta, Titus", disse Yavara, "ti chiedo di unirti a me ad Alkandra".

"Perchè dovrei farlo?" Titus rise: "Ho ricchezze oltre la mia immaginazione, ho sangue fresco ogni notte e ho nuove figlie ogni settimana". Titus ha schiaffeggiato i culi delle due donne che lo servivano. "Ivanka e Tiffany, salutate la regina Yavara Alkandi e Prestira Rasloraca."

"Ciao Yavara, ciao Prestira." Dissero in modo seducente, fissando sfacciatamente le nostre gole. Mentre ero quasi consumato dall'impulso di abbassare il mento, Yavara osò inclinare leggermente il suo verso l'alto. Pensava che fosse divertente.

"Regina Yavara". Yavara corresse, sorridendo alle donne.

"Mi dispiace, Vostra Altezza", Titus rise mentre abbassava la testa di sua figlia, "Erano ragazze di bassa nascita una volta, e non hanno mai imparato l'etichetta corretta. Mordere figli e figli privilegiati crea complicazioni indesiderate, capisci. Ora, la tua proposta suona come una richiesta di fedeltà, e nel caso non l'avessi notato," Titus fece un gesto intorno a sé, "Mi piace molto essere il capo. Cosa ci guadagnerei a inchinarmi a te?

"Ricchezza, terra e titoli ad Alkandra." Yavara ha risposto.

"Ho ricchezza, ho terra e non mi servono i titoli". Il sorriso di Titus si allargò, le zanne che brillavano nitide nella luce rossa: "Sai cosa voglio, regina Yavara?"

"Che cosa?" lei chiese.

"Voi."

"Questo è fuori questione!" urlai, stringendo il pugno, sentendo l'aria intorno a me, le travi di legno delle travi del soffitto, le giunture che tenevano la parete al tetto. Dall'alto risuonò uno scricchiolio quasi impercettibile, ma Titus lo sentì. Inclinò la testa verso l'alto, poi mi guardò, imperterrito.

"Questa è la mia condizione." Disse, alzando le spalle: “Getterò le mie ricchezze e le mie armi dietro i vostri stendardi solo se so che il mio popolo sarà ben rappresentato. Altrimenti sto rischiando molto per l'ignoto e non metto soldi dietro investimenti sbagliati. Se la regina Yavara condivide il mio sangue, saprò che i suoi interessi e i miei sono allineati.

“Questa non è una condizione che possiamo accettare. Mi dispiace per averti fatto perdere tempo. dissi, voltandomi per andarmene. Yavara mi mise una mano sulla spalla.

«Com'è, Tito?» Ha chiesto: “Vampirismo, come ci si sente? Parla onestamente.

“Non è terribile. Se hai un apporto di sangue affidabile, difficilmente ti accorgi delle voglie. Non hai bisogno di dormire, hai un'energia illimitata e i tuoi sensi sono intensificati. Per non parlare dell'eterna giovinezza e bellezza, però, vedo che state entrambi bene in quel reparto. disse Tito con notevole fascino. Se fossimo fanciulle, saremmo arrossite.

Yavara, non pensarci nemmeno. dissi nella sua mente.

Abbiamo bisogno di lui, Prestira. Non c'è altro modo.

Sacrificheresti tutto se lo facessi. Non camminerai mai più alla luce del giorno e i piaceri della vita svaniranno nel bisogno sempre presente di nutrirti. Alla fine, tutto il tuo essere ne sarà consumato. La morte è preferibile.

"Ti ringrazio per l'offerta, ma non è quella che posso accettare." Yavar ha detto.

"Posso fare delle concessioni." Titus sorrise con simpatia.

"Piace?" chiese Yavara.

«Prendo invece Prestira.»

"Me?!" Ho quasi sputato.

“Hai l'orecchio della regina e sei uno degli esseri più potenti sulla terra. Ti concederei come valida alternativa.

Hai ragione, andiamocene di qui. Yavara disse: "Mi dispiace, Titus, ma chiedi troppo".

"Posso fare un'ultima concessione!" urlò Titus mentre ci voltavamo.

"Sembra che tu sia di umore piuttosto generoso oggi." Sorrisi da sopra la mia spalla, "Qual è la tua ultima concessione?"

“Escursioni diurne. Vi rendo entrambi camminatori diurni, ma dovete essere entrambi.

"Non so cosa sia un 'camminatore diurno', Titus, per favore spiegami." chiese Yavara.

«Un giorno che cammina», rispose Titus, torcendo le labbra, «è una mezza misura. Non mantieni nessuno dei benefici del vampirismo, ma finché rimani nella tua forma naturale eviti anche gli... effetti collaterali. Il nome è un po' un termine dispregiativo, ma sono sicuro che gli aggiungerai un po' di prestigio.» Tito si voltò alla sua sinistra e gridò: "Bruto, vieni qui!" Dall'altra parte della stanza, un uomo bruttino di mezz'età uscì pesantemente da dietro il bancone, posando un bicchiere che stava lucidando. "Brutus è un camminatore diurno", spiegò Titus, "avevamo bisogno di qualcuno che potesse andare a fare corse alcoliche durante il giorno".

L'ometto calvo camminava goffamente attraverso l'orgia, inciampando di tanto in tanto sugli arti che erano stati crudelmente messi sul suo cammino. Teneva gli occhi bassi, come doveva, perché le bellissime bestie intorno a lui lo fissavano con palese disprezzo. Avevo la sensazione che una volta Brutus avesse avuto la stessa scelta che aveva Yavara, e che avesse scelto male agli occhi dei vampiri. Si fermò davanti a noi, senza osare alzare la testa, le spalle inclinate in decenni di sconfitte.

"Questo è un camminatore diurno?" chiese Yavara, abbassandosi per collegare gli occhi a Brutus. Distolse lo sguardo e provai una fitta di pietà per lui.

«Patetico, vero?» Tito sospirò.

Yavara prese la testa di Brutus tra le sue mani e costrinse gentilmente il suo sguardo a quello di lei. "Bruto", disse con gentilezza sfrenata, "puoi mostrarmi cosa significa essere un camminatore diurno?"

Bruto lanciò un'occhiata timorosa al suo padrone.

Tito roteò gli occhi. “Brutus, la regina Yavara prenderà il controllo della tua mente ora. Cerca di non cagarti.»

Yavara si concentrò sulla mente di Brutus e vi si lanciò immediatamente. Inciampò in avanti, si riprese, poi si raddrizzò. Dall'angolazione orgogliosa della sua schiena e dalla mancanza di paura nei suoi occhi, sapevo che Yavara aveva il controllo.

"Come ti senti?" chiesi a Yavara nel corpo di Bruto.

"Come un ragazzo grasso con un problema con l'alcol e molti rimpianti." Yavara si accigliò. Tirò la cintura di Brutus verso l'esterno e guardò il contenuto dei suoi pantaloni. Lei inarcò le sopracciglia. "Ma immagino che abbia ragione per lui."

"Allora, dove entra in gioco l'elemento vampiro qui?" chiesi a Tito.

“Yavara, dovresti sentire una parte della mente di Brutus che è dormiente. Dovrebbe sembrare un muscolo che non stai usando, come se il tuo braccio si addormentasse e perdessi la funzione delle dita. Capisci quello che sto dicendo? chiese Tito.

“Sì, lo sento. Dovrei solo... fletterlo?" chiese Yavara attraverso la voce di Brutus.

"Andare avanti." Tito rispose.

Il corpo di Bruto è cambiato radicalmente. La sua pelle è diventata pallida, i suoi capelli sono diventati neri, è cresciuto di quasi un piede di statura ed è diventato magro e duro dove era stato morbido e grasso. Yavara sbatté le palpebre per gli occhi rossi, le pupille a fessura dilatate.

"Oh." Lei ansimò.

"Piuttosto bello, vero?" Tito sorrise.

"Yavara, come va?" Le ho chiesto.

"Mi sento così vivo! Il potere... oh, il potere! Mi sento come se potessi fare a pezzi un uomo! E il mio desiderio sessuale è solo... wow.

"E la voglia?" Ho chiesto.

"Nessuno sotto la mia cura soffre la brama, nemmeno Bruto." disse Tito risoluto. Sospettavo che avesse più a che fare con il fatto che Ardeni Dreus fosse il buffet a volontà di un vampiro che con qualsiasi benevolenza da parte di Titus, ma un buon leader si prende sempre il merito delle cose buone, anche se non sono opera sua.

Yavara ridusse Bruto alla sua forma minore, poi tornò completamente nel suo corpo. Bruto sbatté stupidamente le palpebre per un secondo, i suoi occhi vacui, il suo intero essere privo della gloria che aveva appena espresso. Tornò al bar e riprese a pulire i bicchieri.

"Accetto questi termini." Yavar ha detto.

“E tu Prestira?”

Lanciai un'occhiata nervosa a Yavara, i suoi occhi arancioni accesi di eccitazione. “Divertiamoci!” sembravano dire. Le ho regalato un sorriso. "Accetto."

"Grande!" Esclamò Titus accarezzando i sedili accanto a lui: "Vieni a sederti qui e ti mettiamo le zanne".

Le figlie di Titus si spostarono mentre io e Yavara ci sedevamo accanto a lui. "Chi va per primo?"

«Lo farò, Tito. Se qualcosa va storto, dovrebbe essere su di me. risposi, la mia voce tremava leggermente.

«Oh, dopo tutto hai un lato nobile, Prestira. Stai tranquillo, niente andrà storto. Siediti e rilassati. mi sussurrò Tito all'orecchio.

Le forti mani di Titus mi tolsero delicatamente la veste dalle spalle, lasciandola drappeggiare sui miei seni. Sentivo il suo respiro sul mio collo, così freddo, come un gelo invernale che mi accarezzava la gola. C'era un'intimità nel suo tocco che rasentava il sessuale e il predatore, e io quasi appassii sotto di essa. Il suo morso era indolore. Ho sentito una piacevole debolezza permeare dalla fonte, come un solletico nella carne. Poi è diminuito e ho sentito... paura.

Il mio cuore batteva più forte. Un lamento mi sfuggì dalle labbra. Il mio cuore batteva più forte. Il freddo mi colava lungo il collo. Il mio cuore batteva più forte. Si è diffuso verso l'esterno, come il ghiaccio che si muove gelatinosamente nelle mie vene, come se ne fossi infettato. Il mio cuore batteva più forte. Mi è gocciolato nel petto. Il mio cuore batteva più forte. Si è accumulato nel mio cuore. Il mio cuore batteva più lentamente. I miei muscoli tesi si rilassarono. Il mio cuore batteva più lentamente. Ero così debole. Il mio cuore batteva più lentamente. La mia testa era così pesante. Il mio cuore batteva più lentamente. Era tutto così freddo. Il mio cuore batteva più lentamente. Sono caduto contro Tito. Il mio battito cardiaco si fermò.

Il mio cuore batte. Il mio cuore batteva più forte. Più veloce, più veloce, più veloce. Io sono forte! Riesco a sentire il sangue scorrermi dentro, impennarsi come un torrente dentro! Sangue. Sangue. Ho bisogno di sangue! C'è una donna; ha sangue! Mi precipito e prendo la donna, piegandole il collo per mostrare la vena pulsante. Posso vederlo attraverso la sua pelle; Riesco a sentirne l'odore! Affondo le mie zanne dentro di lei e succhio attraverso i capillari. Lei piagnucola. Non mi interessa. Continua a nutrirti. Continua a bere sangue. Così buono. Sangue-sangue-sangue. Sento la vita scorrere dentro di me, elettrizzando ogni muscolo, ogni nervo e neurone. Sono potente, sono la vita al limite, ardente, ardente dall'interno! La donna si accascia tra le mie braccia, e io la abbasso come un amante, come un assassino. Ci sono braccia forti su di me, che mi tirano via. Digrigno e ringhio a volti sconosciuti mentre mi separano dalla mia preda. Chi sono loro per prendere ciò che è mio? Quell'uomo sta parlando con me. Non ha sangue per me. Lo riconosco. Tito. Il suo nome è Drake Tito. Cosa sta dicendo? "Come?" "Come ti senti?" Sta sorridendo. Guardo la donna. È cullata tra le braccia di Tiffany ed è ancora viva. “Prestira?” dice Tito. È il mio nome? Prestira? Sì, è il mio nome. Mi chiamo Prestira. Mi chiamo Prestira Rasloraca, sono una strega e sono innamorata di Zander Fredeon. E io sono amico di Yavara. Yavar. La donna tra le braccia di Tiffany non è Yavara. Yavara è seduto accanto a Titus. Ha paura di me. I miei ricordi tornano in me. Riprendo il controllo. Ritorno dall'eterno presente e vivo ancora una volta nell'universo del passato e del futuro.

“Prestira, come ti senti?” chiese Tito.

"…Vivo." gli dissi dopo qualche riflessione, ancora stordita. Ho abbassato lo sguardo su me stesso. La mia pelle era solo leggermente più pallida di prima, ei miei capelli erano ancora neri. Era lì che finivano le somiglianze, perché il corpo sotto di me era irriconoscibile. I miei piccoli seni si erano gonfiati in cupole pressanti, il mio modesto fondoschiena si era gonfiato in seducenti globi e lo spazio tra le mie cosce si era ridotto a nulla. Muscoli flessuosi rotolavano sotto la mia carne di seta, ombre che smentivano striature e corde quando muovevo la mano. I miei vestiti erano a brandelli sul pavimento, ma non provavo vergogna per la mia nudità. Perché un predatore all'apice di una grazia e una bellezza così terribili dovrebbe preoccuparsi di qualcosa di così benigno come la modestia?

"Posso capire che." Titus ridacchiò: "È una gran fretta, vero?"

Guardai la mia preda e provai un'ondata di orrore. "Hai detto che il desiderio non ci sarebbe stato!"

“Ho detto che non ci sarebbe stato finché fossi rimasto nel tuo stato naturale. Più a lungo resterai senza sangue, peggio sarà quando ti trasformerai. Quindi, assicurati di nutrirti se hai intenzione di cambiare, altrimenti morderai la cosa più vicina a te.

"Starà bene?" chiesi, esaminando la ragazza pallida. Tiffany sembrava riluttante a farmela vedere. Teneva la donna stretta al seno, stringendola tra le braccia protettive.

“Julia è la futura figlia di Tiffany e deve sopportare le prove dell'iniziazione. Non preoccuparti, ha passato molto peggio di te. Titus agitò una mano sprezzante, poi urlò: "Pratok, porta dentro Angela!"

L'orco fece entrare un'altra donna poco vestita. Ivanka si precipitò immediatamente da Angela e l'abbracciò forte. Dopo aver sussurrato alcune parole di incoraggiamento e scambiato baci sorridenti, ha presentato la sua futura figlia di sangue alla Regina Oscura. La mascella di Angela è caduta quando ha visto di chi stava per essere la cena. Ha tentato un inchino con la minigonna che aveva, e Ivanka l'ha rimproverata adorante per averlo fatto.

"Sei pronta, mia regina?" chiese Titus, tirando la veste di Yavara sulla sua spalla per mostrare la brillante lunghezza del suo collo di bronzo. Yavara mi guardò, osservando il mio corpo con soggezione. Dio, sembri così fottutamente sexy in questo momento.

E tu sembri assolutamente delizioso. risposi sardonicamente, leccandomi una zanna. Attraverso la veste di Yavara, attraverso la sua stessa carne, vidi il suo cuore accelerare, pulsare di vita ai vasi che si preparavano tra le sue gambe. ho sorriso. Sembra che qualcuno abbia un feticismo per i vampiri. Ah, avere di nuovo tredici anni...

Non giudicarmi, puttana. Yavara ha messo il broncio, e penso che sia più un feticcio di vore che altro. L'idea di te che mi mangi vivo, che mi succhi finché non sono un guscio raggrinzito sul pavimento... Yavara alzò gli occhi al cielo e rabbrividì visibilmente.

Sei così contorto. risposi, incapace di distogliere lo sguardo dalla vena che le pulsava in gola. Oh, sembrava così bello.

Prestira? Yavara mi lanciò uno sguardo interrogativo, poi la sua bocca si increspò subdolamente. Piegò il collo in un arco e fece scorrere le dita in modo stuzzicante lungo la sua lunghezza. Stavo praticamente sbavando. Sai... Mi ha rimproverato nella mente, se tu diventassi la mia madre di sangue, aggiungerebbe una dimensione completamente nuova al nostro incesto.

Lo sarebbe, no? Sorrisi e vidi Yavara arrossire alla vista delle mie zanne. Era come guardare una pesca inumidita dalla rugiada, e mi ci volle tutta la mia volontà per non saltare sulla Regina Oscura e prosciugarla.

"Tito?" Yavara chiese, con gli occhi socchiusi dal desiderio: "Prestira può farlo?"

"Se questo è quello che vuoi." Titus sembrò un po' deluso: “Sarai ancora nel mio lignaggio, e questo è ciò che conta per me. Prestira, vuoi solo iniettarle da una zanna per renderla una camminatrice diurna. Esercitati su te stesso”.

Ho morso il mio avambraccio, notando che non c'era dolore, e ho iniettato il veleno da entrambe le zanne finché non ho capito come controllarle individualmente. Mi staccai dal braccio e guardai mentre la ferita guariva all'istante. Poi ho guardato Yavara. Fece un piccolo sorriso, inclinò la testa e si tirò i capelli di lato, dandomi un angolo perfetto con la sua vena. Feci un passo davanti a lei, facendo scorrere un dito avido lungo la sua lunghezza blu, guardandolo riempirsi di sangue al mio tocco. Il mio respiro le accarezzò il collo, e lei rabbrividì per l'anticipazione e per il gelo dei miei polmoni. Baciai il punto che avrei bucato, le labbra rosso sangue umide della mia saliva. Lei ansimò, poi trattenne il respiro. Affondai le mie zanne nel suo collo e succhiai profondamente, assaporando il sangue divino della Regina Oscura, la miscela di elfi, succubi e orchi che le scorrevano nelle vene. Oh, che miscuglio era. Potevo sentire le mie pupille dilatarsi mentre il suo plasma narcotico mi attraversava, poi iniettai il mio veleno, riversando il contenuto delle mie ghiandole vampiriche nel profondo del suo cuore. Lei piagnucolò, ondeggiando come avevo fatto io nell'euforia paralizzante del gelo della morte. Poi, se n'era andata.

Gli occhi di Yavara si spalancarono, le iridi cremisi ardevano dietro le pupille a fessura dilatate. Trasse un respiro disperato dalle labbra rosso sangue, vivide contro la sua carne di porcellana. Come un serpente in muta, si contorceva sul pavimento, perdendo i vestiti per rivelare il corpo sottostante. Balzò verso l'alto, gli occhi concentrati sulla ragazza umana davanti a noi. Con una rapidità che smentiva l'occhio nudo, Yavara si precipitò sulla sua preda, girò la testa della ragazza di lato e seppellì le sue zanne. Angela piagnucolò, impallidì, poi crollò tra le braccia di Yavara. Delicatamente, Yavara la abbassò a terra, saziando la sua fame rapace, la sua gola deglutendo. Ha rinunciato ad Angela con molta più grazia di quanto avessi fatto con Julia, deponendo la ragazza priva di sensi tra le braccia della sua futura madre di sangue. Poi si alzò, il petto ansimante, gli occhi selvaggi, il bel corpo immerso nella luce rossa della torcia. L'intera stanza era fissa, osservando ogni sua mossa.

Tito batté le mani: "Fratelli e sorelle, figli e figlie, vi presento, nostra regina!"

Allora si inginocchiarono tutti, centinaia di loro si inginocchiarono senza emettere un suono. Yavara guardava i suoi nuovi sudditi con occhi megalomani, quello sguardo che mi spaventava tanto quanto mi eccitava. Poi si è voltata verso di me, e dal suo volto gotico da vampiro, ho visto lo Yavara che conoscevo irrompere con un sorriso selvaggio.

“Non so perché avete interrotto l'orgia. Andiamo a scopare! Disse, e saltò tra la folla. Yavara fu immediatamente presa da due uomini, le loro forti braccia la sollevarono tra di loro prima di penetrare in entrambi i fori. Emise un ruggito animalesco, poi affondò le sue nuove zanne nel collo dell'uomo che la prendeva davanti, la sete di sangue che si mescolava alla sua controparte carnale. Tiffany e Ivanka sono strisciate verso di me, sono lingue che si leccano le labbra rosso sangue mentre i loro culi pieni ondeggiano dietro di loro.

«Adesso sei sorella, Prestira.» Tiffany tubava mentre strisciava sul mio corpo.

"La nostra sorella di sangue per sempre." Ivanka sorrise mentre la sua mano scivolava tra le mie gambe.

Entrambe le sorelle affondarono le loro zanne nei miei seni mentre succhiavano dal mio capezzolo. Il veleno è filtrato dentro di me, un piacevole formicolio che permea dal punto di iniezione. Scesi a terra, le mie mani si riempirono dei loro capelli, spingendo più a fondo i loro volti. Le dita di Ivanka aprirono la mia fessura e si spinsero verso l'interno, cercandomi con curiosità, trovando i miei punti deboli. La mia testa ricadde all'indietro sulla sedia e dalle mie labbra uscì un ronzio. Le dita di Tiffany si unirono a quelle di sua sorella dentro di me, i loro pollici lottavano l'uno con l'altro sopra il mio clitoride, costringendomi a spalancare le gambe.

"È bello vedere che le mie figlie vanno d'accordo con la loro nuova sorella." Tito mentre camminava in mezzo a loro. Benvenuta in famiglia, Prestira.

E ora comunichi con me telepaticamente? Ho chiesto.

Siamo collegati dal sangue ora, e il sangue non ha bisogno di una bocca per parlare. Titus mi teneva le gambe divaricate.

Ma ti serve un assaggio di bocca, papà. Sorrisi compiaciuta, prendendogli la testa tra le mani e guidandolo verso il basso. Ha trafitto i petali con le sue zanne, iniettandosi direttamente nella mia erogenità prima di tirare la lingua attraverso la mia fessura. Rimasi senza fiato fino al soffitto, leccandomi le labbra, inondato dallo splendore della lingua e delle zanne che mi assalivano così teneramente. Tiffany e Ivanka mi hanno insaponato i capezzoli, le loro labbra li attiravano in punti arrossati, le loro zanne conficcate sotto la carne, una penetrazione di predazione, ma un'invasione sensuale. La lingua di Titus sostituì le dita delle sue figlie, e loro spostarono le loro dita più in basso, accarezzando il mio ponte ricoperto di nervi, poi penetrando nel mio ano. Gridai, deliziandomi della nuova elasticità del mio sudicio buco mentre le mie sorelle di sangue ruotavano l'indice l'una sull'altra, agitandomi, stirandomi. Mi esploravano sempre più in profondità, in contrasto con l'esplorazione sensuale del padre, la cui lingua disegnava motivi così deliziosi contro il mio soffitto. I miei talloni premuti nel terreno, il mio bacino sollevato e le mie sopracciglia aggrottate sopra i miei occhi cadenti, annebbiandosi nella mia foschia di gioia carnale. I sentimenti confusi agitavano le mie profondità, l'intensità che faceva alzare le corde del mio collo mentre stringevo i denti, i muscoli si flettevano, le viscere si stringevano, combattendo l'estasi che infuriava, infuriava, infuriava dentro di me! Tutta la mia schiena si sollevò dalla nuca, inarcandosi in aria, portando con me i volti di Tiffany e Ivanka che allattavano. Le loro espressioni erano fameliche, le loro bocche consumatrici implacabili, le loro dita scavatrici che si arricciavano contro le mie pareti per aprirmi, cantando dolce dolore nelle mie viscere. Anche Titus si alzò, guardandomi dalle pieghe aperte che gli avvolgevano il naso, la mia perla gonfia che premeva contro la punta. Sono venuto con un brivido, deliziandomi delle intense sensazioni del mio nuovo corpo, sentendo il piacere che scorreva inesorabile attraverso di me. Quando la sensazione si è dissipata, ho guardato i miei nuovi parenti con occhi famelici quanto i loro. Ero insaziabile.

Tito staccò la bocca da me e riempì le sue mani con il mio culo. Mi ha tenuto le gambe divaricate, ha allineato il suo colpo e si è spinto fino in fondo. Ringhiai in segno di approvazione, i denti scoperti in una smorfia da predatore, la mia fica che rotolava i muscoli lungo tutta la sua lunghezza. Strappai Tiffany dal mio seno e la strinsi in un bacio accalorato, le nostre lingue che si contorcevano in combattimento, le nostre zanne che mordevano le nostre bocche succhianti. Ha urlato nella mia bocca quando è stata presa da dietro, il suo molestatore si è seppellito nel suo ano. Ho placato la sua fessura vacante con dita indagatrici, trovando i segreti delle sue profondità, sbloccandola. Tremò e roteò sopra di me, scivolando al ritmo dell'uomo dietro di lei, il ventre lucido per lo sforzo, le guance pallide rosee. Ivanka ha continuato la sua esplorazione del mio ano fino a quando non è stata strappata via violentemente, il suo grido di gioia risuonava dalla massa di corpi, poi improvvisamente smorzato mentre tutti e tre i buchi venivano limati contemporaneamente.

Tiffany e io ci separammo dal nostro bacio, fissandoci accalorati negli occhi, respirando l'uno il respiro dell'altro. La sua espressione era di allarmata eccitazione, le sue labbra rosse erano spalancate per un piacere contorto e gli occhi spalancati. I miei occhi caddero sulla lunghezza pulsante della sua arteria polmonare, e lei piegò il collo per mostrarmela. Fame e sesso, gola e lussuria; in questo mondo, tali istinti più bassi erano uno. Il mio pollice ha tracciato le sue labbra rosse prima di inclinare la testa verso l'alto e affondare le mie zanne. Sentii Tiffany contorcersi intorno alle mie dita, portata a nuove altezze dal veleno che le avevo iniettato nel cuore. Le sue pupille si dilatarono, il suo sguardo divenne sfocato, e si strinse a me con un languore inebriato, schiacciando le cupole dei nostri seni, i nostri capezzoli che pugnalavano piacevolmente insieme. L'ho lasciata scivolare nella sua euforia e ho ritirato la mano da lei mentre lei faceva lo stesso con me. Risucchiandomi le dita, concentrai la mia attenzione sul mio nuovo papà.

Titus mi ha tirato giù dal pavimento e ha avvicinato il mio corpo al suo, portandomi in volo. I nostri volti si sono incontrati, le nostre lingue si sono intrecciate e abbiamo completato il bacio vampirico con un morso reciproco. Mi sono formato contro di lui pancia contro pancia, seno contro petto, spinto più vicino dall'implacabile spinta dei suoi fianchi, il suo cazzo un pistone dentro di me, abusando perfettamente della tenera carne rosa dentro. Ho interrotto il bacio quando ho sentito una lingua bagnata circondare i miei raggi. I looked behind me to see a female vampire rimming me as she prepared another man with her hand. Grinning a mischievous, open-mouthed smile, she lathered my puckered sphincter with exaggerated rotations of her tongue before she gently spread my cheeks, and burrowed inside. I moaned, caught between the abuse of my cunt and the celebration of my anus, a duality of pleasures that tore at my mind. Her full red lips kissed my rim and sucked, then the fangs sunk in, and the venom she injected turned my rectum into a relaxed sheath, aching for the sword. She gave me a knowing wink, and when she was satisfied with her work, she brought her male friend over, parted from my swollen rim with a smack, and guiding the head of his cock to my ass. She raised an inquisitive eyebrow, and I nodded.

I curved by back as the man’s cock drove to the hilt, pressing along Titus inside me, rubbing the division of my holes. They lowered me between them with my legs hooked in their elbows, forcing me into an airborne squat. It allowed me to take them to a depth I hadn’t known, and trapped between their pressing bodies of hard muscle and masculine heat, I was ravaged without mercy. Their cocks traveled through me simultaneously, pressing together, squeezing the thin membrane that separated my two holes as though they were trying to tear me open. My eyes were wide open and twitching, my mouth agape but silent. When I finally found my voice, it was a hoarse gasp, pleading for reprieve and continuation all at once. The man sodomizing me pulled my hair back and sank his fangs into my neck, and I closed my eyes and surrendered, surrendered to the helplessness of my situation, surrendered to the onslaught within, the pain and pleasure, a violation so intimate and so complete that I could do naught but scream. Up and down, up and down; I was hoisted with their retreat, and sent plunging with their advance, pierced with the full force of their lust, driven to mania and beyond. When I came, I did so with a whimper, sobbing against Titus’s chest, thanking him with every breath.

But they didn’t stop. Oh god, they didn’t stop! I panted like a bitch as I stared into my blood-father’s red eyes, my own rapturous and wide, his imperious and controlling. Arrogance usually begotten my ire and sexual competitiveness, but Titus was so deserving of his pride that I could only plead for more. And like a good daddy, he acquiesced his spoiled brat. Titus surged into me, pushing against my cervix with every thrust, blasting aching pleasure deep into my womb. The man in my ass held me by the cheeks and spread me wide, forcing me to impale myself with the merciless inevitably of gravity, over and over and over! So deep, so deep they were! Never had I felt men with such potency move with such graceful violence. I was destroyed between their pressing bodies, turned into a mindless piece of fuck that jiggled from breast and ass, clenched from belly and pelvis, and opened wide for the men who ravaged me, offering my sanctity for plunder and my filth for conquest, and thanking them for their violation.

Saliva began to flow from the corners of my mouth, primal screams sounding, all pretense long abandoned. My back arched from the man behind me, my belly pressing into Titus’s abdomen, my breasts presented for him to squeeze until it hurt. My eyes rolled into my head, my voice choked breathless sobs, and at the pinnacle of my heinous rapture, they sunk their fangs into opposite sides of my neck, and erupted into my loins. With one last spasm, I twisted ferociously, sending all three of us sprawling into a heap. We breathed heavily for a moment, recovering our minds and bodies.

“Well…” I said with lingering astonishment, my pulse beating in my ears, “…that was the best sex I’ve ever had.”

“I’m telling Zander you said that.” Titus panted next to me.

“Oh, please do. I love it when he gets jealous.” I smiled back.

“Fresh blood!” Pratok’s voice announced from the door. I turned around to see the orc push in five human women. The room became noticeably quieter as heads turned and nostrils flared. The blood lust began to rise within me, and my vision focused inexorably on their blue veins. So beautiful…

“Ladies!” Titus exclaimed companionably, withdrawing himself from me, “What brings such lovely treats into my humble home?”

“Is it true that Queen Yavara is here?” One girl asked excitedly.

“Why, yes it!” Titus put his arm around the woman, “Would you like to meet the queen?”

“Oh my god, can I?” She squealed, oblivious to the danger she was in.

“My queen, you have guests!”

Yavara was in the center of the orgy, more than living up to the reputation of the Dark Queen. She’d made herself a throne of men, and had adorned herself with a crown of women. She eased a vampire’s crotch from her face, licked the glaze from her lips, and regarded her guests with a different kind of hunger. “Hello.” She smiled broadly, displaying her fangs.

“Queen Yavara?! You’re a-a-a-a-”

"Sì." Yavara stood up, her living garments falling gracefully from her, her holes evacuated and left yawning and red. She walked over to the women, her hips swaying seductively back and forth, her perfect breasts bobbing gently. She took the quivering spokeswoman by the hips, and pressed their pelvises together. After a life of having to crane her neck, I daresay Yavara enjoyed looking down at someone for a change.

“And what can I do for you?” Yavara asked, touching noses with the woman.

“We just… we just wanted to see you.” The woman managed from a very small voice.

“And here I am.” Yavara said with a magnanimous gesture, keeping the woman held tightly to her. “If you frequent this club, you knew what was behind that door. You walked into the den of vampires, just to see me? I’m flattered girl, what’s your name?”

“Patricia.” Patricia whimpered.

Oh, this is too perfect. Yavara’s telepathic voice laughed into my head.

Be gentle with her, Yavara. I gave her a stern look. She’s innocent. Foolish, but innocent.

Foolish innocence can be so much fun, and I’ve always liked to play with my food. Yavara winked.

You’re very funny.

What made you think I was joking? Yavara turned her gaze back to Patricia. Read the room, Prestira.

The vampires had moved like smoke through the dark corners of the room, encircling the women. Now they pressed in with the lethargy of a cat before a trapped mouse. The girls huddled together, their nervousness turning to terror. One girl broke from the pack, and with contained panic, marched straight for the door. Titus blocked her way.

“Where are you going, Delicious?” He asked with a sardonic smile.

“Let me go!” The woman demanded of his chest, her voice trembling, “The law says you have to let me go!”

“Does it?” Titus’s grinned broadened. He rested his hands on her shoulders, and she withered under his touch, “Let me tell you a secret about the law, Delicious. Like everything in Ardeni, it only works for those who pay for it, and I’ve paid handsomely. And you? Unfitting shoes, secondhand clothes, and cheap perfume; have you paid the law its due?”

“You let Julia and Angela go.” The woman was crying, “They said you would do the same for us!”

Titus tilted her face to his. “They lied to you, Delicious. Julia and Angela have a quota to fill, and -truly I am sorry about this-, but you were just numbers to them. They were never your friends.”

The woman’s voice cracked. “I can help you! Let me join you and I’ll give you everyone I know!”

“I never take offers born from fear, Delicious. My descendants must be willing family. And if I’m being terribly honest, I quite like Julia and Angela’s bone structure; I’m not one to waste beauty.” Titus sighed, “But you, Delicious, underneath your makeup and youth, are quite plain, and I have no desire to perpetuate mediocrity. The prize sow is put to breeding, but the rest of the cattle…” Titus’s thumb gently massaged the woman’s neck.

Yavara, you can stop this!

This is a test. Yavara examined Patricia’s throat, How can I lead these people if I denounce their very nature? If I am to reign over a land of beasts, then I must make myself one in more than just flesh.

Beasts know mercy.

Mercy can be a strength, and it can be a weakness. What good will mercy do if it cripples me? Yavara’s fingers traced the line of Patricia’s collar, You saw how they treat Brutus. If I don’t want them to think of me as a half-measure, then I must show my commitment two-fold.

Only a tyrant makes themselves the worst of their people to retain power.

You let me condemn innocent men, but this is where you draw the line?

Those men tried to kill me. This woman only wanted to see you. She came in here thinking you would keep her safe.

She came here to be eaten. She would’ve been sent regardless of our presence. Yavara’s red eyes glinted, And frankly, Prestira, I don’t have to listen to you.

What will Elena think? Ho chiesto.

Yavara gave me a look that made my blood run cold, then she relented a smile. Did you actually think I would kill her? Yavara turned back to Patricia. “You’re a pretty little thing, Patricia,” Yavara said, “If you’re such a fan, you’ll be delighted to know we have room in my kingdom for pretty little things. Would you like to join me?”

The vampires’ attention quickly diverted from their prey to the queen and her prospective daughter.

“Join you?” Patricia gasped, bending into Yavara’s embrace despite her fear.

“Yes Patricia. But you see, Alkandra is a realm of beasts, and you’re just a human. Not that there’s anything wrong with being a human, humans will certainly be welcome to visit and trade, but to be a citizen of Alkandra, you must be a beast. Now, I can think of only one way you can become a citizen of Alkandra.”

“You want to make me a vampire?” Patricia asked softly. It was hard to discern if she was terrified or curious. Or hopeful.

“Do you want to be my blood-daughter, Princess Patricia?” Yavara touched her brow with the girl’s.

“I don’t… I’m not…”

“Shh.” Yavara put a finger to Patricia’s lips, “The moment you walked through that door, you were destined to become one of two things: food, or family. I’m offering you the latter.”

“But…”

“Is death preferable to love?” Yavara asked gently, stroking Patricia’s hair, “For I offer you a mother’s love with a full heart. Do you doubt me?”

“No.” Patricia gulped, “But my mother, and my father; what about my family?!”

“Look around you, Patricia,” Titus said from the door, “this is your family now.” He gave Yavara a look, and she returned it with an imperceptible nod. No half-measures. Patricia would not be given the same option we were. Yavara returned her gaze to Patricia, and I saw in it the same adoration Tiffany had shown to Julia, and Ivanka had shown to Angela.

“I have gone through drastic changes in my life.” Yavara brushed Patricia’s bangs from her face, “In the last week alone, I’ve become two different species, lost my virtue, my country and my family. But my losses are dwarfed by my gains, and the greatest gift has been that of myself. The hardest part of change is the fear. You don’t have to be afraid with me. I understand.”

Patricia stared rapturously in Yavara’s blood-red gaze, lost in the depths, soothed by the words and the way they were spoken. Yavara held the woman’s head in her hands. “Will you be mine, Patricia?”

"Sì." Patricia said with a gasp, “Take me… Mother.”

Yavara grinned delightedly, her fangs shining red in the torchlight. With a single swipe of her fingernail, she sliced Patricia’s dress down the back. The fabric billowed off the girl, exposing her slender nubile nudity. She crossed her arms over her bare breasts, and shuddered. Yavara moved like silk behind Patricia, her sensual fingers outlining the girl’s body, coercing her to lower her guard, and wilt with slackened limbs into the tender shell of her mother’s embrace. Her eyes were possessed of desire, rolling upward into her head. With a sigh, she tilted her neck, and licked her lips. Yavara kissed the vein, then bit. Patricia whimpered, and folded in on herself. Even from across the room, I could hear her heart slow, then stop.

Patricia’s red eyes flashed open. Her teenage form transformed into a vision of statuesque beauty, her features gothic and vivid. She shot from Yavara’s arms, grabbed Delicious, and buried her fangs deep. I watched solemnly as Delicious grew pale, her terrified cry sputtering into a whimper, then a groan. Her heart drummed softly, then out of rhythm, then barely at all. I looked at Yavara, but she wouldn’t meet my gaze. I didn’t blame her for letting it happen, but I was disappointed. Then, as Delicious’s last heartbeats sounded, Yavara strode to her daughter, and pulled her off her meal. The room went silent, only the sound of Delicious’s rasping breaths sounding. I could feel the stares of the vampires like a weight, their eyes speaking with more gravity than their mouths ever could. Interloper. Imposter. Liar. Yavara didn’t even flinch, but held her head in defiance of their glares. One of the captured women burst into tears, and soon, all three were groveling at her feet, thanking her with every breath.

“Thank me?” Yavara asked, looking down at the prostrators, “If you think two days’ grace to make peace with your god is worth my thanks, then I accept.”

“W-w-w-w-what?” One of them stuttered.

“My people will be preparing for a long voyage, and they will need sustenance along the way.” Yavara rolled the unconscious Delicious over with her foot, “It would be gluttonous for my daughter to take for herself what should be shared with everyone.”

“B-b-b-but…”

“It’s very hard to find vampire food in the ocean.” Yavara grinned down, “Stupid girls don’t just flop onto the deck like spawning salmon. You have to bring them with you.” And if their shackles were to be improperly nailed to the boards, and they were to make a daring escape during the noon hours, well, that would just be poor luck wouldn’t it?

These things happen on expeditions. One must always factor lost goods into the accounting. I smiled inwardly, Thank you, Yavara.

They’re innocent.

“P-p-p-please!” The woman cried again.

“Someone gag this stuttering hog.” Yavara said with a contemptuous curl of her lips, “I’m sick of hearing her squeal.”

The women were grabbed and hauled away kicking and screaming, then gagged with red balls, and forced into stockades near the far wall. I guessed Yavara wasn’t the only one who liked to play with her food. After the stockade arms clanged, and the shackles clicked, there was another expectant silence. Only this one wasn’t the silence of judgement, but the awaiting of a proclamation, of some signal for action. If the vampires had any doubts about their queen before, they had none now.

Yavara rolled her eyes, and with the annoyed inflection only a rich teenage daughter could muster, she sighed, “Does the world need to stop every time I sneeze? Well? What are you all staring at me for? Go back to fucking each other.” And with a rumble of laughter and a few shouts, they did. The room was once again filled with the moans and screams of perversion, the smells of sex and the sight of writhing flesh, and for Yavara, it seemed like her natural habitat. She took her new daughter from behind, and brought her into a sensual embrace.

“Vampirism suits you Patricia, you’re quite the beauty.” Yavara said as her hands wandered along Patricia’s waist.

“Thank you, Mother.” Patricia hissed as she leaned her head back to accept Yavara’s kiss. Yavara smiled as she withdrew from the kiss.

“Are you a virgin, Patricia?” Yavara asked.

"Sì."

“This is going to be an interesting night for you.” Yavara guided her new daughter over to me, “This is Prestira, your blood-grandmother.”

“Prestira Rasloraca?” Patricia smiled down at me, “I hardly recognized you.”

“Vampirism does interesting things to us all.” I smiled up at her, taking her by the delicate points of her hips.

“No,” Patricia smirked, running her fingers through my hair as she pressed her bald slit into my face, “it’s just that the last time I saw you, you looked like a glazed doughnut bursting with vanilla filling.”

“Well, aren’t you a little tart?” I sniffed her, and my mouth watered with her virgin aroma.

“With cherry and chocolate filling.” Yavara chuckled, kneeling behind Patricia and spreading her full cheeks. I could tell by the sudden widening of Patricia’s eyes that Yavara had decided to taste her daughter’s chocolate center, and I could tell by the flush of Patricia’s cheeks that Yavara had already licked her clean. Patricia’s petals opened and oozed the nectar of her pleasure, and I lowered my lips to taste it. Her hands gripped our heads, her back arched and her chest jutted forth, and she moaned the loss of her innocence to the ceiling as her mother and grandmother explored her depths with invading tongues, tenderly and wetly corrupting her with every lick. I sucked her delicate folds into my mouth, snaked my tongue along her ceiling, and found her spot. She clamped down on me when I did so, and I heard Yavara moan her muffled approval as her daughter’s anus sucked her tongue deeper. Patricia could only cry out, her legs turning to jelly by the prowess of our mouths, our sucking lips turning her outward, our invading tongues pushing deeper. She balanced precariously atop her perch, rocking this way and that to the whims of sensation, almost like she was trying to escape the pleasure we bore into her. It was no use. Yavara and I pressed deeper, enveloping our face with jiggling thigh and supple glutes, smelling the tang of lust, tasting the sweet filth of her ascension. We watched her with wild merciless eyes, watched her face contort into profound awe, her brows furrowing with realization as she looked into my eyes. Her grip on our hair tightened, her insides spasmed and convulsed, and with a shudder and a whimper, she came. She flooded my mouth, and I let it drip down my chin, down my neck, roll along the slopes of my breasts, and dribble from the points my nipples. Yavara held my hand between her daughter’s trembling thighs, and we shared the moment of Patricia’s awakening. Then, she dismounted and disappeared into the crowd on shaking legs.

“A ‘goodbye’ would’ve been nice.” I frowned at Yavara as I licked my lips.

“She was left speechless.” Yavara sniggered, wiping glaze from her lips to suck from her finger, “She told me telepathically, and I quote, ‘I love you mom, but you don’t have a penis, so I’m leaving.’”

“A girl after your own heart.” I chuckled, noticing with wandering eyes that a group had formed around us, all six of them men. By Yavara’s account, I was sure it was a favorable mix of genders.

“The apple doesn’t fall far from the tree.” Yavara grinned back, and with a motion she beckoned our audience to participate. A second later, I was indulging in the sin of gluttony, filling every hole with man. They drove into me like they wanted to meet in the middle, and I adored them for their enthusiasm. My back was wrenched into an arch, my chest was forced forward, and my head forced back so that I could take the full brunt of a man’s passion down my stretched gullet. I clamped my legs desperately around the man bucking beneath me, and reached back to spread my cheeks wide for the man excavating my anus. I heard Yavara scream unmuted from her mouth, and looked down to see she was no longer filling her throat. No, Yavara had taken a second man into her ass, as she was one to do, and she bucked and heaved against both, testing the elasticity of her vampiric rectum. By the pleasured sounds of their groans, I could tell she was a tight fit. The man beneath her set a frenetic pace, and the two men in her ass dared to match it. I tried to find a connection with her through the haze of my own violent pleasure, but in her mind, there was only one rational thought: Eat ass. She grabbed the man I was sucking, pried his glutes open, and drove her tongue all the way in. A second later, she found his prostate; I could tell by the way he tried to borrow a hole into the back of my head. I took him generously into my throat, spit leaking from slurping lips, eyes staring with a begging glint. More. Give me more. He gave me everything. When Yavara’s tongue milked his organ to bursting, my lips and throat extracted the milk from its spout. Then he hobbled away on shaky legs to collapse at the perimeter, one more notch on Yavara’s bedpost, one more casualty of her brand of sex.

“Feed me, Mommy.” Yavara whispered, her expression possessed with ecstasy. Our fangs bit into each other’s cheeks as out lips and tongues entwined in a lecherous embrace. We passed the man’s cum between our mouths, mingling it with the delicious filth Yavara bore on her palate. Then we began to ascend from within, and our kiss bespoke our climax, losing all precision, becoming hedonistic, sloppy, desperate. My body was compelled upward with the feeling, pressing to Yavara’s, and she rose with me until our breasts were pressed against each other, our bodies curving up to a mutual peak. Our lovers found the same rhythms, and Yavara and I lurched together on the waves of our penetration, feeling together the depths of our depravity, the limitless lows we would stoop to for each other. For with her, I had no limits, and I’d never known greater pleasures than the perversions Yavara could orchestrate. I screamed into her mouth, and she screamed into mine, our breath rich with cum, pussy, and ass; our tones that of mindless joy. The men roared with cathartic release, and filled us to capacity, their nectar burning into our ruined depths deliciously. They extracted themselves with all the care and reverence they hadn’t showed during the act, and we were left to be tended by the women.

“Well, hello you.” I smiled tiredly as I felt a familiar tongue circling my rim. It was the woman from earlier, and it seemed she’d developed a taste for a very specific part of me. She didn’t answer my greeting, but only grinned as she tenderly cleaned my raw and abused anus. I moaned, and made a pillow of Yavara’s breasts.

“I love you, you know.” Yavara said.

“I love you too.” I mumbled, offering an affectionate kiss to one nipple, then nuzzling tiredly into her bosom.

“Do you really?”

I looked up at her, and smiled. “Of course. I’m old enough to know the difference between infatuation and the real thing. But just because I love you, doesn’t mean I’m in love with you.” She looked confused, and I could only laugh. “I forget how young you are sometimes.”

“Don’t be a bitch.” Yavara flicked my nose, “I’m having a minor crisis here.”

“It’s easy to tell the difference. Do you feel the same way about me, as you do Elena?” Ho chiesto.

Yavara inclined her head, then nodded. I raised my eyebrows, feeling a little color rise in my cheeks. “You do?” I said, unable to keep the surprise out of my voice.

“Just to a lesser a degree.” Yavara’s face fell, “And I kind of feel that way about Brock. And…” Yavara looked uneasily at me, “…and Zander.” She pouted her lips. “I’m sorry.”

How could I be angry at that face? I crinkled my nose against the giggle in my mouth, and touched foreheads with Yavara. “You’re the Dark Queen. Your love knows no bounds,” I licked her nose, “nor no depths. I will always be your lover, Yavara, as will Zander, but our hearts are made differently than yours. Only one can have mine,” I smiled ruefully, “and I’m afraid it’s been taken.”

Yavara nodded, understanding. What she shared with Elena, she would share with many others, even if it wasn’t reciprocated. I hoped for both their sakes that Elena’s transformation had made her more open.

“I’m hungry, Mommy.” Yavara said, licking her fangs.

“I’ve got what my baby needs.” I moaned indulgently, opening my legs so that Yavara could join the vampire already there. God, she was good with that tongue of hers.

“I mean I’m hungry.” Yavara said, and drew her eyes across the room. The four women in the stockades were the subject of much amusement. Vampires didn’t have the natural aphrodisiac the other prominent man-eaters, the succubi, had, but they were a potent group of lovers. Couple that with blood-loss and the after effects of trauma, and you get four very receptive victims. It was rape, there was no doubt about it, but the horror would be delayed, saved for nights of lying awake, staring at the ceiling and wondering. For now, there was only the carnal delights of the body, and a mind surrendered to death. I shuddered to think of who I’d become in a similar situation. An animal just like them. ‘Fuck me! Fuck me until I fucking die!’ One of them screamed in terrible euphoria.

“Come to think of it, I’m rather famished myself.” I muttered. I took Yavara by the hand and walked with her to the feeding stockades. The four unfortunate sows were bent over, their manacled hands and heads poking from the boards, their bellies distended as if pregnant. Enemas, it seemed. Four vampire women were having a contest to see who could make their human pop first. Morbidly curious (and taking notes for further self-discovery), I walked behind the sows to see that each of their pussies was occupied with a vampire’s fist. The human girls mewled and moaned, their legs shaking, their clenched anuses dilating with pressure. Poor Delicious was crying out with wanton abandon, rubbing encouraging thighs about the wrist of her molester, simultaneously begging her to stop and to keep going. The vampire giggled, her forearm rolling with muscle, belying the deep massage she was giving her captive. ‘Come on, Delicious. Pop like a cherry for me.’ She crooned. With a scream of abject ecstasy, Delicious did. Her legs gave out, her back arched, and her anus opened to release a torrent of fluid. The crowd cheered her on as she wailed, and the vampire who’d caused the expulsion withdrew her glazed fist, and raised it in victory. Delicious’s orgasm seemed to be greatly elevated by the sudden release, for she didn’t relent her ecstatic sobs until her stomach was flat again. The others popped one after the other, each met with cheers and jeers alike. They were so out of their minds that they took the adulation with big stupid smiles, quite pleased with themselves. I pondered the ethics of the situation for a moment before my eyes fell upon the gaping moist insides of Delicious’s rectum, and my mouth watered at the ruby color. The next thing I knew, my lips were wrapped around her rim, my tongue was fluttering in her smooth bore, and my fangs were imbedded into the soft tissue, sucking the blood from her vilest hole. Delicious was aptly named. She moaned from my anal kiss, and after I’d had enough of her, I placed an encouraging peck on her flank, and walked away without her ever knowing that Prestira Rasloraca had literally eaten her ass. Then the second round of contestants took their positions behind the four girls, and the tubes were inserted, and the bags raised high.

“Wha’cha thinking about?” Patricia asked, stepping beside me.

“Where I can buy an enema bag.” I mumbled. A violent snorting sound woke me from my contemplation, and I glanced to the side to see that Patricia had just done bump off her finger.

“Drugs?!” I exclaimed in my most reprimanding voice. “You’re doing drugs?!” I broke into a wide smile, “I love drugs! What is it?”

“Powdered pixy plasma.” Patricia said nasally, “It’s the best hit a vampire can get. A man said he’d give it to me if I let him fuck my ass.”

“Let him fuck your… weren’t you just a virgin? Now you’re literally a whore?” Yavara’s succubus D.N.A. strikes again.

“Don’t judge a bitch’s hustle, grandma.” Patricia smirked. Then her smile suddenly fell. “Holy shit,” she gasped, her pupils dilating to fill her red irises, “this shit kicks like a fucking mule.”

“Gimme-gimme-gimme-gimme!” I snatched the bag from Patricia’s hand, and expertly drew a line across her left breast.

“Prestira!” Yavara’s appalled voice sounded. I glance up with one finger closing my right

Storie simili

Scuola estiva parte 8

Parte 8 - Cindy e Daryl Progress Cindy stava quasi tremando che era così entusiasta di raccontare a Daryl della sua conversazione con sua madre. Merda, ora stava prendendo la pillola! L'appuntamento dal suo dottore consisteva in una rapida occhiata e sensazione delle sue tette e della sua vagina e lei stava prendendo la pillola! Ora sarebbe stata al sicuro dalla gravidanza e Daryl avrebbe potuto girare le sue cose ovunque volesse. Sarebbe davvero felice. Daryl nel frattempo era altrettanto eccitato. Anche se provava un imbarazzo persistente da parte di sua madre che lo vedeva sborrare, specialmente sulla sua stessa faccia...

802 I più visti

Likes 0

C'è un lupo nell'ovile...

*la Saggistica* Era il primo giorno di lezione. Non ero nervoso; è una scuola tecnica per secchioni, quindi mi sono sentito a mio agio. Mi chiamo TK e NON ero in alcun modo preparato per le lezioni questo semestre... certo ho studiato e superato la classe, ma ho fallito il test più importante.... Nella mia seconda lezione ho visto questo tizio dall'aspetto alto, come se gli fosse sbattuto addosso non si preoccupava affatto della sua esistenza... poi dopo averlo superato di tanto in tanto gli ho dato un'occhiata per vedere da cosa mi ero appena allontanato. ...uomo Se non ero innamorato...

362 I più visti

Likes 0

Esce Barb

L'avventura di Barb Capitolo 1 Barb era cresciuto in una chiesa che andava a casa. Quando è entrata nella sua adolescenza, ha sentito le storie di alcuni dei bambini con cui andava a scuola sul sesso. Cazzo, sesso orale, malattie sessualmente trasmissibili e, naturalmente, bambini. Non ci ha pensato molto. Veniva da una famiglia religiosa e, naturalmente, non avrebbe mai fatto sesso prima del matrimonio. Durante la sua adolescenza, ha notato l'aumento dei suoi sensi quando si trattava di guardare e stare con ragazzi e uomini. La sua sessualità si stava risvegliando. Notò il loro odore, guardò le loro braccia e...

322 I più visti

Likes 0

Piccolo Daniele

Introduzione: questa storia è basata su eventi reali, tuttavia i luoghi sono stati cambiati per la protezione degli altri. Mi chiamo Tommy e sono alto circa 5'3 145 sterline e secondo me non gay ma totalmente Bi. Adesso ho 16 anni e questa storia parla di eventi reali accaduti quando avevo 14 anni. Quando avevo 12 anni mia madre era morta e mio padre aveva ricominciato a frequentarsi e apparentemente aveva un cattivo gusto in fatto di ragazze perché o erano A: brutte da morire, B: calde come l'inferno ma ladri, o C: e avevano figli. Beh, quando avevo 14 anni...

329 I più visti

Likes 0

I ragazzi ricchi amano 17

Ho deciso di scrivere il resto della mia storia, ma tieni presente che la mia storia non riguarda solo il sesso dicendo che questa parte contiene sesso e tra la persona che ha scritto quel commento dicendo che mi impersona e harvey quando si masturba il tuo schifo! Quando io e Harvey ci siamo trovati di fronte alla classe, abbiamo ascoltato per circa 20 minuti, poi Harvey ha picchiettato sulla sua scrivania per attirare la mia attenzione. l'ho guardato e lui si stava massaggiando i jeans ho allungato la testa e ho sussurrato hai bisogno di aiuto con quello? harvey ha...

221 I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

1.2K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1.2K I più visti

Likes 0

Diventare la reginetta del ballo; capitolo 3

Capitolo 3 La mattina dopo mi sono svegliato al suono di quella stridente canzone rock che risuonava dal mio telefono. Ero ancora un po' intontito perché non mi ero addormentato fino a tardi a causa della mia fantastica sessione di masturbazione. Alzando lentamente la testa ho afferrato il telefono e ho spento l'allarme. Sbadigliando, alzai le gambe dal letto e mi avvicinai alla cassettiera. Bene, ho pensato, è tempo di vedere che tipo di vestito posso inventare che non farà venire un attacco di cuore a Beth. Frugando un po' tra le cose, alla fine ne ho scelto uno. Era una...

1.2K I più visti

Likes 0

La mia famiglia 7 riscrive

La mia famiglia 7 Riscrivi. La mattina seguente lasciammo la casa di mia zia Jenny verso le dieci. Mi ha lasciato guidare così da potermi succhiare il cazzo lungo la strada. Mi ha detto che le sarei mancata e sperava che sarei venuta a trovarla durante le vacanze di Natale e che avrei portato Ester. Vorrei mangiare di nuovo la sua bella figa. Le assicurai che ci avrei provato, almeno per tre o quattro giorni. Quando siamo passati davanti a uno dei grossi semirimorchi mentre mi stava facendo un pompino, il ragazzo è quasi uscito di strada cercando di guardare. Quando...

943 I più visti

Likes 0

Divertimento estivo prima parte

Vorrei compiere 12 anni il nostro ultimo giorno prima delle vacanze estive. Non vedevo l'ora di passare molto tempo nel nostro ranch e godermi le dolci colline e le pigre giornate estive con la mia nuova amica Janet. Janet ed io ci eravamo conosciuti l'ultima settimana di scuola. Abbiamo colpito se fuori subito. Era una bellissima bionda, alta 5 piedi e 4 pollici con un corpo che non voleva mollare. Avevo scoperto che guardare altre ragazze stava davvero iniziando a eccitarmi e ho pensato che sarebbe stata quella persona speciale in cui potevo davvero entrare. Avevamo trascorso alcune notti a casa...

992 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.