Oh, introduzione di Ollie

449Report
Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze.

Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui ti aspetteresti di vederlo. Ero snello, perché facevo anche parte della squadra di atletica, ma non magro. I ragazzi non mi sbavavano mai addosso: mi era stato chiesto di uscire solo due volte in vita mia, ed entrambi avevano solo voluto infilarsi i pantaloni. Ero più intelligente di Oliver, ma non potevo tenere una conversazione con qualcuno che non conoscevo già per salvarmi la vita. E tendevo ad essere emotivo.

Suppongo che se ci fossimo incontrati al liceo, Ollie e io non saremmo stati i migliori amici che eravamo. Lo conoscevo dall'asilo, dove ci eravamo subito avvicinati. Ci siamo attaccati come colla, riuscendo anche a stare ancora insieme attraverso almeno 4 mosse da parte mia.

I miei genitori erano entrambi troppo sballati per preoccuparsi di qualsiasi cosa, quindi ho dovuto lavorare per pagare i conti delle case che avevamo. Alla fine furono arrestati e io trovai un posto con mio fratello maggiore, Bill. Subito dopo aver compiuto 18 anni, è entrato nell'esercito, lasciandomi a badare a me stesso.

La vita familiare di Oliver non era neanche lontanamente perfetta, con il suo cercatore d'oro, maniaca del controllo di una matrigna e due aspiranti sorellastre, quindi ha trascorso la maggior parte del suo tempo a giocare ai videogiochi a casa mia. Questo è esattamente quello che stava facendo quando sono tornato a casa dal lavoro quel giorno.

Avevo aperto la porta per trovarlo giocare a GTA5 con entusiasmo. Ero tornato a casa prima, con lui che aveva una chiave di riserva del mio appartamento, e non ero turbato. Mi buttai sul divano e sospirai: "Ollie, dovresti davvero andare a casa. È tardi e sono esausta". Ha messo in pausa il gioco, voltandosi a guardarmi mentre mi ha detto: "Resto qui. L'ho già detto al diavolo e tutto il resto. Ma vedo che sei stanco, quindi lo spengo e possiamo dormi, K?" Mi mostrò i suoi denti perfetti, cosa che qualsiasi ragazza normale sarebbe svenuta. Ero immune, da anni di questo comportamento e sono appena rotolato giù dal divano e sul pavimento. Si limitò a ridacchiare mentre mi dimenavo verso il letto, pigra per alzarmi e camminare. Mi sono infilato nel letto e mi sono rannicchiato dentro quando ho sentito il suo corpo crollare accanto al mio. "Dovresti davvero cambiarti i vestiti da lavoro", commentò, appoggiando la testa sulla mano in modo da potermi guardare. Ho appena borbottato in modo incomprensibile mentre ho afferrato il primo capo di abbigliamento che sono riuscito a trovare, gli ho voltato le spalle e mi sono cambiato.

Avevamo dormito nello stesso letto prima e ci eravamo visti cambiare innumerevoli volte, quindi non era un grosso problema. Quando ho finito, mi sono semplicemente sdraiato accanto a lui e gli ho messo la testa sotto il mento. Rise mentre attirava il mio corpo e sussurrò "Gesù AB, stai congelando". Mi sono rannicchiato più vicino dicendo "Duh, è inverno". Con il suo calore protettivo che mi circondava, mi addormentai rapidamente.

*Bang bang bang*

Sono stato svegliato da Joe, un altro amico, che bussava alla porta. Scossi Ollie, poi mi alzai dal letto e aprii la porta. "Sup AB, Ollie qui? Ha promesso di essere il mio gregario stasera." Un'occhiata all'orologio, che segnava le 11:37, mi ha mostrato che avevo dormito solo due ore. In modo scontroso, ho indirizzato Joe a Ollie, ancora addormentato. "E' rimasto di nuovo qui, eh?" Joe osservò mentre pizzicava Ollie, svegliandolo. "Perché cazzo l'hai fatto?!" Ollie fissò Joe, poi si alzò dal mio letto. "Non vedi che non sono dell'umore giusto per aiutarti ad atterrare una ragazza?" "Va bene! Ho altri amici a cui posso chiedere!" urlò Joe, poi uscì di casa, sbattendo la porta nel frattempo. Ollie si sdraiò sul letto con un sospiro: "Dio, doveva svegliarci? Sembri esausto".

borbottai mentre mi sdraiavo per dormire di nuovo. "Non vedo come voi ragazzi siate così buoni amici quando tutto ciò che fate è combattere."
"Beh, non vedo come voi ragazzi siate così buoni amici quando è ovvio che ha una cotta per te, AnnaBelle."
Sono rotolato in Ollie, solo pochi centimetri separavano i nostri corpi, mentre alzavo gli occhi al cielo. "Allora perché cerca di scopare altre ragazze?"
"AB, deve mantenere la sua immagine 'machismo', sai." Fletté il braccio, guadagnandosi una risatina da parte mia.
"Beh, e tu, hm? Perché non hai una ragazza?" Alzai la testa dal materasso per guardarlo. Mi sorrise ma non era il suo sorriso normale. Qualcosa sembrava triste.
"Non pensare che non abbia notato il cambio di argomento. E conosci la mia situazione familiare. Non penso che uscire con me sia giusto per me dopo aver visto quanto sono stati di merda i miei genitori".
Riposi la mia testa sul suo braccio, usandolo come cuscino. "Immagino, ma non ti sto davvero aiutando, vero? Voglio dire, sto sempre con te e probabilmente spavento tutte le ragazze."

Mi sollevò il mento e mi guardò negli occhi. "Se hanno un problema con te, allora non ho bisogno di uscire con loro. Sei la cosa più importante della mia vita in questo momento."

Sbattei le palpebre, fissandolo finché non chiuse gli occhi per addormentarsi. Chiusi anche il mio e affondai il viso nel suo braccio, addormentandomi di nuovo velocemente.

***

Mi sono svegliato con la posta che veniva spinta attraverso il mio slot di posta. Aprii gli occhi e trovai le labbra di Ollie a una frazione di centimetro dalla mia fronte, la mia testa quasi premuta contro il suo petto. Mi sono allontanato da lui e mi sono alzato dal letto. Non andai lontano, tuttavia, prima che mi afferrò e mi tirasse di nuovo a letto. "Non partire." Disse, il suo respiro una brezza sulla nuca. Il mio polso è accelerato notevolmente. "Resta con me." Mormorò prima di abbassare la testa e baciarmi il collo.

"Ollie, stai sognando?" chiesi mentre un leggero piacere si diffondeva in tutto il mio corpo. Non si è fermato. Trattenni un gemito mentre iniziava a succhiarmi la nuca, le sue labbra che premevano delicatamente contro la mia pelle.

"Ollie....Stop" cercai di allontanarmi da lui, ma le sue braccia mi tenevano stretto. Rassegnandomi alla tortura, dovetti tapparmi la bocca con la mano per non gemere. Il mio battito accelerava e potevo sentirmi arrossire. Mi stava ancora succhiando il collo e aveva appena iniziato a spostarsi in un nuovo punto del mio collo quando ho sentito la sua lingua sfiorarmi leggermente la pelle. Piacevoli brividi mi percorsero il corpo e cercai di nuovo di alzarmi.

"OLLIE!" La sua bocca scese ancora una volta sulla carne sensibile e non potevo più trattenermi.

"Oll- Ahhhhhhhh... St- Nggggg"

Alla fine, i suoi occhi si spalancarono. Mi ha praticamente spinto giù dal letto cercando di allontanarmi da me. "Cosa stai facendo?!"

Mi ha fatto incazzare. "Cosa sto facendo? Cosa stavi facendo?! Sai cosa, lascia perdere." Sono corsa fuori dalla stanza per prendere la posta. Quando l'ho raccolto, ho sentito i suoi passi entrare nella stanza, poi un sussulto.

"AB, cos'hai quello dietro il collo?" La mia mano volò nel punto dove prima c'era stata la sua bocca.

Mi aveva dato un... UN HICKEY?!

Attraversò a grandi passi la stanza e tirò via la mia mano. "Ti ho fatto questo?"
"Chi altro potrebbe averlo fatto?! Sai in quanti problemi avrò problemi al lavoro? Inoltre, che tipo di sogno stavi facendo?" Poso la posta sul tavolo.
"Mi dispiace davvero!" Distolse lo sguardo da me.
"Qualunque cosa, giocatore. Cavolo, quante volte l'hai fatto a qualcuno? Pensavo che non avessi una ragazza in questo momento."
"Te l'ho detto, A.B. non lo so! Era solo un riflesso!"
"Il fatto che dare un succhiotto alla ragazza nel tuo letto sia un REFLEX dimostra il mio punto di te e del tuo essere giocatore".

Ollie non rispose, fissando invece gli occhi sulla posta sul tavolo. L'ho afferrato sfogliandolo, finché i miei occhi non si sono posati su due lettere che mi hanno fatto fermare il cuore.

"Annabelle, che c'è? Cosa c'è che non va?"

"Mio fratello........è morto..." Avevo la gola secca e serrata. Non riuscivo a respirare. Le lacrime scorrevano sul mio viso e il mio cuore si sentiva come se mi fosse stato strappato dal petto. Le sue braccia mi circondarono in un secondo, attirandomi più vicino in un modo che non mi ero mai sentito prima. "Abs, mi dispiace tanto."

"E io vengo sfrattato. Ha firmato il contratto di locazione, quindi non posso più vivere qui." Sono stato sorpreso di poter tirare fuori tutto questo da come si sentiva la mia gola, ma Ollie mi ha semplicemente attirato più vicino. La mia faccia era coperta di lacrime, ma Ollie mi ha appena premuto il viso nell'incavo del suo collo e mi ha stretto. Non potevo fare a meno delle lacrime che ancora uscivano dai miei occhi. Lo avvolsi tra le braccia e piansi più forte. Mio fratello... non lo rivedrei mai più, non riderò mai più con lui. Non avrei mai più una famiglia. I miei genitori erano in prigione e probabilmente non si ricordavano della mia esistenza e che mio fratello non c'era più. E ho anche perso la mia casa. Ero.... Completamente solo. Finché non ho sentito Ollie dire con la sua voce ricca e profonda,

"D'ora in poi vivrai con me."



***

Una settimana dopo, e tutte le mie cose erano fatte e ho detto addio all'ultimo posto che avevo condiviso con mio fratello. Le lacrime mi pungevano gli occhi mentre giravo le chiavi. Mi sono diretto verso il punto in cui avevo concordato di incontrare Ollie. Tuttavia, invece di vedere il mustang malconcio di Ollie arrivare, ho visto non una, non due, ma TRE limousine. L'autista è saltato fuori dal secondo e ha strappato le mie cose da me e nel bagagliaio. Poi mi ha spinto nella limousine e tra le braccia ben fatte del mio migliore amico. Lo slancio della spinta ci gettò entrambi sul sedile, il mio corpo sopra il suo. Il mio petto premette contro il suo, duro. Le mie labbra erano a malapena distanti dalle sue, i suoi occhi fissavano i miei. Il mio sguardo si spostò lentamente oltre quelle sfere di nocciola, il suo naso e alla fine trovò le sue labbra.

I ricordi delle sue labbra morbide e vellutate sul mio collo, che si baciavano e succhiavano, mi balzarono in mente e mi allontanai di corsa da lui.

"Jumpy vero? Disse, ridacchiando. Bussò al divisorio e cominciammo a muoverci.
"Vaffanculo. Sono stato praticamente sbattuto qui dentro. E da quando hai tre limousine?"
Uno sguardo di confusione si allargò sul suo viso. "Li abbiamo sempre avuti..."
"Aspetta, eri così ricco e hai passato del tempo nel mio appartamento di merda?" chiesi, la mascella sul pavimento. Scivolò più vicino a me e fece scivolare il suo braccio intorno alla mia spalla.

"Non sei contento di avere un ricco amico AB?" Chiese, il suo respiro che pattinava sul mio collo. Anche se questo normalmente non mi avrebbe fatto fare le coccole, ora la mia faccia era del colore di una ciliegia e lui se ne accorse. "Cosa c'è che non va in te? Stai bene? Sei malato?" Ha cercato di mettermi una mano sulla testa, ma l'ho spazzata via e gli ho tolto il braccio dalle spalle.

Dio, sarebbe stato così imbarazzante vivere con lui?

Storie simili

Amore a seconda vista

Nota: questa è una voce del concorso per il concorso non ufficiale del 1 maggio 2010 nel forum di Sex Stories. Se il paragrafo di apertura suona familiare, ecco perché. La nebbia leggera aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte l'avvolse come un asciugamano bagnato, mandandole un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa in cui viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Sapeva che non avrebbe dovuto essere qui fuori nella foresta di notte; in effetti, probabilmente non dovrebbe assolutamente...

1.2K I più visti

Likes 0

Il letto matrimoniale

È stata sposata giovane. Aveva quindici anni quando sposò un uomo di trentacinque anni, il suo nome era Rohan. Aveva paura di lui, e lui era eccitato da lei. Era bassa, aveva curve ben piazzate. I suoi seni erano abbastanza grandi per la sua struttura e spesso erano ben visibili nella parte superiore del corpetto. Il suo nome era Anna. All'inizio Anna non aveva paura del suo futuro marito, ma tutto è cambiato durante la loro prima notte di nozze. Era in piedi nel suo vestito mentre lui la fissava. Ispezionando ogni centimetro del suo corpo. Rabbrividì, nessun gentiluomo guarderebbe una...

1.3K I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

1.3K I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

1.3K I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

1.2K I più visti

Likes 0

La vendetta è mia

Ho incontrato Sue alcuni anni fa, era benedetta da una figura eccellente e all'età di 36 anni aveva mantenuto un bell'aspetto, mi piace che molti uomini abbiano cercato di uscire con lei, ma lei non ne aveva niente, diceva sempre che aveva un'amica abituale con cui usciva e io non avevo alcuna possibilità. Ho trovato interessante il fatto che non abbia mai portato la sua amica a nessuna delle nostre uscite nei club per single, e come organizzatore ho avuto modo di vedere molti dei nostri soci soci, ma mai Gaynors. Sue era una presa in giro sessuale che apprezzava l'opportunità...

1.2K I più visti

Likes 0

DOPPIA TESTA

Non mi facevo succhiare da un uomo da settimane e il pensiero di altre tre persone che guardavano un altro uomo mi succhiava, poi scopare una donna più anziana mentre loro guardavano sembrava eccitante - non è questo il sesso - eccitazione e piacere? Abbiamo concordato i termini e le condizioni e ho sottolineato l'assenza di penetrazione maschile nel mio corpo. Ero nella tarda adolescenza quando mi sono reso conto per la prima volta di avere un cazzo molto più grande di altri ragazzi della mia età. Ho preso molte costole bonarie su di esso quando mi cambiavo mentre praticavo vari...

1.1K I più visti

Likes 0

Ragazze del teatro del cazzo

Il programma teatrale al mio college non è mai stato particolarmente interessante. Tende ad attirare una folla più nerd e riservata, così come il vecchio archetipo dell'attore gay fiammeggiante. Questo mi rende una specie di anomalo. Non sono certamente il ragazzo più figo del campus, ma ho una cerchia sociale piuttosto ampia e di certo sembro un po' più atletico della maggior parte dei nostri uomini. Anche se non sembro un ragazzo di teatro tradizionale, amo il palcoscenico ed è sempre stata la mia attività extra-curriculare preferita dai tempi del liceo. Non dirò di essere il miglior attore, ma mi trovo...

919 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

814 I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

722 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.