Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

139Report
Karma : Il punto di vista di Olivia_(0)

A volte è difficile sapere chi finirà per essere la vittima...

Il sole sta appena iniziando a tramontare sulle cime degli alberi del quartiere. Tiro fuori lo specchietto dalla borsetta per poter applicare una nuova mano di allettante rossetto rosso. Soddisfatto del riflesso, infilo il coltello dalla borsetta nel reggiseno, getto la borsa sotto il sedile ed esco nel parcheggio della scuola. Ho parcheggiato sul retro in modo che l'auto non fosse visibile dalla strada. So che la scuola media non tiene le telecamere nei lotti, quindi è un posto perfetto per lasciare l'auto per la fuga dato che il quartiere è letteralmente proprio dietro la proprietà della scuola. Fisso le chiavi alla parte inferiore dell'auto sotto la portiera del conducente, faccio un passo indietro e controllo il riflesso di tutto il mio corpo nel vetro colorato. I miei ricci biondi lunghi fino alle spalle incorniciano un viso piuttosto giovane e occhi azzurri dall'aspetto innocente, ma ciò che rende la mia operazione così facile è il mio corpo. Nessun ragazzo si preoccupa per una ragazza minuta di 5'3. Cioè se mai riuscissero a guardare i 34 DD, la vita piccola e il culo stretto che mi ha reso così popolare a scuola. Una cosa che ho imparato è che se riesci a distrarre la testa di un uomo abbastanza a lungo, l'altro non vedrà mai arrivare la minaccia. Regolo la mia minigonna scozzese nera, rossa e bianca e le calze bianche in modo che stiano dritte. Stringendo le reggicalze per tenere tutto al sicuro, controllo il riflesso un'ultima volta. Facendo l'ultima regolazione per annullare un altro bottone sul mio top bianco e infilando la cravatta scozzese abbinata tra le mie tette, comincio a camminare verso l'apertura di Evergreen Estates alla ricerca della partita di stasera.
Per strada all'ombra degli alberi sembra più vicino alla notte che al crepuscolo, ma la visibilità è comunque discreta quindi tengo gli occhi aperti. La strada è deserta e i miei tacchi echeggiano lungo la strada principale. Vedo famiglie sedute a cena in alcune case, bambini che guardano la televisione in altre. Improvvisamente vengo ritirato dalla mia sorveglianza quando sento uno sparo che colpisce il suolo a solo un piede da me e quasi cado all'indietro per lo shock. Vedo la macchia verde sul marciapiede e guardo in alto verso la direzione da cui proveniva. Tre ragazzi sono seduti sul tetto di una delle case più piccole sulla strada. Quello appoggiato al camino con un ampio sorriso compiaciuto sul viso tiene in mano la pistola a sfera di vernice. È dolorosamente ovvio che è il flirt del gruppo dallo scatto "appena uscito" e dal sorriso compiaciuto. Ha una corporatura media con una ciocca di capelli ricci e biondi sporchi, ma il mento più affilato e le gambe lunghe lo tradiscono intorno ai 18 anni. Non proprio il mio tipo, ma ho potuto vedere dove potrebbe essere un po' un giocatore nella sua scuola . Ehh, lo farebbe, ma i ragazzi tirati su hanno combattuto di più e non ho davvero tempo per quello stasera. Il ragazzo accanto a lui è più difficile da valutare. Ha la corporatura di un uomo; con le spalle larghe e i muscoli delle braccia più grandi. I suoi capelli scuri che gli sfiorano appena la sommità delle sopracciglia e lo sguardo serio che segna il suo viso lo rendono un'alternativa drastica al suo amico. Anche i suoi vestiti, i pantaloni del vestito e un gilet sopra un bottone parzialmente slacciato, lo fanno sembrare più vecchio dei suoi amici in maglietta. L'unica cosa che tradisce la sua età è il bel viso giovanile. Immagino che avesse circa 16 anni. L'ultimo ragazzo si adatta a ogni cliché di nerd che è stato creato. È più magro della maggior parte delle modelle da passerella con occhiali spessi e una spiccata abitudine nervosa di stuzzicarsi le unghie. Quando i miei occhi si posano su di lui, china la testa lasciando che i capelli castani disordinati gli nascondano il viso da me. Oh sì, sarà troppo facile.
"Posso aiutarla?" Chiamo i ragazzi, dipingendomi la voce e il viso con solo un po' di irritazione.
Il sorriso compiaciuto del flirt biondo cresce mentre risponde: "Semplicemente non ci piacciono i trasgressori".
Rido solo un po'. "Non spareresti a una donna innocente e disarmata, vero?" Mi avvicino di un passo al cortile in modo che possano vedere il mio dolce broncio e magari intravedere lo sguardo malvagio nei miei occhi. Dalla mia nuova posizione, penso di cogliere quello serio che fa un sorriso furbo, ma è troppo veloce per esserne sicuro.
Gli altri ragazzi si siedono e continuano a lasciare che il biondo parli: "Come facciamo a sapere che sei disarmato?"
Cerco di stabilire un contatto visivo con il nerd perché so che sarebbe il più facile da manipolare, ma sta ancora nascondendo la sua faccia, quindi mi ritrovo a fissare gli occhi con il ragazzo di mezzo mentre rispondo: "Beh, potresti sempre perquisirmi". Sorrido alla tosse sconvolta che sfugge al biondo, "O dato che sei lassù potrei semplicemente mostrartelo". Detto ciò, controllo entrambe le direzioni per assicurarmi che la strada sia ancora deserta e inizio a spogliarmi proprio lì.
Come è prevedibile per i ragazzi adolescenti, anche il secchione si prende la briga di alzare la testa per guardare attentamente mentre le mie dita si muovono con grazia lungo la mia maglietta, slacciando un bottone alla volta. Riesco a vedere i loro occhi fissarsi sulla mia scollatura mentre il mio reggiseno di pizzo bianco trasparente appare in vista. Quei brividi familiari iniziano a scorrermi nei nervi; c'è qualcosa di deliziosamente avvincente per avere questo tipo di potere sugli uomini. Senza mai distogliere lo sguardo dai loro sguardi lussuriosi, mi tolgo la maglietta, lasciandola cadere dalle braccia ai gomiti per rivelare tutto (tranne il coltello nel reggiseno). Mi giro mentre sollevo la gonna per rivelare il perizoma abbinato, i reggicalze e, naturalmente, il mio culo nudo. Mi viene incontro un quadro di facce scioccate mentre completo il turno. Il secchione sembra avere un infarto, la lingua del biondo sta praticamente pendendo, e anche quello serio ha perso la sua faccia da poker a causa di una mascella molle e un'espressione leggermente intimidita. Hmm forse è abbastanza innocente e inaspettato da essere anche un bersaglio facile.
Nel loro silenzio attonito comincio a rimediare come se nulla fosse fuori dall'ordinario. Mentre mi sto ancora abbottonando la camicia dico: "Ora che sappiamo che sono pulito puoi smettere di spararmi?" Non aspetto una risposta ma continuo: “In realtà potrei aver bisogno di aiuto. La mia amica vive in questo quartiere ma è come un labirinto qui dentro e mi ha dato solo il nome di una strada. Qualcuno di voi conosce questo posto abbastanza bene da portarmi a Springfield Rd.?"
Sorprendentemente il secchione in realtà cerca di offrirsi volontario ma la bionda lo interrompe. L'argomento diventa così divertente che sto cercando di non ridere per vedere quello serio scendere. È stato solo quando è arrivato attraverso il cortile dicendomi che conosceva questo posto come il palmo della sua mano e che mi avrebbe preso che l'ho notato. Mentre si avvicina, lo guardo meglio. Avevo decisamente ragione sulla corporatura ed è alto circa 6 piedi. I suoi capelli cadono come facevano le classiche star del cinema degli anni '50 e la sua camminata emana un'aria di potenza e raffinatezza. Se questa non fosse un'operazione, questo è il tipo di ragazzo con cui tornerei a casa, ma è così che devo interpretarlo nel modo giusto. Potrebbe combattere più di quanto avessi sperato di dover affrontare stasera.
Il ragazzo serio si avvicina, mostrando uno splendido sorriso affascinante, e prende la mia mano e la bacia. «Il nome è Acciaio. Jack Steel."
Legame? Sta citando Bond. Mi sbagliavo; questo ragazzo sarà facile come gli altri.

*****

Mentre lasciamo i suoi amici brontoloni sul tetto, svoltiamo dalla strada principale andando più in profondità nel quartiere. Ho scelto Springfield Road. perché è vicino al cuore del luogo e so che gli darà la possibilità di uscire davvero al buio. Siamo a metà strada quando il sole tramonta completamente. Normalmente aspetterei più a lungo, ma tutte le sue piacevoli e affascinanti chiacchiere e il suo completo evitamento dell'argomento del mio spettacolo di strada mi hanno messo in crisi. Non ho mai avuto un ragazzo che mi vedesse praticamente nudo e non facesse passaporti. Non è normale e mi preoccupa il modo in cui ho il controllo della situazione. Di solito lo conducevo in un posto più appartato sotto l'implicazione del sesso e poi facevo la mia mossa. Apparentemente con questo dovrò solo provarci e sperare che funzioni.
Mentre cerco di trovare un modo per avvicinarlo al bosco, un'auto parte lungo la strada e lui mi tira fuori dalla strada. Mentre si avvicina a me nell'erba, tiro fuori il coltello dal reggiseno, lo spingo contro l'albero e gli tengo la lama alla gola. Per un momento perdo la concentrazione mentre il profumo della sua colonia sopraffa i miei sensi, ma sono determinato a non rovinare tutto. Sono andato troppo oltre. Piego il gomito sulla sua spalla bloccando la visuale della lama. Mentre stringo la lama, schiaccio il mio corpo contro il suo e mi alzo in punta di piedi per sussurrargli all'orecchio. "Farai meglio ad ascoltare bene ragazzo se vuoi vivere." Spingo la lama abbastanza forte da colpirlo appena per enfatizzare il mio punto: "Sì, lo so, avresti dovuto accettarmi con l'offerta perquisita". Lo sento irrigidirsi mentre le mie labbra sfiorano il suo lobo. “Ovviamente vivi in ​​questo quartiere, il che significa che stai bene, quindi mi riporterai a casa tua e mi porterai tutti i soldi che i tuoi genitori hanno in giro. Non provare nemmeno a fare lo stupido; So che i ragazzi ricchi non hanno problemi ad arrivare ai soldi dei loro genitori”. Giusto per schernirlo, trascino la lingua nell'incavo dietro il suo orecchio e mentre mi allontano, vedo la rabbia ribollire nei suoi occhi e un tremore balenare nel suo corpo. Per un momento mi perdo in quegli occhi scuri e furiosi e sento l'umidità che inizia a raccogliersi tra le mie gambe, ma devo concentrarmi. Rompendo il contatto visivo, vedo una coppia camminare per la strada appena in tempo.
Muovo rapidamente la lama dietro il suo collo verso il lato opposto, usando l'altro braccio per bloccarlo alla vista. A tutti gli occhi indiscreti, sembriamo semplicemente una giovane coppia in un amorevole abbraccio. Mantenendo chiara la minaccia, mi avvicino per baciarlo dolcemente per evitare che l'altra coppia si insospettisca. Le sue labbra sono calde, morbide e in realtà obbedienti. Si comporta bene ricambiando il bacio, ma dopo il suo momento di sorpresa me ne regala uno tutto mio. Avvolge le braccia intorno alla mia vita e alla mia schiena, stringendomi più forte mentre mi bacia appassionatamente. I suoi pantaloni sono gonfi contro di me e il calore delle sue mani brucia i miei vestiti. Posso assaporare il suo dolce respiro e devo lottare per continuare a respirare normalmente mentre la sua lingua esplora la mia bocca. I suoi denti catturano il mio labbro inferiore tra di loro. Lentamente mi sfiorano il labbro, lasciando dietro di sé un dolore eguagliato solo da quello dietro le mie mutandine inzuppate. Sento che mi sto perdendo, quindi rompo il bacio per vedere che la coppia è quasi scomparsa in fondo alla strada. Avremmo potuto baciarci così a lungo? Dannazione, questo non sta accadendo, ho il controllo qui. Devo ristabilire il mio dominio.
Spingendo la lama ancora più forte contro la sua gola, sussurro: "Ora Jack, dovresti sapere di non provare nulla di stupido. Non faccio giochi per bambini. Ti prometto che ti ucciderò. I tuoi amici non sanno chi sono e nessun altro sa nemmeno che sei fuori con me. L'inferno in questi boschi, quando troveranno il tuo corpo sarò dall'altra parte del paese. Mi capisci?" Prendo lo sguardo freddo e odioso come un sì e continuo a spiegargli il piano. Il suo incrollabile bagliore scuro non smetterà di mandarmi brividi attraverso il corpo, ma non oso farglielo vedere.

*****

Stiamo tornando lungo la strada principale. Ironia della sorte, vive nella terza casa all'interno del quartiere e stiamo solo tornando indietro. Lo faccio camminare con il braccio intorno alle mie spalle così posso coccolarmi vicino al suo fianco e tenere la lama vicino al suo rene. La sua colonia continua a minacciare la mia concentrazione, ma sto vincendo la battaglia. Finiamo per passare di nuovo davanti ai suoi amici sul tetto. Lo stupore sui loro volti è difficile da decifrare. Non so dire se è stato perché non è tornato da solo in generale o perché il suo braccio era intorno a me. Cominciano a urlare a Jack, ma io lo colpisco con la punta della lama e lui li allontana. Gli bacio la guancia schernendolo, "Ragazzo intelligente", sussurro. Non mi guarderà nemmeno in risposta. Jack continua ad andare avanti, senza mai perdere un passo nella sua ansiosa linea di api per la sua casa.
Mi porta in giro per casa fino alla porta sul retro borbottando qualcosa sui suoi genitori che sono al piano di sopra. Non mi interessa davvero; Voglio solo i soldi così posso andare in viaggio e nella prossima città. Mi apre la porta sul retro come un gentiluomo ma il disgusto gocciola dalla sua espressione. Mi sorprendo a pensare a lui che lascia che quell'aggressività si riversi sul mio corpo. Pensando a cosa potrebbe farmi questo uomo grande, potente e bello. In pratica sento le sue mani forti che devastano la mia forma mentre mi sbatte contro il muro, la sua lussuria e odio che prevalgono su qualsiasi considerazione per me mentre mi strappa la maglietta... Merda! Mettiti insieme ragazza. È solo un segno, ricordalo.
Faccio un respiro profondo per stabilizzarmi e varco la porta. Immediatamente di fronte a me c'è una scala per il piano successivo, che sembra buio e silenzioso, alla mia destra c'è un bagno ea sinistra una stanza con la porta chiusa. Jack entra dietro di me chiudendo la porta. Nel piccolo ingresso la sua taglia è ancora più prominente. Sembra essere ovunque intorno a me. Improvvisamente sono molto grato per il coltello perché in uno spazio così angusto senza un posto dove correre, non avrei una preghiera in una lotta con lui.
Il suo sussurro sexy e profondo riempie la stanza: "Tengono i contanti in un caveau nella stanza alla tua sinistra. La combinazione è 2-7-1-2”. Mi giro per vedere lo stesso sguardo accattivante nei suoi occhi, ma faccio un sorrisetto mentre gli faccio scorrere la mano sul viso.
"Grazie amore, è stato divertente." Gli faccio l'occhiolino e gli mando un bacio.
Mi giro verso la porta, il sollievo che mi attraversa il corpo. Questo è stato molto più facile di quanto avrebbe potuto essere. Un attimo prima di aprire la porta, mi fermo perché sento una risatina sommessa e Jack borbotta qualcosa. Suonava come "Oh, fidati, il divertimento è appena iniziato", ma perché diavolo dovrebbe dirlo? Mi guardo indietro e lui è in piedi esattamente allo stesso modo: una mano in tasca, l'altra infilata nella cintura di pelle, appoggiata al muro, quegli occhi scuri non mi lasciano mai. Che cazzo ha questo ragazzo che mi sta facendo perdere la testa in questo modo? Devo prendere questi soldi e andarmene da qui.
Giro la maniglia della porta, entro e ho appena il tempo di prendere il letto, la televisione e i fumetti. Proprio mentre mi giro con il coltello per cercare di uscire da questa trappola, intravedo quello sguardo lussurioso nell'istante in cui il suo pugno si collega al mio mento e mi accartoccio a terra non vedendo altro che nero.

*****

Comincio a svegliarmi, scuotendomi alla coscienza. Il livido mi sta già salendo sul mento, lo sento. Provo ad aprire gli occhi ma l'improvvisa luminosità fa male. Dio, sono così stordito. Cos'è questo rumore? Merda, sono io che gemo? Devo alzarmi. Aspetta, perché sono sdraiato sul pavimento?... Nel momento in cui mi colpisce dove sono, quello stesso profumo inebriante mi riempie di nuovo la mente e sono acutamente consapevole delle sue mani che mi trattengono il polso sopra la testa e di lui che si blocca me a cavallo dei miei fianchi. Mi sento di nuovo gemere e provo ad aprire gli occhi, ma l'improvvisa sensazione del lato largo di una lama d'acciaio fredda premuta contro la mia guancia mi fa congelare sul posto. Non respiro nemmeno mentre lui me lo fa scorrere lungo il viso, sul tenero livido, contro il mio collo teso, e alla fine si ferma con la punta che giocherella intorno all'incavo alla base della mia gola.
La sua voce profonda riempie la mia mente mentre si avvicina al mio orecchio. Il calore del suo respiro mi fa tremare mentre cerco debolmente di liberare le mie mani dalla sua presa, "Forza troia, sto diventando impaziente e ti voglio sveglia per ogni secondo di questo". La sua lingua calda lecca l'incavo dietro il mio orecchio, esattamente come la mia aveva fatto con lui. Giro velocemente la testa dall'altra parte cercando di scappare ma lo sforzo è sprecato. Non prova nemmeno a perseguirlo. Invece la sua risata malvagia riempie la stanza mentre comincio finalmente ad aprire e regolare gli occhi. Vedo Jack seduto sopra di me. Quegli occhi oscuri pieni di lussuria che si fissano nei miei mentre spinge la lama più forte contro la mia gola. Un sorrisetto sornione è dipinto sul suo viso e lo odio per questo. Il figlio di puttana si sta divertendo troppo. Non sono il giocattolo di nessuno. Devo trovare una via d'uscita da qui. Sto cercando nella stanza qualcosa, qualsiasi cosa che possa essere utile quando ricomincia a parlare.
"Divertente, alla grande presa in giro di un ladro non piace essere presa in giro in cambio." Quel maledetto sorriso sul suo bel viso non vacilla mai e la sua arroganza mi sta facendo impazzire.
So che non dovrei, ma non posso trattenermi. "Chiudi quel cazzo di bocca ragazzo", dico mentre gli sputo.
La sua mano mi colpisce la faccia così velocemente che non la vedo nemmeno arrivare. La puntura brucia in profondità nella mia guancia e lui peggiora le cose afferrandomi rudemente il viso, affondandoci dentro le dita. Il sorriso compiaciuto è finalmente scomparso, sostituito da quella rabbia familiare mentre risponde: "Cagna, è meglio che impari il tuo posto". La lama viene spinta così brutalmente contro la mia gola che mi colpisce e io respingo lo stridio. Non gli darò quella soddisfazione. Cerco di liberare le mie mani ma la sua presa si stringe e le sbatte contro il pavimento di legno, mandandomi il dolore che mi trapassa le braccia mentre continua: “Pensavi di potermi controllare? Una piccola troia come te? Mi stai prendendo in giro. Ora sei alla mia mercé e faresti bene a pensare prima a tutto, perché ti prometto che non ho più scrupoli ad ucciderti di quanto tu faccia con me. Abbassa la mia testa, lasciandola sbattere contro il pavimento di legno. Lo shock mi ha di nuovo stordito e stordito.
Dannazione, questo è andato troppo oltre. Ma non vedo davvero una via di fuga, quindi potrei anche accettare l'arresto. Forse posso sedurre il poliziotto. “Va bene Jack,” mormoro, “ti sei divertito. Chiama già i tuoi genitori o la polizia, ok?
Non so perché, ma per qualche ragione la sua risata questa volta sembrava più cupa, l'umorismo nei suoi occhi era ancora più minaccioso della rabbia. Il suo piacere per la mia affermazione mi confonde finché alla fine non smette di ridere abbastanza a lungo da parlare. “Chiamare i miei genitori? Oh, ok, certo. Il sorriso compiaciuto non lascia mai la sua faccia mentre urla ripetutamente per i suoi genitori senza risposta e poi torna a guardarmi. “Oh accidenti, è vero, i miei genitori sono fuori città. Scherzi. Bene, c'è la polizia, tranne che hai quel livido sul viso, quegli occhi dall'aspetto innocente; oh e sì, sei una piccola troia calda che sedurrebbe la polizia. Lascia cadere il coltello, sostituendolo con la sua potente mano. Flettendolo per giocare con gli effetti che ha sulle mie vie respiratorie, continua: "Non sono stupido, cagna. Non ti sto permettendo di farla franca. Pensavi di potermi rubare? Pensavi di poter usare il tuo corpo per ingannarmi? Bene, userò il tuo corpo per rubarti. Devi imparare cosa succede alle piccole puttane che pensano di essere più intelligenti di quanto non siano in realtà.
La sua mano si chiude così forte intorno alla mia gola, i miei occhi tornano nella mia testa per la mancanza d'aria. Sento il bavaglio catturato sotto la sua mano e comincio a vedere dei punti mentre una sensazione di formicolio si diffonde in tutto il mio corpo. Sto per svenire quando alla fine si lascia andare. Mentre sono preso e debole nel mio attacco di tosse, sento la sua mano sui miei polsi sostituita da qualcosa di liscio e stretto. So che dovrei provare a combattere a questo punto, è la mia migliore possibilità di fuga, ma sono così debole. Non credo che potrei muovermi se volessi. Non mi accorgo nemmeno che i miei occhi sono ancora chiusi finché un altro schiaffo non si collega alla mia faccia riportandomi a. Il livido punge ancora di più per il nuovo abuso.
Mi sveglio con un nuovo suono scoppiettante silenzioso. Abbasso lo sguardo e vedo gli occhi affamati di Jack che osservano attentamente il suo lavoro. Sta prendendo il mio coltello e staccando i bottoni dalla mia camicia uno alla volta. Istintivamente, vado ad abbassare le mani per fermarlo, ma si muovono a malapena nel mio nuovo contenimento. Ansiosamente, allungo il collo per guardare in alto e in basso, solo per scoprire che i miei polsi sono legati insieme e al fondo del suo letto con la cintura. Scioccato, guardo in basso e vedo che i suoi pantaloni sono slacciati e penzolanti, il suo cazzo duro e furioso che tende contro la sua biancheria intima. Alla fine il suo piccolo discorso sprofonda, riempiendomi di terrore. Non c'è molto che posso fare disarmato contro un uomo così forte in generale e sicuramente non in questa posizione, ma devo provarci.
Comincio a sgroppare selvaggiamente, cercando di mettere le gambe davanti al suo busto per prenderlo a calci. Questo non sta accadendo; Non vengo violentata da un segno. Non vengo violentata da un bambino. Diavolo, no. Alzo una gamba abbastanza in alto da portarla davanti al suo fianco e gli lancio il tallone con tutta la forza che riesco a raccogliere. Cade in avanti urlando: "Cazzo". Mette tutto il suo peso su una mano che mette sul mio busto, tenendo fermo il mio core mentre lotta con le mie gambe sotto le sue cosce. Il suo sorriso arrogante ritorna con il suo controllo, mentre mi butta di nuovo fuori di testa. So che può leggere il terrore e la conoscenza nei miei occhi e il bastardo si sta godendo ogni secondo. Che diavolo è successo all'adolescente fan di Bond che bacia la mano?
Torna al suo progetto, facendo un rapido lavoro sui bottoni della mia camicia. Strappando la maglietta, dal mio petto e dalla mia gonna, è evidente che il suo autocontrollo provocatorio sta iniziando a vacillare mentre la sua lussuria prende il sopravvento. Il freddo acciaio della lama scorre sul mio stomaco e giù, avanti e indietro mentre l'altra mano mi stringe il seno. Le sue dita calde giocano con il pizzo lungo la linea della coppa. Non riesco a staccare lo sguardo dal suo viso. Quegli occhi scuri e lussuriosi che consumano avidamente il mio corpo, l'umidità sulle sue labbra e la cruda determinazione nella sua espressione, tutto ciò mi eccita più di quanto non lo sia mai stato prima. La sensazione delle sue mani sul mio petto è travolgente. No, no, no! Mi sta violentando, non mi divertirò. Non glielo darò.
Comincio a dimenare il busto cercando di uscire da sotto di lui ma è inutile. Jack mi osserva semplicemente con quella disgustosa arroganza, deliziandosi del mio disagio. Mentre fa scivolare il coltello sotto il centro del mio reggiseno e lo taglia in modo che cada rivelando le mie tette nude, inizia di nuovo a schernirmi, "Mmmmm questi sembrano meravigliosi, ti darò quella puttana". Il coltello circonda l'areola dei miei capezzoli, rendendomi il respiro affannoso. “Ti piace, vero troia? Ti piace che ti leghi e ti usi?" Il suo ringhio echeggia dalle pareti mentre mi schiaffeggia di nuovo: "Peccato. Allora dovrò solo farlo soffrire di più, cagna.
Trascina velocemente il coltello lungo il mio busto; abbastanza forte da pungere ma non da tagliarmi. Ho emesso un urlo di dolore e in risposta vedo la sua erezione contrarsi nelle mutande. Jack mi taglia le reggicalze e il perizoma, graffiandomi di proposito con la lama per farmi urlare. Cerco di respingere le urla, ma non ci riesco. Sto perdendo anche un'altra battaglia; le mie mutandine sono inzuppate e a lui non manca questo fatto. “Sporca puttana del cazzo. Tu vuoi questo. La tua fica sta gocciolando per questo. Vuoi essere ferito e usato". Spinge il lato largo della lama nella mia coscia, non ferendomi ma spaventandomi con un altro urlo. “Esatto puttana, urla. Nessuno può sentirti tranne me, e adoro sentire quelle urla. Jack si china, facendo scorrere la lingua tra i miei seni, su per il collo e nella mia bocca. Mentre infila la sua lingua nella mia gola, quasi soffoco. La sua aggressività mi sta sopraffacendo. In difesa gli mordo la lingua, facendolo guaire. Jack si tira indietro e mi prende a pugni allo stomaco, avvolgendomi.
Lui sorride semplicemente e mi sputa il sangue, rovinandomi la faccia, "Non capisci, cagna, vero? Mi piacciono i miei giocattoli esuberanti. Non mi interessa cosa fai; Ti userò come voglio finché non avrò finito con te. I suoi occhi scrutano lentamente il mio corpo, prendendo il mio seno, il mio stomaco e la mia figa nuda parzialmente coperta dalla mia gonna. “E onestamente troia, sto diventando impaziente. Non stai imparando la lezione molto bene, quindi andrò al sodo e prenderò quello che voglio. Volevi rubarmi puttana, quindi ti ruberò. Prenderò la tua verginità".
Inizio a ridere, solo per essere interrotto dalla sua presa sulla mia gola. "Cosa c'è di così divertente cagna?"
Lascio che il mio sorriso lo divori, rifiutandomi di rispondere finché non mi prende di nuovo un pugno nello stomaco. Con voce roca, rispondo: "Sei troppo tardi per quel bastardo", ma il mio sorriso compiaciuto svanisce con l'inizio della sua risata.
“Stupida puttana. Credevi davvero che pensassi che fossi vergine? Prenderò la tua verginità cara, ma non del tipo a cui stai pensando. Con quello mi schiaffeggia il culo e mi colpisce. Anale? No, no, no, questo non sta accadendo. Tirando disperatamente le mie restrizioni, comincio a gridare aiuto, pregando che i suoi vicini possano sentirmi.
Jack si toglie lentamente i vestiti di dosso solo sorridendo e guardandomi combattere le restrizioni, godendosi le mie urla. Per quanto mi odio per questo, non posso fare a meno di notare il suo corpo. Le sue braccia muscolose e le sue spalle larghe continuano a scendere in un busto forte e stabile. Mentre i suoi pantaloni cadono, posso vedere chiaramente i muscoli dei suoi polpacci e delle sue cosce. Anche se una volta che le sue mutande si tolgono, il suo cazzo distrae dal resto. Sembra circa 7 pollici ed è il più spesso che abbia mai visto. Non credo che potrei metterci le mani completamente intorno. Infine, per completare il tutto, viene curvato per formare praticamente la metà di una "c". Senza che nulla lo tocchi, il suo cazzo si contrae e finalmente spezzo il mio sguardo per vedere uno sguardo soddisfatto sul suo viso. Vado a parlare, ma come un lampo si lascia cadere tra le mie gambe e mi ficca le mutandine rovinate in gola. Provo a sputarli ma sono troppo profondi. Riesco ad assaporare la mia stessa umidità dal perizoma mentre mi penetrano in bocca.
Lo sento iniziare a strofinare la testa del suo cazzo contro la mia figa umida mentre mormora; "Ora sarò gentile e diventerò un po' lucido prima di prendere quel bel culo." Jack inizia a spingere a malapena e posso sentire quella testa calda e bulbosa che si muove attraverso i succhi scivolosi alla mia apertura.
Gemendo in un misto di terrore e desiderio, chiudo gli occhi aspettando con ansia, ma lui mi afferra il viso con violenza, chiedendomi di guardarlo. Mentre apro gli occhi e incontro quello sguardo ardente, lui sbatte tutto il suo cazzo dentro di me. Getto indietro la testa cercando di urlare, ma le mutandine si mettono in mezzo. Il suo cazzo enorme e palpitante mi sta squarciando. Il modo in cui sta martellando la mia figa stretta è travolgente. La sua taglia è dolorosa, quasi mi fa venire le lacrime agli occhi, ma il modo in cui si sente è strabiliante. La mia figa trema, tesa su di lui. Sono tirato fuori dalla mia coscienza beata dai suoi denti che mi scavano nel collo e dalle sue mani che scalpitano ad ogni centimetro del mio corpo. Riesco a sentire le sue unghie scavare nella mia schiena e nel mio culo mentre mi sbatto contro di lui, finalmente cedendo e incontrando la sua spinta. I suoi ringhi e lamenti riempiono la stanza in competizione solo con i miei strilli attutiti e il suono delle sue palle che sbattono contro di me.
I brividi acuti iniziano a scorrermi nelle vene mentre le sue labbra arrivano ai miei capezzoli. Senza mai alterare il suo ritmo violento, Jack mi sta facendo girare la testa con successo. Riesco a sentire il mio sangue pulsare mentre la pressione aumenta. Tutti i miei sensi sono sovraccarichi. Il suono del suo cazzo enorme che abusa della mia figa, l'odore del sesso mescolato con la sua colonia, la vista del suo corpo sexy che si muove sopra la mia forma tremante e il fuoco gelido che brucia nei miei nervi ovunque mi tocchi mi stanno facendo battito cardiaco nella mia testa. La mia mente è così offuscata dal piacere e dal dolore che non mi rendo nemmeno conto che sta arrivando finché non mi ci perdo. Comincio a urlare oltre le mutandine mentre la mia schiena si solleva da terra e le mie braccia si muovono contro la cintura nei lanci feroci del mio orgasmo. Riesco a sentire la mia figa che si contrae così forte che deve fargli male, ma Jack rimane fermo senza mai rallentare. Continua a picchiare la mia tenera figa con il suo cazzo al punto che ho le lacrime agli occhi, le convulsioni non si fermano. Il mio sperma caldo si sta riversando fuori, correndo lungo il mio inguine nella fessura del mio culo mentre collasso a terra zoppicando all'indomani del mio orgasmo. Alla fine si tira fuori, ancora duro e palpitante.
Si alza ma io sono perso in un'ondata di piacere sul pavimento. Il calcio acuto alle costole mi riporta dolorosamente alla realtà. Alzo lo sguardo mentre lui si accovaccia accanto a me e mi afferra di nuovo per la gola. Faccio fatica a concentrarmi e a capire le sue parole mentre soffoco: "Sei più una puttana di quanto pensassi. Ti ho appena violentata e mi sei venuta addosso come una fottuta puttana. Non so nemmeno perché sono sorpreso". Ridendo mentre guarda la mia faccia, Jack fa scorrere il dito lungo il percorso dei miei succhi fino al mio buco del culo. Mi contorco, cercando di allontanarmi, implorando il bavaglio, ma posso dire che è perso nella sua lussuria mentre il suo cazzo si contrae di nuovo. Il suo polpastrello gioca intorno al mio bocciolo. So che lo sta trascinando fuori per tormentarmi e non voglio dargli la soddisfazione. Sdraiato il più immobile possibile, chiudo gli occhi e cerco di concentrarmi su qualsiasi altra cosa, ma il terrore sta ancora crescendo dentro di me. Non appena prova a infilare il dito, lo perdo. Urlando così forte che quasi le mutandine escono fuori, mi chino lanciando un ginocchio verso il suo busto.
Jack mi prende per le ginocchia e mi spinge di nuovo a terra. So che la paura è evidente sul mio viso, ma non riesco a smettere di fissare quegli occhi scuri, in conflitto tra rabbia e lussuria. Sono così ipnotizzato che all'inizio non noto le sue mani febbrili sulla mia vita, ma non appena il suo sorriso compiaciuto ritorna, scopro di essere improvvisamente a faccia in giù sul pavimento di legno. Le sue cosce forti sono tese sulle mie e le sue mani grandi e potenti mi stringono le guance. Dio no, no, no. Questo non può succedere. Le mie chiappe vengono divaricate selvaggiamente e posso sentire la sua testa che spinge contro la mia apertura. Mi odio per questo, ma inizio a piangere.
Sorprendentemente la pressione si attenua quando lo sento disteso sulla mia schiena, quindi le sue labbra sono vicino al mio orecchio. Sto tremando per la paura mentre il suo alito caldo e roco mi inonda: "Sei venuta troia, ora tocca a me. Ma prima ho un'ultima cosa da fare". Detto ciò, si allunga e mi toglie le mutandine dalla bocca mentre sussurra: "Ho bisogno di sentire quelle urla agonizzanti".
Improvvisamente infila il suo cazzo nel mio culo e il dolore è sconvolgente. Le mie urla devono far tremare la sua casa. È come se un fuoco mi squarciasse mentre il suo enorme cazzo si insinua in me. So che il mio corpo si sta contorcendo per il dolore, ma lui non rallenta mai. Jack sta parlando ma non riesco a distinguere le parole. Non riesco a sentire nient'altro che il dolore e il suo cazzo palpitante che mi possiede. Le sue mani stanno affondando nella mia vita, riportandomi alle sue spinte. Cerco di concentrarmi sulla cintura che mi taglia il polso per distrarmi dal fuoco.
Alla fine, dopo quello che sembra per sempre, il dolore inizia a svanire. Le sue spinte stanno ancora arrivando forte e veloce, ma sto iniziando a godermela di più. Il ritmo costante del suo cazzo duro come una roccia che scivola dentro e fuori dal mio culo stretto sta diventando avvincente. Sono solo portato fuori dal mio nuovo piacere mentre i suoi gemiti riempiono la stanza. Il ritmo di Jack sta aumentando mentre il suo respiro diventa più debole. Improvvisamente il suo bicipite è avvolto intorno alla mia gola schiacciandomi la trachea. La sua voce mi riempie la testa quando comincio a vedere dei punti, “Oh dio, il tuo culo è così stretto. Sarò onesto con te puttana; questo è tutto ciò a cui ho pensato da quando ho visto questo culo perfetto per strada. Ho passato l'intera passeggiata cercando di trovare un modo per conoscerti, uscire con te e averti. Ma grazie al fatto che sei una troia criminale senza valore, non c'era bisogno che aspettassi. Punteggia il suo punto con un'ultima spinta profonda nel mio culo e il suo sperma caldo che esplode nel mio canale proprio mentre perdo conoscenza.

*****

Una brezza fredda accarezza la mia pelle nuda mentre mi riprendo. A causa della luna limpida, posso vedere abbastanza bene. Guardo in basso e scopro che sono sdraiato in un mucchio di sabbia, vestito con i miei vestiti rovinati. Through the dark I can see the fencing and school. I look back to the pile of sand and realize it’s a pitching mound; I’m on the middle school baseball field. There’s something wet tied around my thigh and after a few minutes my numb fingers finally manage to untie it. Three hundred dollars in cash and a note falls away from my leg as I free the knot. I lift the saturated fabric into the moonlight and see it’s my ruined thong. After securing the money, I finally bother to look at the note.
I figured it was a fair trade slut. One thief to another.
PS Since I let you keep your life as a souvenir, I kept your knife as my own.
-J.S.

Storie simili

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

594 I più visti

Likes 0

Ballo lento_(0)

Una volta nella vita, ti imbatti in un partner molto potente e forte, uno che può spazzarti via in un batter d'occhio... uno che promette di essere il massimo amante memorabile che tu abbia mai avuto. Molte persone cercano invano di trovare un tale amore - il mio è entrato nel mio ufficio un giorno. Ero seduto alla mia scrivania, lavorando sodo... e mi è capitato di alzare lo sguardo per vedere il l'uomo dei miei sogni che aspetta fuori dall'ufficio del mio capo. L'aura di potere che irradiato da quest'uomo è stato sufficiente per farmi smettere di lavorare sull'urgenza progetto...

475 I più visti

Likes 0

Heather e Ava si trasferiscono

È tardi quando vengo a varcare la soglia. Heather tiene il braccio intorno alla vita di sua figlia Ava. Sono in piedi nell'atrio vestiti solo con una delle mie camicie. Ava è una bellissima giovane donna proprio come sua madre Heather. Ti siamo mancati? Heather mi dice con un sorriso d'intesa. Puoi scommetterci, dico incontrandoli a metà strada. Heather alza le labbra per un bacio, che ho incontrato. Ava inizia a baciare il collo di Heather. Le mani di Ava scivolano tra di noi, una mi accarezza mentre l'altra strofina la figa di Heather sotto la sua maglietta. Li accarezzo entrambi...

755 I più visti

Likes 0

Attrice e io (Pt 3 Viaggio a ovest)

Ho guardato l'aereo taxi per la pista e decollare. Me ne andai e tornai a casa con le lacrime agli occhi perché già mi mancava. Ho girato per il cottage in motorino per il resto della giornata. Più tardi quella notte chiama per dire che è arrivata a casa sana e salva. Abbiamo chiacchierato per un'ora sul suo soggiorno di 2 settimane qui. Dopo che ha riattaccato, mi sono sentito un po' meglio e sono andato a letto. L'estate dell'82 è passata rapidamente all'autunno e abbiamo parlato numerose volte di quando sarei venuto a farle visita a ovest. Ho continuato a...

632 I più visti

Likes 0

Chat erotica

Ragazza: Prometto che tornerò quando potrò e che la chat potrebbe non essere oggi. Awe ho bisogno di dormire i miei genitori vengono oggi e passano la notte.. E so che non sei lì, quindi ti scriverò una piccola cosa visiva che voglio fare sesso mattutino ma il mio partner sta dormendo. Partner sei tu;) Uomo: Il mio cazzo è duro adesso piccola... Continua [b]girl: Siamo solo a letto e io sono nuda dalla sera prima. Hai i boxer. Mi sveglio e mi guardo di spalle, quindi mi accoccolo bene e mi chiudo e ti tengo stretto. Mi chino e inizio...

618 I più visti

Likes 0

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

525 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

579 I più visti

Likes 0

Oh, introduzione di Ollie

Il mio migliore amico, Oliver, era il tipo di ragazzo di cui ogni ragazza impazzirebbe. Dato che era un giocatore chiave nella squadra di atletica della nostra scuola, aveva facilmente il corpo per lasciare le ragazze sbavando, ma non è quello che ha catturato la loro attenzione. Oliver era gentile, ma non invadente, intelligente, ma non sapientone, protettivo, ma non geloso, e nel complesso una persona fantastica. I suoi occhi color nocciola erano sempre pieni di emozione e sapeva sempre cosa dire. Questo è ciò che ha fatto tornare le ragazze. Io, invece, non ero il tipo di ragazza con cui...

123 I più visti

Likes 0

Lussuria parte 2

Parte 2 Mentre tornavo a casa dalla palestra ho potuto notare l'umidità che usciva dalla mia figa. Ero davvero emozionato perché finalmente cose del genere non mi sembravano più così sbagliate. Sapere che mio marito stava approvando tutto ciò che stavo facendo, è stata una grande svolta per me. Quando sono tornato a casa non c'era nessuno. Sono andato di sopra, sono salito sul letto e ho guardato i due video che avevo nel telefono. Entrambi erano estremamente espliciti e mi hanno fatto così eccitare che ho dovuto prendere il mio vibratore e masturbarmi proprio lì. Quando mio marito è tornato...

957 I più visti

Likes 0

Una notte fuori dalle streghe

“I demoni vorticano e gli spiriti vorticano. Cantano le loro canzoni ad Halloween. Vieni a divertirti, gridano. Ma non vogliamo andarci, quindi corriamo con tutte le nostre forze E oh, stasera non entreremo nella casa stregata -Jack Prelutsky, La casa stregata *** Quello che succedeva in quella città la notte di Halloween era segreto e ai bambini non era mai stato permesso di saperlo. I genitori mandavano i loro piccoli nelle città vicine a fare dolcetto o scherzetto e gli adolescenti si recavano in pellegrinaggio in altre parti della contea per le feste di Halloween. Non importa quanto un bambino possa...

603 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.