Lezioni apprese_(2)

1.9KReport
Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. "Che succede ragazza?" Lei chiede.
"Ehi!" Dico eccitato, forse troppo eccitato.
"Ok rovesciamento."
"Versare cosa?"
"Chi è lui?"
"Chi è chi?" dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. "Salvato dalla campanella." Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire.
"Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico." Dice con una voce ipnotizzante e sensuale.
"Cosa è successo alla signora Wright?"
"Sono emerse cose di cui lei deve occuparsi."
"Scommetto che l'ha mangiata. Guarda il suo grosso culo. Mangerebbe Sasquatch se sapesse dove trovarlo." dico ad alta voce. La classe ride. Mi fissa.
"E il tuo nome è?"
"Parks, Rosa Parks. Perché se pensi che mi alzerò e me ne andrò se me lo dici, puoi dimenticare quella merda." la classe ride di nuovo.
"Ahh una saggia battuta, aye?"
"No, un asino intelligente."
"Beh, signora Parks, vi siete guadagnati una settimana di punizione, con me."
"Oh. Whoop De maledetto doo." Mi siedo in silenzio per il resto della lezione e la giornata va avanti. La giornata finisce e vado in punizione entro nella stanza del signor Miller. Noto che non è qui, mi giro per andarmene, quando lo incontro.
«Guarda se hai intenzione di punirmi, almeno, sii qui nella stanza quando verrò. Dannazione, ho un cazzo da fare.
"Anche io ho un cazzo da fare; pensi davvero che voglia sedermi qui con te e le tue osservazioni da culo intelligente? Inoltre, non apprezzo che tu parli della mia taglia."
“Amico, non me ne frega un cazzo. Perché non porti il ​​culo da qualche parte e vai a mangiare una torta. O qualche merda.
"Vuoi sapere quanto sono grande?" Mi prende per il collo e mi prende in braccio sbattendomi contro il muro. "Ho un pessimo carattere e l'hai appena fatto arrabbiare. Ti ho chiesto di non dire nulla sulla mia taglia. Quindi ti insegnerò cosa faccio alle bambine che pensano di correre di merda." Mi solleva la gonna e mi abbassa il perizoma. Fa scivolare un dito sul mio clitoride e infila due dita dentro di me. un urlo. Mi mette una mano sulla bocca. "Stai zitto. Non dire niente. Non urlare e assolutamente non chiamare il tuo dannato ragazzo". Dice spingendo le dita più a fondo dentro di me.
Continua a strofinarmi il clitoride e a scoparmi con le dita, colpendo il mio punto G ogni volta. Mi avvicino al cumming in venti secondi, non ho mai provato così tanto piacere così velocemente. Gli urlo nella mano mentre vengo sull'altra. Mi lascia andare, sono così debole nelle ginocchia per il cumming così forte che cado. Prende un tovagliolo dalla scrivania e inizia ad asciugarsi le dita. Provo a strisciare su una scrivania per cercare di alzarmi. “Dove pensi di andare? Non ho ancora finito con te. Dice togliendosi la cintura e togliendosi i pantaloni.
"Oh cazzo!" Dico. Mi si avvicina e si ferma davanti a me. Il suo cazzo è completamente duro. Era forse lungo da 9½ a 10 pollici e largo circa 4½. Mi prende in braccio piegandomi sulla scrivania.
Mi schiaffeggia le chiappe, "Ti piace questo, vero? Ti piace quando un vero uomo prende il controllo?
Non potevo mentire, stavo amando ogni momento di questo. "Sì."
"Che cosa? Non ti sento, parla».
"SÌ!"
"Sì cosa?"
"Sì, signor Miller!" Mi tiene dritto e inizia a palparmi il seno.
I miei capezzoli si induriscono sotto le sue dita. "Hmm. Questi sono incredibili”. Dice stringendoli forte. Mi bacia il collo e mi sussurra all'orecchio: "Quanto vuoi il mio cazzo in quella tua piccola fica stretta?" "Male."
"Non è abbastanza".
"Lo voglio davvero".
"No, ancora non abbastanza buono."
“Non lo voglio, ne ho bisogno. Per favore dammi il tuo cazzo.
"Provalo."
"Come?" Mi fa girare e mi mette in ginocchio davanti a lui.
"Succhialo." Obbedisco e prendo in bocca la punta del suo enorme cazzo di cioccolato bianco. Comincio a succhiare lentamente ma molto forte sulla punta. Scendo su di lui di più prendendone più in bocca. Sfrego delicatamente i denti lungo la sua asta. Salendo e scendendo, la mia velocità aumenta costantemente. Dopo che sento di avere un controllo sulle cose, inizio a fargli una gola profonda. Conato un po' perché è così grande. Geme e respira a fatica. "Va bene." Mi solleva anche i piedi.
"Cosa vorresti che facessi adesso?" chiedo asciugandomi lo sputo dalla faccia.
"Piegati sulla scrivania e tieni duro." Faccio come dice. Lo sento allineare la testa del suo cazzo con l'ingresso della mia figa. “Aspetta piccola, sarà dura.
"O-", prima che io possa tirare fuori il resto della parola, mi sbatte dentro. "Fanculo!" urlo. Aspetta qualche secondo, poi inizia a muoversi. Entra ed esce a un ritmo medio, aumentando costantemente la velocità ad ogni spinta. All'inizio gemo piano. Prima che me ne accorga, mi sta martellando a quella che spero sia la sua piena velocità. Sto urlando mentre lui mi sta guidando le viscere, mi sento già sborrare. Mio Dio non mi sono mai sentito così pieno. Va sempre più in profondità ad ogni spinta. Mi sento come se stessi urlando a squarciagola. Allungo il braccio dietro di me e conficco le unghie nel suo braccio. È allora che prende velocità. Non pensavo che potesse andare più veloce, più difficile o più in profondità per quella materia. Sono solo sul punto di venire per la sesta volta quando si ferma.
“Per favore, non fermarti. Per favore-" La prego quando sento che inizia a mangiarmi.
"Sborrami in bocca." Dice contro il mio clitoride. Mi succhia il clitoride e la lingua mi scopa la figa, rendendomi più debole le ginocchia. Quando comincio a sborrare, noto di avere una presa mortale sulla scrivania. Mentre vengo comincio a sentirmi leggero. Mi pulisce con la lingua e mi aiuta ad alzarmi. Riesco a malapena a camminare, "Cazzo". Dico: "Non mi sono mai sentito così pieno e imbottito". Subito dopo che dico che mi viene in mente un pensiero. "Sei venuto?" “No, ma lo farò la prossima volta. Stavo mostrando disciplina, qualcosa che ti insegnerò se mai ti comporti di nuovo nella mia classe." Mi bacia sulla guancia e mi schiaffeggia il culo, "adesso vestiti e vattene, ho una merda da fare". Dice con un sorrisetto.

Storie simili

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

1.7K I più visti

Likes 0

RIMBALZANTE

Karen diede un colpetto sulla spalla a Steffi e le disse che la signorina Peters voleva vederla subito nel suo ufficio. Steffi finì di abbottonarsi la camicetta e chiese: Ha detto quello che voleva? No, replicò Karen mentre si affrettava fuori dallo spogliatoio, non sembrava sconvolta o altro, vuole solo vederti! Cristo, mormorò Steffi, è ora di pranzo e sono trattenuta dopo la lezione di ginnastica, mentre raccoglieva l'asciugamano ei vestiti da palestra e se li infilava nello zaino. Karen ha detto che volevi vedermi, ha osservato Steffi con voce interrogativa dopo aver bussato allo stipite della porta. Sì, Steffi, per...

989 I più visti

Likes 0

Sedurre tutta la famiglia parte 3

PARTE 3 Dopo le nostre entusiasmanti e molto energiche attività mattutine, sapevamo tutti come avremmo fatto parte del resto della giornata, ma a quel punto eravamo completamente esausti, quindi ci siamo separati per fare la doccia e, nel caso di Jim e me, fare un pisolino (ne avevamo bisogno, ok?). In realtà, come ho scoperto in seguito, Daniella ha invitato Tracey e Josh a unirsi a lei sotto la doccia e apparentemente un bel po 'di gioco dopo è andato avanti nel processo di ripulirsi a vicenda - vedi cosa ti perdi quando fai un pisolino? Ci siamo riuniti più tardi...

959 I più visti

Likes 0

Piccolo Popper.

La scorsa settimana la figlia del mio vicino è venuta a casa mia per vedermi per qualcosa e mi ha visto fare sesso con la mia ragazza a bordo piscina. All'epoca non ne ero a conoscenza, ma è venuta di nuovo per ottenere ciò che voleva dopo che la mia ragazza se n'era andata: stava aspettando che se ne andasse. Abbiamo fatto il bagno magro e abbiamo fatto sesso insieme lì la maggior parte delle volte: io ho 26 anni e la mia ragazza circa un anno più giovane. Holley, la ragazza dall'altra parte della strada, ha 17 anni. Quando è...

821 I più visti

Likes 0

Punizione dell'adultera

*** Dichiarazione di non responsabilità: questa storia ha forti temi di non consenso. Non perdono nessuno di questi atti nella vita reale e questa è una fantasia oscura - niente di meno, niente di più.*** Miranda si è svegliata in un grande container lungo circa 8 piedi per 40 piedi. Questo è tutto ciò che sapeva mentre veniva da qualunque cosa l'avesse drogata. Miranda Shaw era una bellissima ragazza di 23 anni. Era alta un metro e novanta, magra quasi al limite della minuta, con lunghi capelli color carbone, occhi castani, pelle pallida e seni perfettamente modellati che non erano né...

868 I più visti

Likes 0

Barbara lancia la sfida, parte 1

Barbara Lewis sedeva al tavolo della cucina nel suo appartamento con un'espressione preoccupata sul viso. Davanti a lei sul tavolo c'erano un mucchio di banconote. Era indietro con i pagamenti, alcuni anche di più di trenta giorni, e aveva bisogno di quasi 1000 dollari per ripagarli tutti. Non aveva la minima idea di come avrebbe realizzato quell’impresa. Bene, c'era un modo, ma non era sicura di poterlo fare. Circa due giorni prima, la sua amica Lena le aveva parlato di questo posto sotterraneo in cui era stata una volta nel quartiere a luci rosse. Si chiamava Il Guanto. La spiegazione di...

355 I più visti

Likes 0

Basta andare in giro

Basta andare in giro Stasera è iniziata proprio come tutte le altre sere. Io e i miei due amici uscivamo a bere e andavamo in giro. Io avevo quattordici anni, il mio amico Jason sedici e Max stava per compiere diciotto anni. Max conosceva un ragazzo che ci comprava birra e whisky senza fare domande. Era il mio turno di comprare, quindi ho dato a Max i due venti che avevo guadagnato falciando i metri la settimana precedente. Max era un ragazzo grosso, probabilmente alto un metro e ottanta o giù di lì e pesava circa centocinquanta chili. Aveva i capelli...

266 I più visti

Likes 0

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

2K I più visti

Likes 1

Stephanie - Proprio quando le cose si sono girate Pt 5

Pochi giorni dopo il suo allevamento con D, ha chiamato e ha fissato un appuntamento per riportare il suo cane da allevare di nuovo. A causa della sua fitta agenda, Stephanie ha fissato l'orario subito dopo aver chiuso le normali operazioni. Stephanie era eccitata, perché questa sarebbe stata la sua prima volta con una donna. Circa un'ora dopo la sua chiusura ufficiale, qualcuno ha bussato alla porta dell'ufficio. Riuscì a malapena a contenere la sua eccitazione mentre apriva la porta per D, sua moglie e il loro cane. Ciao, sono Stephanie, gestisco il canile e facilito gli allevamenti, ha detto, offrendo...

2.3K I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.