Lezioni apprese_(2)

530Report
Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. "Che succede ragazza?" Lei chiede.
"Ehi!" Dico eccitato, forse troppo eccitato.
"Ok rovesciamento."
"Versare cosa?"
"Chi è lui?"
"Chi è chi?" dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. "Salvato dalla campanella." Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire.
"Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico." Dice con una voce ipnotizzante e sensuale.
"Cosa è successo alla signora Wright?"
"Sono emerse cose di cui lei deve occuparsi."
"Scommetto che l'ha mangiata. Guarda il suo grosso culo. Mangerebbe Sasquatch se sapesse dove trovarlo." dico ad alta voce. La classe ride. Mi fissa.
"E il tuo nome è?"
"Parks, Rosa Parks. Perché se pensi che mi alzerò e me ne andrò se me lo dici, puoi dimenticare quella merda." la classe ride di nuovo.
"Ahh una saggia battuta, aye?"
"No, un asino intelligente."
"Beh, signora Parks, vi siete guadagnati una settimana di punizione, con me."
"Oh. Whoop De maledetto doo." Mi siedo in silenzio per il resto della lezione e la giornata va avanti. La giornata finisce e vado in punizione entro nella stanza del signor Miller. Noto che non è qui, mi giro per andarmene, quando lo incontro.
«Guarda se hai intenzione di punirmi, almeno, sii qui nella stanza quando verrò. Dannazione, ho un cazzo da fare.
"Anche io ho un cazzo da fare; pensi davvero che voglia sedermi qui con te e le tue osservazioni da culo intelligente? Inoltre, non apprezzo che tu parli della mia taglia."
“Amico, non me ne frega un cazzo. Perché non porti il ​​culo da qualche parte e vai a mangiare una torta. O qualche merda.
"Vuoi sapere quanto sono grande?" Mi prende per il collo e mi prende in braccio sbattendomi contro il muro. "Ho un pessimo carattere e l'hai appena fatto arrabbiare. Ti ho chiesto di non dire nulla sulla mia taglia. Quindi ti insegnerò cosa faccio alle bambine che pensano di correre di merda." Mi solleva la gonna e mi abbassa il perizoma. Fa scivolare un dito sul mio clitoride e infila due dita dentro di me. un urlo. Mi mette una mano sulla bocca. "Stai zitto. Non dire niente. Non urlare e assolutamente non chiamare il tuo dannato ragazzo". Dice spingendo le dita più a fondo dentro di me.
Continua a strofinarmi il clitoride e a scoparmi con le dita, colpendo il mio punto G ogni volta. Mi avvicino al cumming in venti secondi, non ho mai provato così tanto piacere così velocemente. Gli urlo nella mano mentre vengo sull'altra. Mi lascia andare, sono così debole nelle ginocchia per il cumming così forte che cado. Prende un tovagliolo dalla scrivania e inizia ad asciugarsi le dita. Provo a strisciare su una scrivania per cercare di alzarmi. “Dove pensi di andare? Non ho ancora finito con te. Dice togliendosi la cintura e togliendosi i pantaloni.
"Oh cazzo!" Dico. Mi si avvicina e si ferma davanti a me. Il suo cazzo è completamente duro. Era forse lungo da 9½ a 10 pollici e largo circa 4½. Mi prende in braccio piegandomi sulla scrivania.
Mi schiaffeggia le chiappe, "Ti piace questo, vero? Ti piace quando un vero uomo prende il controllo?
Non potevo mentire, stavo amando ogni momento di questo. "Sì."
"Che cosa? Non ti sento, parla».
"SÌ!"
"Sì cosa?"
"Sì, signor Miller!" Mi tiene dritto e inizia a palparmi il seno.
I miei capezzoli si induriscono sotto le sue dita. "Hmm. Questi sono incredibili”. Dice stringendoli forte. Mi bacia il collo e mi sussurra all'orecchio: "Quanto vuoi il mio cazzo in quella tua piccola fica stretta?" "Male."
"Non è abbastanza".
"Lo voglio davvero".
"No, ancora non abbastanza buono."
“Non lo voglio, ne ho bisogno. Per favore dammi il tuo cazzo.
"Provalo."
"Come?" Mi fa girare e mi mette in ginocchio davanti a lui.
"Succhialo." Obbedisco e prendo in bocca la punta del suo enorme cazzo di cioccolato bianco. Comincio a succhiare lentamente ma molto forte sulla punta. Scendo su di lui di più prendendone più in bocca. Sfrego delicatamente i denti lungo la sua asta. Salendo e scendendo, la mia velocità aumenta costantemente. Dopo che sento di avere un controllo sulle cose, inizio a fargli una gola profonda. Conato un po' perché è così grande. Geme e respira a fatica. "Va bene." Mi solleva anche i piedi.
"Cosa vorresti che facessi adesso?" chiedo asciugandomi lo sputo dalla faccia.
"Piegati sulla scrivania e tieni duro." Faccio come dice. Lo sento allineare la testa del suo cazzo con l'ingresso della mia figa. “Aspetta piccola, sarà dura.
"O-", prima che io possa tirare fuori il resto della parola, mi sbatte dentro. "Fanculo!" urlo. Aspetta qualche secondo, poi inizia a muoversi. Entra ed esce a un ritmo medio, aumentando costantemente la velocità ad ogni spinta. All'inizio gemo piano. Prima che me ne accorga, mi sta martellando a quella che spero sia la sua piena velocità. Sto urlando mentre lui mi sta guidando le viscere, mi sento già sborrare. Mio Dio non mi sono mai sentito così pieno. Va sempre più in profondità ad ogni spinta. Mi sento come se stessi urlando a squarciagola. Allungo il braccio dietro di me e conficco le unghie nel suo braccio. È allora che prende velocità. Non pensavo che potesse andare più veloce, più difficile o più in profondità per quella materia. Sono solo sul punto di venire per la sesta volta quando si ferma.
“Per favore, non fermarti. Per favore-" La prego quando sento che inizia a mangiarmi.
"Sborrami in bocca." Dice contro il mio clitoride. Mi succhia il clitoride e la lingua mi scopa la figa, rendendomi più debole le ginocchia. Quando comincio a sborrare, noto di avere una presa mortale sulla scrivania. Mentre vengo comincio a sentirmi leggero. Mi pulisce con la lingua e mi aiuta ad alzarmi. Riesco a malapena a camminare, "Cazzo". Dico: "Non mi sono mai sentito così pieno e imbottito". Subito dopo che dico che mi viene in mente un pensiero. "Sei venuto?" “No, ma lo farò la prossima volta. Stavo mostrando disciplina, qualcosa che ti insegnerò se mai ti comporti di nuovo nella mia classe." Mi bacia sulla guancia e mi schiaffeggia il culo, "adesso vestiti e vattene, ho una merda da fare". Dice con un sorrisetto.

Storie simili

Cedere a mia sorella: Parte 1

È da un po' che leggo storie qui, ma ho deciso di postarne una mia. Fammi sapere cosa ne pensi. il feedback decide se esiste anche una seconda parte. Beh, prima di tutto mi chiamo Jake. Ho 18 anni e ho i capelli castani con gli occhi marroni. Sono alto 6 piedi con una corporatura muscolosa. Ho un cazzo rispettabile da 7 pollici. Attualmente sono single, io e la mia ragazza ci siamo appena lasciati. Mi tradiva con un altro ragazzo. Bene, comunque, è così che sono finito dove sono ora. Vedi, ho una sorella gemella, è nata prima di me...

526 I più visti

Likes 0

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15

Lo schiavista realizza il suo desiderio 15 Judy teneva gli occhi correttamente bassi mentre sedevamo al tavolo della mia cucina a bere il caffè. Rachel e Reese erano entrambe a un incontro di Narcotici Anonimi. Joey li aveva guidati. Judy aveva un colletto intorno al collo, stivali con il tacco alto e un plug anale di tre pollici di diametro conficcato saldamente nel suo retto. «Non sono sicuro di come mi sento al riguardo, Judy» dissi. “Anche io sono un po' confuso al riguardo. Ma sapendo cosa ha fatto Tory per ferire le mie ragazze, non voglio più essere responsabile. Mi...

417 I più visti

Likes 0

Una nuova padrona 2

Ho assaporato il gusto dello sperma di Mistress Natasha nella mia bocca fino a casa. Mia moglie stava dormendo quando sono tornato a casa e mi sono infilato nel letto accanto a lei senza lavarmi o sciacquarmi la bocca. Ho mantenuto la mia routine settimanale la stessa di sempre tranne le due volte che io e mia moglie abbiamo scopato ho aspettato finché non mi ha urlato di sborrarle dentro (solo per rimanere obbediente a Mistress Natasha). Naturalmente, non riuscivo a pensare a nient'altro che a Natasha tutto il giorno e tutta la notte per un'intera settimana. Giovedì finalmente è arrivato...

453 I più visti

Likes 0

MIA MOGLIE E ​​L'UOMO NERO

Mia moglie ed io non siamo mai usciti con nessun'altra razza oltre alla nostra e non ci abbiamo mai pensato. Mia moglie in realtà non sopporta i neri. Lei pensa che siano piuttosto maleducati e disgustosi più o meno allo stesso modo penso. Tuttavia, quando guardo il porno sul satellite e vengo attraverso un ragazzo nero che disossa un pulcino bianco con il suo cazzo enorme mi fermo a guardare a piccolo. Sono stupito di quanto siano grandi alcuni di questi cazzi neri. Un giorno ho visto un nero caldo io e la ragazza abbiamo detto a mia moglie quanto pensavo...

403 I più visti

Likes 0

Piacevole Maestro

Qualche settimana dopo mi sono svegliata presto per aiutare le mie sorelle a preparare la colazione. Mi girai per vedere il maestro Arik che mi fissava. Sbattei le palpebre velocemente sentendo il mio cuore battere all'impazzata per la sorpresa di vederlo sveglio. Sorrise lentamente mentre mi sedevo; le coperte espongono i miei seni e i miei capezzoli che si induriscono nell'aria fresca. Si sporse in avanti e fece rotolare delicatamente i miei capezzoli tra le sue dita. «Vieni qui» disse con voce roca. Mi sono avvicinato un po' e lui mi ha fatto cenno di cavalcare il suo corpo prono. Ho...

302 I più visti

Likes 0

Il viaggio in campeggio_(7)

Mi chiamo Jimmy e ho 11 anni. Ho iniziato ad attraversare la pubertà 3 mesi fa e sono stata estremamente eccitata. Un giorno ho deciso di invitare il mio amico a fare una gita in campeggio nel bosco. Si chiamava Michael e aveva 10 anni e mezzo, aveva i capelli castano scuro ed era molto piccolo. Ha deciso di venire con me per un paio di giorni. Ho portato la tenda e lui ha portato cibo e acqua. Ho portato anche il mio golden retriever. Il campeggio era a circa un miglio di distanza, e lì c'era un lago. Non c'era...

407 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

942 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

906 I più visti

Likes 0

Cavalcando un grosso cazzo nero

Ero fuori a tarda notte di sabato. Ero stato in una discoteca con alcuni amici ed erano ubriachi. Ero sobrio, non bevo. (Probabilmente è per questo che mi hanno chiesto di accodarmi, così potrei davvero accompagnarli a casa e tenerli fuori dai guai.) Quindi, siamo saliti tutti sul mio SUV rosso e immacolato (sono una specie di maniaco della pulizia, un punto di sporco e io vado fuori di testa.) E ho lasciato i miei amici a casa loro. Ci vediamo, Kate!! Vado solo a guardare un po' di porno perché sono sempre così eccitata quando sono ubriaca!!! Ho sorriso e...

716 I più visti

Likes 0

Figlio nerd e mamma

Figlio nerd e mamma Una mamma e suo figlio nerd, una storia in quattro parti su come diventare una troia sborra. Janet Bigs era una vedova di 38 anni, aveva i capelli rossi, un paio di tette 38E e un culo che teneva stretto allenandosi tre giorni alla settimana. Janet era una MILF. Suo figlio Wally era un ragazzino per la sua età, ma essendo al secondo anno del liceo aveva ancora diversi anni da crescere. Wally era il cervello di classe, quindi i bambini gli chiedevano sempre aiuto per i compiti. Ha provato per la squadra di calcio che ha...

455 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.