VENDETTA! Fase 4 - Andare in rovina

881Report
VENDETTA! Fase 4 - Andare in rovina

Dopo aver preso Jessi ho pensato che sarebbe stata come Shannon e l'ho detto a qualcuno, ma non l'ha fatto. Era lì il giorno dopo per paura che stare da sola a casa non sarebbe stato al sicuro e allo stesso tempo era probabilmente preoccupata di mostrare segni di debolezza non venendo e rivelando di essere profondamente colpita. Tuttavia, mi è piaciuto quello che è successo quando è tornata. Era timida e cercava di comportarsi come se stessa, coprendomi completamente e ignorandomi come sempre, queste persone non sapevano che aveva paura di me piuttosto che di sentirsi meglio di me, non potevo biasimarla ma ero dannata orgoglioso. Ha anche inventato una scusa sul motivo per cui era così contusa e sbattuta, sì, chiunque l'avesse chiesto l'avrebbe fatta rispondere dicendo "Io... sono appena caduto dalle scale, tutto qui!". Questo le era peggiorato, se non peggio, come era successo a Shannon, dopotutto, Jessi era più una puttana ma non così troia, e questo le era successo la degradava ancora di più. Dio, ero orgoglioso di quello che avevo fatto, e pensavo di essere finito, ma presto ho scoperto che mi sbagliavo.

A quanto pare, una ragazza che usciva con la cricca preppy mi aveva visto portare Jessi fuori dalla scuola e si era avvicinata a me a riguardo all'inizio. Mi ha chiesto cosa stavamo facendo e perché avevo fatto quello che avevo fatto, qualunque cosa fosse. Minacciò di dire al preside quello che era successo, ma con un sorrisetto mi inventai una bugia sul fatto che avevo bisogno di parlarle in privato e non l'ho forzata, spingendo l'idea che lo vedesse nella prospettiva sbagliata. Allora mi ha semplicemente lasciato senza fiato e mi ha guardato male. Non ci ho pensato molto, non sembrava il tipo da... sai... dire qualcosa e farlo davvero, uno di tutti i tipi di chiacchiere. Non ne ero sicuro però, voglio dire, non conoscevo nemmeno il nome della ragazza, era accanto a me un perfetto sconosciuto, essendo praticamente solo una persona che ho visto nei corridoi di tanto in tanto, questa è stata la prima tempo che abbiamo parlato, e speravo l'ultimo per fastidio. Non ho potuto fare a meno di notare il suo bell'aspetto, però, se non fosse stato per vestirsi preppy sarebbe stata una bella, di sicuro sarebbe una grande goth con un atteggiamento diverso. Aveva lunghi capelli castano chiaro con riflessi biondi e un'abbronzatura chiara e naturale. I suoi seni erano sodi ma non più di una piccola C. Praticamente non aveva grasso su di lei ed era all'incirca della mia altezza e PENSO che avesse gli occhi verde smeraldo, ma non avevo un aspetto abbastanza bello, semplicemente non mi importava abbastanza.

Poi, verso le 13:30, Jessi è stata chiamata in ufficio, l'assistente principale voleva parlarle di qualcosa. Sapevo che si trattava di lei che se n'era andata il giorno prima verso la fine della scuola ma non ero sicuro se quella ragazzina preppy l'avesse detto o no, non volevo correre il rischio di essere beccata prima di poter finire quello che volevo da fare. Stavo andando per tutto il tempo ed ero regalmente incazzato. Stavo costringendo la mia mente a credere che la ragazza avesse detto tutto, e se non l'avesse fatto allora Jessi sarebbe crollata sotto pressione, quindi non avrei lasciato NULLA di trattenermi adesso, no, ero stufo di tutta questa merda. Prima che potessero chiamarmi in ufficio, che impiegavano sempre dai 45 minuti a un'ora per parlare con un bambino di cose del genere, mi sono precipitato rapidamente in un corridoio buio, quasi sempre vuoto che veniva fuori dal corridoio che avevo sempre visto la piccola ragazza preppy cammina a quell'ora del giorno. Il corridoio in cui mi nascondevo portava a una sala studio che veniva utilizzata solo durante il 3° e il 5° periodo, quindi non ero preoccupato per la presenza di nessuno. Inoltre, in caso di essere catturato, sapevo che l'aula studio aveva una porta sul retro che si apriva sulla stessa area da cui avevo portato fuori Shannon durante il mio secondo assalto, proprio nel bosco. Ho aspettato che la ragazza preppy passasse con le sue amiche e il suo essere in un gruppo così numeroso di ragazze preppy chiacchiere che sapevo che non sarebbe stata notata se fosse caduta dalla faccia della terra, almeno per quel momento considerando che i preparativi erano bloccati insieme, e tutti gli altri li odiavano, quindi nessuno avrebbe guardato il loro piccolo gruppo sociale e sarebbero stati così occupati a parlare tra loro che scomparire non avrebbe fatto differenza. Proprio mentre attraversavano il corridoio in cui mi trovavo, ho afferrato con forza il polso della ragazza e l'ho tirata indietro con me, facendo scivolare fuori il mio coltello e tenendolo al suo stomaco, girandomi in modo che le persone non vedessero il coltello e sembrasse che fossi solo passeggiando con lei, nel caso qualcuno si insospettisse. Quasi urlò finché non si bloccò alla vista del coltello, che era stato il piano.

Mentre mi allontanavo con lei lungo il piccolo corridoio vuoto, girando a circa 10 piedi più in basso le sussurrai "Che tu abbia detto loro o meno quello che ho fatto, sei un rischio troppo grande per svenire e inoltre, hai minacciato me; nessuno mi minaccia che non sia punito... severamente." I suoi occhi si spalancarono e iniziò a girarsi e scappare da me, ma io posizionai il coltello in modo che fosse più puntato verso di lei mentre si muoveva, e prima che il coltello potesse trafiggerla si fermò e sospirò, lasciando che la prendessi con la minima riluttanza. Sorrisi alla sua paurosa collaborazione. Abbiamo raggiunto la porta dell'aula studio e ho notato che la luce era accesa, ma ho pensato che fosse stata lasciata accesa per errore mentre l'insegnante dell'aula studio pranzava. Fantastico, è stata solo una mia fortuna che l'insegnante avesse deciso di pranzare nella sua stanza e ha notato me e la ragazza non appena ci siamo precipitati dentro. Il suo sguardo ha catturato il coltello e si è subito alzato, urlando "Che diavolo sta succedendo su di lei!?". Ho fatto un sorrisetto e non solo ho sbattuto la porta, ma l'ho anche chiusa a chiave usando il lucchetto sul pomello. Spinsi il preparatore su una sedia vicino alla cattedra e rimasi a guardarlo. Mi stava facendo incazzare gridando: "Questo è un grosso problema ragazzo, non solo per la scuola, ma è anche un CRIMINE piuttosto grave!" per esempio, merda del genere. Ho deciso di confonderlo con un sorriso, e sinceramente stavo diventando in qualche modo intrattenuto da quanto fosse ingenuo. Rimasi in silenzio e alla fine gli risposi lanciandogli contro il mio coltello, che girava come una sega ronzante nell'aria e per mia fortuna la lama si conficcava nel suo collo. Emise alcuni gargarismi dalla bocca leggermente sanguinante mentre il sangue cominciava a scorrere in modo piuttosto eccessivo. Un rivolo di sangue era stato spruzzato quando il coltello gli aveva colpito il collo e in pochi secondi, senza riuscire a rimanere in equilibrio o parlare, inciampò a terra, morendo abbastanza rapidamente. Come se mi importasse, non era il mio primo omicidio a sangue freddo e la vista di carne e sangue affettati mi eccitava molto. Mi chinai e con un po' di forza gli strappai il coltello dalla gola, che sgorgò un po' più liberamente una volta uscito. C'era una grande pozza di sangue sul pavimento intorno al suo collo, non grande come in generale, ma di certo lo era solo per una pugnalata al collo.

Mi voltai e vidi la ragazza fissarla con orrore, alzandosi lentamente e indietreggiando un po'. Mentre la fissavo freddamente, leccai la lama per pulirla, e nell'istante in cui la mia lingua sentì il sapore del sangue, si voltò e corse come un inferno verso la porta. Ha provato ad aprirlo e ha capito che l'avevo bloccato, ma prima che potesse sbloccarlo manualmente ero abbastanza vicino da avere buone possibilità di colpirla con il coltello, cosa che ho fatto. La lama la colpì nello stesso stile dell'insegnante, ma nella parte posteriore della coscia. Cadde a terra e urlò un po' per il dolore. Questa stanza era abbastanza lontana dal resto delle aule da farmi sentire abbastanza al sicuro che nessuno avrebbe sentito e si sarebbe precipitato in suo soccorso. Stava già piangendo, principalmente per il dolore e la paura che stesse per morire. Prese il coltello e tentò di estrarlo anche lui, ma il dolore del coltello che scivolava contro la sua carne interna era troppo per lei, e si lasciò andare e si sdraiò lì come un animale ferito. La sua paura e la vista di lei che cercava miseramente di raccogliere la forza e il coraggio per estrarre la lama non avevano prezzo. Poi mi inginocchiai e senza pietà né cura per i suoi sentimenti, in ogni modo attorcigliai la lama, maciullandole i muscoli interni e provocandole un grande dolore che fece uscire un bel grido. Le strappai la lama dalla coscia e sorrisi, avvicinandola alle mie labbra. In un misto di immenso dolore e malattia nel vedermi ora leccare di nuovo la lama per pulirla, non poté fare a meno di vomitare un po' su un fianco, mi limitai a ridacchiare.

Adesso ero inginocchiato il più vicino possibile a lei, sorridendo in modo diabolico e tenendo gli occhi concentrati su di lei. Ho parlato a bassa voce e con molta calma, poiché da quel momento in poi la maggior parte delle mie parole sono state anche: "Vuoi vivere?". I suoi occhi si spalancarono leggermente, avendo praticamente appena avuto la consapevolezza diretta che POTREBBE essere uccisa quel giorno. Lei gemette e rimase in silenzio. Con lo stesso tono, un po' più frettoloso, ho ripetuto: "Vuoi vivere?". Con qualche tremore nervoso e gemiti ancora esistenti, annuì lentamente per assicurarmi che lo desiderava. Sorrisi e mi misi lentamente di fronte a lei, i miei occhi mi fissavano freddamente ma le mie labbra mostravano un sorriso. Ho parlato di nuovo: "Puoi se vuoi... basta che mi succhi il cazzo.". I suoi occhi si spalancarono e si morse il labbro, distogliendo lo sguardo e scuotendo la testa non rapidamente. La guardai male e mi accovacciai al suo fianco, gettando il coltello a terra appena fuori dalla sua portata e feci scorrere lentamente la mano lungo la sua coscia, appoggiandola in modo che la punta delle dita si appoggiasse appena leggermente sulla sua ferita aperta. Sorrido e chiesi piano: "Sei sicuro?". Si lamentò e annuì un po' più velocemente, senza mai guardarmi per più di un secondo. Lo fissai e spinsi lentamente le dita nel suo squarcio come se fosse la sua figa. Potevo sentire il sangue sgorgare intorno alle mie dita e premere le mie dita sui suoi muscoli interni, lei urlava di dolore per tutto il tempo. Le ho chiesto se avrebbe riconsiderato e con mia sorpresa ha comunque rifiutato. Questa ragazza sicuramente non era una troia allo stesso modo delle prime due ragazze, ma si preoccupava molto del suo orgoglio, un po' troppo per i miei gusti in effetti.

Rimasi in piedi e perlustrai la stanza con i miei occhi, ora lei mi stava guardando e mi guardava mentre mi leccavo le dita ripulite dal sangue. Si sentì di nuovo male ma non vomitò, tuttavia era confusa su ciò che stavo cercando. Mi sono mosso lentamente attraverso la stanza, avendo ora trovato il mio obiettivo e passato ogni preoccupazione per la sua fuga. La sua ferita era troppo intensa per essere tollerata da qualcuno con una tolleranza al dolore così bassa, tanto meno sbloccata, aperta e uscita da una porta abbastanza lontana da poterla aiutare. Mi sono fermato davanti a una tagliacarte, sono arrivato al giunto dove era collegata la lama e ho iniziato a svitarlo con una certa forza poiché non avevo uno strumento con cui farlo. Ho staccato la lama dal tagliere e l'ho tenuta per il manico, studiandola attentamente mentre facevo scorrere lentamente le dita lungo il bordo, imparando che era abbastanza affilata da lasciare un piccolo taglio su ciascuna delle mie dita. Mentre leccavo i tagli, mi voltai e tenni saldamente in mano la mia arma appena acquisita, fissandola con un sorriso leggermente irritato. Guaiò alla vista della lama spaventata mentre avanzavo verso di lei un po' più velocemente di quanto mi fossi allontanato. Indietreggiò verso la porta il più possibile e lottò per raggiungere la maniglia della porta, ma non ci riuscì. Quando mi fermai proprio di fronte a lei, sollevai la lama sopra la mia spalla sinistra e la feci oscillare con forza. Ho sentito il tintinnio del metallo contro il legno e ho pensato per un momento che o mi sono perso o ho sentito male. Quando la nebulosa pellicola bianca di rabbia si schiarì dai miei occhi, sorrisi con gioia al suo corpo ora inerte, appena coperto di sangue, così come alla lama da abbinare. Non ci fu alcun suono per un momento, poi rapidamente la sua testa rotolò lungo il suo corpo e sul pavimento fino ai miei piedi, lasciandosi dietro una scia di sangue per tutto il percorso.

Ho portato la lama alle labbra e l'ho leccata lentamente per pulirla, amando l'idea che ci fosse molto più sangue su questa lama che sul coltello. Lasciai cadere la lama ora pulita sul pavimento schizzato di sangue e allungai una mano per afferrare la camicia insanguinata del suo corpo con una mano, l'altra mano che scendeva per strofinare delicatamente i miei jeans in tenda. Ho staccato il corpo dal muro e l'ho posizionato di fronte a me. Mentre mi slacciavo i pantaloni e ritiravo il mio cazzo, afferrai il corpo con le mani del corpo da ciascun lato mentre spingevo lentamente il mio cazzo nella gola ora aperta in cui la testa ora mozzata una volta riposava vivace. Ho iniziato a infilare il mio cazzo duro nel suo moncherino del collo, è stato fantastico e il sangue e l'umidità del corpo hanno creato una perfetta lubrificazione naturale. Sorrisi e mi mordo dolcemente il labbro mentre spingevo i fianchi con forza in avanti. La sensazione delle sue pareti interne della gola che spingevano contro il mio albero gonfio e palpitante era incredibile e migliore di quanto avessi sperato. È stata senza dubbio una sensazione unica, ma è stata fantastica. Ho afferrato saldamente i lati del suo corpo tra le mie mani mentre le ho scopato il collo con forza, gemendo dolcemente per tutto il tempo in beatitudine mentre sentivo il mio rilascio avvicinarsi. Non volevo ancora venire, e nella mia estasi il mio climax stava crescendo velocemente, quindi con riluttanza scivolai fuori dal suo collo, muovendo il corpo in modo quasi agitato in modo che potesse cadere a terra.

Mi sono inginocchiato in modo da essere a cavallo del cadavere senza testa della mia vittima mentre mi accarezzavo il cazzo palpitante coperto di sangue. Ho afferrato la testa mozzata da terra una volta che ho preso la mano dal mio cazzo e l'ho sollevata all'altezza degli occhi per i capelli. Baciai dolcemente le labbra morte e poi usai i capelli per pulire un po' del sangue dal mio cazzo. Ho restituito la mia mano al mio cazzo desideroso e ho iniziato a strofinarlo di nuovo. Ho allungato una mano e ho afferrato il mio grande machete come un'arma, prendendolo solo in una mano prima che l'altra fosse impegnata a masturbarmi. Ho sollevato la lama in modo che la punta fosse rivolta verso il basso e l'ho spinta a sud, in profondità nello stomaco del corpo della ragazza. Ho sorriso con un sorriso da diavolo eccitato e ho preso la mia mano dal mio cazzo. Ho preso il manico della lama con entrambe le mani e come un martello l'ho spinto verso il basso rapidamente. Colpì con forza la testa e osservò mentre si spaccava al centro, entrambe le metà che cadevano di lato e oscillavano leggermente. Sorrisi e gettai la lama sul lato del cadavere, ora il mio divertimento sarebbe iniziato. Nella mia mano sinistra ho preso la metà sinistra della testa per la faccia esterna, il mio cazzo sodo nell'altra. Feci scivolare lentamente la lingua contro la materia grigia strana, ma non sgradevole, mentre iniziavo a masturbarmi sul suo stomaco aperto. Piano piano affondai i denti nel cervello e cominciai a nutrirmene, con il viso e le labbra ricoperte di cose che avrebbero fatto vomitare qualcuno al solo pensiero, e la mia mano continuava ad accarezzarmi il cazzo velocemente e con fermezza. Mentre banchettavo velocemente con il suo cranio aperto, mi leccai le labbra e continuai a nutrirmi, masturbandomi forte e costruendo molto velocemente.

Alla fine, dopo aver alimentato il lato del cranio pulito, l'ho lasciato cadere sul pavimento e ho gemito mentre iniziavo a venire forte, spruzzando principalmente nello stomaco. Proprio mentre stavo finendo la mia auto-gradazione ho sentito un clic come se una serratura stesse scattando, e alzando lo sguardo con un leggero bagliore scioccato la porta si aprì lentamente, sapevo che sarei stato scoperto.....

Storie simili

Il mio sogno di te

Mi ritrovo a nuotare in un lago pieno di nebbia all'improvviso... senza ricordare come ci sono arrivato, in questo luogo di magia e mistero... verdi stelle filanti di muschio e vecchi rami, a scrivere le storie dei loro bellissimi fiori che sbocciano un tempo sul caldo, chiaro acqua. Riesco a sentire l'eco delle dolci onde che lambiscono le rive di una spiaggia lontana da qualche parte in lontananza. La notte è luminosa con stelle radiose e una luna piena luminosa. Nuoto intorno al lago, godendomi il calore e il vapore che avvolge il mio corpo nudo. Galleggio sulla schiena per un...

454 I più visti

Likes 0

A proposito di Missy - 1

Introduzione: (gennaio 2005) Nella storia Mail order sex slave pubblicata sotto il suo nome, Cathy ha usato il mio nome per il personaggio principale. Missy non è un nome insolito quindi non avrei dovuto offendermi, e non lo sono stato. In effetti, mi piace pensare che in un certo senso mi avesse in mente, perché l'idea di apparire in una storia porno mi eccita come mi eccita mostrare la mia figa quando sono su una spiaggia per nudisti con Katlin (e talvolta Cathy). Ma non sono molto simile alla ragazza della storia, né per età né per aspetto. - Tuo, signorina...

152 I più visti

Likes 0

Il mio nuovo fratello Zane

La scuola stava per finire. Era l'estate del mio ultimo anno di liceo e le finali si stavano avvicinando subito dopo il ballo di fine anno. Il ballo di fine anno era una storia diversa, quindi salterò i dettagli lì. Stavo per compiere 17 anni quel giugno, quindi di gran lunga uno dei più giovani della classe, anche se non lo sembravo. Sono alto con i capelli biondi, dolci occhi azzurri e un sorriso enorme. E un'abbronzatura. Vivo nella luminosa e soleggiata Florida, quindi suppongo che uno sia un dato di fatto. Mi chiamo Tyler. Ho due sorelline, entrambe molto più...

263 I più visti

Likes 0

La mia migliore amica sorella II

Ehi, Joe Joe si alza di scatto dal letto e guarda la sua finestra Che diavolo! Joe fissa Maryse appoggiata al davanzale della finestra, con un enorme sorriso. Giuro che sei cattivo quanto tuo fratello Dai Joe, non intendi questo, vero? Se dico di sì? Vabbè… Lo lascia lì. Joe scuote la testa e all'improvviso si rende conto di essere vestito solo con i suoi boxer Cosa stai facendo qui? Maryse finge uno sguardo ferito Vengo solo a trovarti ovviamente, sono passate due settimane dall'ultima volta che ti ho visto Sì, ho passato un periodo frenetico in classe Maryse si arrampica...

82 I più visti

Likes 0

Meg: un amore innegabile

Meg era il mio amore, avevamo entrambi quattordici anni. Anni fa l'ho vista per la prima volta, era bellissima. E lei lo è ancora. A 14 anni una volta ho dato una festa a casa mia. Oh ragazzo, non mi sarei mai aspettato che finisse così. Quindi i miei genitori erano via per il fine settimana. La mia amica Anna aveva un fratello maggiore che poteva procurarci dell'alcol. La sera prima ha portato 5 casi, due casi di Natural (ha insistito per i nuovi bevitori) 2 casi di Yeungling e un caso di Miller light. Inoltre ha portato una bottiglia di...

536 I più visti

Likes 0

L'ultima vacanza estiva-Capitolo 2

Lasciamo in pace questi due amanti. Ho detto. Vieni, scusa il gioco di parole, unisciti a noi sul lanai quando hai finito. Meg e io ci dirigemmo verso la cucina per preparare una caraffa di Vodka Martini da portare nel patio. Ci siamo seduti insieme sul divano. Beh, cosa ne pensi? Ho iniziato. Meg ha un'espressione contemplativa sul viso. Beh, è ​​stata una sorpresa per Matt. Non aveva idea di cosa stesse succedendo. Ha resistito per un minuto ma alla fine l'ha capito. Non credo che pensasse che avremmo mai fatto una cosa del genere. Gli è piaciuto? Lo spero perché...

300 I più visti

Likes 0

Quartine - Parte 2

A grande richiesta continuo questa storia. Spero che ti piacciano le continue avventure dei Quad, che le trovi stimolanti e divertenti da leggere. Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a stiracchiarmi quando ho sentito un corpo morbido e caldo accanto a me. Rotolando di lato, ho notato il bel viso di mia sorella Stacy, e mi sono tornate in mente le precedenti attività notturne. Lasciatemi spiegare. Stacy ed io, insieme a nostro fratello e nostra sorella, Shane e Stephanie, siamo quattro gemelli. A proposito, mi chiamo Shawn. La notte precedente eravamo andati al ballo di fine anno a...

102 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

1.2K I più visti

Likes 0

Sesso e fumo con una prostituta e sua figlia

Ha detto che si chiamava Karen, ma sapevo che tutti avevano due o tre nomi a Crack Town. Era una ragazza di colore magra, era difficile dire la sua età, ma immaginavo che avesse poco più di vent'anni. Indossava pantaloncini un po' troppo stretti per il suo culo sodo e una felpa tagliata che quasi nascondeva un paio di tette paffute. Avevo circa un paio di centinaia di dollari su di me, per comprare del crack. Non era sesso che ero dopo tanto quanto era la roccia. Mi è sempre piaciuto avere una ragazza con me quando fumavo. Ci siamo messi...

436 I più visti

Likes 0

Raccoglitrici di mele

ATTENZIONE: Questa è una storia d'amore. Raccoglitrici di mele Ogni stagione di raccolta è sempre difficile per me rendermi conto che c'è davvero bisogno di manodopera usa e getta a basso costo. I lavoratori migranti soddisfano un bisogno prezioso. Questi nomadi moderni viaggiano da un raccolto all'altro durante la stagione del raccolto su e giù per la costa. Possono raccogliere fagiolini una settimana, mirtilli freschi la settimana successiva e mele mature un mese dopo. Si presentano e basta. Non devi dire loro quando il frutto è maturo o addirittura chiedere loro di venire. Si presentano, chiedono lavoro ed escono nei campi...

278 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.