Ragazze del teatro del cazzo

233Report
Ragazze del teatro del cazzo

Il programma teatrale al mio college non è mai stato particolarmente interessante. Tende ad attirare una folla più nerd e riservata, così come il vecchio archetipo dell'attore gay fiammeggiante. Questo mi rende una specie di anomalo. Non sono certamente il ragazzo più figo del campus, ma ho una cerchia sociale piuttosto ampia e di certo sembro un po' più atletico della maggior parte dei nostri uomini. Anche se non sembro un ragazzo di teatro tradizionale, amo il palcoscenico ed è sempre stata la mia attività extra-curriculare preferita dai tempi del liceo. Non dirò di essere il miglior attore, ma mi trovo benissimo come comandante militare burbero o in un ruolo tipicamente maschile.
C'è un grande vantaggio nel dramma che penso dovrebbe essere menzionato: le ragazze sono fantastiche. Sono quasi universalmente attraenti in tutti i tipi, ed essere solo nella media come me fa comunque sembrare buono rispetto al resto degli attori. Avevo avuto alcune fiamme nel programma teatrale, ma nessuna che fosse durata a lungo o che fosse sbalorditiva a letto. C'era una ragazza che avevo sempre ammirato da lontano.
Il suo nome era Hailey. In qualche modo si era fatta interpretare il ruolo della dea o della regina, il che in realtà si adattava abbastanza bene alla sua personalità. Non era davvero ostinata o prepotente, ma assertiva e mostrava sempre i suoi desideri. Anche se non ha mai avuto un ruolo da protagonista, è stata una delle attrici più famose del college.
Il nostro programma prevedeva Re Lear, una delle mie opere di Shakespeare preferite. Avevo scelto di non recitare in questo film a causa del mio programma fitto di appuntamenti, e invece stavo facendo le luci per la produzione, un lavoro per lo più ingrato che comporta molto correre al buio e arrampicarsi sulle passerelle. Eravamo a metà delle prove per lo spettacolo quando dopo una corsa attraverso Hailey e la sua migliore amica Jasmin si sono avvicinate alla mia scrivania nel backstage mentre stavo smistando i filtri dei riflettori.
"Ehi Jake", disse Hailey mentre le due ragazze si avvicinavano. "Ho avuto un'idea per alcune delle luci per il mio personaggio." Stava interpretando Goneril, la maggiore di tre sorelle, due delle quali tradiscono il padre. Di solito non mi piacciono i suggerimenti degli attori, ma la mia cotta per Hailey mi ha permesso di soffocare un sospiro. “Pensavo che, dal momento che Regan e Goneril sono più malvagi e sadici di Cordelia, dovremmo illuminarli con una specie di luce verde per farli sembrare poco attraenti. Quindi potremmo illuminare Cordelia in oro e blu per farla sembrare quasi angelica". Jasmin annuì di lato.
Era un concetto che avevo già elaborato, e in effetti stavo cercando la tonalità giusta quando sarebbero arrivati.
"Sì, suona abbastanza bene", dissi. "Avevi qualche sfumatura in mente per Goneril?"
"Beh, dal solo guardare quello che hai fuori mi piace un po 'questo." Le è sempre piaciuto vestirsi in modo drammatico e oggi indossava un miniabito di pizzo senza spalline rosso e nero dal taglio basso. Mentre si chinava sul tavolo per prendere un filtro, i suoi seni, che dovevano essere almeno tripla D, si appoggiavano sul mio braccio e mostrava un bel po' di scollature impeccabili. Ho cercato di mettere a fuoco il Mylar verde pallido che aveva raccolto, ma ero inevitabilmente distratto. Jasmin ridacchiò.
Ovviamente Hailey ha notato dove stavo guardando e mi ha sorriso mentre mantenne quella posizione per alcuni istanti prima di alzarsi di nuovo in piedi.
"Che ne pensate?" Lei chiese.
“Quello è abbastanza buono, ma potrebbe essere un po' leggero presentarsi sul palco. Ho ancora molto da sistemare”, risposi, indicando la scrivania.
"Oh ok. Bene, fammi sapere cosa scegli. Le due ragazze si voltarono e se ne andarono, riprendendo rapidamente qualsiasi argomento di cui avevano discusso prima che arrivassero a bassa voce. Li ho guardati camminare per un secondo, ammirando l'oscillazione dei fianchi di Hailey e il suo culo stretto, poi ho fatto un respiro profondo e sono tornata ai miei colori.
Era passata circa un'ora quella notte quando avevo fatto le valigie e mi ero preparato per partire. Non ero stato in grado di portare a termine molto lavoro, poiché ero costantemente distratto dall'immagine mentale delle succulente tette di Hailey. Ovviamente aveva flirtato con me, e non è possibile che quella spazzolata al braccio fosse stata accidentale. Tuttavia, ho cercato di togliermelo dalla mente; Avevo ancora una tesina da finire per Econ domani.
Mentre stavo uscendo dall'auditorium ho notato il mio professore di storia europea seduto fuori su una panchina a leggere un libro. Quando mi ha sentito, ha alzato lo sguardo e ha sorriso.
“Jake! Una signorina voleva che le dicessi che aveva affari importanti di cui discutere alla cabina del suono.
«Grazie professor Henshaw. Ti ricordi che aspetto aveva.
“Lunghi capelli biondi, qualche vestito ridicolo...” Rispose, tornando già al suo libro. Hailey andava bene, e non sono così ingenuo da pensare che avesse davvero degli affari importanti di cui discutere.
"Va bene, grazie ancora Professore, ci vediamo giovedì." Rientrai nell'auditorium e posai la mia borsa su una delle sedie. La cabina del suono era su una breve scala sopra l'ultima fila di sedili, e sono quasi caduto due volte cercando di alzarmi. Rimasi sul pianerottolo in cima alla scala davanti alla porta della cabina e mi presi un momento per ricompormi mentalmente. Era molto probabile che la ragazza su cui avevo più o meno fantasticato negli ultimi due anni fosse allo stand ad aspettarmi con uno stato d'animo tutt'altro che innocente. Mi sono ricordato che anche se l'avesse sistemato, avrei comunque bisogno di essere liscia per infilarmi i suoi pantaloni. Feci un respiro profondo e aprii la porta. Hailey era seduto su una delle belle sedie da ufficio, girandosi distrattamente. Quando mi vide, scoppiò in un ampio sorriso.
"Sai che non dovresti davvero essere quassù senza essere addestrato", dissi. Inutile essere troppo ansiosi.
"Beh, avevo voglia di infrangere alcune regole." Si alzò e fece un passo avanti in modo composto, come una modella su una passerella. O un gatto che insegue un fringuello, se preferisci. Ho provato a ignorare il rigonfiamento crescente nei miei pantaloni mentre mettevo la bocca sul pilota automatico.
"Beh, alcune regole devono essere seguite", ho iniziato a dire. Non mi rendevo conto in quel momento che questa fosse una cosa incredibilmente zoppa da dire, quindi è una buona cosa che sia stata interrotta da Hailey che ha tirato la mia testa verso la sua e mi ha dato un bacio profondo. Sono 6'3", quindi ho dovuto allungare il collo verso il basso per raggiungere il suo viso. Tuttavia, preso di sorpresa, dopo un momento mi sono rilassato e ho messo le mani sui suoi fianchi, sondando le sue labbra con la lingua mentre lo facevo. Si separarono facilmente e ci scambiammo baci profondi.
Nel farlo, ho spostato la mia mano destra sulla parte superiore della sua schiena e ho iniziato ad abbassare la cerniera
sul suo vestito attillato. Le è caduto facilmente e mi ha spinto indietro contro la porta, uscendo dal vestito con i tacchi di 3 pollici. Il suo reggiseno senza spalline nascondeva a malapena i capezzoli e li vedevo rigidi contro il tessuto trasparente. Aveva anche delle mutandine nere di pizzo, e ho abbassato la mia mano ora libera per massaggiare la sua guancia soda. Si staccò e sussurrò in modo seducente.
"Sento che sei un po' eccitato."
"Beh, pomiciare con belle donne mi fa questo"
"Sdraiarsi." Non c'era bisogno che me lo chiedesse due volte, e mi sdraiai di fronte a lei e alla porta sul tappeto, appoggiato sulle braccia. Si è inginocchiata e si è avvicinata a me. Mi ha tirato la maglietta sopra la testa e ha slacciato i bottoni dei miei jeans. Ha tirato fuori il mio cazzo da 7 pollici e l'ha accarezzato su e giù in modo sensuale, guardandomi negli occhi mentre lo faceva.
"Lo desideravo da molto tempo Jake", ha detto. "Ma non hai mai colto i segni." Mi sono maledetto in silenzio, ma ho rapidamente riportato la mia attenzione allo spettacolo di fronte a me. Pompava costantemente con una mano e massaggiava con le palle con l'altra. Di gran lunga il miglior lavoro manuale che avessi mai ricevuto. Ho preso la mia mano destra e le ho slacciato il fermaglio del reggiseno nella parte posteriore, poi attraverso il reggiseno di lato. Le sue enormi tette bianche pendevano libere dal suo petto per appoggiarsi sulle mie cosce.
“Mmm,” disse. "Ti piacciono le mie tette?" Ho pensato che la domanda fosse retorica. Ha iniziato a strofinare la sua dolce coppia su e giù sul mio membro mentre succhiava la mia punta. gemevo in estasi. Questa è stata la cosa più incredibile che una ragazza avesse mai fatto per me. Non riuscivo a credere a quanto fossi fortunato ad avere la ragazza più sexy del campus che si strofinava le tette sul mio cazzo. Il mio cazzo stava per esplodere quando si fermò, sedendosi. Notando l'espressione addolorata sul mio viso. Lei rise. "Non preoccuparti, scendi presto."
Si alzò e si tolse le mutandine nere. L'unica cosa che Hailey indossava adesso erano il suo paio di scarpe con il cinturino. Sarò dannato se non fosse stata una delle cose più sexy che avessi mai visto. Si fermò proprio sopra i miei fianchi e si abbassò lentamente sul mio pezzo con le mani sul mio petto. Era il suo turno di gemere ora mentre il mio cazzo riempiva la sua figa rasata fino in fondo.
"Oh Dio. Ci si sente così bene. Non ho mai avuto un ragazzo così grosso prima d'ora". Ero lusingato ma non dissi nulla, assaporando la sensazione della sua caverna stretta che pulsava su di me, viscido di succo. Iniziò lentamente a dondolarsi sopra, le sue tette che rimbalzavano dolcemente. Da parte mia mi sono rilassato per godermi il panorama, afferrandole la parte posteriore delle cosce e gemendo di tanto in tanto. Si è radicata su di me sempre più velocemente, rilasciando strilli di piacere sempre più forti mentre faceva. Potevo dire che stava per venire, quindi ho deciso di prendere il controllo e darle l'orgasmo della sua vita.
L'ho presa per la vita e mi sono girata, mettendola sulla schiena mentre prendevo il posto di infilare il mio cazzo nel suo buco profondo. Hailey andò avanti con entusiasmo, avvolgendomi con le sue gambe forti e gettandomi le braccia intorno al collo. Come bonus aggiuntivo ho preso uno dei suoi capezzoli rosa e duri in bocca e l'ho succhiato forte, traendo un guaito acuto dal corpo che si contorceva sotto di me. Ci sono voluti solo pochi secondi prima che si irrigidisse e avvolse le gambe e le braccia più strette intorno a me . La sua figa ha spremuto il mio cazzo in spasmi e ha spruzzato succhi dappertutto. Hailey gridò per l'euforia. Ero grato che la cabina fosse insonorizzata.
“Oh cazzo... Oh cazzo. Oh Dio Jake non fermarti! Ho continuato ad andare sempre più forte finché non ha emesso un ultimo gemito e si è rilassata. Alla fine avevo anche esaurito quasi tutto l'autocontrollo che avevo. La pressione cresceva nelle mie palle e mi sentivo andare oltre il punto di non ritorno. Ho lasciato cadere la sua tetta dalla mia bocca; con un grugnito ho tirato fuori e ho sparato il mio seme su tutte le sue tette e stomaco.
"Ugh, ecco che arriva piccola", sono riuscito a sussultare mentre lo sperma sgorgava da me su Hailey e sul tappeto mentre l'euforia mi attraversava a ondate. Non ero mai sceso così intensamente prima e ho mantenuto la mia posizione sopra di lei fino a quando le onde non sono svanite. Ho guardato in basso per esaminare Hailey. Sfere scintillanti di sperma si posavano sulla sua pancia piatta e più sul suo petto ansante, per non parlare di alcuni punti sul tappeto intorno alle sue spalle. Stava ancora senza fiato con gli occhi chiusi. Sono rotolato via.
Dopo circa un minuto parlò.
“Puoi venire dentro di me la prossima volta. Prendo la pillola". Si passò un dito attorno al capezzolo, raccogliendo un po' della mia sostanza appiccicosa. Si infilò il dito in bocca e lo succhiò. "Non male. Forse dovrò ingoiare un intero carico prima o poi. Sorrise con un ampio sorriso malizioso. Era incantevole e seducente. Il motivo perfetto per cui un ragazzo ha scopato una ragazza. Mi sono girato verso di lei e le ho piantato un bacio sul collo. Lei fece lo stesso e ci sdraiammo lì per qualche minuto a riposo. Poi ho rotto il silenzio.
“Pronto per un altro giro? Ti scoperò abbastanza forte da farlo sembrare uno sbadiglio.
Lei rise. "Sei su." L'ho aiutata ad alzarsi in piedi (ancora con i tacchi) e l'ho fatta girare in modo che fosse di fronte al muro. Prese quello che stavo facendo e si chinò, appoggiandosi su pile di mixer vicino al muro. La sua bella figa rosa era esposta e pronta per me a prenderla. Ora era il momento di agire. Le ho afferrato i fianchi e ho spinto il mio cazzo nella sua apertura forte e veloce. Hailey gemette sorpresa. Non ho rallentato il mio ritmo, speronandomi in lei ancora e ancora al suono dei suoi squittii di gioia.
"Sembra così bello, Jake." Lei sussultò. "Afferrami forte le tette." Ho preso un monticello in ogni mano e li ho usati per tirarmi contro di lei. Le ho martellato la figa più forte fino a toccare il fondo e spingerla quasi contro il muro ad ogni spinta. Ho tenuto una mano sulla sua tetta e le ho dato una sculacciata dura con l'altra. Hailey urlò e dal modo in cui la sua figa si strinse capii che era pronta per esplodere. Le diedi un'ultima sculacciata, poi le presi di nuovo le tette e mi tirai indietro forte. Quando ha iniziato a venire, ho guidato in profondità e sono rimasta lì, soffiando il mio carico contro di lei. Hailey gemette più forte di prima.
“Oh cazzo! Il tuo sperma è fantastico in me! Pianse di gioia.
"Sì, prendi tutto, cagna", grugnii di rimando, solo a metà consapevole di quello che stavo dicendo. Dopo un minuto ci siamo separati. Non riusciva a smettere di sorridere e potevo vedere il mio seme gocciolare lungo le sue cosce. Ci siamo vestiti e siamo tornati ai nostri rispettivi dormitori, la notte grata era già scesa. Mi ha lasciato tenere le sue mutandine nere come souvenir.

Continua nella parte 2

Storie simili

La troia crepa - II_(0)

Il giorno dopo Laura aveva di nuovo bisogno di un po' di crack. Il suo ragazzo aveva chiamato quella mattina per farle sapere che era legato a Chicago e che non sarebbe tornato a casa per molti altri giorni. Gli aveva detto di tornare a casa il prima possibile perché aveva bisogno di più generi alimentari. Non aveva ancora ammesso la sua abitudine al suo ragazzo perché aveva paura di perderlo se l'avesse scoperto. Tuttavia, non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto ingannarlo. Dopo che ha riattaccato, ha chiamato il suo spacciatore per farsi dare un po' di crack. Sai qual...

503 I più visti

Likes 0

Il collezionista online

Il collezionista Ho premuto il panno sul suo bel faccino. Mi pungeva il pollice, ieri mi ero morso un pezzetto di pelle vicino all'unghia e ora il cloroformio mi pungeva. Non era ancora uscita. Stava ancora lottando, anche se non più con tutta la sua forza. Da dietro lo straccio arrivò una protesta soffocata. I suoi occhi mi guardano impauriti. Pregandomi, supplicandomi di lasciarla andare. Le accarezzo una ciocca di capelli dalla fronte. Non aver paura, tesoro, dissi. 'Respira. Fai un altro paio di respiri profondi. So che il cloroformio non funziona così magicamente e velocemente come nei film, ma se...

495 I più visti

Likes 0

HIRSTMERE HALL: LA MAGIA DELLA SCHERMA

Copyright: Lesley Tara, 2010 Parare! – affondo! – parare! – le nostre lame emettevano un suono metallico acuto mentre si scontravano tra loro. Poi mi sono impegnato troppo in un attacco e ho lasciato un'apertura, che Miss Champney è stata pronta a sfruttare. Con velocità fulminea, la punta del suo fioretto colpì il colletto imbottito della mia tunica protettiva e il nostro incontro di allenamento terminò. Non ero deluso dal fatto che avesse vinto: è il mio allenatore e mi ha messo alla prova su alcune nuove finte che aveva dimostrato all'inizio della sessione di allenamento. Mi chiamo Rebecca, ma tutti...

461 I più visti

Likes 0

Fine della scuola

Era la fine della scuola, la fine di una vita, la fine di un'era. Il periodo intermedio in cui la ragazzina della scuola si stava trasformando nella donna che voleva essere Randy ed io stavamo giocando da mesi ed ero profondamente innamorato, ma allo stesso tempo preoccupato di essermi innamorato troppo di lui. Randy aveva più di qualche anno più di me, avevo appena compiuto diciassette anni. Aveva tutto ciò che gli altri ragazzini non avevano auto, biciclette, soldi, carte di credito e un bellissimo cazzo tagliato da sette pollici e mezzo che adoravo…. eravamo perfettamente in forma insieme. Randy non...

534 I più visti

Likes 0

Diari di lavoro

***** Primo estratto del diario: “A seguito della minaccia di una causa per molestie sessuali, la seconda di tali minacce mosse contro di me da due distinti Assistenti personali, le cause in Risorse umane, alla luce delle mie capacità e dei miei risultati, hanno deciso di darmi un'ultima possibilità prima di essere costretti a prendere ulteriori azioni disciplinari. Nel tentativo di ridurre la probabilità di uno scenario ripetuto, hanno deciso di assegnarmi un PA che pensavano, correttamente, non sarebbe stato di mio gusto. Tuttavia, non hanno tenuto conto di quanto sarei stato per i suoi gusti”. ***** Ayesha tamburellava irritata con...

520 I più visti

Likes 0

La complessità di due gemelli

Descrizioni dei personaggi: Jamie e Naomi: 15 anni. Seno 36B. Altezza 5 “6”. Capelli biondi. Occhi azzurri pallidi. Lillian “Lily”: 18 anni. Seno 34C. Altezza 5 “7”. Capelli castani. Occhi marroni. Ho visto Lily baciare il suo ragazzo, mi aveva detto Naomi. “Allora,” scrollai le spalle. Sebbene fossimo gemelli identici, io ero il maschiaccio, il che significava che non avevo intenzione di ascoltare i suoi pettegolezzi. Ho solo pensato-mia sorella ha smesso di parlare a metà frase. Ho guardato in tempo solo per cogliere il suo balzo. Aveva il vantaggio di essere in cima. Mi ha messo sulla schiena, a cavallo...

431 I più visti

Likes 0

La mia cugina preferita, la mia troia preferita - Pt. 2

La mattina dopo mi sono svegliato e ho trovato la stanza vuota, Erin si era svegliata e se n'era andata prima di me. Era metà mattina e ho pensato che mi sarei vestito e sarei andato a casa. Ero preoccupato per come si sentiva Erin la scorsa notte e come avremmo cercato di mantenere la nostra conversazione normale dopo quello che era successo. Sapevo di essermi goduto tutto la notte scorsa, infatti, finché non è successo, non mi rendevo conto di quanto desiderassi mio cugino minorenne, per quanto terribile sia in realtà. Lei voleva me e io volevo lei e ieri...

202 I più visti

Likes 0

Il pigiama party pt. 1

Prologo Mi chiamo Alex. Avevo 14 anni e 5'10, al momento di questa storia, e vivevo a Londra, in Inghilterra. Sono sempre stato un secchione ed emarginato da quasi tutti i gruppi e le società. Questa storia inizia un venerdì di fine luglio. Era l'anniversario dei miei genitori, quindi sarebbero andati a Cambridge per una settimana. Mia sorella stava con la sua amica Joanna, quindi ho chiesto alla mia amica Bella se potevo stare con lei per una settimana. Stavo quasi sempre con lei quando i miei genitori erano fuori Londra e spesso quando lo erano. Non aveva bisogno di chiedere...

173 I più visti

Likes 0

Schiavo delle Amazzoni

Farsi catturare fa schifo. Tende a coinvolgere cose come pisciarti per il terrore, mentre le terrificanti Amazzoni tengono le loro lance mortalmente ferme sul tuo pomo d'Adamo, lasciandoti troppo spaventato da ingoiare. Essere fatto prigioniero fa schifo. Implica infinite marce ammanettate e crudeli frustate ogni volta che inciampi o vacilli. Essere venduti come schiavi fa schifo. Si tratta di stare nudi sotto il sole cocente, mentre le Amazzoni borbottano e si scherzano a vicenda su di te, mentre la tua gola si secca e un sottile strato di polvere ti addolcisce. L'inizio di essere uno schiavo non è stato così male...

177 I più visti

Likes 0

Lezioni apprese_(2)

Entro in classe e mi siedo in mezzo alla classe. La mia ragazza, Lacy, si siede accanto a me. Che succede ragazza? Lei chiede. Ehi! Dico eccitato, forse troppo eccitato. Ok rovesciamento. Versare cosa? Chi è lui? Chi è chi? dico con un sorriso malizioso. Suona il campanello e un uomo entra chiudendosi la porta alle spalle. Salvato dalla campanella. Penso a me stesso. Guardo l'uomo. È alto con i capelli biondi sporchi, gli occhi azzurri e molto bello. Sexy devo dire. Buongiorno lezione. Io sono il signor Miller. Prenderò il posto della signora Wright per il resto dell'anno scolastico. Dice...

153 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.